il buono, il brutto, il cattivo regia di Sergio Leone Italia 1966
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

il buono, il brutto, il cattivo (1966)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Frasi Celebri sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli! Condividi su Facebook

Seleziona un'opzione

locandina del film IL BUONO, IL BRUTTO, IL CATTIVO

Titolo Originale: IL BUONO, IL BRUTTO, IL CATTIVO

RegiaSergio Leone

InterpretiClint Eastwood, Eli Wallach, Lee Van Cleef, Rada Rassimov, Aldo Giuffrè, Chelo Alonso

Durata: h 3,02
NazionalitàItalia 1966
Generewestern
Al cinema nel Novembre 1966

•  Altri film di Sergio Leone

Trama del film Il buono, il brutto, il cattivo

Durante la guerra di Secessione americana, tre pistoleri, l'uno nemico dell'altro, sono alla ricerca di un misterioso carico d'oro perduto da una carovana. Se lo contenderanno nel mitico "triello" con cui faranno la resa dei conti.

Film collegati a IL BUONO, IL BRUTTO, IL CATTIVO

 •  PER UN PUGNO DI DOLLARI, 1964
 •  PER QUALCHE DOLLARO IN PIU', 1965

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   9,19 / 10 (417 voti)9,19Grafico
Voto Recensore:   10,00 / 10  10,00
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Il buono, il brutto, il cattivo, 417 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 6   Commenti Successivi »»

_Hollow_  @  07/08/2014 21:05:22
   9½ / 10
Uno dei migliori film di Leone, con musiche tra le migliori mai partorite da Morricone e tre protagonisti caratterizzati magnificamente.
Tra i migliori (se non il migliore) del genere; rivederlo fa sempre piacere.

alex94  @  07/08/2014 13:56:20
   10 / 10
Capolavoro del cinema western diretto dal grande Sergio Leone nel 1966.
La trama è stupenda mai noiosa nonostante la durata piuttosto lunga,perfetta la regia e la recitazione,bellissima la colonna sonora.
C'è poco da dire è un film assolutamente unico da vedere almeno una volta nella vita.

Signor Wolf  @  07/08/2014 13:31:09
   9½ / 10
avrei tanto aver visto il triello negli anni 60, quando tutti lo videro per la prima volta, che spettacolo!

Zappash  @  06/08/2014 10:47:27
   9½ / 10
Forse non il miglior film western di sempre ma di certo uno dei più visivamente affascinanti . Le trovate registiche di Leone sono sorprendenti, come il movimento di camera che segue Tuco nel cimitero o i primi piani del duello finale. Una fotografia eccelsa e una colonna sonora da brividi hanno reso la pellicola una delle esperienze cinematografiche più emozionanti che io ricorda. Le interpretazioni dei protagonisti sono magistrali (anche quella di Eastwood che alcuni critici stroncarono all'uscita del film).
Qualcuno può preferire Ford o Hawks, o Pekinpah...ma è innegabile che i westerns di Leone hanno un fascino particolare che diverte e appaga la visione oltre che soddisfare le esigenze più squisitamente tecniche.

Guglielmo90  @  22/06/2014 01:51:50
   10 / 10
Questo film è la perfezione. Tra i film di Sergio Leone se la batte solo con "C'era una volta in America".

I tre protagonisti sono perfetti. Lee Van Cleef, Eli Wallach e Clint Eastwood danno il meglio, sopratutto esaltati dalla regia sublime del maestro Sergio Leone. La fotografia è stupenda, così come le musiche di Ennio Morricone.

Un film che non mi stancherei mai di vedere e rivedere. Assolutamente da non perdersi, un capolavoro.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Angel Heart  @  26/02/2014 16:34:06
   8½ / 10
Tre miti inossidabili in quello che di fatto rimane il western più epico della storia del cinema. Avanti anni luce rispetto a "Per un Pugno di Dollari" e "Per qualche Dollaro in più"; regia e sceneggiatura perfette, interpreti in stato di grazia, musica leggendaria, finale da far accapponare la pelle.

Pochi cazzì. Se non avete visto i primi due fa niente; ma se non avete ancora visto questo, vuol dire che non avete ancora capito cos'è il cinema.

Semplicemente, la quintessenza dello spaghetti-western.
Epocale.

Arkantos  @  03/12/2013 17:18:40
   9½ / 10
Quanto è bello questo film? Già gli altri due sono film molto buoni, ma questo raggiunge praticamente l'eccellenza.

Qua abbiamo tutto: la musica più bella che abbia mai composto Morricone, il Clint Eastwood più convincente e un Lee van Cleef che interpreta un gran cattivo (a proposito, il nome Sentenza è fig.hissimo!)

Ma non solo: per evitare di ricorrere alla ripetizione, si è aggiunto un altro personaggio, Tuco, uno dei personaggi più belli mai costruiti che, oltre a essere ben interpretato, fa sempre delle battute incredibili.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Anche l'aggiunta della guerra di Secessione è perfetta: adesso non so se storicamente le battaglie tra nordisti e sudisti sono corrette, ma a livello registico non hanno eguali.

Questo è anche il film che scorre più piacevolmente: le 3 ore non si avvertono proprio per i pregi che ho detto prima.

Ovviamente come non potevo citare il famosissimo triello tra i 3 personaggi, una delle scene più belle mai fatte nella Storia.

Dialoghi incalzanti, personaggi carismatici, musiche bellissime, scene memorabili: questo deve essere un film, e per questo gli do un voto molto alto, magari se Sentenza fosse stato più presente avrei dato 10.

Il film più bello che abbia mai fatto il cinema italiano.

