jojo rabbit regia di Taika Waititi Germania, USA 2019
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

jojo rabbit (2019)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film JOJO RABBIT

Titolo Originale: JOJO RABBIT

RegiaTaika Waititi

InterpretiRoman Griffin Davis, Thomasin McKenzie, Taika Waititi, Scarlett Johansson, Sam Rockwell

Durata: h 1.48
NazionalitàGermania, USA 2019
Generecommedia
Al cinema nel Gennaio 2020

•  Altri film di Taika Waititi

Trama del film Jojo rabbit

Jojo, un bambino cresciuto dalla sola madre, ha come unico alleato il suo amico immaginario Adolf Hitler. Il suo ingenuo patriottismo viene per˛ messo alla prova quando incontra una ragazzina che stravolge le sue convinzioni sul mondo, costringendolo ad affrontare le sue paure pi¨ grandi.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,38 / 10 (52 voti)7,38Grafico
Migliore sceneggiatura non originale (Taika Waititi)
VINCITORE DI 1 PREMIO OSCAR:
Migliore sceneggiatura non originale (Taika Waititi)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Jojo rabbit, 52 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Attila 2  @  13/10/2020 11:04:23
   5 / 10
Film davvero fastidioso con la parte iniziale del campo di addestramento nazista per bambini che e' veramente un irridere fastidioso e una presa in giro per i morti della Shoah.Non c'e' ironia intelligente,satira e humor nero,ma solo totale stupidita' e mancanza di rispetto per la tragedia piu' grande del XIX secolo.Vorrebbe essere una sorte di "La vita e' bella" ma non ha ne' la sua sensibilita' cinematografica ,ne' tantomeno la sua delicata comicita'.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  05/10/2020 21:11:15
   7½ / 10
Hitler spunta nella vita i un ragazzino come "amico" immaginario, un po' come faceva Bogart con Woody Allen.
Questa splendida trovata non è resa alla perfezione a mio avviso proprio dall'attore che impersona il cancelliere Tedesco.
Sinceramente ho cercato proprio il pelo nell'uovo in una commedia/drammatica riuscita che affronta con il sorriso e il punto di vista di un adolescente il tema drammatico della Shoah.
Da vedere

markos  @  02/10/2020 12:50:11
   7 / 10
Ennesimo film sulla guerra nazista di Hitler...raccontata con una commedia divertente e allo stesso tempo triste.

Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  27/09/2020 13:07:40
   7½ / 10
Commedia amara dall'equilibrio difficilissimo ma fortunatamente rispettato (ottima la sceneggiatura, giusto l'oscar), in cui Waititi conferma di essere uno bravo. Strepitosi i ragazzini e Rockwell (come al solito), non mi ha invece convinto affatto Scarlett Johansson: troppo sopra le righe, troppo manic pixie dream girl (o meglio, woman), troppo presa a citare Benigni ed a parlare per spot e catchphrase.

Speriamo Waititi ci regali più Jojo Rabbit e meno Thor.

Noodles71  @  17/08/2020 00:36:35
   7 / 10
Una favola nera diretta in modo intelligente dall'istrionico Taika Waititi che anche con "Thor: Ragnarok" aveva osato parodizzare l'universo Marvel. Stavolta si confronta a modo suo con la storia in uno dei suoi episodi più tristi e tragici, l'olocausto ironizzando sulla figura di Hitler rendendolo l'amico immaginario del ragazzino protagonista e facendolo comportare in maniera infantile e ridicola, essendo il frutto della fantasia di un bambino di dieci anni. Come Benigni con il suo "La vita è bella" aveva affrontato con gli ingenui ed innocenti occhi del figlio la tragedia dello Shoah, Waititi ci racconta la storia di Jojo, un bambino decenne che cresciuto insieme alla madre è un convinto sostenitore del partito nazista ed ha come miglior amico Adolf Hitler, frutto della sua puerile fantasia. L'incontro con una ragazza ebrea amica della sua scomparsa sorella e nascosta di nascosto dalla madre nella loro casa, gli farà scoprire il mondo attraverso una visione totalmente differente e lo farà crescere più in fretta di quello che avrebbe dovuto. L'esordiente R.G. Davis bravo ad interpretare il piccolo protagonista come T. McKenzie quello della ragazza ebrea. Menzione particolare per un ottimo Sam Rockwell, interprete dello stravagante ed ambiguo capitano Klenzendorf, la Johansson nei panni della madre fa il suo compito senza sbavature con omaggio al film di Benigni simulando i gesti di una marionetta mentre si muove. Sicuramente da vedere non solo per il tema trattato.

Gruppo COLLABORATORI Harpo  @  04/08/2020 12:03:08
   8½ / 10
Riuscitissimo dramma mascherato da commedia. Toccante, irriverente, ben interpretato. Film formativo, da vedere e rivedere.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  24/07/2020 10:46:38
   6 / 10
La prima parte del film l'ho trovata brillante e riuscita; peccato che con l'avanzare del minutaggio la verve si spenga e la favola dark risulti sempre più un mix non riuscito tra tragedia e farsa.
Otttimi tutti gli attori.

