la ragazza del lago regia di Andrea Molaioli Italia 2007
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

la ragazza del lago (2007)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film LA RAGAZZA DEL LAGO

Titolo Originale: LA RAGAZZA DEL LAGO

RegiaAndrea Molaioli

InterpretiValeria Golino, Toni Servillo, Omero Antonutti, Anna Bonaiuto, Fabrizio Gifuni, Fausto Maria Sciarappa, Heidi Caldart

Durata: h 1.35
NazionalitàItalia 2007
Generethriller
Tratto dal libro "Lo sguardo di uno sconosciuto" di Karin Fossum
Al cinema nel Settembre 2007

•  Altri film di Andrea Molaioli

Trama del film La ragazza del lago

Sono le otto del mattino quando Marta, addentando una ciambella, sta tornando a casa dopo aver dormito da una zia. Un furgone si ferma: Mario, ragazzo affetto da ritardo mentale, la convince a seguirlo nella sua fattoria. L'allarme scatta subito, Marta ha solo sei anni. Nel paese arriva il commissario Sanzio, un poliziotto esperto, da poco trasferitosi in quelle zona un po' sperduta. Il più giovane collega Siboldi, residente in quelle valli, diventa la sua guida anche per conoscere i legami famigliari e affettivi della piccola comunità...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,57 / 10 (126 voti)6,57Grafico
Miglior filmMigliore regiaMigliore regista debuttante (Andrea Molaioli)Migliore attore protagonista (Toni Servillo)Migliore sceneggiaturaMiglior produttoreMiglior fotografiaMiglior montaggioMiglior sonoroMigliori effetti speciali
VINCITORE DI 10 PREMI DAVID DI DONATELLO:
Miglior film, Migliore regia, Migliore regista debuttante (Andrea Molaioli), Migliore attore protagonista (Toni Servillo), Migliore sceneggiatura, Miglior produttore, Miglior fotografia, Miglior montaggio, Miglior sonoro, Migliori effetti speciali
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su La ragazza del lago, 126 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

CyberDave  @  28/03/2023 09:06:34
   7½ / 10
Un film retto interamente da una prova mostruosa del solito Servillo, nato per questi personaggi e per questo genere.
Il film non è per niente lento, deve essere cosi, i dialoghi sono tra i migliori che abbia visto, servono a capire gli intrecci della vicenda, non è un paese frenetico dove tutto và a 100 all'ora, ci sono tanti risvolti che vengono fuori e che solo parlando si possono capire.
Ti tiene incollato fino alla fine perché sembra che più di qualche protagonista abbia qualcosa da nascondere, che la soluzione sia li ad un passo ma che manchi sempre qualche tassello.
Il finale invece è la parte meno riuscita di tutto il film, l'ho trovato meno incisivo di come mi aspettassi, però il viaggio che è servito per arrivarci mi resterà sicuramente impresso.


Un film assolutamente da vedere se amanti del genere giallo.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR wicker  @  27/04/2022 13:34:32
   6 / 10
Thrillerino che parte bene anche se poco originale ma che via via scende di ritmo e diventa lento . Tuttavia la trama è ben congegnata e Servillo (su tutti gli attori) rende carismatico il suo personaggio appassionando sino alla fine .
Si è visto di meglio ma una visione la merita.

mauro84  @  28/03/2022 22:32:51
   6 / 10
Stasera ho deciso di recuperare questo giallo italiano. La trama è nel complesso buona e ricercata. Fino alla fine non si capisce bene le cause. Manca un po' di quel phatos e azione.. Apprezzato molto location e alcuni scatti scenografici.

Toni Servillo: si conferma un grande attore, piace e convince!
Valeria Golino: attrice italiana che sà recitare quando è chiamata in causa.
(resto del cast non famoso, ma accettabile)

Il regista al suo esordio scrive e narra un sufficente giallo italiano, una ottima sceneggiatura, ricercata, con fotografia e sonoro. Location apprezzata molto.

Personalmente avrei dato più peso all'intera vicenda e alla sua costruzione, poi è tratto da un libro, e come tale credo vada preso. Buono ma mi aspettavo di più.

Un giallo non scontato, che si lascia apprezzare, ma che gli manca qualcosa per spiccare e rimanere impresso.

Un buon prodotto italiano nel suo complesso !

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR bellin1  @  14/12/2018 21:02:19
   5 / 10
Lento e senza phatos, si salva solo Servillo.
Mediocre.

freddy71  @  16/09/2018 19:46:47
   6½ / 10
non male....anche se un po' lento...bravo come al solito servillo...

tavullia86  @  13/07/2018 11:07:59
   5 / 10
è già stato detto molto nei commenti precedenti. film estremamente sopravvalutato, tenuto in piedi solo dalla magistrale interpretazione di Servillo. si salvano anche le ottime ambientazioni e la fotografia. per il resto avrebbe dovuto essere una puntata di una qualche buona serie tv poliziesca italiana degli ultimi anni.

p.s. ho guardato chi concorreva ai David quell'anno: c'era "La giusta distanza" di Mazzacurati che ha una trama simile ma è nettamente migliore, e "Il vento fa il suo giro" che rappresenta il tema della provincia in modo molto più interessante. certo, la ragazza del lago è ispirato a un libro, ma ci sono tante storie a cui ispirarsi. immotivati i 10 David, al limite del ridicolo quello per la sceneggiatura.

Goldust  @  27/04/2018 17:07:54
   6½ / 10
Giallo di provincia non certo avvincente che però ha dalla sua due carte vincenti: la luminosa ambientazione friulana ed il malinconico commissario di un sempre ottimo Toni Servillo. Il ritmo blando sembra sposarsi bene alla vita quotidiana di montagna, ma resta un difetto. Un discreto film di debutto per Molaioli, premiato da una pioggia di David di Donatello che francamente non so spiegarmi.

Paolo70  @  19/08/2017 17:27:59
   6 / 10
Thriller che non mi ha entusiasmato più di tanto. Non indimenticabile. Bravo Servillo. Regia discreta.

Oskarsson88  @  16/08/2016 16:55:43
   6 / 10
Mah.. un normale giallo poliziesco senza grandi recitazioni e senza eccessiva presa sullo spettatore.

