allonsanfan regia di Paolo Taviani, Vittorio Taviani Italia 1974
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

allonsanfan (1974)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film ALLONSANFAN

Titolo Originale: ALLONSANFAN

RegiaPaolo Taviani, Vittorio Taviani

InterpretiMarcello Mastroianni, Lea Massari, Laura Betti, Claudio Cassinelli, Bruno Cirino

Durata: h 1.55
NazionalitàItalia 1974
Generedrammatico
Al cinema nel Novembre 1974

•  Altri film di Paolo Taviani
•  Altri film di Vittorio Taviani

Trama del film Allonsanfan

Siamo all'inizio dell'Ottocento, in piena Restaurazione. Il nobile Fulvio Imbriani, di idee liberali, torna alla casa paterna dove, tra i ricordi dell'infanzia e gli agi della sua famiglia, dimentica l'impegno politico. I vecchi amici per˛ presto si fanno rivedere e lo inducono a prendere parte a una spedizione nel Sud che dovrebbe sollevare la popolazione contro il governo borbonico. La spedizione per˛ fallisce e...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,60 / 10 (5 voti)7,60Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Allonsanfan, 5 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Zarco  @  30/03/2016 21:53:10
   5½ / 10
Film pretenzioso quanto noioso, surreale, inconsistente e inconcludente, come tutti quelli dei fratelli Taviani. Andrebbe bene per dei bambini. Ogni volta ci riprovo ma niente da fare.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  21/03/2012 13:13:57
   7½ / 10
Allonsanfàn è il film sull'utopia, sul credere in qualcosa che si ritiene giusto e perseguirlo, sull'importanza formativa del singolo individuo. Il film dei Taviani mostra cosa significhi il rinnegare i propri ideali per adeguarsi a piaceri più terreni nutrendo soltanto il proprio egoismo personale. Il protagonista Fulvio passa quindi dall'accusa iniziale di tradimento verso gli ideali (accusa infondata), ad un susseguirsi di tradimenti nei confronti dei propri compagni, ingenui e naif nel proprio credo, quanto manipolabili dalle meschinità di Fulvio. L'utopia quindi è il mantenimento di quella coerenza soprattutto con sé stessi. Le sconfitte di oggi, come mostra il finale del film, possono essere le vittorie del domani.

donfabios  @  06/02/2011 02:57:02
   8 / 10
non posso che essere totalmente d'accordo coi due commenti precedenti.

Jumpy  @  09/12/2009 13:31:40
   8 / 10
Inizialmente ho faticato un po' a seguirlo e l'ho trovato pesantuccio.
Entrando nel vivo, mi ha appassionato molto, complici le ambientazioni e la fotografia splendide e la colonna sonora magistrale.
Ho notato un po' di alti e bassi: scene da cineteca e passaggi un po' meno riusciti.

