l'enfant - una storia d'amore regia di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne Belgio, Francia 2004
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

l'enfant - una storia d'amore (2004)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film L'ENFANT - UNA STORIA D'AMORE

Titolo Originale: L'ENFANT

RegiaJean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne

InterpretiJérémie Renier, Déborah Francois, Jérémie Segard, Fabrizio Rongione, Olivier Gourmet

Durata: h 1.35
NazionalitàBelgio, Francia 2004
Generedrammatico
Al cinema nel Dicembre 2005

•  Altri film di Jean-Pierre Dardenne
•  Altri film di Luc Dardenne

Trama del film L'enfant - una storia d'amore

Bruno, vent'anni. Sonia, diciotto. Vivono nella precarietà, con la rendita di un appartamentino di Sonia e i proventi dei furti commessi da Bruno e dalla sua banda. Sonia ha appena partorito Jimmy, il loro bambino. Come farà Bruno a diventare un padre presente e affidabile? Lui, così freddo e superficiale, che pensa solo agli introiti dei suoi loschi traffici?

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,62 / 10 (39 voti)7,62Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su L'enfant - una storia d'amore, 39 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

freddy71  @  24/08/2018 12:20:22
   7 / 10
altro film dei fratelli Dardenne che mi lascia piacevolmente sorpreso.....sempre questo stile minimalista senza fronzoli...diretto....bravi

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  14/04/2015 18:56:06
   7 / 10
Il proletariato, per definizione, non possiede che la propria prole, ecco che Bruno, il protagonista, vende il figlio per procurarsi di che (soprav)vivere.
Un film intenso, girato con maestria dai fratelli Dardenne.

Paolo70  @  13/04/2015 23:17:20
   7 / 10
Film drammatico sulla vicenda che ha per protagonista una giovane coppia che hanno avuto un piccolo. Lui scapestrato vive di piccoli furti e in seguito per fare dei soldi arriverà ad un gesto estremo. Storia realistica da vedere.

1 risposta al commento
Ultima risposta 13/04/2015 23.23.42
Visualizza / Rispondi al commento
Giovans91  @  07/04/2015 12:54:09
   8 / 10
'L'enfant' di Jean-Pierre e Luc Dardenne, premiato con la Palma d'oro al 58º Festival di Cannes.
Il film dei Dardenne è straordinario per come obbliga lo spettatore a provare simpatia (in senso etimologico) per il protagonista, Bruno, vero centro del film.
Niente musica, niente spiegazioni, soltanto il peso di una carrozzina spinta per le strade di una città troppo grigia. La problematica accettazione dell'altro nella propria vita.
I fratelli Dardenne ritornano a raccontare la paternità come superamento del dolore e redenzione nel perdono: : c'è chi parla di Neorealismo.

Lory_noir  @  15/06/2013 15:01:05
   7 / 10
L'enfant è principalmente la storia di Bruno, ventenne che patologicamente non riesce a fare altro che estorcere qualcosa alle situazioni in cui si trova.

(Potrebbero esserci spoiler)

Sin dal primo fotogramma si vedere come i Dardenne vogliano dare un'impronta di realtà alla vicenda, annullando il punto di vista registico e lasciando che la macchina da presa pedini i personaggi, li segua nelle loro vicende.
Bruno è un ragazzo indifferente nei confronti di tutto, anche nei confronti della sua ragazza e del loro figlio. La sua attenzione si accende solo quando pensa di poter ricavare qualcosa dalla situazione.
La relazione tra Bruno e Sonia è prettamente adolescenziale, ce lo dicono i loro continui bisticci scherzosi e il fatto che il loro amore ancora non lascia spazio al prendersi cura l'uno dell'altro, almeno per quanto riguarda Bruno.
Sonia sembra sopportare stoicamente, a volte quasi divertita l'indifferenza del compagno, anche nei confronti del figlio. Ma viene strappata a questa immatura spensieratezza quando si trova davanti la possibilità concreta di perdere il suo bambino. In quel momento è come se il ruolo di madre le facesse crescere le unghia per difendere suo figlio da questo eterno gioco che sembra mettere in pratica Bruno servendosi di tutto quello che gli capita sotto mano senza pensarci due volte.
Emblematico è anche il breve dialogo tra Bruno e sua madre, che sembra trattare il figlio con la medesima sufficienza con cui il figlio tratta il resto del mondo.
Alla fine però anche lui trova redenzione superando l'ulteriore limite e attraverso il pentimento e il pianto scavalca il muro dell'egoismo per approdare ad una nuova, matura consapevolezza.
Il film sicuramente ha una sua poetica ben precisa, quella del neorealismo, e richiama altri registi di tale filone, come Truffaut. Personalmente non amo alla follia questo modo di raccontare, così inscindibilmente legato alla realtà, ma ovviamente questo film è fatto bene e rimanda a messaggi molto importanti.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  25/10/2011 00:10:43
   7½ / 10
Primo film dei fratelli Dardenne che mi capita di vedere e penso che non sara' l'ultimo...
Un film "neorealista" dove viene raccontata la storia di due neo-genitori che vivranno in maniera molto diversa la nascita del figlio...
Il personaggio di Bruno è quanto di piu' terribile puo' creare la societa',una marionetta senza un anima capace di seguire solo le strade che portano al denaro facile e immediato...il lavoro vero è per "sfigati"!
Il suo gesto non è estremo,perche viene fatto con una naturalezza incredibile come se fosse una cosa normale tanto "possiamo fare un altro figlio"!
Gran bel film di disperazione...

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR pier91  @  22/07/2011 01:13:18
   8 / 10
(Possibili anticipazioni)
A chi si riferisce il titolo? La risposta è meno ovvia di quanto si pensi. Non sono forse enfants anche i genitori del piccolo Jimmy? Così belli, incoscienti, giocosi. Tuttavia la madre ha acquisito, anche attraverso il fardello fisico della gravidanza, una solida consapevolezza della genitorialità. Il padre al contrario è assolutamente avulso dal nuovo ruolo, non mostra gioia né risentimento per il "lieto" evento. "Lavorare è da co*lioni" afferma, quindi ruba e vive alla giornata. Non agisce però con cattiveria o ignobile premeditazione, nemmeno quando vende il proprio figlio. "Possiamo farne un altro" si giustifica con sconcertante non curanza. Messo alle strette riporta il bambino alla compagna, ma si tratta dell'ennesima azione antalgica, sintomatica del desiderio infantile che tutto torni a posto senza troppi scogli. Pretesa questa che verrà ampiamente disillusa. Sarà un altro gesto, quasi una timida manifestazione di paternità, a riscattare il personaggio di Bruno. Dopo un furto rocambolesco si consegnerà alla polizia scagionando il giovanissimo complice, nel quale è facile intravedere una personificazione del suo passato. Solo così otterrà il perdono di Sonia e, in un certo senso, dello spettatore. Ciò non di meno il finale è tutt'altro che risolutivo. La riabilitazione è fi fatto un miraggio per chi, come Bruno, è da sempre un vagabondo della vita, condannato all'inettitudine da una totale mancanza di radici.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  03/03/2011 11:56:05
   7½ / 10
Film di forte impatto emotivo e visivo, a partire dal cielo grigio e dalle atmosfere plumbee che accompagnano l'intera visione.
Una storia drammatica quella di Sonia e Bruno, due ragazzi molto giovani che hanno appena avuto un bambino di nome Jimmy.
Bruno è sicuramente il fulcro di questo film, la sua immaturità e la sua superficialità sono le caraterristiche che portano avanti una storia drammatica, difficile da commentare.
I Dardenne untilizzano dialoghi ridotti all'osso e luci naturali per la descrizione di questa storia che non può far altro che fare riflettere lo spettatore.

