le nevi del kilimangiaro regia di Robert Guédiguian Francia 2011
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

le nevi del kilimangiaro (2011)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film LE NEVI DEL KILIMANGIARO

Titolo Originale: LES NEIGES DU KILIMANDJARO

RegiaRobert Guédiguian

InterpretiAriane Ascaride, Jean-Pierre Darroussin, Gérard Meylan, Grégoire Leprince-Ringuet, Maryline Canto, Anaïs Demoustier, Adrien Jolivet

Durata: h 1.47
NazionalitàFrancia 2011
Generedrammatico
Al cinema nel Dicembre 2011

•  Altri film di Robert Guédiguian

Trama del film Le nevi del kilimangiaro

Nonostante sia stato appena licenziato, Michel è felice accanto alla sua Marie-Claire - alla quale è legato da trent'anni - e ai loro figli, nipoti ed amici più cari. Un giorno, la felicità di Michel e Marie-Claire viene spezzata da due uomini armati e mascherati che fanno irruzione nella loro casa e dopo averli picchiati e legati, li derubano. In seguito, quando Michel e sua moglie scoprono che l'aggressione è stata organizzata da Christophe, un suo ex-compagno di lavoro, un operaio che era stato licenziato insieme a lui, ne sono sconvolti, poi capiscono che l'uomo è stato costretto a rapinare per necessità.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,10 / 10 (5 voti)7,10Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Le nevi del kilimangiaro, 5 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento pompiere  @  04/06/2013 23:26:30
   8 / 10
Avere coraggio significa anche farsi carico della propria vita, insistendo sul legame tra esistenza individuale e collettiva, l'individuo e la società. Il coraggio non si esplica solo nell'ambito della collettività: c'è anche nella vita quotidiana di ognuno, nel modo in cui la si affronta, la si mette in pratica, nella propria morale. Diretto con mano sicura da Robert Guédiguian, "Le nevi del Kilimangiaro" ci cala in una dimensione afflitta ma cosciente, toccante e indulgente.

Bellinidj  @  07/02/2013 01:36:44
   6½ / 10
Film sopra la sufficienza che analizza in modo interessante l'uso del cuore contrapposto al giudizio d'impeto scaturito dalla rabbia. Le pecche: un pò troppo politicizzato e troppo lento in alcuni passaggi. Prevedibile un lieto fine, ma non lascia il segno.

Crimson  @  07/10/2012 12:11:41
   8 / 10
Sarebbe troppo semplice etichettare Guédiguian come un regista politicamente schierato, illuso o disilluso circa i diritti dei "suoi" operai e protettivo verso la "sua" Marsiglia. Ciò equivarrebbe a ignorare la sua più grande dote: l'umanità. Personalmente lo trovo un regista straordinario, a mente aperta, che mi trasmette una grandissima forza sia quando mi risolleva (Marius et Jeannette – per me il suo capolavoro) che quando mi annienta (Marie-Jo e i suoi due amori; La ville est tranquille).
Trapela sempre la medesima dignità che mi travolge, come in questa sua ultima perla, e mi commuove come quando nella fattispecie Michel e Marie-Claire scoprono che individualmente e segretamente hanno perseguito l'identico obiettivo di darsi agli altri senza riserve o per tornaconto.
C'è un amore vero che trionfa perché è concorde anche quando non ci si confida necessariamente tutto, perché intimamente i due protagonisti sono indirizzati verso la stessa meta. In Michel trionfa il senso di giustizia, mentre in Marie-Claire l'amore materno. Sono forme di dedizione differenti ma complementari. Michel avrebbe avuto tutto per disilludersi quando ha scoperto che uno dei due rapinatori è un suo ex-collega in fabbrica. Se le mire del suo alter-ego regista fossero state di sovrapporre il credo politico all'azione individuale, ne sarebbe scaturito un film diverso, forse tendente a quella sociologia spicciola incapace di concretizzarsi tra le persone vere che ci assomigliano così tanto, come le coppie protagoniste. Emerge invece la coerenza di una politica che si mette realmente in discussione nel momento in cui deve scendere a compromessi con la quotidianità, con ragioni fondamentali come il peso del giudizio, il valore della giustizia e la considerazione per gli altri esseri viventi. Scorre un flusso univoco di sensazioni e emozioni, attraverso cui il regista sembra indicarci che il riscatto personale può avvenire anche a partire dalle azioni sbagliate delle altre persone nei nostri confronti, analizzandone le cause per poi scoprire che talvolta c'è del "sensato" in esse, perché esiste un disagio che affonda radici profonde in un sistema che ci è ameno, che ci rifiutiamo di cogliere a priori. E' molto semplice puntare il dito verso le azioni sbagliate privandoci di analizzarne la fonte. Michel si vergogna quando il ragazzo gli rinfaccia la vita borghese e il sistema di licenziamento. Forse un po' aveva ragione. Trasforma questo sentimento iniziale di rabbia, rancore e risentimento nella tutela che ciò non accada più. L'amore per gli altri è una forza vitale straordinaria, non sta allo spettatore giudicare se e quanto sia lecito o meno che i due coniugi si prendano carico dei due ragazzini, ma è nostro compito piuttosto stigmatizzare il rigetto senza domande dei figli verso tale scelta. Ha un che di "convenzionale" la loro posizione rigida: si sa, i figli molto spesso hanno queste inflessioni apertamente negative nei film del regista.
Il trio di fedelissimi Ascaride-Darroussin-Meylan mi ricorda così tanto quello di Resnais composto dalla Azema, Dussolier e Arditi.

