una lunga domenica di passioni regia di Jean-Pierre Jeunet Francia 2004
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

una lunga domenica di passioni (2004)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film UNA LUNGA DOMENICA DI PASSIONI

Titolo Originale: UN LONG DIMANCHE DE FIANÇAILLES

RegiaJean-Pierre Jeunet

InterpretiAudrey Tautou, Gaspard Ulliel, Jean-Pierre Becker, Dominique Bettenfeld, Julie Depardieu, Jodie Foster, Marion Cotillard

Durata: h 2.14
NazionalitàFrancia 2004
Generedrammatico
Al cinema nel Febbraio 2005

•  Altri film di Jean-Pierre Jeunet

•  Link al sito di UNA LUNGA DOMENICA DI PASSIONI

Trama del film Una lunga domenica di passioni

Francia, 1919. Mathilde, una ragazza di 19 anni che non può camminare, ha perso in guerra il suo fidanzato Manech, partito due anni prima per il fronte e destinato ad andare a combattere sulla Somma. La ragazza è convinta che lui sia ancora vivo nonostante le informazioni avute da un sergente che ha conosciuto Manech che le confida di aver assistito alla fucilazione del soldato e di altri quattro commilitoni presso Bingo Crépuscule. I cinque infatti avevano subito la condanna da parte della corte marziale dopo aver tentato un espediente per lasciare il fronte. Tra incertezze e false speranze Mathilde inizia una disperata ricerca per scoprire le sorti di Manech e dei suoi sfortunati compagni...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,33 / 10 (46 voti)7,33Grafico
Miglior attrice non protagonista (Marion Cotillard)Miglior attore debuttante (Gaspard Ulliel)Miglior fotografiaMigliore scenografiaMigliori costumi
VINCITORE DI 5 PREMI CÉSAR:
Miglior attrice non protagonista (Marion Cotillard), Miglior attore debuttante (Gaspard Ulliel), Miglior fotografia, Migliore scenografia, Migliori costumi
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Una lunga domenica di passioni, 46 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

AMERICANFREE  @  18/08/2016 23:29:01
   7½ / 10
Bel film, condivido la media di filmscoop.L'unica piccola pecca e' la durata eccessiva

sagara89  @  28/06/2016 18:40:44
   8 / 10
Un altra perla del cinema europeo. Storia tratta da un meraviglioso romanzo e adattata perfettamente al cinema grazie ad un eccezionale cast e alla fotografia del film, rasentando l'opera d'arte.

uito  @  02/06/2014 15:30:34
   8½ / 10
Poderoso affresco sull'amore e sulla morte ricreato sullo sfondo degli orrori della guerra combattuta e sofferta nelle trincee della Somme. A ciò si aggiunga un tocco di fantasy ed humor conditi da una venatura di giallo-noir ante-litteram ed il risultato e' un opera piuttosto complessa e viscerale che non stanca ma, anzi, finisce per appassionare. Come in un quadro di Van Gogh dove il furore cromatico ci abbaglia così in ULDDP veniamo abbacinati dallo straordinario e strabordante effetto di colore delle campagne francesi....come nella Guernica di Picasso, dove sono forti i segni della violenza visibili attraverso le bocche spalancate in un grido di dolore o la spada spezzata nel pugno del soldato agonizzante, così nella pellicola si respira l'acre odore della morte disseminata nelle trincee e cumuli di terra sollevati insieme alle membra violentate dei poveri commilitoni. Cioè bastano alcune osservazioni (come appunto in un quadro...) per capire la mano certa del regista e anche questa volta Jeunet ci consegna questo puzzle onirico permeato di raro lirismo e poeticità attraverso le vicende di 5 condannati a morte raccontate con delicatezza e crudeltà....il crocifisso dilaniato sulla croce, immagine emblematica con cui si apre il plot, e l'atavica lotta della tenera Matilde per ritrovare l'angelo della sua vita.....

Invia una mail all'autore del commento diderot  @  07/11/2013 08:47:59
   7½ / 10
Regia, costumi, fotografia e scenografia sono i pezzi forti di questo film, anche la storia è avvincente seppur a tratti si perde in lunghi dialoghi difficili da seguire che annoiano un pochino. Forse andrebbe visto più di una volta per poter capire a pieno la trama. Resta una storia toccante e per certi versi affascinante. Consigliato!

