due partite regia di Enzo Monteleone Italia 2008
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

due partite (2008)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film DUE PARTITE

Titolo Originale: DUE PARTITE

RegiaEnzo Monteleone

InterpretiMargherita Buy, Isabella Ferrari, Marina Massironi, Paola Cortellesi, Carolina Crescentini, Valeria Milillo, Claudia Pandolfi, Alba Rohrwacher

Durata: h 1.34
NazionalitàItalia 2008
Generedrammatico
Al cinema nel Marzo 2009

•  Altri film di Enzo Monteleone

Trama del film Due partite

Una commedia dolce-amara sul mondo femminile. Due epoche, due modi di essere donne. Anni Sessanta: una partita a carte per stare insieme. Ogni giovedì pomeriggio quattro amiche si raccontano amori e tradimenti, teorizzando la maternità, la vita e i problemi del matrimonio. Litigano, ridono, parlano con complicità e un po’ di cinismo. Trent’anni dopo: le figlie si ritrovano al funerale di una delle madri. Sono le stesse bambine che, durante le partite a carte, giocavano nella stanza accanto. Come le loro madri, si confidano sogni e paure, il tempo che passa, il rapporto con il lavoro, il desiderio di maternità. Sono passati decenni ma l’identità femminile sembra inalterata, nonostante la carriera e l’emancipazione; essere donna significa oggi come allora energia, allegria, fatica e dolore.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,35 / 10 (30 voti)6,35Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Due partite, 30 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

eruyomè  @  01/08/2015 11:52:21
   6 / 10
Non male, ma l'impianto è davvero troppo teatrale, discorsi infiniti spiattellati lì senza un perchè, troppo forzatamente, per essere un film equilibrato.
Purtroppo non mi risulta credibile, le protagoniste non mi sono sembrate tutte all'altezza, ho visto troppa macchietta, soprattutto nella prima parte (che comunque è la migliore), e anche qualche inadeguatezza, anche anagrafica.

Un plauso alla Cortellesi, una spanna sopra a tutte, l'unica che ci crede davvero e trasmette intensità reale e palpabile. Addirittura emozione, soprattutto in quel gran bel monologo-sfogo. (che è anche interessante, dà spunti di riflessione interessanti; come altre cose sparse qua e là)
Forse non a caso, nel segmento temporale moderno, la migliore e più in parte risulta la "figlia", una credibile e misurata Pandolfi.

Insomma, non male nel complesso, a volte banale, troppo verboso, sopra le righe, ma scritto benino, e stupenda la citazione finale.

sweetyy  @  30/07/2015 23:10:54
   5½ / 10
Colonna sonora a parte il film dopo un po' diventa una palla pazzesca... Peccato

DarkRareMirko  @  13/06/2015 23:44:17
   6½ / 10
Due generazioni a confronto, gran bel (in tutti i sensi) gruppo di attrici e fiumi di dialoghi per una commedia corale tutta al femminile (diretta da un uomo!!!).

Visivamente e fotograficamente si è cercato, sulal scia di Storaro, di contestualizzare i periodi, riuscendoci; attrici brave, qualche banalità e qualche macchietta (anche verosimili) e funzionale l'impianto teatrale (e del resto il film è tratto da uno spettacolo di teatro di qualche anno prima).

Una verità però nel tempo salta fuori: alla donna viene chiesto troppo (di essere moglie, amante, madre, lavoratrice, compagna, amica, ecc.) e l'emancipazione non è che abbia modificato troppo tale fatto, nel bene e nel male.

Più che sufficiente.

FurFante9  @  16/01/2013 12:26:31
   4½ / 10
M'ha messo ansia e tristezza questo film claustrofobico e noioso!

gemellino86  @  02/08/2012 07:15:32
   5 / 10
Mi spiace di non averlo compreso ma il film è statico e i dialoghi non li ho trovati interessanti. Poi sono tutte donne, mettete almeno qualche uomo. Brave la Buy e la Cortellesi, meno le altre. Davvero un'occasione sprecata.

freddy71  @  05/05/2012 21:47:13
   6½ / 10
un film un pò particolare...molto psicologico forse un pò difficilotto da realizzare anche perchè creato per il teatro cmq....bella la colonna sonora con la grande mina....

gandyovo  @  09/04/2012 12:55:54
   7½ / 10
il film è godibilissimo, chi lo ha trovato un po' statico e troppo recitato non ha tutti i torti ma se guardiamo ai voti dati a carnage... le attrici coralmente forniscono una buona prova e la trama leggerina ed ironica sull'essere donna nasconde dietro di se anche qualche riflessione. mezzo voto in più per la media troppo bassa.

baskettaro00  @  09/04/2012 11:46:02
   7½ / 10
teatrale commedia sul complicato universo femminile,qualche lentezza eccessiva nel primo troncone,filatissimo il secondo.

