Recensione underground regia di Emir Kusturica Ungheria, Bulgaria, Cecoslovacchia, Francia 1995
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione underground (1995)

Voto Visitatori:   8,87 / 10 (114 voti)8,87Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film UNDERGROUND

Immagine tratta dal film UNDERGROUND

Immagine tratta dal film UNDERGROUND
 

In Underground, di Emir Kusturica, si narra la storia di un folkloristico gruppo di persone, che durante la seconda guerra mondiale nella ex Jugoslavia, si rifugia in un ampio sotterraneo. Ignorando poi la fine della guerra, il gruppo dei personaggi continua ad abitare i bassifondi, intrecciandosi in varie vicende umane. E' sopratutto posto l'accento sul rapporto tra due uomini (il Nero e Marko) e una donna (Natalia) legati in un rapporto di amore-odio-amicizia, in maniera singolarissima.

Il film va visto come se si guardasse una fiaba. Ce lo dice anche, quasi in fondo, un attore presente ad un banchetto nuziale, parlando a noi spettatori direttamente in macchina, una scelta narrativa questa molta rara del cinema, se non in film della nouvelle vague francese (Truffaut, Godard, ecc.. ).
La storia-fiaba, scandita dalla musica forsennata di una banda di fiati che rimarrà impressa, narra in verità la storia degli ultimi 50 anni dell'ex-Jugoslavia, il paese del regista. Diviso in tre capitoli (guerra mondiale, dopo guerra, di nuovo la guerra) o se vogliamo, in tre atti (visti i ricorsi a teatro e set cinematografici che ricorrono), il film può ricordarne per certi versi anche un altro come Forest Gump di Zemeckis, anche esso con toni surreali, anche esso cavalcando vicende storiche estremamente tangibili. Questo parallelismo tra i due, è evidente soprattutto quando Marko è messo in mezzo a scene storiche della Jugoslavia, onorificato da Tito e il suo entourage, con un sapiente montaggio, come fu ancora più sorprendentemente per Forrest Gump insignito dal presidente Johnson, ed altri personaggi storici degli States.

Underground è sicuramente un bel film, popolato di molta simbologia, molte metafore.
Per accennarne alcune: due uomini che lottano per la stessa donna, potrebbero significare il contrasto che ha portato alla divisione della Jugoslavia; un forte mescolamento uomini-animali che compare nel film (c'è una simpatica scimmia che ricorre sempre), potrebbe far rifrettere sulla condizione di uomo-bestia o viceversa; tre matrimoni che ricorrono nel film, pongono sicuramente l'accento sul nucleo familiare, a cui il regista da molta importanza ed dal quale vuol partire per affrontare altri ideali; l'isolotto che nel finale si distacca (la Jugoslavia?); un uso delle telecamera che per molti personaggi è quasi sempre leggermente bassa (underground...), ecc...

Sono secondo me degne di nota in questo film molte scene, tra cui quella in cui, dopo un bombardamento, uno dei protagonisti si aggrappa piangente ad una croce scalcinata (come dire quasi, che Dio in guerra c'è sempre, ma ne esce provato anche lui...), con una carrozzina in fiamme che gli ruota attorno. E poi la scena, riconosciuta da molti come la più singolare: quella iniziale del film, allo zoo. Riguardo a questa, ho sicuramente una curiosità: come far "recitare" una papera bianca a far punzecchiare sul muso una tigre, assai irascibile? I misteri del cinema...

Lo consiglio.

Commenta la recensione di UNDERGROUND sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di fromlucca - aggiornata al 17/02/2004

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


889960 commenti su 31977 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


AMERICAN SNIPER
Locandina del film AMERICAN SNIPER Regia: Clint Eastwood
Interpreti: Bradley Cooper, Sienna Miller, Jake McDorman, Luke Grimes, Kyle Gallner, Navid Negahban, Keir O'Donnell, Max Charles, Brando Eaton, Brian Hallisay, Sam Jaeger, E.R. Ruiz, Eric Close, Owain Yeoman, Marnette Patterson, Cory Hardrict, Chance Kelly, Chance Kelly, Leonard Roberts, Eric Ladin, Emerson Brooks, Evan Gamble, Assaf Cohen, Tim Griffin, Sammy Sheik, Robert Clotworthy, Reynaldo Gallegos, Zack Duhame
Genere: azione

Recensione a cura di lastmik

THE IMITATION GAME - L'ENIGMA DI UN GENIO
Locandina del film THE IMITATION GAME - L'ENIGMA DI UN GENIO Regia: Morten Tyldum
Interpreti: Benedict Cumberbatch, Keira Knightley, Mark Strong, Rory Kinnear, Charles Dance, Allen Leech, Matthew Beard, Matthew Goode, Tuppence Middleton, Steven Waddington, Hayley Joanne Bacon, Tom Goodman-Hill, Hannah Flynn, Matthew Beard, Ancuta Breaban, James Northcote, Victoria Wicks, Bartosz Wandrykow, Alex Lawther, Leigh Dent, Grace Calder, Lese Asquith-Coe, William Bowden, Jack Bannon, Luke Hope, Alexander Cooper, Joseph Oliveira, Joseph Oliveira, Guna Gultniece, Lauren Beacham, Nicola-Jayne Wells
Genere: drammatico

Recensione a cura di JackR

archivio


MAI COSI' VICINI
Locandina del film MAI COSI' VICINI Regia: Rob Reiner
Interpreti: Michael Douglas, Diane Keaton, Sterling Jerins, Barbara Vincent, Paloma Guzmán, Frances Sternhagen, Frankie Valli, David Aaron Baker
Genere: commedia

Recensione a cura di peucezia

QUINTET
Locandina del film QUINTET Regia: Robert Altman
Interpreti: Bibi Andersson, Fernando Rey, Vittorio Gassman, Paul Newman
Genere: fantascienza

Recensione a cura di Giordano Biagio

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net
Division: Workless