Lory_noir  @  03/11/2013 21:22:03
   6½ / 10
Il favoloso mondi di Amelie è uno dei miei film preferiti. Non ho amato però questo film, che ovviamente tenta di ripercorrere la ricetta del primo ma, a mio parere, risulta forzato.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  13/01/2013 12:48:53
   6 / 10
La coppia Jeunet-Tautou tenta di bissare il successo del film precedente peccato qui l'operazione non riesca a dovere.
"Una lunga domenica di passioni" è un film tecnicamente molto ben fatto (ottima la fotografia, bellissime le scene di battaglia) e molto ben interpretato dagli attori, ma la storia sembra troppo spesso piegata alle velleità artistiche del regista perdendo così di interesse e risultando fredda. Il ritmo molto spesso lento non agevola sicuramente la visione.
Mi aspettavo sicuramente qualcosa di diverso, di più riuscito, anche se complessivamente non è assolutamente un film da buttare.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  06/07/2012 10:03:27
   8 / 10
Pur non amando il cinema francese è innegabile che Jean-Pierre Jeunet sia il suo esponente più interessante, capace di distaccarsi da una tradizione cinematografica di antiche origini ma che tende ad uniformare lo stile dei registi d'oltralpe nell'aggettivo "il classico film francese".
Jeunet fa sicuramente eccezione, un regista che dello stile ha fatto il suo segno di riconoscimento ed anche quando, spesso, cade nel narcisismo stilistico non si può fare a meno di ammirare il suo cinema.

In "Una domenica di passioni" Jeunet, amante da sempre dello stile fantasy mittleuropeo, dipinge un periodo storico come quello francese durante la prima guerra mondiale a metà strada tra un fumetto e un feuilleton, non solo nelle ambientazioni ma anche nel soggetto tipico dei romanzi di appendice. Una donna innamorata durante la prima guerra mondiale ricerca il suo amore perduto dato per morto.
Se forse la trama può sembrare banale, si resta stupiti dalla messa in scena che ben presto lascia lo stile harmony per concentrarsi su un duro film di guerra, storico fino a un giallo con intrecci da spystory.

Il tutto immerso in una ricostruzione storica trasognante che ricorda molto i mondi disegnati da Sylvain Chomet, con personaggi molto caratterizzati immerso in colori caldi e luci soffuse.

Peccato che la storia non sia facile da seguire e che le continue digressioni, sebbene all'inizio siano la parte più interessante del film, tanto da fargli assumere un aspetto corale, diventino il limite diluendo troppo la storia principale portano ad un finale un pò telefonato e che non emoziona.
De-merito anche della Tautou che non riesce a comunicare quel dolore, l'ossessione e la speranza, dando un'interpretazione un pò troppo distaccata.

Film pompatissimo dalla Warner Bros che dopo il successo di Ameliè ha dato carta bianca a Jeunet permettendogli partecipazioni di lusso come quelle di Julie Depardieu, Jodie Foster, Marion Cotillard (sempre bravissima).

Purtroppo non è stato il successo sperato, comprensibile perchè un film non privo di difetti ma che è sicuramente un'opera che ha dell'unicità il suo punto forte sapendosi far ricordare.

kako  @  28/01/2012 20:21:03
   7½ / 10
pellicola molto buona, una storia interessante interpretata bene da Andrey Tautou, emergono anche le sempre brave Cotillard e Foster, la regia è ottima.

goodwolf  @  14/09/2011 15:28:20
   7 / 10
Una bella storia, a tratti assai ingarbugliata, ma che nel finale saprà sciogliere i suoi nodi e soddisfare il pubblico.
Dallo stesso regista di Amelie, che ci regala più di qualche attimo da sogno, accompagnato da uno svolgimento non sempre fluido.

Febrisio  @  10/04/2011 01:50:41
   7½ / 10
Il risultato finale di "Una lunga domenica di passioni" è sicuramente positivo. La costruzione narrativa, quasi in veste d'investigatore, incuriosisce, specialmente man mano che la vicenda comincia a risolversi. Contrariamente inizialmente non si capirà immediatamente il senso di alcune scene, indizi, e si perde un po di attenzione. Jean-Pierre Jeunet si rivela un ottimo regista, che sa gestire una storia in tutto e per tutto dedicata all'attenzione per lo spettatore. Per cominciare da, come indicato in precedenza, il tipo di narrazione, inoltre il raccontare fatti/personaggi/cose con dettagli particolari, che ti rimangono in mente come unici. Quelle caretteristiche che solo nel raccontarle potrebbero appartenere solamente a favole e fiabe. Da questo lato mi ricorda l'altro signore che utilizza spesso la basi caratteristiche di fiabe/favole, seppur con timbro completamente diverso; Mr Shyamalan.
Un film che merita di essere visto.

