inland empire regia di David Lynch USA, Polonia, Francia 2006
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

inland empire (2006)

 Trailer Trailer INLAND EMPIRE

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film INLAND EMPIRE

Titolo Originale: INLAND EMPIRE

RegiaDavid Lynch

InterpretiJulia Ormond, Scott Coffey, Justin Theroux, Harry Dean Stanton, Jeremy Irons, Laura Dern, Mary Steenburgen, Nastassja Kinski, Michael Paré

Durata: h 2.52
NazionalitàUSA, Polonia, Francia 2006
Generedrammatico
Al cinema nel Febbraio 2007

•  Altri film di David Lynch

Trama del film Inland empire

A Inland Empire, zona residenziale ai margini di Los Angeles, una donna è in grave pericolo...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,77 / 10 (266 voti)7,77Grafico
Voto Recensore:   10,00 / 10  10,00
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Inland empire, 266 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 4   Commenti Successivi »»

ds1hm  @  17/05/2018 12:56:21
   5½ / 10
...c'è una sensazione dentro me che nasce da un punto non meglio specificato dei tessuti e che si propaga a tutto l'organismo ad intervalli più o meno regolari del giorno e della notte a volte meno intensa e a volte più forte e che si placa se la parte ossea della mia bocca inizia a masticare sostanze solide...
tutto questo per dire che il corpo avverte il bisogno di mangiare...
questo è Inland Empire...
non mi piacciono i film del tempo libero, ma non riesco a lodare i film che sono fatti apposta per non essere compresi...troppa fatica...l'ignoto artificioso diventa il nulla...infatti a distanza di anni non ha lasciato nessun segno...

Filman  @  21/12/2017 14:55:04
   7 / 10
Cercare la summa stroboscopica dello stile registico di David Lynch in INLAND EMPIRE appare imperativo nell'eccezione data dal primo appuntamento dell'autore, promotore del glitch e del bug come cifra stilistica, con la macchina da presa digitale, strumento funzionale e metacinematografico per raccontare un certo tipo di decomposizione e frammentazione dell'immagine. Sotto questa luce, un minimalismo tecnico già metabolizzato dal cinema europeo non può sicuramente soddisfare le aspettative, neppure con delle interessanti sperimentazioni di deformazione, filtraggio e collage sparse qua e là con poca coerenza o sorprendendo con un criptico racconto, indistinto tra realtà e finzione, tra corpo e mente, ma generalmente anch'esso poco originale nell'offerta di una nuova favola sui doppelganger.

76mm  @  12/12/2017 10:26:59
   10 / 10
Una delle più straordinarie opere della storia del Cinema.
L'ho già visto tre volte e non ci ho capito niente. NIENTE!
Se leggendo le prime due righe di questo commento pensate che io sia un folle, un troll, o più semplicemente un cogl*one (e siete legittimati a pensarlo, non mi offendo) allora questo film non fa per voi…evitatelo come la peste, dico sul serio…vi risparmierete tre ore di bestemmie.
Se invece la contraddittorietà (apparente) dell'assunto vi ha anche solo minimamente incuriosito, allora provate a concedergli una possibilità…cercate di scegliere il momento giusto, quando non avete troppi altri pensieri per la testa e non dovete interrompere la visione ogni 5 minuti per rispondere al telefono o aggiornare il vostro stato su whatsapp…esperienze come questa (cinematograficamente parlando, s'intende) non se ne fanno molte nel corso della vita.

2 risposte al commento
Ultima risposta 13/12/2017 10.43.01
Visualizza / Rispondi al commento
Juza21  @  06/03/2016 11:33:56
   3½ / 10
Di sicuro non sarò un intenditore ma definirlo un capolavoro.....ce ne vuole.. Comunque sia il mio voto è il risultato di quello che mi ha trasmesso il film in tutte le sue componenti.. trama, recitazione, dialoghi, colonna sonora, ecc...

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR rain  @  22/12/2015 18:25:24
   7½ / 10
Dopo "Lost Highways" e "Mulholland Drive" Lynch riesce a spingersi oltre i limiti da lui stesso stabiliti partorendo un film, se possibile, ancora più ermetico. "Inland Empire" non riesce ad avere lo stesso fascino (visivo e non solo) delle due pellicole sopracitate ma riesce lo stesso ad essere magnetico (ed inquietante) tanto da non sfigurare a fianco delle altre opere dell'imperscrutabile cineasta.
Da guardare come termine di una trilogia che minerà le vostre certezze.

Invia una mail all'autore del commento luca986  @  25/10/2015 00:05:12
   7 / 10
Lo ricordo vagamente. Probabilmente il più complesso dei suoi film, meno coinvolgente di Strade perdute e Mullholland drive. Molto affascinante comunque.

BrundleFly  @  28/07/2015 20:21:21
   7 / 10
Impossibile recensire questo film di Lynch cercando di dare un senso alla trama, pertanto il voto è un derivato delle emozioni suscitatemi unite a regia e montaggio.
Un senso di angoscia e oppressione - sono più horror i film di Lynch degli "horror" veri e propri - che pervade tutta la pellicola; le 3 ore di durata lo rendono però ancor più difficile da digerire.

MonkeyIsland  @  30/03/2015 01:52:33
   6 / 10
Ho adorato pellicole come Strade Perdute e Mulholland Drive (quest'ultimo uno dei miei film preferiti) ma Inland Empire l'ho trovato eccessivamente sperimentale e troppo compiaciuto..
Tralasciando il senso del film che non esiste e non capisco perché bisogna sempre ricercarlo i problemi risiedono nel ritmo con 3 ore che sembrano 3 giorni e quella sensazione di essere stati un po' presi per il cul.o una volta arrivati alla fine..
Sei di stima per Lynch anche se questa pellicola insieme a Cuore Selvaggio la reputo tra le sue minori.

1 risposta al commento
Ultima risposta 30/03/2015 18.43.20
Visualizza / Rispondi al commento
krueger419  @  09/01/2015 22:28:13
   7 / 10
C'è il discendente di Socrate, l'inventore degli alberi, il fondatore dell'ISIS e pure l'inventore della cura per il cancro (ma non può farcela vedere).

Filosofy. Qui su Feel-m-scoop sono tutti filosofy. Quindi, complimenti.

Ma non mi riferisco a quelle aquile che scrivono commenti più prolissi di Satteo Malvini. Na na na, mi riferisco a quelli che -HEYBEYBE QUESTO FEEL-M NON HA SIGNIFICATOH QUINDI E' BLL!-.

Io sono sono l'ennesima aquila che dice la sua cercando il più possibile di essere... imparziale e oggettivo.
Effettivamente dire che -inland empire significa questo- è riduttivo come paragonare l'esplosione della bomba atomica al rumore dei peti. Ecco.
Perché Lynch ha creato qualcosa di effettivamente insensato ma allo stesso tempo polisemico: per me questo film rappresenta la triade inferno-purgatorio-paradiso con una spruzzatina di filosofia platonica.

Fine punto stop,

3 risposte al commento
Ultima risposta 30/03/2015 18.40.42
Visualizza / Rispondi al commento
Rollo Tommasi  @  09/01/2015 20:08:49
   3 / 10
Premetto che ho una cultura cinematografica molto vasta, che adoro David Lynch per alcuni suoi indiscutibili capolavori, come Strade Perdute, una Storia Vera e Mulholland Drive, e che mi sono riuscita a sorbettare l'inrera serie di Twin Peaks....
Putroppo Inland Empire si è rivelata una clamorosa delusione, dal recitato, alla sceneggiatura e pèrfino alla disturbante colonna sonora, che di solito nei film di Lynch raggiunge vetto di lirismo...con il grande inestimabile Angelo Badalamenti.
Il film è proprio, come nel titolo, un delirio della mente, nel senso che il regista si è calato una pasta tra un ciak e l'altro. La piece teatrale con i conigli mi è sembrata una furbata per confondere le idee, rievocare il totem di Carroll, e giustificare le numerose lacune della trama.
B-movie con telecamera impazzita che accentua il senso di vertigine e nausea dello spettatore.
L'idea è buona, e penso che lo rivedrò per pungolo intellettuale, ma non posso esimermi dal proclamare un "alla prima, è davvero un bruttissimo film, contorto, lezioso ed inutile, da sconsigliare o da rivedere con l'ausilio di un filosofo".
Mi perdonino i tanti utenti che sono riusciti ad afferrare il senso dell'opera, ma anche ad apprezzare il film mentre lo stavano guardando (il che mi sembra impossibile").

3 risposte al commento
Ultima risposta 09/01/2015 21.23.10
Visualizza / Rispondi al commento
ferzbox  @  02/12/2014 17:32:55
   8½ / 10
"Inland empire" è a mio avviso un titolo azzeccatissimo; l'impero della mente è quello che si può partorire da ques'ultima o quello che si nasconde nei suoi meandri più profondi; devo dire che Lynch con quest'ultimo lungometraggio è riuscito a scavare parecchio in fondo,evocando immagini e visioni surreali e concrete allo stesso tempo.
Si tratta di un viaggio nell'inconscio umano; non solo dei protagonisti,ma anche dello stesso spettatore che cerca di capirci qualcosa da quelle inquadrature e movimenti di macchina sublimi,accompagnati dalla solita fotografia ottima e surreale all'occorrenza.
Personalmente credo di aver commesso l'errore di voler trovare dei collegamenti tra le varie scene che vedevo;quando invece sono dell'idea che bisogna pensare poco e lasciarsi andare alle emozioni e all'istinto.
Questo errore me l'ha fatto commettere lo stesso Lynch; è tutta colpa sua e di quel barlume di "senso" che ha voluto dare nella prima ora sulle tre complessive.
Lynch ha presentato dei personaggi concreti,con una storia concreta,con dei fatti concreti,tutti legati intorno alle riprese di un film/remake dal passato misterioso; qualcosa di strano arriva forte e chiaro;leggende metropolitane di vicende legate al mondo di Hollywood,dove la protagonista sembra esserne risucchiata al suo interno(tra l'altro strepitosa Laura Dern,attrice prediletta di Lynch).
Va bene,io l'ho vista come la maledizione di Nikki; una maledizione che proveniva dal suo passato?legato forse alla maledizione del film originale che stavano girando(nella storia del film intendo)....ci sono cose che ritornano,come alcuni elementi venuti fuori dai racconti della vecchia signora,sua vicina di casa,quando Nikki doveva ancora sapere dal suo agente se avrebbe avuto la parte o meno; tra i vari racconti c'era quello della bimba che uscì di casa e si perse in un vicolo che conduceva in qualche luogo misterioso; un vicolo che Nikki,nel suo sogno o incubo,percorre più volte....

No.....

