challengers regia di Luca Guadagnino USA 2024
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

challengers (2024)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film CHALLENGERS

Titolo Originale: CHALLENGERS

RegiaLuca Guadagnino

InterpretiZendaya, Mike Faist, Josh O'Connor, Darnell Appling, Bryan Doo, Shane T Harris, Nada Despotovich, John McShane, Chris Fowler, Mary Joe Fernández, A.J. Lister, Connor Aulson, Doria Bramante, Christine Dye, James Sylva, Kenneth A. Osherow, Kevin Collins, Burgess Byrd, Jason Tong, Hudson Rivera, Noah Eisenberg, Emma Davis, Naheem Garcia, Alex Bancila, Jake Jensen, Konrad Ryba, Hailey Gates, Andrew Rogers, Beverly Kristenson Helton, Brad Gilbert, Sam Xu

Durata: h 1.40
NazionalitàUSA 2024
Generedrammatico
Al cinema nell'Aprile 2024

•  Altri film di Luca Guadagnino

Trama del film Challengers

Tashi, una giocatrice di tennis diventata allenatrice, ha trasformato suo marito Art da un mediocre giocatore a un campione del grand slam. Per risollevargli il morale dopo una scia di partite perse, lo porta a giocare a un evento “Challenger” – uno dei tornei di livelli piů bassi nel tour pro – dove si ritrova ad affrontare quello che una volta era un giocatore promettente e ora č totalmente esaurito: Patrick, suo ex migliore amico ed ex fidanzato di Tashi.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,18 / 10 (14 voti)7,18Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Challengers, 14 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Macs  @  22/05/2024 15:46:37
   5 / 10
Boh andrò controcorrente ma questo film mi ha deluso parecchio. E' una classica e trita storia di un triangolo amoroso, come ce ne sono migliaia di variazioni, l'unica novità è che è ambientato nel mondo del tennis. L'ho trovato abbastanza scialbo e poco interessante, anche la recitazione mi è sembrata a tratti dilettantesca (la scena in cui Patrick chiede a Tashi di fargli da coach, mi ha provocato una fortissima sensazione di cringe e risate involontarie). L'unico interesse è ammirare le grazie di Zendaya: ma onestamente, provate a chiedervi, se al posto di Zendaya ci fosse stata un'altra attrice meno "magnetica" e affascinante, ma quanto vi sareste rotti gli zebedei a guardare sto film? Anche perché è troppo, davvero troppo lento; si salvano le musiche elettroniche, che sembrano fuori luogo ma alla fine funzionano quantomeno a risvegliare lo spettatore dal torpore e dal piattume di dialoghi e situazioni. Spesso mi ha dato poi la sensazione di una fiction di Rai1, molto televisivo come impostazione e fotografia.

Gruppo COLLABORATORI Harpo  @  16/05/2024 12:00:57
   8 / 10
Beh, ragazzi, filmone incredibile. Era da secoli che aspettavo un lavoro simile sul tennis. Poco da dire, è proprio tutto notevole: dallo script alla fotografia, dalla regia al montaggio questo è Cinema con la c maiuscola.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Cinder  @  08/05/2024 11:26:29
   10 / 10
Guadagnino al top.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  06/05/2024 00:40:04
   7 / 10
Può essere un'esperienza noiosa per chi non capisce niente di Tennis e non lo ama (infatti del tennis non me ne frega un *****) ma come al solito Guadagnino gira splendidamente e gira una storia dove il Tennis ha lo stwsso rigore morale del Jazz di "Whiplash", che cone termine di paragone mi sembra più consono di un Truffaut. Diciamo che la cifra stilistica del film - stupendi gli esterni girati in macchina tra Patrick e Tashi - è tale che potrebbe diventare il film di Guadagnino più amato anche da chi non lo ama particolarmente. Diciamo anche che sulla carta è un film calcolato - fin troppo - proprio come le regole del Tennis ma non disdegna momenti molto belli e soprattutto un Eros che, per quanto possa sembrare patinato, ci mancava eccome nel cinema contemporaneo d'autore. Epilogo che vorrebbe consegnarsi alla storia e non ci riesce, tuttavia commovente nella sua logica sulle potenzialità umane, attori bravi e ben diretti. Preferisco il Guadagnino che va oltre le aspettative e rischia di più ma "Challengers" resta un "prodotto" assolutamente rispettabile

