kapo' regia di Gillo Pontecorvo Italia 1960
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

kapo' (1960)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film KAPO'

Titolo Originale: KAPO'

RegiaGillo Pontecorvo

InterpretiDidi Perego, Emmanuelle Riva, Laurent Terzieff, Susan Strasberg

Durata: h 1.42
NazionalitàItalia 1960
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 1960

•  Altri film di Gillo Pontecorvo

Trama del film Kapo'

Durante l'ultima guerra Edith, adolescente ebrea, viene internata in un lager nazista dove vede morire i propri genitori. L'odio e la disperazione la spingono a prostituirsi freddamente ai suoi aguzzini. Arriva perci˛ a tradire i compagni e a diventare una "kap˛", cioŔ una sorvegliante.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,63 / 10 (19 voti)7,63Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Kapo', 19 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Goldust  @  22/09/2023 15:48:26
   6½ / 10
Qualcuno l'ha definito un capolavoro, per me è un buon film un pò troppo sbilanciato nei sentimenti in campo e plateale in alcune situazioni che colpiscono allo stomaco lo spettatore in modo basso. Anche se la piccola storia di Edith e della sua presa di coscienza

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
all'interno del campo di concentramento è sicuramente esemplificativa dello stato di costrizione terribile che questa povera gente era costretta a subire. Da questo punto di vista la pellicola di Pontecorvo non fa sconti, com'è giusto che sia.

topsecret  @  09/12/2022 20:39:25
   6½ / 10
Ho provato sentimenti contrastanti per questo film di Pontecorvo, poichè non sono riuscito a empatizzare con i personaggi principali, trovando alcune caratterizzazioni troppo enfatiche, al limite del fastidioso.
Certamente ha una buona resa visiva, un impatto emotivo evidente, al netto di tutto, ma a tratti non mi ha coinvolto in maniera decisa, nonostante non si possa imputare nulla al cast e alla regia. Alcune dinamiche però non mi hanno convinto, così pure i cambiamenti inaspettati della protagonista.
Pellicola comunque più che valida, certamente meritevole della visione.

Invia una mail all'autore del commento luca986  @  19/01/2016 15:09:41
   8 / 10
Evitando di basarmi su wikipedia come i professorni di cinema che han messo 6, lo reputo un film assolutamente convincente e ben girato (e interpretato).

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  28/07/2014 19:05:15
   8 / 10
Pellicola ambientata in un lager e girata oltre cinquant'anni fa dal talentuoso Pontecorvo: inutile dire che colpisce ancora pur con alcune riserve.
Perché sì, forse le pesanti critiche di Rivette sull'immoralità della famigerata sequenza con Emmanuelle Riva sui fili elettrici ha un fondo di verità: "Kapò" è un film realistico ma anche romanzato, spettacolare. La storia d'amore della seconda parte è emblematica sotto questo aspetto.
Ma l'atmosfera è magistrale, così come il degrado e la violenza viste in tutta la durata. Ammassi di cadaveri, crudeltà gratuite, scheletri ed edifici fatiscenti: sembra di vedere un horror odierno.
Bravissima Susan Strasberg, stonano ma non troppo alcune scene eccessivamente "urlate". Ma Pontecorvo era regista straordinario, oggi Kapò vale più di ieri anche per le trasposizioni sull'olocausto a pacchi, poche riuscite ed interessanti... o originali.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  16/05/2014 18:47:47
   7½ / 10
Buonissimo film sull'Olocausto. Pontecorvo mostra una discesa negli inferi, il lager, poco per volta, fa scivolare l'umano verso il disumano fiaccando la resistenza delle vittime a colpi di privazioni. La protagonista però, toccato il fondo, è capace di un riscatto. Ottima storia e molto brava Susan Strasberg.