1 risposta al commento
Ultima risposta 03/12/2013 18.01.32
Visualizza / Rispondi al commento
BlueBlaster  @  22/11/2013 01:40:27
   9 / 10
Bellissimo, un capolavoro western senza tempo del grande Sergio Leone!
L'avrò visto decine di volte in tempi passati ma stasera me lo sono gustato nuovamente alla tv ed ora posso dargli il voto che merita...
L'odissea di due fuorilegge, tallonati da un terzo, che si ritrovano sbattuti tra le due fazioni della Guerra di Secessione Americana...un buddy movie western come quello che rivedremo in "Lo chiamavano Trinità" ma qui serio e cinico, nonostante qualche incursione di ironia qua e la!
Regia magistrale ma sopratutto delle interpretazioni, da parte di tutti persino le comparse, che meritano di essere nella storia del Cinema (Eli Wallach a mio avviso il migliore).
Inutile spendere altre parole sulla famosissima colonna sonora di Morricone o sulla deliziosa fotografia di quei tempi.
Tanti ma tanti morti, la crudeltà di quella guerra è mostrata limpida (toccante il capitano che vede esplodere il ponte prima di morire) con gli occhi di chi l'ha vissuta, suo malgrado, dal dentro ,ma senza combatterla!
Moltissime le scene memorabili, molte anche divertenti, gli sguardi e sopratutto i dialoghi senza tempo.

"Posso dormire tranquillo, perchè so che il mio peggior nemico veglia su di me..."

marcogiannelli  @  19/11/2013 19:11:40
   8½ / 10
Tuco è ingenuo, bastardo simpatico, un giusto mix
il Buono è quello che era già nei film precedenti sono da sempre convinto che Clint non sia al massimo come interpretazione qui
Sentenza è IL cattivo, spietato e brutale
Una delle colonne sonore più orecchiabili di sempre.
Il triello finale si commenta da solo

cos'è allora che non va? il fatto che avrei preferito vedere 3 viaggi paralleli verso l'obiettivo comune e non Tuco ed il Biondo quasi sempre come soci
non mi va neanche l'inserimento della guerra civile che spesso rompe il moment

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 11/01/2014 13.15.21
Visualizza / Rispondi al commento
DogDayAfternoon  @  14/11/2013 21:01:37
   10 / 10
Dieci motivi per amare questo film:

1) Tuco, il brutto: ricercato in 15 stati per le più svariate incriminazioni, coinvolgente per la sua semplicità ed ingenuità oltre alla grande simpatia, duro ed infallibile quando si tratta di menar la pistola. Il mio preferito.

2) Il biondo, il buono: impassibile nella sua freddezza e nelle sue freddure. Clint Eastwood successivamente non mi piacerà granché né come attore da vecchio né tantomeno come regista; solo Leone ha saputo trarre il meglio da lui.

3) Sentenza, il cattivo: in una parola spietato, la parte ideale per Van Cleef.

4) Una delle colonne sonore più belle di sempre.

5) I titoli di testa, già da lì si capisce che quello che seguirà sarà un capolavoro.

6) Il triello finale, uno dei momenti più intensi e di pathos che il cinema abbia mai vissuto: la quintessenza dei film di Leone.

7) "Il mondo si divide in due categorie…"

8) "Gli speroni"

9) La regia di Leone, non serve aggiungere altro.

10) Il miglior western di sempre. Punto.

Domius  @  06/11/2013 13:40:33
   10 / 10
Quando non si riesce a descrivere una qualsiasi cosa è perchè essa sconfina dalla abitudine quotidiana di dover "etichettare" sempre cosa facciamo, cosa sentiamo, che emozioni proviamo. Questo film ne è l'essenza.

gianni1969  @  19/08/2013 20:33:07
   10 / 10
Tre ore di pura poesia in salsa western con un trio di attori indimenticabili

hghgg  @  16/08/2013 23:56:44
   9 / 10
E vabbè, che c'è da dire, un film bellissimo, davvero grande. Grande per come chiude il primo ideale "ciclo" di Leone, quello del cosiddetto dollaro, grande perché raccoglie tutto ciò che di buono "Per qualche dollaro in più" aveva già seminato e in più aggiunge ulteriore maturità, per come unisce sapientemente ironia e divertimento (perché questo film sa anche far ridere, eccome) col dramma e la schifosa realtà della guerra civile americana contro cui i protagonisti, anti-eroi carismatici e infallibili del West, vanno a sbattere perplessi e sgomenti, in contrasto con quell'epicità fuori dal mondo del Western americano che io più di tanto non apprezzo e che Leone almeno in questa splendida parte di film spazza via, anzi sono i cannoni che la spazzano via. "Mai visto morire tanta gente e tanto male" dice il Biondo, Clint Eastwood, perfino le sue due espressioni attonite di fronte a qualcosa che va ben oltre le loro sparatorie contro i cattivi di turno puntualmente seccati dalla mira infallibile e dalle sei colpi. Un frammento di realtà prima che il film torni su binari più classici e termini con lo straordinario "triello" in un momento di altissimo cinema, seppur certo più scontato. Una maturità che proseguirà poi nell'epitaffio struggente di "C'era una volta il West" che due anni dopo aprirà il secondo e ultimo ciclo della carriera di Leone, quello sul tempo, sulla nostalgia, sulla fine di un'epoca, qualunque essa sia.
"Il buono, il brutto, il cattivo" va avanti così, incalzato dalle sempre straordinarie musiche di Ennio Morricone qui forse le più trascinanti che abbia mai scritto, senza mai annoiare e anzi con slanci di ironia e divertimento impagabili, grazie ad una delle coppie cinematografiche più azzeccate perlomeno degli anni '60, quella composta da Clint Eastwood ed uno straordinario Eli Wallach, vero mattatore del film, istrionico, spassoso, incontenibile è lui l'anima del secondo capolavoro del Sergione. La coppia è affiatatissima e va alla grande (meravigliosa tutta la sequenza dei due contro gli uomini di Sentenza nella città abbandonata) ma Wallach tiene su la scena in maniera impressionante, e rimane impressa a lungo nella mente quella sua corsa a perdifiato per il cimitero, con la camera che gira e gira sempre più vorticosamente (ah, Leone, quanto ci sa fare Leone) e L'Estasi dell'Oro di Morricone si fa sempre più potente, epica, bollente.
C'è poi Lee Van Cleef, questa volta spietato assolutamente convincente a formare l'ultimo lato del triangolo. E tanti bravi caratteristi, dal solito Mario Brega ad un Aldo Giuffré da antologia.
E poi c'è Leone, che dirige in maniera impeccabile ma lo stile di costui lo conoscono ormai anche i sassi, e siamo tra i pesi massimi di tutti i tempi, regia viva, pulsante, cuore del film.
Strepitosa, ed esilarante, l'ultima scena affidata proprio a Wallach in cui l'interazione tra dialoghi e colonna sonora è una meraviglia, con l'ultima imprecazione del povero Tuco che sfocia direttamente nello storico tema principale del film ("Lo sai che cosa sei Biondo ? Sei figlio di una grandissima puttaauauaaauauuaaa, ua-ua-uaah :D se non si vede non si gode), e poi in lontananza, sul solito campo largo, il biondo Eastwood che si allontana cavalcando per i cavoli suoi, dopo l'ultimo scherzetto giocato all'amico/nemico.
Filmone, ma one-one.

