francesco regia di Liliana Cavani Italia 1988
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

francesco (1988)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film FRANCESCO

Titolo Originale: FRANCESCO

RegiaLiliana Cavani

InterpretiMickey Rourke, Helena Bonham Carter, Andréa Ferréol, Paolo Bonacelli

Durata: h 2.38
NazionalitàItalia 1988
Generebiografico
Al cinema nel Gennaio 1988

•  Altri film di Liliana Cavani

Trama del film Francesco

Alcuni anni dopo la sua morte, Chiara e cinque fra i primissimi seguaci del Santo ne ricostruiscono la vita, dalle dissipazioni giovanili alla prigionia nella guerra contro Perugia, la rinuncia ai beni materiali e la scelta di dedicarsi interamente ai poveri e ai lebbrosi, la faticata approvazione della "regola" da parte del papa Innocenzo III, via via fino al miracolo delle stigmate e alla morte.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,64 / 10 (7 voti)7,64Grafico
Miglior scenografia
VINCITORE DI 1 PREMIO DAVID DI DONATELLO:
Miglior scenografia
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Francesco, 7 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

DankoCardi  @  09/07/2020 23:46:56
   6 / 10
Ricordo che alla sua uscita fece un pò di scalpore il fatto che San Francesco d'Assisi venisse interpretato da un attore considerato "vizioso"come Mickey Rourke ed in effetti non so fino a che punto la scelta sia stata giusta (una scena si vedono i tatuaggi dell'attore americano), ma a parte Helena Bonham Carter nel ruolo di chiara tutto il cast lascia un pò a desiderare...l'attore che interpreta il Papa sembra un capo della Spectre di 007! Comunque il film si sofferma negli aspetti più drammatici, crudi e realistici della storia, siamo ben lontani dalla eterea spiritualità di "Fratello sole sorella luna" e questo non sarebbe un male ma forse si arriva a perdere di vista proprio l'aspetto spirituale che dovrebbe essere il fulcro di tutto, anzi la Cavani sembra fare anche un accenno ad un presunto "fanatismo" del poverello di Assisi. Quella che viene ben rappresentata è la povertà e l'umiltà a cui i protagonisti si dedicano. La pellicola però è troppo lunga, a tratti stucchevole e la regia spesso sfocia nel televisivo; anche la colonna sonora di Vangelis non lascia nulla di incisivo. Non convince del tutto!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Angel Heart  @  26/03/2011 19:31:49
   6½ / 10
Ricostruzione epica ed impegnata sulle gesta di Francesco d'Assisi, il santo che rinunciò alla vita benestante per dedicarsi ai poveri. Messo eccellentemente in scena per quanto riguarda le scenografie, i costumi, e l'uso delle location, soffre però di una narrazione soporifera e confusa (i fatti e gli episodi dalla biografia di Francesco sono presi un pò a caso e montati in maniera piuttosto slegata, privando così chiunque di continuità e chiarezza, specie lo spettatore che non è mai stato seguace del catechismo), di una regia alquanto incolore, e di una durata decisamente spropositata.
Ma non tutto questo male vien per nuocere, in quanto oltre ai già citati pregi (non da poco), il meglio dell'opera ci viene offerto dall'intensissima performance di uno straordinario ed indovinato Mickey Rourke (che all'epoca aveva un volto ed una voce molto più angelica di quello che si pensa): una prova complessa, sofferta (ed anche abbastanza azzardata) in cui il nostro recita al meglio delle sue capacità, più con gli sguardi e con il corpo che con la bocca, riuscendo a raggiungere vette di assolutà drammaticità e commozione sempre più alte (grazie anche alle belle ma sottotono musiche di Vangelis) man mano che procede nel suo percorso spiritico (destinato a sfociare in un finale a cui, proprio grazie alla sua inestimabile capacità di incorporare pianti, gioia e dolori in un'unica maschera, sarà impossibile rimanere indifferenti). Non dico assolutamente che questo sia il suo film migliore, ma in quanto a recitazione, credo che Mickey qui abbia raggiunto indubbiamente il suo top.

