django regia di Sergio Corbucci Italia 1966
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

django (1966)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli! Condividi su Facebook

Seleziona un'opzione

locandina del film DJANGO

Titolo Originale: DJANGO

RegiaSergio Corbucci

InterpretiAngel Alvarez, Loredana Nusciak, José Bodalo, Franco Nero

Durata: h 1.37
NazionalitàItalia 1966
Generewestern
Al cinema nel Settembre 1966

•  Altri film di Sergio Corbucci

Trama del film Django

Per punirlo di un furto d'oro gli uccidono la donna e Django fa una strage. Uno dei capisaldi del western all'italiana: violento e feroce oltre ogni limite. Nero, al suo primo ruolo importante, si aggira portandosi appresso una misteriosa bara di cui solo alla fine svelerà il contenuto.

Film collegati a DJANGO

 •  POCHI DOLLARI PER DJANGO, 1967
 •  DJANGO IL BASTARDO, 1969
 •  W DJANGO!, 1971
 •  DJANGO 2 - IL GRANDE RITORNO, 1987

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,68 / 10 (61 voti)6,68Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Django, 61 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Dick  @  25/07/2014 14:35:12
   7 / 10
Fino alla sparatoria quando Django rivela il contenuto della bara è un bel western cupo e sporco con un gran bel personaggio misterioso. Poi, chissà perché, ci si butta in un più consueto

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER e lì il film perde alquanto di carica con il protagonista che risulta meno affascinante. Questi e la pellicola si risollevano nell' ultima parte. Peccato che nella seconda come scritto si cali.

Spotify  @  28/06/2014 17:26:08
   6½ / 10
Questo è in assoluto il primo western che ho visto in vita mia (ho visto qualche altro film contaminato con questo genere, ma nessuno di essi era principalmente legato ad esso). E' un bel film, pieno di azione e di sparatorie a go-go, e può essere considerato forse il capostipite dei western italiani a basso costo. Perchè, questo si, è un b-movie (stavolta ho centrato il traguardo, dopo il brutto esordio, qualcuno poi capirà cosa intendo dire;) ), ma nella sua semplicità riesce molto a prendere lo spettatore e a farlo "divertire". Grande interpretazione di Franco Nero, specialmente nei primi 30-40 minuti, quando si presenta come un pistolero molto cupo e misterioso. Scenografie bellissime, specialmente quella raffigurante il paesino semi-fantasma. Musiche fantastiche, alcune anche molto tristi e struggenti. Alcune scene sono diventate cult (vedi spoiler). Buona la regia di Corbucci, con sequenze molto suggestive. Ottima la fotografia. L'atmosfera del film è molto cupa e drammatica, e infatti non fa pensare al solito western, perchè qui alla base di tutto c'è una sanguinosa e violenta vendetta. Alcune scene, per l'epoca, sono molto violente e cruente, ma la violenza era anche un marchio di fabbrica per gli spaghetti-western. Le cose in cui il film, secondo me pecca, sono la sceneggiatura, che presenta vari difetti, come ad esempio, da un certo punto in poi, django da uomo misterioso e cupo lo fanno evolvere a un individuo troppo altruista, io l'averi fatto restare cupo e misterioso per tutto lo svolgimento della pellicola. Altra cosa un po' così, è il finale che è troppo frettoloso, avendo però dei gran dialoghi.

Un gran cult, molto godibile.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

alex94  @  14/06/2014 18:12:21
   7½ / 10
Buon film western di fine anni 60 ricco di sparatorie e violenza diretto molto bene da Sergio Corbucci e interpretato magnificamente da Franco Nero e accompagnato da una colonna sonora stupenda.
Un cult movie imperdibile.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

uito  @  18/04/2014 13:07:44
   6 / 10
western malato, sporco, immerso nella polvere e fango, quello in cui si trovano spesso gli uomini a barattare la vita col denaro...e così la bara faticosamente trascinata rappresenta l'emblema della sofferenza e della espiazione dei propri peccati...i quasi 50 anni si vedono e si sentono..., tuttavia, pur godibile, il film epigono della trilogia del dollaro non ne è minimamente paragonabile....

Invia una mail all'autore del commento Don Callisto  @  04/01/2014 04:13:17
   7 / 10
il film è particolare, non sono proprio sicuro del voto da dargli, ma comunque non è il solito western, è molto crudo e sotto alcuni punti di vista è proprio da cinema cult.

daniele64  @  24/09/2013 15:49:24
   6½ / 10
Film carino ma ,secondo me,un po' sopravvalutato.Buone alcune trovate,come la famosa bara e l'ambientazione cupa e fangosa,ma la trama è piuttosto abborracciata e presenta alcune parti poco credibili:

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Da notare alcune scene parecchio violente per l'epoca. Corbucci ha fatto forse le prove generali per "Il grande silenzio". Cast modesto ma sufficiente,con in evidenza gli occhi di Franco Nero e la bellezza della Nusciak (che veniva dai fotoromanzi,e si vede!).

