il primo uomo (2018) regia di Damien Chazelle USA 2018
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

il primo uomo (2018)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film IL PRIMO UOMO (2018)

Titolo Originale: FIRST MAN

RegiaDamien Chazelle

InterpretiRyan Gosling, Claire Foy, Jon Bernthal, Corey Stoll, Kyle Chandler, Jason Clarke, Pablo Schreiber, Patrick Fugit, Cory Michael Smith, Lukas Haas, Brian d'Arcy

Durata: h 2.18
NazionalitàUSA 2018
Generebiografico
Al cinema nell'Ottobre 2018

•  Altri film di Damien Chazelle

Trama del film Il primo uomo (2018)

Neil Armstrong fu il primo essere umano a mettere piede sulla luna. "Il primo uomo" vuole raccontare il periodo che va dal 1961 al 1969, di come da una tragedia familiare, Neil Armstrong si sia trasformato nel "comandante di ghiaccio" che lo port˛ con la missione Apollo 11 sul satellite terrestre.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,16 / 10 (19 voti)7,16Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Il primo uomo (2018), 19 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

TheLegend  @  09/01/2019 01:04:04
   6 / 10
Mi aspettavo di meglio,abbastanza monocorde ma comunque guardabile.

Prof  @  10/12/2018 00:41:12
   9 / 10
Abbiamo assistito in silenzio. Eravamo come nello spazio, anche noi.
La proiezione ci avvolgeva, astraendoci dai contorni del reale, immergendoci nell'ultraterreno, donandoci l'Iperuranio.
Excellent, doubtless.

dagon  @  08/12/2018 17:06:15
   6 / 10
Film piuttosto piatto e monocorde, attraversato dal solito Gosling monoespressivo (sì. ok, qui deve interpretare un glaciale Armstrong, ma... boh...). Rispetto a un film come "uomini veri", soffre, appunto, di una monodimensionalità dei personaggi e di una narrazione totalmente distaccata, per cui è assente anche un minimo pathos cosa che, su una durata di 2 ore e 20', si sente.

piripippi  @  05/12/2018 21:56:03
   6 / 10
sulla scia di apollo 13 nasce questo film , raccontato in maniera discreta e senza eccessi. neil armstrong è interpretato male da goslig. niente di che come film

cort  @  25/11/2018 22:56:20
   6½ / 10
film con ottimi attori e un ottimo comparto tecnico, a meta strada tra il documentaristico ed il drammatico in cui i piani sequenza a volte "rubano tempo" all'approfondimento della trama, soprattutto il lato emotivo viene un pò penalizzato, la regia in questo caso è ottima nel farci vivere le difficoltà del pilotare e vivere nei mezzi spaziali e l'ambiente nasa, un po meno la vita familiare di neil amstrong.

marcogiannelli  @  22/11/2018 23:56:54
   8 / 10
Cosa ricordiamo tutti dello sbarco sulla Luna? Un uomo sorridente, biondo con in mano un casco. Lui e una bandiera americana. Queste 2 immagini non le vedremo mai in questo film di Chazelle.
Al contrario vedremo tutto il lato umano che non conoscevamo, Neil, che merita di essere raccontata, che è lontana dall'essere idilliaca, ma che anzi è piena di dolore. Tutto ciò che porta Neil sulla Luna è ben raffigurato in questo dipinto di Chazelle, forse meno ispirato dei primi due, ma sicuramente perfettamente diretto e scritto.

Invia una mail all'autore del commento kampai  @  14/11/2018 19:20:32
   6 / 10
Non mi ha esaltato granché questo film di chazelle. Percarità, il film è fatto bene ma è di una noia mortale, indeciso tra una biografia o una rappresentazione di quello che accadde prima dell'allunaggio . Confesso che quando sono sbarcati sulla luna ho dormito fino alla fine del film

daaani  @  10/11/2018 00:41:00
   5½ / 10
Un po' deludente.
La prima parte è di una pesantezza allucinante, non ti coinvolge.
Belle le scene in cui Neil e colleghi sono nella navicella, sembra di essere lì. Non lo rivedrei.