Nic90  @  25/07/2014 21:29:32
   5½ / 10
Salvo solo Servillo(5.5 per questo),film da dimenticare.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento matteo200486  @  04/07/2014 15:35:53
   7 / 10
Più incuriosito dalla presenza di Servillo che dai 10 David di Donatello, La ragazza del Lago si è rivelata una bella sorpresa. Mi ha ricordato, a tratti (forse per errore) i noir di Scerbanenco. Bel film e ottimo esordio per Malaioli.

steven23  @  04/12/2013 14:43:42
   6 / 10
Sopravvalutato oltremisura, questa è la prima cosa che salta all'occhio. Non so quali film ci fossero in lizza per concorrere ai vari David di Donatello quell'anno ma i casi sono due: o questo li ha vinti immeritatamente oppure la concorrenza era davvero scarsa. Poi miglior sceneggiatura? Questo è il premio che più mi ha stupito. L'ho trovata decisamente normale anzi, a tratti pure un pò zoppicante.
Comunque, al di là di premi e aspettative mi sono trovato davanti a un dramma (con tinte di giallo) prettamente televisivo dove l'unico lampo lo regala l'interpretazione cupa e malinconica di Servillo. Già, perché la vicenda, nella sua linearità, risulta terribilmente statica e priva di sussulti. Ok, Molaioli ha cercato di scavare maggiormente nella psicologia dei personaggi e nei rapporti che li lega, senza però riuscire a centrare in pieno l'obiettivo; troppi restano ai margini della storia, alcuni addirittura risultano ininfluenti. E poi il finale mi ha riservato la delusione maggiore, piatto come pochi tanto che mi sono chiesto se il film stesse effettivamente per finire.
La sufficienza riesce comunque a strapparla, anche perché l'ambientazione è davvero meravigliosa (e resa benissimo grazie a certe inquadrature) e la pellicola, nel suo insieme, non è poi così malvagia. Peccato solo per le ampie potenzialità buttate via!

outsider  @  04/09/2012 09:43:25
   7½ / 10
un buon film questo. inutile dirlo, servillo e' un capolavoro di attore e interprete.
cosa dire. la lentezza del film? qui e' stata utilizzata per evidenziAre le atmosphere sonnacchiose del contesto friulano. la trama e lo sviluppo della stessa, contornata dai particolari sulla vita del commissario, sono il film. nella sua configurazione di intenti e nella morfologia desiderata dal regista il film da il massimo, o quasi. ovvio che, se ci si aspetta qualcosa di diverso, si resta delusi. non e' un action movie ( nota ironica...per chi non la capisse....), ma nemmeno un thriller all'americana o un giallo. insomma, e' piu' lento di un episodio film tv giallo e come tale va gustato. buona la scenografia, un po' meno la musica, si poteva calcare la mano sulla cura di questo aspetto. le basi c'erano.

TheSorrow  @  14/08/2012 17:18:07
   7 / 10
la pellicola potrebbe chiamarsi "toni servillo e qualche cosa da qualche parte" o "toni servillo + gente sullo sfondo".no davvero, non si capisce se sia lui ad essere magnetico, o la storia ad essere troppo convenzionale, dopotutto.probabilmente sono le due cose che vanno di pari passo, perciò il giudizio riesce difficile:premiare l'attore o "castigare" tutto il resto?ora qui bisogna correggere il tiro, perchè al di là di servillo e della sua grande interpretazione, sofferente e stanca così come il personaggio vuole, il film in realtà porta con se alcune buone cose: lasciando da parte il cast, che alterna fin troppo attori capaci con altri meno capaci, le musiche sono azzeccate e accompagnano lo spettatore lentamente fino all'epilogo, come fossero sedute accanto a lui nella sala del cinema;inoltre il soggetto è accattivante (seppur la storia si concluda senza sorprendere eccessivamente) e la fotografia, che immortala i magnifici dintorni di un paesino in mezzo ad una splendida vallata,è notevole e regala scorci davvero suggestivi.inoltre,il ritmo compassato della pellicola ben si accosta al tono della stessa, sebbene per molti questo sia stato un imperdonabile difetto.purtroppo però al servizio di tutto ciò c'è una storia raccontata sì in maniera ordinata e rigorosa, ma a tratti veramente convenzionale, senza dimenticare il melenso epilogo.dispiace constatare che un potenziale ottimo film si sia perso sul più bello, risultando nulla più che discreto.con buona pace dei 10 david di donatello.

marimito  @  08/02/2012 12:47:25
   6½ / 10
Servillo non delude mai.. un'interpretazione carica.. intensa.. che scava ed interpreta ogni dubbio dell'animo umano.. praticamente il film è lui.. bella la fotografia.. ma la scena è continuamente rubata da un Servillo che la occupa di certo non in maniera abusiva. La trama c'è,ma si perde nei meandri dell'indagine psicologica prima che di quella del crimine.

JOKER1926  @  13/10/2011 22:27:00
   6½ / 10
A far rumore intorno a "La ragazza del lago" son, in modo del tutto indubbio, i dieci David di Donatello acquisiti dalla regia di Molaioli, dopotutto al debutto.

"La ragazza del lago" è però un film che gode di una fama smodata, certamente non meritata.
E' vero che il film è un consistente gioiellino a livello tecnico ma al contempo, a livello contenutistico, non offre, non apporta nessuna novità degna di nota.
La trama vuole come ente principale ed eterno un'estenuante investigazione sviluppata da un vecchio lupo di mare, ovvero da un commissario rodato interpretato nella situazione da un buonissimo Toni Servillo.
Il film a dire il vero è estremamente lineare, il tutto gira vicino al mistero, investigazioni e molto dramma.
E quando si parla di "dramma" ne "La ragazza del lago" significa che la regia vuole sistematicamente forzare su situazioni apparentemente commoventi per far emergere nel pubblico sensi di nausea e di attenzione, progetto indubbiamente architettato a tavolino che può piacere ed esser apprezzato fino ad un certo punto.
Dalla drammaticità e dalla cupidigia di fondo del film ci si arriva ad una fine sempre nella medesima cornice di conflitto umano e di una orribile crisi di sentimenti e di anime.

"La ragazza del lago" soddisfa pienamente per le atmosfere e per via di una pacatezza davvero incredibile che quasi rende la pellicola una poesia ma allo stesso tempo non offre nessun exploit a livello di plot, pochi insomma gli intrecci del genere.

gemellino86  @  08/10/2011 10:15:45
   6½ / 10
Un buon giallo incentrato tutto sulla Golino e su un bravo Servillo. Dialoghi entusiasmanti e vicenda che si evolve piano piano con gli indizi. I difetti stanno nei luoghi comuni.