Azz83  @  31/05/2011 09:39:29
   6½ / 10
Troppo teatrale per adattarsi ad una pellicola. Praticamente due enormi scene nell'arco di tutta l'ora e mezza di film. Massima staticità spezzata solo dai movimenti orizzontali di camera che riprendono in realtà solo le protagoniste parlare, uno stratagemma che qualche volta riesce a conferire dinamicità, ma il più delle volte si nota troppo e sembra un po' stonare.
Anche la recitazione è da teatro e sicuramente da quel punto di vista il livello è altissimo a mio parere, del resto le 8 attrici sono quasi tutte di un certo spessore (poi la Massironi, la Cortellesi e la Buy sono superbe, mentre tra le "figlie" ho visto una delle migliori prove della Pandolfi).
Per finire i dialoghi sono di buon interesse ma per quanto sia commovente enfatizzare i sacrifici e la pazienza delle donne nella loro vita, ho riscontrato a tratti un eccessivo pessimismo e ho notato una visione sia degli uomini che delle donne un tantino estrema ed esagerata.
Nel complesso lo consiglio, ma forse avrei preferito godermelo a teatro, per quanto non sia un grandissimo estimatore di questa pur grande arte.

margò  @  27/05/2010 20:02:38
   8½ / 10
Voglio esagerare perchè secondo me questa storia va vista a teatro, dove le stesse attrici (La Massironi, la Milillo, la Buy -in un ruolo un pò diverso dal solito- e la Ferrari) interpretano prima il ruolo di madri e poi di figlie, perchè la trasposizione cinematografica è un pò troppo statica, ma come sono brave tutte quante!! A me questa storia della Comencini è piaciuta tantissimo!

SKULLL  @  02/05/2010 18:27:32
   9 / 10
Che bello, mi ha fatto ridere e commuovere e ho ammirato dialoghi e recitazione. Lo consiglio di cuore.

matt_995  @  16/04/2010 16:13:27
   7 / 10
Film ad episodi non particolarmente bello ma di sicuro diverso dalle solite commedie italiane dell'ultimo decennio...
La prima parte è superiore, più fresca e genuina, con 4 interpreti favolose: la buy, la ferrari, il cui personaggio mi è piaciuto particolarmente, la massironi, eccentrica come poche e una nevrastenica, svogliata e dalle sempre risposta pronta, paola cortellesi che supera (anche se di poco) tutte le sue colleghe...

La seconda parte diventa più noiosa, anche se molto più triste... la pandolfi mi è sembrata molto convincente
Avrei prefertito però che le 2 storie non fossero presentate entrambe senza interruzione, ma essendo il film tratto da una commedia teatrale posso anche accettare questo dettaglio...
Godibile.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo REDAZIONE maremare  @  10/04/2010 00:35:49
   6 / 10
Trasposizione cinematografica di una commedia teatrale.
Il posto originario le si addice maggiormente per un eccesso di verbosità e staticità scenica.

annibalo  @  14/03/2010 20:01:05
   7½ / 10
per protagonista il mondo femminile, in due tempi storici differenti, e che a distanza di trent’anni ritrova stessi problemi, sogni nel cassetto, voglia di maternità che, nonostante le lotte di emancipazione, non sembra aver totalmente “semplificato” la vita dell’altra metà del cielo.
Le protagoniste sono quattro donne (Beatrice, Claudia, Sofia e Gabriella) che si riuniscono ogni giovedì per giocare a carte e fare il punto della loro vita discutendo di tradimenti, maternità e voglia di abbandonare tutto per rincorrere il proprio destino, mentre, nella stanza accanto, le loro bimbe giocano alle signore durante quei pomeriggi della loro infanzia.
Le stesse bimbe (Sara, Cecilia, Rossana e Giulia) trent’anni dopo si ritroveranno sedute allo stesso tavolo ripercorrendo, con i loro desideri ma anche difficoltà, le stesse tappe delle loro madri mettendo così in luce quanto poco sia cambiato per la condizione femminile da allora.
Il ruolo degli uomini, argomento principe attorno al quale ruotano le loro conversazioni, non appare mai attivamente nel corso del film.
Ben delineati gli stereotipi femminili che vanno dall’ingenua alla mangiatrice di uomini, pur essendo tutte contestualizzate nel perenne disordine sentimentale, nella precarietà, nella sessualità malamente vissuta che le spaventa ma spinge anche a reagire e confrontarsi prima di tutto con se stesse. Un ottimo spaccato della vita, più che di mamme e figlie, di Donne innanzitutto.

