kansas city regia di Robert Altman USA 1996
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

kansas city (1996)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film KANSAS CITY

Titolo Originale: KANSAS CITY

RegiaRobert Altman

InterpretiHarry Belafonte, Miranda Richardson, Jennifer Jason Leigh

Durata: h 1.58
NazionalitàUSA 1996
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 1996

•  Altri film di Robert Altman

Trama del film Kansas city

Nel 1934 Kansas City Ŕ una delle poche cittÓ americane a non essere coinvolta nella crisi che opprime il paese. Favorevole ai giocatori d'azzardo e agli avventurieri, esercita un attrazione irresistibile su tutti quelli che hanno il gusto del rischio. Il jazz in questa cittÓ rappresenta un punto d'unione tra le classi. ╚ in questo universo che si svolge la vicenda di Blondie, giovane telegrafista che intende salvare la vita di suo marito sequestrando la sposa di uno dei politici pi¨ influenti di Kansas City.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,07 / 10 (7 voti)7,07Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Kansas city, 7 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Filman  @  30/07/2015 23:35:11
   6½ / 10
Il costante grottesco che caratterizza personaggi e situazioni, assieme alle atmosfere musicate, sono le uniche impronte Altmaniane presenti in KANSAS CITY, film a metà tra la commissione e l'ordinazione, i cui interessi finali risultano probabilmente legati alla riproposizione storica della stessa città natale del regista, con un successivo aggiustamento personalizzato ben visibile ma solo in pochi frammenti di pellicola, perlopiù racchiudenti una certa controversa drammaticità intrinseca anche se quasi mai presentata in chiave seriosa e fin troppo poco di esamina sociale se non per la fugace esplorazione nei meandri del contesto temporale, e per quanto risulti sia atipica che classicista, quest'opera scorre con sufficienza e con poca incisività narrando una storia informalmente tetra, ma retta su pochi elementi metaforici e non.

Gruppo REDAZIONE amterme63  @  13/11/2009 23:32:56
   6½ / 10
Non tutte le ciambelle riescono con il buco. Purtroppo questo film non convince in quanto è stilisticamente indefinito, a metà strada fra il comico e il serio, con una storia piuttosto sconnessa e strana. Non c’è un succedersi dei fatti o delle emozioni o delle riflessioni che coinvolga e colpisca lo spettatore. Addirittura ogni tanto scappa lo sbadiglio. Peccato, perché gli argomenti e gli spunti di riflessione sono tanti, solo che non sono adeguatamente comunicati e vengono danneggiati da una storia che non riesce ad appassionare.
La storia è ambientata a Kansas City negli anni ’30 alla vigilia di elezioni politiche (unico parallelo con Nashville). Bisogna dire che Altman ha fatto un grande lavoro di ricostruzione storica, un esercizio che frutterà poi nelle splendide ambientazioni di Gosford Park e nell’atmosfera nostalgica di Radio America. Una grande presenza che segna profondamente il film è la musica jazz, la colonna sonora dell’epoca. Si suona in pratica per tutto il film, accompagnando quasi ogni scena. Altman si affida al montaggio alternato fra le scene con i musicisti jazz e la gente che balla, e le altre scene del film. Solo che i due aspetti scorrono paralleli quasi ignorandosi e non si capisce il rapporto fra musica e storia rappresentata. Anche questo contribuisce all’incertezza stilistica del film, che potrebbe essere un film musicale ma non lo è. La solita tecnica a intreccio di Altman stavolta fa un po’ cilecca, perché non sempre le vicende sembrano ben temporizzate o emotivamente legate.
La storia racconta di un ladruncolo bianco che rapina un ricco nero, nella zona controllata dalla mafia dei neri. E’ così sbadato e approssimativo che si fa subito beccare. Il capo della cosca, interpretato da Harry Belafonte (senz’altro l’attore più bravo del film, l’unico che dà spessore e naturalezza al personaggio) gliela farà pagare cara. A tratti sembra di rivivere l’atmosfera di “C’era una volta in America”.
La protagonista del film è però la fidanzata del ladruncolo, la quale cerca di liberare in tutti i modi il suo uomo. Sceglie una strana strategia: sequestra la moglie di un importante politico locale per spingerlo ad intervenire. Il film si dilunga su questi due personaggi in scene in cui non avviene niente. Il loro carattere non è che venga chiarito o approfondito, sono poi così strane e sopra le righe che sfiorano quasi il ridicolo. Sono personaggi poco credibili e abbastanza mal recitati.
L’occasione però permette a Altman di fornire un quadro politico e sociale degli Stati Uniti dell’epoca a dir poco disastroso. La corruzione e il malaffare regnano sovrani (dopo gli italiani e gli ebrei di Leone ora anche i neri di Altman), le elezioni sono platealmente truccate e si uccide per pochissimo nell’indifferenza e nell’impunità generali. Va a finire che la sgangherata moglie del ladrucolo diventa la persona più sana e più umana del film.
Ne viene comunque fuori un quadro così desolante che fa effetto vedere i jazzisti che suonano, fanno arte fregandosene di quello che avviene intorno. Certo l’arte è l’unica attività che nobilita e lega in amicizia e in comunità le persone ma appare come chiusa in se stessa nella propria torre di avorio, ininfluente sulla vita e sulla realtà. Non ci vuole molto a fare un parallelo con il presente. Non è che anche noi siamo lì che ci divertiamo, ci distraiamo mentre tutto intorno si uccide, si ruba, tutto cade a rotoli?