Invia una mail all'autore del commento anthonyf  @  08/10/2011 09:23:44
   8½ / 10
Davvero un'ottimo e pregiato giallo del cinema italiano, diretto (all'esordio) da un giovane Andrea Molaioli, interpretato da Tony Servillo in una interpretazione forte, carismatica ed intensa, decisamente degna di nota.
Gli scenari montani in cui è stato girato il film sono splendidi e suggestivi, e accompagnano la narrazione in modo incatenvole e poetico; così come, la colonna sonora, malinconica ed intrigante, trascina profondamente lo spettatore in ogni singola sequenza filmica.
Lo stile freddo della narrazione, adornato anche dall'efficace fotografia grigio-blu di cui si è avvalsa la troup, a mio modesto, è la perla del film che non tutti hanno colto: la storia di per se è triste, così come le vicende interiori e familiari di Servillo, ma quelle tonalità scure nelle immagini, assieme alla splendida colonna sonora, ai paesaggi e all'intrigo scaturito dal delitto e dalle successive indagini, rendendo il film davvero perfetto sotto ogni punto di vista e servono a creare un'atmosfera densa di mistero e di paura (prendeno spunti, indubbiamente, dai noir francesi di Jean-Pierre Melville). Probabilmente la soluzione del caso non è proprio il massimo, nel senso che ptoevano essere (anche 'metaforicamente') approfondite più dettagli od ingredienti, come l'idea di Mario (un ragazzo svitato del villaggio) che all'interno del lago vi fosse un serpente malvagio (che so, potevano, per esempio, dire che vi fossero dei cadaveri o così via); tuttavia, l'epilogo risulta amaro, ma non deludente, e a tratti, anche un po' toccante.
Considerando come va avanti il cinema italiano, sono davvero felice di poter guardare e giudicare un nostro prodotto (diretto da un giovane regista ancora all'esordio), veramente degno di nota e perfetto in ogni punto di vista.
Davvero splendido.

Reservor dog  @  28/09/2011 09:24:14
   6½ / 10
Pellicola senza grandi sussulti che riesce comunque a tener discretamente viva l'attenzione, la cui più grande pecca è sicuramente la lampante differenza che intercorre fra l'immenso Toni Servillo e tutto il resto del cast.
Il sunto della vicenda potrebbe poi esser dato dalla celeberrima frase di Tolstoj secondo cui "tutte le famiglie felici si somigliano fra loro; ogni famiglia infelice è infelice a modo suo".

maitton  @  27/09/2011 14:32:40
   5½ / 10
non basta toni servillo per fare un buon film.
10 david di donatello mi sembrano davvero eccessivi, poco ritmo e personaggi ai limiti del credibile.
niente, non mi e'piaciuto proprio

MovieMaker  @  26/09/2011 22:43:33
   6½ / 10
Pellicola molto più televisiva che cinematografica.
Voto per Tony Servillo 10 e lode come in quasi tutti i suoi lungometraggi.
Non male

ste 10  @  01/07/2011 23:37:09
   7½ / 10
Film profondo con un'ambientazione suggestiva; effettivamente la pellicola è stata eccessivamente celebrata anche perchè l'intreccio narrativo a mio avviso è un po' zoppicante peró complice l'ottimo Toni Servillo il prodotto è comunque molto buono

ValeGo  @  08/12/2010 23:13:18
   6 / 10
Sopravvalutato..l'ho trovato molto lento!

7219415  @  07/12/2010 15:04:26
   6½ / 10
Un po' lento...

farfy  @  20/07/2010 20:46:30
   7 / 10
Io adoro toni servillo quindi non posso dare un voto basso a questo film....
Non è un thriller...e neanche un giallo....è una storia drammatica, familiare, intimistica...gli attori sono abbastanza bravi...e l'atmosfera da' 'idea di un autunno poco invitante

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  20/07/2010 17:24:06
   7 / 10
La giuria del David deve essere impazzita. Detto questo è comunque un buon film. Come già detto, ricorda vagamente Twin Peaks. Il tutto però è un po troppo televisivo. Pure la storia appare un po forzata e poco chiara in certi punti.
Bravissimi Toni Servillo e Molaioli. Quest'ultimo da seguire con attenzione.

Alex2782  @  20/07/2010 00:54:30
   2½ / 10
i 10 david di donatello per questo film, dimostra come il cinema italiano è quasi morto !! reputo sevillo un buon attore, ma questa pellicola è veramente assurdo il tutto concluso in fretta e furia rimanendo basito, dicendo noooo è finito! ma per piacere!

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  19/07/2010 23:31:05
   6 / 10
Una specie di Twin Peaks riveduto e corretto con uno stile vagamente del primo Avati: "La ragazza del lago" è un sopravvalutatissimo noir con ampi squarci di dramma intimistico, dalla sceneggiatura farraginosa sul versante giallo e fin troppo timida su quello impegnato, dai ritmi catatonici e dalle intenzioni alte. Francamente, in più momenti mi è sembrato di assistere ad un barboso film tv. Servillo superlativo, ottimo anche Gifuni. Sul film pensavo meglio.

Bono Vox  @  16/05/2010 23:36:23
   7 / 10
Mi ha colpito in positivo rispetto a quello che pensavo prima di vederlo, visto il mio parere sul cinema italiano. Trattiene abbastanza bene come un classico film giallo alla Poirot o Maigret, forse viene svelato troppo presto il colpevole e in modo troppo facile. Bella prova di Servillo e del regista!