1 risposta al commento
Ultima risposta 22/05/2024 23.09.56
Visualizza / Rispondi al commento
Scuderia2  @  05/05/2024 19:45:37
   5½ / 10
Quello non è un vizio.
È una routine di servizio.
C'è chi fa rimbalzare la palla 6 volte, chi si toglie le mutande dal cul.o, chi avvicina la pallina al piatto corde.
Poi ci può stare come risvolto di sceneggiatura per dare un senso al triangolo misto, va bene.

Zendaya può essere che sia stata scritturata perché dimostra di avere un rovescio bimane bellissimo, e risulta davvero attraente e credibile in kit da tennis.
Sul versante agonistico maschile la situazione crolla drammaticamente e vengono messi in scena scambi improbabili per gente che dovrebbe essere pro.
Ciò che succede poi nella sequenza finale, considerando gesto tecnico e atletico, è un disastro di rara tristezza.
Neanche Fantozzi e Filini al Park Tennis erano arrivati a tanto.

La regia si difende, con ottime scene quando la telecamera è posizionata sulla rete e la pallina avanza veloce.
Il montaggio crolla miseramente nella finale quando Zweig è al servizio per andare al tie break e serve due volte dallo stesso lato: la prima fa doppio fallo, la seconda è quando cambia routine e riporta alla luce vecchi messaggi in codice.

Sul triangolo amoroso non mi sento di esprimere giudizi eclatanti.
Da eterosessuale, Zandaya mi lascia abbastanza indifferente, mentre quei Nargiso e Pescosolido lì mi sembrano al limite dell'insignificante.
Insomma, tutto questo clamore erotico mi pare fuori scala.
Per fortuna ci sono Reznor e Ross che picchiano duro da fondo campo a dare un senso a questa visione.

Allora Guadagnino, che fa, giri?

Manticora  @  05/05/2024 18:56:27
   8 / 10
Dopo Bones and All Guadagnino costruisce sapientemente il secondo film per MGM-Amazon su commissione, ma riesce comunque a mantenere integrità di scrittura e anche visivamente. NON è un film sul mondo del tennis, e NON è un film su un triangolo amoroso tra due ragazzi e una ragazza. In realtà è uno spaccato della vita di tre persone che si cercano, si amano, si scontrano e si manipolano dall'inizio alla fine, tutto questo ovviamente ha delle conseguenze.
Guadagnino usa una regia semplice, in cui la forma e la sostanza vanno a braccetto. Complice una ispiratissima colonna sonora Tecno-house di T. Reznor e Atticus Ros il film non annoia, anzi, rilancia. Anche la narrazione non lineare funziona tramite un montaggio rigoroso ed efficace. Ovviamente Zendaya ruba letteralmente la scena con la sua Tashi Duncan, giovane promessa del tennis, iscritta ad un ottima università e bellissima, ma con un caratterino per niente facile, che sfocia nel manipolatorio e nel essere una s234nza.
I due ragazzi ovviamente pendono dalle sue labbra, e chi sta con chi cambierà nel corso della storia, Patrick è più rozzo(forse) loquace ma anche indipendente . Art invece è il classico bravo ragazzo che fa tutto giusto e ovviamente si fà imporre da Tashi TUTTO . Infatti

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Wilding  @  05/05/2024 10:26:17
   7 / 10
La storia è in secondo piano, sommersa da suono, fotografia e dalla straripante bellezza e sensualità di Zendaya. Si segue con piacere ma si dimentica dopo cinque minuti.