Forse si tratta solo di una versione speculare del passato,dove Nikki viveva la vita dell'attrice protagonista nel film originale?(in fondo la vecchia signora non parlava di zingari e gente gitana? Di strani eventi accaduti durante le riprese del film,mai portato a termine?Non è forse vero che il marito povero e trasandato con cui viveva nella parte delirante del film,poi scappò con un circo dove conobbe un'uomo dagli strani poteri?
Ok,sto dicendo una miriade di puttanàte micidiali,magari sto facendo una serie di ragionamenti che non servono a nulla,magari va visto istintivamente e basta,ma è più forte di me...è colpa di Lynch;perchè cercare di dare un senso nella prima parte?per illudere lo spettatore?non credo,non lo vedo un regista ed uno sceneggiatore che fa le cose a caso...un motivo c'è; magari non per forza una spiegazione(tutto è sempre dedito all'interpretazione),ma credo che il nostro Lynch almeno una traccia l'abbia voluta dare.
Nelle sequenze finali c'è una parte dove Nikki cammina per i marciapiedi di Hollywood(quando viene accoltellata con il cacciavite) e per terra,tra le varie stelle rosse con i nomi dei divi,ce ne una con il nome Dorothy "non so cosa"(non ho letto bene);magari era il nome di una diva famosissima,ma non so per quale motivo mi è rivenuto in mente "Il mago di Oz"....quel "Dorothy" l'ho associato subito al viaggio interiore di Nikki(magari stava vivendo semplicemente il suo passato?....o forse viveva il suo passato,speculare al passato della attrice del primo film?...bho).....anche perchè la strega della famosa favola non era richiamata pure su "Cuore selvaggio"?

....magari non c'entra nulla e Lynch farebbe un film su di me.....

Comunque,che Nikki si sia risvegiata da qualcosa è sicuro....il regista non ha forse notato qualcosa di strano in lei,una volta terminate le riprese?Nikki non si alzò subito da terra,era morta in scena ma per un momento pareva morta davvero(quando la realtà si scontra con l'irrealtà).

Devo tirare le orecchie a Lynch perchè in quattro/cinque sequenze mi ha pure spaventato un pò(tipo la corsa di Nikki sorridente fino alla macchina da presa;mi è passato un brivido dietro la schiena).

Il film dura tre ore,ma personalmente non l'ho sentite pesanti,ero troppo impegnato a capirci qualcosa mentre rimanevo affascinato da questo viaggio onirico,magistralmente girato e dalla forte componente artistica.

Che altro dire? bho.....sono contento di non aver mai visto "Inland empire"....no,dico davvero;anche adesso che sto scrivendo il commento mi sento di non averlo mai visto,perchè si tratta di una di quelle opere che le puoi vedere anche 10 volte e ogni qual volta si fanno considerazioni differenti;magari quando avrò 50 anni lo rivedrò e scoprirò di non averci mai capito un cazzò,ma sarà sempre una piacevole esperienza.

N.B. Vorrei conoscere il Pusher di Lynch e passare insieme a loro una settimana nell'isola di Pasqua....(sono serio).

InvictuSteele  @  17/11/2014 16:49:14
   8 / 10
L'opera più complicata non solo di Lynch, ma una delle più complesse mai concepite, dove il regista mette a dura prova persino i suoi irriducibile fans (come me). Un film nel film ispirato a un film, dove le immagini assumono diversi significati, e che rappresentano un flusso di coscienza continuo per un dramma frammentario e con una narrazione scomposta e destrutturata. In Inland Empire si valicano le strutture narrative classiche e il tutto assume la forma di un incubo che intrappola lo spettatore in più dimensioni che si alternano tra realtà e illusione, passato e presente, tra diversi paesi e ambienti e tra verità e leggenda (maledetta). Il simbolismo Lynchano assume in questa pellicola la sua massima espressione, non solo per quanto riguarda le immagini e una sceneggiatura particolare ma anche dal punto di vista tecnico, con inquadrature distorte, primi piani dal basso, lunghe soggettive, dialoghi sussurrati, assenza di musica, fotografia esaltata dalle riprese in digitale che fanno molto realistico e documentaristico. Proprio il digitale non mi ha impressionato, infatti l'ho trovato poco adatto allo stile onirico del maestro, inoltre l'eccessiva durata complessiva rischia di stancare non poco lo spettatore. E' un Lynch che esagera nell'esasperazione, dilatando i tempi e le movenze degli attori, annoiando a tratti (specie nella fase centrale) e confondendo le idee. Secondo me sarebbe un film da 10, un capolavoro assoluto, la trama c'è anche se difficile da ricomporre, e che passa in secondo piano trattandosi di un film di Lynch, fine indagatore della (oscura) mente umana, ma purtroppo è penalizzato dall'eccessiva lunghezza che a tratti disperde il pathos e deconcentra, perciò non tocca il vertice e sono costretto ad abbassare il voto. Con qualche sforbiciata sarebbe stato perfetto, comunque sia ,il film, è un viaggio allucinato all'interno della mente, Laura Dern supera se stessa e la tensione è massima. Opera per pochi ma David Lynch non si discute.

GianniArshavin  @  28/06/2014 13:53:24
   7 / 10
L'ultimo film , al momento, di David Lynch è un riepilogo completo ed abnorme del suo cinema , fatto di deliri , follia , esplorazione della mente umana, immagini ossessive e apparentemente senza senso che turbano lo spettatore , lo incuriosiscono e lo travolgono in un turbinio di emozioni contrastanti.
Questa titanica opera psicologica della durata di tre ore è di difficile se non impossibile comprensione , una visione complicata e criptica ma allo stesso tempo sublime nella sua complessità.
Lynch in "INLAND EMPIRE" ci trascina nella mente di una donna che probabilmente soffre di personalità multipla , in un viaggio allucinante dove nulla o quasi sarà chiaro o spiegato.
Purtroppo l'ultima fatica del regista americano è forse troppo pretenziosa e personale per incontrare le lodi di tutti , in primis quelli del sottoscritto malgrado la mia adorazione per questo cineasta
Nel complesso "INLAND EMPIRE" è un film da vedere , di grande livello e caratura , non per tutti e dalla natura alquanto contorta.

LaCalamita  @  23/03/2014 14:30:14
   1 / 10
Folle e senza senso.
E' proprio vero, un film da 0 o 10.
A seconda se si è disposti a subire letteralmente 3 ore di non-si-sa-cosa tentando di trovare disperatamente un significato o comunque facendosi trasportare dalle sensazioni che ne scaturiscono scena dopo scena.
Io non ci sto.
E siccome non ci sto quello che vedo è privo di logica e di conseguenza il mio voto è 1 (in realtà 0 ma non è disponibile)

Il mio consiglio è NON GUARDATELO.

1 risposta al commento
Ultima risposta 09/01/2015 20.14.51
Visualizza / Rispondi al commento
Bibetta  @  15/02/2014 20:44:24
   9 / 10
il punto avanzatissimo del percorso di maturazione di un'artista dal talento straordinario. un film inimitabile perché prodotto (traguardo?) di un lungo percorso del regista ed in quanto tale vero.

Oh Dae-su  @  05/11/2013 13:35:56
   5½ / 10
In questo sito si classificano, commentano e votano i film.
Ok, quindi si cerca di dare un riscontro numerico, un valore e una sorta di razionalità a qualcosa che è puramente emozionale come il cinema.
Lynch ha sempre scansato le etichette, ha tentato coraggiosamente di mostrare l'irrazionale, o almeno il suo irrazionale, il lato oscuro, la psiche.
Molte volte pur non essendo un maestro di chiarezza c'è riuscito.. alcune sue opere mi hanno affascinato, altre stupito, altre mi hanno emozionato ed altre ancora mi hanno lasciato alquanto perplesso.
Inland Empire è una di queste, anzi è sicuramente quella che mi ha lasciato più spiazzato.
Non saprei rispondere a molte domande su questa pellicola.. tipo.. di cosa parla? ..di che genere è? ..qual'è la storia? ..e sono domande elementari.
In questo film c'è tutto quello che ha contraddistinto Lynch, ma agli estremi..
Quando credi di aver trovato un fragilissimo filo logico, stravolge tutto.. è tutta una sequela di immagini inquietanti e illogiche, di dialoghi e scene deliranti.
La durata poi è quasi improponibile, e una volta terminato il film ti ritrovi come appena sveglio dopo aver fatto un incubo.. perché di questo si tratta.. di un incubo.
Quindi diciamo che classificare qualcosa che non hai capito, ma hai subito è complicato, sò solo che non mi ha trasmesso emozioni positive, ma estrema inquietudine, derivante oltre che dai contesti e dalle immagini mostrate anche da quella sensazione di disagio che si prova davanti all'indecifrabile.

Lucignolo90  @  03/09/2013 22:14:25
   9 / 10

Ho visto questa maestosa, per durata e complessità, ultima opera di David Lynch di recente, è la seconda volta che la vedo, la prima volta fu quando uscì al cinema (in sole 3 sale a Roma ancora lo ricordo) troppo tempo or sono, quindi mi sento come aver visto un nuovo film per la prima volta.


E' qualcosa di difficilmente descrivibile, è un Lynch al cubo, mai così assoluto, di certo insuperabile persino da se stesso in futuro, tanto che mi riservo una terza visione prima di pronunciarmi e dare un voto, necessita almeno 3-4 visioni. Di certo è un film che si ama o si odia, senza compromessi, o (come leggo) si considera un'opera senza filo logico, senza una trama ben definita e noiosa, il "solito Lynch" (come se fosse un male) all'ennesima potenza, capace di scene d'antologia nell'arido deserto di una non trama, un qualcosa di non ben identificabile, senza appigli, oppure si riesce a carpire quanto ci sia sotto; sotto il fittissimo tracciato di processi mentali che fa si "che un'azione abbia sempre una conseguenza" riscontrabile in ogni scena del film, un vero e proprio impero della mente, e lo si considera uno dei migliori film della storia del cinema. Non è un film da buono, o da discreto. Lo si boccia in toto o gli si dà 10.

3 ore di impegno assoluto che metteranno alla prova chiunque, perchè come ho letto, Lynch non ti farà mai trovare la pappa pronta, devi adoperarti, devi sforzarti di dare un significato, quantomeno un'emozione, a quello che si sta vedendo, tentare di comprendere Inland Empire può risultare effimero o impossibile, ma il solo provarci significa nobilitare Lynch, e tutte le sue opere precedenti.

Woodman  @  16/08/2013 16:36:52
   9 / 10
Non credo che qualcuno sappia dire se è un capolavoro o meno, io in primis.

E' una fantasmagorica vicenda sovrannaturale e onirica all'ennesima potenza. Il delirio visivo più magniloquente e maestoso di sempre.
Proseguendone la visione sino al centosettantesimo minuto si ha l'impressione di essere finiti sotto shock, o di essere fatti (ma sul serio), si avvertono capogiri e fastidi allo stomaco.
Mi è venuta una strana nausea, finita la visione non ero esattamente sobrio.
Una divina ubriacatura.
Un mal di testa e uno stordimento mai provati.
Possibile che questo "film" sia così potente da instaurare la sua magia nel mio corpo, risucchiandomi e maciullandomi le percezioni della realtà, centralizzando la mia attenzione e la mia energia soltanto sulle sue fortissime e stravaganti immagini?
Non l'ho sognato, ma Lynch può farmelo credere.
Perchè se Lynch non è un artista unico nel panorama universale della settima ma anche di qualchedun'altra arte, allora chi è o è stato mai un "artista"?

Non mancano furbizia e ridondanza ma momenti come il decesso al sangue fucsia d'acrilico, accompagnato da una conversazione allucinata e cadenzata su un tono rallentato dall'ebbrezza e dalla follia e ipnotizzante ("stai tranquilla stai solo morendo" e "la mia amica senza una gamba") sono totalmente nuovi, imprevedibili, unici.