MidnightMikko  @  21/01/2010 16:38:05
   8 / 10
Ottimo debutto di Molaioli. L'italiano mostra un certo talento nel muovere la macchina da presa (ok,non è paragonabile a Sorrentino e Garrone,visto che oramai sono diventati termini di paragone per quanto riguarda i registi italiani) e nel dirigere gli attori (Toni Servillo sempre eccelso,la Golino,la Bonaiuto e Gifuni molto bravi,soprattutto l'ultimo nel ruolo di padre tormentato). I personaggi sono ben caratterizzati,ognuno con il suo piccolo scheletro nell'armadio,e con fulcro la ragazza trovata morta nei pressi del lago,come se lei fosse una specie di pretesto per un'aperta confessione collettiva. Sceneggiatura più che buona,dialoghi accettabili,ottimo esordio veramente.

kirk h.  @  20/01/2010 21:54:47
   5½ / 10
mi ha deluso ance a me devo dire e se lo dovessi riguardare cambierei film, pensavo fosse ottimo anche dalla pubblicità invece vi assicuro che lo potete evtare...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

gandyovo  @  17/01/2010 17:56:41
   6½ / 10
come altri, deluso da questo film strapubblicizzato. ok sopra la media ma niente di che, davvero.

albyhfintegrale  @  14/12/2009 14:16:22
   2 / 10
non riesco a capire tutto l'entusiasmo attorno a questo film

premetto che non sapevo ci fosse un libro dietro...quindi non so quanto bene sia trasposto...certo è che mi ha deluso PARECCHIO

iniziamo che se uno giudica senza conoscere i posti e la gente del luogo in cui il film è ambientato...mettiamo sia una persona del cetro sud...non capirà le mie rimostranze

comunque le imprecisioni riguardo il friuli sono numerosissime

mi sembra che appena un film è italiano si debba premiarlo ad ogni costo.....anche e specie su questo sito....

iniziamo col dire che mentre il commissario protagonista parla con spiccato accento napoletano, non si può dire altrettanto degli abitanti del luogo...che non hanno accento friulano salvo rare eccezioni.

mi pare una grossa incongruenza

l'unico che biascica qualche parola in friulano è il padre di Mario...

se uno non conosce gli accenti e fa degli accenti del nord tutt'un fascio penserà che sto dicendo cavolate

il ragazzo, Roberto...ha uno spiccato accento veneto...completamente diverso da quello friulano...ecc

protagonisti o altri attori che dovrebbero essere del luogo hanno un leggero accento del centro italia...ma se questa è professionalità...

accenti a parte...ad un certo punto l'assistente del commissario parla "del Tarvisio"...come spesso si sente alla radio quando danno le situazioni del traffico...quasi fosse un valico o un monte...peccato che Tarvisio sia un paese e quindi non sentirete nessuno in Friuli dire "Al Tarvisio" o "Del Tarvisio" ma appunto "A Tarvisio"...esempio "Vado a Tarvisio" non "Vado al Tarvisio" come dire una città es."Vado a Milano o a Roma"....in quanto è così...e chi vive in Friuli da un po' di tempo non dirà mai "Al Tarvisio"....

eppoi tutte le piccolezze inutili ed incomprensibili...ed il finale che sa tanto di chi ha sforato col tempo e deve chiudere il film in fretta

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Invia una mail all'autore del commento Il Cartaio  @  09/11/2009 03:01:28
   6½ / 10
E' confortante vedere che il cinema italiano non è proprio morto ma più simile ad un vulcano che se ne sta zitto zitto per un pò ma non essendo del tutto addormentato ogni tanto ci regala qualche sorpresina. A differenza di un'eruzione vulcanica le rare pellicole di buona fattura come questa sono sorprese ben gradite. Il film è un semplice giallo all'italiana dove a differenza di quelli d'oltre oceano non c'è il super macho a capo del caso, la polizia non fa una gran figura e la vicenda non è piena di stravaganti colpi di scena. Lo svolgersi piuttosto lento della vicenda unito ai dialoghi quasi bisbigliati non coinvolge pienamente lo spettatore ma la trama è appasionante e le interpretazioni ampiamente sufficenti Servillo in primis. Bella l'ambientazione nelle nostre amate e meravigliose montagne. "La Ragazza Del Lago" in sostanza è un buon film che cattura qunto basta senza strafare, 10 David sono ampiamente esagerati, come ha già detto un altro utente "Gomorra" e "Il Divo" li meriterebbero maggiormente. IL CARTAIO

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  26/09/2009 12:57:23
   6½ / 10
è un buon film ma da qui a prendere 10 david di donatello mi sembra tanto. La storia è raccontata bene ma sinceramente non ci ho trovato niente di particolarmente entusiasmante.Restano delle ottime atmosfere e una buona storia,oltre che il solito grande Tony Servillo,per il resto credo proprio sia una pellicola sopravvalutata e non me ne spiego il motivo. Forse in un panorama di film desolato come quello italiano La ragazza del lago deve essere sembrato un tesoro. Due anni dopo sarebbero arrivati Il divo e Gomorra,certamente migiori di questo film. Resta il fatto che è godibile ma niente di più. Immagino i concorrenti di questo film nei David di Donatello...

Invia una mail all'autore del commento Aletheprince  @  27/08/2009 23:42:53
   6½ / 10
Il plebiscito ottenuto ed il clamore della critica sono un boomerang per quest'opera, che certo merita quanto ad atmosfera, sceneggiature e recitazioni (ottima, quella di Servillo), ma, a dirla tutta, non si eleva a capolavoro del cinema italiano, come invece veniva gridato dai massmedia.
Restano le prove attoriali di spessore, le buone caratterizzazioni dei personaggi, la minuzia nelle fotografie e nella ricostruzione ambientale.
Ma il rischio di ridurre tutto ad una lunga puntata di una "fiction" collaudata, è sempre dietro l'angolo.

axel90  @  19/07/2009 10:05:35
   7½ / 10
Non sono un fanatico dei film italiani ma ogni tanto "uno su mille ce la fa".
"La ragazza del lago" è un giallo affascinante. La trama è molto semplice, mai complicata. Bellissime le ambientazioni, un immersione completa in un piccolo paesino alpino. Come sempre bravissimo Servillo nei panni di un ispettore pacato ma tormentato dalla tragedia della moglie. Magnifica la regia, precisa, lenta e particolareggiata. Basti vedere la scena finale.
Un bel film. Ogni tanto anche in Italia riesce qualcosa di buono.

pipizanzibar  @  05/06/2009 21:10:00
   8 / 10
ottimo film ;)

Invia una mail all'autore del commento SPIZZDAVIDE  @  30/05/2009 17:14:36
   6 / 10
10 premi di donatello a questo film ? Andiamo bene....
Un thriller come tanti senza lode e senza infamia.

IO13  @  11/05/2009 08:37:42
   7 / 10
Bel giallo, lento ma non pesante, guardandolo sembra quasi di leggere un libro.