wallace'89  @  04/06/2009 13:28:53
   7 / 10
è una piacevole commedia gangster ambientata nei mitici(cinematograficamente parlando) anni '30 diretta da Mr Robert Altman, ma niente di troppo incisivo, si limita a non andar troppo oltre la fotografia d'epoca,di suo il regista ci mette la consueta ironia e una protagonista inconsueta nel genere.Vale soprattutto per il bel cast(Jennifer Jason Leigh,Miranda Richardson,Harry Bellafonte,Steve Buscemi) e la straordinaria colonna sonora Jazz, belli i duelli musicali a colpi di sax.

Invia una mail all'autore del commento wega  @  28/09/2008 13:05:56
   8 / 10
Be' io sono sempre succube al fascino delle fotografie anni '30. Non un capolavoro, da Altman ci si aspetta sempre una critica che metta il pepe al ****, invece oltre ad una foto dell' epoca -probabilmente sottesa da una personale percezione storica del regista, vedi il jazz come protagonista del cast- oltre ad uno spaccato d' America durante il proibizionismo, tanto non va.
Commedia drammatica con venature gangster, che propone comunque al pubblico gli schemi convenzionali con qualche variante: è la donna ad assumersi le vesti eroiche nei confronti dell' uomo e sono i neri a farla da padrone. Personalmente non avevo mai visto un' organizzazione di gangster di persone di colore. Esce un particolare rapporto tra vittima e "carnefice", un rapporto quasi di fiducia, la moglie del politico sarebbe potuta scappare in tante occasioni ma non lo farà mai; ed il finale nasconde tutta l' ambiguità della morale dell' essere umano. L' otto lo raggiunge la fotografia, molto bella.

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  02/03/2008 14:34:07
   7½ / 10
Sorrido al pensiero di questo minuscolo gioiello nella carriera di Altman.
Sorrido poiché ne conservo un bel ricordo, dato da quell’attrice meravigliosa che è Jennifer Jason Leigh e quel personaggio umano e grottesco che possiamo accomunare benissimo a tanti altri dei film del regista.
Significativo il particolare dei denti marci di lei nonché dell’interesse anatomico che permea l’intera pellicola (il fegato per esempio). Un’abilità notevole quella del grottesco come metafora e proposta di risoluzione di una società che è ostentazione inconsapevole di marciume patinato.
Jazz come risposta al razzismo, rivendicazione che strumentalizza la Musica, l’arte delle Muse che in Altman assume sempre un aspetto sacrale prontamente corrotto dall’egocentrismo dei personaggi.
Ed ecco uscirne un romanzetto semplice, ma dignitoso soprattutto per il finale straordinario.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  25/09/2007 17:05:45
   7 / 10
E' indubbiamente meno accattivante e spettacolare di "Cotton club" di Coppola - a cui sembra fare involontariamente il verso, ma anche molto meno manierato.
Un film piacevole, con un'ottima colonna sonora e buoni interpreti (Jennifer Jason - Leigh, io l'adoro...), ma anche girato con una professionalità poco incisiva, quasi incompiuto pur nella notevole durata.
C'è l'impressione che poteva essere un capolavoro, e che Altman - come spesso accade - butti via in parte il suo enorme talento. 7 di stima.

