lo specchio della vita regia di Douglas Sirk USA 1959
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

lo specchio della vita (1959)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film LO SPECCHIO DELLA VITA

Titolo Originale: IMITATION OF LIFE

RegiaDouglas Sirk

InterpretiLana Turner, John Gavin, Sandra Dee, Susan Kohner, Robert Alda, Dan O'Herlihy, Juanita Moore, Karin Dicker, Terry Burnham, John Vivyan, Lee Goodman, Ann Robinson, Troy Donahue, Sandra Gould, David Tomack, Joel Fluellen, Jack Weston, Billy House, Maida Severn, Than Wyenn, Peg Shirley, Mahalia Jackson, Bess Flowers, Frank Baker, Alex Ball, George Barrows, Chet Brandenburg, Teddy Buckner, George Calliga, Steve Carruthers, Richard Collier, Paul Cristo, Joe Darensbourg, Robert Darin, Mike De Lay

Durata: h 2.05
NazionalitàUSA 1959
Generecommedia
Al cinema nel Gennaio 1959

•  Altri film di Douglas Sirk

Trama del film Lo specchio della vita

Lora Meredith è vedova ed ha una bambina, Susy; benché si trovi in strettezze ella accoglie nella sua casa una donna nera, Emy Johnson, che ha anch'essa una figliola, Sara Jane. Lora desidera ardentemente di affermarsi come artista di teatro. Un giovane fotografo disoccupato, Steve, avendola conosciuta, s'innamora di lei, e appena trova un'occupazione, le chiede di sposarlo...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,76 / 10 (23 voti)8,76Grafico
Voto Recensore:   9,00 / 10  9,00
Miglior attrice non protagonista (Susan Kohner)
VINCITORE DI 1 PREMIO GOLDEN GLOBE:
Miglior attrice non protagonista (Susan Kohner)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Lo specchio della vita, 23 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

DarkRareMirko  @  15/12/2018 00:01:35
   10 / 10
Capolavoro senza se e senza ma, dove il razzismo è espressione del classismo e dove tutto (barriere sociali, ambizioni, caratterizzazioni) è destinato a non cambiare.

Tutto perfetto: attori, regia, dialoghi, analisi socio-psicologica; un film ancor oggi attualissimo e pungente.

Notevole pure Dan O Herlihy (i primi 2 Robocop, il Crusoe di Bunuel), attore completo e versatile.

Niente da dire, l'opera prende, commuove e fa male e, seppur si prendan le "imitazioni di vita", come da titolo (lo spettacolo, la ricerca del successo), la realtà brutale è sempre pronta a far capolino per fregare i protagonisti.

Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  23/05/2018 13:46:08
   8½ / 10
Gran melodramma, recitato benissimo soprattutto dalle due protagoniste e molto moderno nel modo di affrontare tutte le proprie tematiche (insolitamente esplicite le difficoltà incontrate da Lana Turner nel trovare una parte nel mondo del teatro, considerando che il film è del 1959). Sirk è bravissimo nel dosare tutta la carne che mette sul fuoco senza strafare e senza mai perdere il filo del discorso: si spazia dal riscatto sociale al rapporto madre / figlia (declinato in due diverse tipologie), dal problema razziale al disagio del diverso, dall'amore all'abbandono all'emancipazione femminile. C'è veramente tantissimo in questo film, decisamente da recuperare.

topsecret  @  10/03/2018 14:44:20
   7 / 10
Concordo con il commento sotto al mio.
Il melodramma di Sirk è sì ben fatto ma traboccante di retorica, e non sempre controllata, che ne mina un po' il coinvolgimento trasmesso.
Cast in evidenza, così come le emozioni che sprigionano certi argomenti, bene ovviamente la regia, difetta un po' nel ritmo e in alcuni momenti nei dialoghi, non sempre incisivi.
LO SPECCHIO DELLA VITA è comunque un buon film, meritevole di visione e di apprezzamento.