Toni Servillo tratteggia un ispettore tormentato e cinico degno dei protagonsiti dei grandi romanzi gialli

DarkRareMirko  @  16/04/2009 00:22:39
   9 / 10
Ottimo thriller molto attento alla geometria delle riprese (tipo l'inquadratura finale).

Servillo si riconferma tra i migliori attori e risorse in nostro possesso, e la Golino fà sempre piacere rivederla.

Sceneggiatura semplice, ma l'ottima caratterizzazione dei personaggi (che, come dice il Morandini, esprimono tutto loro stessi solo con 2 o 3 inquadrature) ti fà perseverare.

Intelligente film da vedere.

Finale (almeno per me) criptico.

Tirolese  @  01/02/2009 20:43:01
   7 / 10
Buono...ben girato,coinvolgente e storia intrigante...da vedere!

crimal9436  @  26/01/2009 12:15:17
   6½ / 10
Si può vedere

Munevér  @  25/01/2009 13:58:52
   7 / 10
Mi aspettavo un polpettone allucinante, invece ne sono rimasta piacevolmente colpita.... è un buon thriller con un ottimo cast e una buona tensione. Un film senza tanti fronzoli... volutamente sottotono per ricreare un'atmosfera noir d'altri tempi... eppure alla fine è uno spaccato della realtà italiana: un piccolo paese dove tutti vivono beatamente nell'illusione dell'apparente felicità finchè non accade un fatto di cronaca nera che rischia di far uscire tutti dalla tana di perbenismo in cui ci si era rintanati e di far crollare tutti i fragili equilibri fino ad allora costruiti.

venetoplus  @  13/01/2009 09:51:26
   5½ / 10
Mah! Sarei curioso di leggere il libro da cui e' tratto.. Ma non penso che lo faro'.. 10David mi fan riflettere.. siam messi maluccio, sembra quasi che si sia voluto "forzatamente" premiare un certo tipo di nuovo cinema italiano in un disperato tentativo di dimostrare una vitalita' che, ahime', non sembra pero' esserci. Migliori effetti visivi??? Una - dico una - scena (l'arrivo della scientifica sul luogo del delitto..) basta per aggiudicarsi un David? Mah! Musica completamente fuori posto.. a dir poco irritante.. Finale da dimenticare. Evita il tracollo completo solo uno strepitoso Servillo, lui si da premio.. (We trust in Gomorra...)

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Invia una mail all'autore del commento dsimo84  @  12/01/2009 13:02:39
   5½ / 10
bhaaaa...non mi va di infierire troppo sul cinema italiano...
questo prodotto però parte con ottimi propositi e cade ben presto nel dimenticatoio, storia sciacquettata, buttata li così senza un apparente motivo, ambientazioni carine ma sfruttate malissimo, (sembra distretto di polizia nei boschi) musiche elettroniche fuori luogo e decisamente amatoriali, dialoghi ridotti all'osso (anche se efficaci).
Per il resto, una buona prova di Servilio, carismatico e freddo, e delle belle inquadrature.
Nulla di più....peccato

Titty@  @  01/01/2009 23:32:12
   4 / 10
Non so che dirvi, ma anch'io l'anche a me è sembrata una fiction lenta

paride_86  @  23/11/2008 18:28:34
   7 / 10
"La ragazza del lago" è un giallo molto freddo e riflessivo, che si snoda in una asettica cittadina di provincia nel Nord-Italia. La trama all'inizio mi ha ricordato vagamente l'incipit di "Twin Peaks", a cui comunque questo film deve qualcosa nei paesaggi, nell'ambientazione e in alcuni personaggi, come il matto e la stessa ragazza uccisa.
In definitiva si tratta di una pellicola ben recitata, con uno stile tutto suo che però non coinvolge pienamente. Come opera prima merita un 7, sperando che il regista affini la tecnica.
10 David di Donatello mi sembrano davvero esagerati, anche perché l'introspezione psicologica dei personaggi e l'analisi del contesto circostante non sono approfondite.

pher  @  13/11/2008 12:54:16
   6½ / 10
buon film giallo italiano con una sorprendente recitazione di Servillo.
purtroppo si perde nel finale come ben hanno scritto anche altre persone.peccato, perche' fino quasi alla fine meritava molto di piu'.
10 david mi sembrano un po esagerati.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR strange_river  @  13/10/2008 22:45:14
   6½ / 10
Nei gialli, film o libri che siano, vigono delle regole ferre per le quali tutto ciò che viene raccontato o descritto deve avere un senso ed una funzione nella trama; ogni "pezzo" deve infine incastrarsi con gli altri a formare quel meccanismo perfetto che la soluzione del mistero mette finalmente in moto.
Quel che manca a questo film è proprio questo: personaggi abbozzati e poi lasciati là, situazioni che non hanno alcun legame con la storia, forse nel tentativo di creare un'atmosfera, tentativo riuscito a metà comunque.
Con l'interpretazione dell'ottimo Servillo viene raggiunto un certo spessore e sicuramente una certa gradevolezza nella visione, ma da solo non può colmare i buchi narrativi.
La sufficienza piena per merito suo (ed anche per ragioni geografico/affettive).

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento Caio  @  26/09/2008 09:26:01
   7 / 10
Carino, ma un pò troppo sopravvalutato. In fondo non vale la metà di una buona puntata di C.S.I. Las Vegas. Bravissimo come sempre Servillo. Un giallo inquietante e ben fatto, ma mi aspettavo di più.

brunonight79  @  15/09/2008 02:25:53
   5½ / 10
Non capisco perchè ha vinto il David di Donatello questo film, la sceneggiatura è quella di una semplice fiction, darei di meno ma apprezzo molto Servillo chi è stato come sempre magnifico. Ma un bravissimo attore non basta per rendere questo un buon film.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  10/09/2008 11:01:49
   6½ / 10
Giallo tutto Italiano stilisticamente molto valido ma abbastanza povero nei contenuti.Praticamente la risoluzione del caso passa quasi in secondo piano rispetto a quello di cui il regista sembra interessarsi:il conflitto tra la mura domestiche!
E vengono alla memoria i molto casi recenti di omicidi tra familiari.I problemi personali dei protagonisti oscurano un pò il giallo e tolgono la suspence alla fine e con un pò di delusione si assiste allo smascheramento del colpevole...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Voglio premiare comunque questo regista esordiente e penso che abbia le capacità per sfornare un grande film!Ma questo,a mio avviso,non meritava tutti questi riconoscimenti...poi non capisco quello per la sceneggiatura!