In definitiva, un film biografico riuscito, meritevole, ma tutt'altro che perfetto. Devo ammettere che ho ben compreso il perchè dei voti e dei commenti degli utenti che mi precedono, e mi rendo conto che dopo tutto quello che ho detto, il film meriterebbe anche un pò di più di un misero 6 ½. Ma allo stesso tempo, devo anche essere coerente con me stesso: non è per niente il mio genere... e se non fosse stato per Mickey Rourke, uno dei miei idoli, mai e poi mai mi sarei sognato di vedere un film così.

outsider  @  21/10/2009 20:21:02
   9 / 10
Bello e sacro!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gatsu  @  02/06/2009 22:13:57
   7½ / 10
Questo è uno splendido film con una visione un pò laica di Francesco D'assisi e la sua vita travagliata. Mi piace l'impostazione e il modo come son state girate le scene, forti e toccanti. Mickey Rourke in gran forma, uno delle suoi migliori interpretazioni, non c'è dubbio. Lo consiglio vivamente a tutti.

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  12/01/2008 14:33:55
   8½ / 10
penso che "Francesco" di Liliana Cavani sia un'esperienza irripetibile nella cinematografia mondiale e soprattutto sia tale per uno spettatore.
sicuramente il più riuscito riguardo al santo, anni luce da Zeffirelli e Rossellini (sì, anche lui), la Cavani sfrutta il suo interesse per la grandezza folle di questo santo e sfrutta soprattutto mezzi e personalità ricavandone un'opera di straordinario splendore e incanto.
Prendiamo un Mickey Rourke in forma strepitosa, un Vangelis trascendente se stesso (musiche che non si sentivano così da Blade Runner), Helena Bonham-Carter più splendida che mai, una ricostruzione pregiata del sostrato culturale sia ante che post San Francesco, un personaggio basilare anche dal punto di vista storico. prendiamo la passione e l'obiettività di una regista con talento da vendere, prendiamo un personaggio incantevole e grandissimo come Francesco. poi arriva l'ultima scena a suggerirci "capolavoro".
Come accade spesso per i film biografici, si rischia che l'individualità complessa del personaggio subissi quella del regista che fatica a inserirci del suo e ci propone un'inevitabile riassunto fotografico delle vicende del soggetto. ma ecco arrivare Liliana Cavani che si acquista un posto vicino al santo come umile, ma intelligente cronista dei fatti, non a caso il film è la narrazione dei fraticelli che scrivono la Sua storia. ecco infine presentarsi un altro particolare: il virtuosismo tecnica della regista è evidente, il linguaggio c'è ed è forte, riprese studiate e pregiate che portano significativamente lo spettatore a una riflessione interiore ed è qui che si capisce come un regista possa in base alla sua opinione esprimersi riguardo al soggetto anche solo con uno stile: da un lato infatti abbiamo Francesco, immortalato nella sua semplicità, dall'altro una regista che nel suo virtuosismo coglie gli aspetti più importanti della Sua vita.

5 risposte al commento
Ultima risposta 14/01/2008 17.07.41
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI antoniuccio  @  14/10/2006 18:48:17
   9 / 10
Il mio voto è dato con assoluta obiettività, dato che per il sottoscritto il cinema italiano non merita la spesa di un biglietto al cinema.

Davvero d'effetto tutta la costruzione della storia, anche se all'inizio non sembra molto convincente la passionalità della "conversione" di Francesco alla sua nuova vita.
Il resto del film procede benissimo, diventando anche coinvolgente. Bella e toccante la scena sulla Verna, e Rourke, proprio per la sua immagine stereotipata di personaggio dannato, riesce poi davvero bene a far emozionare nei panni del Poverello di Assisi.

PS. Se la Cavani ha voluto affrontare la storia di Francesco promozionandosi come laica, evidentemente ha voluto in tal modo (e se questo è il suo modo, buon per noi) "fare pace con D.io" attraverso uno dei Suoi più noti messaggeri.

4 risposte al commento
Ultima risposta 12/01/2008 14.22.26
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  12/10/2006 23:30:31
   7 / 10
Dignitoso e tutt'altro che ortodosso ritratto del fraticello d'Assisi, che ha le sembianze francamente improbabili di Mickey Rourke, immortalato nel pieno del suo vigore fisico (ma ancora per poco, ahimè).
Si direbbe un compromesso tra Hollywood e la tradizione italiana, invece è tutto sommato uno dei film piu' riusciti della mascolina regista emiliana.
E' anche il suo secondo film su Francesco d'Assisi (a tanti anni di distanza da quello con Lou Castel, certamente come attore fisicamente piu' vicino alla figura di San francesco), una fissazione per una laica, che quasi sembra cercare l'esilio spirituale nel confronto con la beatitudine dei monasteri
Molto individuale, direi

1 risposta al commento
Ultima risposta 07/10/2007 09.15.07
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1008723 commenti su 44074 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net