Goldust  @  05/09/2014 10:03:26
   7 / 10
Confezione impeccabile, sentimentalismi in bella vista conditi da grande enfasi, alcuni passaggi eccezionali ( la scena dell'aggressione a Sarah Jane e quella finale sono di una bellezza folgorante ), altri che eccedono in melodramma e rischiano di diventare stucchevoli; un film tutto al femminile che scandaglia il difficile rapporto madre - figlia con due storie antitetiche ( Marie Jane disprezza l'amore della madre perché ambisce ad una vita più agiata, rifiutando di essere di colore - Susie invece ha tutto dalla vita ma vorrebbe una madre più presente ) che procedono parallelamente finché i contrasti diventano insanabili ed esplodono, nel finale, in tutta la loro drammaticità.
Non è certo uno dei miei generi preferiti, però è un signor film, ed il più grande successo di un regista capace come Douglas Sirk.
Notevole il cast tutto, ma Lana Turner esibisce alcune pettinature permanentate che ne mortificano la bellezza.

bm_91  @  24/03/2014 17:36:43
   8½ / 10
Gran film, che magari pecca un pò di lentezza in alcune circostanze, ma alla fine non delude. Ottimo il lavoro dell'intero cast. Vale davvero la pena vederlo.

4 risposte al commento
Ultima risposta 28/03/2014 20.56.50
Visualizza / Rispondi al commento
steven23  @  04/03/2014 20:45:09
   9 / 10
Credo di aver assistito a uno dei più grandi melodrammi della storia del cinema. Ok che saranno migliaia quelli che ancora non ho visto, ma dubito che saranno molti quelli in grado di elevare le emozioni a un tale livello di intensità.
Che poi, ad essere sinceri, questo è molto più di un melodramma. E, a tal proposito, concordo pienamente con uno dei commenti qui sotto dove è stato detto praticamente tutto ciò che c'era da dire su questo gioiellino.
Divagazioni a parte sono bastate poche decine di minuti per farmi dimenticare che mi trovavo di fronte a un film. Particolari ai quali sono solito prestare almeno un pò di attenzione (regia, inquadrature, ambientazione e tutto ciò che riguarda dettagli tecnici) sono passati in secondo piano, soverchiati dalla forza dei personaggi e dall'empatia che si è creata con loro. Non c'era spazio per nient'altro che fossero le emozioni ed è stato così sino alla fine, in un crescendo di intensità davvero difficile da eguagliare.
Difficile anche tenere a freno le lacrime, e non mi riferisco solamente alla scena finale, ma anche all'ultimo incontro tra Annie e Sarah Jane, forse uno dei passaggi più belli e sentiti del film. Ti senti lì con loro, in quel piccolo camerino, combattuto tra il dispiacere misto ad amore incondizionato di una madre e l'enorme conflitto interiore della figlia. Ed è fantastico!!
Il cast è veramente straordinario e sono le due attrici meno conosciute a dare il meglio di loro: la Moore e la Kohner, infatti, risultano inarrivabili. Viene spontaneo anche il paragone tra loro e le altre due protagoniste femminili, anche per soppesare le enormi differenze tra due "famiglie" che, quasi per caso, si trovano a condividere la stessa casa e una profonda amicizia. Beh, la Turner riesce in qualche modo a tener testa alla Moore e, forse, regala una delle sue migliori interpretazioni. Sandra Dee, invece, subisce enormemente la bravura della Kohner e il suo personaggio risulta il meno convincente dei quattro. E comunque è stata brava anche lei, sia chiaro.
Molto marginali invece le figure maschili, compreso un John Gavin importante solo all'apparenza. E la scena finale pare quasi esserne la dimostrazione, seppur involontaria

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

In conclusione un film che di sicuro non è impeccabile, almeno per ciò che riguarda certe caratteristiche dei personaggi e qualche dettaglio tecnico, ma che rimedia alla grande regalando ogni tipo di emozione possibile e immaginabile senza scadere nel patetico o nel melenso. Da non perdere!!!

Nightmare97  @  03/08/2012 14:50:18
   7 / 10
buono...a volte un po' noioso ma sicuramente premiato per la sua datazione..

GTX33guitar  @  04/07/2012 01:30:29
   9½ / 10
molto molto bello..