Invia una mail all'autore del commento Clint Eastwood  @  07/09/2008 11:20:05
   7½ / 10
sinceramente non mi aspettavo molto da questo film, diciamo che mi ha sorpreso e finalmente qualcosa di serio in questi anni è comparso nel cinema italiano (non ho ancora visto Gomorra e Il Divo)

il film non è banale come può sembrare, il comissario che scava sulla morte di una ragazza "addormentata" vicino al lago e sopratutto l'indagine fatta (l'occhio del regista molto accurato e tranquillo) durante il film con vari sospetti svolte ...

un 8 per l'interpretazione di Servillo

dialoghi ben fatti, un film accurato

cmq è da vedere un buon film italiano - decente

simonssj  @  01/09/2008 11:50:23
   6 / 10
Banalotto...tutto è sulle spalle di Servillo che recita 2 spanne sopra gli altri, come al solito; tanti personaggi introdotti per un film decisamente breve, e spesso lasciati stare (es la figlia del commissario); bella la fotografia e le dissolvenze, carente tutto il resto

Cliff72  @  28/08/2008 19:01:35
   7 / 10
Plauso all'interpretazione di Servillo, ad una trama abbastanza intrigante (seppur fino ad un certo punto...) e ad una buona fotografia, tuttavia mi aspettavo qualcosina in più dal film vincitore di 10 David.
Assegno mezzo punto in più trattandosi della prima opera di un regista esordiente (per giunta italiano).

scabo  @  18/08/2008 14:06:05
   6½ / 10
Un più che discreto giallo italiano che tiene alto l'interesse del film fino alla fine la cui trama ci riporta ad alcuni tragici episodi di cronaca degli ultimi anni in italia. Ottima la fotografia con il paesaggio friulano ben rappresentato. Sicuramente è qualitativamente superiore alla media dei film italiani ma da un vincitore di 10 david di donatello mi aspettavo qualcosa in più specialmente nel finale. Di un altro pianeta l'interpretazione di Servillo: bravissimo.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR quadruplo  @  16/08/2008 12:08:47
   7 / 10
Da friulano era molto ansioso di vedere questo pluriacclamato esordio di Molaioli e ammetto di essere rimasto un poco deluso.

Dando un'occhiata ai david di Donatello vinti, quattro di questi sono prettamente tecnici, evidenziando l'ottima fattura di questi aspetti della pellicola.
Il lavoro di Molaioli riesce a dare un idea abbastanza veritiera delle comunità montane dell'alto Friuli con una fotografia grigia e malinconica anche se, complice la recitazione di alcuni attori (ad esclusione del solito e suberbo Servillo) la fiction è in agguato.

Per quanto riguarda i contenuti e lo sviluppo della storia il regista mette troppa carne al fuoco e nessuno dei vari rapporti tra gli abitanti del paese è approfondito: il genitore paralitico-Mario, fidanzato-Anna, padre di anna-figlie senza dimenticare il caso della bambina all'inizio.

Cosi come l'epilogo del caso sembra troncare le indagini e coglie lo spettatore con una certa delusione per la fretta con cui viene narrato.

Di sicuro un discreto esordio, promettente ma forse troppo acclamato.

Gruppo STAFF, Moderatore Invia una mail all'autore del commento Lot  @  13/08/2008 23:29:14
   7 / 10
Sobrio noir venato di atmosfere a la simenon, a tratti tende pericolosamente al film-tv ma Servillo e una bella fotografia lo salvano, arrotondo per eccesso.

mainoz  @  10/08/2008 12:33:58
   5½ / 10
sopravvalutato, di tutti questi premi gli unici che avrei dato sono quelli che riguardano la parte estetica (fotografia, effetti speciali visivi e altri). Attori scadenti, dialoghi da mortorio, sceneggiatura vista e rivista, film fiacco e loffio.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Andre85  @  06/08/2008 00:24:04
   6 / 10
mi associo ai commenti precedenti

il film è girato bene, con un ottima interpretazione (Servillo) su cui fa carico tutto il film la cui trama è fin troppo banale per richiamare tutte le attenzioni ricevute

Gruppo REDAZIONE Pasionaria  @  04/08/2008 15:09:48
   6 / 10
Credo non sia sufficiente avere il magnifico Servillo come protagonista del proprio film o scimmiottare lo stile visivo e sonoro dei film sorrentiniani per creare un'opera originale e convincente. Mi sorprendono, quindi, i numerosi premi attribuiti al film di Malaioli. Il film si regge grazie al carisma di un Toni Servillo sempre al top, l'unico notevole del cast presente, gli altri interpreti da fiction non emozionano neanche un po'.
Del film è bella la fotografia che ben imprime i toni cupi e freddi con cui il regista racconta l'ambiguo malessere sociale della provincia, ce lo racconta però con sobrietà eccessiva.Dolori che si sovrappongono ad altri con un lento e confuso gioco di dissolvenze, non male l'idea, peccato non sia stata sfruttata a dovere.

phemt  @  04/08/2008 14:01:04
   6½ / 10
Giallo/noir di stampo “autoriale”, ritmo lento, introspezioni psicologiche, frasi ad effetto, sembra quasi seguire la scia di Sorrentino (stessi produttori, stesso protagonista)… L’esordiente Molaioli mostra di avere buon gusto da un punto di vista visivo ma il film sembra perdersi per strada con l’avanzare della vicenda…
Di carne al fuoco ce ne è molta: aldilà della trama “gialla” che fa da sfondo alla vicenda Molaioli ci inserisce (e sicuramente non male) argomenti come la malattia e la famiglia riuscendo a calarli, in maniera non sempre completamente convincente però, all’interno della storia… Ci si perde infatti qualcosa per strada: il rapporto tra il padre e la vittima sembra buttato lì e non viene approfondito a dovere così come il finale da l’idea di essere un po’ troppo repentino e non il massimo della coerenza…
Vanno anche segnalate un paio di scelte narrative abbastanza scontate (fin da subito è lampante che non può essere il fidanzato l’omicida), un’eccessiva dilatazione temporale e qualche caduta saltuaria di stile che sembra ricordare più la fiction televisiva che il cinema…

Belle le ambientazioni, azzeccata la colonna sonora, adeguato il cast (con Servillo che brilla su tutti)!