paride_86  @  03/04/2010 15:17:17
   8 / 10
Un film molto bello che ha il pregio di affrontare, seppur non come tema principale, l'orrore della guerra di trincea e il dramma delle diserzioni.
Audrey Tatou è una protagonista in gamba e nel cast si fa notare anche Jodie Foster, nonostante il piccolo ruolo.
Ottima la fotografia e belle le musiche.

kirk h.  @  27/01/2010 21:34:31
   8 / 10
un film che mi ha sorpreso dall' effetto grafico che da una immagine all'occhio ottima non come un film normale, ottima anche la storia e le ricostruzioni dei fatti, davvero un film magnifico da non perdere, ottima anche la storia e sopratutto la grafica che mi ha colpito molto (scusate la ripetizione) merita la visione...

Leonida86  @  30/11/2009 17:28:01
   8 / 10
Ottima fotografia. Eccellente ricostruzione storica. Buone interpretazioni. Tutto messo insieme da una sceneggiatura ben strutturata.
Film davvero ben realizzato, coinvolgente e brillante. Nonostante non mi piaccia la teatralità dei film francesi mi è piaciuto davvero tanto.

Invia una mail all'autore del commento Daniel91  @  30/11/2008 20:42:37
   9 / 10
Molto bello, ma forse un po' noioso...

Gruppo COLLABORATORI Victor  @  07/08/2007 21:53:11
   5 / 10
La fortunata coppia Jeunet/Tatou tenta di bissare il successo ottenuto con il precedente film, mantenendo unicamente la fotografia, mentre la sceneggiatura risulta piuttosto sconnessa, il personaggio di Mathilde, inoltre, è poco interressante e non è all'altezza di Amelie, aiutato anche da un'interpretazione poco entusiasmante della Tatou.
Piacevole il cameo diella Foster.

Jumpy  @  29/04/2007 17:08:17
   7½ / 10
Stessi regista e protagonista di "il favoloso mondo di Amelie", ma due film totalmente diversi.
Bellissime fotografia e scenografie, grande cast, coinvolgente la storia, a differenza di altri non l'ho trovato pesante.

bacco2  @  15/03/2007 16:18:05
   7½ / 10
Fresca e frizzante questa pellicola ambientata nel primo dopoguerra. La dolcezza della Tatou è raggiante e la storiella un po' thriller si fa seguire con interesse e curiosità. Non amo il cinema francese ma Jean-Pierre Jeunet è senz'altro un grande vista la sua imponente visionarietà e originalità registica.

jmarra  @  27/01/2007 23:13:44
   6½ / 10
bella la vionarieta del regista di amelie.se il film fosse durato mezzora di meno sarebbe un capolavoro

giuspetto  @  08/12/2006 14:12:45
   8 / 10
tenero e colorato. il colore giallo domina tutto il film come il rosso dominava il favoloso mondo di amelie.

la Tautou bella e brava.
da vedere

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

sweetyy  @  22/10/2006 16:00:55
   5 / 10
Questo film non mi ha soddisfatta abbastanza da meritare la sufficienza.
L'attrice ( che sarebbe anche la protagonista de ''Il fantastico mondo di Amelie'') non ha espressività.. La storia non mi ha coinvolta,anzi spesso ci si annoia! Nulla da dire sulla regia...i colori che vanno sul giallo rendono la pellicola più ''antica''! Per quanto riguarda il finale..un pò prevedibile!

1 risposta al commento
Ultima risposta 22/10/2006 16.03.08
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento bobo94  @  17/06/2006 02:33:39
   8½ / 10
8,5. Non Meno.
Grandioso, dolce, subblime, avventuroso, romantico, crudo, poeico, selvaggio, speranzoso, audace.

Come si fa a non apprezzarlo. Originalissimo nella storia, frenetico nel ritmo, fenomenale nella fotografia, tortuoso nelle vicende..