1 risposta al commento
Ultima risposta 25/09/2013 00.35.46
Visualizza / Rispondi al commento
Fortune  @  03/08/2013 15:15:26
   7 / 10
Spaghetti-western del '66 con un enigmatico e truce Franco Nero accompagnato dalla sua fedele bara misteriosa...Sergio Corbucci ci regala un film crudo ed impietoso che dara' inizio al un ciclo di discreta fama internazionale.Ovviamente riprende le tematiche di S.Leone con un paio d'anni di ritardo ma l'ambientazione cupa,sporca e velata da una sorta di "pessimismo"costante, donano alla pellicola la meritata fama di "Cult nostrano".Sceneggiatura al limite della sufficienza e attori un po impacciati ma che, nel complesso reggono la parte degnamente.Colonna sonora meritevole e appropriata.Finale...beh...vedetevelo...

Elwing77  @  03/08/2013 14:21:22
   6½ / 10
L'ho trovato molto carino dal punto di vista dell'ambientazione. Per quanto riguarda i dialoghi e la trama, niente di speciale.

Melefreghista  @  31/07/2013 23:38:23
   5½ / 10
Sinceramente non mi ha entusiasmato, da capolavoro l'apertura con Django che trascina la sua bara, bella la scena finale, per il resto mi è parso un po' noioso sia nei dialoghi che nello sviluppo della trama, i personaggi poi non sono così incisivi.

Niko.g  @  04/07/2013 12:25:13
   7 / 10
Sporco di polvere e fango, senza cavallo e con una bara che si trascina con sé... E' la prima immagine che abbiamo di Django ed è già mito.
Dimentichiamoci la sceneggiatura perché essa è davvero misera (o poraccia, come direbbe Barbie Xanax). La grandezza del film è nella messinscena, nel funereo e geniale cavallo di troia, negli sguardi, nei silenzi, nelle atmosfere minimali da apocalisse western, nella splendida intro musicale del duo Bacalov-Migliacci.
Plausi a Franco Nero (qui al suo primo ruolo davvero importante) e al cattivissimo Eduardo Fajardo, nonché alla bellezza suadente di Loredana Nusciak (meravigliosa creatura, quanto pessima attrice).
La tua colt, Django, può sparare anche sette colpi e questo per noi è rassicurante.
Oh, Django!
After the showers is the sun
will be shining…

2 risposte al commento
Ultima risposta 05/07/2013 18.28.56
Visualizza / Rispondi al commento
gemellino86  @  01/07/2013 23:35:29
   7½ / 10
Bel film che all'epoca segnò una nuova serie del western italiano. Bravi gli attori. Regia abbastanza solida.

Charlie Firpo  @  01/07/2013 12:39:35
   7½ / 10
Cult del filone Western all' italiana, non paragonabile alla trilogia del dollaro firmata Leone ma comunque un bel film che va per i 50 anni, per certi versi meglio del remake di Tarantino.

Geniale Django quando dice al locandiere Nataniele " Non sono da solo" con a fianco la bara dal contenuto misterioso che poi si rivelerà essere una sorta di mitralliatrice made Old West.

Finale al cimitero cult con scenografia stupenda, " Nel nome del padre, del figlio e...."

Da vedere.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gabe 182  @  21/05/2013 19:20:27
   7½ / 10
Grande spaghetti western, un attimo (ma di poco) inferiore ai film di Leone.
Sporco e spietato come pochi, Django è certamente uno dei più cattivi western che ho visto.
Bellissimi i paesaggi, stupenda la colonna sonora, Franco Nero interpreta il ruolo di Django eccelsamente, degno di paragone con Eastwood nella saga del dollaro.
Le scene degli scontri sono fatte bene, quella del mitragliatore nella città è impressionante, bella la scena finale al cimitero.
Piccolo cult western all'italiana, a metà film si possono contare più di 50 morti, da brividi.

camifilm  @  12/05/2013 11:26:54
   8½ / 10
Un SUPER-FILM, che non risente dell'età.
Un grandissimo Franco Nero.
Una buona trama.

Merita di essere considerato il VERO, il CULT, di DJANGO (alla faccia di Tarantino).


FILM CULT...

Gruppo STAFF, Moderatore Invia una mail all'autore del commento stefano76  @  25/04/2013 19:33:22
   7½ / 10
Buon spaghetti-western con una lieve vena insolitamente cupa. Franco Nero e il suo sguardo di ghiaccio hanno poco da invidiare a Eastwood.

cort  @  12/04/2013 00:21:45
   7 / 10
famoso western che trova i suoi pregi in alcune scene molto caratterizzate ed nei due personaggi principali(Django e maria) e i difetti sono nella trama che non è sempre lineare e qualche scena è troppo allungata.

Invia una mail all'autore del commento Constantine  @  02/04/2013 21:24:52
   7½ / 10
Uscito due anni dopo e profondamente debitore del rilancio dello spaghetti western operato da Sergio Leone con il suo "Per un pugno di dollari", il film di Corbucci cerca di emulare quel capolavoro aggiungendoci violenza a profusione. Seppur non ci sia un vero confronto (per l'ovvia differenza qualitativa) tra le due pellicole, a suo modo anche Django di Franco Nero riesce a far breccia nella memoria degli spettatori, grazie al suo magnetico e carismatico protagonista ed un indimenticabile colonna sonora (mezzo punto in più) che gli garantiranno un successo internazionale; i problemi stanno tutti nel poco approfondimento che la narrazione sviluppa, perfino nell'oscuro passato del pistolero con la bara. Di sicuro, rimane, il ruolo più caratteristico e profondamente riuscito di Franco Nero. Sembra abbastanza chiaro il motivo per cui a distanza di anni, Tarantino verrà affascinato da questa pellicola al gusto di fango e sangue proponendone la sua deformata ed originale versione.