horror83  @  06/08/2013 10:39:05
   7½ / 10
è l'unico film western che mi piace. di solito i film western mi annoiano, non sono il mio genere, ma questo invece mi è piaciuto! è fatto bene e anche gli attori sono bravi! non lo sapevo che era un film italiano!

Melefreghista  @  30/07/2013 00:24:53
   10 / 10
Un trio di attori stratosferici, uno dei più grandi registi di sempre, Ennio Morricone al top.

IL film western.

peppe87  @  06/07/2013 23:38:16
   9 / 10
c'era una volta il made in italy che meravigliava il mondo intero

bucho  @  05/05/2013 03:24:55
   10 / 10
un capolavoro d'altri tempi!

Federico  @  30/03/2013 10:53:41
   8½ / 10
film leggendario anche se io ho preferito il successivo "giù la testa" che mi ha coinvolto maggiormente per il tema dell'amicizia trattato. Anche la colonna sonora qui è inferiore.

Supercecco  @  27/02/2013 16:57:54
   8 / 10
Quest'opera tiene incollati allo schermo e non risente assolutamente degli anni.... Estremamente carismatici i tre protagonisti... Peccato per la scena del ponte che dopo un'ora e mezza di visione risulta essere piuttosto pesante.

SelFxTreem  @  26/02/2013 12:47:22
   9 / 10
Il film è pazzesco. Un capolavoro. Non mi dilungo in commenti visto che altri qui lo hanno fatto meglio di come farei io. Perde qualcosina perchè, per i miei gusti personali, è troppo lungo. Da vedere.

Sakurambo  @  07/02/2013 18:59:22
   10 / 10
Forse il più grande film western di tutti i tempi..

markos  @  29/01/2013 14:58:13
   10 / 10
Capolavoro assoluto in tutto, da vedere e rivedere!

danielplainview  @  22/01/2013 17:06:34
   10 / 10
Difficilmente darò questo voto ad un altro film.
Il genere western si completa e si esaurisce qui. Pura poesia.

1 risposta al commento
Ultima risposta 15/04/2013 02.29.07
Visualizza / Rispondi al commento
TonyStark  @  20/01/2013 18:39:16
   9½ / 10
il mio western preferito.

Invia una mail all'autore del commento RubensB  @  03/01/2013 18:11:51
   9 / 10
Sceneggiatura, musiche, attori, regia, tutto impeccabile, il miglior western, perché non è solo un western.

prof.donhoffman  @  28/11/2012 11:28:10
   8 / 10
Il migliore della trilogia del dollaro. Qua si comincia ad vedere la vera filosofia cinematografica di Leone e la sua poetica.

ferzbox  @  26/11/2012 17:45:39
   9 / 10
Il Cinema è Arte.....così come il Western è Sergio Leone....."Il Buono,Il Brutto,Il Cattivo" è una delle pellicole più rappresentative sia del regista che del selvaggio West....
Un Clint Eastwood splendido così come tutti gli altri protagonisti...
Una storia avvincente ed un continuo domandarsi di come andrà a finire..il tutto accompagnato da una regia evocativa ed esemplare e da una fotografia straordinaria..
Quando il Cinema Italiano aveva molto da insegnare e nulla da invidiare...
Da prendere come esempio...

slint  @  04/11/2012 21:42:59
   9½ / 10
Rasenta la perfezione.

aladino77  @  04/11/2012 19:43:10
   10 / 10
Capolavoro, punto

f.amadori  @  18/10/2012 23:21:22
   7 / 10
Rispetto agli altri 2 capitoli, mi ha convinto molto meno!
Troppo autocelebrativo, mi ricorda Terrence Malick quando esagera.
Memorabile però la scena del "triello"

Oskarsson88  @  08/10/2012 10:35:19
   9½ / 10
Chiaramente un capolavoro assoluto del cinema, col famosissimo triello finale e le musiche fantastiche inserite nell'ambientazione storica della guerra di secessione americana. Tutto girato magistralmente, intramontabile!

3 risposte al commento
Ultima risposta 12/10/2012 13.52.46
Visualizza / Rispondi al commento
alepr0  @  27/09/2012 23:54:24
   9 / 10
Indiscutibilmente il miglior western di tutti i tempi. Musiche stupende, ambientazioni bellissime, regia magistrale: tutto molto bello.