JOKER1926  @  05/02/2011 17:02:09
   6½ / 10
Ne "L'enfant, una storia d'amore" traspare palesemente un senso nitido e netto di angoscia e tremore, protagonisti della storia un ragazzo e una ragazza proiettati violentemente nella vita dei "grandi", le loro dinamiche però si ancorano nelle stazioni della mediocrità, la sopravvivenza avviene solo attraverso furti e furberie del genere che poi determinano amare conseguenze.
"L'enfant" non è un film urlato e "melodizzato", il silenzio presente nella pellicola dei fratelli Dardenne fa da palco imperioso ai vari momenti della vita di una coppia immatura e insicura.

Sul piano tecnico il film è talmente povero da sembrare crudo ma specialmente reale, il contenuto c'è, la sceneggiatura, la storia in toto è idealizzata per colpire lo spettatore.
Gli attori in ottimo stato riescono, senza dubbio alcuno, nella finalizzazione della drammatizzazione. Il film cerca di offrire la sua morale o perlomeno mette in campo un realismo mai enfatizzato ma cruente dall'inizio alla fine. Brava la regia ad evidenziare e a forzare su alcuni episodi ove emerge la superficialità e l'irresponsabilità giovanile; in linea sommaria lo spettatore è coinvolto.
L'unica nota stonata forse il finale che non vede, in effetti, una chiusura completa, ovvero un epilogo "cinematografico", ma è forse questa la forza della pellicola, lo scopo è quello di donare sensi di desolazione e di disagio altamente irrisolvibili.

TheLegend  @  29/11/2010 19:42:49
   7½ / 10
Una storia semplice,reale,che viene raccontata con sincerità.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR oh dae-soo  @  08/11/2010 11:45:58
   7½ / 10
ATTENZIONE. Il commento potrebbe contenere anticipazioni.

Amo moltissimo questo tipo di cinema, il cinema semplice delle piccole storie, il cinema che racconta, il cinema che si attacca alla realtà. Piccole e semplici storie, ma la semplicità sta solo negli accadimenti, nel plot, nella regia, non certo nelle tematiche che al contrario, nella maggior parte dei casi, sono più grandi e importanti più piccolo è il film. Questo è il mio primo Dardenne malgrado da anni avessi voluto vedere un'opera dei fratelli belgi.
L'Enfant racconta la storia di una giovane coppia a cui è appena nato un bambino. Lei cerca in qualche modo di fare la madre, lui se ne frega e continua la sua vita di furtarelli e precarietà.
Una regia sempre addosso ai protagonisti, praticamente "immune"da piani lunghi e medi, la telecamera a mano, l'assenza di musiche se non diegetiche, la recitazione molto naturale, danno a L'Enfant un grande senso di realismo anche se il coinvolgimento emotivo dello spettatore non è mai troppo.
Il film racconta sì di una certa deriva giovanile, di un degrado sia morale che di vita, ma a mio parere si sofferma di più sulla figura di Bruno, un Idiota che a differenza del personaggio dostoevskiano riversa la sua ingenuità d'animo non nel bene altrui ma, al contrario, nel vizio. A questo proposito facile notare come L'Enfant del titolo più che al neonato possa essere essere riferito a lui. Non è un ragazzo cattivo, non è un criminale che ha l'intelligenza di pianificare le proprie malefatte o di nascondersi, è semplicemente un ragazzo completamente immaturo che, vuoi per una certa stupidità, vuoi per una questione di comodo, non si è mai interessato a quali possano essere i valori veri della vita. Il continuo giocare con la sua ragazza, la scelta in 5 minuti di vendere il figlio, la naturalezza con la quale lo comunica a Sonia, la richiesta di prestargli il cellulare in un momento di crisi incredibile (scena quasi surreale), il modo in cui la gente lo frega, il dire sempre la verità (ad esempio ai complici, semplici ragazzini, comunica sempre il reale importo dei furti quando potrebbe benissimo mentire) sono tutti elementi che fanno di Bruno semplicemente un bambino nel corpo di un ragazzo. Il film racconta quello che forse è un cambiamento radicale che in 2 giorni colpisce il ragazzo. La scelta di andare al commissariato (successiva alla scena del rischio congelamento del suo complice, forse vero turning point nella testa del ragazzo) è il primo atto responsabile che compie Bruno, forse il primo nella sua intera vita. Anche qui la scena può essere letta con il metro dell'idiozia di Bruno che probabilmente si consegna alla polizia senza neanche rendersene conto, ma io credo che invece sia il primo accenno di quello che la bellissima scena del pianto finale confemerà: Bruno è cambiato, sta diventando un uomo. Interessante notare come soltanto in carcere per la prima volta Bruno non indossi più la sua t-shirt verde e il suo cappottino come se i Dardenne ci volessero mostrare anche soltanto visivamente l'avvenuto cambiamento.
Il sottotitolo italiano, "Una storia d'amore" è di una gratuità enorme. Niente appare come Amore nel rapporto della giovane coppia, qualsiasi scelta o comportamento dell'uno o dell'altro (specialmente quelle di Bruno) può esser compatibile con tale sentimento. Forse l'amore tra i 2 ragazzi nasce soltanto nell'ultima scena perchè soltanto in quella c'è qualcosa che emerge e si scosta dalla banalità, dall'immaturità, dalla consuetudine, un qualcosa di più di tutto quello che avevano vissuto finora. Un qualcosa. L'amore. Appunto.