Son Goku  @  25/03/2013 20:34:17
   6½ / 10
Buon film, nient'altro da dire. Regia buona, recitazione accettabile, bella la colonna sonora.

Goldust  @  18/03/2013 15:02:48
   5 / 10
Nonostante un inizio promettente, dinnanzi ad un plot che fa acqua da tutte parti e ad una recitazione di infimo livello questo spaghetti western di serie b non poteva che licquefarsi miseramente, consegnando ai posteri ( pare non solo a Tarantino, visto il successo che ha avuto) solo una manciata di truci scene esageratamente sanguinose. E se il finale in mezzo alle croci ha un qualcosa di vagamente mistico e tutto sommato rispettabile non si capisce come le scene di lotta siano così mal coerografate ed il piano che prevede la fuga con il bottino sia così stupido. Difficile poi trovare un cast meno espressivo di questo; la colonna sonora di Bacalov è invece splendida, al pari della canzone cantata da Rocky Roberts che apre e chiude il film.

Atlantic  @  10/03/2013 22:44:31
   8 / 10
Come disse il regista Sergio Corbucci , mentre Ford aveva John Wayne e Leone aveva Clint Eastwood , lui aveva invece Franco Nero.
Un film diventato cult , il primo di una serie di successo di sequel da registi diversi che risultano delle spiacevoli copia incolla.
Grandissimo Franco Nero e Loredana Nusciak.
Non epico come i film di Sergio Leone ma comunque un ottimo esempio di western all'italiana

fabri70  @  09/03/2013 14:20:43
   7 / 10
i vecchi spaghetti-western vanno sempre di moda....molto avventuroso

GodzillaZ  @  05/03/2013 13:21:11
   7 / 10
Purtroppo mi sono perso la nuova interpretazione di Tarantino, ma questo Django mi è piaciuto.
Molto cinico e violento, ma allo stesso tempo "scanzonato" e non sempre credibile.
La storia stà in piedi a malapena ma il film è uno spasso.
Franco Nero/Django (sono l'unico a pensare che lui e Terence Hill siano praticamente gemelli?) sembra un Callaghan del vecchio west!
Divertente nello sviluppo e esaltante la vendetta.

1 risposta al commento
Ultima risposta 24/05/2013 15.15.11
Visualizza / Rispondi al commento
Oskarsson88  @  17/02/2013 23:16:34
   7 / 10
Incuriosito dopo aver visto il Django tarantiniano, ho deciso di rispolverarmi questo cult di cui avevo già sentito parlare più volte. Che dire... chiaramente non è un film di gran classe, anzi è abbastanza di serie B e piuttosto sempliciotto nello svolgimento.. però ha un suo che, il tema musciale, Franco Nero (che è un idolo) e scene di una più che discreta violenza che non sono da sottovalutare.. in tutto e per tutto un film godibile, anche se la fama è maggiore rispetto alla qualità.

Invia una mail all'autore del commento camifilm  @  10/02/2013 11:48:45
   8 / 10
Western sporco, crudo, italiano.
Trama non pesante e piuttosto semplice, ma con questo non un film brutto, anzi.
I personaggi sono accattivanti, intrattengono nelle loro avventure. Mitica la scena iniziale e molte altre. Grande Franco Nero.

Febrisio  @  30/01/2013 16:05:37
   6½ / 10
Rivisto perchè desideravo un revival in attesa di guardare Lincoln... ma dai su scherzo...
Django non è null'altro che un emulo di serie b dei film di sergino usciti prima di lui. Trama ridotta all'essenziale, poggiandosi sulla caricatura del pistolero misterioso vestito da nordista. Un infinità di sguardi tenebrosi, donne dalle giarrettiere facili e una bellissima Loredana Cappelletti. Pensare che Franco Nero dopo quasi 50 anni, recita nella versione "scatenata" di Django, è molto più che un cameo. Non so quale ruolo abbia, ma indifferentemente lo trovo un caso unico e speciale.
Sergio Corbucci può ringraziare quella bara, a cui deve praticamente il suo mitico e indelebile ricordo.

Sir_Montero  @  26/01/2013 15:54:27
   8 / 10
Un cult del cinema di genere italiano.
Un grezzo e sporco classico del western all'italiana, dalle tinte fosche e privo della benchè minima tendenza alla rassicurazione finale.
Indimenticabile la scena iniziale che vede questo pistolero solitario trascinarsi una bara al seguito, metafora esplicita di un destino di morte silente che accompagna il protagonista sin dalle prime scene.
Picchi di tensione, battute ridotte ad un'essenziale durezza e minacciosità, fango e polvere, saloon e baldracche grottesche, il tutto ritratto sullo sfondo di una desolazione calpestata unicamente da cadaveri e pallottole. Al di là di alcune, manifeste, carenze di carattere narrativo, questo film resta una piccola perla di un genere che ha segnato un'era della storia del cinema mondiale.
Nulla a che vedere con il remake di Tarantino che, nonostante la netta superiorità stilistico-formale, scade (come già detto nel commento specifico) in un epilogo che non reca traccia del più profondo e decadente progenitore.