Atlantic  @  22/09/2012 13:46:10
   10 / 10
Terzo e ultimo capitolo della trilogia del dollaro di Sergio Leone.
Un film che ha rivoluzionato nel modo più assoluto e in 3 ore di film , l'intero movimento Spaghetti Western , che il regista non ha inventato ma senz'altro ha rivoluzionato più di ogni altro.
La colonna sonora è opera di Ennio Morricone , rappresentando uno dei suoi cavalli di battaglia , dettagliata e composta perfettamente dal tema dei titoli d'inizio fino all'indimenticabile scena del triello finale , il triello più importante della storia del cinema , per non parlare del coro del campo di prigionia nordista.
Ritroviamo l'imponente Mario Brega , un eccezionale Luigi Pistilli , e un già allora grandissimo Aldo Giuffrè , oltre a segnalare la presenza di Antonio Casale.
Ma le interpretazioni migliori rimangono pur sempre dei tre protagonisti da una parte un incredibile Clint Eastwood , un immancabile Lee Van Cleef e soprattutto Eli Wallach , forse il personaggio più riuscito di tutti i film del grandissimo regista.
Capolavoro del cinema western.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

marcos81  @  08/09/2012 16:30:27
   10 / 10
be è stato già detto tutto ormai lo sanno anche i muri che è un capolavoro il migliore secondo me della trilogia del dollaro
immenso

junior86  @  26/07/2012 00:35:57
   9 / 10
Strano ma fino adesso non avevo ancora visto questo capolavoro di film, nonostante sapevo per certo che era un film imperdibile. Non sono un esperto di western, a dire il vero ne ho visti pochissimi, ma questo film è davvero epico. Interpretazione straordinario dei protagonisti (clint col sigaro, cappello, e soprattutto la coperta addosso nella scena finale è qualcosa di indescrivibile!!!) e musica di un grande Morricone che da non so quanti decenni ci fa sognare.
Leone, Morricone, Eastwood. Un trio perfetto! Come il buono, il brutto, il cattivo.
EHI BIONDOO!!! LO SAI DI CHI SEI FIGLIO TU? SEI FIGLIO DI UNA GRANDISSIMA PUTTAAAAAHAHHAHAHAAAAA......!!!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

demarch  @  11/07/2012 23:02:45
   8 / 10
Rivisto per l'ennesima volta. Bello come il sole. Musica epica e Clint. Grande film, da vedere, anche per non appassionati del genere

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR alexava  @  25/06/2012 00:40:48
   9½ / 10
Era davvero tanto tempo che non lo rispolveravo. L'ho scaricato qualche giorno fa e devo ammettere che avevo dimenticato molte cose. Ad esempio quanto fosse moderno; Quanto l'arte narrativa di sergio Leone rasenti la perfezione; quanto i personaggi siano ben curati, caratterizzati e... maledettamente f.ighi!
Sergio Leone, considerato ampiamente per quasi tutti gli anni 60 cinema popolare: un merluzzo morto buttato in pasto agli squali. Invece oggi finalmente ci siamo accorti che Leone ha fatto scuola di cinema, rivoluzionando un genere che soffriva di una maledetta e ipocrita divisione nettissima tra buoni e cattivi. Leone, ha dato spessore, divertimento realismo e anima al western.

Stevelukather  @  01/06/2012 01:45:13
   10 / 10
In realtà il commento è anche superfluo...in ogni caso non ringrazierò mai abbastanza il duo leone-morricone..pura poesia

Testu  @  22/05/2012 21:20:46
   7½ / 10
Il mio western preferito.

Un po di spazio in più a Van Cleef non sarebbe stato male.

4 risposte al commento
Ultima risposta 20/08/2014 13.48.07
Visualizza / Rispondi al commento
venetoplus  @  22/05/2012 19:58:48
   10 / 10
A.a.a. cercasi UNA dico UNA inquadratura sbagliata, battuta fuori posto, scena inutile, interpretazione sopra le righe..ecc..ecc.. In definitiva IL FILM. Punto

Goldust  @  22/05/2012 18:21:38
   9 / 10
Sergio Leone alza il tiro e fa centro chiudendo la trilogia del dollaro con il film più ambizioso e riuscito. E' il più psicologico dei tre e tutti i protagonisti sono mossi dallo stesso ideale: l'avidità. Un pò lento nella parte centrale, si riscatta con un'ora finale magistrale, compreso il triello risolutivo che è talmente perfetto da essere ancora oggi studiato nelle scuole di cinema. La colonna sonora indimenticabile di Morricone, il personaggio fuori dagli schemi ed al limite del macchiettistico del fuorilegge Tuco ( un impagabile Eli Wallach ) ed una mezza dozzina di battute folgoranti assurgono il film al rango di vero e proprio mito.

TheShadow91  @  22/05/2012 01:31:43
   10 / 10
Il carisma!!!Il carisma degli spaghetti western!!!Il carisma di 3 protagonisti assoluti,tanto diversi tra loro quanto ugualmente affascinanti..con una personalità talmente ricca che hanno reso imprevedibile il film fino alla fine,grazie alle loro gesta e i loro modi di fare sempre ricchi e scontati nemmeno per un istante!L'imponente ambientazione,e la rappresentazione del far west sia della vita di tutti i giorni che della guerra all'epoca..la perfezione e l'intrattenimento assoluto!!E vogliamo parlare della colonna sonora??!!Insomma....uno dei film più belli della storia!!!!!!

Rocco87  @  16/05/2012 19:37:48
   10 / 10
Film d'altri tempi!