LucaT  @  23/07/2020 08:53:09
   2½ / 10
a me personalmente questo film nel suo insieme
soprattutto dopo la prima parte -al campo di addestramento-
non è piaciuto
discreto -l humor nero- iniziale negli stereotipi nazisti
e delle prime situazioni del personaggio
Sam Rockwell rosicato ma sufficente e il migliore nel suo ruolo
ma per il resto il film non mi ha proprio saputo intrattenere
e che bruttina seconda parte e finale
lo trovo veramente sopravvalutato

1 risposta al commento
Ultima risposta 31/07/2020 08.26.47
Visualizza / Rispondi al commento
polbot  @  18/07/2020 22:51:57
   8 / 10
Non concordo con la critica per cui non si riesce a identificare il registro del film. Ho trovato questa fiaba realistica davvero ben fatta

DankoCardi  @  16/07/2020 23:41:17
   8½ / 10
Davvero particolare! Parte come una "commedia nazista" con situazioni divertenti ed anche leggermente demenziali che fanno ridere senza però sottovalutare gli orrori del nazismo. Poi durante la visione, quasi senza accorgercene, il film diviene sempre più serio ed introspettivo fino ad arrivare decisamente al drammatico. Certo questo passaggio dal comico al drammatico, anche con scene forti del tutto in linea con le atrocità del periodo, spiazza un pò però la sceneggiatura non subisce mai cadute di tono ed è perfettamente calibrata nei dialoghi, nella costruzione e nel rapporto tra i personaggi. Insomma una pellicola che fà ridere ma che fà anche riflettere, che una volta ancora ci ricorda quanto possa essere sbagliata la guerra...ma la storia, purtroppo, non ci insegna niente. Geniale, poi, l'idea di inserire nella colonna sonora brani "anacronistici" dei Beatles, Tom Waits e David Bowie (la versione tedesca di "Heroes" nel finale ipnotizza e costringe ad ascoltarla fino alla fine). Sorprendente la regia di Waititi come la sua interpretazione di un Hitler nevrotico ed infantile; d'altronde aveva già dato prova di essere un regista più che capace con il precedente Vita da vampiro. Bravissima Scarlett Johansonn.

DogDayAfternoon  @  14/06/2020 22:06:15
   6½ / 10
Non so, sono del parere che su certi temi vadano evitati ironia e sarcasmo, anche se qui siamo più sul grottesco. Non fosse così noto e purtroppo vero il dramma di cui si parla, devo dire che sarebbe anche parecchio simpatico in alcune trovate, nei personaggi (sia il protagonista che l'amichetto, non un granché invece il personaggio di Hitler). Non sono assolutamente d'accordo sui paragoni fatti con "La vita è bella" dove la drammaticità degli eventi non era affatto sminuita ma anzi esaltata ancora di più dal modo di presentare la storia: esattamente l'opposto di quanto accade in "Jojo rabbit".

Un'occhiata gliela si può dare tranquillamente, ma trovo esagerata l'acclamazione di cui è stato circondato.

Kyo_Kusanagi  @  29/05/2020 16:12:23
   7½ / 10
L'orrore della guerra visto con gli occhi di un bambino era un idea già vista ne "La vita è bella",a Waititi va cmq il merito di saper rendere questa storia surreale con la sua personale versione grottesca e buffa di Hitler.Attraverso il protagonista tira fuori le ideologie folli del nazismo,lo fa in un modo paradossalmente divertente. Il film sa essere infatti ironico ma sa commuovere allo stesso tempo.I personaggi sebbene rappresentati in maniera caricaturali in una bella fotografia dai colori caldi e avvolgenti a voler sottolineare il tono quasi fiabesco sono comunque sempre spietati nazisti.Noi seguiamo il nostro JoJo muoversi in questo mondo con il ridicolo grillo parlante Adolf nel percorso di crescita per scoprire a come reagirà alla ferocia nazista. Bello ed emozionante!

zambuten  @  02/05/2020 13:54:58
   7 / 10
Bel film in cui viene trattatato in maniera inconsueta il tema del nazismo e del fanatismo in generale.
Oltre alle buone prove dei protagonisti a mio avviso merita una menzione particolare nella storia il personaggio del capitano Klenzendorf.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

BlueBlaster  @  02/05/2020 12:45:39
   7½ / 10
Splendido film, che alla lunga ricorda vagamente "La vita è bella"...
Molto divertente e allo stesso tempo capace di emozionare con momenti sentimentali o drammatici mai eccessivi.
Ottime interpretazioni (anche se credevo il personaggio di Hitler fosse più presente) specie quella del giovane Roman Griffin Davis.
Simpaticissime le scene in cui è presente l'amichetto cicciotello.
Gran bella pellicola, di quelle che piacciono a me...