Crimson  @  10/05/2010 23:23:41
   9 / 10
Sonia ha il suo neonato in braccio, vorrebbe rientrare nel suo appartamento ma lo trova affittato per alcuni giorni a sconosciuti: questa prima sequenza inquietante ci immerge nell'ennesimo viaggio dei Dardenne nell'emarginazione. Chi ha affittato l'appartamento non è altri che Bruno, padre del bambino (chiamato Jimmy...e siamo in Belgio). Bruno nella vita fa il ladro e il ricettatore. Male. Perchè come ladro deve ricorrere alla collaborazione di due ragazzini. Come ricettatore ogni qualvolta rivende la refurtiva viene puntualmente fregato. Forse è troppo buono o stupido. Forse non ha gli strumenti per formare un senso di responsabilità.
Ad ogni modo Sonia perdona il gesto e seppur malvolentieri passa la notte in un dormitorio con il bambino. La base del perdono è l'amore che prova per Bruno. Sono molte le sequenze iniziali in cui i due giocano a rincorrersi e a scherzare come bambini. Perchè in fondo questo sono. Ma Bruno è un padre che non sa assolutamente assolvere ai suoi doveri: la nascita di un figlio non ha minimamente intaccato il suo senso di responsabilità e non lo ha invogliato a provare a fare qualcosa per uscire dal proprio tunnel. Il suo proposito resta quello di far soldi a tutti i costi, arrivando a svendere persino i propri vestiti (in una scena rivenderà per un euro una giacca!). I soldi vengono reinvestiti per cose di poco conto e questa è la base per un meccanismo vizioso da cui non riesce ad uscire. La scossa della paternità non produce l'effetto sperato, anzi il suo esatto opposto: per Bruno è l'occasione per rivendere il bambino (per 5000 euro). La logica è quella del "Tanto poi ne facciamo un altro". E' questo il momento-chiave del film, quello che colpisce più a fondo. Ci vanno giù duro i Dardenne, osano superare i limiti di accusa/comprensione e anche della compassione. Bruno genera i più svariati sentimenti: produce la giustificata rabbia di Sonia verso cui prova un affetto sincero. Recupera il bambino ma entra nella morsa degli strozzini. A questo punto quale riscatto ci aspettiamo? Questo è il punto fondamentale del film, in italiano sottotitolato "una storia d'amore". Dopo la visione è lecito pensare che tutto sommato quel sottotitolo non stoni. Ancora una storia di perdono, riscatto, e umanità nella disumanità. Ancora un mondo nascosto in cui vigono altre leggi morali. La società "al di qua" della linea lascia che si creino queste disparità e poi pretende di attuare la propria legge. Noi non possiamo pretendere che Bruno si responsabilizzi se non gli diamo gli strumenti, se lo lasciamo solo. Perchè ancora una volta, come ad esempio in 'Rosetta', è la solitudine dell'emarginazione ad essere messa in primo piano. I Dardenne descrivono questo divario forse incolmabile. Palma d'oro legittima.

Clint Eastwood  @  09/03/2010 19:02:52
   8 / 10
La filosofia di vita di Bruno ... è che tutto ha un prezzo, persino il suo bambino di sette giorni, un ragazzo immaturo, uno che vive alla giornata fino a quando dovrà rispondere per le sue azioni infantili che non vedono oltre il bene materiale.
L'Enfant appunto il bambino che c'è dentro Bruno nel suo modo di fare, ragionare e gestire le cose. L'Enfant è un film realista, senza fronzoli, un racconto che mette i brividi, assenza totale della colonna sonora dona quel pizzico di originalità e realtà in più alla pellicola, sembra che vanno di moda questi generi a Cannes. Il finale positivo è fatto per dare al protagonista una seconda chance per ricominciare, la speranza. Bello.

paride_86  @  14/06/2009 17:34:58
   7½ / 10
Bruno è uno sbandato immaturo, un "enfant", come suggerisce il titolo. Insieme alla sua ragazza vive di espedienti ai margini della società. La nascita del figlio porterà molti cambiamenti e lo condurrà verso un'assunzione di responsabilità (almeno così sembra suggerire il finale).
Lo stile dei fratelli Dardenne è come al solito spiazzante: alla drammaticità dei contenuti corrisponde una forma tanto asciutta quanto realistica.
"L'enfant" è un film verista, proprio come "Rosetta" e "Il Figlio", ed è stato premiato a Cannes, che da un po' di tempo sembra preferire questo modo di fare cinema. Io ci tengo a rimarcare il fatto che il cinema è anche magia, perciò l'assenza di musiche, di stratagemmi narrativi e registici mi fa sempre un po' effetto.
Per quanto riguarda il resto non si può negare che questo sia davvero un buon film, forse il migliore dei fratelli Dardenne.

Ciaby  @  24/05/2009 15:24:42
   8 / 10
Struggente melodramma belga, che ricorda la valenza essenziale del dogma 95 di von trieriana memoria.
Inquadrature di una bellezza disarmante, due ottimi attori protagonisti e una vicenda, semplice, ma cruda e diretta come un pugno allo stomaco.

Finale positivo, ma non per questo ottimista.

antonioba  @  21/04/2008 07:59:45
   8 / 10
Perfetto ritratto umano di storie urbane, di adolescenti sempre più in difficoltà riesce a combinare egregiamente miseria disperazione e ottimismo nel pianto finale

sonhador  @  14/10/2007 16:46:22
   7½ / 10
film molto semplice ma davvero sconvolgente..una toccante parabola sulla povertà e sulle difficoltà dei giovani ai margini della società.

piernelweb  @  13/02/2007 23:40:32
   7½ / 10
Ottimo film europeo targato Dardenne, intimista e disilluso. Nello squallore della periferia di Bruxelles, quasi nascosto ma ben percepibile, si consuma ,in un flusso di eventi di automatica sopravivenza, un dramma di abbandono e solitudine. La macchina da presa incollata quasi fobicamente ai due protagonisti nega qualsiasi fuoricampo o allegerimento dalla narrazione, trascinando lo spettatore nella gelida e alienante follia del giovane Bruno. Efficace e privo di inutili moralismi il finale; meritatissima la palma d'oro a Cannes.

norah  @  03/01/2007 19:00:07
   5½ / 10
Boh,francamente l'ho trovato noiosetto e ripetitivo.
Ad influire sulla valutazione partecipa anche anche un tema già ampiamente sfruttato :quello dei due giovani innamorati ai margini della realtà.