JOKER1926  @  09/04/2012 17:13:32
   7½ / 10
Se in un film convergono componenti come suspense, colonne sonore e ottima trama quasi sempre si è dinanzi ad un colosso del Cinema; con "Il buono, il brutto e il cattivo" allora veramente il pubblico si imbatte con un lavoro di grande portata, si arriva alla corte del munifico.
Per gli amanti del western (ma non solo) la visione del film di Leone del 1966 diventa indispensabile.
Il prodotto cinematografico italiano parte a mille con una sigla di apertura fantasiosa che non può non colpire. L'inizio con la presentazione dei tre personaggi è un'altra gemma nell'intero apparato del film del maestro Sergio Leone, si respira pienamente l'area mitica del western.

"Il buono, il brutto e il cattivo" chiude la trilogia del dollaro, sotto alcuni aspetti, questo potrebbe esser visto come film "commerciale" creato proprio per dare un seguito a ciò che erano stati in precedenza "Per un pugno di dollari" e "Per qualche dollaro in più", ma a conti fatti, "Il buono, il brutto e il cattivo" si prende tutte le responsabilità del caso e, una volta sullo schermo, tiene botta a tutto e tutti rivelandosi un Kolossal del genere perfetto nella sua natura, inattaccabile a livello critico.
Sergio Leone sapeva il fatto suo e mise in scena un prodotto poliedrico che, partendo dai canoni del far west, si snocciolava sapientemente su più canali andando a toccare temi drammatici e, al medesimo tempo, toccando quelli di una spacciata ironia nera che si esalta, dopotutto, nelle sequenze della taglia ove Eastwood col "brutto" ci marcia sopra.
Nominato il "buono" Eastwood , a questo punto, è fondamentale ricordare la prova del "cattivo" Lee Van Cleef, l'attore in questione regala un'interpretazione mastodontica.
Eli Wallach nella parte del "brutto" attraverso i suoi sguardi disperati e alla sua veemenza dialettica, che si riflette in modo debordante nei dialoghi, forse risulta essere il migliore dei tre, anche se qui siamo a livelli altissimi.
A contornare alla grande tutto questo contesto tecnico un lavoro musicale (Ennio Morricone) che non stecca nemmeno un istante portando dunque a termine un'altra missione, la musica è un Must che non morirà mai, ad esempio è meno organica di quella de "Per qualche dollaro in più" però sicuramente è più incisiva ed esclusiva.
Le inquadrature, le scenografie sono indispensabili nel portare a compimento un vero film western, Leone alla camera offre il meglio.

"Il buono, il brutto e il cattivo" si avvale di una storia di grande spessore, qui siamo in nella guerra di secessione, il contesto storico scannerizza in modo fenomenale le tre icone del film facendole evadere dall'omologazione, questi infatti sono pistoleri "indipendenti" che si fanno leggi a misura personale esulando dalla guerra, movimento di massa.
Oltre alla guerra esce fuori però quel senso malato e ossessivo del danaro che spingerà la "troupe" in un'avventura epica e tormentosa ove la morte si lascia intravedere più di una volta.
Morte che ingloba sembianze trasmodanti in un finale ove il triello, scolpito da un frenetico lavoro di primissimi piani e "scatti" di inquadratura, offre un pathos di immane spessore. Come al solito si milita a livelli massicci, Western portato alla massima potenza attraverso una regia che celebra il genere in modo fastoso, la durata di proiezione sotto le tre ore e l'ulteriore lasciapassare, è il tempo che effigia definitivamente un'opera rendendola ponderosa e rilevante.

Cemmone  @  11/02/2012 22:26:38
   10 / 10
10, 10, 10, 10, 10, 10 e ancora 10......

gemellino86  @  15/01/2012 22:53:37
   10 / 10
Il capolavoro western per eccellenza. Regia impeccabile e attori che sfiorano la perfezione. Mi meraviglio che non abbia vinto neanche un oscar. Merita tutta gli elogi che ha.

the Good  @  30/12/2011 12:41:37
   10 / 10
Non servono tante parole per commentare un'opera geniale!