InvictuSteele  @  23/01/2013 13:17:57
   6½ / 10
Un piccolo cult e tra le prime pellicole di un genere (lo spaghetti western) che farà la fortuna del cinema italiano dell'epoca. Django parte subito in pompa magna con gli occhi di ghiaccio e le frasi da spaccone di Franco Nero che ipnotizzano, alcune inquadrature del regista Corbucci sono splendide e la storia conquista sin dalla prima sequenza. Ci sono delle piccole ingenuità tamarre che a volte fanno sorridere (come nella scena finale) ma il film scorre che è un piacere.

Quando anche il piccolo cinema italiano era di qualità.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Satyr  @  23/01/2013 12:28:01
   7 / 10
Visto sulla scia del film di Taranatino, Django mi ha soddisfatto su tutti i livelli possibili: dal fascino magnetico del protagonista - straordinario Franco Nero - passando per la potenza visiva della famosa sequenza iniziale - 5 minuti in cui già sai che amerai tutto quello che verrà dopo -, fino ad arrivare a una regia eccellente, una fotografia visionaria e un gusto per le inquadrature fuori dal comune. Violento, trash nel finale, tamarrissimo nel tratteggiare i personaggi. Non sono un fan del genere, ma che bello, oh.

Invia una mail all'autore del commento nocturnokarma  @  23/01/2013 11:35:52
   6½ / 10
Lo spaghetti western in erba e fondamentale da un punto di vista storico ("Per un pugno di dollari" è di soli due anni prima). Tra ingenuità narrative e visive (alcune duelli risolti in modo grossolano), Django ha il punto di forza nel dar vita a un pistolero con bara al seguito di potenza visiva innegabile.

Le atmosfere classiche ci sono tutte: il saloon, le prostitute, i clan rivali, il fango e il sangue del vero cinema di genere. Donne frustate, orecchi tagliati, mani maciullate; un pulp primordiale, ingenuo e divertente insieme.

Godibilissimo anche per i non iniziati allo spaghetti western. Vedere per credere.

Leonardo76  @  21/01/2013 21:00:30
   5 / 10
Western abbastanza banalotto e mal recitato. Per me non regge il paragone con Leone.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR rain  @  27/12/2012 15:52:24
   6½ / 10
Visto in attesa dell'uscita del prossimo film di Tarantino. Devo dire che non amo particolarmente il genere western e "Django" non mi ha entusiasmato. Il protagonista ricorda ovviamente l'Eastwood visto nei film di Leone ma con la metà del suo magnetismo. Alcune cose sono buone: vedere il protagonista scorazzare in giro trascinando quella bara è una trovata di gran effetto, anche il duello finale al cimitero. Onestamente mi aspettavo di più però.

Signor Wolf  @  02/07/2012 22:55:18
   5½ / 10
visto solamente per capire cosa ci trovasse tarantino in questo film, sinceramente non l'ho capito, forse sarà che

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  04/03/2012 00:23:51
   6½ / 10
Corbucci gioca a fare Leone ma questo film è pura serie C in tutto (colonna sonora, regia, riprese, dialoghi, recitazione...) Ovviamente si può dire che sia questa l'essenza dello "spaghetti western". Nero resta a metà tra Clint Eastwood (stesso doppiatore) e Terence Hill. C'è qualche idea interessante, ma almeno una trama avrebbero potuto prendersi la briga di scriverla...

2 risposte al commento
Ultima risposta 04/03/2012 10.22.40
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  15/09/2011 21:05:16
   6½ / 10
Spinge molto l'accelleratore sul lato della violenza ed è eccellente l'apparizione del personaggio di Django con tanto di bara trascinata, una specie di supplizio autoinflitto. Django in effetti è una versione più cupa dello straniero senza nome dei film di Leone, ma mettendo tasselli sul suo passato, mai del tutto svelato, ne toglie in parte il fascino iniziale. Un discreto film che con qualche variante ma che ricalca in alcune parti l'ossatura di Per un Pugno di dollari.

PignaSystem  @  08/08/2011 17:24:11
   7½ / 10
Generato appena dopo l'avvento della novità del western all'italiana, "Django", come capitò anche ad altri titoli di genere divenuti negli anni di culto, uscì ma non realizzò grandi incassi, se non per conoscere , pochi mesi dopo , una seconda carriera in sala molto più remunerativa: a metà anni Sessanta, se erano apparsi violenti i primi due film di Leone, questo spinse il pedale della brutalità, includendo uno dei cattivi cui viene fatto mangiare il proprio orecchio dalla fazione avversaria ( detta così è una cosa giustamente insostenibile, ma fortunatamente si vede poco o niente), giungendo a livelli di inusitato furore, come la tortura cui viene sottoposto l'ombroso Django di Franco Nero. La storia, a grandi linee, ricalca quella di "Per un pugno di dollari", con il protagonista, un taciturno abilissimo con le armi, che si allea per opportunità prima con un clan, poi con l'altro, comunque per proprio tornaconto: la canzone dei titoli è cantata da Rocky Roberts, che realizza un modello molto imitato negli anni seguenti. Il film, a tratti, è pervaso da una disperazione onesta, altrove ricorre troppo insistentemente a scene di grand-guignol vario, forse per apparire più originale: nella sostanza, un westernaccio abbastanza onesto, godibile , che risente troppo dell'ispirazione all'originale leoniano.