Parsifal  @  09/03/2010 19:32:59
   7 / 10
Bella commedia che mette a confronto 2 generazioni di donne e società.

Wally  @  04/01/2010 04:19:50
   9 / 10
Ragazzi fate schifo! Come è possibile che un film del genere non piaccia? Io sono maschio ma questo film mi ha toccato profondamente! Fa pensare al rapporto madre e figlio/a! A quanto le mamme abbiano fatto tanto per noi! E fa vedere il confronto delle donne di una volta e le donne di adesso!

Poi gli sguardi finali con i sorrisi erano bellissimi! Amo le donne! Ma non come quelle con cui hai un rapporto e basta ma per quello che sono! Per il loro modo di fare, per il loro non sapere quello che vogliono e per il modo in cui ci fanno innervosire!

Enzo Monteleone è un regista con del talento. E' riuscito a rendere perfettamente l idea!

Le persone che fanno paragoni a Sex And The City sono davvero penose! E' possibile che nelle persone non ci sia più neanche un ombra di sensibilità?

Davvero bello! PS Ma quanto è stupenda la Cortellesi??? Mi mandava fuori di testa! E poi il suo attacco di nervi è stato stupendo!

Da vedere!

LilyMary  @  27/12/2009 01:30:24
   8 / 10
Questo film tratta tante tematiche importanti nella vita di ogni donna...
(ed è comprensibile che certi caproni non colgano).

Vivace il dialogo, curati i costumi ed è un vero piacere vedere tutte queste brave attrici riunite in un film solo...

Io lo consiglio perchè da tanti spunti di riflessione sulla vita delle donne e su tutto quello che ci circonda.

paride_86  @  11/07/2009 02:34:15
   6 / 10
"Due Partite" è tratto da una piece teatrale che mi sarebbe tanto piaciuto vedere. La versione cinematografica risente molto dell'impianto scenico originale, e per questo risulta un po' troppo statica e ingessata; le attrici sono bravissime, sia le madri che le figlie.
Il difetto più grande sta, però, proprio nei personaggi: troppo incastonati nelle proprie particolarità al punto da diventare poco realistici.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  29/06/2009 08:20:57
   6 / 10
Questo film, tratto da una piece teatrale di Cristina Comencini, non riesce ad arrivare al cuore dello spettatore. Infatti sembra più una prova di attrici, tutte o quasi brave, che una commedia dolce-amara sull'amore e sulla solitudine. I fitti dialoghi non sempre risultano vivaci, a tratti infatti si sbadiglia un po', l'ambientazione invece è riuscita così come i personaggi sono ben caratterizzati.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  18/06/2009 11:51:31
   6 / 10
Da un’opera teatrale di Cristina Comencini un film non totalmente riuscito ad opera di Enzo Monteleone.Diviso in due parti, di cui una ambientata negli anni ’60 ed un’altra circa trent’anni dopo,narra nel primo segmento di quattro donne che ogni giovedì usano ritrovarsi per giocare a carte,e nel secondo delle loro figlie,divenute amiche e riunitesi per rendere più sopportabile il dolore di una di queste colpita da grave lutto.
Tutto basato su una fitta serie di dialoghi “Due partite” non sempre riesce a mantenere alto l’interesse,spesso scadendo in situazioni eccessivamente nevrotiche o poco coinvolgenti.Indubbiamente non mancano spunti notevoli e riflessioni per nulla accessorie,l’opera però,presa nel suo insieme,funziona eccessivamente a singhiozzo.Monteleone danza tra commedia e dramma,senza mai apparire ispirato nella fusione degli argomenti.Fondamentalmente si dibatte di donne infelici,imprigionate in vite che non le soddisfano,problemi che con il passare degli anni non si alleviano ma, pur mutando ed evolvendo, rimangono ben radicati all’interno di esistenze complesse in cui la figura maschile gioca un ruolo negativo di rilievo.”Due partite” non è però un film femminista ,anche le protagoniste infatti ne escono come individui instabili,fragili ed insicuri per una visione d’insieme quindi per nulla confortante,di un’umanità che avanza rimuginando e combattendo le varie problematiche con ostinazione, ma senza avere la possibilità (o la voglia) di reagire.Brave le interpreti.

Inn10  @  22/03/2009 20:03:24
   2½ / 10
Ho perso 7,8€...
Ragazzi se potete evitatelo a tutti i costi!!!!

folletto007  @  20/03/2009 00:13:47
   9 / 10
Inanzitutto nonostante il mio nick folletto007 volvo dire che sono una ragazza .... e questo film l ho sentito terrilmente mio.... in quanto mette proprio a confronto il rappoto madre figlia che ho trovato terribilmente toccante .....

cescoxx  @  18/03/2009 11:29:33
   3 / 10
Scandalosamente lento e noioso. E' la prima volta in vita mia che ho rischiato di addormentarmi al cinema...incredibile. Trasmette solo ansia e angoscia. Il messaggio che da il film è che tutti sono infelici.