PaulTemplar  @  16/12/2011 18:27:50
   10 / 10
Nel 1966 Sergio Leone chiude la trilogia del dollaro con Il buono, il brutto e il cattivo, la sua opera, almeno fino a quel momento, più ambiziosa e sopratutto girata con più mezzi a disposizione. I due fortunatissimi precedenti, Per un pugno di dollari e Per qualche dollaro in più gli avevano permesso di poter finalmente disporre di finanziamenti cospicui; così Leone sceglie un cast di più largo respiro, sceglie di girare il film con tempi cinematografici più lunghi e sopratutto esce dai temi trattati nei due film precedenti per parlare della guerra di secessione americana, guardando sia alla storia in se stessa, sia ad un discorso di più ampio respiro, la denuncia degli orrori della guerra, simboleggiata in vari punti del film, da alcuni episodi chiave, come il famoso attacco al ponte, oppure dal campo di concentramento sudista o ancora dalla morte del povero soldatino a cui Biondo porge l'ultima sigaretta.
Il buono, il brutto e il cattivo è la summa dell'arte di Leone, un film bellissimo in larghi tratti, supportato dalla sontuosa recitazione dei tre protagonisti, Eastwood, Van Cleef e il possente Eli Wallach, da una colonna sonora semplicemente stupefacente e da un ritmo che affascina lo spettatore portandolo attraverso gli orrori della guerra in una pazza corsa ad un tesoro rappresentato da 200.000 dollari sepolti dallo sconosciuto soldato Jackson in un cimitero Confederato.
Leone bada molto alla caratterizzazione dei personaggi, e questa volta sceglie due attori con cui ha già lavorato, il solito Clint Eastwood a cui affida il ruolo di Biondo e Lee Van Cleef, a cui affida il ruolo del crudele sergente Sentenza. Il terzo protagonista è uno strepitoso Eli Wallach, che si immedesima così tanto nei panni di Tuco Benedicto Pacifico Juan Maria Ramirez da risultare, alla fine, il più bravo dei tre, ammesso che si possa fare una scala di valori di interpretazioni così intense.
Per la sceneggiatura del film Leone si era affidato al duo Age e Scarpelli, ma deluso dal risultato, la rimaneggiò totalmente, sostituendo i dialoghi scritti dal duo con altri di suo pugno; è per questo che Il buono il brutto e il cattivo, alla fine, diventa un film assolutamente ascrivibile a Leone, che è libero di modellare la pellicola a suo gusto e piacimento.
Anche la selezione degli attori non protagonisti rivela una sapiente, profonda conoscenza dei caratteristi del mondo del cinema: basti pensare alla presenza del solito, bravissimo Luigi Pistilli, che interpreta alla perfezione Padre Pablo Ramirez, fratello di Tuco, oppure alla presenza di Aldo Giuffrè, un intenso Capitano Clinton, l'uomo che morirà con il sorriso sulle labbra dopo aver finalmente visto il maledetto ponte saltare per aria. Ma sono altri i caratteristi degni di menzione: c'è Rada rassimov, che interpreta Maria, la prostituta; c'è l'immancabile Mario Brega, che è il caporale Wallace….
I 180 minuti di durata del film, che si apre con Tuco e Biondo soci in una truffa ai danni degli sceriffi, e che si chiude con il famoso Triello, lo scontro finale tra Sentenza, Tuco e il Biondo e successivamente con la splendida sequenza di Tuco con il cappio al collo in bilico su un barile, salvato da un colpo di fucile di Biondo, che lascia all'ex socio metà del bottino, sono tre ore di grande cinema, di grande spettacolo e di grande divertimento.
Wallach gigioneggia per tutto il film, mentre, per una volta, Eastwood e in secondo piano; come racconterà Leone, i rapporti tra i due si deteriorarono per la pretesa di Eastwood di intepretare la parte di Tuco, che in effetti era assolutamente indatta per Eastwood:
"Ci mancò poco che non facesse la parte del Biondo. Dopo aver letto il copione ,trovò in effetti che il ruolo di Tuco fosse troppo importante, che fosse il migliore dei due ruoli. Tentai dunque di ragionarci: "Il film è più lungo degli altri due. Non puoi essere tutto solo. Tuco è necessario per la storia, e resterà come ho voluto che fosse. Devi capire che è il comprimario… e il momento in cui appari tu, è la star che fa la sua apparizione."[ Eastwood però non fu convinto, dunque Leone, insieme con la moglie, dovette andare in California per tentare una mediazione. La moglie del regista, Carla, ricorda perfettamente: "Clint Eastwood con sua moglie Maggie venne al nostro albergo... io spiegai che il fatto che avesse al suo fianco altri due grandi attori non avrebbe potuto che rafforzare la sua statura. A volte anche una grande star che interpreta un ruolo più piccolo insieme ad altri grandi attori può trarre vantaggio dalla situazione. A volte fare un passo indietro voleva dire farne due avanti." Mentre le due mogli parlavano, Eastwood e Leone si scontrarono duramente, e il loro rapportò iniziò a incrinarsi. Leone disse: "Se interpreta la parte ne sarò felicissimo. Ma se non lo fa - beh, visto che sono stato io a inventarlo, domani dovrò inventarne un altro come lui."Dopo due giorni di trattative l'attore accettò di fare il film e volle essere pagato 250.000 $ più il 10% dei profitti dei botteghini in tutti i territori occidentali,un accordo che non trovò contento Leone."
A Van Cleef spetta il ruolo più antipatico, quello del crudele Sentenza; l'intepretazione dell'attore è eccellente, e riesce credibile così com'era credibile nei panni del colonnello Douglas Mortimer.
Parlare della trama del film, in fondo, è inutile; chi non ha visto questo capolavoro in una delle tantissime riproposizioni televisive, quello che più conta, nel film, è l'armoniosità della storia, che regge le tre ore di proiezione senza grossi cedimenti, attraverso lo sviluppo delle storie a volte parallele, a volte come destini incrociati, di Tuco, Sentenza e Biondo; Leone si diverte a mostrare le carriere di Biondo e Tuco mentre truffano gli sceriffi con la loro eccezionale abilità con pistole e fucili, mentre Sentenza in effetti è un pò trascurato. La vita di Tuco, gaglioffo si, ma per necessità, come racconterà a suo fratello, padre Ramirez, "dalle nostre parti o muori di fame, o diventi prete oppure bandito: Io ho scelto la via più difficile" viene vista con sguardo ironico ma in fondo affettuoso dal grande regista.

A completare l'armonia del film, la grandissima colonna sonora, opera di Morricone, questa volta, a differenza delle due produzioni precedenti, preparata in anticipo; come disse Leone, "Ennio non è solo un musicista: è il miglior sceneggiatore dei miei film. Sul set giro con la sua musica, e questo aiuta gli attori ad entrare nell'atmosfera del film, a capire meglio i propri personaggi: ogni tema rappresenta perfettamente le caratteristiche d'un personaggio, il suo spirito. Che sia un sistema vantaggioso, per girare, lo conferma il fatto che anche Kubrick, dopo aver parlato con me, lo abbia adottato; ma non è la musica in generale, a permetterlo: è la musica di Ennio."