INLAND EMPIRE è la prova ultima della visione sterminata che Lynch ha della mente umana, il suo manifesto psicologico, tanto pittorico quanto elettronico, tanto vertiginoso quanto terreno.
Impossibile in tal senso non sentirsi almeno una volta presi un po' per il naso, ma la bellezza dell'impianto nel complesso non passa inosservata. Non si è mai assistito a niente di simile.
L'esperienza che Lynch crea va attraversata, vissuta e assaporata.
Una giostra di soggettività, di punti interrogativi, di sogni e di sangue.
L'unica opera cinematografica che dopo la quattordicesima non si è arresa alla decifrazione, alla traduzione, alla volgare interpretazione.
Era questo l'obbiettivo? La missione di Lynch? Decisamente compiuta, raggiunta. Raggiunta in pieno. Dire e mostrare nel modo più personale possibile quanto misteriosa e inpenetrabile sia la mente umana. Lynch può spuntare questa voce dalla sua lista. E continuare a prendersi una lunga pausa dal Cinema dedicandosi a fare dell'elettronica di mer.da.
Un genio multifaccia. Un variopinto clown da teatro Silencio. Un giocoliere di visioni e impressioni assolutamente intriganti.

La Dern è fenomenale, bravissima.

Splendido autocitazionismo musicale nel riutilizzo di Penderecki. Bellissima "Polish Poem", scritta da Lynch e cantata da Chrysta Bell.
La chiusura con "Sinnerman" è spettacolare. Se ne approfitta (come qualcuno ha già scritto da qualche parte) per mostrare alcuni dei personaggi sui quali il film avrebbe potuto continuare a concentrarsi, sviluppandone le storie.
INLAND EMPIRE, un mondo, un universo, una mente.

Grandissima cag.ata la maiuscolizzazione del titolo --> la mente è troppo estesa per il carattere minuscolo.
Come se il maiuscolo, invece, lo fosse.

Incubo sensoriale appagante e disarmante. Mette a soqquadro il nostro equilibrio e ci costringe ad entrare nell'Impero.
Summa definitiva, gigantesca, di un immaginario vasto e irraggiungibile.
Necessita una sperimentazione.

5 risposte al commento
Ultima risposta 04/09/2013 19.31.54
Visualizza / Rispondi al commento
piertoni  @  08/07/2013 19:44:48
   5 / 10
Lynch elevato Lynch: prendere o lasciare. Singole sequenze da antologia disperse nel caos autoreferenziale. Dov'è l'equlibrio e l'armonia di Mulholland Drive? Ahh che dolore...

_Hollow_  @  27/06/2013 02:19:53
   7 / 10
Sulla fiducia.
Lynch è Lynch, e non sarò certo io a criticarlo (mi piace sempre ricordarmi della fine che viene fatta fare al critico in 8 e 1/2).
Può voler dire tutto, potrebbe voler dire niente.
Di sicuro non mi da l'impressione del capolavoro. Troppo, troppo lento e pesante.
Raramente, la cosa può essere giustificata (v. "Greed" se l'avessero permesso, perché lo spettatore non può pensare di compiere un viaggio intellettuale senza sfiancarsi ... doveva essere una tortura non solo fisica ma anche mentale, per assicurarsi che solo i meritevoli potessero goderselo e uscirne cambiati ... geniale), ma non sembra questo il caso. A confronto L'anno scorso a Marienbad è Fast and Furious.
Comunque mi trovo d'accordo con chiunque abbia già commentato, sia chi lo ha amato da impazzire sia chi lo ha schifato ... sono posizioni entrambe condivisibili.
Nonostante adori la metacinematografia e il suo stile, non è certo questo il film di Lynch che preferisco.
Personalmente, ho veramente detestato la qualità (non che si potesse chiedere troppo da un'autoproduzione), quelle maledette inquadrature in primissimo piano (manco fosse La passione di Giovanna d'Arco) e soprattutto Laura Dern. Non solo odio come recita, ma mi fa veramente schifo fisicamente. Magari da giovane, ma adesso la visione per 3 ore ravvicinata del suo viso da mummia con quella radice nasale che sembra entrargli nel cervello veramente mi disgusta.
In ogni caso, come ho scritto al principio, non si può criticare Lynch. Ho dato la mia opinione, ma non critico.
Solo se volete vederlo preparatevi a qualcosa di ancor più particolare del solito.

dagon  @  02/06/2013 10:33:38
   3½ / 10
I E poteva essere, e mi aspettavo che fosse, la conclusione di una sorta di ideale trilogia "onirica" iniziata con "strade perdute" e proseguita con "Mulholland Drive". Stavolta invece Lynch toppa alla grande, per eccesso di autocompiacimento. Al di là di quello che pensano gli idolatri del regista, che griderebbero al miracolo ed al genio anche se il regista propinasse un film di 4 ore constante in un camera fissa che inquadra la tazza del ces.so per tutta la sua durata, trovandovi a forza significati filosofici, metafisici e psicoanalitici, Inland Empire (oooops, pardon, INLAND EMPIRE) è un divertissement del regista che si diverte a giocare, e a sfottere, con il suo pubblico. Se non ricordo male le dichiarazioni dell'epoca, era lo stesso Lynch a dire che il film non aveva senso, proprio perchè era un viaggio nella mente umana, e che erano gli spettatori a dover mettere i significati che volevano. Una sorta di equivalente in celluloide delle macchie di Rorschach. E' il sogno di ogni critico di Segnocinema e di Cahiers du Cinéma, un film vuoto ma apparentemente complesso che consente di fare sfoggio di erudizione sterile e di elevarsi dalla povera massa di intelligenze inferiori.
Che il film sia alla fine una presa per i fondelli è già l'insistenza sul fatto che il titolo vada scritto in maiuscolo, se lo scrivi in minuscolo, in primis non sei un vero cinefilo, poi sei stupido. Motivo del regista: la mente umana è troppo immensa per poter esser confinata nel minuscolo. ah ah ma che minch.iata, se è così il maiuscolo è altrettanto riduttivo.
Morale: tre ore di giri a vuoto, di noia mortale, in cui ogni tanto rifulge qualche scena fantastica che non fa altro che aumentare il rimpianto per quello che sarebbe il film potuto essere, ovvero il degno seguito di quel capolavoro che è Mulholland Drive.

Badu D. Lynch  @  19/02/2013 11:10:34
   9½ / 10
L'urlo dell'indefinibile.
Silencio assoluto.
I conigli hanno fame, fame di noi, delle nostre menti..
"Stai sognando ad occhi aperti?"
Sei emozionante qunado sei incomprensibile - Che bel complimento.

Fine

Invia una mail all'autore del commento nocturnokarma  @  19/02/2013 00:42:11
   10 / 10
Un capolavoro epocale.

Superando quando già fatto con Lost Highway e Mulholland Drive, Lynch offre al pubblico un'esperienza sensoriale unica (paragonabile per certi versi solo a 2001 odissea nello spazio), per come esclude qualsiasi possibilità di narrazione lineare affidandosi alla potenza evocativa di immagini, suoni, dialoghi, sospiri, per creare mondi paralleli che si uniscono come in una sinfonia.

Senza compiacimento, disonestà autoriale o furbizia commerciale, il film è un esperimento irripetibile (un'eventuale nuovo film come questo sarebbe solo maniera), che porta il cinema un passo avanti su tutti i campi: narrativo, visuale e di genere. Un prodotto rivoluzionario quindi, ponte tra le avanguardie e somma del bagaglio culturale del consumatore di cinema (abbiamo infatti in mix di noir, melò, drama, grottesco).

Un cubo di rubik mettere i tasselli delle sotto-trame sotto un'unica boccia di vetro. Lo scarto verso una fruizione il più possibile intima e personale, sensoriale, è il modo migliore (e giusto) per godersi Inland Empire in tutta la sua potenza.

A differenza del più lineare Mulholand Drive, qui infatti il "messaggio" (volendo valutare ogni film anche per l'intrinseco valore intellettuale o morale) è fine a se stesso, proprio perché le storie raccontate si alimentano e si annullano, sottraendo o aggiungendo sempre una domanda, una sensazione, un'ipotesi. Un cinema, quindi, davvero unico ed inimitabile.

Lynch oltre l'infinito.

TommyTI  @  26/08/2012 15:07:39
   9 / 10
Inutile commentare questo film,si parla di aria...solito lynch

C.Spaulding  @  06/06/2012 12:50:42
   9 / 10
Diciamo che ho visto tutti i film di Lynch e alcuni non li capisco fino in fondo ma, nonostante questo, continuo a vederli. Questo film è geniale,forse il più strano del regista. Inquietante al punto giusto . Un viaggio allucinante nei meandri della mente umana. Si è un film lento e pesante ma, nonostante duri 3 ore, lo spettatore non si annoia mai anzi ti cattura con le immagini e le situazioni davvero inquietanti (vedi la chiacchierata strana con la signora). In fine un film profondo e allucinato in puro stile Lynch. Da vedere per gli appassionati del regista.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  18/03/2012 16:31:46
   10 / 10
Dopo l'allucinante "Mulholland Drive", Lynch sembra volersi spingere ancora più in là e lo fa. Un film assurdo in cui lo spettatore non può appigliarsi a nulla ed è totalmente in balia delle immagini.
Forse presuntuoso, forse geniale. Forse una porcata, forse un capolavoro.
Qualsiasi discorso su INLAND EMPIRE è un discorso a vuoto.

ValeGo  @  21/02/2012 11:57:06
   7 / 10
Lynch mi fa impazzire..questa volta mi ha messo a dura prova..il titolo non poteva essere più appropriato,fino a un certo punto tra l'altro si segue bene ed ha un minimo di logica ma ad un certo momento siamo totalmente calati nella profondità, oscurità, assurdità della mente..un labirinto da cui non si può più uscire. Sena logica, senza confini tra realtà e sogno..tutto mescolato in un assurda sequenza di fatti senza senso. Impressionante.

Zanibo  @  08/12/2011 20:44:01
   4½ / 10
Prese una a una molte scene sono affascinanti. Nel complesso l'ho trovato assurdo, lento e noioso all'inverosimile.

E` un film particolare, quindi ci sta il 10 come ci sta lo 0, a seconda di chi lo guarda.

Gabo Viola  @  29/10/2011 17:43:56
   10 / 10
Leggevo l' intervista di Truffaut ad Hitchcock, il buon Alfred asseriva che lo spettatore dovesse essere messo a conoscenza di tutti gli elementi della storia per raggiungere l' apogeo del coinvolgimento emotivo. Beh Hitchcock sbaglia clamorosamente e la riprova è senza dubbio in Inland Empire. Questo è il film più spaventoso che mi sia capitato di vedere, merito anche delle musiche elemento peculiare nella filmografia del regista americano. La sostanziale differenza nell' uso della colonna sonora è che i registi la adoperano per marcare un determinato momento. Tensione = orchestra che suona forte e con tono minaccioso. Amore = love theme. Idillio = tema rilassato. La capacità di Lynch e badalamenti è proprio l' idea di un "teatro eterno della musica", ovvero una scatola dove i suoni siano reiterati in un mantra orientale. La meraviglia è che David ha tutto il retaggio anni '50, le pupe, le giacche nere in jeans, roy orbison ma le filtra attraverso un amore immenso per la trance. Nasce dunque un cinema per lo stravolgimento dei sensi che riesce a creare il più diligente documentario della vita onirica di un individuo. Non è un caso che le pellicole più interessanti degli ultimi dieci anni siano quelle che si discostano dalla "riproduzione in serie" ormai marchio di un occidente perduto per sempre. Cristopher Nolan è un visionario da supermercato, i suoi sono sogni di un ragazzino superficilae che si addormenta al banco dei salumi dentro l' Esselunga (auchan, carrefour, billa, se preferite). C' è tanto oriente in Lynch e mentre il suo gemello Cronenberg diventa canuto e lineare lui esaspera il gusto per l' eccentrico e la ricerca. Il film è difficile da commentare poichè è come la preghiera di un nemico giurato della Yakuza, come l' urlo di una farfalla.