Beefheart  @  26/03/2007 21:41:20
   7 / 10
Una commedia, tendente al gangster-movie, tipicamente altmaniana. In questo film il regista si concentra sulla malavita e la corruzione dell'America degli anni 30, parlandone con la consueta ironia che contraddistingue le sue sceneggiature ed i suoi personaggi. Tra gli interpreti più famosi spiccano Jennifer Jason Leigh, Harry Belafonte e Steve Buscemi, in un ruolo marginale ma azzeccatissimo. Gli eventi, fondamentalmente drammatici, si svolgono scanditi a ritmo di jazz ed il Be-Bop dei sax, impegnati in epici duelli sonori, corre rapido e fluido senza lasciare allo spettatore il tempo e la voglia di elucubrare e trascendere in tragedia. La struttura, al solito, è ricca di flashback e storie secondarie convergenti che, gradualmente, completano un quadro narrativo pungente, cattivello, fruibile ed efficace. Decisamente riuscito.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

7 uomini a molloa private waralmost nothing - cern: la scoperta del futuroalpha - un'amicizia forte come la vitaamici come prima (2018)anatomia del miracoloanimali fantastici: i crimini di grindelwaldaquamanattenti al gorillaben is backbenvenuti a marwenberninibird boxblack tide
 HOT
bohemian rhapsodybumblebeecalcutta - tutti in piedicapri-revolutionchesil beach - il segreto di una nottecity of liescold war (2018)coldplay: a head full of dreamscolette (2018)conta su di me (2018)conversazione su tiresia. di e con andrea camillericonversazioni atomichecosa fai a capodanno?dinosaurs (2018)don't fuck in the woods 2
 NEW
dove bisogna stareescape room (2019)friedkin uncut - un diavolo di registaghostland - la casa delle bambole
 NEW
glasshepta. sette stadi d'amoreholmes and watsonhunter killer - caccia negli abissii spit on your grave: deja vui villaniil castello di vetroil destino degli uominiil gioco delle coppieil grinch (2018)il ragazzo piu' felice del mondoil ritorno di mary poppinsil sindaco - italian politics 4 dummiesil testimone invisibileil vizio della speranzain guerraisabellela befana vien di nottela donna elettrica
 NEW
la douleur
 NEW
la favoritala notte dei 12 annila prima pietrala scuola serale
 NEW
l'agenzia dei bugiardilake placid: legacyle ninfee di monet: un incantesimo di acqua e lucelo sguardo di orson welleslontano da quilook awayl'uomo che rubo' banksy
 NEW
m.i.a. - la cattiva ragazza della musicamacchine mortalimalerba
 NEW
maria regina di scoziamenocchio
 NEW
mia e il leone bianco
 NEW
mia martini - io sono miamorto tra una settimana... o ti ridiamo i soldimoschettieri del re: la penultima missionenelle tue mani (2018)non ci resta che il criminenon ci resta che vincerenon dimenticarmi - don't forget menotti magicheotzi e il mistero del tempoovunque proteggimiralph spacca internetred land (rosso istria)red zone - 22 miglia di fuocoride (2018)robin hood - l'origine della leggendaroma (2018)santiago, italiase son roseseguimisenza lasciare traccia (2018)spider-man: un nuovo universostyxsulle sue spallesummer (leto)suspiria (2018)the barge peoplethe old man & the gunthe other side of the windthe young cannibalstre voltitroppa graziatutti lo sannoun giorno all'improvvisoun piccolo favoreupgradevan gogh - sulla soglia dell'eternita'vice - l'uomo nell'ombrawidows: eredita' criminalezen sul ghiaccio sottilezombie contro zombie - one cut of the dead

983420 commenti su 40748 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net