Misialory  @  02/05/2024 20:14:13
   7½ / 10
Questo film è un susseguirsi di inquadrature studiate minuziosamente.
La storia passa in secondo piano. Le musiche danno potenza alle immagini.
Zenday è super sexy.

stratoZ  @  02/05/2024 12:48:35
   6 / 10
ATTENZIONE POSSIBILI SPOILER

Guadagnino gioca col solito tridente amoroso e con la classica metafora dello sport, "In campo come nella vita" diceva Nereo Rocco, ecco che questo film potrebbe essere la perfetta materializzazione di questa citazione, anche se non è assolutamente il primo, il cinema americano ci ha già invaso con i vari film pugilistici in cui l'ascesa e la caduta dello sportivo corrispondono all'ascesa e alla caduta dell'uomo, il che mi pare quasi ovvio dato che è un dato di fatto che le vittorie sportive influenzano la fama e il denaro, e la fama e il denaro influenzano lo status, qui Guadagnino lo fa col tennis e ci aggiunge una donna carismatica e manipolativa come pivot, i due personaggi uomini girano attorno a lei, fin dall'inizio, una Zendaya magnetica che catalizza l'attenzione tutta su di sé, non soltanto per le doti fisiche innegabili, ma per un carisma strabordante che sembra schiacciare i due uomini e ridurli a dei burattini nelle sue mani, ma è una semplice reazione a catena, anche lei nei suoi comportamenti sintetizza tutte le pressioni che ha ricevuto, mi spiego meglio, nell'atto di cercare sempre di avere l'uomo di successo, sportivo ed economico, vi è una necessità inculcata da quello che probabilmente è stata la sua formazione, essendo lei stessa stata una giovane promessa proveniente da una famiglia benestante, più o meno inconsciamente riversa tutte le sue aspettative, poi non rispettate anche a causa di una tremenda sfortuna, sull'uomo che l'accompagna durante il suo percorso di vita, e tra i due uomini si instaura quella competizione atavica che però rispetta comunque le regole dello sport, un po' meno dell'amicizia, d'altronde il tennis è forse lo sport perfetto per la rappresentazione, per eccellenza quello in cui la condizione mentale influenza enormemente la prestazione e nel quale si passa velocemente dall'euforia del successo, dalla consapevolezza dei prori mezzi alla più totale declabe, come si vede nel percorso di Art, è molto semplice passare dal vincere gli Slam al gareggiare ai challenger, così è la vita stessa, ma diciamocelo, caro Guadagnino, per quanto apprezzi il messaggio e l'atmosfera di sana competitività, non ho trovato particolari guizzi di originalità.

Poi, parere personalissimo, il malus del film sta nello stile, però magari sono io, l'ho trovato eccessivamente carico e patinato, con quella colonna sonora che parte dal nulla, della serie: dico una frase epica, e poi parte la colonna sonora, e tutte quelle sequenze videoclippare che raggiungono il climax nella scena finale in cui la camera impazzisce e prende la soggettiva dei giocatori, del terreno, della palla, tutto tecnicamente splendido sì, ma così carico da risultarmi indigesto e concedetemelo, sfociare nella tamarraggine, vero è che probabilmente si vuole volutamente trascinare delle reminiscenze degli anni ottanta reganiani in cui successo e status erano all'ordine del giorno e così applica uno stile simile.

Detto questo, è un film sufficiente, con un tridente di attori in formissima, con una buona componente socioantropologica, ma per quanto riguarda lo stile non è la mia cup of tea.

Febrisio  @  01/05/2024 10:44:18
   8 / 10
Ai titoli di coda mi son alzato e sceso verso l'uscita accompagnato da questa fantastica colonna sonora e vi giuro che andavo al rallenty come i protagonisti.

