il sacrificio del cervo sacro regia di Yorgos Lanthimos USA, Gran Bretagna 2017
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

il sacrificio del cervo sacro (2017)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film IL SACRIFICIO DEL CERVO SACRO

Titolo Originale: THE KILLING OF A SACRED DEER

RegiaYorgos Lanthimos

InterpretiNicole Kidman, Alicia Silverstone, Colin Farrell, Bill Camp, Raffey Cassidy, Barry Keoghan

Durata: h 2.01
NazionalitàUSA, Gran Bretagna 2017
Generedrammatico
Al cinema nel Giugno 2018

•  Altri film di Yorgos Lanthimos

Trama del film Il sacrificio del cervo sacro

Steven Ŕ un cardiologo: ha una bellissima moglie, Anna, e due figli, Kim e Bob. All'insaputa di costoro, tuttavia, si incontra frequentemente con un ragazzo di nome Martin, come se tra i due ci fosse un legame, di natura ignota a chiunque altro. Quando Bob comincia a presentare degli strani sintomi psicosomatici, la veritÓ su Steven e Martin sale a galla.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,74 / 10 (35 voti)6,74Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Il sacrificio del cervo sacro, 35 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Spera  @  13/04/2019 17:53:39
   7½ / 10
Qui riconosco Lanthimos anche se contagiato dal cinema di Hollywood (vedi attori scelti che eviterei come la peste, soprattutto per un film del genere - un punto in meno).
La trama è intrigante e riesce a tenere alta l'attenzione grazie a un espediente narrativo azzeccato e anche un po' furbo perchè portato con sapienza fino alla fine.
Regia stupenda, con grandangoli e spazi ampi, che grazie anche alla musica riesce a evocare alcune immagini Kubrickiane (senza eguagliare il maestro che non è paragonabile a nessuno).
Un film lento e malsano alla quale bisogna abbandonarsi, colmo di elementi interessanti e spesso metaforici dove si nascondono i temi cari al regista.
Non capisco le riflessioni di alcuni utenti sui dialoghi assurdi che a me proprio non son sembrati così assurdi ma solo freddi e disumanizzati, nel perfetto stile del regista.

Per me molto meglio di "La favorita" e "the lobester" e più vicino alla dialettica di questo potente autore.
Sulla scelta di certi attori rimango allibito, senza sparare sulla croce rossa con Farrel anche la scelta della Kidman mi lascia basito.

Da vedere ma non per tutti.

Romi  @  12/04/2019 17:03:13
   5 / 10
Ho letto che questo regista e' il nuovo Kubrick, sinceramente mi pare un'affermazione molto discutibile... Il film in questione e' girato bene a livello tecnico, riesce ad essere anche disturbanti, il guaio e' che questo disturbo e' provocato anche dalla vacuita' del film. Ho letto anche che il regista abbia uno stile cinico e freddo. Ma il cinismo non permette una visione veramente reale dell'esistenza, in quanto ne coglie solo gli aspetti negativi, e per nostra fortuna, non e' sempre cosi'. Infatti in questo film emergono aspetti cinici al limite del ridicolo e del penoso: la Kidman che masturba l'ottimo amico del marito (figuriamoci se non fosse stato amico), la scena finale, penosissima, tipo roulette russa, i vari personaggi che non trasmettono alcuna empatia ma sono uno piu' antipatico dell'altro, scene ridicolissime della Kidman che si sdraia semi nuda inscenando fantasie erotiche asettiche come l'anestesia generale! E si potrebbe andare avanti.... Ma a tutto cio' si aggiunge pure la vacuita', la componente simbolica prende troppo la mano nella seconda parte del film e molte cose rimangono non spiegate, forse sono tutti vittime di una macumba??!! Un film che, personalmente, non vedrei una seconda volta.

Componente simbolica prende troppo la mano nella seconda parte,

1 risposta al commento
Ultima risposta 13/04/2019 18.15.47
Visualizza / Rispondi al commento
John Carpenter  @  30/03/2019 12:46:05
   9 / 10
Perfetto, ad oggi è il Lanthimos che ho preferito.
Film destabilizzante in ogni singola scena e in ogni singolo dialogo, vuole proprio metterti a disagio per tutto il tempo e con me ci è riuscito in pieno.
Registi come questo mi danno speranza per il futuro.

Niko.g  @  24/03/2019 19:24:16
   4½ / 10
Operazione azzardata, questa. Non tanto per i dialoghi stranianti a cui poco siamo abituati (eppure dopo che il tenente Kilgore discute di surf sotto una pioggia di bombe in "Apocalypse Now", nulla dovrebbe apparirci più straniante), quanto perché il richiamo alla meccanica della tragedia greca, male si concilia con la realtà dei protagonisti, calati in un mondo contemporaneo privo di eroi e soprattutto di divinità. Cosa ne rimane dunque? Cosa ne può capire lo spettatore? Assolutamente nulla, magari illudendosi di aver capito pur di non passare per fesso.
D'altro canto il regista dimostra di conoscere bene il suo mestiere e sa come mantenere alta l'attenzione, salvo lasciarci con un pugno di mosche in mano.