Dopo una prima parte molto promettente e parecchio intrigante mi aspettavo qualcosa di più però… Comunque nel complesso è un film che si merita la sua visione!

inferiore  @  31/07/2008 19:37:09
   8 / 10
Da un film italiano mi aspettavo molto meno! Invece è realistico, bello, bravo Servillo! Consigliato!

lucrash  @  31/07/2008 18:27:59
   8 / 10
merita tutti i premi che ha vinto... l'ho visto oggi, mi aspettavo di meno da un film italiano, anche perchè parte con quelle classiche situazioni in cui le battute sembrano forzate... mi sono ricreduto, dopo appena 15 minuti... bello!

El Piccio  @  30/07/2008 13:56:38
   6½ / 10
Gruppo REDAZIONE VincentVega1  @  30/07/2008 13:43:40
   6½ / 10
Un buon giallo trasportato dalla bravura di Servillo. Le novità sono poche, anzi pochissime, ma riesce comunque a risultare interessante grazie ad una regia molto semplicistica e una sceneggiatura sempre incentrata sullo svolgersi della vicenda.
Il cast non è proprio il massimo, sembra preso direttamente da una puntata di "Distretto di polizia", ma per fortuna c'è il buon Toni che con il suo appena accennato accento napoletano ruba la scena a tutti.

Un esordio promettente dunque per Molaioli, che si appoggia su una struttura narrativa fissa come quella dell'indagine per giostrarsi meglio all'interno della provincia e dei suoi personaggi.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento Giordano Biagio  @  29/07/2008 17:11:13
   8 / 10
Film riuscito, in tutti i sensi, senza retorica o affanni che scaturiscono dal ricercare a tutti i costi l'effetto spettacolo. Nella realtà c'è già tutto quello che cerchi, lo si sapeva già dai tempi di Pasolini, la vita di ciascuno è in un certo senso un film.

Ben preparato il finale a sorpresa, che arriva dopo che tutti si aspettavano una morte della ragazza per motivi x...

La chiave di questo successo? Una volta tanto, lo ribadisco, la verosimigianza con la vita reale, le sue preoccupazioni, i problemi personali che tormentano anche i commissari e i giudici, la vita minuta di tutti i giorni in ambienti piccolo borghesi, giudiziari, etc. descritta in modo sobrio e diretto con tutte le sue magagne. Inoltre, un congenio narrativo semplice ma attraente che scorre bene, senza intoppi e facilmente assimilabile dallo spettatore. Un congegno che comunque mantiene i codici visivi e narrativi, essenziali e doverosi del giallo.

Inutile parlare di Servillo, veramente bravo, nell'evidenza più assoluta, non ho parole.

Detto questo magari il prossimo film di Molaioli non funziona, perché, non so, ritorna allo spettacolo ricercato, quello che favorisce l'identificazione con il cinema sogno, falsificando magari in parte la realtà dei personaggi, si sa come vanno certe cose nel cinema: non tutte le ciambelle-film di buoni registi riescono col buco.

Nel cinema oggi è sempre più difficile avere idee originali e che piacciono agli spettatori.

Detto questo, gli auguro però di riuscire sempre, se lo merita.

Belle le fotografie al lago e degli interni.

Gruppo REDAZIONE maremare  @  27/07/2008 12:01:57
   6 / 10
Gli eccessivi David vinti l'anno scorso da questo piccolo film rappresentano la pochezza della produzione italiana 2007 ( e chi era a Venezia lo sa).
Ovviamente quest'anno non accadrà che un film dignitoso e nulla più faccia incetta di premi.
Parliamoci chiaro l'esordio di Molaioli è buono.
Egli mostra uno stile sobrio e asciutto ma il tutto sembra molto, troppo, contenuto, al punto che il film oscilla sempre tra l'originalità e il piatto anonimato.
Servillo, invece, non è nè originale , nè anonimo: è semplicemente superbo e, da solo, tiene a galla il film.
Aspettiamo Molaioli alla seconda prova per capire meglio se la sua fu timidezza dell'esordiente o pura mediocrità.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Blutarski  @  16/07/2008 14:07:44
   7½ / 10
Un thriller niente male. C'è tutta via qualcosa che non quadra nella storia:

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Comunque non è un brutto film, certo come qualcuno ha sottolineato (mi pare Jelly) la fotografia è un pò televisiva così la maggior parte delle interpretazioni quasi da soap, fanno schifo. Però Toni, il mitico Toni oscura tutto e tutti, da solo trascina tutto il film. Non male nemmeno la colonna sonora, molto curata.

Nel complesso una buona novità del panorama italiano.

Lory_noir  @  11/07/2008 15:15:05
   6½ / 10
Nulla di eclatante come fanno pensare tutti i premi che ha vinto, tutta la pubblicità che gli è stata fatta e tutti gli altri ricami che gli italiani tendono a fare su un film che riesce decentemente... forse perchè siamo proprio abituati a livelli bassi quindi appena arriva un film un tantino meno patetico appendiamo le bandiere alle finestre.
Comunque questo non è davvero male, la storia è carina anche se non ci si riesce proprio a distaccare dala monotonia della fiction tv, i dialoghi sono quasi tutti sotto tono, anche la rivelazione finale avviene sotto voce, non che bisogna un film rumoroso per accattivare, ma i silenzi per essere apprezzati devono dire qualcosa e in questo film non mi pare che dicano molto. Sufficiente.

marvy  @  04/07/2008 14:09:56
   3 / 10
Per fortuna che ha vinto un sacco di premi, sennò non ci sarebbe stato motivo di guardarlo. Di una noia paralizzante, banale e scontato. In poche parole pessimo.

Invia una mail all'autore del commento Tempesta  @  15/06/2008 20:37:21
   7½ / 10
Bellissimo!I primi 10 minuti sono angoscianti.Finalmente un thriller Italiano fatto con le palle.La paura di un rapimento di una bambina avvia le indagini di un commissario,che si troverà a risolvere una storia complicata.Gli attori davvero bravi.Grande prova Italiana.

cepere  @  02/06/2008 20:25:52
   6½ / 10
buon film italiano,che come si sa deve anche fare i conti con i mezzi a disposizione.film che non annoia e che vede un Toni Servillo come al solito bravissimo

Macs  @  19/05/2008 22:47:39
   7 / 10
Non parlerei di "grande cinema italiano", ad ogni modo il film scorre bene, anche se lentamente. Mi piace molto Servillo e la sua aria da burbero ma dal cuore grande (ne "Le conseguenze dell'amore" forse è ancora meglio). Peccato il finale francamente squallidino, ma insmma non era semplice inventarsi qualcosa più ad effetto (certo però il finale che hanno scelto, a effetto proprio non è).

