grazie, zia! regia di Salvatore Samperi Italia 1968
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

grazie, zia! (1968)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli! Condividi su Facebook

Seleziona un'opzione

locandina del film GRAZIE, ZIA!

Titolo Originale: GRAZIE, ZIA!

RegiaSalvatore Samperi

InterpretiLou Castel, Lisa Gastoni, Gabriele Ferzetti, Nicoletta Rizzi, Luisa De Santis

Durata: h 1.50
NazionalitàItalia 1968
Generedrammatico
Al cinema nel Giugno 1968

•  Altri film di Salvatore Samperi

Trama del film Grazie, zia!

Alvise Ŕ un ragazzo nevropatico che si finge paralitico e viene affidato alle cure della giovane e benestante zia Lea. Tra i due instaura un rapporto dai risvolti morbosi, manipolato dalla lucida follia del malato, il quale induce la zia a lasciare l'amante e a mettere in atto il suo progetto di autodistruzione...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,50 / 10 (6 voti)6,50Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Grazie, zia!, 6 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

fabio57  @  14/11/2016 15:41:20
   8 / 10
Il migliore film di Samperi. regista che pur non appartenendo alla schiera dei grandi, ci ha comunque regalato nel corso della sua breve carriera delle piccole gemme di erotismo raffinato. Nella fattispecie si misura con un tema poi molto morboso e perverso, propizio a speculazioni ed elucubrazioni, tra lo psicopatologico e l'esistenziale. Un tabù di allora,l'incesto.Mai realmente consumato, ma cercato, accarezzato poi evitato , in una girandola maledetta di situazioni, zia e nipote si rincorrono,si fanno i dispetti, si amano fino alla morte. Eros e Tanatos si avvicendano, s'intrecciano e si coniugano parossisticamente. E' un'opera complessa, che va guardata con attenzione, non è il solto filmetto softcore all'italiana,ma un lavoro che soprattutto per l'epoca, apre uno squarcio su un attrazione "malata" che è meno peregrina di quanto si creda. Rivoluzionario per un 'epoca e un paese, in cui i panni sporchi andavano lavati in famiglia.