Invia una mail all'autore del commento bart1982  @  01/05/2020 17:57:37
   5½ / 10
Film che mi ha davvero deluso.
Tema nazismo è sempre molto delicato essendo trito e ritrito deve portare qualcosa di nuovo, ma qui si gira sempre intorno ai soliti temi scadendo nel banale e poco comico.
La prima parte pessima, non accade nulla, poi si ravviva nel finale, non riuscendo però a lasciare il segno.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

wicker  @  27/04/2020 19:35:31
   7 / 10
Film con grottesco con un'inizio da commedia , uno svolgimento sul filo del grottesco e un finale che sfiora il dramma . Con le debite proprorzioni direi che è un'incrocio tra "Moonrise Kingdom" e "La vita è bella".
La sceneggiatura è buna , vivace e frizzante senza eccedere e quando vira nel personale lo fa sempre in maniera sentita ma mai melanconica .
Buon montaggio , anche questo rapiso da una scena all'altra e che sa quando rallentare o accelerare .
Bene Rockwell , la Johansson un pò marginale .

Budojo Jocan  @  26/04/2020 09:32:35
   4 / 10
Non solo non mi ha divertito, ma addirittura mi ha annoiato. Doveva essere una commedia che fa riflettere, di quelle con dialoghi e personaggi frizzanti (cosa che in genere mi provoca il mal di mare) invece sono caduto in catalessi. Solo perche' si parla della bestialita' del razzismo non gli riesco a dare la sufficienza.

jason13  @  26/04/2020 00:04:05
   7 / 10
Buon film assolutamente consigliato anche per i piu' giovani.

Oskarsson88  @  30/03/2020 15:02:11
   7 / 10
Non è il mio tipo di umorismo, anche se alla fine qualche risata me l'ha strappata. Nel senso, l'humor nero mi piace ma qua era a volte troppo infantile e bambinesco. Riconosco però che la storia sia costruita bene e che la fotografia sia abbastanza buona. Il tema è vecchio ma ben rivisitato, una sorta di La vita e bella in chiave più commedia all'inglese e di presa in giro con comunque i suoi momenti ovviamente drammatici. Capisco a chi sia piaciuto molto, ma a me non ha entusiasmato.

Gruppo REDAZIONE Cagliostro  @  20/03/2020 14:47:18
   6 / 10
6 perché il film è tecnicamente valido e gli attori sono molto, molto bravi.
Complessivamente, tuttavia, non mi è piaciuto. Non è una commedia, ma una tragedia neppure troppo travestita da commedia. Il personaggio immaginario di Hitler avrebbe potuto essere sviluppato e sfruttato meglio; buono invece il rapporto fra Jojo ed Elsa.
Non è un nuovo sguardo sulla tragedia della seconda guerra mondiale, non ha uno stile narrativo originale e, oltretutto, nella prima parte è anche piuttosto noioso, almeno io l'ho trovato tale.
A mio giudizio è un film scritto ed interpretato bene, diretto in modo convenzionale e senza alcuna originalità. Tutto sommato è un film assolutamente perdibile.

Goldust  @  17/03/2020 11:26:04
   8 / 10
Ce ne vorrebbero di più di film come questo perchè riescono a conciliare le risate classiche della pellicola di pura evasione con momenti di riflessione profondi sulla guerra e le sue brutture. Un pò " La vita è bella" per come il conflitto viene visto dagli occhi di un bambino, un pò Wes Anderson per il gusto del colore acceso e per il tratteggio della famiglia disgregata ( e molto "Moonrise kingdom" ovviamente per il campo scout e per il messaggio di libertà che accompagna la storia ) se proprio dobbiamo cercare dei chiari riferimenti cinematografici, eppure Waititi riesce ad amalgamare tante altre belle cose che funzionano come i dialoghi di speranza tra gli adolescenti o le gag ricorrenti con l'amico paffutello del protagonista, oltre a ritagliarsi la parte dell'esilarante spettro di Hitler in persona. Il tutto non facendo mai calare l'interesse per gli avvenimenti ed utilizzando sempre, finale compreso, una delicatezza di tocco davvero sorprendente. Uno dei migliori film della stagione, con un cast corale in grande forma.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  13/03/2020 20:18:55
   7 / 10
Jojo Rabbit è un film dove Waititi non è ai livelli di quell'umorismo nero di What shall we do in the shadows. Questa componente è più sfumata rispetto a quel film. Piuttosto se si deve associare questo film ad un riferimento, di sicuro La vita è bella è molto più vicino, non solo come contesto, ma anche per la vena ironica in un contesto tragico come la guerra e di riflesso la Shoah. Un ragazzo che trova come amico immaginario la figura di Hitler la figura di riferimento che unita alla propaganda nazista ne fanno un surrogato della figura paterna. Tuttavia questo racconto di formazione definirà il protagonista per quello che è veramente, cioè un bambino di dieci anni, spogliato dal lavaggio del cervello nazista e che cominicerà a confrontarsi con la realtà della guerra senza il filtro dell'amico Hitler. Waititi è bravo, ha personalità ma forse non riesce ad essere più incisivo come Vita da vampiro. Non mancano alcune sequenze molto belle, sia di stampo umoristico che quello tragico e amaro.