Challangers è un film che trasuda di bellezza del cinema. Magari la storia non è di quelle che ricorderemo, ma come è fatto è qualcosa che per gli amanti di cinema va assolutamente guardato. Assisteremo ad una partita di due tizi in un campetto di cui non sembra che ci possa fregare più di tanto. A colpi di flashback Luca Guadagnino crea sostanza, ma soprattutto cinema. Le inquadrature, l'impostazione, le vicende e la colonna sonora riempiono piacevolmente le due ore di film in modo abbastanza appassionato. Sì, è vero, a volte abusato di rallenty. E quel finale che riscatta una sceneggiatura non troppo scorrevole. Non pensavo ma questa partita me la son proprio goduta, aspettando il prossimo Guadagnino.

Secondo me la pandemia e il fermarsi, se nei mesi successivi è stato purtroppo un disastro, ora sta giovando di parecchio al cinema.

Tempest78  @  29/04/2024 19:52:15
   8½ / 10
devo dire che Guadagnino mi ha piacevolmente colpito con questa toria, prima di tutto per ritmo inquadrature montaggio ed effetti..non sembra di stare di fronte ad un film italiano .. prevalentemente molto più verista per stile di regia, ma di fronte ad una produzione hollywoodiana.. la storia è emozionante e la resa della tensione da match point è piena ed efficace. bravo

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento williamdollace  @  29/04/2024 00:10:50
   8½ / 10
Quando sai travolgere, svolgere, narrare, piegare e guidare le svolte narrative con la sola forza del montaggio, della regia e del sonoro potendo così sfanculare tutte le verbosità allora puoi dire che sai fare cinema e Luca Guadagnino sa decisamente fare cinema. I know [mixed]: parliamo di un rettangolo di gioco dove si giocano x vite in x anni, dalle casse Atmos martellano le capacità spaziali di Trent Reznor e Atticus Ross e se notate bene nel loro cyber-punk elettronico c'è spazio anche per i rimbalzi della palla sulla rete della racchetta perché Challengers è un film in perenne erezione (e "il tennis è una relazione"), egoriferito, avanti e indietro, un coito interrotto continuo capace di costruire il desiderio e la tensione del desiderio stesso anche solo con i flashback, sia esso per una carriera, per una donna, per una rivincita, che per un gioco, cinema moderno e sensuale, che non sai di dover davvero giocare fino a quando non sei tu la pallina (vedrete soggettive pazzesche). Rapporti umani e potere, umani, troppo umani, dalla gravità di una prospettiva impossibile.

michael star  @  28/04/2024 15:21:23
   4½ / 10
Sono andato a vedere il film perché ho letto recensioni molto positive e vedo che anche quella che mi precede, ben argomentata, è molto positiva.
Evidentemente si tratta di quei film che potranno suscitare commenti controversi, anche se il mio sospetto è che essendoci dietro Guadagnino ci sia la tendenza a sopravvalutarlo.
Io l'ho trovato semplicemente noioso e ripetitivo, e non vedevo l'ora che finisse, brutto segno quando sei al cinema. Emozioni trasmesse zero, salvo solo la Zendaya
davvero brava e sexy.

Thorondir  @  27/04/2024 23:56:01
   7 / 10
Da appassionato di tennis che ha visto migliaia di partite posso dire che è il vero sport del diavolo: sport di testa se ne esiste uno. Con "Challengers" Guadagnino filma innanzitutto i "mind games" (più volte citati) tra i tre protagonisti: è un intreccio inestricabile, una relazione continua, proprio come in quel tennis che finisce per creare una relazione tra i due avversari anche se separati dalla rete e pronti a sfidarsi fino all'ultimo colpo. Anche se nato come film su commissione si percepisce tutta la cura che Guadagnino ha dedicato al film: questo è totalmente un suo film, ed è riconoscibilissimo come tale. Nel triangolo amoroso/mentale/sportivo che dura più di un decennio, Guadagnino esplica e allo stesso tempo nasconde, dice e non dice, fa intendere e mescola carte ricreando a livello di attrazione fisico/mentale il gioco che si crea sul campo: ne viene fuori una sorta di lunga partita a scacchi scandita dalla musica di Ross e Reznor, tanto potente quanto a volte - come nel finale - abusata a coprire i momenti in cui lo screentime si dilata oltre il dovuto (in questo senso azzeccata la critica di Paul Schrader sul suo profilo facebook).