Guardatelo.

albyhfintegrale  @  26/02/2006 17:26:26
   5½ / 10
a volte commovente.. a volte odioso...

questo film non mi ha convinto nè lasciato deluso...boh...una roba un po' così...

la sufficienza però dal mio punto di vista non la merita: la storia non è malissimo...sicuramente poteva essere sicuramente gestita meglio a livello di film


giudizio a parte per la Tautou, per me da 7

Gruppo COLLABORATORI fidelio.78  @  01/02/2006 09:51:35
   5 / 10
Ci sono registi che cercano di adattarsi alla storia che raccontano e altri invece che forzano la stessa al proprio stile.
Non c'è niente di male in questo, a patto che il film risulti poi bello.
Non è il caso di questo pasticcio inzeppato di retorica e falsa poesia.
Junet (magnifico in Amelie) qui ricalca i suoi passi cercando di creare un mondo fantastico molto simile a quello fatto nel suo bellissimo film precedente. Non solo non ci riesce, ma fa anche l'errore di ripetersi.
I personaggi risultano solo delle caricature, anzichè dei delicati affreschi post moderni. La storia è talmente noiosa che avrei avuto voglia di levare il DVD verso la metà del film (spesso il sonno faceva capolino ed io cercavo di resistere stoicamente). Le inquadrature a volte risultano forzate e pompose, nella smaniosa ricerca dell'inquadratura ad effetto.
Quello che in Amelie sembrava spontaneo e fresco, qui risulta forzato e costruito. La storia e la narrazione non riescono ad avere la stessa poesia del precedente film.
Gli attori fanno quello che possono, ma in questo melò-tragicomico-noir-commedia (non si capisce bene cosa sia), risulta chiaro che al regista non importava una mazza di loro e della storia. Interessava solo se stesso. E io i registi narcisi non li hoi mai sopportati.
Considerando però che la realizzazione tecnica è di altissimo livello il voto si ferma a 5. Ma se non si considera l'aspetto tecnico il film meriterebbe mooooolto meno.

10 risposte al commento
Ultima risposta 09/03/2006 23.48.37
Visualizza / Rispondi al commento
frangipani79  @  04/01/2006 16:41:04
   2½ / 10
Sono agghiacciato dai commenti positivi che si sprecano su questo film.

Una lunga domenica di passioni è un film opulento, presuntuoso, illogico e freddo.

Recitazione: La Tatou sembra scolpita nel marmo. Gelida, occhi fissi, non trasmette una sola emozione. Gli altri attori...beh lasciamo perdere.
La storia: La guerra. Ancora ?!? Una donna che aspetta e spera che il marito sia ancora vivo. Ancora ?!? Alla fine...indovinate un po'.... Ancora ?!?
Intanto, scene degne di una recita d'avanspettacolo: la scena dell'archivio, dove lei, paralitica, si arrampica sullo scaffale. O il postino che (WOW che ridere !) striscia nella ghiaia con la bicicletta. O gli auto-indovinelli che fa tanto Amélie, solo che qui non siamo in Amélie ed è una auto-scopiazzatura di Jeunet.

Il film si salva per alcuni bravi attori non protagonisti, l'investigatore e Tina Lombardi e bisogna dar atto che i 55 milioni di dollari della Warner con cui i francesi si sono costruiti un mega-spot nazionalista sulla 1° guerra mondiale sono stati spesi bene per i costumi e gli allestimenti.

Terribile (quasi) sotto ogni aspetto.

2 risposte al commento
Ultima risposta 26/05/2006 10.37.19
Visualizza / Rispondi al commento
Serlon  @  14/12/2005 13:50:02
   8 / 10
Jean-Pierre Jeunet è il protagonista del film.
Ci sono quei registi che, al di là del cast che è sempre ottimo, si rendono protagonisti dei propri film. Protagonisti senza farsi vedere.
Questo protagonismo non è certo un difetto, quando è fatto in uno stile così originale e di qualità.
Il difetto di questo film è quello di aver ricalcato un successo come Amelie e averlo plasmato per la grande guerra. La Tatou fa la sua bella figura, ma il suo personaggio è la stessa Amelie alla quale è stata troncata una gamba.
E' vero che ogni regista ha il proprio stile, ma Jeunet ha esagerato.
In ogni caso è un film eccellente, perfetto nei ritmi, nelle ruoli, nella trama, nel modo in cui è stata trattata la guerra. E' impeccabile.

arianna888  @  06/12/2005 19:01:46
   7 / 10
è un film non entrato nella grande distribuzione ma secondo me meriterebbe fama e successo. Racconta una storia di guerra molto pesante e lo fa con dialoghi semplici quasi leggeri che non trasmettono angoscia; questo facilita la comprensione del lungometraggio. Il film si basa sul tema della ricerca (quasi come se fosse un giallo in cui bisogna scoprire l'assassino!) e affronta temi quali la guerra l'amore il patriottismo e la speranza. Quello che però mi piace molto è come descrive le 5 storie personali di quei uomini nella terra di nessuno: esaltante!!!!Fino alla fine rimani con il fiato sospeso e la scelta di lasciare un finale aperto è azzeccata :) BELLO BELLO BELLO ps. w MMM

francescot  @  22/11/2005 23:47:14
   8 / 10
bellissimo e commovente, più bello a mio avviso del "il fantastico mondo di a" .il regista è ben riuscito a rappresentare e ricreare le bellissime e forti emozioni del libro.. è una storia così sinceramente delicata e dura all'unisono (concedetemi questo ossimoro).. torno a piangere..dalla gioia..dall'amore ..e dalla guerra.