7 risposte al commento
Ultima risposta 31/10/2011 18.24.23
Visualizza / Rispondi al commento
nefilim  @  24/10/2011 01:25:04
   8½ / 10
Con questo film il buon David ci mette alla prova. Quanto profondo è il nostro Impero della mente?

PignaSystem  @  27/07/2011 23:20:57
   5½ / 10
Il Dramma-Lynch. L'esegesi Dovuta e pretesa d'un volo che ha lentamente perso la propria leggiadrìa, la propria traspirante Ispirazione, un'onestà (anti)comunicativa che era gemma preziosa, scintillante sinfonia (non altro) degli orrori più ancestrali. No, ora l'immaginario lynchano è poco più che parodia di se stesso, decadente vacuità estetizzante, gratuito e pretestuoso esercizio di stile protratto ed imposto. Dato in pasto ma non digerito, quasi del tutto non riflettuto ma straripante riflessi, cromatiche guarnizioni ad un Nulla quasi sempre divorante. La messinscena riesce ancora a stupire, ad atterrire ed a stringer le viscere, ma si è davvero distanti, Troppo distanti, dalla sensuale e 'spoglia' intuitività irrazionale propria degli albori della poetica lynchana. Il Maestro, consapevole di Sè fino allo sfinimento, ha forse smarrito il proprio candore.. quella mistica eppure del tutto 'terrena' forza motrice che lo portava a destrutturare ogni (con)testo in nome dell'abbandono (lucidissimo) al mareggiar dei Sensi. Delle pulsioni più rimosse e primordiali. E' proprio quella basica (ma ricchissima) verve iconoclasta ed 'inquinante' a mancare, più d'ogni altra cosa, a chi ha da sempre venerato il non-linguaggio del genio di Missoula. Nei praticelli ben rasati della provincia west coast non c'è più una sola stilla di sangue, nè un singolo lembo mozzato delle stuprate certezze pastello dell'american dream. Ora è, in tanto roboar di irrealtà, tra tanti dislivelli narrativi confliggenti, quasi solo Silenzio. Rumore assordante, ferino digrignar di denti, psichedelia frastornante somministrata per distrarre. Dunque, silenzio.

Feelhigh  @  11/05/2011 10:45:17
   8 / 10
Lynch all'ennesima potenza...
Inutile cercare di comprendere quanto avviene innanzi ai nostri occhi nelle tre ore di Inland Empire.. credo che in questa sua opera il regista abbia semplicemente inteso offrire allo spettatore la sua visione nuda e cruda del concetto di "sogno", priva di riferimenti spazio temporali, priva di uno svolgimento logico, priva di linearità..
La forza ed il limite del film risiede proprio nel fatto di essere pura esteriorità, un dirompente affresco di sensazioni ed immagini dall'imponente impatto visivo ed emozionale, ma senza il supporto di alcuna trama apparentemente comprensibile..
consigliato ai fan di Lynch,si diveritranno comunque e rinveniranno nell'opera diverse "chicce" tipiche del Maestro...chi non ha apprezzato i precedenti lavori del regista dovrebbe per contro evitarlo, potrebbero considerarlo noioso ed inutilmente prolisso
Grande prova della Dern.

dobel  @  18/04/2011 17:31:47
   9 / 10
Di fronte ad opere siffatte è lecito porsi alcuni interrogativi, in quanto il mero dato cinematografico e narrativo viene superato, trasceso e in qualche modo aggirato.
Lynch è senz'altro un grande artista ed è grazie a questa certezza di fondo (testimoniata da una produzione spesso straordinaria e sempre personalissima), che rifiutiamo subito e categoricamente il sospetto di una burla o di una presa in giro. Se il percorso narrativo del film è spesso ostico, incomprensibile e volutamente oscuro non è certo per capriccio bensì per dare forma ad un'opera d'arte totale nella quale confluiscano i tanti aspetti della personalità e delle ossessioni lynchiane. La vita che si dispiega in realtà temporali sovrapposte che danno origine a più vite parallele; il male che si manifesta subdolo nella realtà più banale; i sogni che si trasformano in incubi inafferrabili...tutto questo è Inland Empire. La trama? Il flusso interiore di un monologo incessante e inquietante. I personaggi? Lynch nelle sue differenti declinazioni.
A questo punto la domanda che ci si deve fare di fronte a questo film nom riguarda più il film in sè, ma il significato e la liceità delle diverse possibilità dell'opera d'arte.
L'arte è comunicazione ed autoespressione; i mezzi, i significanti di cui questa si deve servire hanno dei limiti? La forma è indispensabile a veicolare un messaggio, oppure possiamo abbandonarci ad una autocomunicazione aperta a 360gradi?
Se l'arte del novecento ci insegna qualche cosa è proprio che il concetto di forma deve essere reinterpretato. I vincoli vanno spezzati, ripensati e trasformati. Ma siamo sicuri che la forma si sgretoli? O non dobbiamo piuttosto credere che semplicemente venga regolata da altri principi?
Joyce non ha più firma? Beckett non ha più forma? Picasso non ha più forma? Schomberg non ha più forma?...
I binari cambiano direzione rispetto a prima, ma non cessano di procedere parallelamente. Lynch non ha più forma? La sua forma e le sue regole attingono a principi differenti da quelli consolidati dai canoni classici, ma una volta decodificati presentano contorni definiti e riconoscibili.
Come la seconda scuola di Vienna nella propria espressione dodecafonica non ha voluto ingannare nessuno, così Lynch non vuole creare un'opera falsa, bensì un film personale e svincolato dal pubblico. L'arte ha bisogno di un referente, o quando lo si perde di vista cessa di essere espressiva?
Credo che il referente sia indispensabile; credo, altresì, che in certi casi gli venga richiesto uno sforzo di immedesimazione e di crescita grazie al quale l'arte diventa anche maestra. Coltivare un'estetica significa avviare ad essa e iniziare ad essa il pubblico e il fruitore. Accontentarsi di percorrere le strade battute e semplici per non richiedere uno sforzo allo spettatore non produce nulla.
Non voglio dire che il film mi sia piaciuto incondizionatamente, ma lo accetto come un tentativo personale di autocomunicarsi; lo apprezzo come un tentativo di portare il pubblico ad un grado più alto e attivo di partecipazione.
Grazie a David Lynch per voler continuare, in mezzo alla società del profitto e del conformismo, ad essere un artista!

3 risposte al commento
Ultima risposta 05/11/2011 15.14.15
Visualizza / Rispondi al commento
incubodimorte  @  17/04/2011 18:47:14
   4 / 10
Ho fatto una fatica tremenda a finire il film. Non perchè sia incomprensibile o non lineare, ma perchè non mi ha comunicato assolutamente nulla. MD e Strade Perdute mi hanno fatto impazzire, questo Inland Empire puzza proprio di presa per i fondelli. Anche visivamente non è sta bellezza come i suoi precedenti lavori e le espressioni di Nikki non le potevo sopportare. Peccato.

7219415  @  25/03/2011 17:00:42
   7 / 10
Pur essendo un grande amante di Lynch penso che questa volta abbia "esagerato"...seppur la pellicola riesce ad affascinare per la sua follia e oniricità è completamente incompresibile...

kako  @  08/03/2011 00:24:01
   8½ / 10
Io ammetto di non averci capito una mazza, ma finite le 3 ore di film sono rimasto affascinato dal trasporto delle immagini create da Lynch! probabilmente non c'è niente da capire, ma solo lasciarsi andare all'interno di un viaggio onirico che prende e ammalia la nostra mente oltre a creare un senso di spaesamento e di angoscia che lascia il segno.

Gruppo COLLABORATORI fidelio.78  @  05/03/2011 11:28:32
   8 / 10
E' un film davvero ostico da commentare perché così complesso e sfaccettato che andrebbe rivisto molte volte per comprenderlo a pieno.
Sull'onda emotiva di una sola visione mi sento di dire che per due ore il film non convince. Lynch si perde nel proprio onirismo alla ricerca sempre di soluzioni che pur risultando affascinanti implodono su loro stesse. Non convince neanche l'uso del digitale in alcune scene poiché appiattisce l'immagine.
La trama non decolla e si resta a vedere la fine solo per alcuni lampi di genio sparsi.
Ricordo che quando lo vidi al cinema sarei voluto uscire perché mi stavo annoiando terribilmente. Poi arriva il capolavoro. Quando guardi l'orologio per dire "ma quanto caxxo dura ancora sto film??" ecco arrivare l'incedere lynchiano, ecco giungere gli ultimi 45 minuti che restano a mio avviso una delle pagine più belle della storia del cinema.
Ed ecco svelarsi il vero soggetto: la catarsi dello spettatore nell'empatia con il personaggio cinematografico. Un turbinio di sensazione, immagini e parole che confonde e travolge, affascina e ubriaca. E ci si perde nei meandri della mente fino alla visione finale in cui lo spettatore è spettatore di se stesso e nel pianto liberatorio trova la liberazione dalla propria ossessione vista per mezzo degli occhi della protagonista. Il meta-cinema come nessuno lo aveva mai mostrato, una nuova frontiera che supera Jodorowsky e Lynch stesso. Poesia della mente degna di Grillet e Resnais con minor essenzialismo, ma occhio virato all'onirismo cupo.
Che voto dare ad un film del genere?
Per la terza parte il 10 è perfino poco, per la prima e la seconda una mediocrità sarebbe anche troppo...
Probabilmente 8 è il voto giusto perché la media matematica non si può applicare alle emozioni. Consiglio a tutti di vederlo anche perché nell'antitrama d'ora in avanti non si potrà più prescindere da questo film.

2 risposte al commento
Ultima risposta 19/02/2012 17.59.45
Visualizza / Rispondi al commento
elmoro87  @  05/03/2011 11:01:52
   2 / 10
Una cag.ata assurda... Ecco quello che penso io dopo aver terminato di vedere questo abnorme ammasso di sterco che sto flippato di Lynch ha confezionato spacciandolo per arte... E' possibilissima secondo me la teoria della presa in giro che Lynch ha voluto fare a tutti quelli che hanno guardato il film, ma se non lo fosse, se veramente Lynch crede che questa immondizia sia veramente arte, è veramente da rinchiudere... Il merito che ha è che quando di colpo stacca sulle facce deformate della protagonista fa venire veramente i brividi... Per il resto a mio parere è completamente scandaloso!!! Senza senso, senza corpo, senza nulla... con l'odiosissima Dern che per tutta la durata del film si guarda in giro con quella faccia incredula da caz.zo... UN FILM VERAMENTE INGUARDABILE!!! sempre che di film si può parlare... Lynch sta male...