In questo gioco di ragazzini che vorrebbero diventare adulti e di adulti che sono ancora ragazzini Guadagnino muove di nuovo - e di nuovo sottilmente - una critica al mondo della ricchezza che arriva con poco, mettendone a nudo alcune ipocrisie comportamentali ma anche rifiutando (colpevolmente) di muovere una critica organica ad un certo modo di vita dietro il tennis che pur esiste: il nostro regista sceglie di rimanere nell'ambito di un cinema prepotentemente pop (nel senso migliore del termine), catchy, postmoderno, un cinema di corpi nudi, eroticità, sensualità, superfici (fino a giocare con la stessa composizione del campo da tennis nel finale): insomma la superficie è la prima cosa che vediamo. Dietro di essa tante mosse di scacchi e forse chi crede di muovere i fili a proprio vantaggio è in realtà la vera marionetta che tutti muovono (e il finale, in tal senso, apre a diverse interpretazioni).

Un film pienamente nella mani di Guadagnino, dentro il suo stile, ormai quello di un cinesta che flirta con i modi, i nomi e gli stilemi del cinema hollywoodiano. Peccato per la gestione dello screentime un po' troppo diluita e per quel non affondare mai veramente il coltello dentro il mondo che decide di raccontare (avrà influito il fatto che sia una produzione Amazon)?

  Pagina di 1  

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

abigail (2024)accattaromaancora un'estateanother endanselmarcadianaugure - ritorno alle originiautobiography - il ragazzo e il generaleback to blackbrigitte bardot forevercattiverie a domicilioc'era una volta in bhutanchallengerscivil warcoincidenze d'amorecome fratelli - abang e adikconfidenzadamseldicono di tedrive-away dollsdune - parte duee la festa continua!ennio doris - c'e' anche domanieravamo bambinifantastic machinefino alla fine della musicaflaminiaforce of nature - oltre l'inganno
 NEW
furiosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghostbusters - minaccia glaciale
 NEW
girasoligli agnelli possono pascolare in pacegodzilla e kong - il nuovo imperoi dannatii delinquentii misteri del bar etoileif - gli amici immaginariil caso josetteil cassetto segretoil coraggio di blancheil diavolo e' dragan cyganil gusto delle coseil mio amico robotil mio posto e' quiil posto (2024)il regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoil teorema di margheritaimaginaryinshallah a boy
 NEW
io e il seccokina e yuk alla scoperta del mondokung fu panda 4la moglie del presidentela profezia del malela seconda vitala terra promessala zona d'interessel'estate di cleolos colonos
 NEW
marcello miomay decembermemory (2023)metamorphosis (2024)monkey manmothers' instinctneve (2024)niente da perdere (2024)non volere volareomen - l'origine del presagio
 HOT R
povere creature!priscillarace for glory - audi vs lanciarebel moon - parte 2: la sfregiatricered (2022)ricky stanicky - l'amico immaginarioritratto di un amoreroad house (2024)samadsaro' con tese solo fossi un orsosei fratellishirley: in corsa per la casa biancasolo per mesopravvissuti (2022)spy x family code: whitesull'adamant - dove l'impossibile diventa possibilesuperlunatatami - una donna in lotta per la liberta'the animal kingdomthe fall guythe rapture - le ravissement
 NEW
ti mangio il cuoretito e vinni - a tutto ritmototem - il mio soletroppo azzurroun altro ferragostoun mondo a parte (2024)una spiegazione per tuttouna storia nera
 NEW
vangelo secondo mariavita da gattovite vendute (2024)zafira, l'ultima reginazamora

1050811 commenti su 50771 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net