vi presento toni erdmann regia di Maren Ade Germania, Austria 2016
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

vi presento toni erdmann (2016)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film VI PRESENTO TONI ERDMANN

Titolo Originale: TONI ERDMANN

RegiaMaren Ade

InterpretiPeter Simonischek, Sandra Hüller, Michael Wittenborn, Thomas Loibl, Trystan Pütter, Hadewych Minis, Lucy Russell, Ingrid Bisu, Vlad Ivanov, John Keogh, Ingo Wimmer, Cosmin Padureanu, Anna Maria Bergold

Durata: h 2.42
NazionalitàGermania, Austria 2016
Generecommedia
Al cinema nel Marzo 2017

•  Altri film di Maren Ade

Trama del film Vi presento toni erdmann

Senza preavviso, il sessantacinquenne Winfried si reca in visita dalla figlia Ines, che vive a Bucarest e lavora come consulente aziendale. Poiché si convince che Ines abbia perso il suo senso dell'umorismo, inizia a sorprenderla con una serie imprevista di scherzi e battute, a partire dalla sua totale trasformazione in Toni Erdmann. Presentandosi con un aspetto irriconoscibile e con un'offerta lavorativa che Ines non può rifiutare, tra i due nascerà un inaspettato legame: tanto più si tratteranno male quanto più si avvicineranno.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,30 / 10 (5 voti)6,30Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Vi presento toni erdmann, 5 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

TheLegend  @  15/07/2017 23:29:01
   7 / 10
Commedia agrodolce e atipica;poteva sicuramente durare un pò di meno,snellendo alcuni passaggi.

JOKER1926  @  16/05/2017 02:43:47
   1 / 10
"Vi presento Toni Erdmann" è un lavoro recente firmato Maren Ade. Sviluppato su un plot alquanto convenzionale, il solito rapporto "interrotto" padre/figlia, il film ,cerca di impelagarsi in ardue diramazioni contenutistiche e visive.

La morte dei film medi, oggigiorno, è rappresentata dalla scarsa originalità. "Vi presento Toni Erdmann", invece, opta per una morte atroce. Decide di macellarsi in una amalgama pietosa, così assurda, da risultare , nel suo contesto deviante e deviato, per una strana legge trasversale, invincibile.

Anzitutto il senso di disorientamento che attanaglia la giovane regia è allarmante. Il montaggio, ad esempio, specie in alcune sequenze è un disastro. Scollegata l'immagine dal linguaggio. Difetto lapalissiano.
Da questo disordine post guerra civile serba, emerge pesantemente, una approssimazione e mescolanza di stili , di linee e forme. Insomma, "Vi presento Toni Erdmann" non riesce a far suo un genere. Non ci riesce.
Leggero per essere un dramma, pesante per incarnare la commedia. Grottesco si, ma senza l'apparato scenico giusto (salvo pochissime sequenze).
Analizzando questa macelleria , inoltre, è persino difficile giudicare senza scindere. In pratica, prendendo in questione la sola narrazione, con tutti i suoi assurdi risvolti , ne vien fuori un polpettone pieno di cliché, storia standardizzata, nulla di nuovo sotto il sole. Volendo invece accettare il "solo" significante, la situazione precipita. Accettare solo questo ultimo punto significa dar consenso ad una masturbazione oscena (e personale) di una regia funesta come una tempesta tropicale.
Eccetto un paio di scene ben fatte, resta un deserto asfissiante. Le risate sono quelle isteriche; come il sorriso prima della morte. La resa prima del vuoto. Il vuoto della resa.

"Vi presento Toni Erdmann", al di la di una lentezza non umana, sviluppata intorno ad un ironia mentecatta, è da vedere al Cinema. Solo il collettivo, fatto di un pubblico misto, può rendere mediamente l'idea. Gente che sbotta, gente che abbandona la sala. Sponsor per un suicidio di massa. Nel nome di una catastrofe seconda solo alla sua ombra. Deposito defecale.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  08/05/2017 23:16:38
   7½ / 10
"Tu non sei umana".
Da questa semplice considerazione che il padre fa nei confronti della propria figlia, secondo me risiede il nocciolo del film. Ero timoroso di questo lavoro che si presenta come una commedia, ed in effetti è una commedia, sia pure con le sue atipicità. La durata di 162 minuti è veramente monumentale, però è importante perchè analizza minuziosamente il quotidiano di una donna in carriera votata completamente al lavoro. Dapprima il padre funge da semplice osservatore, guarda la propria figlia che non ha praticamente orari, rigida come uno stoccafisso in cui la sfera lavorativa l'ha gradualmente disumanizzata. Anche nelle occasioni apparentemente mondane e disimpegnate si parla sempre e solo di lavoro.
L'invenzione di questo alter ego, Toni Erdmann, è un detonatore di momenti imbarazzanti. La maschera del padre pregressivamente denuda, anche letteralmente nel bel finale, una donna che riacquista la sua umanità. Un residuato della vecchia generazione che cerca di rendere più flessibile la nuova generazione che ragiona su numeri o piani industriali, ma che in maniera ipocrita non si prende la responsabilità delle proprie decisioni, attuando uno scaricabarile ai limiti del vergognoso, sul chi deve prendersi la briga di dover licenziare. Un film molto partciolare, cui è facile farsi un'impressione prima della visione e rimanerne deluso. Un film che lavora molto di fioretto che parla di molte cose, ma tenendo sempre al centro il rapporto tra padre e figlia. Due diverse generazioni a confronto.

polbot  @  19/04/2017 13:44:05
   8 / 10
Bel film sul limite sottile tra l'essere un genitore leggero o assente.. sui benefici o svantaggi che la cosa può determinare.. una piacevole sorpresa, che sfiora l'Oscar.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento williamdollace  @  05/03/2017 06:12:07
   8 / 10
Come fai a fermare un momento, come fai a renderlo una tempesta sonora come i Cure, come fai a sentire che tutto muore attorno, che è una lista da spuntare, un sorriso con una dentiera finta con una parrucca, un vestito tradizionale bulgaro, un'ambasciata immaginaria dove crescono le mele, come fai a fissare la felicità, che è un secondo, non puoi e non lo fai, perché lo capisci solo dopo.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


959684 commenti su 37677 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net