felliniano  @  06/05/2014 11:50:21
   10 / 10
Un film che, in maniera magistrale, descrive gli orrori che i nazisti compivano nei campi di concentramento. La deportazione nelle camere a gas, la fame, le torture, le continue umiliazioni che avevano come unico scopo quello di annullare le vittime, non solo fisicamente. A Nicol,la protagonista, viene annullata anche la sua natura,da vittima si trasforma in carnefice,perde la sua innocenza concedendosi ai tedeschi, umilia le compagne che l'avevano aiutata, diventa anche lei un mostro,un robot che esegue degli ordini. Solo l'innamoramento col soldato russo la desterà dalla sua condizione arrivando a sacrificare la propria vita per poter attuare il piano di liberazione dei detenuti.
Il film ha un ritmo eccezzionale, non ci concede distrazioni mantenendo sempre alta la tensione, sono presenti numerosi primi piani, i dialoghi perfetti e mai troppo prolissi.
Kapò oltre a farci riflettere su ciò che fu il nazismo, ha il merito di suscitare nello spettatore sentimenti di rabbia e di vendetta nel senso che è come se Pontecorvo ci dicesse: "fate che questo non accada mai più,non dimenticate ciò che accadde. E ,a noi, che guardiamo il film nelle nostre case calde non ci resta che considerare se "questo è un uomo".

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  28/04/2012 20:20:58
   8 / 10
Altro bel film di Pontecorvo che stavolta affronta il tema dell'olocausto da un punto di vista curioso ed originale...
La protagonista (bravissima) è un 'Ebrea che si finge "criminale" per sfuggire al destino che hanno fatto i genitori...il campo la cambiera',come del resto cambia tutti e trasforma l'uomo in animale,disposto a tutto per sopravvivere...
Ma il cambiamento piu' radicale avviene quando la giovane e timida Ebrea diventa donna donando il proprio corpo per ricevere favori...
Quando comincia la storia d'amore il film sembra lasciarsi un po' andare in facili sentimentalismi ma il duro finale corregge la mira e permette a Pontecorvo di girare un film Italiano di assoluto livello!

Aztek  @  24/04/2012 20:44:53
   7½ / 10
Dopo la liberazione di Auschwitz e degli altri campi di concentramento tedeschi nel gennaio del 1945, questo Kapò probabilmente è il primo film in cui viene trattata una delle pagine più nere della nostra epoca.
Pellicola che ripropone abbastanza fedelmente la vita nei lager, la sceneggiatura è coinvolgente, le interpretazioni tutto sommato anche.
Di solito quando si vede un film sul nazismo e sui campi di concentramento ci si trova davanti a scene molto crude e angosciose, qui in vece Pontecorvo ha evitato scene di estrema violenza privilegiando i sentimenti e gli stati d'animo dei deportati.
Quasi sicuramente non è il miglior film mai realizzato sul tema...ma merita una visione.

halb  @  14/01/2012 15:55:47
   8 / 10
Film interessante che racconta le terribili verità sui campi di concentramento e l'olocausto. Abbastanza forte e straziante. Molto convincente! Da vedere.

JOKER1926  @  01/07/2011 16:31:26
   7 / 10
"Kapo'" Ŕ un film di genere Olocausto di vecchia data prodotto da una sapiente, nel frangente, regia italiana che fa nome a Pontecorvo.
La storia incentrata in un campo polacco durante la guerra ha ovviamente dei limiti narrativi e delle palesi similitudini agli altri film del genere; ma nonostante questa premessa c'Ŕ da dire che il tutto, nei confini di storia descritti, emerge una trama triste e con dei passaggi importanti, come quelli che riguardano da vicino Edith, giovane ebrea che nel campo sale di gerarchia diventando la kapo' di uno specifico gruppo, nome gerarchico kapo' che presta il nome proprio alla pellicola italiana del 1960.
Il film Ŕ fatto molto bene sul piano tecnico, fotografia e cast all'altezza della situazione, senza dubbio alcuno. Si respira in continuazione un'area agghiacciante e assai drammatica, Pontecorvo nella fattispecie "cornice" umorale riesce alla perfezione. Forse strada facendo emerge (solo alle volte per˛) un po' di retorica e di staticitÓ di azione e il film ne risente mettendo a luce , in senso relativamente parziale, le proprie rughe, la data della sua produzione non pi¨ recente.
"Kapo'" Ŕ oltretutto lento nei ritmi ma Ŕ ovvio, in determinati film Ŕ la lentezza, il buio fisico e psicologico che detta i tempi dell'azione.
Scene memorabili come quella della costruzione dei binari del treno e della morte sui fili dell'alta tensione restano impresse in un clima di morte e di disperazione generale.
Di grande impatto e di immane crudezza il finale.