Gruppo REDAZIONE amterme63  @  11/06/2012 19:33:42
   9½ / 10
"Lo specchio della vita" non è solo un semplice melodramma, è uno dei film più emotivamente belli mai girati. Inserirlo a forza in un genere è veramente riduttivo. Qui si toccano temi universali, quali il diritto di poter essere realmente quello che si è - e non quello che le apparenze vorrebbero - senza pagarne le conseguenze (la vicenda della bambina bianca figlia di una donna nera), il difficile equilibrio fra affettività, cura degli altri da una parete e egoismo, ambizione, successo dall'altra. Però quello che è più universale, al di là delle vicende e dei personaggi fin troppo costuiti ad arte, è la maniera con cui l'interiorità dei personaggi viene rappresentata. C'è la creazione di un contesto emotivo (l'intreccio, la costruzione scenica, il prodursi di momenti rivelatori e decisivi) che da solo produce una profonda reazione nell'animo di chi guarda; gli attori non devono fare altro che trattenere i sentimenti per poi farli scoppiare, tutto con molta misura, tanto da raggiungere il concetto di idealità e perfezione sentimentale. Cioè nel nostro immaginario, se dobbiamo pensare ad "amore", "affetto profondo", "conflitto interiore", "scelta di vita", penseremmo proprio a situazioni e a sensazioni interiori tali e quali a quelle che questo film ci fa vedere.
Almeno a me ha dato questa impressione. Le vicende, i personaggi saranno falsi ma il sentimento è terribilmente, drammaticamente vero. Così almeno io l'ho percepito.
Forse questo film oggi può apparire datato (anche se la vicenda "razziale", sotto altre spoglie, è ancora attualissima) è probabilmente lo è. Il film stesso è una specie di termine nella parabola ideologica del cinema di Sirk, il film che testimonia il tramonto e la sconfitta di una determinata idealità. Chi ha visto i film di Sirk, riconosce la tipologia dei personaggi come quello di Annie. Lei come Bob Merrick è preda della "magnifica ossessione", cioè il piacere derivante da fare il bene senza chiedere niente in cambio, cioè traslare il proprio piacere nel piacere che facciamo provare agli altri. In "Magnifica ossessione" questo impulso viene rappresentato nel suo fulgore puro, nella sua purezza ideale. Con "Secondo amore" si comincia a metterlo alla prova delle convenzioni sociali, in "Lo specchio della vita" se ne certifica l'impossibilità pratica e la sconfitta. Il destino di Annie è quello di rimanere sempre relegata in ruoli secondari, per lo più "usata" da altri. Ma la cosa peggiore è che non è riuscita a "trasmettere" il suo modo di vivere alle generazioni future, a sua figlia; la società , le sue chimere, i suoi pregiudizi hanno avuto il sopravvento e hanno portato sua figlia Sarah Jane addirittura a rinnegare completamente ciò che sua madre rappresenta. Sconfitta peggiore non ci poteva essere. Per questo un personaggio come Annie a noi pare strano, quasi irreale. Allora invece era sentito come qualcosa di vero, come possibile.
E' Sarah Jane quella che "vince". Lei rappresenta le generazioni future, il '68, quelle che decideranno di scardinare l'ordine morale costituito con le sue barriere etiche e sociali: sarà un ordine più libero ma più edonista e più materialista.
Ciò che non verrà scardinato è invece l'ordine economico. Il grande limite di tutte le "critiche" hollywoodiane è che rimangono sempre in un contesto morale, non entrano nel merito delle ingiustizie, non ne cercano le cause vere nel campo economico e sociale. Questo film non fa eccezione, con l'accettazione della divisione in ricchi e poveri presa come naturale, con l'occasione (l'illusione) per i poveri di avere successo se hanno talento e fortuna. La prospettiva è sempre individuale e mai collettiva.
C'è però qualcosa che non è per niente datato ed è la splendida, meravigliosa tecnica di ripresa. Mai punti di ripresa sono stati più azzeccati con un'alternanza di punti di ripresa dall'alto, dal basso, campi lunghi, medi e primi piani che si susseguono alla perfezione, movimenti di macchina e piani sequenza suggestivi ma allo stesso tempo molto naturali (altro che "L'infernale Quinlan" di Orson Welles), soprattutto quando scivolano lentamente per inquadrare uno specchio, il quale duplica la realtà, ci aggiunge riflessione (in tutti i sensi). Sono rimasto a bocca aperta, davvero. Sirk insieme a Bergman è il regista che meglio di tutti ha saputo usare gli specchi come strumenti di suggestione filmica.
Peccato per qualche momento forse un po' troppo retorico e per le forzature nella sceneggiatura, altrimenti sarebbe stato un capolavoro.
Comunque, ribadisco: "Lo specchio della vita" è un film profondamente pessimista. Per questo Sirk ha smesso di fare film.