mrmassori  @  08/11/2018 09:18:56
   8 / 10
Molto bello. Un film fatto benissimo e con una grande maestria dei dettagli e capace di farti immedesimare nelle ambientazioni, (altro che gravity, quello in confronto è una cacata), in cui gli astronauti ancora neofiti pionieri dello spazio si dovevano imbattere con grande coraggio. Il modo in cui è girato, le inquarature e le musiche rendono al meglio il senso di ansietà e di tensione che deriva dal claustrofobico, dall'essere sempre in bilico sul filo del rasoio, tra la vita e la morte. Mi è piaciuto anche come il paralleleismo con la famiglia di Neil e il fatto spiacevole che lo hanno colpito, siano messi in evidenza per far risaltare il lato di Neil come uomo e non solmatente come grande ingegnere epilota qual'era. Inoltre
SPOILER
quando stanno per mettere la bandiera americana, si nota il buco fatto per metterla, ma essa non viene neanche accennata, proprio per indicare che è un film sul grande balzo fatto dall'umanità e non la solita americanata che inneggia alla nazione più forte del mondo).
Davvero consigliato.

Specola  @  08/11/2018 02:21:43
   6 / 10
L'Incipit è interessante.
Ma non si da abbastanza rilevanza al difetto enorme che ha questo film.
E' girato tutto con piani sequenza strettissimi aggiunti a telecamera che traballa.
Vi assicuro che 2 ore e 20 di film in queste condizioni portano solo a un desiderio: trucidare il regista!!!
Sembra quasi che vada in scena una bobina sbagliata del film che soffre di uno zoom che ingrandisce in maniera anomala ogni scena.
Mi capita rarissimamente di imbattermi in film di questo genere e quando cominciano dentro di me dico: <<Signore, se puoi allontana da me questo calice di dolore>>.
Do comunque la sufficienza per tutto il resto, ma non si può ripeto rovinare un film in questa maniera.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Cianopanza  @  06/11/2018 01:19:00
   7½ / 10
Film non facile, tutto a inquadrature strette, diaframmi aperti, profondità sfocate, cinepresa a mano. Un astronauta deve essere freddo, capace di controllare emozioni anche sotto stress ed il film in effetti descrive un Armstrong estremamente chiuso, arroccato, irrisolto, abituato a isolare i problemi personali nell'efficienza, senza mai affrontarli apertamente. Assistiamo a "piccoli passi" di Neil Armstrong nel riappacificarsi con se stesso. Nel complesso è un film molto umano, decisamente lento, che trasmette un senso di angoscia, vagamente depressa. Ritmi e sentimenti perfettamente in sintonia con la musica basata sul timbro inquieto e lunare del theremin.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

2 risposte al commento
Ultima risposta 09/11/2018 08.53.41
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  06/11/2018 00:42:59
   8 / 10
Non si tratta di "fantascienza" ma di qualcosa di reale, e questo aumenta la grandezza degli eventi, anche se qualcuno parla di un costosissimo bluff. Il Vietnam paradossalmente ha incentivato i giovani a sognare viaggi cosmici, qui l'utopia diventa realtà. Chazelle fa centro ancora una volta, per un film intimista e per nulla agiografico, piuttosto cupo e le to, dove la musica per una volta ha un peso sì determinante ma sottovoce, in sottofondo agli eventi, spesso amari, della vita di Armstrong. Il regista non ne fa l'Audie Murphy dello spazio, ma un giovane (primo) uomo sopraffatto o chiuso nella sua identità. Gosling è credibile più del solito, e molte sequenze sono emotivamente fortissime. Un gioco di espressioni e sguardi, come nel l'epilogo, dove la dimensione naturale sembra essere umana. Non un film scientifico tipo 2001, ma materiale.

Jumpy  @  05/11/2018 14:20:23
   7½ / 10
E' un film preso da una storia vera, di solito questo genere di film li considero "da vedere" a prescindere :)
Neanche a me è piaciuto molto il taglio a volte da documentario e a volte da film vero e proprio...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
... la lunghezza pesa un po', nella parte centrale diventa un po' noioso, ma resistere, secondo me, ne vale la pena.

jek93  @  05/11/2018 11:51:20
   8 / 10
Nonostante qualche difetto (alcuni punti della trama scritti in modo un pò raffazzonato, e una camera da presa ' a mano' spesso non necessaria e piuttosto fastidiosa), First Man rimane uno dei film migliori del 2018 e l'ennesima dimostrazione di bravura da parte del giovanissimo regista Chazelle.

