l'assedio regia di Bernardo Bertolucci Italia 1999
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

l'assedio (1999)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film L'ASSEDIO

Titolo Originale: L'ASSEDIO

RegiaBernardo Bertolucci

InterpretiDavid Thewlis, Thandie Newton, Claudio Santamaria, John C. Ojwang

Durata: h 1.30
NazionalitàItalia 1999
Generedrammatico
Al cinema nel Febbraio 1999

•  Altri film di Bernardo Bertolucci

Trama del film L'assedio

Un'antica dimora nel cuore di Roma, un'isola dove hanno fatto naufragio due solitudini: lui Ŕ inglese, bianco e un po' pazzo, lei invece Ŕ africana, nera e piena di problemi. Mr. Kinky, barricato dietro il suo pianoforte passa il tempo a frequentare Bach, Mozart e Grieg. Shandurai viene da lontano e ha trovato nella casa di Mr. Kinky una sistemazione conveniente per la sua condizione di rifugiata: pulisce la casa in cambio di una stanza, mentre studia medicina all'UniversitÓ. Le loro vite si intrecciano in un gioco di attrazioni, rifiuti e segreti.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,57 / 10 (7 voti)7,57Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su L'assedio, 7 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

kafka62  @  26/04/2018 11:29:51
   6 / 10
"L'assedio" è, per molti versi, un film specularmente opposto al precedente e bellissimo "Io ballo da sola". Se quello era un film corale e collettivo, questo è concentrato ossessivamente su due soli personaggi (la realtà esterna è assente in entrambi, ma ciò è giustificato forse più nel primo, girato in un bucolico casolare toscano, che nel secondo, di ambientazione capitolina). Quanto quella, poi, era una pellicola solare e ariosa, tanto questo è claustrofobico, con la macchina da presa restia perfino a mostrare dei campi totali dell'appartamento (per non parlare di Piazza di Spagna, esibita nella sua interezza solo nelle ultime inquadrature, illividite peraltro dalla grigia luce dell'alba). Se infine quello era addirittura esuberante nella sua ricchezza di tematiche affrontate o solamente accennate (il rapporto tra giovani e adulti, l'amore, la sessualità, il passato, la malattia, la morte), questo è algidamente e maniacalmente ripiegato sul semplice racconto di un'ossessione amorosa.
Quanto tutto ciò incida in termini di qualità artistica e di valori estetici è presto detto. Lo stile di Bertolucci è sempre elegantissimo e formalmente ineccepibile (semmai si nota un adeguamento ai più moderni canoni della grammatica cinematografica, che prevedono un montaggio singhiozzante e sincopato e inquadrature spesso e volentieri instabili e traballanti), ma, a forza di ambiguità, di simbolismi e di ellissi, la storia (che peraltro si basa su uno spunto interessante, metà cristiano e metà buddista, la convinzione cioè che bisogna spogliarsi di tutto per poter dare amore, bisogna saper rinunciare alla vita per poter vivere) non riesce mai a essere davvero coinvolgente. Del personaggio di mister Kinski e del suo passato, ad esempio, non si sa nulla, ma questo, anziché conferire pathos o mistero, sembra solo un espediente funzionale all'esplicitazione di un'idea astratta. Così, la sua sorprendente e inattesa dichiarazione d'amore a Shandurai cade fatalmente nel ridicolo, apparendo più un capriccio infantile o il desiderio di un maniaco che lo sbocco inevitabile di un amour fou. Anche la prova d'amore di mister Kinski, che culmina nella vendita dell'amato pianoforte, ci lascia inspiegabilmente freddi e distaccati, come il pubblico di bambini che lo ascolta distratto nell'ultimo concerto, forse intuendo che l'uomo (così come, forse, il regista) non sta suonando per loro.
Insomma, da qualunque parte lo si guardi, c'è sempre un qualcosa, non necessariamente esprimibile a parole, che suona falso o stonato. Una patina di algido e sterile estetismo avviluppa tutto il film in spire talmente strette da soffocarlo, e in fondo i momenti migliori risultano essere quelli in cui la ricerca di un'autorialità a tutti i costi appare meno evidente, come in alcune violente dissonanze sonore (la musica di mister Kinski sovente interrotta dallo squillo di un telefono o di un campanello, o coperta dal suono di un aspirapolvere o di una radio che suona rock africano) o in sequenze di gratuita libertà creativa (il liberatorio gioco funambolico con le arance e le mele).

