Recensione i migliori anni della nostra vita regia di William Wyler USA 1946
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione i migliori anni della nostra vita (1946)

Voto Visitatori:   8,39 / 10 (14 voti)8,39Grafico
Miglior filmMiglior regiaMiglior attore protagonista (Fredric March)Miglior attore non protagonista (Harold Russell)Miglior sceneggiatura originaleMiglior montaggioMiglior colonna sonora
VINCITORE DI 7 PREMI OSCAR:
Miglior film, Miglior regia, Miglior attore protagonista (Fredric March), Miglior attore non protagonista (Harold Russell), Miglior sceneggiatura originale, Miglior montaggio, Miglior colonna sonora
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film I MIGLIORI ANNI DELLA NOSTRA VITA

Immagine tratta dal film I MIGLIORI ANNI DELLA NOSTRA VITA

Immagine tratta dal film I MIGLIORI ANNI DELLA NOSTRA VITA

Immagine tratta dal film I MIGLIORI ANNI DELLA NOSTRA VITA

Immagine tratta dal film I MIGLIORI ANNI DELLA NOSTRA VITA

Immagine tratta dal film I MIGLIORI ANNI DELLA NOSTRA VITA
 

Film del 1946, "I migliori anni della nostra vita" è a tutti gli effetti una delle prime pellicole del neorealismo americano. Diretto da William Wyler, da sempre legato a grossi successi di critica e di botteghino (vedasi "La voce nella tempesta" con Laurence Olivier o "La signora Miniver" uscito pochi anni prima), il film si avvale di uno stuolo di interpreti di prim'ordine come Frederic March, Myrna Loy (qui in un ruolo drammatico dopo aver interpretato per anni accanto a Dick Powell delle pellicole giallo-rosa della serie sull'Uomo Ombra), Dana Andrews e Virginia Mayo.
Uno dei protagonisti è un reduce della seconda guerra mondiale rimasto privo di entrambe le mani, Harold Russell, qui al suo primo ruolo da attore in un lungometraggio, a sottolineare l'impostazione realista che il regista ha voluto dare alla storia.

Pur prendendo spunto dal mediocre libro omonimo di Mackinley Kantor, Wyler traccia una storia nella quale ben presto tutti i reduci americani si sono identificati. La trama del film, film corale perché le storie dei tre principali protagonisti di fatto si intersecano le une con le altre, inizia con il ritorno in patria di tre reduci rappresentanti di diverse tipologie di soldati: l'impiegato, in là con gli anni con famiglia a carico e figli grandi, tipico membro della piccola borghesia, il giovane un po' spostato, di umili origini, con una moglie che non ama sposata frettolosamente prima di partire per il fronte, l'invalido di guerra che si trova ad affrontare la vita di sempre con il fardello della sua pesante mutilazione. A tutti questi personaggi la guerra ha cambiato la vita e al loro ritorno riprendere una esistenza normale fingendo che nulla sia accaduto è difficile, quasi impossibile.

Dopo aver affrontato il capitolo bellico ne "La signora Miniver" drammone strappalacrime con intenti propagandistici dove però si incitava la popolazione a dare man forte agli uomini al fronte, Wyler passa ora a descrivere l'infausto esito della guerra sui reduci, inaugurando un filone che in America, complici i vari conflitti che spesso e volentieri vedono in prima linea gli Stati Uniti, praticamente non conosce crisi. Il romanzo di Kantor finisce senza spiragli di luce, Wyler ha voluto di proposito rimaneggiarlo per inserire il consueto lieto fine, ma la sua scelta, sebbene influenzata dalle necessità delle majors, non va criticata "tout court". L'intento principale, quello cioè di far capire che la guerra è malvagia e lascia profondi strascichi che solo con una profonda forza interiore si possono superare, è pienamente raggiunto (e i premi ottenuti dalla pellicola sono una valida testimonianza), concludere la storia drammaticamente o malinconicamente sarebbe stato un ulteriore colpo per chi tentava di rialzarsi da questa tragedia collettiva appena trascorsa.

La cinematografia americana legata fino ad allora a storie molto distanti dal sociale comincia finalmente ad affrontare tematiche più vicine alla gente superando il confine che vedeva il mondo di celluloide cone una semplice e spensierata evasione. Il film di Wyler, ancora attualissimo, a sessant'anni dalla sua uscita sugli schermi grazie a dialoghi attuali e affatto retorici è uno dei migliori esempi di questa svolta hollywoodiana, destinata purtroppo a non modifcare totalmente il meccanismo dell'industria cinematografica d'oltreoceano.

Commenta la recensione di I MIGLIORI ANNI DELLA NOSTRA VITA sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di peucezia - aggiornata al 08/06/2006

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917adoration (2019)alla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghiera
 NEW
bad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbotero
 NEW
caterina
 NEW
cats (2019)
 NEW
cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of space
 NEW
criminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittle
 NEW
fabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicihammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo natale
 NEW
il richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretijojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortuna
 NEW
la mia banda suona il popla ragazza d'autunnolast christmasleonardo. le opere
 NEW
l'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfetto
 NEW
lontano lontano
 NEW
lunar citymarco polo - un anno tra i banchi di scuolame contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancyodio l'estatepiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarerichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsonic - il filmsorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospiti

998743 commenti su 42900 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net