1 risposta al commento
Ultima risposta 24/05/2013 15.11.03
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  11/07/2011 00:03:34
   7 / 10
Classico spaghetti western creato sulla scia di Leone; l'eroe taciturno che qui ha un nome,Django appunto,si appoggia totalmente sulla figura di Eastwood e gli deve praticamente tutto,ciononostante il film non è mai lento,è pieno di sparatorie tra fazioni rivali messe nel pentolone a "casaccio": messicani,americani,prostitute e chi più ne ha più ne metta...
Ma c'è da dire che è realizzato bene,non è assolutamente trash come scritto in qualche altro commento. Si vede che dietro l'operazione c'è più l'intento di ricalcare che di creare qualcosa di nuovo ma possiede una sua originalità,specie nelle scene violente (si riducono a due davvero significative però): taglio dell'orecchio e mani maciullate. Il primo in particolare è inaspettato e disturbante ancora oggi,ma Corbucci non si sofferma sul dettaglio violento ed è bravo nel creare un'atmosfera di desolazione sin dal bellissimo inizio con uno Django solitario che si trascina dietro l'inseparabile bara. Molto riusciti un paio di colpi di scena inoltre...
Non c'è altro da dire,estremamente godibile ma niente paragoni leoniani per favore...

baskettaro00  @  28/06/2011 10:42:28
   7 / 10
Sostanzialmente d'accordo con la media generale.
Uno spaghetti-western per nulla pesante, che vanta un modico minutaggio,
rimasto famoso per due scene "pesanti"all'epoca, ovvero il taglio di un orecchio
e mani sulle quali passano sopra zoccoli di cavalli..
Non sono un amante degli SW ma quelli che vedo non mi dispiacciono, ma son
del parere che non vanno visti in grandi quantità altrimenti rischian d'annoiare;)

Invia una mail all'autore del commento nrgjak  @  09/05/2011 22:32:41
   7 / 10
Esagerato, violento, inverosimile, citazionista e troppo poco originale, un cult non cult in bilico tra banalità e genio. di certo non annoia e la figura di django e la sua bara compensa tutti i tanti difetti del film.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  08/12/2010 23:41:05
   5 / 10
"Django" è una versione piu' violenta dei film western di Leone!
Facile il paragone tra Franco Nero e Clint Eastwood nell'essere entrambi questi eroi solitari venuti dal nulla pronti a combattere , da soli , contro interi eserciti!
Qui sinceramente si esagera in parecchie scene...
Non lo ritengo un buon film di genere ma una semplice pacchianata diventata inspiegabilmente cult...

Gruppo REDAZIONE amterme63  @  09/11/2010 21:58:22
   7 / 10
Il grande successo dei film western di Sergio Leone ha provocato tutta una serie di "imitazioni" o di variazioni sul tema. "Django" appartiene a questo gruppo. Infatti anche in questo film tutto ruota intorno alla figura di un "eroe" solitario, di poche parole, misterioso, ambiguo, tiratore infallibile che usa il male a fin di bene. Intorno ruota tutta una serie di figure poco abbozzate e stereotipate: o completamente cattive, o vigliacche o materialiste. Ne viene fuori un ritratto sociale e etico amaro e pessimista.
Nel film di Corbucci si apportano, soprattutto nella prima parte, delle importanti innovazioni allo schema. La prima cosa che si nota è una specie di simbologia religiosa. Django trascina dietro sé con estrema fatica una bara. Sembra a volte Gesù che si reca al Golgota. Il simbolismo della bara funziona anche come una specie di "memento mori", il quale rimanda a qualcosa di etico e spirituale, più che materiale. In alcune scene appare chiara addirittura l'iconografia della croce. Gli interventi di Django assumono poi il significato quasi di un giudizio apocalittico, la giustizia "divina" che supplisce all'assenza di quella umana. La scena del salvataggio della prostituta Maria, con susseguente attaccamento di lei e ostentato distacco da parte di lui, rimanda alla redenzione di Maria Maddalena. L'ambientazione aspra e il terreno fangoso fanno poi pensare un po' agli scenari dei Vangeli e al valore nullo che ha la vita terrena (equivalente a fango).
Tutto questo fino al momento in cui Django apre la bara e tira fuori il suo contenuto. A questo punto tutta la simbologia religiosa sparisce e Django torna nei soliti e strausati ranghi dell'eroe giustiziere e attaccato all'oro del western all'italiana. Peccato, perché continuare su questa strada avrebbe portato il film a essere qualcosa di molto originale.
Invece nel proseguo del film si passa a simbologie di natura prettamente politica. Il partito del Capitano Jackson assume l'aspetto di un gruppo animato da ideologie di destra razziste e nazistoidi; accostamento molto evidente che viene un po' sviato solo dal colore rosso con cui i componenti delle squadracce si vestono. Django decisamente odia questo gruppo, mentre è molto più indulgente e quasi supporter del gruppo contrapposto, quello dei Messicani. Questo gruppo ha chiari rimandi ai gruppi di lotta rivoluzionaria popolare orientati a sinistra. Le faccie delle persone che fanno parte di questo gruppo sembrano uscite fuori da un quadro di Guttuso. Nonostante le evidenti simpatiche, anche questo gruppo viene condannato come fondamentalmente materialista e fanatico. Django/Dio non ha pietà neanche per loro.
Nel finale ritorna la simbologia religiosa con Django che si sacrifica e soffre per "liberare" dal male.
Per il resto purtroppo il film segue fin troppo gli stereotipi del genere, con qualche segno di quello che sarà la sua decadenza. Infatti si indugia fin troppo sulle s*****ttature e le imprese sfiorano a volte l'assurdo. La via è aperta alle parodie e alle specializzazioni ludiche.
Rimane comunque quest'atmosfera greve, cupa, solitaria e soprattutto il fango, tanto fango in cui si affonda e dove si rotolano litigando le persone. Per Corbucci è questo il mondo in cui viviamo.