ValeGo  @  21/11/2010 12:57:20
   9 / 10
Un bellissimo scorcio di come la vita in un lager possa cambiare una persona fino a farle perdere completamente la coscienza di sè e della propria personalità...di come si possa essere annientati..di come per sopravvivere si sia disposti a tutto..

paolo80  @  07/08/2010 14:47:53
   6½ / 10
La pellicola è molto intensa e molto curata, soprattutto nella descrizione di fatti che rispecchiano una tragica condizione umana.
Gli aspetti migliori dell'opera sono la ricostruzione del campo di lavoro, unita ad una interpretazione intensa e ad una colonna sonora idonea.
Il prodotto si perde talvolta in una serie di lungaggini e di ripetizioni che smorzano un po' il ritmo ma, nonostante ciò, la visione non annoia e risulta abbastanza gradevole.
Bello il finale.

Invia una mail all'autore del commento wega  @  23/07/2010 13:13:37
   8 / 10
Ho visto solo un film di Pontecorvo, e se la cratteristica de "La Battaglia di Algeri" era l'attenersi ai fatti oserei dire con un pedissequo cronachismo, in "Kapò" emerge una linea più personale, ricavando un melodramma a tinte forti dalla Storia. Molti hanno visto il sacrificio di Edith l'unica strada per la redenzione, quello che credo personalmente fossero gli intenti dell' autore italiano, era di mostrare come le tragedie possano cambiare il concetto stesso di dignità e morale. Eccellente fotografia e ricostruzione scenografica.

pinhead88  @  08/03/2010 17:58:31
   5 / 10
Non del tutto convincente,piuttosto anemico come film.non lascia nulla alla fine.piatto e debole nella narrazione e con nessun colpo di scena.non ci sono mai scene cruente e tutto l'insieme manca di intensità.insomma alla fin fine un film che non appassiona.il bianco e nero rimane l'unica nota positiva.

dgarofalo  @  19/03/2008 09:35:21
   8 / 10
altro bel film di pontecorvo dove tratta il tema (per me) della sopravivvenza dove si e disposto a fare pure perdere i principi morali di una vita dignitosa
da vedere

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  23/12/2007 01:51:13
   8 / 10
Potente affresco sulla lotta per la sopravvivenza in un campo di concentramento tedesco, la perdita della dignità personale, il cammino tortuoso per riconquistarla. Pontecorvo veicola attraverso il volto quasi infantile e innocente di Susan Strasberg la degradazione dell'essere umano in situazioni estreme, rendendolo al contempo, emotivamente coinvolgente per lo spettatore. Molto realistica la messa in scena e bravi tutti gli attori.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  26/09/2007 00:05:50
   6 / 10
Film lucido e convincente, ma narrativamente poco convincente: penso che i voti alti siano influenzati dalla drammaticità della storia e dalle (brave) interpreti, ma il tutto mi è sempre sembrato troppo ridondante e, soprattutto, privo di vera cattiveria.
Straordinario come sempre il volto affilato e inquietante di Laurent Terzieff