Macs  @  10/03/2019 19:28:38
   6½ / 10
Film freddissimo, quasi glaciale nella sceneggiatura e nella recitazione. Piaciuti moltissimo Vessicchio e la Kidman, molto bravo anche Keoghan che avevo già apprezzato in "Dunkirk". Lanthimos rielabora il mito di Ifigenìa e pretende molto dallo spettatore avvolgendolo nel gomitolo delle citazioni; senza il sostrato culturale di riferimento, in effetti non si cava molto da questo film. I rapporti tra i personaggi sono delineati con apparente superficialità; in realtà pur essendo freddissimo il ritratto di una famiglia da farla apparire disfunzionale, rimane comunque una paralisi dei sentimenti che non mi pare solo un esercizio estetico ma affonda radici in un contesto dopotutto credibile. Ottima la colonna sonora "disturbante" e dissonante. Un film colto, non per tutti ma non pienamente realizzato, visto che durante e dopo la visione lascia comunque un senso di incompiutezza, come un supplizio tantalico in cui personaggi e spettatore paiono avvicinarsi al noumeno, senza però mai riuscire effettivamente a impossessarsene - cognitivamente oltre che fisicamente.

daaani  @  07/02/2019 23:24:27
   7 / 10
Particolare!
All'inizio alcune battute degli attori fanno pensare che tutti siano un po'matti. Poi dopo qualche minuto si riesce a capire meglio.

axel90  @  16/01/2019 22:24:55
   5½ / 10
Lanthimos è un regista freddo e cinico, odia la società, le sue abitudine, le sue consuetudini e i suoi rapporti. I nuclei familiari o , come in "The Lobster", i centri di recupero, sono situazioni, conglomerati di persone che portano alla catastrofe e sono solo l'apparenza della felicità, della normalità. Una volta che la vita quotidiana viene scossa in maniera ineluttabile non vi è modo di ritornare indietro, togliendo la maschera ai suoi appartenenti per mostrarli per ciò che sono.
Girando dalle parti di Haneke per tonalità del racconto e di Kubrick per via registica, Lanthimos mette in scena un racconto di vendette e di giustizia, dove il semplice interscambio di favori sembra essere il metodo più semplice per pulirsi la coscienza o per ricevere qualcosa in cambio. La ragione della scienza (dalla parte di Colin Farrell, qui chirurgo di un importante ospedale) viene minata dall'inevitabile onda provocata da un estraneo che tenta di rimettere in equilibrio l'ordine prestabilito, di smascherare la finta beatitudine e l'agiatezza rubata di una classica famiglia alto borghese.
Gli oggetti assumono un ruolo quasi superfluo non riuscendo mai ad adempiere al bisogno dei possessori o come mero simbolo di pace, i gesti e le convenzioni rimangono impenetrabili, continui e schematici, parte di un rituale civile di buona creanza che non deve smettere di perpetrarsi nonostante l'incomprensibile, l'inverosimile, la tragedia sia fuori dalla porta.
Nonostante le premesse Lanthimos non sembra aver diretto un film deciso come i precedenti: persa la sfumatura comica surreale di "The Lobster" ritorna ad un esercizio di stile algido, con protagonisti sempre distanti per empatia, anche minima, ma manca l'incisività, quel guizzo geniale che innalzi la visione. Talmente cerebrale e serio da annullare quella componente scandalistica, da risultare solamente un mero esercizio di stile che avrebbe anche qualcosa da dire, ma lo fa in maniera didascalica.

Gruppo REDAZIONE VincentVega1  @  13/01/2019 20:07:37
   5 / 10
Un metaforone cerebrale, asettico come una sala operatoria. E l'unico cuore che si vede è quello pulsante di un paziente sotto i ferri.
Lanthimos non è Haneke, e nemmeno Kubrick. Peccato.

topsecret  @  26/12/2018 19:13:17
   7 / 10
La storia è particolare, anche se non originalissima alla base, ben diretta e ottimamente interpretata, capace di ricreare una certa atmosfera fredda e cupa allo stesso tempo, senza la necessità di grandi paricolari espicativi.
Il film di Lanthimos si segue bene, lascia un senso di impotenza mentre si dipana tra tante piccole sfaccettature dettate da una sceneggiatura interessante e da una caratterizzazione dei personaggi impostata bene che convince e intriga.
Vale una visione e un buon voto.

Invia una mail all'autore del commento bleck  @  30/11/2018 10:36:25
   8 / 10
Inquietante, spiazzante, freddo, un opera lenta più veloce di un opera veloce, disturbante, da non perdere absolutely

wicker  @  29/11/2018 07:46:27
   7 / 10
Film molto profondo che dovrò sicuramente rivedere per capirlo meglio .
Lanthimos analizza e distrugge il rapporto di coppia tramite la vendetta di un esterno , ne enfattiza la tragedia ,il dolore la rabbia e il successivo ma probabilmente inutile emotivo distacco ..
Regia sublime con inquadrature a campo largo per delineare spazi e situazioni , recitazioni ottime di Farrel e Kidman , bella fotografia ,anche di interni ,freddi ,bianchi e impersonali .