1 risposta al commento
Ultima risposta 02/05/2010 19.11.56
Visualizza / Rispondi al commento
alesfaer  @  17/03/2009 21:02:16
   2 / 10
perdincibacco. questa si che è una vaccata maestosa.
consueta accozzaglia di semi-attrici di spettacolo o serie tv messe ad imitare 1 già dubbio telefilm quale sex and the city.
tralasciando la pietosa recitazione, la dramma-commedia è femminista e sgradevole. bocciato

cyberkay  @  17/03/2009 09:48:23
   7½ / 10
Una bella sorpresa. Un film dolce-amaro in cui ogni donna può rileggere se stessa. Splendida la poesia finale di Rilke...da non perdere!

Gruppo COLLABORATORI peter-ray  @  16/03/2009 10:28:13
   8 / 10
Non avendo potuto vedere la rappresentazione teatrale, me lo sono visto al cinema ed è bellissimo.

Unica nota negativa sono le interpretazioni di Carolina Crescentini e Alba Rohrwachernon del tutto convincenti.

Formidabili invece Cortellesi, Massironi e Margherità Buy nei rispettivi ruoli.

Da non perdere

diamanta  @  14/03/2009 16:14:45
   7 / 10
Il film è tutto completamente incentrato sul mondo femminile, sull'interiorità e su cio' che queste donne provano e trasportano in maniera "nuda e cruda", molti tratti su cui riflettere anche dopo essere usciti dalla sala.
Le protagoniste sono azzeccatissime, ovviamente anche io vorrei sottolineare l'intrepretazione della Cortellesi, la scena del suo sfogo ha fatto venire i brividi sia a me che all'amica che avevo accanto.
L'accoppiamento madri e figlie è geniale, questo sicuramente grazie alla bravura delle stesse attrici, stonano un po' dal gruppo la Ferrari e la Rohrwacher.
Ho sentito diverse risate in sala durante tutto il film e non ho avuto impressione che qualcuno si stesse annoiando (ma questa ovviamente potrebbe essere solo un'impressione).
La trasposizione da teatro alla pellicola è sempre un impresa difficile e ardua ma questa prova ha sicuramente dimostrato che è possibile dare ampio spazio ad una bellissima opera anche al cinema, una nota dolente anche per me alla fotografia lievemente trascurata.
Bellissima l'ambientazione anni 60 che io adoro e anche la colonna sonora.
Consigliatissimo sia alle donne che agli uomini che vogliono capire qualcosina in piu' del nostro modo di pensare, anche se puo' avere una qualche nota sarcastica questo film fa anche capire che nonostante il tempo passato, i cambiamenti della società e l'emancipazione femminile, il nostro modo di vivere gli eventi che ci circondano poco è stato intaccato.

bussisotto  @  13/03/2009 10:38:19
   6½ / 10
Da una piece teatrale, un film tutto al femminile, con un cast assolutamente meraviglioso.
"Due partite" non è la classica pellicola fatta per sghignazzare ad alta voce e/o mangiucchiare popcorn.
E' un signor film, diretto con bravura ed interpretato in maniera quasi perfetta dalle otto attrici protagoniste.
Un voto in più a Paola Cortellesi, in un ruolo decisamente diverso dal solito.
Un film di emozioni, che tutti gli uomini dovrebbero vedere (almeno una volta) per capire meglio un universo così intenso e ricco di sfumature.
E per chi si è annoiato...si andasse a vedere "Natale a Miami".

2 risposte al commento
Ultima risposta 13/12/2014 20.32.54
Visualizza / Rispondi al commento
tooglife  @  09/03/2009 10:36:51
   2½ / 10
In 20 anni che vado al cinema è la prima volta che mvolta che mi capita di annoiarmi.Chiacchiere infinite tra attrici sottotono ad esclusione delle Cortellesi e della Milillo.In alcuni frangenti è la copia malriuscita di Sex and city,con la differenza che quì non si ride davvero mai,nè si piange,nè si riflette sugli argomenti proposti.Da evitare.

6 risposte al commento
Ultima risposta 02/05/2010 19.43.30
Visualizza / Rispondi al commento
Micetta87  @  08/03/2009 17:46:53
   7 / 10
Ottima interpretazione, film un po diverso dal solito, consiglio.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1014820 commenti su 44988 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net