biagio82  @  17/02/2020 18:07:55
   7 / 10
buon film, l'ontano anni luce dal geniale come tanti lo hanno definito nei commenti precedenti secondo me, ma merita sicuramente di essere visto.
le cose buone sono alcune battute davvero azzeccate (anche se cattivissime) una trama che riesce a non annoiare, neanche nei momenti più rilassati, e delle interpretazioni davvero convincenti (sam rockwell su tutti)
ma la regia non mi convince del tutto, troppo moderata in tutto, sia nella maggior parte delle battute troppo pacate nella maggior parte delle vote, che, sopratutto, incapace di spingere negli eventi più tragici della vicenda, lasciando, passare cose gravissime come se quasi nulla fosse



Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

anche la sceneggiatura, troppo derivata da classici come il nostro "la vita è bella" o al "diario di hanna franck" non brilla per l'originalità per cui si dovrebbe usare il termine geniale.
da vedere sicuramente, ma i capolavori sono altri

JohnRambo  @  13/02/2020 21:49:15
   9 / 10
Di eccezionale intensità e momenti di altissima commozione, interpreti molto azzeccati con la bellissima Scarlett Johansson che ricorda di non essere solo una sensuale Vedova Nera ma anche una vera attrice, con ruoli dove non l'immagineremmo. Ottima prova di Sam Rockwell.
Un dramma di grande amarezza che si conclude con una punta di speranza, sulla falsariga di "La vita è bella".

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  10/02/2020 22:59:22
   6½ / 10
Film malriuscito nel connubbio commedia, grottesco e dramma che spesso perde i suoi equilibri.
A metà tra un film di Anderson e Polanski, Jojo Rabbit non riesce nel suo intento soprattutto nella prima parte mentre, non appena vira su binari più convenzionali riesce a prendere il senno e diventare più interessante.

Sinceramente l'idea è buona così come la sceneggiatura, forse la parte meno convincente è proprio della regia, nonostante ciò il film è riscattato da un adorabile giovane protagonista.

Scuderia2  @  10/02/2020 18:40:07
   8 / 10
Arrivano 3 famiglie marito e moglie più rispettivi figli di 7-8 anni.
'Voi siete sicuri che sia un film per bambini?'
Appare Sam Rockwell e uno dei papà (quello simpatico, credo) a voce alta: ah, c'è Tom Cruise, invecchiato male, eh...
Sta per scattarmi il nazismo, ma soprassiedo. Deve essere dura per quei piccoli...

Il film, dunque.

Giovani Landa incontrano Fräulein Anna Frank

GLIMMERTWINS  @  08/02/2020 21:46:04
   9 / 10
Geniale.
Va detto che della commedia non ha assolutamente nulla.Se non il pallosissimo inizio che ben poco lascia trapelare di uno dei più bei finali degli ultimi anni.
È a tutti gli effetti un film drammatico.
E i momenti in cui si cerca forzatamente (e senza successo) la risata grassa del pubblico sono i peggiori del fillm.
Che, per il resto è poesia pura.
Purissima poesia.
Non tanto per una Scarlett Johannsson che, Oscar o non Oscar, in vesti sciatte è eccezionale ma un pi' irritante.Quanto per la prova non esagero a definire MEMORABILE di Roman Griffin Davis.
Mai visto un bambino recitare in modo simile.
Il film è lui.Con i suoi tormenti e le sue (dis)illusioni.
Negli ultimi 20 minuti in sala c'è stato un assordante silenzio che non vedevo da anni.
Un grande inno alla Libertà.
Nessuna retorica politica, nessuna retrologia.
Soltanto un inno alla Libertà.
Un film importante

andrea9002  @  08/02/2020 16:47:23
   8½ / 10
Piccolo e ben confezionato capolavoro di ironia e buon gusto, riesce ad intrattenere e divertire senza risultare volgare od offensivo nei confronti delle vittime della Germania nazista. Non ai livelli de La vita è bella di Benigni ma comunque una ottima commedia che offre l'occasione per riflettere sulla natura del comportamento umano e quanto questo sia condizionato dalle circostanze.
Ottimi anche gli attori veramente azzeccati e perfettamente in parte. Da vedere.

mrmassori  @  08/02/2020 13:55:01
   7 / 10
Carino e a tratti originale ma nel complesso è veramente troppo sopravvalutato