6 risposte al commento
Ultima risposta 06/03/2011 18.40.26
Visualizza / Rispondi al commento
OceanOfNoise  @  14/02/2011 13:45:44
   8 / 10
Credo che nessun regista sia mai riuscito a dipingere in un modo così perfetto quello che è il sogno e il subconscio di ogni essere umano. La trama c'è, complicatissima e poco chiara, ma ciò che conta sono le immagini: un tour de force di puro delirio onirico.

furstemberg  @  11/02/2011 13:08:41
   8½ / 10
Sinceramente mi è difficile giudicare questo delirio cinematografico (in senso positivo). Penso non si possa nemmeno catalogare in un genere. E' un'interminabile scorrimento di un fiume di astrattismo che si interseca ad ulteriori affluenti storiografici di follia pura. Un plauso in particolare alla scelta della colonna sonora, perfetta per cotanto delirio onirico-reale. Sono toccati, in modo apparentemente superficiale, ma in realtà non è assolutamente cosi, temi come l'onirismo, lo sdoppiamento della personalità, le interconnessione tra i vari strati della mente e della realtà.

Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  07/12/2010 23:31:50
   8 / 10
Prima di tutto i difetti: è troppo lungo (nel senso che troppe scene si trascinano senza guadagnare in nulla rispetto a quel che avrebbero comunicato durando la metà). Secondo: Laura Dern non mi è mai piaciuta e nemmeno qui mi convince. Per 9/10 del film mantiene la stessa espressione da maschera di cera, con la bocca aperta e gli occhi che esprimono angoscia e smarrimento.
Il resto: qui Lynch sfodera tutta la sua tecnica mentre esplora la nuova frontiera del digitale. La colonna sonora è, come sempre, un capolavoro. Ancora, come è suo solito, ci regala degli effetti di luce meravigliosi. Alcune scene sono davvero da restare a bocca aperta. Resta il fatto che, per sua stessa ammissione, il film non ha una trama e passa da una scena all'altra, come a compartimenti poco stagni, senza un nesso vero e proprio, ma grazie a dissolvenze incorciate, balzi temporali e analogie e ricordi. Non so se sia un limite o meno, o se si debba prendere atto della volontà di esplorare il mezzo "cinema" o ancora meglio, le proprie capacità, da parte di Lynch. Non so reputarlo un capolavoro ma forse sì.
Un cameo finale di qualche fotogramma da parte di Masuimi Max! Un bel salto dopo XXX2 !!!

Oskarsson88  @  07/12/2010 15:19:11
   7½ / 10
piuttosto intortante

lukef  @  01/12/2010 20:48:33
   7 / 10
Mah, non saprei che voto dare a questo film. Da un lato trovo la potenza di alcune immagini e di alcune trovate a dir poco geniali. Dall'altro il film nel suo complesso mi ha annoiato parecchio; a furia di guardare immagini (apparentemente?!?) senza senso mi era anche passata anche la voglia di continuare a cercare di seguire il filo se non la curiosità di vedere come finiva (con una "trama" simile è anche relativo parlare di fine).
Concordo pienamente con coloro che hanno prima di me sostenuto che Lynch ha calcato un po' troppo la mano; capisco che probabilmente si è lasciato andare a tutta la sua smania artistica, però non può non porre un minimo di attenzione allo spettatore, sennò se volessimo considerarlo meramente per la sua valenza artistica non sarebbe neanche corretto valutarlo in quanto film.

Donetsk  @  01/10/2010 12:15:29
   9 / 10
Già solamente per i Rabbits, l'ultimo Lynch merita i miei inchini.
Ci si perde, ci si ritrova, poi ci si risveglia.

wooden  @  27/09/2010 15:39:59
   8 / 10
Boh. Secondo me non è nè uno scivolone nè un capolavoro, quindi sono in disaccordo con la maggior parte dei commenti qui.

A me è piaciuto, molto potente e fuori dall'ordinario (pure parecchio), ottima la scelta del digitale, molto immersivo. Dunque essendo uno che vota impulsivamente - senza vedere se "è rivoluzionario", "ha dei movimenti di camera perfetti" o se.gate varie sarei tentato dal votone.

Però ci sono dei difetti...

- dura troppo. Ed è la prima volta che mi capita con un film di Lynch (non ho visto Dune), diciamo pure che in certi punti ho guardato l'orologio, e questo per me è un segnaccio a prescindere.

- Per la prima volta ho avuto l'impressione (diciamo quasi-certezza) che fossero scene a casaccio spacciate come "legate da un significato segreto" e non un film unitario con una struttura particolare (e geniale) che emerge alla seconda visione.

Insomma, i suoi capolavori sono altri, ma per me la frase "Lynch non sbaglia un colpo" rimane valida.

Alcune scene sono incredibili.

-ataren-  @  21/09/2010 16:12:08
   10 / 10
Forse l'unico film a cui non esiterei a dare 10. L'unico che non riesco neppure a catalogare come genere. Originale, mozzafiato, convolgente, devastante, commovente. Un'esperienza che va oltre il cinema.

Pico84  @  11/09/2010 13:00:28
   9 / 10
Più lo vedo meno ci capisco e meno ci capisco più mi piace

pinhead88  @  07/09/2010 22:58:30
   4½ / 10
Un immane presa per i fondelli da parte di Lynch, ci ho visto solo questo purtroppo, soprattutto verso i suoi fan più sfegatati, che si sforzeranno non poco a capire ogni scena di questo mega-polpettone insensato. Francamente, senza nulla togliere a Lynch, non ci vedo proprio nessuna genialità in quest'opera, a differenza magari di altri suoi titoli più recenti e non. Non so, ma ha l'aria d'essere tutto una presa in giro, oltre che un riciclamento di tutti i suoi canoni. In più, l'estenuante durata diventa la goccia che fa traboccare il vaso, tra monologhi infiniti e scene scollegate tra loro. L'utilizzo del digitale, anche se non lo apprezzo molto, è funzionale nel riuscire a trasmettere maggiore inquietudine, ma dopo un'ora circa il ritmo inizia a diventare insostenibile e continuare a seguire il film diventa impresa assai ardua. Stavolta credo non basti la forza delle immagini per apprezzare questo lavoro estremamente criptico e personale, anche perchè ci sono pochissime immagini che rimangono impresse, almeno per me. Posso solo dire che tre ore di questo Lynch non sono riuscite davvero a trasmettermi nulla.

Invia una mail all'autore del commento Steppenwolf  @  24/08/2010 21:48:24
   10 / 10
A tutta la gente che ha dato voti bassissimi a questo film: perché vi avvicinate al cinema di Lynch se non fa per voi?
Lynch non è per tutti, il suo tipo di arte è atipico ed è fine a se stessa.
Ma gente che liquida un film del genere senza neanche ammettere che si tratta di un'opera rivoluzionaria, unica nel suo genere, beh... mi sembra esagerata.
Non si parla di un capolavoro oggettivo(per me lo è, sia ben chiaro), ma il coraggio di questo film non può essere stroncato con aggettivi quali "noioso" o "senza senso".
Ha per caso senso il finale di "2001"? E la musica di Beethoven o di Bach?
I dipinti di Picasso? Eppure nessuno nega deliberatamente che si tratta di opere d'arte.
Lych ha sin dai tempi di Eraserhead rappresentato una poetica del cinema ai limiti con i concetti canonici del cinema stesso, propugnando una rivoluzione dell'immagine, dei contenuti, stravolgendo la linearità delle trame.
E questo film è arbitrario, aperto ad ogni interpretazione, non privo di senso.
Se proprio volete sapere in breve quale sia la trama, leggete Pierluigi Basso Fossali o Andrea Bordoni.
La bellezza del film è la sua struttura non lineare, che non corrisponde certo ad un'accozzaglia di fotogrammi senza senso.
Basterebbero le sensazioni, l'emotività di quest'opera(inferiore a quella di Mulholland Dr., certo, sotto quest'aspetto), la ricercatezza delle immagini e dei suoni a fare di INLAND EMPIRE un capolavoro.
E le scene sulla Walk of Fame? Il finale che è un flashforward? I titoli di coda con Siinnerman di Nina Simone?
Ma visto che la gente è fissata con la trama e con i significati(ma cosa significano i film di Tarantino così tanto amati? Non è anche quello puro cinema senza scopi didattici e che stravolge - seppur lontanamente dagli standard lynchiani - la narrazione?), vi dirò che INLAND EMPIRE può essere letto - al contrario di Lost Highways e Mulholland Dr. - da ancora più punti di vista... ma essenzialmente Laura Dern è proiezione della Lost Girl, la donna polacca davanti alla TV, che la genera come un alter ego catartico per ottenere un riscatto dalla maledizione del passato, uccidendo il Fantasma.
Altri utenti come Quilty hanno invece postulato Nikki e la Lost Girl come proiezioni di Sue morente... anche è possibile.
La mia opinione è che si tratta di mondi paralleli intercomunicanti, perché il film non finisce con la liberazione della Lost Girl, ma con Nikki che ritorna dal suo lungo viaggio nel domani che è ieri, riconciliata con se stessa, mentre
Scusate lo sfogo, ma qui si parla del mio film preferito, ed inoltre credo che i commenti sterili non rendano giustizia ad un'opera d'arte: posso capire che un film non possa piacere, ma liquidare con voti così bassi un simile film - manco stessimo parlando di Boldi o di "troppo belli" - mi sembra sinceramente inammissibile.
E' un'opera sperimentale e certamente o la si ama o la si odia... ma qui si tratta di non capire - di non voler capire - le ragioni di un film.
Se odiate i film senza senso perché perdere tre ore della vostra vita vedendo INLAND EMPIRE o un qualsiasi altro film di Lynch che non sia "The elephant man" o "Una storia vera"?
E, ripeto, il film non è un delirio di un pazzo, si tratta invece di un'opera assimilabile all'Ulisse di Joyce: non è priva di narratività, anzi la stravolge, come hanno fatto i precedenti film di Lynch.
Non è emotivamente forte come Mulholland Dr., ma è un film molto più aperto e tutto sommato ottimista, un film sul tradimento, sull'amore, ma anche sulla riconciliazione, come mostrano i titoli di coda sulle note di Sinnerman, nel carosello felliniano finale che inscena l'infinito oceano di possibilità del Cinema, producendo personaggi che avrebbero potuto occupare la storia, ma mai mostrati.
Si tratta sicuramente di un film estremo, ma non è necessario interpretarlo: basta il flusso onirico di immagini, le sensazioni forti a renderlo un film molto particolare.
Non per tutti: si tratta cmq di una pellicola sul cinema, che rivoluziona il modo di fare cinema, ma lo fa rivelando pienamente la sua essenza, spuria da elementi facilmente riconoscibili. E' cinema non anti-narrativo o incoerente, ma diversamente narrativo, come un disegno di Escher.
E' uno Shining metalinguistico.
Per discussioni civili potete contattarmi, se volete saperne di più sul mio punto di vista.

13 risposte al commento
Ultima risposta 31/01/2011 14.37.36
Visualizza / Rispondi al commento
Dosto  @  18/08/2010 11:32:37
   1 / 10
Sarà che, a parte Eraserhead, io odio Lynch ma queste 3 ore buttate al c.esso me le potevo proprio evitare...Non è il fatto che manchi una storia lineare a farmi dare questo voto(di film con una trama vera e propria ne vedo pochi e basta guardare i film che ho commentato sul sito), nè la mancanza di un vero e proprio filo logico ma la noia mortale(mi sono addormentato più volte) che questo film mi ha trasmesso...anche se Lynch avesse voluto dire qualcosa con questa pellicola(cosa che sinceramente non credo) e anche nel caso si sia voluto prendere gioco dello spettatore, in ogni caso l'unica cosa che resta è la noia terribile.

