il maschio e la femmina regia di Jean-Luc Godard Francia 1966
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

il maschio e la femmina (1966)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film IL MASCHIO E LA FEMMINA

Titolo Originale: MASCULIN FÉMININ

RegiaJean-Luc Godard

InterpretiChantal Goya, Jean-Pierre Léaud, Michel Debord, Francoise Hardy, Catherine-Isabelle Duport, Brigitte Bardot, Marlène Jobert

Durata: h 1.50
NazionalitàFrancia 1966
Generedrammatico
Al cinema nel Settembre 1966

•  Altri film di Jean-Luc Godard

Trama del film Il maschio e la femmina

Diviso in 15 capitoli, ma narrativamente destrutturato, è un film sui giovani, 'i figli di Marx e della Coca-Cola': Paul (J.-P. Léaud) cerca lavoro, ha interessi sociopolitici ma non è militante come il suo amico Robert (M. Debord). Conosce Madeleine (C. Goya) che vorrebbe diventare una cantante e le sue amiche Catherine (C.-I. Duport) ed Elizabeth (M. Jobert).

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,75 / 10 (4 voti)7,75Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Il maschio e la femmina, 4 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR jem.  @  03/04/2013 23:50:41
   9 / 10
Attualissimo questo film di Godard. I 15 fatti precisi che compongono i film rappresentano attraverso uno stile del tutto scomposto la banalità e la solitudine che investono il mondo odierno.
Tanti cuori per Jean-Pierre Léaud.

Gruppo REDAZIONE amterme63  @  23/02/2013 15:32:54
   7 / 10
I film del primo Godard sono decisamente noiosi, però sono fatti molto bene, ricchi di spunti di riflessione. Non sono film-racconto, sono film-conoscenza, film-approfondimento di una certa epoca, di una certa tipologia di persone (i giovani francesi degli anni '60). Sono film approfondimento anche sull'arte stessa, sulla sua natura, essenza e funzione. L'intellettualità di questo film e degli altri di Godard è comunque funzionale, mai fine a se stessa. E' lo specchio di un'epoca e di una generazione che amava molto riflettere e approfondire.
Anche stavolta purtroppo ho dovuto fare i salti mortali per tenere gli occhi aperti (lo so, è colpa mia che guardo questi film alla fine di un'intensa giornata di lavoro). Riflettendoci sopra adesso a mente fredda mi rendo conto che anche "Masculin Feminin" è una piccola opera d'arte. Prima di tutto lo stile. Nessun regista come Godard riesce a rendere in maniera così perfetta su pellicola la normale vita ordinaria, con i caffé, i vetri appannati, i discorsi della gente, i rumori di fondo. Nessuno porta così bene sullo schermo la spontaneità diretta del personaggio, con quelle lunghe inquadrature fisse che non si fanno sfuggire neanche un sorriso, una piccola espressione, un gesto meccanico. Poi i lunghi dialoghi-interviste, i discorsi che rivelano i gusti, i pensieri, i caratteri dei personaggi-modello sociologico. Sì, perché i suoi film sono piccoli spaccati-studio della società parigina anni '60. "La generazione di Marx e della Coca Cola", la frase non poteva essere descrizione migliore dell'umanità e dell'ambiente rappresentati in questo film del 1966.
Sullo sfondo l'eterno tema del primo Godard: l'impossibilità per un giovane uomo e una giovane donna di intendersi, di formare una vera unione, una coppia salda. Anche qui i soliti tira e molla continui con tragedia finale. Per la prima volta in un film di Godard fa la sua apparizione l'omosessualità, trattata comunque in maniera neutra (come del resto tutto quello che avviene nelle sue storie, in quanto tutto è in ogni caso degno di rappresentazione estetica).
Un bell'omaggio alla gioventù francese degli anni '60, da gustare in maniera estetica, ammirando la fine arte dietro le immagini nella loro successione. Un plauso a Léaud, grande attore, splendida ed emotiva la sua interpretazione di Paul.
Nonostante ciò rimane comunque un film impegnativo, quasi impossibile da seguire a mente spenta.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  16/06/2012 11:40:58
   7 / 10
Solo la fugace presenza di Françoise Hardy mi ha spinto a vedere questo film... peccato però che si vede solo per un secondo, senza mostrare il volto o far sentire la sua voce. -.-
Pazienza.

Un Godard analitico, innovativo. Solo per chi conosce la Nouvelle Vague, gli altri lascino pure stare.
E poi c'è Jean-Pierre Léaud. Più commenti quindi, please.

Gruppo REDAZIONE maremare  @  20/02/2007 09:08:04
   8 / 10
la destrutturazione del cinema ebbe inizio con godard.
questo film ne è un fulgido esempio.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

7 uomini a molloa private waralmost nothing - cern: la scoperta del futuroalpha - un'amicizia forte come la vitaamici come prima (2018)anatomia del miracoloanimali fantastici: i crimini di grindelwaldaquamanattenti al gorillaben is backbenvenuti a marwenberninibird boxblack tide
 HOT
bohemian rhapsodybumblebeecalcutta - tutti in piedicapri-revolutionchesil beach - il segreto di una nottecity of liescold war (2018)coldplay: a head full of dreamscolette (2018)conta su di me (2018)conversazione su tiresia. di e con andrea camillericonversazioni atomichecosa fai a capodanno?dinosaurs (2018)don't fuck in the woods 2
 NEW
dove bisogna stareescape room (2019)friedkin uncut - un diavolo di registaghostland - la casa delle bambole
 NEW
glasshepta. sette stadi d'amoreholmes and watsonhunter killer - caccia negli abissii spit on your grave: deja vui villaniil castello di vetroil destino degli uominiil gioco delle coppieil grinch (2018)il ragazzo piu' felice del mondoil ritorno di mary poppinsil sindaco - italian politics 4 dummiesil testimone invisibileil vizio della speranzain guerraisabellela befana vien di nottela donna elettrica
 NEW
la douleur
 NEW
la favoritala notte dei 12 annila prima pietrala scuola serale
 NEW
l'agenzia dei bugiardilake placid: legacyle ninfee di monet: un incantesimo di acqua e lucelo sguardo di orson welleslontano da quilook awayl'uomo che rubo' banksy
 NEW
m.i.a. - la cattiva ragazza della musicamacchine mortalimalerba
 NEW
maria regina di scoziamenocchio
 NEW
mia e il leone bianco
 NEW
mia martini - io sono miamorto tra una settimana... o ti ridiamo i soldimoschettieri del re: la penultima missionenelle tue mani (2018)non ci resta che il criminenon ci resta che vincerenon dimenticarmi - don't forget menotti magicheotzi e il mistero del tempoovunque proteggimiralph spacca internetred land (rosso istria)red zone - 22 miglia di fuocoride (2018)robin hood - l'origine della leggendaroma (2018)santiago, italiase son roseseguimisenza lasciare traccia (2018)spider-man: un nuovo universostyxsulle sue spallesummer (leto)
 HOT
suspiria (2018)the barge peoplethe old man & the gunthe other side of the windthe young cannibalstre voltitroppa graziatutti lo sannoun giorno all'improvvisoun piccolo favoreupgradevan gogh - sulla soglia dell'eternita'vice - l'uomo nell'ombrawidows: eredita' criminalezen sul ghiaccio sottilezombie contro zombie - one cut of the dead

983468 commenti su 40748 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net