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  07/02/2020 10:46:31
   5½ / 10
Territori a rischio scivolone quelli percorsi da Taka Waititi, uno di quei registi a dir poco abili nel miscelare commedia e dramma, intelligente nell' indurre alla riflessione con leggerezza, capace di argomentare situazioni scomode con invidiabile leggiadria. Sulla carta quindi il miglior filmaker per portare al cinema la presa di coscienza dell' imberbe Jojo, aspirante nazista nella Germania di Hitler sul finire della guerra.
Dopo un avvio fulminante in cui Waititi sfrutta al meglio uno script intriso di comicità ai limiti dell' assurdo, il film si spegne clamorosamente, inceppando la miscela tra i vari ingredienti ed annullando potenziali lacrime e risate. Un pasticcio noioso e confuso a cui non bastano una Johansson cuore di mamma e un Rockwell gerarca non troppo convinto a risollevare le sorti di una pellicola in perenne fastidioso bilico tra farsa e tragedia, in cui, alla lunga, anche la geniale intuizione di Hitler nei panni dell' amico immaginario diviene orpello indigesto. Visto il tema scomodo potrà piacerà a molti, come del resto è giusto che sia considerata l' importanza di tenere viva la memoria su un orrore così enorme; tuttavia è innegabile che "Jojo Rabbit", tolti l'incipit e due/tre sequenze ben sviluppate (tra cui una straziante), abbia pochissimo da offrire.

adamantio  @  05/02/2020 10:03:31
   8 / 10
Divertente, commovente ed emozionante. Assieme a Parasite e Joker uno dei migliori film che ho visto quest'anno. Da vedere assolutamente.

Invia una mail all'autore del commento bleck  @  04/02/2020 10:46:36
   6 / 10
Forse sono stato fuorviato dalle precedenti votazioni, mi aspettavo di vedere un capolavoro ma così non è stato. Ho la sensazione che la media alta riportata fin qui è dovuta anche al fatto emozionale della vicenda e di cosa si occupa. Cosa che accade spesso anche su temi che riguardano il sociale, spesso i voti sono alti a prescindere poi dalla qualità dell'opera.
E' una commedia che più o meno si lascia vedere, anche se non nascondo di aver sbadigliato un po'...ma probabilmente sono io che non capisco nulla di cinema...

benzo24  @  02/02/2020 12:02:09
   9½ / 10
Everybody knows the war is over
Everybody knows the good guys lost
(Leonard Cohen)

I buoni perdono la guerra, soprattutto la guerra dell'amore, si perchè è di questo che parla il film di Waititi.
Il più grande errore che si può commettere è pensare che l'Hitler interpretato dallo stesso Waititi sia l'amico immaginario di un bambino strano e invasato dai motti nazisti (bellissimo l'inizio con le mani alzate di una intero popolo mentre i Beatles intonano la loro I Want Hold Your Hand in tedesco, fanatismo e poesia da Oscar).
In realtà quella figura fantsamatica è molto di più, non solo rappresenta la sostituzione del padre ormai assente (forse morto), ma rappresenta il padre di una intera nazione di giovani orfani e giovani cloni che vogliono diventare uomini troppo in fretta ( e nel mentre quando si allenano nel campo per diventare soldati si sente I Don't Wanna Grow Up di Tom Waits: altra scena da Oscar) ma soprattutto rappresenta l'ostacolo e l'impedimento dell'inconfessabile desiderio incestuoso che Jojo prova per sua madre ( sono condannata a sembrare incredibilmente attraente - dice Scarlett Johansson in una scena del film), che è di fatto una anti nazista che "fa quel che si può" per far cadere il regime e aiutare gli ebrei, lei perfetta ariana, lui invece zoppo e sfigurato.
Questo desiderio inconfessabile di Jojo verso la madre però si materializza in una ragazzina ebrea che compare improvvisamente come un fantasma e che rappresenta e conferma tutte le paura che Jojo aveva sul popolo ebraico e sull'altro sesso, Jojo viene, malmenato, minacciato, disarmato, impaurito e sedotto allo stesso tempo, in una sequenza da antologia da film dell'orrore.

Nel film non esiste nessuna coppia, tutti sono soli e come partner hanno un fantasma o un ideale, anche le cose che solitamente dovrebbero fare coppia sono anomale o non hanno copia; Jojo ad esempio come già detto è zoppo, ha una gamba che non funziona e ha metà volto sfigurato, il Capitano K (Sam Rockwell, il nazista buono che perde la guerra) ha un occhio solo, e così via.
In tutto il film ricorre l'immagine di una scarpa slacciata.
Alla fine tornerà nuovamente l'armonia e la simmetria soprattutto nelle due scene più significative, dove questa scarpa verrà allacciata definitivamente., una sarà la scarpa della madre, (l'amore sacro) e l'altra quella della ragazzina ebrea (l'amor profano)
Ma ricordate quello che diceva Carmelo Bene : Chi sceglie la libertà sceglie il deserto!

Ch.Chaplin  @  02/02/2020 10:37:29
   9 / 10
Una rara black comedy con protagonisa un bimbo, in un contesto che non abbiamo mai visto con gli occhi innocenti di un piccolo che, nella Germania prossima alla Liberazione dal nazismo, vive la trasformazione dell'età e della Storia sulla propria pelle. C'è spazio per tutto:risate, lacrime, profonde riflessioni sul disastro della guerra.

TheLegend  @  01/02/2020 01:20:31
   7 / 10
Commedia originale e ben realizzata.

Er pomata  @  31/01/2020 18:41:59
   7½ / 10
Una vera sorpresa. L'Olocausto visto con gli occhi di un bambino, che racconta e vive una storia particolare. Da vedere.