Beefheart  @  17/11/2005 16:18:04
   8 / 10
Bellissimo film del regista JeanPierre Jeunet ("Delicatessen", "Il meraviglioso mondo di Amelie"...) la cui firma è inconfondibile, soprattutto nella presenza di immancabili, contorti oggetti meccanici, nei colori patinati degli esterni, nell'ironia sottile che pervade talvolta i comportamenti dei protagonisti e nei bravissimi attori che fedelmente ne accompagnano la carriera. Audrey Tautou e Dominique Pinon, oltre a Tcheky Karyo ("Nikita", "Giovanna d'Arco", "Doberman"...) ed una inaspettata Jodie Foster. La storia narra della giovane e poliomelitica Mathilde che attende il ritorno del suo fidanzato Menech dalla prima guerra mondiale. Nonostante da più parti arrivino segnali sconfortanti Mathilde non si arrende e comincia un'approfondita indagine alla ricerca di Menech. Il film si sviluppa tra racconti e testimonianze di storie passate in trincea (c'è più di una somiglianza con "Orizzonti di gloria") e le impegnativa ricerche di Mathilde.
I frequenti salti spazio-temporali della narrazione ed i molti nomi dei personaggi coinvolti ai quali viene spesso fatto riferimento rendono la trama un po complicata, o, quanto meno, faticosa, ma indubbiamente ne vale la pena. Nonostante la drammaticità degli eventi, l'atmosfera che accompagna il film è sempre piuttosto soave, speranzosa, ottimistica. Non appena la storia lo consente, i colori si sprecano ed i sorrisi sul viso della protagonista riempiono di armonia l'animo dello spettatore. Più amabile che mai, Mathilde non cessa mai di sperare e tenta di aiutarsi "leggendo" eventuali "segnali" o presagi nelle piccole cose che il caso le pone innanzi... "...se entro il 7 il treno entra in una galleria, o arriva il controllore, allora significa che Menech è vivo. Uno, due, tre..." Un po come Castaneda, a scuola dallo stregone, che interpretava i suoni della natura come segni superiori di eventuali "approvazioni o disapprovazioni".
Molto ben fatto, curato, ben diretto ed interpretato, trama appassionante, fotografia, costumi e scenografia molto belli. L'unica cosa che non centra nulla è il titolo. Da vedere!!!

goophex  @  22/10/2005 01:28:07
   8 / 10
Dilungarsi e oltremodo inutile.
Jeunet è il piu' grande regista francese del momento, forse anche tra i piu' grandi in europa.
Il suo modo fiabesco dolce e raffinato di raccontare le cose è unico ed inimitabile. La sua musa ( Audrey Tautou ) del resto , col viso che si ritrova e quello sguardo di una dolcezza toccante , dice tutto.
Film eccelente!

gierma  @  23/09/2005 13:49:24
   7 / 10
secondo me il pezzo forte del film è senza dubbio lo stile del regista. il suo modo di raccontare con immagini e suoni una storia non originale, come la ricerca di una persona, gli garantisce di poter fare un buon film con qualsiasi trama, anche la più scontata. rimane un solo problema... quanto tempo può durare? jeunet non può mica fare lo stesso film per sempre. perchè alla fine una lunga domenica di passioni non è altro che ameliè proiettata in un'altro contesto ed epoca. il mio consiglio per le prossime pellicole e di lasciar perdere la tautou e perchè no anche la francia o il francesismo. magari chissà verrà fuori qualcosa di più carino.

KANE  @  18/09/2005 11:47:39
   9 / 10
dopo amelie il buon Jeanne-Pierre Jeunet propone una nuova opera cinematografica! questo film ha molto di amelie (non solo la bellissima Audrey Tautou) ma è anche molto divers allo stesso tempo!!
regia ,fotografia, scenografia sono curatissime e molto belle, rendono quell'alone di magia al film!!
ottimi tutti gli attori in particolare c'è una chicca di qualche minuto con jiodie foster!!
la sceneggiatura è sognatrice, romantica ma anche cinica violenta e a tratti noir!!
non mi aspettavo dopo amelie un altro gran bel film, bravo a questo regista francese che ha saputo aspettare una buona idea prima di riproporsi al grande pubblico!

