animali selvatici regia di Cristian Mungiu Romania, Ungheria 2022
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

animali selvatici (2022)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film ANIMALI SELVATICI

Titolo Originale: R.M.N.

RegiaCristian Mungiu

InterpretiMarin Grigore, Judith State, Macrina Barladeanu, Orsolya MoldovŠn, RŠcz Endre

Durata: h 2.05
NazionalitàRomania, Ungheria 2022
Generedrammatico
Al cinema nel Luglio 2023

•  Altri film di Cristian Mungiu

Trama del film Animali selvatici

Una riflessione sulla storia della Romania attraverso l'incontro con le comunitŗ che ne fanno parte: rumena, ungherese, moldava. Un uomo rientrato a casa dall'estero per Natale ritrova un paese immerso nella paura irrazionale e immotivata verso lo straniero, pronto a esplodere in una rabbia senza controllo.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,50 / 10 (3 voti)5,50Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Animali selvatici, 3 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

benzo24  @  16/08/2023 20:08:00
   1 / 10
Filmaccio pieno di luoghi comuni e frasi fatte che non prende mai in considerazione il punto di vista dell'altro (i cingalesi) e con un finale buttato a caso che molti sbagliando interpretano come ambiguo, mentre invece è solo ridicolo

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Thorondir  @  12/07/2023 14:34:47
   8 / 10
Stesso tema di "As Bestas" di Sorogoyen e stessa ambientazione rural-montanara. Con questo "R.M.N." Mungiu fa davvero la risonanza magnetica di un microcosmo che funziona come macro: ma a ben vedere è un film che invece della fredda Transilvania poteva essere ambientato anche in qualsiasi piccolo paesino d'Italia (e d'Europa). E vi assicuro che vivendo in un paese piccolo dell'Italia centrale non posso che aver rivisto in questo film le dinamiche tipiche anche della nostra quotidianità: perché in effetti quello che Mungiu fa, non schierandosi politicamente (quello lo si può fare nelle interviste, senza così didascalizzare l'opera), è fotografare l'esistente. Non un atto d'accusa, ma l'enucleazione di una realtà che esiste, c'è, e tacerla significa, quello si, fare una precisa scelta politica. Mungiu ci porta nei crepacci di un paese per lui ormai pessimisticamente perduto (tema già emerso con estrema forza in quell'altro suo gioiello che è "Un padre, una figlia"). E Mungiu, con il suo classico sguardo analitico e asettico fa affiorare le contraddizioni di questo micro-macro mondo: quelle di un paese in cui se ne vanno via tutti per lavorare in Germania o in Italia ma dove gli altri non possono venire a lavorare anche se ci sono posti di lavoro vacanti. Quello di chi, minoranza (gli ungheresi), non vorrebbe forestieri, quasi vi possa essere il timore di vedere un'altra minoranza nascere e quindi veder incrinati i propri "diritti". Ma lo sguardo di Mungiu, come detto, è anche disilluso nei confronti dei "progressisti" (qui esemplificati dalla figura della giovane dirigente d'azienda): di fatto il problema nasce da paghe misere, da una spietata lotta al ribasso, da una sorta di ineliminabile darwinismo sociale negli interstizi dimenticati d'Europa (mentre l'azienda percepisce i fondi europei). E con la classica padronanza della sceneggiatura, limata al dettaglio, Mungiu da vita ad un altro film drammaticamente pessimista e purtroppo tremendamente vero. Non convinto solo da quel finale sospeso.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  06/04/2023 22:33:52
   7½ / 10
R.M.N. è la risonanza magnetica di un luogo che può essere applicata non soltanto alla piccola realtà di un villaggio transilvano, ma credo a tutto il cosidetto mondo occidentale. Il tema è l'intolleranza verso lo straniero che si presume venga a rubare il lavoro ai locali. Peccato che i locali tale lavoro non lo vogliono assolutamente fare al salario minimo, un po' come in Italia si protesta che gli stranieri che vanno a raccogliere i pomodori rubano il lavoro agli italiani. Come se gli italiani fanno a botte per di andare a lavorare nei campi. Aldilà di questo, Mungiu scava ancora più in profondità cioè nel passato di questa comunità, che al suo interno è di per sè multiculturale con la maggioranza rumena, ma con minoranze ungheresi, tedesche ed altre etnie. Mostra quanto l'equilibrio stesso tra tali etnie sia fragile e pronto ad esplodere (Ve la ricordate la Jugoslavia?). Mungiu sceglie il personaggio di Matthias (discrimnato a sua volta come "zingaro" in Germania) come punto di osservazione delle tensioni all'interno del piccolo villaggio, tuttavia pur conservando un approccio realistico nel finale vira molto sul surreale, cosa abbastanza inedita per quello che ho visto di questo regista. Bella anche la fotografia che esalta l'atmosfera cupa e grigia del paese mai solcato dai raggi solari. Anche la regia è di ottimo livello. Pur seguendo principalmente il personaggio di Matthias, il fuori campo riveste una funzione importante come un qualcosa di minaccioso che incombe sui personaggi. Un film notevole per la capacità di Mungiu di analizzare in profondità un piccolo contesto che può essere applicato anche contesti più grandi.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

amleto e' mio fratelloanatomy of a fallanimali selvaticiassassinio a veneziaasteroid cityavanzers - italian superheroesbarbieblackbitsblue beetlebugiardo serialecattiva coscienzacoma (2022)comandante (2023)come le tartarughecome pecore in mezzo ai lupiconversazioni con altre donnedemeter: il risveglio di draculadoggy styledouble souldue fratelli (2023)enzo jannacci vengo anch'iofatello e sorellafelicita'gli oceani sono i veri continentigran turismo - la storia di un sogno impossibilehai mai avuto paura?hanno clonato tyronehypnotic (2023)i mercen4ri - expendablesi peggiori giorniil castello invisibileil confine verdeil faraone, il selvaggio e la principessail giuramento di pamfiril grande carroil mio amico tempestail mistero del profumo verdeil piý bel secolo della mia vitail sapore della felicitail supplente (2023)in the fireindiana jones e il quadrante del destinoinsidious - la porta rossaio capitanoio sono tuo padrejeanne du barry - la favorita del rekurskla bella estatela casa dei fantasmi (2023)la lunga corsa - una commedia stralunatala maledizione della queen maryla stanza delle meraviglie (2023)last film showle mie ragazze di cartal'invenzione della nevel'ordine del tempomamma qui comando iomanodoperamission: impossible - dead reckoning - parte unonina dei lupinoi anni luceoppenheimerpapa' scatenatopassagespatagoniapiggy (2022)priscillaraffarheingoldrido perche' ti amoritratto di famigliarodeorossosperanzaruby gillman - la ragazza con i tentacoli
 NEW
saw xshark 2 - l'abissotartarughe ninja - caos mutantethe equalizer 3 - senza treguathe nun 2
 NEW
the palacethe storetitinauna commedia pericolosauna donna chiamata maixabeluna stanza tutta per se'una sterminata domenicauomini da marciapiedewolfkin

1043105 commenti su 49758 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BUGIS STREETL'ARMONICALE CREATURELIFE OF A SHOCK FORCE WORKERLUMBRENSUENOMOVINGTHE WORKING GIRLS

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net