l'incredibile storia dell'isola delle rose regia di Sydney Sibilia Italia 2020
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

l'incredibile storia dell'isola delle rose (2020)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film L'INCREDIBILE STORIA DELL'ISOLA DELLE ROSE

Titolo Originale: L'INCREDIBILE STORIA DELL'ISOLA DELLE ROSE

RegiaSydney Sibilia

InterpretiElio Germano, Matilda De Angelis, Leonardo Lidi, Thomas Wlaschiha, Alberto Astorri

Durata: h 1.58
NazionalitàItalia 2020
Generecommedia
Al cinema nel Dicembre 2020

•  Altri film di Sydney Sibilia

Trama del film L'incredibile storia dell'isola delle rose

Primavera 1968. Nell'anno della contestazione studentesca, un giovane ingegnere, Giorgio Rosa con un grande sogno e un genio visionario decide di costruire un'isola al largo di Rimini, fuori dalle acque territoriali, e la proclama stato indipendente. Si tratta di un'isola in cui la libertÓ individuale Ŕ il valore assoluto: non ci sono regole. In questa impresa impossibile Giorgio avrÓ al suo fianco un eterogeneo gruppo di complici: il suo migliore amico, un giovane imprenditore pi¨ propenso ai bagordi che all'azienda di papÓ, un misterioso naufrago in cerca di approdo, un animatore delle notti romagnole in cerca di una nuova vita e una ventenne romantica in cerca di lavoro. E poi c'Ŕ Gabriella, la donna appassionata che Giorgio trascina nella sua ambiziosa avventura e nella sua vita. L'Isola delle Rose attira ben presto l'interesse della stampa e soprattutto di frotte di ragazzi da mezzo mondo, trasformandosi in mito, in caso internazionale e in un quasi insormontabile problema politico per il Governo italiano che non pu˛ tollerare la fondazione di un nuovo Stato in acque cosý vicine.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,71 / 10 (14 voti)6,71Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su L'incredibile storia dell'isola delle rose, 14 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  24/01/2021 23:42:47
   7 / 10
Sibilia prende uno spunto come fu per Smetto quando voglio (Breaking Bad) ed in questo caso, con l'isola delle Rose ne fa una sua personale I love Radio Rock (anche citata all'inizio). I personaggi di Sibilia hanno in comune determinate caratteristiche che anche in questo film si confermano. Outsider che vengono isolati dal loro contesto quotidiano, individui dotati anche di talento che in qualche modo grazie alla loro visione immaginaria ed utopistica si creano a parte quel mondo che il '68 voleva cambiare. Sibilia è bravo nel disegnare i personaggi, riesce a dare sempre un certo respiro internazionale alle sue storie, Germano capeggia una buona compagine di attori sull'Isola, mentre nel governo il duo Bentivoglio-Zingaretti fa faville. Il primo consiglio dei ministri è esilarante. Buon film, con quel retrogusto di malinconia.

ElisaB  @  16/01/2021 23:51:13
   8 / 10
Un fantastico Elio Germano. Storia ben riprodotta e adattata ai giorni nostri.

Invia una mail all'autore del commento bleck  @  13/01/2021 16:00:39
   6 / 10
GreatJohn96  @  11/01/2021 00:59:16
   6 / 10
Un biopic che risulta interessante nella scrittura, ma decisamente meno nel suo svolgimento, lasciando spazio a personaggi bidimensionali ed eventi narrati in maniera quasi frettolosa.

1 risposta al commento
Ultima risposta 15/01/2021 23.01.19
Visualizza / Rispondi al commento
Beefheart  @  08/01/2021 11:22:22
   7 / 10
Carino, divertente, funzionante.
Finalmente apprezzo Elio Germano, che di solito non mi convince per niente.
Bravo lui e bravi nel corollario che lo circonda.
Una menzione anche per il coprotagonista Leonardo Lidi, che non conoscevo e che mi ricorda un po il Jonah Hill de noantri (vado matto per Jonah Hill!).
Bravo il regista a raccontarci una storia avvincente.

1 risposta al commento
Ultima risposta 09/01/2021 13.00.09
Visualizza / Rispondi al commento
BlueBlaster  @  08/01/2021 10:00:07
   7 / 10
Molto interessante e divertente, mi è piaciuto più di quello che mi sarei aspettato da un film italiano!
Cast che funziona piuttosto bene con un Elio Germano davvero capace e simpatico quando necessario...poi su tutti i politici interpretati da Zingaretti e Bentivoglio sono stati davvero bravi ed i momenti in cui sono in scena fanno davvero ridere.
Storia che non conoscevo, film ben fatto e con una bella colonna sonora di pezzi anni '60.
Da vedere

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  07/01/2021 16:52:26
   7 / 10
"Basta saper immaginare un'isola, perché quest'isola incominci realmente ad esistere" diceva Silvano Agosti. E così ha fatto l'ingegner Rosa, col suo sogno utopico di costituire uno Stato autonomo su una isoletta artificiale. Pellicola leggera che, senza enfatizzare gli aspetti repressivi dello Stato italiano, illustra in maniera un po' patinata lo svolgersi di quegli eventi. Bene il cast. Buon prodotto.

mrmassori  @  05/01/2021 15:15:42
   7 / 10
commedia graziosa e storia incredibile che viene raccontata e riportata egregiamente sullo schermo. ottimo come sempre elio germano.

Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  28/12/2020 12:33:59
   7 / 10
Commedia gradevole, volutamente sopra le righe, ben diretta dal sempre capace Sydney Sibilia e ben recitato da tutti (con menzione speciale per Bentivoglio e Zingaretti). Certo non vuole lasciare nessun messaggio, ma chissenefrega: avercene, di commedie così.

sognatore  @  18/12/2020 00:15:32
   7½ / 10
Il film si discosta parecchio dalla realtà, ma in fondo è anche giusto così, non è una biografia e la storia reale è servita per ricamarci una sceneggiatura romanzata. Quello che ha da sempre e da subito attirato la grande attenzione all'evento è stata sicuramente la voglia di libertà, di sentirsi realmente liberi in un mondo dove non è possibile farlo. Un'utopia, un sogno che ancora oggi incuriosisce e attira. La chiave di tutto sta nel colloquio, tra Giorgio e Gabriella nell'Università, quando lei, in*******, gli dice: "Te vivi un mondo tutto tuo, ma il mondo non è tutto tuo" e lui gli risponde "E allora forse dovrei… costruire un mondo tutto mio". Il film a me è piaciuto perchè senza tanti fronzoli e implicazioni resta proprio sullo spirito di libertà che aleggiò in quegli anni, ricordiamo che siamo nel 1968.

massapucci  @  15/12/2020 13:19:34
   5 / 10
Filmetto... La prima parte leggermente migliore, tanta noia nella seconda.

2 risposte al commento
Ultima risposta 18/12/2020 02.54.30
Visualizza / Rispondi al commento
130300  @  12/12/2020 23:27:24
   8 / 10
elio grmano e le musiche da sole valgono il voto!

camifilm  @  12/12/2020 22:11:03
   7½ / 10
IL FILM E' SU PIATTAFORMA NETFLIX
uscito direttamente qui, essendo chiuse le sale cinema.

Parere mio il precedente commento non ha compreso il senso poetico del film, oltre che ricordare un evento storico italiano unico al mondo.


ATTENZIONE CI SONO DEI PEZZI DI TRAMA nel commento, ma servono per identificare il film e spiegare che va capito. NON c'è SPOILER, indico solo dei momenti importanti per capire il film, senza svelarne i singoli sviluppi.
Non mi interessa da dove sia tratto il film, è una storia VERA ITALIANA e poco nota perchè scomoda da tramandare.

Il film dura poco meno di 2 ore. Troppo poco forse. Una mini serie o un film leggermente più lungo andava affrontato. Però consideriamo il periodo storico, i costi e le difficoltà di girare con molte comparse (provenienti da altri set e sottoposti tutti a continui esami) ... va benissimo così.

Il film riesce a descrivere benissimo la situazione culturale, di costume, del periodo (1967/68) in cui si sviluppa la storia. Quindi ecco il dettaglio sui marchi (no brand ancora!!!!) storici del periodo, si vedono le Vespa, tante auto del passato, la gondola sulla tv catodica (un classico essendo Venezia la città più ambita per lune di miele e viaggi di piacere). Si nota la questione delle autostrade ancora slegate tra loro, autogrill che iniziavano a crescere, le cabine telefoniche, ... bellissima la situazione della ragazza che verifica con un sistema particolare di essere incinta e quando lo comunica al ragazzo viene mostrata come era arretrata la cultura e considerazione della questione e nello stesso momento viene indicato "l'amore libero" senza copertura da matrimonio.
C'è anche l'aspetto NORD e SUD italia, che fa capire come con le parole il nord ingannava il sud che di estrazione più contadina non capiva e spesso rimaneva sfruttato e fregato.

Ecco il film è un racconto della ricerca della libertà assoluta, piuttosto di quella controllata (bellissimo il rapporto col padre, e l'ultimo confronto che hanno ... dove il padre ha capito il figlio e la società che lo ha fregato).

Fantastico poi riconoscere i personaggi politici che stavano crescendo e che avrebbero poi accompagnato la storia nei 2 decenni successivi almeno, come un giovane Cossiga, etc. Anche se forse c'è un po' di imprecisione sugli anni dei mandati. I termini usati, il modo di parlare.

MUSICA: tutta TOP... pure i SHOCKING BLUE ci sono ... e tanti italiani, identificati da un LIDO un manifesto il edoardo vianello.
Ottima Selezione e usata nei momenti giusti del film.

Ci sono diciamo tante cose che dagli anni 60 sono durate sino almeno a tutti gli anni 80, per poi lasciare spazio a sempre più BRAND (fine dei marchi) americani e orientali poi. Perdendo per sempre anche una certa potenza economica che l'Italia da sola aveva (Olivetti ad esempio).

Anche tecnicamente il film si difende bene. Qualche piccolo difetto di profondità e di green screen, ma visti i tempi è perdonabile. Piccolezze.

Attori: tutti eccezionali.

La storia è molto bella ed in un certo modo importante per non dimenticare di crearsi un posto, perchè il lavoro in ufficio o in catena o come commesso non te lo assicura nessuno... anche se hai 100 e lode...

FAVOLOSO il rapporto della ragazza che cerca di portare lui sulla retta via, quella giusta della società, e così facendo apre sempre le porte a idee di lui per poter creare un qualcosa di oltre.


Vorrei dare più di 7mezzo, ma non direi giusto. Alzate la media voi successivi

Mauro@Lanari  @  11/12/2020 18:15:43
   4 / 10
Storia già raccontata ne "L'isola e le rose" (Rizzoli 2012) da Walter Veltroni, ch'è ricordato in cima agl'end credits in qualità di "Consulenza storica". Bene, almeno ci ha fatto capire poiché, su simili basi, il '68 non poteva non affondare.

Mauro Lanari

3 risposte al commento
Ultima risposta 09/01/2021 13.47.39
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1013521 commenti su 44801 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net