QuentinTi  @  05/07/2006 22:49:28
   6 / 10
La storia non è male ma il finale delude molto lasciandoci pieni di domade e a bocca asciutta.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  18/05/2006 10:21:46
   8 / 10
Palma d'oro all'ultimo Festival di Cannes, "L'enfant" è un film di grande impatto,ambientato in una non meglio precisata cittadina belga dove il cielo è perennemente plumbeo,racconta la storia d'amore di due ragazzi,che sopravvivono di espedienti nonostante la nascita di un figlio.
L'opera dei Dardenne è come al solito basata sulla denuncia sociale,i fratelli belgi pero' si limitano a mostrare e non giudicano mai,anche quando Bruno(il protagonista)si macchia di un gesto veramente terribile,che comunque lo portera' a diventare da ragazzino senza morale in un uomo finalmente capace di addossarsi le proprie responsabilita'.
"L'enfant" è un film di chiara ispirazione dogmatica,inesistente la colonna sonora,dialoghi ridotti al minimo indispensabile,location di difficile individuazione, con la telecamera "costretta" a marcare perennemente i volti dei protagonisti e lasciando sempre sullo sfondo gli ambienti.
Un film molto bello che mostra come si possa fare un cinema "intenso" anche con una storia semplice e priva di inutili fronzoli.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Requiem  @  16/04/2006 18:03:52
   9 / 10
Uno stile quasi documentaristico per il racconto di un pezzo di vita di due giovani, ai margini della società.
Si tratta di un film crudo, essenziale in tutto, che lascia da parte ogni retorica, per fare dell'asciuttezza la sua principale forza.

I Dardenne hanno visto ovviamente Truffaut, non usano colonna sonora, non fanno moralismi e non vogliono affibiare a nessuno le colpe di una società alla deriva in cui non esistono valori, ma solo mercificazione e denaro.
Tantissime sono le analogie con alcuni registi orientali, Tsai Ming Liang sopratutto.

Meritata la palma d'oro.

Invia una mail all'autore del commento patty  @  28/03/2006 16:29:50
   6 / 10
Trama intrigante e originale, come l'inizio del film d'altronde. La coppia che funziona grazie ai contributi sociali di lei e ai furtarelli di lui é decisamente fuori dagli schemi e ha un certo fascino....questo però non basta a colmare le lacune del film, che diventa presto prolisso (si può dire di un film?). Insomma: bello lo spunto, ma mal sviluppato! Trovo molto buone le interpretazioni degli attori, estremamente naturali in un ruolo non così semplice e una buona scelta dei paesaggi, giustamente freddi ed espressivi. Oltre all'asciuttezza del film in generale, che mira all'essenziale senza la minima ricerca del bello che appare (anche solo che sia questo il suono di una piacevole melodia, il film infatti é assolutamente privo di ogni rumore che possa essere definito propriamente "colonna sonora"). Non ho visto gli altri film candidati alla Palma d'oro ma forse il premio a Cannes é stato un pò eccessivo, io sono andata a vederlo principalmente per questo, lo ammetto, pensando di assaporare un film che ben valesse il mio tempo e il mio denaro...non dico di non averli ben spesi, ma devo ammettere che mi aspettavo di più.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  14/02/2006 22:52:59
   7½ / 10
Commentare un film puo' essere un'esperienza frustante. Non è mai facile trovare le motivazioni, esprimere la sensazione che ci porta ad affrontare una nostra personale verità.
Certo che l'ossessione è sempre lontana dai Dardenne e dal loro modo di fare cinema: esigere la "spontaneità" riduce il cinema a catturare il minimalismo quotidiano senza essere mai artificioso, omettendo totalmente il rischio di retorica. Che io sappia, c'è un solo autore in grado di fare questo,l'orientale Hsiao Hsien.
Il cinema dei Dardenne cattura lo sguardo senza per questo soffermarsi sul simbolismo e sulla comunicazione/assenza spirituale come nel caso di Kieslowsky che almeno nella trilogia "tre colori" andrebbe quantomeno ridimensionato.
Non a caso l'epilogo di questa forma di cinema si trova nel loro film piu' di maniera, dove è fin troppo prevedibile per lo spettatore comprendere come si evolverà la coscienza di Bruno. Se il meccanismo di cinema Puro (depurato delle sue soluzioni ideologiche, persino troppo Laico a volte) ha prodotto finora magnifici schemi, stavolta è come se l'attitudine dei fratelli belgi giri un po' su se stessa.
Nello stesso acclamato "Rosetta" la protagonista si rivolgeva agli spettatori indicando la sua brutale condizione di vita: non ispirava alcuna simpatia, ma non aveva alcuna intenzione di risultare gradevole.
Nel medesimo contesto "L'enfant" sembra interrogare lo spettatore credendosi incautamente stimolato a venir messo da parte.
All'inizio noi vediamo due giovani ridere e scherzare, rafforzando quel senso di gioventù spensierata che prevarica sulla situazione sociale e sulle difficoltà, e la memoria va a un vecchio film di Bergman, "Monica e il desiderio", all'espressione di una serenità che verrà presto logorata dal riflesso della dura realtà.
E' chiaro che l'enfant sia una logica prosecuzione dei temi de "le fils", il capolavoro assoluto dei Dardenne, dove la cognizione del dolore, per dirla alla Gadda, arriva a liberarsi dei rancori e ad accettare la ferita come summa di continuità affettiva e sopravvivenza.
Non è facile, del resto, avvicinarsi a Bruno senza trovare comuni pretesti di giudizio e condanna: prima di tutto, vive quasi anarchicamente un contesto dove le difficoltà sociali il furto e la paternità possono trovare una soluzione ben diversa... poi arriva a vendere quel figlio che frutta denaro e disprezzo per le coercizione affettive... ma deve fare spesso i conti con una realtà che in fondo lo riguarda, perchè egli viene punito proprio dagli stessi errori che commette.
E' quando si trova a dover rivedere la sua vita di sfruttatore (complice dei suoi furti, un dodicenne) che il protagonista agisce ritrovando lo scopo affettivo della sua esistenza (non necessariamente paterno, ma almeno fraterno)
Non sventagliate ai quattro venti il vostro moralismo, pensate con la vostra testa e cercate di comprendere quali ragioni possono aver influenzato le scelte di un uomo: l'uomo in sè è una strana creatura, e non dal senso del peccato, ma dalla paura di assenza/perdita puo' ritrovare il giusto valore delle cose. Non c'è bisogno del senso del peccato del cattolicesimo per questo: infatti nel cinema dei Dardenne non ve n'è traccia, perchè la coscienza è libera, e sa di potersi esprimere efficacemente anche senza il timore di Dio.
L'enfant è un'altro film sulla fatica umana, Bruno trascina improbabili carrozzine vuote (il senso del rifiuto paterno è ancora una volta metaforico piu' che simbolico) e motorini, portando con sè tutto il confronto individuale con la propria perdita di giudizio.
Lo stesso bisogno di recuperare una paternità diventa tangibile tanto piu' che, attenzione, nei primi fotogrammi e anche oltre noi quasi nulla sappiamo dell'esistenza del bambino (non ne vediamo nemmeno il volto,).
Troviamo percio' un film che gira su se stesso, certo con indubbia abilità, portando le emozioni a un livello di saturazione mai atte a integrarsi con la vicenda: sembrano compresse e, per quanto forti, assumono l'effetto di un colpo di tosse trattenuto dalla saliva.
In un certo senso Bruno è quasi il "bambino ritrovato" de le fils, colui che disconosce la dimensione paterna e si trova a ritrovarla nel momento in cui la sua vita non ha piu' ragione di esistere.