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

genrom  @  11/05/2008 15:09:58
   6 / 10
Pensavo meglio. Il rischio di incensare eccessivamente i film italiani e sempre dietro l'angolo. ecco perchè avevo migliori aspettative...

cory  @  09/05/2008 20:51:18
   6½ / 10
mi aspettavo qualcosina di piu' lo ammetto !

comunque si lascia guardare .

ottimo Servillo come sempre !

bighouse  @  08/05/2008 13:51:30
   6½ / 10
Credo che il regista, basandosi sul romanzo originale, sia riuscito nell'intento di rendere la storia realistica come un fatto di cronaca che esuli dall'alone di spettacolarità e sensazionalismo che i media puntualmente creano attorno alle notizie. Normali e per questo umanissimi i protagonisti. La storia è banale se vogliamo e lo svolgimento è lento e poco interessante. Per fortuna un pugno di attori, tra cui il protagonista e quello che impersona il matto, tengono a galla la storia, almeno all'inizio. Splendida la fotografia e struggente e commovente la storia della famiglia del protagonista, della ragazza del lago e del piccolo Angelo. Purtroppo alla fine dell film non rimane che un senso di noia e di deludente aspettativa.

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  03/05/2008 17:01:33
   5 / 10
Se questo film ha vinto tutti quei premi Donatello non oso immaginare il livello degli altri film! In generale, non è un cattivo film e non posso solo parlarne male, visto che ti incuriosisce via via che passa il tempo e visto che l'attore protagonista è decisamente valido. Però non si può trascurare che sul più bello ti lascia l'amaro in bocca: ma che finale è???

Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  01/05/2008 10:29:33
   6½ / 10
"La ragazza del lago" sarebbe pouto essere un buon episodio de "Il maresciallo Rocca" o "Il commissario Montalbano", e invece dovrebe essere un poliziesco cinematografico, che però di cinematografico hasolo il superlativo attore principale.
Purtroppo la piaga della fotografia televisiva, dell'inconsistenza degli attori e della sceneggiatura approssimativa penalizza il film in maniera decisiva, castrandone i pur buoni spunti.
Certo il progetto è buono e va lodato lo spirito di chi vol fare cinema classico in Italia, senza intellettualismi fini a se stessi; Serillo poi si dimostra ancora una volta il miglior iterprete italiano in circolazione, con una prova attoriale assolutamente indimenticabile.

  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

20.000 specie di api50 km all'oraa dire il veroadagioall soulsamerican fictionappuntamento a land’s endaquaman e il regno perdutoarfargylle - la super spiabang bankbob marley: one lovebuon natale da candy cane lanechi ha rapito jerry cala’?chi segna vincecity hunter: the movie - angel dustcolpo di fortunacome puo' uno scogliocover story - vent'anni di vanity fairdeserto particulardieci minutidivinitydobbiamo stare vicini
 NEW
dune - parte dueelf meemma e il giaguaro neroeneaferrarifinalmente l'albafinestkindfoglie al ventogenoa. comunque e ovunquegiorni felicigodzilla minus onehazbin hotel - stagione 1how to have sexi soliti idioti 3 - il ritornoi tre moschettieri - miladyil colore viola (2023)il confine verdeil fantasma di canterville (2024)il faraone, il selvaggio e la principessail maestro giardiniereil male non esiste (2023)il migliore dei mondiil mondo dietro di teil punto di rugiadail ragazzo e l’aironeimprovvisamente a natale mi sposoin the land of saints and sinnerskriptonla chiocciolala natura dell'amorela petitela quercia e i suoi abitantila zona d'interessel'anima in pacele avventure del piccolo nicolasle seduzionimadame webmartedi' e venerdi'maschile pluralemay decembermean girls (2024)mr. & mrs. smith - stagione 1napoleon (2023)night swimno activity - niente da segnalareno way up (2024)one lifepare parecchio parigipast livesperfect daysperipheric lovepigiama party! carolina e nunù alla grande festa dello zecchino d'oro
 R
povere creature!prendi il voloprima danza, poi pensa - alla ricerca di beckettpuffin rock - il filmrebel moon - parte 1: figlia del fuocored roomsrenaissance: a film by beyoncericomincio da me (2023)robot dreamsromeo e' giulietta (2024)runnersansone e margot - due cuccioli all'operasantocielosilver e il libro dei sognisound of freedom - il canto della liberta'succede anche nelle migliori famigliesuncoastte l'avevo dettothe beekeeperthe cage - nella gabbiathe family planthe holdovers - lezioni di vitathe miracle clubthe piper (2023)the warrior - the iron clawtrue detective - stagione 4tutti a parte mio marito - it's raining mentutti tranne teuna bugia per dueupon entry - l'arrivoviaggio in giapponevolarewishwonder: white birdwonkayannick - la rivincita dello spettatore

1048038 commenti su 50425 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ALIENATEAMERICAN NIGHTMARE - MINISERIE TVAPOCALISSE DI GHIACCIOBADLAND HUNTERSCALIFANOCAUSA DI DIVORZIOERADICATIONFREE FALL - CADUTA LIBERAGLI AMICI DELLE VACANZEGLI AMICI DELLE VACANZE 2IL DEMONE NEROIL SENTIERO DELLA VENDETTAIL TESORO DELLE 4 CORONEJUJUTSU KAISEN 0 - IL FILMLA BATTAGLIA DI HANSANLA FESSURALA LEGGENDA DI LONE RANGERLA ROSA DELL'ISTRIAL'AMORE ARRIVA DOLCEMENTEMALIZIOSAMENTENAGAOCCHIO NERO OCCHIO BIONDO OCCHIO FELINO…ONCE UPON A CRIMEPOUPELLE DELLA CITTA' DEI CAMINISEGUI IL TUO CUORESHERLOCK HOLMES - SCANDALO IN BOEMIASHUT IN (2022)SUFFERING BIBLETAURUSTERRA BRUCIATA (1953)UNA RETE DI BUGIE (2023)ZOMBIE 100 - CENTO COSE DA FARE PRIMA DI NON-MORIRE

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net