Elmatty  @  30/01/2020 21:10:16
   8 / 10
Bella sorpresa.
Taika Waititi mi aveva incuriosito con il suo Thor Ragnarok, anche se il film non mi è piaciuto molto, però si vedeva che questo regista aveva un qualcosa da dire e che aveva un pizzico di coraggio nel creare uno stile riconoscibile, oltre ad avere un bello stile di regia.
Questo JoJo Rabbit rispecchia perfettamente Taika Waititi.
E' una commedia nera che ha l'enorme pregio di far riflettere, cosa rara.
Di per se la storia è molto semplice e lineare ma la sceneggiatura ha una freschezza e delle idee interessanti, alcune che fanno ridere ed altre fanno riflettere rimanendo sull'ottima della commedia.
Registicamente parlando la regia l'ho trovata ottima, con belle inquadrature, ha i giusti tempi e piccole chicche come:


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Bella fotografia fatta di colori accesi per sottolineare la natura fanciullesca del racconto
I personaggi sono costruiti benissimo e tutti hanno il loro giusto spazio.
Il bambino recita davvero ma davvero bene, da delle belle sfumature al suo personaggio, il regista invece interpreta Hitler ed è esilarante visto che:


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Mi è piaciuta molto la ragazzina e un plauso enorme a Sam Rockwell per il suo personaggio (e per la sua interpretazione mostruosa) molto ambiguo e strano che non si capisce mai bene dove vuole andare a parare, a volte sembra serio altre volte sembra un buffone.
Quella che mi ha convinto di meno ì, anche se ritengo che abbia recitato bene, è la Johansson che carica un po' troppo i tratti del suo personaggio rendendolo un po' caricaturale, nomination all'Oscar 2020 esagerata secondo me.
Per concludere: un ottima commedia ed una piacevole sorpresa di inizio 2020 che conferma Taika Waititi come un regista da tenere d'occhio, vediamo con il prossimo Thor che cosa combinerà.

wuwazz  @  29/01/2020 21:41:34
   7 / 10
Buon film, pieno zeppo di idee carine, ma nel complesso non mi sembra di aver assistito a niente di eccezionale. Un film molto retorico, con qualche forzatura di sceneggiatura per creare qualche piccola emozione drammatica.
Ho trovato veramente insopportabile la Johansson nei panni della mamma super yeah super progressista super alla moda con quel fare alla mary poppins traboccante di sapienza (cammina sui muretti mentre spara perle di massima saggezza con la massima leggerezza, facendo finta di niente). Insopportabile.
Sam Rockwell come sempre fenomenale.

7219415  @  29/01/2020 10:41:19
   7½ / 10
Carina commedia sul nazismo

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR rain  @  27/01/2020 19:34:49
   8½ / 10
Deliziosa commedia nera che tratta argomenti e valori che dovremmo dare per scontati ma che è sempre bene ribadire. Lo fa in un modo originale e diverso dal solito, non mancando mai di rimarcare la gravità dei fatti raccontati nonostante il tono leggero.
Nella riuscita generale è fondamentale l'apporto di un cast in stato di grazia: il giovanissimo Griffin Davis è una piacevole sorpresa, tanto quanto la graziosa Thomasin McKenzie, il regista Taika Waititi è anche un buffissimo Fuhrer, Sam Rockwell è divertente come pochi, di Scarlett Johansson si parla sempre (giustamente) tanto della sua bellezza ma forse non a sufficienza della sua bravura (esatto, è anche un'ottima attrice), e per finire anche l'uomo della Gestapo (non so il nome dell'attore) riesce a lasciare il segno nonostante una parte piccolissima.

Uno di quei film che fanno riflettere divertendo; ci vogliono anche questi, chissà che magari (speranza vana) qualche zucca vuota non riesca a capire, con un'opera leggera, che il nazismo è il male.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  27/01/2020 16:47:56
   7 / 10
Commedia nera in grado di alternare momenti di spensierato sberleffo all'apparato nazista, ad altri di dramma potente. Il neozeladese Waititi assimila la grandissima lezione Chaplin, e ripropone un Hitler buffonesco, che però non è il protagonista, il protagonista è il bambino; Hitler è solo una figura di contorno, è solamente l'allucinazione di un bambino, e non la feroce allucinazione di un popolo accecato.
Bella pellicola; nonostante ricorra a un soggetto di base già più volte adoperato, riesce a essere un prodotto fresco e godibile.

Jokerizzo  @  27/01/2020 11:56:40
   10 / 10
Il voto parla da sè...