claudihollywood  @  29/01/2006 17:25:18
   6 / 10
Francamente noiosissimo! Magari impegnato, ma tedioso proprio.

serenella  @  23/01/2006 20:21:46
   8 / 10
in alcuni punti è un po' lento, ma lenta è anche la vita... una bella indagine per nulla retorica su gli strati sociali più degradati e disperati della società francese. La vicenda si snoda serrata proponendo un doppio viaggio, un duplice percorso razionale ed emotivo. Da un lato è una indagine rigorosa e attenta sulla vita negli strati più umili e degradati della società francese, senza incedere in patetismi od eccessi: girato come un documentario, reso più credibile dalla mancanza assoluta di una colonna sonora, ha il ritmo serrato del reportage giornalistico, ma la delicatezza di tocco tipica del cinema francese. L'occhio spietato dei registi non interpreta, non giudica, non commenta: semplicemente, espone. Dall'altro lato c'è il lento e tormentato percorso di crescita di Bruno: l'itinerario di una coscienza, di una consapevolezza, di una identità. Perché non basta tenere in braccio un bambino per essere un padre. Non basta sentirsi ricordare le proprie responsabilità per avvertirne realmente il peso e la necessità.
Ma l'indagine sociale e l'itinerario di crescita interiore di Bruno non sono due percorsi separati, al contrario. Le sue azioni deplorevoli e incoscienti, la mancanza assoluta di consapevolezza delle sue responsabilità sono la conseguenza di un ambiente sociale e culturale degradato, sostanzialmente abbandonato a se stesso: una società parallela, per cui non valgono né le regole né il buon senso della cultura borghese. Compito dello spettatore è quindi liberarsi per un attimo dei propri parametri, delle certezze, ma anche dei pregiudizi, per capire le motivazioni profonde di quanto vediamo accadere. E allora si può percepire chiaramente che i suoi gesti non sono spinti da crudeltà, cattiveria o malafede. Quello che manca a Bruno non è tanto il riuscire a distinguere il bene dal male, le cose giuste da quelle sbagliate, ma la capacità di comprendere che ogni gesto, ogni parola, ogni sguardo hanno un peso, delle conseguenze sugli altri. È questo il passaggio, traumatico quanto indispensabile, che deve compiere per poter crescere. E diventare padre.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

5 risposte al commento
Ultima risposta 28/01/2006 10.32.42
Visualizza / Rispondi al commento
andreapau  @  23/01/2006 11:30:41
   5½ / 10
questo film vivacchia su un neorealismo superficiale e manieroso. Molto ben descritto il substrato inculturale di provenienza dei protagonisti, e la loro assoluta solitudine e abbandono e la mancanza totale di un barlume di valore. Una caminata sul bordo degli inferi con una caduta nel girone dei degenerati, dal quale non si riesce ad emergere. Tutto ben descritto, ma rovinato dal finale tronco, quasi fosse finita la pellicola. Da non rivedere certamente. E da non premiare in alcun modo. Continuiamo a farci del male, visto che ci piace tanto, ma non lamentiamoci se ci dicono che siamo noiosi

19 risposte al commento
Ultima risposta 12/02/2006 12.15.44
Visualizza / Rispondi al commento
Delfina  @  19/01/2006 11:41:12
   9 / 10
Un inno alla libertà, alla giovinezza, all'irresponsabilità.
Periferie povere del Belgio, argini, fiumi, verde, capannoni industriali, ragazzi e bambini 14 ennni, ladri e ladruncoli, e i ladri "grandi", gli adulti con i loro business legali o illegali, come quello dell'adozione.
Ma anche, alla fine, un inno addolorato e doloroso alla necessità del riconoscimento della responsabilità, alla durezza inidicibile della vita "normale".

Una via di mezzo tra Pasolini, Vigo e il Truffaut dei 400 colpi.

Straordinaria la scena della fuga in motorino con il vento tra i capelli biondi del protagonista maschile, che è, lui, per davvero "l'enfant" del film. Una delle scene più belle vistenei film degli ultimi anni.

19 risposte al commento
Ultima risposta 27/01/2006 19.57.06
Visualizza / Rispondi al commento
Giulio R C  @  14/01/2006 19:44:31
   8 / 10
Un film che senza cambiare scenari narra la realtà così com'è. Profondo