Gruppo REDAZIONE maremare  @  18/05/2010 01:05:54
   9 / 10
Splendido struggente melodramma firmato dal Maestro Douglas Sirk

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  18/05/2010 00:58:32
   9 / 10
Il melò per antonomasia, un memorabile spaccato dell'America del grande sogno che prende atto dei propri successi e, soprattutto, dei propri fallimenti.
Pochi sono stati i film in grado di elevare le emozioni ad un tale livello di struggente umanità, pochissimi quelli che continuano anche a distanza di anni a suscitare la medesima ondata di commozione. Un film sul rispetto e sulla tolleranza nelle loro accezioni più universali, perchè come dice il personaggio di Annie Johnson "Non ci si deve mai vergognare di ciò che si è".
Dinanzi a concetti di tale importanza, e considerate alcune tra le pagine più toccanti all'interno del genere, si accettano senza particolari difficoltà anche le meno interessanti vicende sentimentali. Comunque l'attenzione si catalizza naturalmente sulla storia della domestica nera Annie e di sua figlia Sarah Jane, mulatta in lotta con se stessa e con la società razzista.
Nel finale non c'è freno che tenga, e le lacrime straripano senza sosta alcuna.
La regia di Sirk è straordinaria in tutto (da pelle d'oca l'aggressione a Sarah Jane mostrata attraverso la vetrina di un negozio), le interpretazioni splendide con menzioni d'obbligo per la Moore e la Kohner, intensissime protagoniste di un conflittuale rapporto madre-figlia tra i più laceranti visti sul grande schermo.
L'imitazione della vita secondo il grande Douglas Sirk, un film assolutamente indimenticabile.

2 risposte al commento
Ultima risposta 18/05/2010 01.26.29
Visualizza / Rispondi al commento
memo  @  17/05/2009 20:53:19
   10 / 10
un grande film folle sulla vita, la morte, l'america

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  08/05/2009 21:02:02
   7½ / 10
Primo film di Douglas Sirk che vedo e commento e a quanto sento dire in giro è uno dei suoi film piu' famosi!
Non amo il genere strappa-lacrime e questo puo' influire sulla mia valutazione!
Non si puo' negare che questo regista ci sa fare...prendendo una storia gia' portata sullo schermo nel 1934 e infarcendola di zucchero e buoni sentimenti...Molto interessante il fatto che la storia vada su due binari differenti.
La strada del successo e le sue conseguenze e il rapporto tra madre e figlia sullo sfondo del razzismo!
Un film costruito bene e condotto alla prevedibile commozione finale!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gatsu  @  26/04/2009 15:14:49
   7½ / 10
Non sono troppo amante del melodramma e di questo genere di film, ma devo riconoscere che il regista ci ha davvero saputo fare. So che è un remake di un altro film che non ho visto. Credo però che con una regia del genere e un cast deciso e all'altezza questo capitolo sia superiore a prescindere. Gran film.

Gruppo COLLABORATORI ULTRAVIOLENCE78  @  31/05/2008 01:08:20
   8 / 10
Melodramma americano per eccellenza del maestro del genere Douglas Sirk, che prende le mosse dal precedente film di Stahl. Sono sempre stato un pò refrattario a questo tipo di pellicole, tuttavia devo riconoscere che in questo remake tutto è svolto a regola d'arte: dalla sceneggiatura, alla recitazione fino alla regia di Sirk, che in "Imitation of life" si dimostra abile più che mai nella direzione degli attori (la stessa Lana Turner dichiarò che grazie al regista tedesco è riuscita a dare il meglio di se stessa). L'amore, l'ambizione, la rivalità madre-figlia, il classismo e il razzismo: tutto ciò è racchiuso in questo film e ne fa un esempio di profondità emotiva e drammatica, che culmina in un finale struggente come pochi.

alex75  @  13/02/2008 09:41:51
   8½ / 10
Apoteosi del melodramma anni Cinquanta in cui si intrecciano tensioni razziali e drammi privati. Madri e figlie, lacrime e abiti di chiffon con una stupenda Lana Turner, archetipo assoluto del dramma al femminile. Capolavoro del pianto da tramandare ai posteri

Invia una mail all'autore del commento Tempesta  @  23/09/2007 21:07:30
   10 / 10
Semplicemente Fantastico,uno dei film più commeventi che abbia mai visto.La storia di una donna(Emy Johnson)che lotta contro una figlia che si vergogna della sua pelle.Una Donna di successo( Lora Meredith)che accetta mamma e figlia in casa senza pregiudizi.Un capolavoro che tutti dovrebbere vedere.