2 risposte al commento
Ultima risposta 23/03/2019 20.02.32
Visualizza / Rispondi al commento
the saint  @  20/11/2018 17:29:34
   5½ / 10
salvabile solo per la tensione e per l'angoscia di sapere come finisce,
per il resto non mi esaltano i film allegorici, in stile MADRE… sarei curioso di sapere il voto di molti ''cinefili'' ad un film ( ciofeca) come quello!

platypus  @  13/11/2018 21:34:29
   1 / 10
No no no e no, non ci siamo.
Caratterizzazione e distinzione fra i personaggi nulla, tutti si comportano nello stesso identico modo, possibile che non ce ne sia almeno uno sano di mente? totale apatia, colonna sonora forse la peggiore che abbia mai sentito.
E dobbiamo sorbirci il protagonista che da bambino ha masturbato e fatto eiaculare il padre???
Ma siamo convinti???

Burdie  @  11/11/2018 23:50:57
   7½ / 10
...tragico, inquietante e ben fatto!

smellysocks  @  08/11/2018 00:47:39
   6 / 10
Eschilo, Eschilo... che qui si Sofocle! E attenti a scénne' 'e scale che sono Euripide!

Emmò venìteme a di' che so' io che mànco de lòggica!

Per il resto... ce devo penzà'. Arméno quàrche mesétto. Pe' cùi, mò me n'èsco co'n giudìzzio neutròfilo.

Eccomùnque, appàrte 'n po' de sgoménto attònito che mò piano piano me passa... ammé me piàceno deppiù i fìrmi quànno che ce stànno li càobbòi che se spàreno 'no sfracèllo de revorveràte!
E t'ho detto tutto!

Epperò, secondo me, 'sto Yorgos se n'è sparàti parecchi pùro lui... ma d'àcidi quelli tòsti!

jason13  @  05/11/2018 20:48:30
   9 / 10
Inquietante e Raro. Consigliatissimo. Semplicemente un qualcosa che restera' per sempre nella propria mente. Cinema con la C maiuscola.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  04/11/2018 16:13:59
   8 / 10
Lanthimos è ormai un regista affermato dallo stile particolare, quest'opera è la riconferma del suo talento. Film curatissimo, un lucido delirio dallo stile registico kubrickiano. Opera complessa, non adatta a tutti i palati, ma senz'altro raffinata.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  30/10/2018 11:53:47
   8 / 10
Mi è piaciuto molto.
Toni surreali, interpretazioni intense, atmosfera fredda e riferimenti storici e mitologici ne fanno un film non adatto a tutti.
Decisamente angosciante.