outsider  @  15/11/2011 10:38:01
   7½ / 10
Or dunque, "Grazie,Zia" Ŕ un film molto interessante che merita una riflessione e un riconoscimento.
L'opera, caratteristico prodotto del periodo in cui Ŕ girato, abilmente ricostruisce l'alienazione e l'amarezza ( stati d'animo su cui si soffermarono vari registi particolarmente nel decennio '58-'68).
Viene trattato il tema della persona disabile, peraltro inquadrata in un periodo difficile e pesante per la condizione.
L'attore infatti fa la parte di un 17 enne ( anche se di anni ne dimostra almeno una decina in pi¨, almeno dico) e inoltre recita molto bene in quello stile che al tempo avevano cucito addosso molti ricchi scontenti, con in pi¨ l'afflizione ed il degrado dato dall'incattivimento per la malattia.
Altri due attori meravigliosi, Gabriele Ferzetti, praticamente perfetto, recitazione ed espressivitÓ da premio Oscar e Lisa Gastoni, fantastica (una delle mie attrici preferite da notti insonni e convulsioni dall'eccitazione) i cui due occhi verdi da cerbiatta, (quasi fosse il suo sguardo antesignano dell'azzurrina Crescentini, ma pi¨ conturbante nel calore) non spiccano causa il bianco e nero. La Gastoni era un'attrice che recitava meravigliosamente con movenze da sapiente attrice di teatro, la ricordo in un film di Tot˛ all'epoca schernito dalla critica, demolito e definito filmetto "tot˛ monaco di monza", con Macario ed il grandissimo nino taranto. Donna capacissima, ligure di nascita, padre torinese e madre irlandese, Lisa Gastoni ha interpretato da fuoriclasse tutti i ruoli pi¨ difficili, ovvero quelli in cui l'attrice deve incarnare momento per momento i sobbalzi dati da situazioni torbide causate da sentimenti che conducono all'instabilitÓ e alla sofferenza, come la passione e l'attaccamento all'uomo sbagliato o disonesto.
Il cinema ha saputo vedere queste qualitÓ e la sua filmografia, un po' sottovalutata, Ŕ stata costruita sul valore interpretativo e non solo sull'apparenza di bella donna (che nulla aveva da invidiare alle altre) cosa a dire il vero difficile anche allora.
Grazie Zia Ŕ un film sapientemente costruito e diretto, che, dopo aver descritto alienazione, infelicitÓ e scontentezza, lascia spazio all'amarezza, di cui anche lo spettatore Ŕ invaso. Anche la bellissima Gastoni, Dottoressa in clinica, intelligente, giovanile, piena di stile e fascino, diviene un giocattolo nelle mani del ragazzo e si abbandona al torbido gioco.
I limiti della sceneggiatura portano il film a non decollare mai, quello che sembrerebbe dover accadere si trascina in un morboso gioco al massacro, in un vortice realistico a tratti ma successivamente improbabile.
Tre sono i momenti del cambio di rotta:
la sparizione di Ferzetti che esce dalla vita della dottoressa, ma che recava seco solo abitudinarietÓ ed egoismo, anche se in qualche momento sembra sublimarsi, in realtÓ Ŕ un uomo che non ama davvero e/o da cui la Nostra non si sente amata
la scena delle domestiche che si allontanano mentre Lisa e il nipote "giocano" agli innamorati sul tappeto, ( singolare poi la tortura psicologica del giovane;
il "non ritorno" in clinica ( cosa veramente improbabile) della dottoressa, la cui non raggiungibilitÓ viene annunciata ai sanitari che telefonano, dal nipote, cosa davvero poco realistica, semi demenziale, forse il regista ha voluto sottolineare il delirio psicopatologico, davvero improbabile, anche vista la professione medica di Lisa.
La trama nella seconda parte si avvita su se stessa, rallenta, annoia. Tuttavia Sampietri ci conduce dove vuole, allo stato d'animo che vuole destare, ovvero fa sý che lo spettatore si compenetri nell'improbabile delirium.
Tecnicamente alcune inquadrature tradiscono davvero una mancanza tecnica che, evidentemente, al tempo non poteva essere corretta mancando la moltitudine direzionale delle riprese che il digitale ha portato. Primi piani traballanti, da cine amatore poco esperto, in un dialogo fra la Gastoni e Ferzetti.
L'ultima scena, invece, l'inquadratura che posteriormente alla scena si allontana, ci fa capire come la cultura delle riprese di scena il regista l'avesse eccome, l'ispirazione c'era. Con quell'inquadratura si dice tutto. Resta l'amaro in bocca, con l'unico sapore zuccheroso di aver visto uno splendido fondoschiena in bianco e nero, che ha fatto leccare i BaFFi anche e soprattutto al Vecchio Outsider. Scena da urlo, quella dello specchio. Pollice su.

Gruppo REDAZIONE maremare  @  06/07/2010 18:03:38
   5½ / 10
Esordio col botto di un regista che, scavando nelle sue ossessioni, è riuscito a
emergere e a costruire una breve e discontinua carriera cinematografica.
Film scandalo per gli anni è collocato, a torto, nel filone del cinema 'contro' segnato da gente come Bellocchio e la Cavani. Grattando dietro la patina del film 'comunista' troviamo solo le fantasie malate di un borghesotto che riprenderà il tema portante del film, con situazioni annesse, nel più riuscito e meno malato "Malizia".

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  07/09/2009 12:45:14
   5 / 10
Film che visto oggi non puo' certo creare scandalo come quando usci alla fine degli anni sessanta!
Malgrado sui manifesti e nel titolo si vuole far primeggiare la figura di Lisa Gastoni,il vero personaggio fulcro della storia è il ragazzo psicotico reso celebre da "i pugni in tasca" di Bellocchio.
In questo film è un giovane disabile pieno di turbe esistenziali.
Il film si lascia guardare piu' nella prima parte,poi si dilunga troppo su questa storia d'amore "impossibile" e diventa alquanto monotono e ripetitivo.
Anche il finale non lascia il segno.Le musiche di Morricone sono di buon livello ma troppo rindondanti come spesso capita nei film musicati dal maestro.
Sorpassato!