1 risposta al commento
Ultima risposta 24/05/2013 15.07.47
Visualizza / Rispondi al commento
thamadartist  @  06/06/2010 11:48:35
   2 / 10
Non mi è piaciuto da morire pechè in questo film cè tutto e niente:
comincia con Django che salva una ragazza poi una sparatoria senza motivo, poi la sparatoria viene fatta anche fuori dal bar (e Django vince). Poi ruba polvere d'oro senza un motivo valido per il proseguirsi della storia. Poi c'è una s*****ttata inutile in un bar che non centra niente col film poi c'è la sparatoria finale dove Django vince con le mani rotte.

Film inutile senza una trama e senza senso.

1 risposta al commento
Ultima risposta 24/05/2013 15.02.45
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  17/05/2010 15:52:25
   7 / 10
Non si può evitare di annoverare "Django" tra i più famosi spaghetti-western.
Diretto da Sergio Corbucci mostra già nell'ambientazione desolata e fangosa uno spunto originale non proprio consono al genere,tanto quanto l'arma che si porta in giro all'interno di una bara il protagonista.Django, interpretato da Franco Nero, ricorda esplicitamente la fisicità e lo sguardo magnetico di Clint Eastwood,il noto del texano dagli occhi di ghiaccio. Corbucci infatti, pur cercando proprie vie narrative, non manca di omaggiare ed accodarsi a basi assodate per raccontare una storia più volte implausibile ma dotata della giusta agilità narrativa, unita ad una pregevole alternanza tra sparatorie e momenti più statici.
Crepuscolare nella messa in scena Django è rappresentato mediante una visione molto umana e fallace,Corbucci non insiste sulla glorificazione dell'individuo e della sua dura predisposizione,la figura presentata è più attinente all'antieroe di frontiera che mostra grande familiarità con la violenza senza apparire come inappuntabile paladino della giustizia.Nella definizione del personaggio e in tutta la ferocia che gli ruota attorno vertono i maggiori spunti di interesse della pellicola,impreziosita da alcune splendide sequenze (quella d'apertura su tutte) e dal tormentone di Luis Bacalov.

pinhead88  @  08/05/2010 16:28:34
   7½ / 10
Mah,non comprendo tutti questi voti bassi sinceramente.non sarà un capolavoro alla Leone,ma rimane pur sempre uno spaghetti western carismatico e significativo,di tutto rispetto.se c'era Leone alla regia dubito che ci fossero tutti questi votacci.

Marvpel  @  23/04/2010 23:07:01
   4 / 10
Imbarazzante. Non capisco il successo di questa pellicola, le idee interessanti sono veramente, veramente poche (una su tutte, se non l'unica, la bara). I dialoghi sono un trionfo di banalità incapaci di suscitarmi una qualsiasi emozione, se non l'antipatia nei confronti di Django, il cui carisma tende a zero. Carenza che un western non può permettersi. Forse la violenza delle scene può portare il film a differenziarsi dai suoi coetanei, ma personalmente la ritengo una caratteristica, non necessariamente un pregio. Film evitabile.

4 risposte al commento
Ultima risposta 24/09/2010 18.50.58
Visualizza / Rispondi al commento
LoSpaccone  @  06/04/2010 10:20:13
   4½ / 10
Qualche buona idea piazzata qua e là c'è ma se non siamo nel trash poco ci manca. Pessime la regia e la recitazione e nell'insieme non dà mai la sensazione di essere un vero western. Pare che da un momento all'altro possa spuntare una Fiat 850 da qualche parte...