marcogiannelli  @  12/09/2018 15:50:33
   8½ / 10
Userò spezzoni di una recensione non mia, ma che mi sento di citare perché è tale e quale alla mia visione:
"Shining rimane il più grande riferimento del Cervo Sacro. La prima scena all'Ospedale ad esempio è praticamente identica all'indimenticabile steady-cam che seguiva Danny nell'Overlook Hotel. Questi corridoi, queste svolte di lato, questo seguire i personaggi in questo inquietante dedalo.
Ho notato almeno 3 pezzi in colonna sonora praticamente identici a quelli celeberrimi del film con Nicholson. Uno in particolare, quello con quella specie di violino "sgraziato", avrei giurato fosse lo stesso. Ma sono evidenti, direi espliciti, gli omaggi di Lanthimos a quel film e a Kubrick tutto.
Impossibile non associare le scene della Kidman, specie quelle in camera, ad Eyes Wide Shut ad esempio. Stesse inquadrature, stessa atmosfera, e lei praticamente identica.
Ma oltre a tutti questi riferimenti diretti che vi ho citato l'elemento che più mi ha fatto accomunare i due registi è l'uso degli interni. Vedete, Kubrick era uno che riusciva a rendere una stanza un personaggio. L'uso delle inquadrature, la scelta delle stanze, il nitore della composizione, l'ordine assoluto della messinscena, facevano sì che quasi tutti i suoi interni ci restassero nella memoria quasi o come gli stessi personaggi. E la stessa cosa l'ho notata in questo film, in cui ogni inquadratura d'interni, ogni composizione, mi sembrava kubrickiana. Tanto che nei miei ricordi l'ospedale, la casa di loro, la stanza della conferenza, il caffè e altri spazi mi sono rimasti dentro quanto i personaggi e il loro interagire.
Parliamo un secondo di lui, di Barry Keoghan, straordinario protagonista del film. Il giovane attore irlandese ci regala un ragazzo disturbato, inquietante, apparentemente docile e remissivo ma in realtà al confine del demoniaco. Il suo sguardo è pazzesco, la sua calma insopportabile, roba che vorresti prenderlo a schiaffi dalla mattina alla sera. Pensavo "o.k, c'ha sta faccia da *****, è molto bravo ma semplicemente il ruolo gli si addice". Poi, però, l'ho ricordato in Dunkirk dove interpretava un personaggio completamente diverso e che ci regalava emozioni completamente diverse, come dolcezza, empatia e persino dolore. E allora posso dirlo, grandissimo attore.
Il ragazzo sta vedendo insieme a sua madre e a Farrell un film, "Ricomincio da capo" con Bill Murray. Mentre i nostri protagonisti interagiscono tra loro si sente Murray che, nel film, dice:
"Non ho detto di essere Dio, ho detto di essere UN Dio".
Ecco, io in questa frase che ho captato ci ritrovo quasi tutta l'anima del film. E non mi riferisco solo al concetto di politeismo che richiama l'Antica Grecia ma al ruolo di Martin stesso. Del resto lo stesso ragazzo lo presenta come suo film preferito e se Lanthimos c'ha scelto quella scena un motivo deve esserci. Io credo che in questo film Martin rappresenti un dio dell'Olimpo. Del resto, riprendendo il mito, è "a lui" che deve essere sacrificato qualcuno, per riparare al danno subito, la morte del padre.
In realtà il film è da prendere in senso metaforico, se qualcuno commette un errore poi, in qualche modo, forse per mantenere la stessa armonia del mondo, deve pagar pegno con la stessa moneta.
Pensiamo anche alla scena del morso, quella che lo stesso Martin definisce come metafora di tutto. Lui morde Farrell e, allora, per riparare l'"offesa", deve mordere anche sè stesso, anche con più violenza (perchè il "reo" iniziale è quello che deve pagarla più caramente, è lui la causa di tutto).
Tornando al chirurgo è comunque un personaggio molto complesso. Agisce solo per senso di colpa, ma un senso di colpa probabilmente più terreno, non sovrumano. Tanto è vero che malgrado mille evidenze lui proverà sempre a dare una risposta scientifica a tutto, a non credere nel sortilegio, a non ritenere possibile che quel meccanismo di debito e colpa di cui abbiamo parlato abbia matrici così trascendentali.
E la cosa più strana è come ad un certo punto questo concetto del senso di colpa colpisca entrambi i suoi figli. Sia il bimbo che la ragazzina, infatti, verso la fine del film iniziano a scusarsi coi genitori di qualsiasi cosa, anche piccolezze. Il bimbo ad esempio di non aver tagliato i capelli, la sorella di avere un pò alzato la voce in ospedale. E' come se loro "ereditassero" il senso di colpa del padre e pensassero di essere in quella condizione per delle loro mancanze.
E, anche se il film, come tutti i Lanthimos, è quasi assolutamente solo cerebrale (ripeto, il cuore pulsante dell'inizio è l'unico che batte) questa cosa è abbastanza struggente. E diventa talmente parossistica da portarci ad una scena quasi assurda, quella in cui la figlia, con un lessico forbito, innaturale, da letteratura (miti greci) vuole convincere appunto il padre che è lei a dover essere uccisa.
Tra l'altro, sempre restando al senso di colpa, passano forse sottotraccia ma io ho trovato importantissime due frasi. E sono quelle di Farrell secondo cui "un chirurgo non uccide mai, lo fa l'anestesista semmai" e quella, opposta, del suo anestesista "solo i chirurghi uccidono".
Lanthimos, al solito, ci racconta di rapporti interpersonali freddissimi, in cui avvengono dialoghi monocordi e banali (splendida la scena del purè di patate, quasi una "critica" all'intera filmografia lanthimosiana), in cui non ci sono mai veri slanci di vita, in cui l'educazione è ferrea e piena di regole (il prato, il cane).
E, come sempre, ci sono alcuni riferimenti al sesso, ma un sesso mai bello, sempre stanco, sbagliato (la sega al padre nei ricordi di Farrell, quella della Kidman all'anestesista, il suo fingersi morta per eccitarlo), un sesso che pare, come in tutti gli altri suoi film, qualcosa di incidentale, che capita.
La regia è solida, granitica, elegantissima e senza mai una sporcatura. C'è la god view del bimbo che crolla in fondo alle scale mobili che è pazzesca.
La colonna sonora è invadente, onnipresente, fastidiosa e, per questo, magnifica. Perchè è proprio il fastidio, l'inquietudine, quello che ti regala questo film. Un film che ti emoziona poco, che va tutto nella testa e, per questo, non si ha subito la percezione di eventuale capolavoro.
In realtà un personaggio che non sarebbe cerebrale c'è, ed è quello della figlia. Lei sa cantare, lei sa piangere, lei sa avere aspirazioni, lei ha sogni, lei ha voglia di innamorarsi. E' un personaggio vivo, romantico, ma messo in un contesto che non le appartiene. E il suo rapporto con Martin, è forse la cosa più difficile da leggere di tutto il film. Questa attrazione non se ne andrà mai via. Non si sa se è una fascinazione per il male, se rappresenta il legame "ancestrale" del mito (il Dio e la Vergine, alla fine era lei quella che avrebbe dovuto essere sacrificata) o è, semplicemente, la cosa più facile e bella che possa esserci, il puro innamoramento umano.
Ma per chiudere voglio andare agli spaghetti. Martin scopre che il suo modo di mangiarli, che lui riteneva speciale, è quello che usano tutti. Scoprire questo, dice lui, gli ha fatto più male della stessa morte del padre. Forse è questo quello che accade quando un essere che si sente diverso, sopra gli altri, divino, si rende conto di quello che in realtà è, o quello che tornerà, ovvero un comune, insignificante, essere mortale"

olikarin  @  03/09/2018 01:20:39
   8½ / 10
I film di Lanthimos sono freddi e cinici ma sinceri. Credo sia impossibile sentirsi ingannati davanti alla loro visione, c'è qualcosa di autentico seppur folle per certi versi. Il regista greco ha uno stile tutto suo e ben riconoscibile: si destreggia abilmente dietro la macchina da presa attraverso cui sbatte in faccia allo spettatore la propria visione del mondo. I dialoghi non sono imbastiti di inutili giri di parole ma sono asciutti ed incisivi. La colonna sonora sostiene sempre l'atmosfera: inquietante e a volte disturbante ma sempre azzeccata. Talvolta è assente, come quando Steven fa il tragitto in macchina per arrivare a casa di Martin.