forzalube  @  05/06/2008 14:02:31
   6½ / 10
Definito il precursore dell'erotico all'italiana anni '70 è probabilmente qualcosa di diverso.
Nulla di eccezionale, ma diverse scene sono piuttosto riuscite.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  30/05/2008 18:30:51
   6½ / 10
Ritratto pruriginoso di borghesia ehm amorale con un Castel che replica, nei panni di un disabile, le nevrosi dell'indimenticabile e agghiacciante protagonista del suo film (quasi) d'esordio, "I pugni in tasca" di Bellocchio.
La prestanza della "zia" Gastoni e un paio di scene cult (come i cocci di vetro infranti in un sadico e perverso gioco "a mosca cieca") ne hanno enfatizzato la popolarità, anche se oggi sembra ovviamente un filmetto per collegiali.
Più ammiccante il titolo del film: una mossa astuta di Samperi pre-Malizia

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

3 generations - una famiglia quasi perfetta
 T
7 minuti
 T
a spasso con bob
 T
abel - il figlio del vento
 T
agnus dei (2016)
 T
al posto tuo
 T
alla ricerca di dory
 T
american pastoral
 T
animali fantastici e dove trovarli
 T
animali notturni
 T
attesa e cambiamenti
 T
bad moms - mamme molto cattive
 T
ben hur (2016)bianca & grey e la pozione magica
 T
bianconeri, juventus story
 T
blair witch
 T
bozzetto non troppo
 T
bridget jones's baby
 T
cafe' society
 T
caffe'
 T
che vuoi che sia
 T
cicogne in missionecome diventare grandi nonostante i genitoricondotta
 T
deepwater - inferno sull'oceano
 T
demolition - amare e vivere
 T
doctor strange (2016)
 T
domani (2016)elstree 1976
 T
elvis & nixon
 T
enclave
 T
fai bei sogni
 T
frantz
 NEW
free state of jones
 T
fuck you, prof 2
 T
gabo - il mondo di garcia marquez
 T
genius
 T
giovanni segantini: magia della luce
 T
go with me
 T
i babysitter (2016)
 T
i cantastorie
 NEW
i cormorani
 T
i magnifici sette (2016)i volti della via francigenaibrahimovic: diventare leggenda
 R
il cittadino illustre
 T
il missionario - la preghiera come unica armail piu' grande sogno
 T
il sogno di francesco
 T
il trenino thomas - la grande corsa
 T
in bici senza sella
 T
in guerra per amore
 NEW
incarnate
 HOT T
independence day: rigenerazione
 T
indivisibili
 T
inferno (2016)
 T
io prima di te
 T
io, daniel blake
 T
jack reacher 2: punto di non ritorno
 T
jason bourneknight of cups
 T
kubo e la spada magicala cena di natale
 T
la famiglia fang
 T
la leggenda di bob wind
 NEW
la mia vita da zucchina
 T
la pelle dell'orso
 T
la ragazza del mondo
 T
la ragazza del treno
 T
la ragazza senza nomela sindrome di antonio
 NEW
la stoffa dei sogni
 T
la teoria svedese dell'amorela verita' negata
 T
la verita' sta in cielo
 T
la vita possibile
 NEW
l'amore rubato
 T
le ultime cosele verita' sospese
 T
l'estate addosso
 T
lettere da berlino
 T
liberami
 T
lo and behold - internet: il futuro e' oggi
 T
man in the dark
 T
mapplethorpe
 T
masterminds - i geni della truffamechanic: resurrection
 T
mike & dave: un matrimonio da sballo
 T
mine
 T
morgan
 T
mr. gaga
 T
neruda
 T
non si ruba a casa dei ladri
 T
oasis: supersonicone piece gold - il film
 T
ouija 2: l'origine del malepalle di neve - snowtime
 T
parola di dio
 T
pay the ghost - il male cammina tra noi
 NEW
peppa pig in giro per il mondoper mio figlio
 T
pets - vita da anmali
 T
piuma
 T
prima di lunedi'
 T
qualcosa di nuovo
 T
quando hai 17 anniquel bravo ragazzo
 R T
questi giorni
 T
racconto calabrese
 T
rara
 T
rocco
 NEW
rock dog
 T
saint amour
 T
sausage party: vita segreta di una salsiccia
 T
se permetti non parlarmi di bambini!
 NEW
shelley
 T
sing streetsnowden
 T
spira mirabilis
 NEW
sully
 T
the accountant
 T
the assassin
 T
the beatles: eight days a weekti amo presidente
 T
tommaso
 T
trafficanti
 T
trolls
 R T
un mostro dalle mille teste
 NEW
un natale al sud
 T
vado a scuola: il grande giornoyo yo ma e i musicisti della via della seta

946121 commenti su 36107 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net