i migliori anni della nostra vita regia di William Wyler USA 1946
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

i migliori anni della nostra vita (1946)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film I MIGLIORI ANNI DELLA NOSTRA VITA

Titolo Originale: THE BEST YEARS OF OUR LIVES

RegiaWilliam Wyler

InterpretiFredric March, Dana Andrews, Harold Russell, Myrna Loy, Teresa Wright, Virginia Mayo

Durata: h 2.52
NazionalitàUSA 1946
Generedrammatico
Tratto dal libro "I migliori anni della nostra vita" di MacKinlay Kantor
Al cinema nel Luglio 1946

•  Altri film di William Wyler

Trama del film I migliori anni della nostra vita

Il difficile reinserimento di tre ex combattenti ritornati, al termine della guerra, nella loro piccola cittadina di provincia. Uno si impegna per gli ex-commilitoni, uno è tradito dalla moglie, un altro torna mutilato. Lacrime e sospiri in una struggente storia ben raccontata da Wyler.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,39 / 10 (14 voti)8,39Grafico
Miglior filmMiglior regiaMiglior attore protagonista (Fredric March)Miglior attore non protagonista (Harold Russell)Miglior sceneggiatura originaleMiglior montaggioMiglior colonna sonora
VINCITORE DI 7 PREMI OSCAR:
Miglior film, Miglior regia, Miglior attore protagonista (Fredric March), Miglior attore non protagonista (Harold Russell), Miglior sceneggiatura originale, Miglior montaggio, Miglior colonna sonora
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su I migliori anni della nostra vita, 14 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

TheLegend  @  13/06/2017 01:05:38
   7½ / 10
Film che nonostante sia datato risulta ancora godibile e racconta bene un periodo si storia americana.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  24/02/2016 16:34:49
   8 / 10
La storia di tre reduci al rientro dalla seconda guerra Mondiale in una Societa' molto diversa da quella lasciata. I gradi ottenuti sul campo valgono poco per potersi godere la vita, quello che influisce di piu' sono le mutilazioni ricevute che permettono di avere una dignitosa pensione d'invalidita'.
Proprio la storia di quest'ultimo personaggio, delle tre, è la piu' commovente.
Oscar meritato ad Harold Russell, vero reduce mutilato in guerra.
Gli altri premi sono stati "soffiati" a Frank Capra che lo stesso anno gareggiava con "La vita è meravigliosa".
In conclusione, il sempre ottimo Wyler, dirige un film neorealista che non stanca malgrado la lunga durata e che evita qualsiasi tipo di retorica, cosa non facile.

Goldust  @  08/10/2014 17:15:55
   9 / 10
Con il mestiere di un equilibrista consumato Wyler riesce a conciliare i toni della commedia con quelli del dramma, riuscendo a mettere in risalto una emozione pura che non sfocia mai nel facile patetismo. Per questo ed altri motivi ( le storie personali che si intrecciano fino a rendere il racconto corale, la magnifica direzione degli attori, un tema sempre interessante come quello del reinserimento in società dei reduci di guerra, il messaggio di ottimismo che trasmette ) "I migliori anni della nostra vita" è ancora oggi un film di forte impatto e di grande suggestione, la perfetta rappresentazione di un'epoca ( e di una Nazione ) per noi lontane.
Dana Andrews ha sempre la solita faccia da pesce lesso, però il resto del cast è superbo, con March, Myrna Loy ed il non professionista Harold Russell una spanna sopra tutti.
Imperdibile.

bm_91  @  14/03/2014 10:39:49
   8½ / 10
La durata risulta irrilevante quando ci si pone di fronte a film del genere.

