malia, vergine e di nome maria regia di Sergio Nasca Italia 1975
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

malia, vergine e di nome maria (1975)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film MALIA, VERGINE E DI NOME MARIA

Titolo Originale: MALIA, VERGINE E DI NOME MARIA

RegiaSergio Nasca

InterpretiTino Carraro, Leopoldo Trieste, Andréa Ferréol, Cinzia Carolis, Turi Ferro, Enzo Cannavale, Valentino Macchi, Sandro Dori, Marino Masé, Giancarlo Badessi, Alvaro Vitali

Durata: h 1.35
NazionalitàItalia 1975
Generedrammatico
Al cinema nel Settembre 1975

•  Altri film di Sergio Nasca

Trama del film Malia, vergine e di nome maria

Tra i baraccati meridionali a Torino, una giovane orfana è incinta. Si diffonde la voce che sia opera dello Spirito Santo e sorge un vero e proprio commercio del "miracolo".

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,17 / 10 (3 voti)7,17Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Malia, vergine e di nome maria, 3 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

DankoCardi  @  28/03/2019 22:46:56
   8 / 10
Stupefacente questa piccola pellicola, cruda come la realtà ignorante che rappresenta. Un ghetto di immigrati meridionali nel cuore dell'Italia benestante del nord è il teatro perfetto per un grottesco dramma dove i personaggi, nella loro grettezza, sono richiamati loro malgrado a scimmiottare il miracolo del concepimento ad opera dello spirito santo. La sceneggiatura, senza mai scadere nel volgare e nel ridicolo, non ci risparmia violenza, cattiveria, razzismo, pedofilia attraverso gli occhi di persone povere e sole che, chiuse nel loro microcosmo, non capiscono quello che succede, non si capiscono tra loro e non vengono capiti dal mondo esterno. Il regista ci mette di mezzo anche una critica alla chiesa che potrebbe infastidire e invece risulta giustificata alla luce degli eventi per come sono visti da chi ne è al dentro e li vive (il prete della piccola comunità che sente il peso della responsabilità sulle sue spalle) ed il cardinale (distaccato, disinteressato, chiuso distante da quella miseria nella sua gabbia dorata). Ottima la prova di tutti gli attori tra i quali spicca il grande Turi Ferro; convincente, poi, Alvaro Vitali in un ruolo drammatico. Da non perdere.

ferzbox  @  26/04/2017 19:34:55
   7 / 10
Spaccato dell'Italia povera del mezzogiorno durante gli anni 70 che mette in evidenza l'ingenuità del popolo non istruito e succube dei clichè cattolici e dei paletti scaramantici; unici elementi di speranza che riuscivano a dare una boccata di ossigeno a chi viveva in case popolari o baracche impregnate di miseria e ignoranza.
Una visione squallida di un popolo messo in ginocchio dai potenti(come oggi?) sempre pronti ad approfittarsi dei più deboli e indifesi.... a non aiutare chi sta sotto di loro, donando allo spettatore una finestra tristissima e angosciante sulla guerra tra poveri e tutto ciò che viene generato dal malessere....(e il governo attuale vorrebbe infatti il popolo italiano esattamente come i personaggi di questo film.....brrrr.....).
Molto meglio di quanto avrei pensato; è una pellicola che sa anche osare parecchio se devo dirla tutta...alcune scene mi hanno sorpreso, sopratutto per come viene messa in cattiva luce l'educazione clericale(e ci credo)...
....inoltre c'è un Alvaro Vitali in un'insolito ruolo drammatico che riesce a stupire non poco.....
Non male.....

DarkRareMirko  @  27/07/2012 11:25:16
   6½ / 10
Più che sufficiente film di Nasca (D'Annunzio); ai tempi leggo che fu sequestrato, e il perchè lo si capisce subito (tema religiosi trattati in maniera che devia dalla consuetudine).

Bel cast (c'è pure Vitali in uno dei suoi pochi film semiseri e mi pare pure una delle prostitute de La grande abbuffata, davvero una bella donna tra l'altro), qualche buona idea, regia di mestiere, però il film non è che graffi più di tanto (si poteva per esempio approfondire meglio la tematica sulla creduloneria del popolo e quella sulla strumentalizzazione della religione, temi purtroppo presenti ancora oggi).

Comunque un film originale e abbastanza coraggioso.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1008640 commenti su 44050 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net