Lockjack  @  26/01/2020 00:38:19
   7½ / 10
Sì... un intruglio simpaticamente gradevole anche per la sua caratteristica di volersi sciorinare così com'è, senz'il vezzo di pungolar'il gulliver di chicche e sia ne la cerca d'una qualsiasi cifra.
Ma non ci si adagi sugl'allori che mò lo vede pure Mauro Lanari. :D

2 risposte al commento
Ultima risposta 26/01/2020 18.31.30
Visualizza / Rispondi al commento
topsecret  @  25/01/2020 18:04:05
   7 / 10
Un'altra benemerita presa per i fondelli verso Hitler e la sua malata ideologia nazista.
Favola nera o realtà edulcorata, comunque la si voglia vedere, JOJO RABBIT è una pellicola discretamente tratteggiata, dotata di buon ritmo, apprezzabili prove attoriali e una capacità disarmante di affrontare tematiche di estrema drammaticità con un piglio quasi leggero, dinamico e garbato, tanto che non si fatica ad apprezzare.

lucasssss  @  24/01/2020 09:56:40
   7 / 10
molto originale, un dramma rivisitato e trasportato al cinema in versione commedia
consigliato

Wilding  @  23/01/2020 21:54:59
   7 / 10
Istruttivo e originale, tratta un tema pesantissimo con grande intelligenza. In questi giorni di avvicinamento alla giornata della memoria è una pellicola per le scuole.

ilgiusto  @  23/01/2020 10:25:12
   8½ / 10
Giudizio complicato.
Durante la visione c'è una continua sensazione di 'sbagliato', questo non va bene, questo non si fa, questo… perché? Troppa ironia fuori luogo, troppo grottesco, troppo semplificato… … … però …. funziona! Accidenti se funziona!
Il 'bambino' buca lo schermo! Sam Rockwell wow! La Soundtrack è da paura con un Giacchino in stato di grazia! Scarlett J. non mi è piaciuta per niente ma, alla fine, è Scarlett J. è sta in questo film e tanto basta!
Insomma con tutte queste contraddizioni esiste la seria possibilità che questo film sia un vero capolavoro.
D'altronde basta porsi delle domande: riguarderesti Jojo o C'era un volta a Hollywood? Jojo. Jojo o Joker? Jojo.
E allora si, evviva Jojo.
Signore e signori habemus winner, mi sbilancio parecchio e vi pronostico (come feci l'anno scorso con Green Book) che Jojo vincerà l'Oscar come miglior film.
Imperdibile.

3 risposte al commento
Ultima risposta 24/01/2020 08.55.55
Visualizza / Rispondi al commento
antoeboli  @  20/01/2020 19:23:22
   10 / 10
Ritratto di un momento storico molto triste per l umanità, Jojo Rabbit è un film che mescola la commedia al sapiente uso della drammaticità degli eventi narrati attraverso uso di battute che tirano fuori l ignoranza dilagante a quel tempo e anche vera ahimè.Quest ultima che viene simboleggiata con la mente di un ragazzino di dieci anni a cui sembra è stato fatto un lavaggio del cervello(cosa che accade purtroppo anche oggi ma con altro genere di medium).
Un film dove la fotografia ci mostra dei colori fiabeschi,che mi ha ricordato Moonrise Kingdom nei primi minuti,misto a una regia superlativa ,di questo regista neozelandese,che qui fa anche l'attore nelle vesti del fuhrer.
Una ost fatta di brani non dell epoca ma rockeggianti e postumi all epoca in cui è ambientata la pellicola,con una scelta azzeccata.
Da lodare l intepretazione strepitosa di S.Johanson che secondo me potrebbe acchiappare l'oscar.

lampard8  @  18/01/2020 14:17:34
   10 / 10
Se ancora non siete andati a vederlo,fatelo. Pungente, weird,sardonico,irriverente, commovente e geniale come pochi. Fra 10-20 anni sarà citato sicuramente come super cult.