"cane che peta, la vita ti allieta!"

12 risposte al commento
Ultima risposta 16/02/2006 22.23.29
Visualizza / Rispondi al commento
andreapau  @  28/07/2005 11:40:00
   7 / 10
jeunet,reinterpreta un canovaccio classico del cinema,infarcendolo dei suoi simboli,del suo talento visionario,e delle sue fobie.con l'aiuto della sin troppo convincente(sembra quasi recitare se stessa nelle nuove avventure di amelie)protagonista e un gruppo di collaudatissimi comprimari,ci mostra come un classicone puo' essere digeribile con alcuni accorgimenti di alleggerimento.bellissime le scene di guerra,dove l'epica dell'uomo comune e il messaggio antimilitarista,prevalgono sul rumore e sulle carni a brandelli.un messaggio anarchico e umano,senza patriottismi odiosi e antiquati(ma aihmè,riportati in voga).sosteniamo il bel cinema europeo e abbasso la guerra dei mondi.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR tylerdurden73  @  26/07/2005 09:38:09
   8 / 10
Jean Pierre Jeunet si conferma regista di grande talento,ritrovata la sua musa ispiratrice Audrey Tautou,nonchè l'attore feticcio Dominique Pinon,realizza un film di grande bellezza a partire dalla storia capace di attanagliare l'attenzione dello spettatore con i vari snodi ed intrecci che si vengono a formare con il passare dei minuti.Straordinaria la fotografia ed intimenticabili le cruente scene di guerra.Jeunet ha il grande dono di stemperare la drammaticita' del film grazie alla dolcezza dei suoi personaggi (Mathilde su tutti) e a inserire delle azzeccatessime battute e situazioni comiche,peraltro tipiche dei suoi film, che rendono meno opprimente una pellicola che parla di guerra,perdita dell'amore e dell'innocenza,ma che soprattutto ci invita a non perdere mai la speranza.

Gruppo COLLABORATORI gerardo  @  17/06/2005 20:05:43
   8 / 10
"Che i sogni siano sintomi, che i sogni siano segni"

In fondo si tratta di un prodotto "medio", che nella storia del cinema non dirà molto, e - ahimé! - sicuramente meno di quanto non dica Amélie. Anche se la qualità della fattura è ottima. La trama di ULDdP, per quanto presenti un intreccio fatto di numerosi nodi, è semplicissima. Il plot, infatti, si basa sul modello letterario più classico e arcaico che ci sia, cioè la ricerca (della persona amata o di un oggetto/condizione importante perduti). Da manuale di sceneggiatura.
La ricerca di Mathilde diventa l'indagine di una detective alle prese con un classico caso da film giallo, l'inchiesta di uno storico volta a far luce su aspetti oscuri della Storia. Jeunet sa dare il giusto peso a tutte le carte in gioco negli intrecci. Il racconto, che procede per incastri di elementi narrativi di diversa provenienza temporale su una base di sviluppo lineare (la ricerca di Mathilde si svolge nel presente), riesce a reggersi in grande equilibrio e leggerezza. Manca certamente il tempo e lo spazio per la definizione caratteriale di tutti i personaggi, ma essi sono comunque completi: di ogni personaggio se ne conosce il destino, nulla è lasciato in sospeso. E gli incastri hanno dei tempi perfetti, tutti gli elementi trovano una loro precisa e perfetta collocazione, al momento opportuno.
Ad aiutare Mathilde nella sua testarda e appassionata ricerca ci sono varie figure di mentore (un archetipo del plot), mentre quando le situazioni si fanno più critiche, senza uscita, intervengono deus ex machina a risolvere gli intoppi, spesso con delle agnizioni illuminanti. Ogni trama classica che si rispetti ha bisogno, oltre che dei mentori, degli avversari che ingenerano un conflitto da risolvere. In questo caso l'avversario che genera il conflitto è la Storia stessa, quella della guerra e della sua devastazione anche morale: Mathilde non farà una ricerca solo per ritrovare il suo amore, ma farà luce anche sul rimosso della Storia, sui segreti militari, sulle meschinità umane rivelate nella bestialità della guerra. Mathilde vorrebbe sapere ciò che non deve.
Ogni eroe ha dalla sua qualche arma: quelle di Mathilde sono il sogno, la passione e quella sorta di superstizione-gioco infantile del voler avverarsi le cose sulla base di elementi fantasiosi prefigurati (Mathilde dice:" Se arriverò alla curva prima della macchina Manech tornerà vivo"...): una forma primitiva, ingenua e fanciullesca di profezia che si autoavvera. E' un linguaggio dei segni totolmente immaginario, autocostruito, ma che serve a dare a Mathilde la forza per sperare e continuare la ricerca, anche quando i segnali sono ambigui. L'ambiguità dei segni è sempre l'ultima speranza a cui aggrapparsi.
Anche la linea narrativa della risoluzione del conflitto segue un andamento archetipico: quando l'eroe pare aver trovato la giusta soluzione, ecco che interviene qualche elemento sfavorevole che riporta la situazione a una condizione di negatività (es.: Mathilde avrà notizia della tomba di Manech).
ULDdP, pur non essendo un film pienamente epico (l'intento è soprattutto quello di raccontare la storia di un amore fortissimo ma in tutta la sua leggerezza), ne possiede tutte le caratteristiche.
Io lo utilizzerei didatticamente per spiegare com'è fatta una sceneggiatura.