Invia una mail all'autore del commento s0usuke  @  29/07/2010 15:22:29
   10 / 10
E' un film che si apre su un mondo che poi è l'accesso ad un altro mondo che allo stesso tempo è portale di uno o di un altro mondo. Tra le righe è una discesa nel profondo del nostro inconscio. Il tradimento di un amore coniugale attraverso una lunga ed eccezionale carrellata metaforica di omicidi, misteri e personaggi. Riuscirà la "ragazza perduta" a superare il suo rimorso e ricongiungersi anima e corpo con suo marito e suo figlio?
Lynch chiude magistralmente la trilogia inziata da Strade Perdute e portata avanti da Mulholland Drive con una pellicola tanto sperimentale quanto efficacemente portavoce della sua inconfondibile poetica. Non porgiamoci troppe domande... lasciamo che le immagini ci scorrano addosso. Laura Dern eccezionale

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Ciumi  @  21/07/2010 10:58:32
   9 / 10
Non credo sia opportuno cercare a tutti i costi di spiegare, spiegare la trance, la suggestione, il libero impero sensoriale e psichico - proprio e dello spettatore - che Lynch ha saputo ricreare..
Poiché non tanto ha importanza la storia in sé - che tuttavia è intravedibile, ed è centrale - quanto più il percorso intrapreso per rintracciarla, attraverso le maglie oniriche, seguendo a ritroso ciò che ancora è rimasto impresso, quale insieme di sensazioni vive, violente.

Di visibile ci sono i vari corridoi, come le ‘strade perdute’, trascorsi per lo più in soggettiva, a unire le diverse stanze.
Di visibile c’è qualcuno che guarda, guarda attraverso il buco lasciato da una sigaretta sopra una seta, o davanti a uno schermo, in lacrime.
E lo sdoppiamento e la moltiplicazione delle personalità, la frantumazione dello spazio e del tempo.
Poi, c’è tanto buio in ‘Inland Empire’, spesso più insistente dove più ci si approssima ai fatti accaduti; ma a tratti anche grandi abbagli, là dove le luci, le lampade, sembrano fungere da porte che conducono da una a un’altra delle dimensioni evocate.

Non meno in evidenza è tra queste la dimensione cinematografica - il set - o quella televisiva - la camera ‘banale’ dei conigli, esseri disumanizzati come i personaggi di una soap opera. Anzi le prime sequenze del film ci parlano soprattutto di queste dimensioni superficiali; e da qui, il processo, diviene inverso. Non è il fatto reale a generare la messinscena ma, al contrario, è dalla finzione che si materializza via via la situazione reale, arcana anch’essa, che non verrà mai totalmente svelata. La diversione nell’onirico non giunge in maniera brusca come ad esempio avveniva in ‘Strade perdute’. Gli ambienti s’incupiscono man mano, o il volto della protagonista si strucca e s’imbruttisce gradualmente, ricoprendosi di ematomi, di sofferenza.
C’è una scena in cui, trafitta da un cacciavite, la donna percorre agonica la Hollywood Walk of Fame (o una sua riproduzione), per poi stendersi vicino a un gruppo di senzatetto. In quella sequenza cinema e verità, simbologia e realismo, rimangono incastrati violentemente.

Quando si parla di film nel film, è difficile non pensare subito al caotico universo dell’ ‘8 e 1/2’ felliniano. Là appariva, a un certo punto, una sorta di formula psicoanalitica: ‘Asa nisi masa’, una rievocazione infantile e fantastica. Anche nel film di Lynch c’è qualcosa di simile: ‘Axxon N’, compongono queste lettere come un codice misterioso. Ma con esse, a essere rievocata, è al contrario una realtà adulta, brutalmente concreta, probabilmente estranea, certamente terribile. In entrambe le opere la magia (o illusione) del palcoscenico interviene; però l’alter-ego in ‘Inland Empire’ non è quello dell’autore. Lynch non parla di sé, o meglio non direttamente, ma solo attraverso la storia di qualcun altro, mai in prima persona.

Tuttavia credo sia nuovamente, e più ancora che altrove, ‘Meshes of the afternoon’ di Maya Deren la prima fonte ispiratrice del film: la ripetitività o l’intercambiabilità, secondo il metodo surrealista, di alcuni oggetti o elementi (dei quali predominante è l’arma contundente) si trova spesso anche nel film di Lynch; come pure molto simile è la destrutturazione narrativa. Anche nel corto delle Deren una donna s’affacciava come prima spettatrice e protagonista sulla scena, seppure là, il soggetto ‘moltiplicato’ era uno solo, quello della stessa attrice e regista. Differentemente dalla Deren, la simbologia di Lynch resta legata alla cultura occidentale.

Anch’egli opera una sorta d’ipnosi filmica: e lo fa attraverso lo strumento sonoro, attraverso l’immagine sempre percorsa come da un lieve moto subacqueo, attraverso l’inquadrature ravvicinate a distorcere i volti - sino alla drastica deformazione nel finale della faccia dell’uomo crudele. Soprattutto, Lynch sa attribuire uno straordinario potere suggestivo agli ambienti, che si vela di un certo vampirismo che passa, quasi sotterraneo, da quello contemporaneo dei loschi corridoi e delle camere d’albergo, a quello classico di una via cittadina della Polonia d’inizio secolo, deserta e innevata. Lo stesso uso della lingua polacca, sembra rivolto alla creazione di un effetto straniante.

La storia - solo verso la fine arriveremo a comprenderlo - ci parlava di prostituzione, di sfruttamento, di soprusi, di violenza, di tradimento, d’aborto, d’omicidio; e di vite di donne rubate, rubate da maschi-vampiri. Dietro la trasfigurazione artistica c’è, come già c’era nell’opere precedenti o nel corto della Deren, un trauma femminile, probabilmente rimosso, seppure radicato nell’inconscio.

Ma chi è dunque la ragazza che guarda con tanta apprensione e tale coinvolgimento le immagini dello schermo?
E’ forse colei alla cui vicenda il film si sarebbe ispirato; è forse soltanto la spettatrice che più s’immedesimava e, nella logica del ribaltamento Lynchiano, l’attrice principale, il personaggio autentico che ha immaginato ed espanso questo impero visionario.

Tutti abbiamo seguito affascinati il susseguirsi d’immagini straordinarie, indubbiamente belle, a tratti molto forti: ma nessuno di noi ha versato una lacrima.
A lei, invece, che è la sola che ha pianto durante tutte le quasi tre ore di durata; a lei che separata ha agognato tanto per un lieto fine; a lei, che è poi la vera e unica protagonista; Lynch dedica l’intero film; e le regala nel finale un’insperata salvezza (il mago-regista lo può); e una famiglia e una vita futura; esimendola da tutte le angosce viste e che dovevano essere vissute; e risparmiandola in tal modo anche da quello spettacolo sofferente, dalla visione in lacrime di ‘Inland Empire’.

37 risposte al commento
Ultima risposta 19/11/2011 11.19.44
Visualizza / Rispondi al commento
kossarr  @  28/05/2010 01:00:45
   7 / 10
Squilibrato Lynch, questa volta più difficile da capire del solito.
Il film non è assolutamente chiaro, la spiegazione non esiste, ognuno dice la sua e non ci sono 2 commenti che ho letto che vanno d'accordo uno con l'altro.
Sicuramente di questa trilogia del sogno il peggiore, il più pesante e il più stancante.
Se volete vedere un film con fotografia di primo livello e inquietante al 100% ci siete, se puntate sulla storia lasciate perdere.
Faticoso, non c'è altro da dire.
Se non avete mai visto un film di Lynch fatevi un favore, non iniziate da questo.
Il voto è più alto di quello che merita per rispetto al regista...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

biosman2010  @  24/04/2010 19:39:35
   8 / 10
Sensazioni a pelle:
Fotografia incredibile, immortalare un fotogramma ogni tot secondi ne uscirebbe un fotoalbum singolare
impatto emotivo notevole
colonna sonora, effetti sonori da brivido (da ascoltare esclusivamente in HIFI)
trama %&($3£"?i<à??
Lynch almeno un libretto delle istruzioni, che diamine!

Redrum83  @  16/04/2010 23:57:29
   10 / 10
Con INLAND EMPIRE mi è successa la stessa cosa di quando ho visto per la prima volta "Strade perdute" e "Mulholland Drive": dapprima sono rimasto stordito e affascinato dalla visione del film, poi non avendo capito il tutto mi sono fiondato qui per delucidazioni, da persona ignorante e pigra ma allo stesso tempo curiosa. Comunque il risultato in tutti e tre i casi è stato sempre lo stesso, può bastare il voto dato senza aggiungere ulteriori commenti, giusto una considerazione che credo possano condividere tutti: con INLAND EMPIRE si chiude una sorta di trilogia sull'omicidio d'amore a causa di un tradimento.

Tom24  @  14/03/2010 13:17:14
   3 / 10
Odiosa, interminabile, insostenibile paccottiglia d'autore. Mi spiace per Lynch ma ha osato troppo. Tutto il fascino di Mulholland Drive qui si perde dopo la prima mezzora.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR jack_torrence  @  22/02/2010 12:56:56
   10 / 10
Una mimesi delle modalità oniriche.
Con immagini e suoni (la colonna sonora è sbalorditiva), Lynch accompagna lo spettatore, assieme alla sua protagonista/e femminile/i, in una regressione nell'inconscio.
Il film, dopo circa un'ora delle sue quasi tre, cambia registro. Il contesto narrativo hollywoodiano scompare con un controcampo dentro a uno degli studios, e la materia filmica si fa via via sempre più destrutturata fino a sfaldarsi completamente verso la metà dell'opera. Allorché il film non appare ormai più scisso in una decina di percorsi paralleli, quanto presentare piuttosto alcune "situazioni" che scivolano di continuo una dentro l'altra e si compenetrano (anche con brevissimi flash incastonati tramite dissolvenze all'interno di altri frammenti), senza rimanere distinguibili.
Il regresso all'inconscio è scandito dal sempre più diffuso uso della lingua polacca, che contamina sempre più situazioni, e suggerisce un passato ancestrale destinato a ripetersi, così come le situazioni che si ambientano in una Polonia antica, notturna e nevosa, rappresentano un precipitare verso un ignoto prossimo all'aspetto più intimo, segreto e rimosso delle emozioni e delle relazioni umane.

Tutto ciò avviene con una imitazione a mio parere perfetta dei meccanismi che presiedono alla proliferazione onirica.
Alcuni esempi di questa mimesi:
- alcune situazioni si moltiplicano in contesti differenti, e talvolta si replicano le stesse battute. Le situazioni, come scatole cinesi, si compongono spesso di elementi di altre situazioni, ne sono contaminate e le contaminano (così come i sogni si appropriano di frammenti di realtà, contaminati con altri);
- in situazioni diverse compaiono gli stessi oggetti (lampade, cacciaviti), attorno ai quali sembra condensarsi significato – in una ricchezza esplosiva di dettagli significanti che si va arricchendo visione dopo visione;
- molti volti sono gli stessi per personaggi diversi [interpretati dallo stesso attore: i due casi più evidenti – ma non gli unici – sono il marito della protagonista e la moglie del personaggio maschile del film che si sta girando dentro al film, la quale è interpretata dalla stessa attrice che interpreta la tizia che, prima, appare essersi ferita con un cacciavite, e, poi, ne ruba uno per ferire a morte la protagonista che però – si scopre – muore solo nel film nel film];
- diversamente, altri personaggi restano gli stessi ma mutano tratti somatici (basti pensare alla protagonista Laura Dern che, come progredisce la sua regressione all'inconscio, diviene irriconoscibile);
- oltre al primo piano distorto con il grandangolo, frequentissimo, quasi altrettanto frequenti, come nei sogni, sono i primissimi piani di dettagli e particolari gesti perturbanti;
- è più che comune che il prevedibile nesso causale fra un evento e il suo effetto salti completamente, come nei sogni (gente colpita a morte con cacciaviti o colpi di pistola non muore: solo per fare l'esempio più evidente).