La prima metà del film è perfettamente calata nella realtà, la seconda invece è permeata di influenze surrealiste. Come ho letto da qualche parte non è che ci domandiamo perché nei film di Buñuel accadono certe cose, succedono e basta. Tutto è funzionale all'obiettivo di Lanthimos che non pensa tanto a questi dettagli quanto a sviluppare i concetti di giustizia, vendetta e senso di colpa rifacendosi alla tragedia greca. Il titolo allude chiaramente al sacrificio di Ifigenia che, prima di essere uccisa, viene sostituita da Artemide con una cerva. Ancora una volta, come già in Kynodontas, il regista si concentra su una famiglia e sul suo debole equilibrio minato da qualcuno che non ne fa parte.

La regia è statica: Lanthimos sfrutta i campi lunghi per riprendere da lontano luoghi e persone. Ciò che racconta arriva allo spettatore come un pugno al cuore, nudo e crudo, senza sentimentalismi né delicatezza. Emblematica la prima scena che catapulta il pubblico in maniera immediata dentro la storia. Scava nell'interiorità dei suoi personaggi attraverso alcuni primi piani ma soprattutto tramite gli sguardi, i gesti e i non detti. È essenziale, lavora più per sottrazione che per aggiunta. Non spiega ogni dettaglio che mostra, sta a noi interpretarlo. La scena in cui Steven si aggira per i corridoi dell'ospedale col figlio in carrozzina ricorda Shining: Lanthimos si avvicina molto a Kubrick senza però dare l'impressione che quella citazione (sempre se lo è) sembri una banale scopiazzatura, della serie: "oh guarda, sembra Kubrick!"

Ebbene sì, Yorgos è un regista anti-convenzionale. "The killing of a sacred deer" è un prodotto di grande qualità, realizzato con un ottimo cast, al di là di alcune imperfezioni: ad esempio il fatto che, dopo il sacrificio, tutto sembra tornare alla normalità abbastanza in fretta. Ma, in fondo, è questo il suo modo di fare cinema: nessuna scena strappalacrime, nessun eccesso. È tutto interiorizzato e apparentemente pacato ma allo stesso tempo sconvolgente. Niente è banale, non credo che il particolare del ketchup sulle patatine fritte sia casuale, se letto in chiave simbolica.

Lanthimos è un regista che spicca nel panorama cinematografico contemporaneo ma bisogna avere un certo stomaco per amarlo. Non è per tutti. Il suo stile è glaciale, disturbante ed inquietante. È un regista che sa rivelare in maniera onesta i lati peggiori della natura umana senza essere ridondante o melodrammatico. È in grado di colpire e scuotere gli animi. Ed è questo che il cinema deve saper fare.

Jumpy  @  25/07/2018 15:04:24
   7½ / 10
Molto forte e carico di tensione già dai primi minuti.
Si respira aria di tragedia imminente già dai titoli di testa.
Lanthimos resta un regista che si ama o si odia ed il suo stile surreale va interpretato in chiave simbolica, allegorica, molto viene lasciato all'intuito dello spettatore.
Non mi ha colpito nel profondo come "The Lobster" ma, per certi versi, ci son dei passaggi anche più shockanti e disturbanti.
Certo non è un film che può piacere a tutti.

federicoM  @  13/07/2018 22:49:03
   6 / 10
No, Lanthimos non fa per me. Film curato e ben realizzato, ma troppo lento e cervellotico.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  11/07/2018 18:11:21
   8 / 10
L'uomo e l'istinto di sopravvivenza, Lanthimos è affascinato dai lati oscuri della natura umana, dalle sue debolezze e meschinità.
Non viene risparmiata nemmeno la famiglia, in genere idealizzata come luogo di rifugio dalle brutture del mondo, qui viene mostrata nella sua forma più dura, terribile ma anche vera.

Se si perde il significato metaforico, il film non arriva perchè non ha la credibilità necessaria, i ritmi lenti e le interpretazioni a volte sopra le righe, non rendono questa un'opera per tutti.

Per gli altri vale davvero tanto.

jek93  @  09/07/2018 09:46:35
   7 / 10
Va riconosciuto che si tratta di un buon film, molto particolare e assolutamente inquietante e disturbante. Personalmente non mi ha fatto impazzire, specialmente per le tante, troppe, situazioni assurde e improbabili.
Probabilmente il regista si è spinto un pò troppo in là....