steven23  @  22/12/2013 18:07:27
   9½ / 10
Ti aspetti il polpettone pluripremiato di quasi tre ore e invece eccoti smentito.
Grandissimo film firmato Wyler, senza dubbio il migliore visto fin'ora al pari di "Ombre Malesi".
In sostanza narra le vicende di tre uomini di ritorno dalla guerra e le relative difficoltà che incontrano nel reinserimento in una società che, nel frattempo, è cambiata parecchio. In sostanza, perchè la realtà è che la pellicola mostra molto altro; limitarsi a questo sarebbe troppo riduttivo. Forte di una sceneggiatura pazzesca, di un'idea non certo molto sfruttata all'epoca (non so quanti film prima di questo abbiano trattato il tema del reinserimento di reduci di guerra) e di un cast stellare, Wyler crea un qualcosa di veramente eccellente: emarginazione, amore e sacrificio non sono che alcuni dei temi trattati, e tutti con grande tatto e senza scadere in un patetismo fin troppo facile da vedere in pellicole del genere.
Qui invece no! Ci si emoziona e, perché no, ci si commuove ma sempre guardando un film che mantiene un certo stile ed è sempre ai massimi livelli.
E poi ci sono appunto gli attori. Partendo dai due premiati con la statuetta direi che March è stato ottimo, ma poco cosa in confronto a un Harold Russell semplicemente sublime. Un attore non professionista (oltretutto realmente privo di entrambe le mani) che riesce a donare al suo personaggio una tale carica di realismo e tristezza, accentuando così alla perfezione il suo senso di insofferenza nei confronti di tutti, beh... credo ci si debba semplicemente inchinare e applaudirlo.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Ovviamente senza dimenticare tutti gli altri, una sfilza di nomi e interpretazioni altrettanto convincenti: dall'ambiguo Dana Andrews alle splendide donne di casa March, l'affascinante Myrna Loi e la dolcissima Teresa Wright.
Ah, quasi dimenticavo Virginia Mayo e la O'Donnell, a completare un team di attrici che, se non eguaglia i relativi compagni maschili è solo per la minore importanza che queste ultime due hanno nella vicenda. Perchè per il resto sono anche loro altrettanto convincenti e ben calate nelle rispettive parti.

Film straordinario... e non credo serva aggiungere altro!

ZanoDenis  @  05/11/2013 21:07:09
   9½ / 10
Ho stoppato il film 2 minuti prima della fine, solo per mettermi il cappello, in modo da poter fare un inchino e levarmelo alla fine.

Lory_noir  @  05/07/2013 22:43:50
   7 / 10
I migliori anni della nostra vita racconta la storia di tre soldati in ritorno dalla guerra e le loro difficoltà nel reintegrarsi nella vita che un tempo apparteneva loro, ma che dopo tanti anni e cambiamenti sentono estranea.
Sin dalle prime scene si delinea molto bene il genere del film, che mi ha ricordato molto alcuni film di Capra, per esempio La vita è meravigliosa, cioè il film drammatico, che tende a commuovere e che di solito mostra in chiave molto positiva e a fin di bene eventi di vita negativi. Gli anni cinematografici e storici sono quelli in cui, appunto, il pubblico aveva sicuramente bisogno di vedere qualcosa di ottimistico visto che si usciva da poco dalla seconda guerra mondiale. Le prime scene di ritorno dei soldati dal fronte sono commoventi e piene di quella naturalezza e umanità che poi è la grande forza di questo tipo di film. Nei volti dei bravissimi attori si possono ben rintracciare sentimenti di gioia ma anche di timidezza nel riabbracciare una persona tanto cara ma che comunque è stata distante per anni.
Forse la lunghezza eccessiva lo penalizza un po' perché, visto il genere, è sempre abbastanza ovvio il lieto fine e manca quel mordente che permetterebbe di godersi un film così lungo dall'inizio alla fine. La fine però, dopo una parte centrale importante come durata, ma poco ricca di vertici per quanto riguarda la sceneggiatura, non sorprende in quanto a trama ma mi è piaciuta molto per quanto riguarda la riprese. La penultima inquadratura in cui si sono da una parte dello schermo i due amanti che hanno sofferto per tutto il film e dall'altra la folla in festa per il matrimonio di un'altra coppia di protagonisti è decisamente degna di nota.
Un film godibile, che non può non toccare malgrado gli anni che sono passati dagli eventi a cui si riferisce.