Non si tratta di un esercizio di stile; la pellicola veicola alcuni temi di notevole complessità.
Dopo un preambolo un po' pretenzioso nell'ipostatizzare il film prima ancora della sua "deriva onirica" (i conigli, i polacchi, la "lost girl" che piange di fronte a uno schermo: un preambolo che alla prima visione risulta incomprensibile), durante la prima ora del film di ambientazione holliwoodiana Lynch ci parla di come la civiltà reprima l'inconscio, descrivendoci una società umana come una mascherata ipocrita di un'interiorità barbarica-hobbesiana fatta di pulsioni, violenza e nevrosi.
In modo via via più netto, prende poi corpo l'ipotesi che il tema centrale del film sia la sopraffazione maschile sulla donna, declinata attorno al concetto di prostituzione (letterale o simbolica: nel film i due aspetti si contaminano), per quello che esso comporta di diffamazione, degradazione sociale, senso di colpa e frustrazione morale.
La persuasione a "essere *******" (legata al tradimento) inculca un perverso senso di colpa che insieme è anche percorso di liberazione dai vincoli della famiglia (intesa come gabbia di falsità risentimenti e ipocrisie), della società e della rispettabilità.
Il senso di colpa si traduce in autolesionismo e autodegradazione, in sentimento di inadeguatezza all'essere donna e dunque punizione e ferimento del ventre (con allusione all'aborto).
La liberazione è un percorso parallelo, che conduce al paradossale "lieto fine" conclusivo, attraverso lo sfogo che il personaggio interpretato da Laura Dern compie, in un ambiente di suggestione kafkiana, di fronte a un uomo silenzioso e dagli occhiali storti. In questo sfogo triviale (l'uso di linguaggio triviale, secondo la psicanalisi, si lega alla liberazione di un'emotività repressa) Laura Dern racconta un passato di donna che ha vissuto continue vessazioni, sopraffazioni e umiliazioni da parte degli uomini.

Alla fine del film il suo personaggio, "liberato", penetra in un dedalo di stanze e corridoi, "sconfigge" l'inquietante personaggio che incarna e simboleggia ogni sopraffazione maschile, e libera dalla sua angoscia la "lost girl" (che è anche l' "alter ego polacco" della Dern) portandola via dalla stanza dove quest'ultima, dall'inizio del film, piangeva immobile di fronte a uno schermo acceso.

7 risposte al commento
Ultima risposta 14/09/2010 19.03.37
Visualizza / Rispondi al commento
unza capiten  @  29/12/2009 13:11:59
   8½ / 10
questo film è stato un viaggio bellissimo....anche se devo essere sincero...ci ho capito ben poco.. se dovessi raccontare la trama a qualcuno non ne sarei in grado...
cmq sicuramente bello ma non per tutti...

1 risposta al commento
Ultima risposta 02/06/2010 17.20.11
Visualizza / Rispondi al commento
gandyovo  @  18/12/2009 20:16:46
   6½ / 10
non è il mio genere. mi spiace, ma apprezzo l'originalità

suspirio  @  07/12/2009 21:06:48
   9 / 10
Bellissimo film però prima di guardarlo, bisogna che abbiate guardato qualche altra opera di Lynch. Se non vi piacciono gli altri, ritenendoli poco lineari, non avvicinatevi a questo che lo è ancora meno.

Bathory  @  24/11/2009 23:20:45
   7½ / 10
Appena trascorse le 2 ore e 52 minuti di Inland Empire, oltre ad essere talmente confuso da non ricordarmi chi fossi, con quel piccolo barlume di razionalità che mi era rimasto, mi sono detto che forse questa volta Lynch aveva tirato troppo la corda.

Inland Empire è indubbiamente uno dei film più contorti e deliranti di ogni tempo, ma questa volta si ha la netta sensazione che dietro l'angolo ci sia la propensione da parte del divino Lynch, all'autocelebrazione tramite qualche esercizio di stile, peraltro talvolta neanche riuscito alla perfezione (per non dire venuto male).

Eloquente il fatto che Laura Dern abbia dichiarato di non aver capito il suo ruolo nella pellicola..anche se viene da chiedersi chi l'abbia poi realmente capito, o se c'era poi qualcosa da capire in queste quasi tre ore che scorrono più lente di un film di Angelopoulos mandato avanti con il rallenty.

Le numerose sequenze inutili e i punti morti spezzano in maniera netta l'atmosfera inquietante e oscura della prima parte, che ritorna solo in parte nei minuti finali (splendidi).

Decisamente non è il capolavoro di Lynch, ma è uno di quei film che vanno obbligatoriamente visti prima di morire..

Blue Velvet  @  04/11/2009 16:03:32
   9 / 10
Lynch è il top...vorrei passare una serata con lui per capire cosa pensa realmente quest'uomo...
Il film è un viaggio continuo!!!
Lynch sei avanti anni luce...tutto il resto è noia!!!

DarkRareMirko  @  03/09/2009 00:04:34
   9½ / 10
Provocatorio e moderno film di Lynch, kolossal weird della visionarietà per durata e qualità e nomi degli interpreti, a cui confronto altre opere del maestro, come ad esempio Mulholland Drive, son linearissime.

In soldoni il film sfrutta un'intersecazione fra loro di 3 piani temporali diversi, che raccontano 3 diverse storie; dicevo che è un lungometragigo provocatorio perchè, se si esclude il corto Darkened room, qui Lynch usa per la prima volta una telecamera digitale, per comunicare il messaggio "il mio gran cinema ora si può fare pure con una telecamerina".

Frecciate anche alle iene ridens giornaliste e cameo di William H.Macy.

Ottima Laura Dern, la sua migliore interpretazione in assoluto.

Probabilmente il film di Lynch più complicato, più difficile da comprendere, in cui si può trovare facilmente una summa di molti elementi che tanto lo han reso famoso ed apprezzato.

2 risposte al commento
Ultima risposta 05/09/2009 19.09.57
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento wega  @  13/08/2009 19:22:09
   8 / 10
Ok basta. Dopo l' ennesima volta che l' ho visto in più di un anno, mi accorgo per l' ennesima volta di essermi scordato che c' era una trama da seguire, completamente imbambolato dalla forza delle immagini. Durasse due ore, probabilmente lo guarderei talmente spesso da propinargli un bel 10, alla luce dei momenti leggera smaronatura, 8 è il voto. Va benissimo Lynch e il suo genio "altmaniano", specialista nelle fabule di tensione sottocutanea, ma non un altro come lui. Grazie.

2 risposte al commento
Ultima risposta 20/08/2009 20.49.04
Visualizza / Rispondi al commento
carriebess  @  22/07/2009 16:09:37
   6½ / 10
l'ho travato un pò caotico, più 'confuso' e meno ispirato degli altri.

bulldog  @  16/07/2009 00:51:59
   6½ / 10
Non all'altezza dei predecessori,ma non da buttare.
La durata è eccessiva,sbagliata la scelta di Laura Dern

9 risposte al commento
Ultima risposta 21/07/2010 13.11.04
Visualizza / Rispondi al commento
Febrisio  @  15/07/2009 16:12:40
   4 / 10
Ho visto dare il voto da Elio e curioso volevo sapere la media dei voti. E qui sorpresa... (neanche più di tanto visto che è di Lynch), bei voti alti...

Io do il 4 per il semplice fatto che il film tecnicamente è ottimo, niente da dire, ma da lì in poi mi son perso nelle allucinazioni di Lynch.

Pensai che qualcosa l'avrei sicuramente capito, ma passando i minuti, oltre che molti abbandonarono la sala cinematografica, continuai a cercare un nesso logico a tutto questo... niente... nada... un film impegnativo, non per tutti, che sicuramente ti potrà dare qualcosa se lo si capisci, ma occhio... potresti, come me, assistere solo ad una sequenza di immagini che dura 3 ore senza riuscire a dare un senso a quello che vedi...

12 risposte al commento
Ultima risposta 18/07/2009 13.59.06
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  15/07/2009 15:38:22
   8½ / 10
Il trip più allucinato di Lynch,senza una trama logica,come sempre nei suoi ultimi film.Ma a differenza di "strade perdute" e "Mulholland drive" qui non è proprio possibile neanche cecare di dare una spiegazione a quello che si è visto.Un nuovo modo di fare cinema,in cui alla fine si ha la sensazione di aver visto un qualcosa di incomprensibile da non poter esprimere con le parole,ma che ti lascia una sensazione dentro,indefinibile. é una di quelle pochissime volta,come è stato detto,in cui si ha la sensazione che sia il cinema a guardare te,e non viceversa.Uno dei film miglori del regista più visionario,imprevedibile e magari anche folle di Missoula.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

5 risposte al commento
Ultima risposta 29/08/2010 11.26.56
Visualizza / Rispondi al commento
lolloso22  @  25/06/2009 23:35:34
   10 / 10
do 10 a inland empire perchè è un film unico diverso da qualunque altro film.E' come fare un viaggio e' un autentica esperienza sensoriale racchiude tutti i generi possibili dalla commedia all'horror,grottesco,thriller,drammatico tutti e se non avete capito nulla dopo aver visto il mitico mulholland drive non dite di aver capito qualcosa dopo questo xD
bellissimo

TimBart  @  31/05/2009 18:50:03
   9½ / 10
Continua il viaggio allucinato di Lynch nella Los Angeles residenziale, deformata ancor più da un digitale estremo che permette al regista di tralasciare la compattezza della sceneggiatura e navigare all'interno della
psicologia confusa, sempre più confusa, dei personaggi e delle immagini,
splendide e contorte che rispecchiano l'insolutezza della mente umana.
Un quadro continuo, sembra quasi una sorta di nuovo espressionismo, che deforma la realtà mostrandola si cupa,ma a sua immagine e somiglianza.
Effettivamente complesso e forse anche troppo lungo, di difficile fruizione
capiscoche possa non piacere. MA comunque uno dei più grandi registi viventi.

kullaz  @  12/05/2009 11:44:47
   9 / 10
Anche se leggermente inferiore a Mulholland drive e Eraserhead, più "integri" e "compatti", l'ultimo film di David Lynch è un monumentale trip emotivo, un delirio che coinvolge tutti i sensi e trasporta lo spettatore in un'altra dimensione per tre ore. Decisamente avanti, è il film più coinvolgente ed alienante che sia mai stato ideato, un melange di immagini e colori collegati a piacimento dalla sensibilità dello spettatore. Lynch vuole spostare l'attenzione dal regista allo spettatore: il regista si limita a stimolare lo spettatore con un caleidoscopio sensoriale che egli può osservare e interpretare a suo piacimento. Le classiche critiche "manca la trama, non ha senso ecc ecc" sono quanto di più infantile e arretrato possa essere rivolto ad un film, dato che la grandezza di un film sta al 99 per cento nella sua completezza e coinvolgimento psichico. Che trama ha la nona di beethoven?