Clint Eastwood  @  08/07/2018 17:43:20
   5 / 10
Nonostante abbia apprezzato i precedenti lavori del regista greco (Kynodontas e The Lobster), qui mi trovo un po' perplesso. Semplicemente non mi è piaciuto, sebbene il film è girato meravigliosamente.

Manticora  @  08/07/2018 15:38:25
   7½ / 10
Il regista greco Yorgos è una piacevole sorpresa perchè esce dagli schemi della convenzionalità regalandoci una TRAGEDIA greca che fa a meno dell' happy end e scava nel rapporto tra una famiglia perfetta ed un altra invece disfunzionale. Mentre la famiglia di Steve è perfetta sotto tutti i punti di vista( una bella moglie, dei figli splendidi, una bella casa,due ottimi lavori) la famiglia di Martin è misera, priva del padre e con la madre che prova un attrazione per Steve, ma ciò porterà la situazione ad un risvolto drammatico

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
A meno che Steve non compia un SACRIFICIO DI SANGUE, una vita per una vita, in questo caso equilibrare la morte del padre di Martin con un altra morte. Assistiamo così ad una deriva malsana, in cui la razionalità lascia lo spazio all'inspiegabile, alla disperazione e infine alla ribellione

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Il finale è un pò debitore da Funny Games ma rappresenta l'unico possibile

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Ottimi attori, Colin Farrel, Nicol Kidman, in una rappresentazione del male che ha un senso e un perchè, da vedere.

1 risposta al commento
Ultima risposta 10/03/2019 23.09.37
Visualizza / Rispondi al commento
Wilding  @  05/07/2018 22:37:13
   7½ / 10
Una splendida interpretazione di tutti, soprattutto di Barry Keoghan nella parte di Martin. Uno splendido thriller che ci accompagna con intensità per tutta la sua durata. Unico neo la colonna sonora: a dir poco fastidiosa!!

FABRIT  @  05/07/2018 14:29:03
   3 / 10
brutto film, tra l'altro con uno snodo narrativo senza senso ... colonna sonora allucinante, la Kidman costretta a masturbare il collega del marito... tutto molto orripilante.

Invia una mail all'autore del commento stefano  @  04/07/2018 10:34:42
   4 / 10
Come scrive The Gaunt qui sotto, il film divide.
Pur rispettando i giudizi dei "cinefili", per me questo non è un film digeribile. Va bene il grottesco, il surreale, ma qui siamo di fronte ad una trama immersa nella realtà, un film che vorrebbe coinvolgere per la sua tensione drammatica, e non si può permettere il lusso di avere uno snodo narrativo fuori da ogni logica.
Aggiungiamo il fastidioso "tocco" registico messo nel girare le scene, quella tendenza fastidiosissima di voler lasciare il segno nelle inquadrature (che comunque non sono mai privi di lunghi primi piani, amatissimi dai registi autoriali), a danno ovviamente della naturalezza che deve avere un film per non sembrare tale.
Infine, una musica, a volte dissonante e comunque con acuti assordanti, il cui utilizzo dividerà anch'esso tra estimatori e denigratori (come me).
Volevo dare 3, ma l'interpretazione di Barry Keoghan da sola vale 1 punto.
Insomma, un classico film da festival! Chi ama il cinema più ortodosso ora è avvisato.

mrmassori  @  04/07/2018 09:08:50
   8 / 10
Bel film davvero. Assurdo, angosciante, glaciale e surreale. Lo stile del regista greco è ben definito e si vede: ogni inquadratura, in simbiosi con le musiche cucite ad hoc fanno entrare dentro un mondo perverso e pervaso di finte prerogative e banali perbenismi. Il film va visto ovviamente in chiave allegorica e metaforica altrimenti non ha senso e si non arriverebbe a coglierne il vero significato.

lucasssss  @  01/07/2018 10:46:36
   8 / 10
un gran bel film, un thriller psicologico che ti prende sin dall'inizio

ottima l'interpretazione della coppia Farrell/Kidman e grandiosa quella del ragazzo

una cosa per˛ mi ha lasciato perplesso e che mi ha fatto dare almeno un voto in meno, non vorrei aver capito male io, per cui chiedo se qualcuno pu˛ spiegarmi


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

2 risposte al commento
Ultima risposta 04/07/2018 13.25.24
Visualizza / Rispondi al commento
VincVega  @  15/06/2018 13:26:18
   7½ / 10
I film di Yorgos Lanthimos possono non piacere, ma personalmente apprezzo molto il suo stile freddo e distaccato. "The Klling of a Sacred Deer" non fa eccezione e già dai primi istanti si respira una bella tensione e mi ha coinvolto pressochè dall'inizio. Angosciante, psicologicamente pesante, metaforico, "The Killing of a Sacred Deer" è forse il film più commerciale di Lanthimos, anche se è molto lontano dagli standard hollywoodiani di pellicola mainstream. Il personaggio di Martin è il vero motore del film, in quanto non si capisce il reale influenzamento sulle azioni dei figli del dottore e non c'è nemmeno la sicurezza se Martin sia un personaggio umano o no. In questo, grande performance di Barry Keoghan, odioso quanto basta. Bravi anche Farrell e la Kidman. Ottima la colonna sonora, leggera e potente, molto incisiva.