giusss  @  23/09/2007 20:05:22
   10 / 10
Un film indimenticabile...che mi commuove ogni volta che lo rivedo.

orazio  @  20/07/2007 21:08:11
   9 / 10
Questo è uno dei tanti film dalla lacrima facile, che per colpa o per merito di mia madre, ho imparato a guardare e apprezzare (ovviamente con il fazzoletto in mano). Stupendo film che mette in primo piano sentimenti che ogni essere umano dovrebbe non nascondere mai.

dolcenapoletana  @  21/01/2007 18:18:15
   10 / 10
UNA STORIA TRISTE E BELLA NELLO STESSO TEMPO. DUE FAMIGLIE A STRETTO CONTATTO, IL SUCCESSO DI LOLA E DELLA FIGLIA E LE SFORTUNE DI EMY E DI SARA JANE...E TUTTO X IL COLORE DELLA PELLE.



METTO 10 PERCHE' NN E' POSSIBILE METTERE UN VOTO ANCORA PIU' ALTO.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

ibrahimovic83  @  28/12/2006 16:51:19
   9½ / 10
Film molto bello da vedere, la storia è triste ma rimane un capolavoro del cinema.

Ch.Chaplin  @  18/03/2006 13:58:32
   8½ / 10
applausi a kowalsky x l'esauriente commento, al quale mi sento di aggiungere ben poco..film toccante, commovente e dal finale diverso da cm avrei potuto aspettarmi..le interpretazioni sn perfette anke se dal punto d vista tecnico nn è un capolavoro. del resto nn è "come" è fatto ke è importante in qsta pellicola, bensì il "cosa" tratta..e direi ke lo tratta nel modo + pregevole possibile..strano ke nn sia molto votato!

2 risposte al commento
Ultima risposta 21/07/2007 14.17.19
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  20/02/2006 21:21:06
   9 / 10
Douglas Sirk ci ha insegnato a non vergognarci di piangere, ma sarebbe riduttivo relegarlo a maestro del melodramma, considerato che nella sua carriera ha diretto praticamente di tutto, dai western ai film d'avventura ai gialli, anche se resta innegabilmente l'ultima fase della sua carriera (1953 - 1959) la piu' acclamata e celebre.
In Sirk troviamo una spietata critica all'estabilishment sociale e alla way of life americana, che trova il suo culmine in questo splendido film.
Si tratta indubbiamente di uno dei piu' struggenti film della storia del cinema,
ma non solo: qui non si tratta di puri pretesti per strumentalizzare l'emozione dello spettatore, ma tutto è frutto di un'indignazione verso un sistema che crea discordie e dolore nei vari ceti sociali. Le figlie di Lora ed Emy sono entrambe infelici, per quanto la prima sia nata in ambienti agiati, mentre la seconda viva nella sua pelle la condizione meticcia del pregiudizio razziale, al punto di deprecare le sue radici. Particolare interessante: l'edizione del film ha censurato IN QUESTI ANNI la parte in cui Sarah Jane chiede se Dio è bianco e resta ammaliata dalla conferma che Dio è un uomo bianco. Trent'anni fa, questa sequenza veniva tranquillamente proposta, senza censure, e ci sembra di dire che il veto religioso col tempo è persino peggiorato.
La scelta della Turner, nei panni dell'ambiziosa Lora Meredith, con i suoi conflitti con la figlia, rende la storia ancora piu' conturbante e credibile, essendo stata da poco coinvolta nell'assassinio da parte della figlia di Johnny Stompanato, e in questo modo realtà e finzione si trovano perfettamente - direi cinicamente - nello stesso luogo.
"Imitation of life" dà anche l'opportunità a Sandra Dee, idolo dei teenagers, di misurarsi con un ruolo profondo e sincero, occasione che nella sua carriera si presenterà molto di rado.
Naturalmente il cambiamento dei costumi e la maggior libertà espressiva rende questo sequel molto piu' riuscito e acuto dell'originale del 1934, con Claudette Colbert al posto di Lana Turner.
Splendida l'attrice che interpreta Sarah Jane, che chissà come non ha avuto la carriera che si meritava.
Particolare interessante, gli uomini nel film non rivestono una grande importanza, per Sirk il belloccio John Gavin (a pochi mesi da Psycho), e Troy "scandalo al sole" Donanhue sono semplici testimoni di un complesso affettivo o ostile creato da donne.
Tutto fino all'imput finale; che ribalta tragicamente l'assurdità delle scelte in favore di una "fratellanza razziale universale", mentre Sarah Jane è costretta a vivere il rimorso della sua identità disconosciuta.
La solenne voce di Mahalia Jackson mi porta davanti uno di quei momenti incantevoli in cui è sofferto ma meraviglioso provare dolore, quando il cinema crea , con Sirk e pochissimi altri, quel senso narcotizzante di Visione Assoluta, e le lacrime non sono disposte mai a placarsi.