Wilding  @  04/11/2018 18:14:00
   8 / 10
Trovo sciagurata la scelta del regista di far sembrare la pellicola una sorta di documentario ed usare la telecamera come se a guidarla fosse mano amatoriale. Se volevo qualcosa del genere smanettavo in rete. Tutto il resto è magnifico e molto interessante.

alanwake  @  03/11/2018 10:22:30
   8 / 10
Veramente ben fatto. Il film si sofferma più che altro sulla figura di Armstrong, la sua vita, la sua famiglia, il suo carattere e il suo modo di affrontare le situazioni. Rende bene l'idea delle enormi pressioni fisiche e psicologiche che dovevano affrontare gli astronauti pionieri di quell'epoca. Gosling nella parte è molto azzeccatto e rende bene la glacialità del personaggio, glacialità che come molti sapranno è venuta fuori soprattutto DOPO la missione di allunaggio... Ottima la riproduzione delle fasi di preparazione alle missioni, molto buone la fotografia e la colonna sonora, addirittura entusiasmante la pericolosissima fase di allunaggio; il finale è azzeccato e un po' obbligato, nel senso che la conferenza stampa post quarantena non era assolutamente il caso di ricrearla... (se non l'avete vista la trovate pure su YouTube...). In definitiva ottimo lavoro, questo regista è da tenere d'occhio...

Elmatty  @  02/11/2018 09:53:12
   9 / 10
Nell'approcciarmi a questo film involontariamente ho usato un approccio sbagliato.
Essendo un grande appassionato di astronomia e astronautica mi sarei aspettato un film incentrato sulla figura di Neil Armstrong ma anche sulla visione del Programma Apollo e della corsa alla Luna da parte dell'America.
Poi ho riflettuto e la risposta si trova già nel titolo: "Il primo uomo".
Il regista di La La Land ha incentrato la sua pellicola solo sull'uomo, su Armstrong e le sue convinzioni, idee, la sua forza.
La pellicola ha un taglio molto classico ma non per questo risulta meno riuscito.
E' molto coinvolgente nonostante si intuisca la trama fin da subito per chi conosce o per chi si è documentato, il regista ci immedesima nella figura di Armstrong.
E' un uomo quadrato, che non lascia intendere i suoi sentimenti, incentrato sul lavoro, che si sente a disagio in alcune situazioni, che deve sopportare una grande prova per un padre.
In questo quadro la scelta di Ryan Goslin come interprete dell'astronauta risulta pienamente azzeccata: il film ruota interamente su di lui e l'attore tiene in piedi la baracca egregiamente, non risulta mai forzato, estremamente credibile.
Il personaggio della moglie è fondamentale per apprezzare ulteriormente la figura di Armstrong perchè Chazelle la strutta per essere l'estensione stessa del personaggio principale, lei è lo sguardo visibile dello stato d'animo dell'astronauta.
Claire Fox è stata magistrale, forte e fragile allo stesso tempo.
La sceneggiatura è lineare, senza particolari colpi di scena (per chi conosce la storia), scritta molto bene nel suo mix di situazioni personali e il programma spaziale.
La regia di Chazelle è perfetta, in special modo nelle scene ambientate nello spazio, riesce a rendere bene la claustrofobia delle capsule quei tempi in cui tutto era un continuo esperimento e ogni nuova missione ci si addentrava in territori completamente sconosciuti.
Tecnicamente il film è ineccepibile: una fotografia un po' sgranata per addentrarci nel periodo storico, gli effetti speciali sono integrati magistralmente con le zone reali, una colonna sono poco presente ma presente nei punti giusti.
La parte dell'allunaggio è semplicemente STUPENDA: ha una tensione incredibile nonostante si sappia come va a finire, egregiamente rappresentata nella verità storica dell'evento.
E dopo le passeggiate sul suolo lunare crea un senso di vuoto ma anche una cosa che oramai sembra scomparsa nel nostro mondo: meraviglia.
Mi ha fatto capire l'importanza di meravigliarci, di provare questa sensazione di estasi per un qualcosa che non si vede tutti i giorni, l'importanza di vedere le cose sotto un'altra prospettiva.
E' una cosa bellissima che ci renderebbe tutti quanti persone migliori.
Un film davvero magistrale, vicino al capolavoro, non gli do il voto massimo perchè mi sarebbe piaciuto che fosse stato rappresentato meglio lo sforzo che gli USA hanno dovuto affrontare in pochi anni, da come in 8 anni si è passati dal primo uomo in orbita al primo uomo sulla Luna, un salto incredibile che mai più si che compiuto dopo quella impresa.
Straconsigliato.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gardner  @  02/11/2018 09:34:06
   6 / 10
Così così. Film incerto sul da farsi. Non è un film d'azione, non è un film sulla meraviglia dello spazio, non è un film patriottico, non è un film d'introspezione psicologica. Troppo preoccupato di decidere da che parte pendere, finisce per non pendere da nessuna. Oltretutto aleggia un'atmosfera lugubre e compassata che non mi sembra perfettamente intonata rispetto all'esaltazione dell'avventura che i personaggi vivevano

