buoni a nulla regia di Gianni Di Gregorio Italia 2014
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

buoni a nulla (2014)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film BUONI A NULLA

Titolo Originale: BUONI A NULLA

RegiaGianni Di Gregorio

InterpretiGianni Di Gregorio, Marco Marzocca, Valentina Lodovini, Daniela Giordano, Gianfelice Imparato, Marco Messeri, Camilla Filippi, Anna Bonaiuto

Durata: h 1.27
NazionalitàItalia 2014
Generecommedia
Al cinema nell'Ottobre 2014

•  Altri film di Gianni Di Gregorio

Trama del film Buoni a nulla

Quante ingiustizie deve ancora subire il povero Gianni? Dai colleghi d'ufficio, alla vicina di casa pestilenziale, fino alle pretese impossibili della ex moglie, le angherie quotidiane sono infinite. Marco invece é un uomo buono, gentile, indifeso. Innamorato di Cinzia la giovane collega che lo schiavizza e lo illude. Bisognerebbe arrabbiarsi e imparare a farsi rispettare, ma come si fa? Da soli è difficile ma forse unendo le forze...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,71 / 10 (7 voti)6,71Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Buoni a nulla, 7 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

polbot  @  10/01/2017 07:56:47
   6½ / 10
Di Gregorio col suo solito personaggio che gentilmente subisce.. sfiora un altro tema d'attualità.. le minori certezze lavorative anche in età avanzata.. ne viene fuori sempre una piacevole commedia, che però perde qualche colpo nella seconda parte

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  17/11/2015 09:40:46
   6 / 10
Dopo i problemi con le donne Di Gregorio affronta il tema del lavoro e delle pensioni...per quei pochi fortunati che ci possono arrivare. Lui pensava di essere uno di questi ma un cavillo burocratico lo porta a dover stravolgere la sua vita proprio sulla soglia dei 70 anni...
Come sempre Gianni si muove bene nel rapporto con gli altri, sempre garbato e altruista ma anche la sua pazienza ha un limite, soprattutto quando si accorge di un collega vessato piu' di lui.
Purtroppo dopo una prima parte brillante il film cade un po' nei facili sentimenti offrendo un finale che non è un finale e che lascia la vicenda troppo in aria...
Direi che dopo l'incipt iniziale sembrano finite le idee...

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  12/04/2015 22:10:31
   6½ / 10
De Gregorio con il suo omonimo Gianni ripropone lo stesso tipo di personaggio, alle prese questa volta con l'incubo di una agognata pensione a breve termine (pochi mesi) che viene posticipata di tre anni e con la prospettiva di un cambiamento di vita radicale. E per un romano di vecchia generazione, abituato ai palazzi storici e relativa tranquillità di un quotidiano ormai accettato e consolidato, la propsettiva appunto del GRA è qualcosa di infernale. Di Gregorio ci introduce a questa nuova esperienza attraverso il suo solito personaggio, mite e malinconico con un sussulto di carattere, all'umanità che lo circonda. Il suo Gianni si mette gradualmente da parte e il Marco dell'omonimo Mazzocca diventa più centrale, quasi un passaggio di consegne ad un proprio alter ego più giovane. Come sempre si sorride con gusto, però il rumore di fondo di quel serpente GRA è sottilmente inquietante e sinistro.

Invia una mail all'autore del commento albatros70  @  04/04/2015 14:19:02
   7 / 10
Di gregorio non sbaglia un colpo. Pultio, garbato e ironico il film è da gustare lentamente. Da vedere sicuramente, peccato ne faccia uno ogni tre anni....

topsecret  @  17/03/2015 18:53:02
   7 / 10
Mi piace il modo di fare cinema di Di Gregorio: semplice, ironico e attuale. Tra le tante nefandezze che il nostro cinema sforna ultimamente, quello del regista ed attore romano sembra quasi un toccasana capace di regalare storie gradevoli, mai banali o stucchevoli e in grado di intrattenere il pubblico sia in maniera riflessiva ma anche con un sorriso sulle labbra.
Bravi e simpatici anche Marco Marzocca e Marco Messeri che aiutano Di Gregorio nella buona riuscita del film, piacevole passatempo da gustare senza fretta.

mmagliahia1954  @  18/02/2015 20:37:45
   7 / 10
Premetto come in precedenza che il mio parere è influenzato da una visione soggettiva. Insomma, mi sento un pò una Miss Marple a scrivere con un computer le mie idee su un film; essendo io una donna anziana; ma questo è un film per anziani! No, scherzo. Non è così o forse non è solo così.
Il protagonista ( non sapevo che fosse il regista e l'ho scoperto dopo con gli extra del dvd) è bravo e comico.
I co protagonisti altrettanto bravi e simpatici.
Diciamo che ci sono alcune banalità e/o eccessi forse, alcuni luoghi comuni, ma naturalmente per rappresentare la realtà desiderata al cinema forse calcare la mano serve un pò e poi, diciamolo, il film è volutamente ironico.
E' molto intelligente e scava dentro questo lavoro, non è stupido o banale, ma anzi fa riflettere oltre quello che ci si aspetterebbe. Noi italiani ci possiamo rivedere nei film girati in italia. Certo, Roma non è quella degli anni '60 ; ma comunque appare anche molto piacevole e meno caotica di quello che è in realtà. La storia è psicologicamente studiata. Gli interpreti, ripeto, bravi. Forse una persona in là negli anni apprezza di più; ma non è detto. Anche a mio nipote è piaciuto.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  24/10/2014 02:18:26
   7 / 10
Che occorra un film di Gianni De Gregorio a rinverdire il nostro buonumore messo continuamente a dura prova dagli eventi e dalla crisi, e' qualcosa di assolutamente non previsto. E invece De Gregorio e' un cineasta che merita sempre di essere ascoltato visto dibattuto. Prima di tutto e' onesto, nonostante le strizzate d'occhio al cinema d'oltremanica con quell'intreccio che rilegge sia American Beauty che Il Grande Capo di Von Trier, e poi si avvale di comprimari eccellenti che recitano personaggi da ricordare a lungo, cfr. La direttrice Anna Bonaiuto, il dentista psicologo di Messeri, il cameo di Gregoretti. La prima parte e' letteralmente esilarante, l'ambiente di lavoro dipinge una societa' che dal Fracchia/Fantozzi di antica memoria porta ai tristissimi giorni nostri, quelli della riforma delle pensioni e delle gerarchie subalterne. Peccato che verso l'epilogo il regista cerchi soluzioni troppo semplici, per non dire prevedibili, con quel contrasto populista da Cinepanettone, altrimenti avremmo avuto una delle commedie dell'anno

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1008539 commenti su 44050 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net