Vedi recensione

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

20.000 specie di api50 km all'oraa dire il veroadagioall soulsamerican fictionappuntamento a land’s endaquaman e il regno perdutoarfargylle - la super spiabang bank
 NEW
bob marley: one lovebuon natale da candy cane lanechi ha rapito jerry cala’?chi segna vince
 NEW
city hunter: the movie - angel dustcolpo di fortunacome puo' uno scogliocover story - vent'anni di vanity fairdeserto particulardieci minutidivinitydobbiamo stare vicinielf me
 NEW
emma e il giaguaro neroeneaferrarifinalmente l'albafinestkindfoglie al ventogenoa. comunque e ovunquegiorni felicigodzilla minus onehazbin hotel - stagione 1how to have sexi soliti idioti 3 - il ritornoi tre moschettieri - miladyil colore viola (2023)il confine verdeil fantasma di canterville (2024)il faraone, il selvaggio e la principessail maestro giardiniereil male non esiste (2023)il migliore dei mondiil mondo dietro di teil punto di rugiadail ragazzo e l’aironeimprovvisamente a natale mi sposo
 NEW
in the land of saints and sinnerskriptonla chiocciolala natura dell'amorela petitela quercia e i suoi abitanti
 NEW
la zona d'interessel'anima in pacele avventure del piccolo nicolas
 NEW
le seduzionimadame web
 NEW
martedi' e venerdi'maschile pluralemay decembermean girls (2024)mr. & mrs. smith - stagione 1napoleon (2023)
 NEW
night swimno activity - niente da segnalareno way up (2024)one lifepare parecchio parigipast livesperfect daysperipheric lovepigiama party! carolina e nunù alla grande festa dello zecchino d'oro
 R
povere creature!prendi il voloprima danza, poi pensa - alla ricerca di beckettpuffin rock - il filmrebel moon - parte 1: figlia del fuocored roomsrenaissance: a film by beyoncericomincio da me (2023)robot dreamsromeo e' giulietta (2024)runnersansone e margot - due cuccioli all'operasantocielosilver e il libro dei sognisound of freedom - il canto della liberta'succede anche nelle migliori famigliesuncoastte l'avevo dettothe beekeeper
 NEW
the cage - nella gabbiathe family planthe holdovers - lezioni di vitathe miracle clubthe piper (2023)the warrior - the iron clawtrue detective - stagione 4tutti a parte mio marito - it's raining mentutti tranne teuna bugia per dueupon entry - l'arrivoviaggio in giappone
 NEW
volarewishwonder: white birdwonkayannick - la rivincita dello spettatore

1047821 commenti su 50425 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ALIENATEAMERICAN NIGHTMARE - MINISERIE TVAPOCALISSE DI GHIACCIOBADLAND HUNTERSCALIFANOCAUSA DI DIVORZIOERADICATIONFREE FALL - CADUTA LIBERAGLI AMICI DELLE VACANZEGLI AMICI DELLE VACANZE 2IL DEMONE NEROIL SENTIERO DELLA VENDETTAIL TESORO DELLE 4 CORONEJUJUTSU KAISEN 0 - IL FILMLA BATTAGLIA DI HANSANLA FESSURALA LEGGENDA DI LONE RANGERLA ROSA DELL'ISTRIAL'AMORE ARRIVA DOLCEMENTEMALIZIOSAMENTENAGAOCCHIO NERO OCCHIO BIONDO OCCHIO FELINO…ONCE UPON A CRIMEPOUPELLE DELLA CITTA' DEI CAMINISEGUI IL TUO CUORESHERLOCK HOLMES - SCANDALO IN BOEMIASHUT IN (2022)SUFFERING BIBLETAURUSTERRA BRUCIATA (1953)UNA RETE DI BUGIE (2023)ZOMBIE 100 - CENTO COSE DA FARE PRIMA DI NON-MORIRE

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net