3 risposte al commento
Ultima risposta 11/04/2010 17.48.16
Visualizza / Rispondi al commento
edmond90  @  06/04/2010 08:55:17
   6½ / 10
Grandi idee in questo conosciutissimo spaghetti-western,ma,ahime,povera realizzazione.Innanzitutto Franco Nero è monoespressivo per tutta la pellicola e poi la regia non trova mai un guizzo,non si eleva mai al di sopra della normalità,tutto troppo piatto,a differenza dell'inizio,davvero accattivante!!!!6 e mezzo solo per Django che trascina la bara con la musichetta in sottofondo.

DarkRareMirko  @  28/04/2009 15:33:24
   7 / 10
Tra gli western più violenti ed inverosimili che la storia ricordi.

Un pò di derivatività, ma comunque il gran carisma dei personaggi ha avuto echi pure nel mondo dei videogiochi per esempio (basta ricordare l'estetica dei due buoni Gungrave, dove il protagonista gira con pistole e bara al seguito); gran successo internazionale, discreta regia del gran mestierante Corbucci, molto buona l'interpretazione di Franco Nero (non alla sua prima escursione in film molto violenti, o comunque non proprio mainstream, basta ricordare anche Autostop rosso sangue di Festa Campanile).

Buchi in sceneggiatura a livlelo psicologico e narrativo, ma ad ogni modo nulla di davvero grave.

Un sequel originale a quanto so, sempre con Nero, (e pure più che passabile) e almeno mezza dozzina quelli apocrifi, che con questo cult di Corbucci avran in comunque soltanto il titolo.

Da vedere.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gatsu  @  28/04/2009 15:14:54
   6 / 10
"Django" è un film che purtroppo ha la pecca di appoggiarsi, anzi di copiare le gesta di Leone e del mitico personaggio senza nome della trilogia del dollaro, perchè altrimenti sarebbe un gran western. Si lascia vedere certo e in qualche scena è davvero brillante, ma come qualcuno più in basso ha scritto, "Il grande Silenzio" sempre di Corbucci, gli è totalmente superiore.

Neu!  @  24/03/2009 22:30:07
   5 / 10
in effetti ha poco a che vedere con i western di Leone... niente di che, anche se c'è di peggio.

Sestri Potente  @  24/03/2009 22:15:50
   3 / 10
Spaghetti western monocorde e privo di momenti significativi. Niente a che vedere con i grandi film di Leone!
Inguardabile.

Alex83  @  01/01/2009 22:52:52
   7½ / 10
Buon film western, mezzo voto in più per quello che è riuscito a diventare negli anni

Gruppo REDAZIONE VincentVega1  @  11/12/2008 12:51:00
   6½ / 10
Western non esente da scene al limite del trash. Prima parte più statica: quasi un assalto alla "Distretto 13" di Carpenter, con la macchietta di Clint Eastwood impegnata a difendere il fortino zeppo di ********. Poi ci si sposta, fra messicani puttanieri e incappucciati rossi razzisti, allargando lo scontro a proporzioni molto più vaste. Irreale dalla prima all'ultima scena, non manca di parti crude e violente, su tutte il taglio dell'orecchio (chissà se Tarantino non ci abbia preso lo spunto per il balletto del suo Mr.Blonde, visto la sua partecipazione al film di Miike).

Molto più vicino a Leone che al western americano, purtroppo però, secondo il mio punto di vista, rimane una copia mal riuscita.

Invia una mail all'autore del commento BIONDO  @  22/05/2008 04:33:54
   9½ / 10
leggendario!! l'idea del pistolero che si porta dietro la bara è pazzesca!! anche le musiche sono stupende!! cult!!

under83  @  11/03/2008 21:51:00
   7 / 10
grande western.. Franco Nero nella parte di eroe oscuro la fa da padrone,e molte scene e frasi sono da antologia western..
Consigliato anche a chi non apprezza i western tipici

Mister  @  01/02/2008 13:09:30
   6½ / 10
Facendo il verso a Sergio Leone, Corbucci segnò la svolta dello spaghetti-western verso la violenza più trucida e inverosimile e fece di Franco Nero una "star"

Invia una mail all'autore del commento luca986  @  24/09/2007 13:09:14
   9 / 10
Il voto giusto sarebbe 8,5 ma Django ha una media troppo bassa per adesso. E non la merita. Film godibilissimo, che è secondo a pochi film del genere, naturalmente quelli di leone(non tutti perchè io preferisco Django a per un pugno di dollari). Indubbiamente I film del grande Leone sono stati un modello e manca una colonna sonora anche solo paragonabile a quei film. Però il film riesce a sorprendermi in alcuni momenti, un elemento che lo colloca ai vertici degli spaghetti western. E son felice che l'ultimo film pazzo di Miike dove recita Tarantino sia un omaggio a questo film.

phemt  @  01/07/2007 16:44:26
   7 / 10
Spaghetti western firmato Corbucci che con il tempo è diventato un vero e proprio cult… Di stampo molto più Leoniano rispetto al successivo Il Grande Silenzio, Django è un western violento e crepuscolare caratterizzato da una storia che per quanto poco originale è ben portata avanti anche se qualche scelta narrativa non mi convince più di tanto (il modo in cui per esempio scompaiono i soldi)… Corbucci dirige bene e può contare su un ottima colonna sonora firmata Bacalov (con tanto di main theme cantato da Rocky Roberts), il cast fa il suo dovere anche se Franco Nero, in questo caso in versione dark, finisce sempre per ricordare un po’ troppo Eastwood ma a quel tempo era un po’ dovuta una cosa del genere… Alcune trovate sono ottime (la bara su tutte) e il finale è molto ben riuscito...
Il film diede poi vita ad una serie di pellicole che sfruttano il nome Django ma che poco avevano a che vedere con il prodotto di Corbucci e ad una serie di omaggi da Jodorowsky (il look ne El Topo) a Tarantino (il taglio dell’orecchio) per arrivare a Terminator 3 (la bara)…