1 risposta al commento
Ultima risposta 07/10/2012 12.28.56
Visualizza / Rispondi al commento
vale1984  @  12/06/2012 18:35:58
   6 / 10
storia interessante ma un pò lenta e non brillante...una famiglia, il lavoro, i problemi, i principi forti di solidarietà e comunione si innestano alla demoralizzazione per la perdita del lavoro, ai licenziamenti, alla paura ed ai gesti inconsueti...insomma un film di vite difficili in una società di abbandono.
Il tema è interessante e ben trattato ma il film è lento e piatto.

Clint Eastwood  @  24/04/2012 22:02:57
   7 / 10
Da quanto ho capito Guediguian è paragonato come il Loach francese perché come Loach parla delle classi meno abbienti. Sarà anche vero ma il francese non sembra tanto convinto di quello che vuol far vedere anche se a giudicare da un film è praticamente impossibile. Sta di fatto che LE NEVI DEL KILIMANGIARO inizialmente offre buonissime premesse di questa coppia di onesti lavoratori che per il trentesimo anniversario del loro matrimonio subiscono una rapina ed insieme ad essa i biglietti per il viaggio in Africa che sono stati regalati dai figli. Alla ricerca di una qualsivoglia giustizia, Michel il vecchio da poco anche disoccupato si trova ad esaminare e capire la vicenda una volta preso uno dei ladri al fine di ritirare persino la denuncia alla polizia. E qui nei momenti chiave quando una determinata scena chiede più attenzione, Guediguian passa con disinvoltura; non insegna non si spinge oltre e ma nemmeno risulta retorico, racconta e basta. Importante che alla fine ci sia la narrazione e che tenga perché il film verrà capito lo stesso e difatti non sembra male complice anche di un buon cast di bravi attori.

3 risposte al commento
Ultima risposta 07/10/2012 12.21.03
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

47 meters down: uncageda mano disarmataalla corte di ruth - rgbamerican animalsannabelle 3aquaslasharrivederci professorebaby gang (2019)beautiful boy (2018)birba - micio combinaguaiblue my mind - il segreto dei miei annibring the soul: the moviecarmen y lola
 NEW
charlie says - charlie dicechristo - walking on waterclimax (2018)crawl - intrappolatidaitonadi tutti i coloridiamantino - il calciatore piu' forte del mondodicktatorship - fallo e basta!dolcissimedomino (2019)due amici (2019)edison - l'uomo che illumino' il mondoescape plan 3 - l'ultima sfidafast & furious - hobbs & shawfiore gemellogodzilla ii - king of the monstersgoldstone
 NEW
gretahotel artemisi morti non muoionoil flauto magico di piazza vittorioil grande salto
 NEW
il re leone (2019)
 NEW
il signor diavoloin fabricjuliet, nakedkinla bambola assassina (2019)la mia vita con john f. donovanla piccola bossla prima vacanza non si scorda mai
 NEW
la rivincita delle sfigatel'angelo del crimine
 NEW
l'ospite - un viaggio sui divani degli altrilucania - terra sangue e magial'ultima orama (2019)
 NEW
mademoisellemaryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmen in black: internationalmidsommar - il villaggio dei dannatinevermindpallottole in liberta'passpartu': operazione doppiozeropets 2: vita da animalipolaroid
 NEW
pop black postapowidoki - il ritratto negatoprimula rossaquel giorno d'estateraccolto amarorapina a stoccolmarealmsred sea divingrestiamo amicirocketmanselfieserenity (2019)shelter: addio all'edensir - cenerentola a mumbaiskate kitchensoledadspider-man: far from home
 NEW
submergencetesnotathe boy 2the deepthe elevator
 NEW
the lodgethe mirror and the rascalthe nest (il nido)the quake - il terremoto del secoloti presento patricktoy story 4una famiglia al tappetovita segreta di maria capassowake up - il risvegliowelcome home (2019)wolf call - minaccia in alto marex-men: dark phoenix

990980 commenti su 41902 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net