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR strange_river  @  06/05/2009 19:59:33
   10 / 10
E’ solo un film?

Una storia che vive dentro una storia che vive dentro un’altra storia da cui rinascono la prima e innumerevoli altre deviazioni; non c’è un vero inizio nè una fine, è un moto infinito, come trovarsi sulle scale dei quadri di Escher; lo spazio e il tempo si fondono dimostrando come siano la stessa cosa. Il futuro può essere prima. O dopo. Dipende.
Un’opera cinematografica quadrimensionale che trascura ogni forma geometrica rassicurante (certamente non la linearità, e ben oltre il labirinto) e che trascende i nostri sensi coinvolgendoli tutti all’unisono in un unico punto espanso nella mente.
Lo spettatore non è esentato dall’esserne parte e forse solo per un attimo può avere il privilegio di sentirsi l’osservatore esterno degli eventi, tranne poi ritrovarsi in tutt’altro luogo e tempo e scoprire di osservarsi a sua volta mentre cerca di ritrovarsi.

Confesso di aver affrontato IE senza sapere a cosa stavo andando incontro: dopo i primi minuti passati a cercare nessi logici a ciò che stavo vedendo, ho dovuto in fretta abbandonare ogni velleità e lasciarmi trasportare, meglio, permeare da ciò che guardavo con gli occhi, ma che sarebbe più corretto dire, succedeva nella mia mente.
Non credo di aver mai provato la stessa sensazione di vigile e partecipe abbandono durante la visione di un film, al punto che lo definirei ‘un’esperienza’. Spiazzante ed esaltante assieme.
Aggiungo l’ammirazione affascinata per il rigore assoluto che solo può aver permesso di creare un tale caos ordinato e significante.
Non c’è ‘da capire’, ancor meno da dover spiegare: è.

6 risposte al commento
Ultima risposta 05/06/2009 18.48.22
Visualizza / Rispondi al commento
Gui80  @  30/03/2009 19:29:46
   7 / 10
Esperimento estremo...
Per poter apprezzare questo film, bisogna partire già pronti: un lungo viaggio allucinante.

TheLegend  @  30/03/2009 03:24:57
   8 / 10
a mio avviso poteva essere un capolavoro ma ci è andato solo vicino.
è un film stupendo e folle e non mi sento di dover aggiungere nulla.
secondo me troppo lungo e in alcune parti non all'altezza.
resta comunque un'esperienza incredibile e unica!

Invia una mail all'autore del commento stefo84  @  17/03/2009 13:56:34
   10 / 10
sublime david lynchh

Gruppo COLLABORATORI maxpayne230  @  24/02/2009 22:52:38
   10 / 10
Bellissimo. BELLISSIMO. La celebrazione della genialità di Lynch fatta a film. Un originale, confusionario(ma la storia c'è....bisogna solo saperla vedere) eppure limpido, oscuro eppure lucente...la storia di un attrice (ma è una persona reale?)
e di una ragazza sospesa in un eterno limbo, alle prese con un'entità dalle origini polacche chiamata Il Fantasma, un susseguirsi di immagini e di suoni che non possono fare altro che aprire la mente dello spettatore e farci quello che vuole..vedere SPOILER per la mia spiegazione del film.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

2 risposte al commento
Ultima risposta 03/03/2009 23.35.51
Visualizza / Rispondi al commento
JOKER1926  @  23/02/2009 18:32:53
   4 / 10
Dopo gli immani Capolavori ultrasensoriali come “Eraserhead”, “Cuore selvaggio”, “Mulholland Drive” il Maestro David Lynch stecca in modo irrevocabile con il suo nuovo film: “Inland Empire”.
In questo film e’ utopia trovare una trama, la trama “ufficiale” vuole una donna in pericolo nei pressi di Los Angeles...
David Lynch confeziona una pellicola immensa, la durata e’ pressoché di tre ore, generalmente le pellicole del regista sono “intrecciate”, diaboliche, “elettriche” ma mai noiose, infatti in “Inland Empire” la monotonia e’ sempre presente, ma il fattore lentezza non e’ (purtroppo) l’unica pecca.
Innanzitutto il film e’ composto da una fotografia molto scadente, “sbiadita”; nella lista dei difetti seguono i ridicoli effetti speciali, le inquadrature fastidiose e quasi amatoriali e un sonoro molto scadente e poco scandito.
Anche le musiche nel film non sono eccezionali, da Lynch ci si aspetta molto di piu’…
La pellicola (raziocinio a parte) non e’ smaniante, “oppressiva”, diabolica, agghiacciante, tutti questi termini elencati sono stati gli enti sacrali delle altre pellicole del Maestro David.
La “mente” “Lynchana” pone le basi “narrative” su una ragazza “sdoppiata” in diverse personalità, sentimenti di onnipotenza, di impotenza si mescolano in modo sistematico, quasi beffardo nel “repertorio” mentale della protagonista; Lynch in alcuni frangenti “rafforza” il tutto con le solite simbologie.
E’ importante lodare le varie ambientazioni (ovviamente ci sono moltissimi richiami a “Mulholland Drive”) che rappresentano la “costruzione” mentale della protagonista con porte fatiscenti che allegoricamente rappresentano i “funicoli” del cervello, il buio (elemento esposto da Lynch in tutte le formi possibili) inquieta, “uccide” la logica e cala nella protagonista l’immenso dubbio, la monumentale incertezza…
I rimorsi, la desolazione, i rimpianti i concetti vanagloriosi (“adesso sei diventata una stella”) accompagnano la protagonista, essa “delinea” scenari “particolari”…
Ma tutti questi “sprazzi” di genialità sono fini a se stessi, infatti Lynch nel complesso stecca in modo clamoroso, in questa pellicola il regista esagera con i suoi “disegni” concettuali e riporta in modo molto frammentato il tutto su pellicola, i passaggi del film ad un certo punto sono incompatibili, il regista ipotizza, realizza un “piano” che spiazza spensieratamente in ignote dimensioni, il concetto di tempo e’ svanito; i personaggi sono troppi e non sono definiti, la loro introduzione sulla scena e’ quasi grottesca; lo spettatore deve ( a questo punto) concedersi unicamente alla rappresentazione stramba di Lynch, ormai i “logici” concetti del regista hanno deposto le armi, siamo alla corte del Re Delirio…

Dopo Opere “logiche” il regista esperimenta, “almanacca” un qualcosa di nuovo che sprofonda in modo autoritario nella massima indecifrabilità, il tutto e’ una arma a doppio taglio; lo spettatore pretende (oltre all’immensa rappresentazione del vaneggiamento) uno “stralcio” di logica che va in fine ipoteticamente a suggellare magnificamente il tutto; ma in questo caso (come accennato) non avviene, Lynch apre troppe “strade” teoretiche e alla fine i conti non tornano… Detto in modo “volgare” il regista mette troppe carni sul fuoco, l’ abbondanza di concetto “Lynchano” sfocia inesorabilmente nella terminale confusione, lo spettatore percorre un viaggio estremamente “ingoto”, il concetto dimensionale e’ vago, superficiale, insomma non e’ il vero Lynch!

Quello di “Inland Empire” e’ un Lynch non perfetto , voglioso ma troppo confusionario,caotico, disastroso… Il regista aveva progettato una “ragnatela” di episodi (a tratti sensati) che “incollati” fra di loro alla fine (inevitabilmente) “stonano”…
Il regista introduce (non e’ la prima volta) concezioni di “magia”, di sortilegio albergate nella mentalità polacca di un tempo (occhio ai dialoghi); gli scenari di “richiamo”, i conigli, la televisione sono tutti elementi “suggestivi” ma che non trovano una collocazione logica, il tutto (troppe volte) sfocia nel niente…

David Lynch suggella il suo inusuale “flop”, e’ inutile giustificare in questo frangente il Maestro, la follia, , l’immaginazione, il delirio , il sogno sono “elementi” che si generano dalla logica, se manca quel minimo di narrazione risulta profondamente insufficiente la sola “celebrazione” visiva che per di più a Mio avviso in questo film scantona clamorosamente…

JOKER1926

17 risposte al commento
Ultima risposta 07/03/2010 21.07.43
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR bellin1  @  07/02/2009 17:41:44
   3 / 10
Quando finisce un film e ti riproponi che non lo vorrai mai piu rivedere vuol dire che ha fallito..
Viaggio psichedelico in umondo intrinseco e sconclusionato per una Pellicola lunghissima e ad un certo punto noiosa.
MD aveva un accenno di trama e l'ho promosso...Lynch stavolta forse ha esagerato.

pessimo. 3

Necrogenesis  @  31/01/2009 16:17:37
   10 / 10
Incongruente, provocatorio, pessimista, paranormale animato da una lucida razzionalità.
INLAND EMPIRE non è solo un film è soprattutto un'opera d'arte, una serie di immagini e suoni, apparentemente a casaccio, che infondono grandi emozioni.

Jack Torrone  @  26/01/2009 16:06:15
   7½ / 10
tentare di comprendere il film è sciocco oltreché sbagliato.
I film di Lynch non vanno capiti, bensì interpretati, e questo film non è affatto una furbata di Lynch per mandare in solluchero i critici e i suoi fan, intenti a dipanare una matassa che potrebbe persino non esserci.
il nostro smarrimento non è dissimile a quello della spaesata Laura Dern.
Si "limita" a (ri)portarci in un'altra dimensione in un caleidoscopio (a tratti terrificante) tra il metacinema l'arte e il sogno.

Trovo che sia ugualmente ambizioso come Mulholland Drive ma meno riuscito

  Pagina di 4   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 NEW
47 meters down: uncageda mano disarmataalla corte di ruth - rgbamerican animalsannabelle 3aquaslasharrivederci professorebaby gang (2019)beautiful boy (2018)birba - micio combinaguaiblue my mind - il segreto dei miei annibring the soul: the moviecarmen y lolachristo - walking on waterclimax (2018)
 NEW
crawl - intrappolatidaitonadi tutti i colori
 NEW
diamantino - il calciatore piu' forte del mondodicktatorship - fallo e basta!dolcissimedomino (2019)due amici (2019)edison - l'uomo che illumino' il mondoescape plan 3 - l'ultima sfidafast & furious - hobbs & shawfiore gemellogodzilla ii - king of the monstersgoldstonehotel artemisi morti non muoionoil flauto magico di piazza vittorioil grande salto
 NEW
in fabricjuliet, naked
 NEW
kinla bambola assassina (2019)la mia vita con john f. donovanla piccola bossla prima vacanza non si scorda mail'angelo del criminelucania - terra sangue e magial'ultima orama (2019)maryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmen in black: internationalmidsommar - il villaggio dei dannatinevermindpallottole in liberta'passpartu': operazione doppiozeropets 2: vita da animalipolaroidpowidoki - il ritratto negatoprimula rossaquel giorno d'estateraccolto amarorapina a stoccolmarealmsred sea divingrestiamo amicirocketmanselfieserenity (2019)shelter: addio all'edensir - cenerentola a mumbaiskate kitchensoledadspider-man: far from hometesnotathe boy 2the deepthe elevatorthe mirror and the rascal
 NEW
the nest (il nido)the quake - il terremoto del secoloti presento patricktoy story 4una famiglia al tappetovita segreta di maria capasso
 NEW
wake up - il risvegliowelcome home (2019)wolf call - minaccia in alto marex-men: dark phoenix

990911 commenti su 41757 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net