Inutile dire che attendo con ansia di poter assistere al remake firmato Takashi Miike…

francuccio  @  13/06/2007 12:30:24
   7 / 10
Non sono proprio un amante del genere western, però Corbucci è riuscito a catalizzare spesso la mia attenzione. Django è ormai un cult movie di fama internazionale. Protagonista un eroe dark, una sorta di vendicatore nero e che misteriosamente gira portandosi sempre dietro una cassa da morto, in questi luoghi desolati e quasi spettrali, spazzati via e distrutti dalla guerriglia civile e da pazzi fanatici. Il film è un western - noir, violento e sanguinolento, su cui aleggia dall'inizio alla fine un senso di morte, e non solo per la bara e per i corpi straziati delle numerose carneficine. Curioso sapere che l'aiuto regista del film è quel Deodato, maestro dei cannibal movie e che avrà sicuramente cercato di mettere la sua mano sadica e il suo gusto per i corpi grondanti sangue, anche se non so fino a quando si sia divertito visto che poi il film, seppur violento si pone dei limiti a scene in tal senso.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Requiem  @  07/03/2007 13:06:00
   7 / 10
Non è fantastico, e non è comprensibile il successo internazionale che ebbe.
Almeno perchè Corbucci diresse anche un western memorabile come "Il grande silenzio", che poi non è rimasto famoso come "Django".

Qui Corbucci fa un po' il Leone della situazione e Nero, in uno dei + famosi personaggi, imita Clint Eastwood.
E' bello violento e divertente, ma il paragone con "Il grande silenzio" non esiste.

Gruppo COLLABORATORI Aenima  @  07/03/2007 12:30:59
   8 / 10
Che gran film...

L'apertura in campo largo sulla figura di Django, che cammina nel deserto trascinando una bara, è una di quelle che non si dimenticano...Deprimente e crepuscolare come pochi (la raffigurazione della città morta lascia un'impornta di desolazione che ho provato raramente).

Grande prova di Franco Nero, al suo primo ruolo di rilievo, e applausi per Corbucci; una certezza nel genere.

Gruppo REDAZIONE maremare  @  18/02/2007 11:05:19
   7 / 10
Django fu lo sfortunato tentetivo di costruire un eroe dark al tempo degli spaghetti western.
Il film comunque è da vedere con curiosità, possiede una propria originalità

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 NEW T
...e fuori nevica! (2014)
 T
amore, cucina e curry
 T
amoreodio
 T
anime nere
 T
annabelle
 T
arance e martello
 T
barbecue
 T
bastardi in divisa
 T
belluscone, una storia siciliana
 T
boxtrolls - le scatole magiche
 NEW T
capitan harlock - l'arcadia della mia giovinezza
 T
class enemy
 T
colpa delle stelle
 T
comportamenti molto... cattivi
 NEW T
cristiada
 T
everyday rebellion
 T
frances ha
 T
fratelli unici
 T
i due volti di gennaio
 T
i mercenari 3
 T
i nostri ragazzi
 NEW T
il giovane favoloso
 T
il regno d'inverno - winter sleep
 T
io sto con la sposa
 T
jimi: all is by my side
 NEW T
joe
 NEW T
la banda dei supereroi
 T
la buca
 NEW T
la moglie del cuoco
 T
la nostra terra
 T
la preda perfetta
 T
la trattativa
 T
la zuppa del demonio
 T
l'ape maia
 R T
le due vie del destino
 T
l'incredibile storia di winter il delfino 2
 HOT T
lucy
 T
maze runner - il labirinto
 T
medianeras, innamorarsi a buenos aires
 T
necropolis - la citta' dei morti
 T
party girl
 T
pasolini
 T
perez.
 NEW T
piccole crepe, grossi guai
 T
pongo il cane milionario
 T
poshpostman pat
 T
resta anche domani
 T
se chiudo gli occhi non sono piu' qui
 T
senza nessuna pieta'
 T
sex tape - finiti in rete
 R T
si alza il vento
 HOT T
sin city - una donna per cui uccidere
 NEW
soul boys of the western world: spandau ballet - il film
 T
take five
 T
tartarughe ninja
 T
the equalizer - il vendicatore
 R T
the giver - il mondo di jonasthe green inferno
 R
the look of silence
 T
the protector 2
 T
tutto molto bello
 NEW T
tutto puo' cambiare
 NEW T
un milione di modi per morire nel west
 T
un ragazzo d'oro
 T
una promessauscio e bottega
 T
vinodentro
 T
walking on sunshine
 T
winx club: il mistero degli abissi

878016 commenti su 31294 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net
Division: Workless