1 risposta al commento
Ultima risposta 28/07/2005 11.42.23
Visualizza / Rispondi al commento
bambola chimica  @  10/04/2005 11:36:52
   8 / 10
l'originalità e la dolcezza di Jeunet si riconfermano anche in questo film con una meravigliosa Audrey Tautou! Bellissima la fotografia e davvero bravi tutti gli attori! Da vedere!

Mariospa  @  20/03/2005 23:13:41
   8 / 10
Un film dolce, profondo.
Un mix perfetto tra due elementi contrastanti:amore e guerra.

Da vedere

Ciccio  @  11/03/2005 13:48:47
   7 / 10
Uno spettacolo per gli occhi! Soprattutto la scena di sesso della Foster! La Tautou è un gran tocco di vulva da paura e suscita in me sensazioni bestiali incontrollabili. Per quanto riguarda la storiella però devo dire che ho trovato noiose alcuene trovate e alcuni passaggi. Il regista è un genio della narrazione e io voglio fare l'amore con Silvia, simo usciti ma non so se baciarla. Baci a tutti.

1 risposta al commento
Ultima risposta 17/03/2005 14.05.41
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento abacab  @  05/03/2005 00:12:10
   9 / 10
Splendido.Una delizia per gli occhi, pur nella durezza della guerra,per quanto è bella la fotografia e la dettagliatissima scenografia e ricostruzione storica.
E una delizia per il cuore.Splendido il finale con lei che arriva in silenzio dal suo ritrovato amore privo di memoria e si sente ripetere esattamente la stessa frase che lui le aveva rivolto la prima volta che l'aveva vista da bambini :"Ti fa male quando cammini?" e rimane a guardarlo senza dire niente.

2 risposte al commento
Ultima risposta 29/03/2005 15.55.28
Visualizza / Rispondi al commento
Mikele  @  23/02/2005 18:28:27
   10 / 10
Ancora una volta Jeunet ci regala una favola.
In due ore di film, che scorrono in maniera fluida e senza nessun momento di stanchezza, si riesce a coniugare tutti i generi...passando dal romanzo al dramma, dal fantastico alla commedia.
Un film splendido da non perdere assolutamente.

SimmetriA  @  23/02/2005 01:49:13
   7 / 10
come fare a dire che Amelie è un brutto film'? bha nn capisco..

riguardo questo ...bhe è impossibile nn confrontarlo con Amelie...le cose in comune sono molte ...forse troppe...
le capacità espressive della tautou non sono ancora state pienamente sfruttate...fa sempre la stessa parte...però questa volta ha la difficoltà di recitare con una gamba di meno...

davvero non male come film.,..ma mi sarei aspettato qualcosa di più originale..

in effetti credo che il regista abbia voluto cavalcare sino all ultima onda che il bellissimo film di Amelie aveva prodotto schiantandosi nel mare delle porcate commerciali

1 risposta al commento
Ultima risposta 17/06/2005 18.04.43
Visualizza / Rispondi al commento
driver  @  20/02/2005 20:19:54
   8 / 10
Avrei dato nove, se non fosse stato per quei maledetti schifosissimi scordinati senza stile primi 10 minuti. certo, stessa attrice e stesso regista, era difficile non pensare ad amelie. E a me amelie non era nemmeno piaciuto, per niente!!
speravo ardentemente di vedere guerra e detective story e fortunatamente è stato così. non piacerà a chi pensa che sia una storia d'amore.
tutte le scene di guerra, così come la sequenza del capannone e degli esterni a parigi, sono stupende. un film impeccabile.