marcogiannelli  @  18/01/2020 11:05:27
   8 / 10
Taika Waititi punta il dito contro la diffusione delle nuove ideologie destrorse con una commedia che diventa drammatica nell'ultima mezz'ora. Mettersi nelle vesti di un bambino di 10 anni nella Germania nazista del '45 è davvero difficile nel 2020 ma presto capiamo che il piccolo e doce JoJo non è davvero quello che vuole sembrare, ovvero un cattivissimo nazista, ma un bambino come tutti gli altri. E lo si vede dal filtro che lui pone su un Hitler, interpretato dallo stesso regista, che appare come un amicone simpatico, ma che varierà nel corso della storia come varia l'idea che ne ha il bambino nella sua testa. Forse doveva stare in scena un pò di più.
Superba interpretazione di Scarlett Johansson, che trova il giusto equilibrio tra una madre ultradivertente, una sognatrice, una donna con le palle, una idealista, una madre premurosa ecc. Forse le sue scene sono le più intime e le più significative.
Meraviglioso anche Sam Rockwell in questa parte da gerarca nazista decaduto con un occhio di vetro, delle tendenze omosessuali e una parte nascosta che scopriremo molto in là nel film.
Rebel Wilson ha giusto qualche scena ironica ma ben calibrata rispetto a film in cui è troppo scollata.
Si passa fin troppo facilmente da scene fiabesche a scene ultra crude, non tanto per la violenza visiva ma per quella psicologica. Per non parlare delle scene esilaranti che sono tantissime e distruggono completamente le figure dei nazisti.
Grande opposizione di una storia che in teoria è molto cruda con queste tinte iper colorate pastello, un pò alla Wes Anderson.
Belle le musiche famose reinterpretate in salsa tedesca.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  18/01/2020 08:12:40
   7½ / 10
Un film molto bello da vedere, meno bello se vogliamo dirlo da sentire... Una favola dark che mantiene i connotati della "leggerezza" nche se poi le immagini di repertorio - rare ma bellissime - e diversi frammenti ci riportano a una durissima, devastante realtà. Quello che lascia perplessi è il tono di FARSA accentuata mentre la memoria scorre, nei momenti più drammatici, a Tarkovskji ("L'Infanzia di Ivan"), a Rossellini, a Spielberg del fin troppo contestato "L'Impero del sole". Una farsa, dicevo, dove Hitler sembra quasi il nipote virtuale di Errol Flynn celebrato/venerato come una Rockstar o un Mogol, l'addestramento dei ragazzini il mondo dei boy scout raccontato da Wes Anderson in uno dei suoi film più poetici, strizzando l'occhio talvolta a Louis De Funes e alla Storia più funesta cfr. Il Nazismo raccontata con beffarda ironia. Ma, dicevo, resta una sorpresa e un film quasi "nuovo" rispetto al cinema contemporaneo. La crescita di Jojo e il rapporto quasi magnetico con la madre - una sorprendente Scarlett Johansson - e la ragazzina ebrea (continuità generazionale/parentale con la compianta sorella morta) hanno una forza lirica e umana davvero sorprendenti. E quando il mondo deve ricostruire una Vita dopo le macerie del passato, la fine del Nazismo, facile pensare a Jojo come al bambino di "Germania anno zero" che la regista ha sicuramente visto, ma che vuole e può ancora "salvare" dal suo destino infausto. Ci sono momenti in cui è difficile credere che tutto possa passare invano, che si possa raccontare una storia così senza strapparsi le vesti per la mancata Ortodossia del dramma umano. Invece funziona, con l'Epica spontanea di un fanatismo folle che non vede la colpa nei volti dell'innocenza

dagon  @  16/01/2020 22:19:02
   8 / 10
Finalmente un film originale e diverso dal solito. Waititi si conferma un regista estroso e che persegue con integrità la sua visione di cinema. Un film surreale, poetico e delicato, che riesce a far coesistere ironia e dramma con grande equilibrio e sensibilità. Non è un film sulla Shoah, ma una satira focalizzata sui totalitarismi e su come sia facile manipolare ed esser manipolati, soprattutto da bambini, e con un forte messaggio che ti arriva quando magari avevi appena sorriso. Emblematica in questo senso la scena

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER Ottimo l'esordiente Roman Griffin Davis, ma tutto il cast se la cava benissimo, mentre riecheggiano echi di Wes Anderson. Un piccolo gioielo, a mio avviso.

1 risposta al commento
Ultima risposta 18/01/2020 01.29.21
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trumpabout endlessnessafter 2after midnight (2019)alessandra - un grande amore e niente piu'alpsantebellumbalto e togo - la leggendabombshell - la voce dello scandaloburraco fatalecambio tutto!charlie's angels (2019)cosa resta della rivoluzione
 NEW
cosa sarÓcreators: the pastcrescendo - #makemusicnotwarda 5 bloods - come fratellidivorzio a las vegaseasy living - la vita facileel practicanteemaendlessenola holmesfamosafellini degli spiritigenesis 2.0ghostbusters: legacygreenlandgreyhound: il nemico invisibileguida romantica a posti perdutihoneylandi predatoriil caso pantani - l'omicidio di un campioneil condominio inclinatoil giorno sbagliatoil meglio deve ancora venireil primo annoil principe dimenticatoil processo ai chicago 7il re di staten islandimprevisti digitalijack in the boxla piazza della mia citta' - bologna e lo stato socialela prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala vacanza (2020)la vita straordinaria di david copperfieldlaccil'anno che verrÓlasciami andarele sorelle macalusolockdown all'italianal'uomo delfinomai per sempremaledetto modiglianimi chiamo francesco tottimiss marxmister linkmolecolemorbiusmurdershownel nome della terranomad: in cammino con bruce chatwinnon conosci papichanotturnoonward - oltre la magiaoutbackpadrenostropalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domanipaolo conte, via con meparadise - una nuova vitaparadise hillsproject powerqua la zampa 2 - un amico e' per semprequattro viterosa pietra stellaroubaix, una lucerun sweetheart runsemina il ventosola al mio matrimoniostar lightstay stillsul piu' bello
 HOT
tenetthe book of visionthe gentlementhe new mutantsthe old guardthe secret - le verita' nascostetrash - la leggenda della piramide magicatutto il mondo e' paleseun divano a tunisiun lungo viaggio nella notteuna classe per i ribelliuna intima convinzioneuna notte al louvre: leonardo da vinciundine - un amore per semprevivariumvulnerabiliwaiting for the barbarianswaves
 NEW
we are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000

1009723 commenti su 44248 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net