Beefheart  @  10/01/2006 19:03:38
   7½ / 10
Bel film, molto semplice, diretto, essenziale. Il tema trattato (il disagio giovanile negli strati più bassi del tessuto sociale francese odierno) lo rende un attimo "fastidioso" ma senza esagerare in scene truci o strappalacrime. Al contrario, il tutto rimane sempre incanalato lungo un efficace binario di concreto realismo che conduce ad un finale tanto verosimile quanto inevitabile. Buono.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR echec_fou  @  10/01/2006 05:14:40
   9½ / 10
Non avevo mai visto un film dei Dardenne, neanche sapevo chi fossero.
Passeggiavo per Firenze e, ritrovandomi per caso di fronte all'entrata di un cinema, ho visto la locandina del loro ultimo film. L'enfant, una storia d'amore, leggevo. Poi lo sguardo sull'abbraccio, lei non mi sembrava per niente il mio tipo, lui a pelle un pò antipatico. Ma poi lo stemma, sicuro, centrale, che informava Palma d'Oro a Cannes. C'era chi mi diceva, col semplicismo che caratterizza i commenti gratuiti, I film dei Dardenne son tutti uguali. Così, il giorno dopo, entrai, mai fidarsi dei commenti gratuiti, e poi ha vinto a Cannes.
Ho visto un film stupendo, mi ha stravolto.
Poi ho letto la recensione di Gerardo e , non me ne voglia, mi son reso conto d'aver visto un film completamente diverso, vi scriverò per cui del film che ho visto io.
Il film inizia e le telecamere seguono, in quello stile che poi mi si dirà caratteristico dei registi, la storia e le vite di due ragazzi, non sappiamo nulla di loro, solo che hanno un bimbo, l'enfant, nato da pochi giorni. Subito dopo si viene a sapere i loro nomi, Bruno e Sonia, il loro è un amore fatto di poche parole, non se ne sa molto di più. Li continuiamo a seguire, ci fanno strada come per presentarci la loro casa e parlarci di come vivono. Nel primo caso si tratta di una periferia indeterminata, quasi metafisica, nel secondo, si tratta di una delinquenza fatta soprattutto di furti e ricettazione. La nostra morale ha un piccolo sussulto. Vediamo come Bruno si dia da fare, se il suo fosse un mestiere si potrebbe anche aggiungere con impegno, dividendosi tra l'organizzazione dei propri malaffari e, all'occorrenza, anche l'elemosina.
Capiamo anche che il suo è un vero e proprio stile di vita, parleremmo di filosofia se il termine non fosse troppo rigoroso, non cerca una sistemazione stabile Bruno, non è una formica, il suo è un eterno girovagare tra sobborghi e spese superflue, lui è una cicala. La nostra morale subisce un altro lieve colpetto. Oscar Wilde scrisse che non c'è nulla di più necessario del superfluo, ma la nostra morale lo ignora. Bruno ha un figlio, dovrebbe preoccuparsi di crescerlo, perché non lo fa, è questo che ci domandiamo.
Vediamo che la sua istintività lo porta a spendere 200 euro per il noleggio di una limousine, 250 euro per una giacca uguale alla sua per Sonia, ad affittare, forse per qualche altro centinaio d'euro il suo appartamento, insomma è una continua compravendita. C'è un prezzo per tutto, finisce per vendere, per caso e con agghiacciante naturalezza, anche suo figlio, 5000 euro è la somma che una famiglia benestante è disposta a pagare per averne uno. Non ci importa nulla che Bruno si sia voluto assicurare che la famiglia acquirente sia benestante, è un particolare irrilevante, è questo il momento in cui la nostra morale esplode, con impeto violento, inferocito dalla visione del dolore e della disperazione di una mamma, Sonia.
In seguito, c'è chi penserebbe che il motore della sua azione sia il senso di colpa per il gesto riprovevole, chi la paura per le conseguenze legali, chi ancora il bene per Sonia, Bruno non esita ad andar a riprendersi il figlio. Ma questo è il momento in cui inizia il suo calvario, la sua punizione, Sonia non ne vuol più sapere di lui, non ne ha certo tutti i torti, inoltre il suo ripensamento nella vendita ha causato una perdita per l'associazione malavitosa che aveva gestito l'insolito commercio, Bruno dovrà colmare questa perdita, oltre a restituire il denaro intascato, saranno ulteriori 5000 euro quelli che dovrà rendere, Finora hai rubato per te, ora ruberai per noi, queste le parole del suo strozzino. C'è da dire che la nostra morale ora sembrerebbe soddisfatta, così nutrita del godimento della punizione, quasi trascendentale, che la sorte sembra infliggere al nostro protagonista.
Bruno cerca allora di darsi da fare, l'unico modo che conosce è rubare, organizza così uno scippo in scooter con un ragazzino già suo complice in passato. Ma le cose volgono di male in peggio, non c'è nulla che va liscio nei momenti in cui la sorte dovrebbe dare il suo sacro e cieco contributo, si scatena un inseguimento che finisce per assumere tutti i connotati della caccia all'uomo.
Fortunatamente Bruno riesce a mettere in salvo la refurtiva e fuggire, sfortunatamente il suo giovane complice viene arrestato.
Avviene adesso una cosa che ha dell' incredibile:
Bruno il ladro, Bruno il delinquente, Bruno il ribelle, Bruno l'anarcoide, Bruno il rapinatore, Bruno il mostro, Bruno il venditore di bambini, Bruno l'egoista, insomma tutti questi Bruno e tutti insieme, si presentano in caserma, dove era ritenuto il suo complice, restituisce la refurtiva, lo scooter al suo amico, e si consegna, sentite sentite, come responsabile del furto, barattando così la libertà del ragazzo con la propria. Bruno si priva così dell'unica cosa che sembra possedere, la libertà per l'appunto.
E' la redenzione più bella, pagata con l'unica mercanzia che non ha prezzo in una società in cui ogni cosa sembra averne: l'altruismo.
La forza del film dei Dardenne, a mio avviso, è la sua Etica, che arriva dove la nostra morale sembra non arrivare, troppo concentrata nel giudizio delle azioni e dello stile di vita del singolo, ma incapace di vedere e giudicare, come al solito, la vera (forse) protagonista del film, la società e la sua morale fatta di prezzi e princìpi che sanno tanto di sopruso e costrizione, spaccarsi le ossa per 40 ore settimanali per un salario di poco più di 1000 euro al mese non lo è? Si finisce sempre per criticare chi si allontana, alla ricerca di un'alternativa che sembra non esitere e forse non esiste davvero, dalle cupe leggi del branco.
La storia finisce con l'incontro, alla fine, di Sonia e Bruno nel carcere in cui è detenuto, non parlano, il loro amore è fatto di poche parole, piangono, forse per quanto è successo, forse per essersi ritrovati, noi non possiamo saperlo. La loro è una storia d'amore, bella, perché germogliata all'interno di una gabbia, sia concreta, la prigione, sia metafisica, questa periferia così simile alla città vecchia di De andrè, fatta di "quartieri dove il sole del buon dio non dà i suoi raggi" poiché "ha già troppi impegni per scaldar la gente d'altri paraggi", una periferia popolata di esseri che sono demonizzati dal potere e dalla sua morale, ma che in fondo ne sono solo le inconsapevoli vittime. Si tratta anche di una periferia esistenziale, divenuta l'emblema del mondo in cui viviamo senza trovarci posto, nel caso non fossimo disposti a pagare. Bello proprio, il film ovviamente.