Mi si consenta un appunto personale.
Tra i western girati da Sergio Leone, Il buono il brutto e il cattivo è quello, a mio personalissimo giudizio, praticamente esente da difetti; Leone, finalmente libero di poter disporre di soldi e mezzi, si diverte a ricostruire scenari e situazioni di largo respiro: basti pensare alla scena epica del ponte, che diventa cruciale per capire anche la psicologia dei due personaggi Tuco e Biondo, che rischiano la vita anche per salvare quella di migliaia di incolpveoli soldati. Se i due lo fanno principalmente per loro tornaconto (Leone bonariamente lascia intendere questo), è indubbio che l'intera scena poteva essere tranquillamente eliminata dal film, senza per questo sminuirlo; al contrario, Sergio Leone intendeva mostrare la brutalità, l'idiozia della guerra, e puntò moltissimo proprio su quelle sequenze.

Per questo il film lo si ama alla follia, per quella sua commistione perfetta di umorismo nero, di ironia, di avventura che permea, pervade il film dalle prime alle ultime battute, con quella scena finale di Tuco che urla "Biondo, sai di chi sei figlio tu? Di una grandissima *******" con l'ultima sillaba che scompare sulla scia della magica musica di Morricone.
Il film venne accolto bene dalla critica; l'unica eccezione fu rappresentata da Moravia:
"Il film western italiano è nato non già da un ricordo ancestrale bensì dal bovarismo piccolo borghese dei registi che da ragazzi si erano appassionati al western americano. In altri termini il western di Hollywood nasce da un mito; quello italiano dal mito del mito. Il mito del mito: siamo già nel pastiche, nella maniera."
Parole di un mediocre scrittore, tra i più sopravvalutati della storia della letteratura e di un pessimo recensore cinematografico.

2 risposte al commento
Ultima risposta 25/05/2012 00.25.11
Visualizza / Rispondi al commento
whereIsMyMind  @  08/12/2011 16:55:23
   9½ / 10
Non sono un amante del genere ma riconosco la grandezza di questo capolavoro di Sergio Leone.
Non mi ha mai annoiato, neanche durante la mia terza visione del film pochi giorni fa. Tutto perfetto, regia, colonna sonora, dialoghi, recitazioni. Straordinario!

cort  @  20/11/2011 18:42:29
   9 / 10
capolavoro di cui ciliegina il duello finale indimenticabile. non il migliore secondo me perche credo trasmetta un po meno sentimento.
il voto comunque se lo merita tutto.

c0rsar0  @  10/11/2011 10:42:04
   10 / 10
Il miglior film western di sempre. Scenografia, regia, musica, attori, fotografia etc.. tutto al massimo dell'eccellenza.

Invia una mail all'autore del commento marco986  @  30/10/2011 17:33:22
   9 / 10
Capolavoro di Leone l'ultimo della "trilogia del dollaro"Ottimi gli attori e splendida colonna sonora di Morricone

sergiolandia  @  28/08/2011 13:23:57
   9 / 10
...e con la visione di questo film, si conclude la trilogia del dollaro. 3 film eccellenti, 3 capolavori e forse con "il Buono, Il Brutto, Il Cattivo", il maestro Leone, ha dato il meglio di sè.
Trama convincente per il pubblico e per quell'Hollywood che ammetteva, finalmente, che Sergio Leone aveva superato la concezione (stupida) del western che avevano gli americani...Leone infatti è andato oltre il classico "indiani vs cowboy".
Non posso far altro che consigliare la visione di questo film a tutti...in particolare l'ultima scena che, tra l'altro, si studia in parecchie Università mondiali.

Invia una mail all'autore del commento camifilm  @  18/08/2011 02:06:01
   9 / 10
Pur avendo il dvd, ogni volta che passa in TV lo vedo con piacere.
Ottimo in tutto.
Un western di nuova generazione (per il suo tempo), non è il classico western made in USA.
Musica, trama, personaggi e momenti cult ci sono tutti.

Crazymo  @  30/07/2011 18:09:36
   9½ / 10
Capolavoro assoluto, ogni scena è praticamente diventata un piccolo cult. La scena della "battaglia" nella cittadina desolata, o l'imminente passaggio dei due per la guerra nelle trincee tra le due sponde del fiume per la conquista del ponte, e poi il bellissimo e "tondo" finale nel cimitero, sono solo alcuni degli sprazzi di genio che pervadono il film.
Capolavoro!

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  29/07/2011 18:41:47
   9 / 10
Capitolo conclusivo della trilogia del dollaro. Sergio Leone (mai molto amato dalla critica) dirige ottimamente, inutile ribadire quanto sia stato significativo nella storia del cinema.
La storia è buona, non eccezionale ma i dialoghi sono a tratti irresistibili.
La colonna sonora è inarrivabile, Ennio Morricone. Forse nessuno nella storia del cinema ha saputo combinare perfettamente le immagini con il suono come la coppia Leone-Morricone.
Un successo mondiale, ancora oggi amatissimo dal pubblico. Imperdibile.

Lopan88  @  24/07/2011 13:01:25
   10 / 10
Troppo bella la scena nel cimitero

asiya  @  18/07/2011 19:47:58
   10 / 10
Una storia semplice ma ben sviluppata e coinvolgente, tre protagonisti indimenticabili, battute eccezionali, regia sontuosa, un finale epico e una delle colonne sonore più belle di sempre...capolavoro

Voglinaro23  @  17/07/2011 17:30:24
   10 / 10
Favoloso questo film, uno dei miei preferiti in assoluto e personalmente lo trovo il vero capolavoro del grande Sergio Leone. Il film durera' pure quasi 3 ore ma scorre via che e' una bellezza e la colonna sonora di Morricone e' talmente bella e maestosa che vorresti non finisse mai. Una gioia per le orecchie e e per gli occhi questo film: DA VEDERE ASSOLUTAMENTE.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Elwing77  @  28/06/2011 20:22:49
   10 / 10
Un MONDO costellato di persone dalle facce sporche e dagli sguardi biechi, costellato da città deserte e dominate dai prepotenti e dai malvagi, un mondo che si dirama in strade polverose percorse da pistoleri solitari, spesso spietati e in cerca di fortuna, dove si ode il fruscio del vento, il calpestio degli zoccoli di cavallo, il fischio delle pallottole.... dove passa lo straniero gentile che all'occorrenza è pronto ad aiutare chi è in difficoltà senza farsi fregare. alla trilogia del dollaro do semplicemente 10.

