la quattordicesima domenica del tempo ordinario regia di Pupi Avati Italia 2023
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

la quattordicesima domenica del tempo ordinario (2023)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film LA QUATTORDICESIMA DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Titolo Originale: LA QUATTORDICESIMA DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

RegiaPupi Avati

InterpretiGabriele Lavia, Edwige Fenech, Massimo Lopez, Lodovico Guenzi, Camilla Ciraolo, Nick Russo, Cesare Bocci

Durata: h 1.38
NazionalitàItalia 2023
Generedrammatico
Al cinema nel Maggio 2023

•  Altri film di Pupi Avati

Trama del film La quattordicesima domenica del tempo ordinario

Bologna, anni 70. Marzio, Samuele e Sandra sono giovanissimi e ognuno ha un suo sogno da realizzare. La musica, la moda, o forse la carriera. I due ragazzi, amici per la pelle, fondano il gruppo musicale I Leggenda e sognano il successo. Sandra Ŕ un fiore di bellezza e aspira a diventare indossatrice. Qualche anno dopo, nella quattordicesima domenica del tempo ordinario, Marzio sposa Sandra mentre Samuele suona l'organo. Quella "quattordicesima domenica" diventa il titolo di una loro canzone, la sola da loro incisa, la sola ad essere diffusa da qualche radio locale. Poi un giorno di quei meravigliosi anni novanta in cui tutto sembra loro possibile, si palesa all'improvviso la burrasca, un vento contrario e ostile che tutto spazza via. Li ritroviamo 35 anni dopo. Cosa Ŕ stato delle loro vite, dei loro rapporti? Ma soprattutto cosa ne Ŕ stato dei loro sogni?

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,75 / 10 (4 voti)5,75Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su La quattordicesima domenica del tempo ordinario, 4 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  05/01/2024 19:50:46
   6 / 10
E' un condensato della filmografia di Avati, autore di cui ho sempre avuto un certo rispetto. L'effimero piccolo successo di un passato che poteva schiudere scenari sognanti e scontrarsi con la disillusione della vecchiaia dove il protagonista è rimasto in fondo coerente con tutti i suoi difetti annessi ed un amico che opera scelte più ponderate per avere più sicurezza come un posto in banca. Rimane quell'amore espresso in maniera eccessiva attraverso una gelosia a volte immotivata, come una pulsione irresistibile. Il film di Avati si tiene sempre su toni malinconici, ma non nascondendo un profondo senso di amarezza. Un film che presenta una buona scelta di cast indovinato (a parte il Joker/Sidney Rome), con una Fenech molto a suo agio, ma con un personaggio incompiuto che avrebbe meritato certamente più spazio.

Mauro@Lanari  @  17/09/2023 21:59:52
   3½ / 10
Doveva essere una sorta d'amaro autobiopic, un cupo sunto del proprio fallimento esistenziale, un'epica del suo personale insuccesso: la quattordicesima domenica del tempo ordinario secondo l'anno liturgico corrisponde al giorno in cui Avati s'è sposato, il 27 giugno '64. Invece è fra i peggiori film del regista che, fra mesto, lugubre, fantasmatico amarcord e minimalista "recherche" proustiana, recupera tempi e modi del cinema anni '70 sfornando un'opera da teca RAI, fiacca, stanca e affaticata, polverosa in ogni comparto tecnico e raffazzonata nelle scelte narrative (musica scritta con Cammariere, personaggi, intrecci, amicizie, amori, gelosia, tradimenti, illusorie aspirazioni adolescenziali). La scena della Fenech (apparentemente) sotto la doccia strappa un sorriso.