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  30/10/2011 21:22:15
   7½ / 10
Potrà sembrare retorico, ma L'assedio è uno di quei film dove i silenzi e gli sguardi sono più predominanti di qualsiasi parola. Un assedio condotto attraverso una partitura musicale avvolgente di musica classica europea e ritmi africani. culture diverse che si incontrano, si scrutano e si amano. Un piccolo grande film di Bertolucci.

Rand  @  31/01/2010 19:23:54
   10 / 10
Qua non c'è ma che tenga, l'assedio è qualcosa che il nostrocinema ha dimenticato da taaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaato tempo!
Thandie Newton esprime la sua sofferenza, la sua diversità, in maniera forte, la ragazza è veramente brava e bella, meriterebbe molto di più, fortuna che ci sono registi come Bertolucci che hanno questo intuito.Santamaria in una parte atipica. Mentre il maestro di musica volto sconosciuto risulta veramente perfetto.
La musica si intreccia in questa storia d'amore atipica, con un finale semplice ma corretto, niente false speranze.
Bellissime le location, palazzi antichi, scale di ardesia grigia, porte e porticine, strumenti musicali.
Dialoghi quasi del tutto assenti, il resto del mondo rimane fuori mentre i protagonisti assediati si confrontano con le propie paure e debolezze.
Uno spaccato semplice ed essenziale ma necessario.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  05/01/2009 16:20:54
   7 / 10
Ennesima pellicola di pregevole fattura firmata Bernardo Bertolucci.
Storia di una lentezza assoluta, come ci ha da sempre abituati il maestro.
Ottima recitazione, grande regia ovviamente e buone anche le musiche.
Difficile da raccontare, meglio apprezzarlo guardandolo.

DarkRareMirko  @  07/09/2008 23:41:24
   9 / 10
La classe e la finezza dei film di Bertolucci, davvero un signor regista, è inimitabile ed impareggiabile.


Ritengo inoltre questo suo L'assedio come il migliore, assieme ovviamente a The last Emperor, film tra tutti quelli, buonissimi, relativi agli ultimi suoi 20 anni di carriera.
Da un inizio eccelso (La commare secca, La strategia del ragno, Novecento, Last tango in Paris, ecc,) Bertolucci è infatti arrivato ad una fisiologica fase di carriera relativa a film "solo molto buoni", talvolta addirittura mainstream o per bambini (come il bel Piccolo Buddha).
Tra queste produzioni, come già detto, spiccano L'ultimo imperatore e questo L'assedio.


Attori perfetti (la brava Newton, o anche il sempre più bravo Santamaria) sono parte integrante di un opera girata in modo originale, profondo che tratta in modo originale e profondo una storia tutto sommato trita, quasi cattiva, con precisi ed incisivi parallelismi tra Italia e Africa.
Grande fotografia inoltre.


Io, davvero, amo questo L'assedio, che è un film eccellente.
D'accordissimo con chi lo definisce come pura poesia.
Straconsigliato.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  23/06/2008 18:12:46
   5½ / 10
come spesso mi capita quando mi trovo di fronte a un film di Bertolucci,io non riesco a trovare quella "poesia" o "magia" che riescono a vedere gli altri...
A mio avviso questa è una normale storia di un amore difficile e che viene raccontato con la solita lentezza comune al regista...la solita lentezza che stanca lo spettatore meno paziente...
che ci posso fare?

sonhador  @  25/10/2007 20:50:47
   8 / 10
il solito film di classe firmato Bertolucci..pura poesia. Consigliatissimo

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 HOT
1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghieraantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noida 5 bloods - come fratellidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy island
 NEW
ghostbusters: legacygli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estateoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)promarequa la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrichard jewellrun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia dĺarteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1006241 commenti su 43641 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net