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  30/08/2018 21:26:31
   7 / 10
First man che inaugura la mostra è un film dal sapore classico e diretto verso una fascia di pubblico più ampia possibile. L'emeblema di un uomo di fronte alla sfida spaziale da una parte e l'elaborazione del grave lutto della perdita della figlia dall'altra. Non si disperde eccessivamente in tecnicismi e porta avanti la narrazione sui binari della missione e delle vicissitudini familiari. Cerca di rendere realistico il più possibile il contesto dei test e delle fasi dell'allunaggio. Buonissima la fotografia e la resa scenografica. Gli spazi molto angusti e claustrofobici dei moduli spaziali tutto trasmettono tranne che sicurezza. Gosling è un attore dalla limitata espressività, tuttavia il personaggio di Armostrong, molto schivo e riservato ai limiti dell'ottusità, è nelle sue corde e gli permette di agire molto in sottrazione, limitando di molto il tasso di retorica del film. Straniante ed ai limiti del grottesco la conversazione di Armostrong con i figli prima della partenza della missione Apollo.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

7 uomini a molloa private waralmost nothing - cern: la scoperta del futuroalpha - un'amicizia forte come la vitaamici come prima (2018)anatomia del miracoloanimali fantastici: i crimini di grindelwaldaquamanattenti al gorillaben is backbenvenuti a marwenberninibird boxblack tide
 HOT
bohemian rhapsodybumblebeecalcutta - tutti in piedicapri-revolutionchesil beach - il segreto di una nottecity of liescold war (2018)coldplay: a head full of dreamscolette (2018)
 NEW
compromessi sposiconta su di me (2018)conversazione su tiresia. di e con andrea camillericonversazioni atomichecosa fai a capodanno?
 NEW
creed iidinosaurs (2018)don't fuck in the woods 2dove bisogna stareescape room (2019)friedkin uncut - un diavolo di registaghostland - la casa delle bamboleglasshepta. sette stadi d'amoreholmes and watsonhunter killer - caccia negli abissi
 NEW
i bambini di rue saint-maur 209i spit on your grave: deja vui villaniil castello di vetroil destino degli uominiil gioco delle coppieil grinch (2018)
 NEW
il mio capolavoroil ragazzo piu' felice del mondoil ritorno di mary poppinsil sindaco - italian politics 4 dummiesil testimone invisibileil vizio della speranzain guerraisabellela befana vien di nottela donna elettricala douleur
 NEW
la favoritala notte dei 12 annila prima pietrala scuola seralel'agenzia dei bugiardilake placid: legacyle ninfee di monet: un incantesimo di acqua e lucelo sguardo di orson welleslontano da quilook awayl'uomo che rubo' banksy
 NEW
l'uomo dal cuore di ferrom.i.a. - la cattiva ragazza della musicamacchine mortalimalerbamaria regina di scozia
 NEW
mathera - l'ascolto dei sassimenocchiomia e il leone biancomia martini - io sono miamorto tra una settimana... o ti ridiamo i soldimoschettieri del re: la penultima missionenelle tue mani (2018)non ci resta che il criminenon ci resta che vincerenon dimenticarmi - don't forget menotti magicheotzi e il mistero del tempoovunque proteggimi
 NEW
peppermintralph spacca internetred land (rosso istria)red zone - 22 miglia di fuoco
 NEW
ricomincio da me (2019)ride (2018)robin hood - l'origine della leggendaroma (2018)santiago, italia
 NEW
se la strada potesse parlarese son roseseguimisenza lasciare traccia (2018)spider-man: un nuovo universostyxsulle sue spallesummer (leto)
 HOT
suspiria (2018)the barge people
 NEW
the final wishthe old man & the gunthe other side of the windthe young cannibalstre voltitroppa graziatutti lo sannoun giorno all'improvvisoun piccolo favoreupgradevan gogh - sulla soglia dell'eternita'vice - l'uomo nell'ombra
 NEW
voglio mangiare il tuo pancreaswidows: eredita' criminalezen sul ghiaccio sottilezombie contro zombie - one cut of the dead

983617 commenti su 40758 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net