Wilding  @  13/09/2023 20:24:04
   7½ / 10
Veramente bello, appassionante, tenero. Ha qualche momento di apparente "stanca", tipico di certi nostri film, mi lascia tante domande aperte, tuttavia ma mi sono molto appassionato a questo racconto delizioso.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  12/05/2023 02:03:39
   6 / 10
Credo nella sincerità di Pupi Avati, anche se il tutto mi è sembrato falso e tendenzioso, del resto mi sono commosso pensando alle mie esperienze personali e dunque per questo mi sento di promuovere il film anche con qualche riserva. Credo di giudicare da spettatore, insomma, non da appassionato di cinema. Avati è il regista più retorico d'Italia, il suo manierismo affonda nel sepolcro della memoria, non "sporca" mai ma rende inutilmente poetica la sua Arte. Quando ha rischiato con i film di genere o mettendo da parte l'alchimia dei sentimenti per la giusta cattiveria ha creato veri Capolavori (mi torna in mente "Regalo di Natale") altrimenti si immerge su una prosa dove l'anacronismo fa capolino ovunque, rifiutando ogni trapasso di Modernità anche quando sarebbe necessario (non diverge molto la Bologna degli anni 70" da quella di dieci, quindici anni prima). Comincia il film e si citano le cartoline Liebig, guardacaso sembra di rivedere un vecchio film di Carmine Gallone... Non si capisce perché l'alter-ego Lavia debba invecchiarsi più del dovuto, anche nel modo di camminare... La solita stessa canzone, quella di Cammariere, riproposta per tutto il film fino a sfiorare il parossismo Vs la maniera. Certe scelte stilistiche sono destinate a fallire miseramente fin dall'inizio v. Il padre defunto non emozionano e infastidiscono assai. Se la cava Lopez, inutili i camei (Patrizia Pellegrino e Sidney "lifting" Rome) ma la vera sorpresa è proprio lei, la splendida Fenech. Entra nel personaggio senza strafare di Recita come purtroppo fa Lavia e offre una performance emotiva e coinvolgente, l'avreste mai detto? Io dico di sì. Verso l'epilogo un paio di sequenze fanno sperare, salvo chiudersi nel segno di un Cinema che alcuni trovano bellissimo e altri detestano, in perfetta antitesi con un Cineasta che, al di là di tutto, ha realizzato molto, e merita per questo grande rispetto e tanta stima. Nella sofferenza nella malattia nel dolore che lenisce ogni sentimento cfr. Piuttosto ambiguo quello per l'amico da cui il protagonista stava per avere un bonifico, sembra sempre che la bellezza della vita salvi ogni conflitto. Ma sempre guardando indietro, a ciò che eravamo

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

abigail (2024)accattaromaancora un'estateanother endanselmarcadianaugure - ritorno alle originiautobiography - il ragazzo e il generaleback to blackbrigitte bardot forevercattiverie a domicilioc'era una volta in bhutanchallengerscivil warcoincidenze d'amorecome fratelli - abang e adikconfidenzadamseldicono di tedrive-away dollsdune - parte duee la festa continua!ennio doris - c'e' anche domanieravamo bambinifantastic machinefino alla fine della musicaflaminiaforce of nature - oltre l'inganno
 NEW
furiosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghostbusters - minaccia glaciale
 NEW
girasoligli agnelli possono pascolare in pacegodzilla e kong - il nuovo imperoi dannatii delinquentii misteri del bar etoileif - gli amici immaginariil caso josetteil cassetto segretoil coraggio di blancheil diavolo e' dragan cyganil gusto delle coseil mio amico robotil mio posto e' quiil posto (2024)il regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoil teorema di margheritaimaginaryinshallah a boy
 NEW
io e il seccokina e yuk alla scoperta del mondokung fu panda 4la moglie del presidentela profezia del malela seconda vitala terra promessala zona d'interessel'estate di cleolos colonos
 NEW
marcello miomay decembermemory (2023)metamorphosis (2024)monkey manmothers' instinctneve (2024)niente da perdere (2024)non volere volareomen - l'origine del presagio
 HOT R
povere creature!priscillarace for glory - audi vs lanciarebel moon - parte 2: la sfregiatricered (2022)ricky stanicky - l'amico immaginarioritratto di un amoreroad house (2024)samadsaro' con tese solo fossi un orsosei fratellishirley: in corsa per la casa biancasolo per mesopravvissuti (2022)spy x family code: whitesull'adamant - dove l'impossibile diventa possibilesuperlunatatami - una donna in lotta per la liberta'the animal kingdomthe fall guythe rapture - le ravissement
 NEW
ti mangio il cuoretito e vinni - a tutto ritmototem - il mio soletroppo azzurroun altro ferragostoun mondo a parte (2024)una spiegazione per tuttouna storia nera
 NEW
vangelo secondo mariavita da gattovite vendute (2024)zafira, l'ultima reginazamora

1050793 commenti su 50771 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BLACKOUT (2023)BURNING DAYSCABRINICURSE OF HUMPTY DUMPTY 3GORATHHUMANEIL CLAN DEL QUARTIERE LATINOIL MOSTRUOSO DOTTOR CRIMENIL PRINCIPE DEL MIO CUOREIL SENSO DELLA VERTIGINELA NOTTE DEGLI AMANTILEDALISA FRANKENSTEINMAGGIE MOORE(S) - UN OMICIDIO DI TROPPOMORBOSITA'ONCE WITHIN A TIMEPENSIVEQUESTA VOLTA PARLIAMO DI UOMINISONG OF THE FLYTERRORE SULL'ISOLA DELL'AMORETHE AFTERTHE CURSE OF THE CLOWN MOTELTHE DEEP DARKTHE JACK IN THE BOX RISESTHE PHANTOM FROM 10.000 LEAGUES

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net