Gruppo REDAZIONE amterme63  @  15/03/2008 20:59:41
   9 / 10
Sono rimasto molto colpito da questo film. Ha una storia molto interessante che fa riflettere, ma soprattutto è girato in una maniera incredibilmente bella. La fotografia è perfetta. Bisogna dire che si è fatto di tutto per far apparire le scene al meglio. Si sono scelti luoghi bellissimi, dalla Villa Adriana ai Sassi di Matera, passando per Castel del Monte e il lago d’Orta. Questi luoghi così famosi si integrano comunque benissimo nella storia, anche perché sono intervallati da altre scene di comune campagna di grande fascino, con una luce che vivifica o mortifica i colori (sempre molto intensi), a seconda dell’umore della scena. Le immagini risultano sempre molto “nitide”, solide, evidenti, nel senso dell’immediatezza e del rilievo del loro stimolo visivo e contenutistico. Sembra di avere davanti un quadro di David, e infatti la storia è ambientata proprio nei primi anni dell’800. Basta guardare poi le scene in cui le donne appaiono nude per vedersi apparire una Venere del Canova. C’è anche un personaggio che sembra il ritratto di Ugo Foscolo. Sono tutti stimoli estetici che si fondono e arricchiscono la storia e che non la sovrastano.
Ad aumentare il senso di “classico” e di “epico” che trasmette il film, ci pensano le musiche timbriche e corali di Morricone, le quali riescono sempre a dare grande rilievo a tutte le immagini. Si sente un po’ la presenza dello stile di Sergio Leone di “Giù la testa”. In ogni caso, il gusto “plastico” delle immagini era una caratteristica stilistica comune ai film dei primi anni 70.
La storia narra di Fulvio, un ex giacobino deluso dal fallimento pratico dei suoi ideali. La Restaurazione gli fa riscoprire il valore del “privato” (il calore della famiglia, l’affetto dei cari, il proprio figlio) e il fascino dei piaceri edonistici (la musica, il sesso, il carnevale). Vede adesso i suoi ex-compagni con occhi diversi, disillusi. Ne mette in rilievo tutti i difetti (ingenuità, distacco dalla realtà, inutilità del loro sacrificio) ma allo stesso tempo ne subisce ancora il fascino. Ne viene fuori un comportamento molto ambiguo e contraddittorio. I suoi ex compagni continuano a fare affidamento su di lui, che però non ha il coraggio di dire loro in faccia la verità. Si unisce controvoglia alle loro imprese per poi tradirli vilmente. Le scene finali ci fanno capire che forse Fulvio tradisce i compagni per rabbia, per ripicca verso se stesso che non riesce più a “credere”. Posto davanti all’illusione che forse il sogno si sia realizzato, finisce per cedere e “credere”, condividendo così la sorte dei compagni. Questo per dire che i sogni non moriranno mai, il loro fascino continuerà in eterno e la dicotomia entusiasmo/disillusione sarà destinata a riformarsi di continuo.
I registi cercano di non parteggiare per nessuna parte in gioco. Il rilievo è dato al personaggio di Fulvio e alle sue opinioni, però quando si tratta di ritrarre i compagni giacobini ecco che la mdp con i suoi primi piani ci rivela persone tutto sommato oneste, piene di nobili sentimenti, Persone con la P maiuscola, certamente più “simpatiche” e vive delle figure appartenenti alla Restaurazione.
Gli agganci con la realtà italiana del 1973/4 sono evidenti. Ormai era chiaro che la rivoluzione, così come era stata pensata nel 1968, non si sarebbe mai realizzata. Con chiarezza si mostra il destino di quel movimento: da una parte il ritorno al privato e il rifugio nell’edonismo, dall’altra la radicalizzazione e il distacco dalla realtà (il futuro terrorismo con le Brigate Rosse). Se ha un difetto questo film è secondo me proprio l’eccessiva invasione che ha il “moderno” nella storia. Certo, la storia si svolge in un contesto melodrammatico, ma le figure femminili sono fin troppo emancipate per l’epoca. I comportamenti dei personaggi sono forse troppo “attuali” e a volte stonano un po’ con il contesto della Restaurazione. Sono comunque difetti che si sopportano, vista la grande bellezza visiva di quest’opera.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

17 anni (e come uscirne vivi)
 NEW
2night
 NEW
47 metri7 minuti dopo mezzanotte
 T
a casa nostra (2017)acqua di marzoadorabile nemica
 NEW
alamar
 R T
alcolistaaldabra: c'era una volta un'isola
 HOT
alien: covenant
 T
altin in citta'annabelle 2assalto al cielobaby bossbolshoi babylonboston - caccia all'uomoclasse zcodice unlocked
 NEW
cuori purie se mi comprassi una sedia?east endellefamiglia all'improvviso - istruzioni non incluse
 T
fast and furious 8
 NEW
fortunataghost in the shell (2017)gold - la grande truffa
 T
guardiani della galassia vol. 2i called him morgani peggiorii puffi: viaggio nella foresta segretail giardino degli artisti: l'impressionismo americanoil mondo di mezzoil permesso - 48 ore fuoriil segreto (2016)il viaggio (2017)
 NEW
indizi di felicita'insospettabili sospetti
 T
king arthur - il potere della spadala cura dal benessere
 T
la guerra dei cafonila meccanica delle ombrela mia famiglia a soqquadrola notte che mia madre ammazzo' mio padrela notte non fa piu' paurala parrucchierala ragazza dei miei sognila tartaruga rossala tenerezzala vendetta di un uomo tranquillola verita', vi spiego, sull'amorel'accabadoral'altro volto della speranzal'amore criminalelasciami per semprelasciati andarele cose che verrannole donne e il desideriole verita'l'eccezione alla regolaliberelibere, disobbedienti, innamoratelife - non oltrepassare il limitel'uomo che non cambio' la storiamal di pietremaradonapolimexico! un cinema alla riscossa
 NEW
milano in the cage - the moviemiss sloanemma love never diesmoglie e maritomonster trucksmothers (2017)my italymystic game
 NEW
noi eravamonon e' un paese per giovaniorecchieovunque tu saraiper un figliopersonal shopperpiani parallelipiccoli crimini coniugali
 NEW
pirati dei caraibi: la vendetta di salazarplanetariumpower rangersqualcosa di tropporichard - missione africaritratto di famiglia con tempestasasha e il polo nordscappa - get outsicilian ghost storysole cuore amoresong to songsulla via latteatanna
 T
the circlethe dinnerthe most beautiful day - il giorno piu' bellothe rolling stones ole', ole', ole'! - viaggio in america latinathe space between (2017)the startupthis beautiful fantastictutti a casa - inside movimento 5 stelletutto quello che vuoiun altro meuna gita a romauna settimana e un giornounderworld - blood warsvictoriavirgin mountainwhitney (2017)wilson (2017)

955801 commenti su 37268 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net