2 risposte al commento
Ultima risposta 01/10/2007 20.27.28
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  26/04/2007 16:31:29
   9 / 10
nel cinema di Gillo Pontecorvo (uno dei migliori registi italiani) vi è presente un'enorme contraddizione: se si analizzano tre film quali Queimada, La Battaglia di Algeri e Kapò si nota che i protagonisti, o i co-protagonisti rivelano avere un'ambiguità, una contraddizione dalla difficile comprensione. la risposta è semplice, infatti avendo Gillo fatto solo film politici o storici non si può nel narrare guerre, sterminii, prese di potere, che trovare una grande contraddizione di fondo: il potere.
Marlon Brando in Queimada aveva avuto una grande influenza su Josè Dolores e tutto il potere derivante era sostanzialmente suo nonostante l'indole selvaggia dell'africano. Mathiew ad Algeri aveva il potere di fare qualsiasi cosa sulla Casba, mentre Edith essendo kapò poteva spadroneggiare sulle sue compagne a suo piacimento.
L'utilizzo del potere nei film di Pontecorvo è sempre legato a una logica ferrea utilitaristica che rende assai arduo il discernimento fra Giusto e Sbagliato. guardiamo a Kapò: per sopravvivere nei lager uno cosa è disposto a fare? nel suo caso CHI NON L'AVREBBE FATTO? la sceneggiatura (sempre del regista) è disseminata di dialoghi sull'Opportunismo, sull'Egoismo. cito La Battaglia di Algeri "non le sembra meschino mettere le bombe nei cesti delle vostre mogli?" risposta "i nostri cesti non sono molto diversi dai vostri elicotteri, dateci gli elicotteri e noi vi daremo i cesti", anche in kapò l'Uomo per Pontecorvo è un essere chiuso in se stesso, perso nell'egoismo della sopravvivenza in un mondo votato allo sterminio dell'etica e della giustizia. il cinema di Pontecorvo è un nero, cupo sguardo sul dualismo fra Giusto e Sbagliato nel percorso socio-politico della Storia.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR agentediviaggi  @  22/01/2007 09:38:39
   8½ / 10
Altro grande film di Pontecorvo, il mio regista italianiano preferito, molto criticato all'epoca per il collasso morale della protagonista e per alcune scene tremende. E' un film di un pessimismo assoluto, che parla di come la tragedia immane dell'Olocausto vissuta da una ragazza che vede morire i suoi genitori la trasforma completamente e la mette contro le sue compagne di sventura. Solo l'amore la redimerà, ma pagherà comunque le conseguenze. Altro film documento del Nostro a cui interessa più che lo sviluppo della storia l'analisi psicologica o sociologica delle persone in un contesto storico difficile.
Kapò è un'altra perla misconosciuta del cinema italiano.

7 risposte al commento
Ultima risposta 26/09/2007 00.08.34
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1049697 commenti su 50672 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BLACK SUMMER - STAGIONE 2FABBRICANTE DI LACRIMEFALLOUT - STAGIONE 1FARSCAPE - STAGIONE 1FARSCAPE - STAGIONE 2FARSCAPE - STAGIONE 3FARSCAPE - STAGIONE 4FOR ALL MANKIND - STAGIONE 1FOR ALL MANKIND - STAGIONE 2FOR ALL MANKIND - STAGIONE 3FOR ALL MANKIND - STAGIONE 4INVASION - STAGIONE 1LA CREATURA DI GYEONGSEONG - STAGIONE 1SNOWFALL - STAGIONE 1SNOWFALL - STAGIONE 2SNOWFALL - STAGIONE 3SNOWFALL - STAGIONE 4SNOWFALL - STAGIONE 5SNOWFALL - STAGIONE 6THE CHOSEN - STAGIONE 1THE CHOSEN - STAGIONE 2THE CHOSEN - STAGIONE 3THE WALKING DEAD: THE ONES WHO LIVE - STAGIONE 1V - STAGIONE 1V - STAGIONE 2WILLOW - STAGIONE 1

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net