"ci hanno insegnato la meraviglia
verso l'uomo che ruba il pane,
ora sappiamo che è un delitto,
il non rubare quando si ha fame"
-de andré, nella mia ora di libertà-

"se puoi vedere, guarda.
se puoi guardare, osserva"
-saramago, prefazione a Cecità-

4 risposte al commento
Ultima risposta 09/02/2006 16.25.09
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI gerardo  @  08/01/2006 16:03:35
   8½ / 10
I fratelli Dardenne riprendono ancora una volta il tema del difficile rapporto "padre-figlio" e lo estremizzano accentuando le crudeltà del personaggio paterno, che accentra su di sè ogni colpa, ogni criminale disattenzione e vilipendio sentimentale, rispetto all'innocenza totale del figlio, creatura appena nata e assolutamente indifesa.
Con il consueto stile documentaristico i Dardenne seguono i personaggi, e in modo particolare Bruno, il protagonista, in tutte le loro azioni, descrivendo minuziosamente la gestualità quotidiana e gli espedienti di vita, di queste vite precarie ai margini della città/civiltà industriale fredda e asettica.
Bruno, il protagonista "neorealista" splendidamente interpretato da Jérémie Renier (era il "figlio" nello straordinario film d'esordio dei Dardenne, "La promesse"), è un delinquentello "ragazzo di vita" che si trova suo malgrado, e senza coscienza, a rivestire il ruolo di padre. Un ruolo così casuale e lontano dalla sua consapevolezza da non comprenderne a pieno la valenza. La vita di Bruno è fatta di piccoli furti ed espedienti di sopravvivenza. La sua dimora non è mai fissa e spesso è una baracca sul fiume ad accoglierlo, tra i cartoni e i rifiuti.
La gestualità di Bruno è pressoché istintiva, primitiva: vivendo alla giornata ogni azione è legata al bisogno del momento. Non ha regole, non ha una “programmazione” delle giornate: Bruno è un personaggio anarcoide che vive per cogliere ogni occasione per far soldi, ma la sua spasmodica ricerca di denaro non è finalizzata al compimento di un progetto, bensì alla pura e semplice, selvaggia, sopravvivenza.
La nascita del figlio lo coglie, se non impreparato, praticamente indifferente. La sua ragazza, Sonia, invece inizia ad assumersi le responsabilità di madre e a concepire – con grande gioia - un’idea di famiglia, nucleo minimo di rapporti regolati. Il suo è un vero e proprio progetto di vita, da istituzionalizzare – come primo atto ufficiale – con il riconoscimento del bambino; e poi, con la piena acquisizione della casa, luogo fisico e simbolico di stabilità. Ma proprio nel momento della regolarizzazione (minima) del progetto di vita, Bruno rivela tutta la sua attitudine inconsciamente anarchica alla precarietà esistenziale. Nei progetti di Sonia, che vede per sé e il suo compagno la concretezza e la nascita di una famiglia “normale”, c’è anche la possibilità di un lavoro per Bruno, il quale sdegnosamente rifiuta in quanto lavorare è “da sfi.gati”. Fiutando l’invitante e provvidenziale opportunità di un cospicuo guadagno, Bruno decide di vendere suo figlio, sottraendolo alle cure della madre, ignara delle intenzioni del compagno. Anche questo atto non è programmato: è l’occasione a presentarsi a portata di mano e Bruno non vi sa rinunciare, colto da una istintiva, irrefrenabile, pulsione al guadagno, cioè alla sopravvivenza. Per quella che è la sua visione etica della vita, Bruno non riesce a cogliere appieno la criminalità di quell’atto, con tutte le sue conseguenze, perché egli è spinto, come si è detto, da semplici pulsioni. Eppure c’è qualcosa che lo rende vagamente insicuro. Bruno, ignorando l’illegalità e la criminalità della vendita di suo figlio, sa che quel gesto avrà delle conseguenze per la sua compagna, ma l’incoscienza di sempre gli dà fiducia nel suo istinto. In effetti, l’unica persona a cui sa di dover “rispondere” dei suoi atti è proprio Sonia. Quando la ragazza, preoccupata, lo chiama sul cellulare, Bruno chiude la telefonata.
Ma anche di fronte alla realtà dei fatti che precipitano e lo inchiodano alle responsabilità e alla colpa, Bruno continua a vivere nel suo mondo senza regole e senza etica, ancora una volta inconsciamente: tutto quel che sa dire a Sonia, per consolarla e mitigare le proprie colpe, è che potranno sempre fare un altro figlio. Una soluzione abbastanza infantile, se vogliamo. Il processo di maturazione che ha investito Sonia, con la maternità, è ancora lontano dall’affacciarsi nella vita di Bruno. Il recupero del bambino, lungi dall’essere un atto di presa di coscienza e un rimedio “morale” al crimine commesso, è per Bruno semplicemente un estremo tentativo di sfuggire alla giustizia, ennesimo espediente di sopravvivenza, dal momento che su di lui pende una denuncia della compagna.
Ma Bruno è andato oltre le proprie possibilità ed è finito in un giro più grande e pericoloso di lui. Quando si trova costretto a rubare “per mestiere”, per “commissione”, e non più per sé, per la semplice sussistenza, Bruno finisce per perdere il controllo della situazione e la sua naturalezza e incoscienza delinquenziale: il suo crimine, il suo agire, diventano programmatici e finalizzati al risarcimento dei “pesci” più grossi. Sarà proprio questo “meccanismo” a innescare, col precipitare degli eventi, la presa di coscienza progressiva, l’espiazione, di Bruno, “ragazzo di vita” del nord Europa.
Il naturalismo proprio dello stile Dardenne, con la freddezza delle immagini e della fotografia (bellissima), l’assenza di musica nella colonna sonora, non concede nulla a melodrammi e facili sentimentalismi, o anche a possibili immedesimazioni coi personaggi.

8 risposte al commento
Ultima risposta 27/01/2006 20.04.06
Visualizza / Rispondi al commento
Giulio422  @  07/01/2006 01:33:27
   7½ / 10
il film rappresenta in poche scene una realtà cruda e degradata, la vita di molte zone periferiche metropolitane è piena di persone che campano alla giornata senza uno scopo per cui vivere davvero. La cosa che però mi lascia perplesso è l'eccessiva lunghezza di alcune scene, in tante parti serve a far capoire bene la gravità della situazione, ma in alcune serve solo a far allungare il film.

AMERICANFREE  @  31/12/2005 12:08:21
   9½ / 10
gran bel film, toccante che ti emoziona

nabucco  @  28/12/2005 14:49:52
   5 / 10
No, non sono per nulla convinto: credo che il festival di Cannes abbia riservato brutte sorprese! Se era deciso che dopo tanto sforzo anche i Dardennes dovevano vincere, sia, ma non condivido il tripudio per questo film, gelido, come il clima belga! Forse è un pregiudizio per un genere che non mi è mai piaciuto (a partire da "il figlio") o forse semplicemente non mi è piaciuto punto e basta! E non è così grave. Per fortuna a me non è piaciuto e a voi sì!

kerkyra  @  20/12/2005 14:06:42
   9½ / 10
Gran bel film, forse il migliore di quest'anno!! Lucido, vero, triste ma non disperato. E' la realtà che si materializza sul grande schermo!! Meraviglioso il protagonista maschile.