albert74  @  24/03/2018 23:10:13
   7½ / 10
Una vita per una vita. Questo potrebbe essere il titolo di questa tragedia greca moderna che viene messa in scena nella pellicola da un regista capace di stupire e di mettere a nudo la tragicità della realtà, persino dove la realtà si sfuma nel grottesco, nell'horror, in una fantasia tetra.
La famiglia perfetta, il padre di famiglia, i figli e una grande colpa. Non aver salvato un uomo durante un'operazione in cui - egli, padre di famiglia e chirurgo - ebbro di alcool - commette un errore.
Quell'errore sarà fonte di vendetta da parte di un ragazzo che chiederà una vita in cambio.
La vita del figlio, per la vita del padre.
La tragedia è messa in atto in un crescendo di ansia, di disturbo in cui ci si trova immersi fin dalle prime asettiche e fredde inquadrature.
Molto studiate, a dire il vero, molto puntuali nel mettere in scena il dramma. Un dramma muto, crescente.
Non si tratta di un horror, né di un film meramente drammatico ma di un'ibrido tra farsesco e grottesco.
Molte le citazioni. forse non un film perfetto ma disturbante e che non lascia e non può lasciare indifferenti.
Il mito di Ifigonia è palese ma non è l'unico, mille rimandi e mille riflessioni sono d'obbligo.
Il film è lento ma scorre bene malgrado ciò perché pone interrogativi che lasciano desti.
Può piacere oppure no ed è giusto che sia così. A me è piaciuto, molto più di altri film di questo autore.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  18/02/2018 22:01:14
   7½ / 10
La famiglia perfetta non è immune da colpe e dovrà subire come le altre, perfette o meno, il suo contrappasso. Rimediare alle proprie colpe. Lanthimos è un regista che mi piace. E' freddo e glaciale ma altrettanto risoluto come il Martin del film, incarnazione di un fato irreversibile che una volta messo in moto deve esigere il proprio prezzo. Racconto mitologico, la tragedia greca che è nel dna del regista, trasportano il racconto in un contesto moderno dove la barbarie si può presentare sotto altri aspetti. Sulla figura del chirurgo sembrano essersi scatenate le Furie mitologiche. Il prezzo da pagare è semplice: una vita per una vita. Lanthimos demolisce colpo su colpo una figura sottilmente autoritaria sia nelle vesti di padre, di marito e professionali. La macchina da presa negli spazi ospedalieri lo segue quasi sempre dall'alto, come dall'alto è ripresa la sciagura che colpisce il figlio. Il fato agisce in maniera spietata ed altrettanto chirurgica, lasciando nella completa impotenza la famiglia perfetta. E' un film destinato a dividere perchè il regista greco non esistono mezze misure. E' un film spiazzante nella sua algida freddezza, disturbante anche nei momenti di apparente quiete.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  22/12/2017 10:15:51
   8 / 10
Famiglia agiata e imbrigliata in un tran tran senza scossoni, magari parecchio stramba (come solo Lanthimos riesce a descrivere) vive pacificamente la sua vita, mentre il padre intavola rapporti non meglio definiti con un sedicenne dall'aria un po' svagata. La prima parte del film è tutta basata sul rapporto ambiguo instauratosi tra il giovane protetto e il cupo Colin Farrell, il quale ben presto capirà che per lavarsi la coscienza non bastano pranzi o costosi orologi.
Vecchia storia quella dell' elemento estraneo capace, più o meno consapevolmente, di destabilizzare un nucleo in apparenza solido minato però da fondamenta marce. Ovviamente il banale da queste parte non esiste, si prendono strade da tragedia greca (e vorrei bene vedere vista la nazionalità del regista) e si spinge sulla crudeltà di storie figlie di tempi antichi e spietati.
Gesti estremi motivati dalla vendetta, messi in atto con iter in cui la spiegazione non è indispensabile; accadono perchè qualcuno dovrà essere punito e poco importa se al diretto responsabile è concessa la vita con la pena di vivere presumibili (ma non certi) sensi di colpa, in quella che diventa lettura del nostro tempo ove a pagare è spesso l'innocente.
Lanthimos scava nei rapporti famigliari trovando aridità e piccoli favoritismi: mette a nudo l'essenza dei protagonisti, sviscerandoli come nell'incipit dell'operazione cardiaca, ne coglie l'anaffettività di un modo basato sull'apparenza in cui il rimorso è anestetizzato. Resta il dubbio se questo esploda dopo il fantastico e crudele pre-finale alla Haneke, seguito da un conflitto di sguardi che sembra essere più accusa per l'irruzione illegittima che per ciò che essa ha compromesso.
"The killing of a sacred deer" mostra il lato oscuro dell'umanità tutta, a partire da un uomo dal passato morboso e dal presente apatico e da una donna (bravissima Kidman) generosa nel concedersi alla mdp ma glaciale nel ruolo di genitrice e amante. La visione d'insieme è depressa, spicca il disgusto per i personaggi nella messa alla gogna delle apparenze qui distrutte dall'assenza di certezze indispensabili all'uomo moderno, ulteriormente indebolite dall' individualismo cieco che in assenza di comunicazione e supporto reciproco attecchisce con facilità mostruosa.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