dave89  @  03/01/2012 16:14:06
   8½ / 10
LoSpaccone  @  03/11/2009 21:28:33
   8 / 10
Tre toccanti storie sul disagio post-bellico, tre diversi percorsi di ritorno alla vita dopo aver visto “l’orrore”, ricchi di umanità e autentico malessere, sebbene non manchi qualche momento artificioso e prevedibile. E’ un film dalla sorprendente sobrietà, a dispetto di un tema che facilmente si sarebbe potuto prestare a qualche polpettone zeppo di retorica. Invece la sottile propaganda del cinema americano riuscì a indirizzare in modo funzionale agli ideali patriottici tre episodi apparentemente negativi. I drammi personali restano tali, non c’è alcun riferimento esterno che possa portare ad un analisi più generale sulla società americana. Resta il fatto che sia un grande film.

quaker  @  12/05/2008 23:13:37
   9½ / 10
Amo quasi tutti i vecchi film in b/n. Questo è un capolavoro, o meglio un classico del cinema postbellico. Datato, senz'altro, ma nello stesso tempo attualissimo. Si basa su una sceneggiatura praticamente perfetta, che sa fondere tre storie emblematiche della condizione di reduce in modo abilissimo. L'insieme non è mai nè troppo retorico (un po' lo è , ma solo poco) nè zuccheroso, e W. Wyler dirige un bel gruppetto di spelndidi attori, due dei quali premiati con l'Oscar. Film OK sotto ogni punto di vista.

Gruppo COLLABORATORI julian  @  27/12/2007 13:34:56
   6 / 10
L'impatto della guerra mondiale su tre reduci che, ritornati a casa, vedranno le loro vite profondamente cambiate.
Toccante la vicenda del marinaio mutilato (stupendamente doppiato da Ferruccio) che al posto delle mani ha degli uncini.
Ma togliendo la prima parte sull'aereo, qualche altra bella scena e alcuni discorsi, il film rimane un assurdo polpettone di 3 ore, lentissimo e noioso in molti punti, una caratteristiche che Wyler conserverà anche in Ben Hur.

vitocortesi  @  04/12/2007 21:36:05
   10 / 10
Per me questo è uno dei migliori film mai realizzati e non a caso ha vinto tanti oscar.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  03/01/2007 21:55:02
   8½ / 10
In bilico tra Melodramma tradizionale e dramma sociale Wyler sceglie la via del compromesso, innestando elementi impegnativi nel contesto di un genere adatto generalmente al grande pubblico.
In questo modo, egli sfrutta generi e sottogeneri ricordando al popolo americano (e non solo) gli effetti tremendi prodotti dal conflitto Mondiale nella mente e nella vita degli uomini che hanno vissuto e combattuto nel Fronte.
Un antisegnano di "flags of our feathers" di Eastwood, anche se predilige l'aspetto esteriore il "dopo" alle sequenze dei conflitti (comunque presenti nei sogni/incubi ricorrenti degli ex soldati).
Ed è un film superbo, con una prova d'attori straordinaria (March in particolare è superlativo), giustamente ritenuto uno dei classici della storia del cinema

Gruppo COLLABORATORI SENIOR peucezia  @  30/05/2006 16:50:50
   8 / 10
anche se datato è un film bellissimo. ben scritto e ben recitato, del resto Wyler non ha mai sbagliato un colpo nel corso della sua carriera

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917adoration (2019)
 NEW
alla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbotero
 NEW
caterinacena con delitto - knives out
 NEW
cercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacediamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittle
 NEW
fabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovato
 NEW
fantasy islandfigli (2020)
 NEW
gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicihammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorni
 NEW
il lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo nataleil terzo omicidioimpressionisti segretijojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala ragazza d'autunnolast christmasleonardo. le operel'immortale (2019)l'inganno perfetto
 NEW
lunar citymarco polo - un anno tra i banchi di scuolame contro te: il film - la vendetta del signor s
 NEW HOT R
memorie di un assassinonancyodio l'estatepiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarerichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshall
 NEW
sonic - il filmsorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospiti

998588 commenti su 42900 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net