Gruppo STAFF, Moderatore Invia una mail all'autore del commento Lot  @  18/12/2005 12:01:46
   8 / 10
Vivere di espedienti, alla giornata, tra rifugi di fortuna e piccoli furti da trasformare in pasto o in qualche sfizio, un lettore cd=20 euro, una telecamera=400 euro, un bambino=5000euro... no aspetta... un bambino... non è la stessa cosa... o forse sì?
Ritratto di periferia sbandata molto duro dei Dardenne, che non lasciano spazio a pietismi o a facili empatie; non c'è evoluzione, redenzione, pentimento, presa di coscienza, non c'è nulla, solo una fredda istantanea.
Oltretutto la regia volutamente 'sporca', l'assenza di colonna sonora e la fotografia livida danno al film un taglio documentaristico che lo rende ancora più crudo.
Da vedere.

7 risposte al commento
Ultima risposta 24/01/2006 12.00.16
Visualizza / Rispondi al commento
marta000  @  18/12/2005 01:33:20
   9 / 10
Toccante. Davvero difficile non emozionarsi guardandolo.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento Giordano Biagio  @  18/12/2005 00:14:29
   8½ / 10
Film triste con protagonisti i perdenti. Il film coinvolge ed emoziona grazie ad un'impressione di realtà stupefacente.
Sebbene si ha davanti una vita squallida si percepiscono nei due giovani forti speranze e voglia di vivere. Grazie alla bravura del regista il brutto diventa bello perché trasmette autenticità e sentimento.
Bisogna attraversare il deserto delle repulsioni sociali per giungere poi a una condivisione delle scene sempre più identificatoria e commovente. Film che fa pensare alle complessità sociali dei nostri giorni e alla mancanza di un'etica del padre nei settori più miserevoli del sociale.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1968 gli uccelli45 seconds of laughter5 e' il numero perfettoa herdadea proposito di rosea sona spasso col pandaabout endlessnessad astraadults in the roomall this victoryamerican skinandrey tarkovskji. a cinema prayerangry birds 2 - nemici amici per sempreantropocene - l'epoca umanaapollo 11appena un minutoaquile randagiearab bluesatlantis (2019)attacco al potere 3 - angel has fallen
 NEW
attraverso i miei occhibabyteethballoonbarnbeyond the beach: the hell and the hopeblanco en blancoblinded by the light - travolto dalla musicaboia, maschere, segreti: l'horror italiano degli anni sessantabombay rosebrave ragazzeburning - l'amore bruciaburning cane
 HOT
c'era una volta a... hollywoodcercando valentinacharlie says - charlie dicechiara ferragni - unpostedcitizen kcitizen rosicity hunter - private eyescolectivcorpus christicrawl - intrappolati
 NEW
deep - un'avventura in fondo al maredelphinediego maradonadoctor sleepdora e la citta' perdutadownton abbeydrive me homee poi c'e' katherineeat local - a cena con i vampirieffetto dominoel principeelectric swanemaemilio vedova. dalla parte del naufragioermitage - il potere dell'artefellini fine maifiebre australfigli del setfinche' morte non ci separi (2019)fulci for fakegemini mangenitori quasi perfettigiants being lonelygive up the ghostgli angeli nascosti di luchino visconti
 NEW
gli uomini d'orogloria mundigrazie a diogretaguest of honourhava, maryam, ayeshahole - l'abissohouse of cardini diari di angela - noi due cineasti. capitolo secondoi migliori anni della nostra vita (2019)il bambino e' il maestro - il metodo montessoriil colpo del caneil criminaleil giorno più bello del mondoil mio profilo miglioreil mostro di st. pauliil pianeta in mareil piccolo yetiil prigionieroil re leone (2019)il regnoil segreto della minierail signor diavoloil sindaco del rione sanita' (2019)il varcoio, leonardoit: capitolo 2jesus rolls - quintana e' tornato!
 HOT R
jokerjust 6.5kingdom come
 NEW
la belle epoquela famiglia addams (2019)
 NEW
la famosa invasione degli orsi in siciliala fattoria dei nostri sognila legge degli spazi bianchila lloronala mafia non e' piu' quella di una voltala rivincita delle sfigatela scomparsa di mia madrela verita' (2019)la vita invisibile di euridice gusmaola voce del marel'amour flou - come separarsi e restare amicile coup des larmes
 NEW
le ragazze di wall streetles chevaux voyageursl'eta' giovanelife as a b-movie: piero vivarelli
 NEW
light of my lifelingua francal'ospite - un viaggio sui divani degli altrilou von salome'l'uomo che volle vivere 120 annil'uomo del labirintol'uomo senza gravita'mademoisellemadre (2019)maleficent 2: signora del malemanta raymarriage storymartin edenmes jours de gloiremetallica and san francisco symphony: s&m2mio fratello rincorre i dinosaurimisereremoffiemondo sexymosul
 NEW
motherless brooklyn - i segreti di una citta'nato a xibetnell'erba altanever just a dream: stanley kubrick and eyes wide shutneviano.7 cherry lanenon si puo' morire ballandonon succede, ma se succede...of fathers and sonsoltre la buferaone piece: stampede - il filmpanama papers
 NEW
parasite (2019)parthenonpavarottipelican bloodphotographpop black postapsychosiarambo: last bloodrare beastsrevenirrialtoroger waters us + themroqaiarosa (2019)sabbiasanctorumsaturday fictionscalesscary stories to tell in the darkscherza con i fantise c'e' un aldila' sono fottuto: vita e cinema di claudio caligarise mi vuoi benesearching evasebergselfie di famigliaseules les betessh_t happensshadow of watershaun, vita da pecora - farmageddonsolestate funeralstrange but truestuber - autista d'assaltosubmergencesupereroi senza superpoteriteen spirit - a un passo dal sognoterminator - destino oscurothanks!the burnt orange heresythe diverthe gallows act iithe great green wallthe informer - tre secondi per sopravviverethe irishmanthe kill teamthe king (2019)the kingmakerthe lodgethe long walkthe nest (il nido)the painted birdthe perfect candidatethe rider - il sogno di un cowboythe scarecrowsthey say nothing stays the sametolkientony drivertorino nera (2019)tutta un'altra vitatuttappostotutto il mio folle amoreun monde plus grand
 NEW
una canzone per mio padreverdictvicino all'orizzontevivere (2019)vivere, che rischiovox luxwaiting for the barbarianswake up - il risvegliowasp networkweathering with you - la ragazza del tempowomanyesterday (2019)you will die at 20yuli - danza e liberta'zerozerozero - stagione 1zumiriki

994097 commenti su 42335 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net