10 giorni senza mamma7 uomini a molloa spasso con willya un metro da teafter (2019)alexander mcqueen - il genio della modaalita - angelo della battagliaalpha - un'amicizia forte come la vitaamici come prima (2018)ancora auguri per la tua morte
 NEW
ancora un giornoanimasaquamanasterix e il segreto della pozione magicaattenti al gorilla
 NEW
avengers: endgamebe kind - un viaggio gentile all'interno della diversita'beautiful boy (2018)beautiful thingsben is backbene ma non benissimobentornato presidentebenvenuti a marwenbird box
 HOT
bohemian rhapsodybook club - tutto puo' succedereborder: creature di confineboy erased - vite cancellatebts world tour: love yourself in seoulbumblebeebutterfly (2019)cafarnaocalcutta - tutti in piedicapri-revolutioncaptain marvelcaptive statecartac'e' tempoc'era una volta il principe azzurrochi scriverÓ la nostra storia?city of liescocaine - la vera storia di white boy rickcold war (2018)compromessi sposiconversazioni atomichecopia originalecoppermancreed iicroce e delizia (2019)crucifixion - il male e' stato invocatocyrano, mon amourdafnedagli occhi dell'amoredetective per casodiabolik sono io
 NEW
dilili a parigidinosaurs (2018)dolceromadomani e' un altro giorno (2019)don't fuck in the woods 2dove bisogna staredragon ball super: brolydragon trainer: il mondo nascostodumbo (2019)ed e' subito seraescape room (2019)ex-otago - siamo come genovafratelli nemici - close enemiesgauguin a tahiti. il paradiso perdutoghostland - la casa delle bamboleglassgloria bellgo home - a casa lorogordon & paddy e il mistero delle nocciolegreen bookhellboy (2019)hepta. sette stadi d'amorehighwaymen - l'ultima imboscataholmes and watsoni bambini di rue saint-maur 209i nomi del signor sulcici villeggiantiil campione (2019)il carillonil castello di vetroil coraggio della verita (2018)
 HOT
il corriere - the muleil destino degli uominiil gioco delle coppieil grinch (2018)il mio capolavoroil museo del prado. la corte delle meraviglieil primo reil professore cambia scuolail professore e il pazzoil ragazzo che diventera' reil ritorno di mary poppinsil testimone invisibileil vegetarianoil venerabile w.il viaggio di yaoinstant familykarenina & ikurskkusama: infinityla befana vien di notte
 NEW
la caduta dell'impero americano
 HOT
la casa di jackla conseguenzala donna elettricala douleurla favoritala fuga - girl in flightla llorona: le lacrime del malela mia seconda volta
 R
la notte dei 12 annila notte e' piccola per noi - director's cutla paranza dei bambinila prima pietrala promessa dell'albala vita in un attimol'agenzia dei bugiardilake placid: legacylandle invisibilil'educazione di reyl'eroel'esorcismo di hannah graceliberolikemebackl'ingrediente segretolo sguardo di orson welleslo spietatolontano da quil'uomo che compro' la lunal'uomo che rubo' banksyl'uomo dal cuore di ferrol'uomo fedelem.i.a. - la cattiva ragazza della musicama cosa ci dice il cervellomacchine mortalimaria regina di scoziamathera - l'ascolto dei sassimia e il leone biancomodalita' aereomomenti di trascurabile felicita'my hero academia the movie: the two heroesnelle tue mani (2018)nessun uomo e' un'isolanightmare cinemanoinon ci resta che il criminenon ci resta che vincerenon sposate le mie figlie 2ognuno ha diritto ad amare - touch me notoro verde - c'era una volta in colombiaovunque proteggimiparlami di tepeppermint - l'angelo della vendettapet sematarypeterloopiercingquello che i social non dicono - the cleanersquello che veramente importarabidralph spacca internetrapiscimiremirex - un cucciolo a palazzoricomincio da me (2019)ricordi?ride (2018)roma (2018)santiago, italiasara e marti - il film
 NEW
sarah & saleem - la' dove nulla e' possibilescappo a casase la strada potesse parlarese son roseshazam!sofiaspider-man: un nuovo universosulle sue spalle
 HOT
suspiria (2018)the barge peoplethe final wishthe front runner - il vizio del poterethe haunting of sharon tatethe lego movie 2: una nuova avventurathe old man & the gunthe prodigy - il figlio del malethe vanishing - il mistero del farothe young cannibalstintoretto. un ribelle a veneziatorna a casa, jimi!tramonto (2018)tre voltitriple frontiertutte le mie nottitutto liscioun giorno all'improvvisoun piccolo favoreun uomo tranquillo (2019)un valzer fra gli scaffaliun viaggio a quattro zampeun viaggio indimenticabileuna giusta causa
 NEW
un'altra vita - mugun'avventuravan gogh - sulla soglia dell'eternita'velvet buzzsawvice - l'uomo nell'ombravoglio mangiare il tuo pancreaswestwood. punk, icona, attivistawonder parkwunderkammer - le stanze della meraviglia

987086 commenti su 41136 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net