3 risposte al commento
Ultima risposta 17/06/2005 18.40.47
Visualizza / Rispondi al commento
Edo  @  20/02/2005 16:57:40
   7 / 10
Jeunet é un pochino come uno stesso piatto di pasta che si prova in diversi ristornati: la pasta é il suo stile, i ristoranti la storia che racconta... solo che questa volta il ristorante era lo stesso di quello di Amelie, solo che al pomodoro ha aggiounto un pochino di cipolla.
Tuttavia, sebbene l´inizio mi avesse un pochino infastidito per lo smaccato modo di introdurre i peronaggi uguale al fantastico mondo..., il tema della speranza ostinata che continua imperterrita a credere nonostante i muri e i no, a fine film ti fa uscire con un potere di fiducia notevole... beh, io sono un piangulone al cinema, e mi piace quando le lacrime sono potenti!½
Per il resto il film é stilisticamente impeccabile, come tutti i suoi film... anche se quando era con il suo compare Caro c´era poesia ma anche piú satira e ironia, cattiveria e critica... comunque

Invia una mail all'autore del commento patty  @  19/02/2005 20:30:38
   8 / 10
Bello... Jeuneut é un maestro, mi pare incredibile che abbia fatto film come questo, Amelie, Alien, La cité des enfants perdu,... Sono così diversi, eppur legati da un filo trainante comune: la poesia.
L''''ambientazione é a dir poco favolosa (intendo dove abita Mathilde), la storia commovente ogni ad oltre limite... La speranza di Mathilde, che sembra così assurda, ci viene trasmetta dal suo faccino dolce e fiducioso, dalla sua assidua ricerca... Le scene della guerra sono veramente crude, e vedere un ragazzo dolce come Manech obbligato a combattere spezza veramente il cuore. Non c''''é poesia nella guerra, perché non può esistere poesia nella morte... ma quella che alla guerra manca viene ampiamente ricompensata dalla poesia dei luoghi in cui vive Mathilde, il mare coi suoi fari e i suoi scogli, l''''erba alta, altissima... e da ultima la casa che accoglie il povero Manech.
dolcissimo film nell''''insieme... bello anche perché alla dolcezza e al tepore emanati dai protagonisti e dal loro amore viene accostata la freddezza, la stupidità della guerra.
((((((((è in oltre, in alcuni punti, un film comico: alcune battute di questo film sono carine, ma ne avrei tralasciate altre: mi hanno dato l''''impressione che in regista volesse rendere più "accessivo" il film al grande pubblico, magari per guadagnarsi un oscar..(che maligna sono, mi odio da sola per questo stupido commento. Ma d''''altronde l''''ho pensato, quindi é giusto scriverlo!!).))))))))

1 risposta al commento
Ultima risposta 20/02/2005 17.37.01
Visualizza / Rispondi al commento
Davidx  @  17/02/2005 01:51:33
   2 / 10
Noioso...mai piaciuti i film francesi...

13 risposte al commento
Ultima risposta 22/11/2005 23.50.03
Visualizza / Rispondi al commento
goonies  @  15/02/2005 15:57:13
   9 / 10
Jeunet non sbaglia un colpo!!!!
Stavolta alle prese con la guerra fredda, come suo solito riesce a dare un tono fiabesco e romantico ad ogni suo lavoro (è riuscito a rendere romantico addirittura Alien, guardare per credere). Le scene di guerra in perfetto stile Soldato Ryan toni freddi e immaginefrenetiche, le altre scene tendono sul ruggine come in Delicatessen.
Un film che va dritto al cuore, in perfetto stile Jeunet.

1 risposta al commento
Ultima risposta 14/12/2005 13.17.12
Visualizza / Rispondi al commento
sandman  @  14/02/2005 15:06:25
   8 / 10
Una piccola grande opera d'arte! Eccezionali gli attori bella e brava Audrey Tautou, poetica la fotografia, suggestiva la scenografia. Una regia attenta e accorta nei dettagli completa nel miglior modo questo bellissimo film ... se devo far un'appunto mi è sembrato un vago e sottile parallelo del "favoloso mondo di Amelie" . Da non perdere!!!!!!

2 risposte al commento
Ultima risposta 15/02/2005 16.00.23
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghieraantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammerun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1005196 commenti su 43599 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net