baskettaro00  @  28/06/2011 11:29:13
   8 / 10
Terzo film visionato di Sergio Leone, dopo "per un pugno di dollari" e il capolavoro"c'èra una volta in America".
Anche questo è un signor film, con un ottimo triello finale accompagnato da una colonna sonora DA PAURA, bella anche quella che si sente durante il film.
Poche scene prolisse nonostante la durata non è di certo quella standard.
Ottimi le recitazioni, tra i tre è dura scegliere il migliore, ma Tuco è quello che preferisco, non togliendo nulla a Van Cleef e al buon Clint.
Proprio un bel western, western con la W maiuscola, grande Leone !

Black Eight  @  10/06/2011 14:56:11
   9½ / 10
Capolavoro che conclude la leggendaria trilogia del dollaro. Così Sergio Leone omaggia un periodo storico attraverso un affresco crudo e realistico, eppure per certi versi sognante, di una realtà in cui sono i soldi il vero padrone. Anche in questo caso, infatti, ci saranno 200mila dollari a muovere le ambizioni di tre uomini diversi ma uniti nell'avidità, nel desiderio smodato di raggiungere il bottino finale. Il contesto storico invadente è forse l'aspetto che meno mi ha convinto di questa pellicola, mentre evidentemente le peripezie che i tre protagonisti devono affrontare nella corsa a ostacoli verso l'oro sono estremamente godibili e non fanno assolutamente pesare la lunga durata del film. Anche questa volta le musiche incalzanti di Ennio Morricone raccontano le emozioni e guidano lo spettatore verso un crescendo inesorabile che si concluderà soltanto nel triello finale, una scena da antologia del cinema. Naturalmente niente di tutto ciò sarebbe stato realizzato senza l'apporto del genio visionario del regista, che regala costantemente sequenze travolgenti grazie ad una scelta ineccepibile di inquadrature (compresi naturalmente i primissimi piani) e alla splendida direzione del cast. Ancora un volta troviamo la figura enigmatica di Clint Eastwood contrapposta allo spietato Lee Van Cleef. Nel mezzo la new entry Eli Wallach, che qui è semplicemente fenomenale, e che con il suo personaggio sopra le righe riesce a rubare la scena veramente a tutti

pipizanzibar  @  13/05/2011 12:01:47
   10 / 10
albio1985  @  03/05/2011 23:20:38
   10 / 10
Intreccio di scene epiche.Perfezione assoluta. Il cinema. Lo reputo il più grande film di tutti i tempi insieme al Padrino

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Edgar Allan Poe  @  23/04/2011 17:18:06
   8½ / 10
Alla pari con "Per qualche dollaro in più", forse leggermente superiore. Sergio Leone era un grande regista, peccato che abbia fatto pochi film... sicuramente all'epoca c'era una concezione diversa di Cinema: i soldi si spendevano per film del genere, che venivano (e vengono) ricordati negli anni; oggi i soldi si spendono per super-effetti speciali e cavolate simili. Perchè si sa che così si incassa. Quanto al film, nulla di particolare da dire. Il "triello" è veramente mitico...
Ottime anche le musiche di Morricone.
La frase finale è da antologia.

Buba Smith  @  22/04/2011 22:10:24
   6½ / 10
Mi spiace, ma non si avvicina neanche lontanamente agli altri 2 capitoli...

Si dilunga troppo in certe scene che alla lunga diventano troppo pesanti e noiose.
Avrebbero potuto tagliare parecchio le parti in cui si ritrovano nei vari eserciti.

Eastwood (se pure con una distinta interpretazione), non regge il confronto degli altri 2 episodi, ha perso quel suo stile di cui ero rimasto impressionato nelle pellicole precedenti. Mi è sembrato un pò... Passivo.

Hanno dato troppo spazio a Wallach, che mi piace, ma fino a un certo punto.

Avrebbero dovuto + caclare su eastwood e Cleef.

Per quanto riguarda il sonoro... Il ritornello principale (quello dell'inizio e della fine) è assolutamente fantastico, a mio parere il migliore di tutta la trilogia del dollaro (e una delle migliori colonne sonore che abbia mai sentito). Di fatti prende posto nei brani preferiti nella mia libreria musicale.

Insopportabile invece la seconda musichetta composta da fisarmonica, non mi è parsa per niente azzeccata.

franky83  @  20/04/2011 20:57:44
   10 / 10
Il miglior western che abbia mai visto.Immenso

lukef  @  19/04/2011 13:42:43
   10 / 10
Mi chiedevo sempre cosa ci fosse di bello in un western.. Solite storie di pistoleri nella solita atmosfera di deserto e baracche. Poi ho visto questo film e finalmente ho capito.
Un mondo di uomini dimenticati da Dio, senza una casa, senza una famiglia, che vagano continuamente come iene affamate, dopo aver perso ogni genere di sentimento e virtù.. L'unica cosa ancora in grado di essere provata è l'avidità, unico obiettivo rimasto e dettato dalla naturale legge della sopravvivenza. Non ci sono veramente parole per descrivere questo capolavoro assoluto e rimasto irraggiungibile nel suo genere a distanza di decenni. I volti, i primi piani, sono qualcosa di veramente fantastico, ogni cosa ed ogni uomo puzza di sporco e di abbandono, non ci sono altri colori se non quello della sabbia. Molte delle sequenze presenti nel film sono immortali, come quella iniziale del cattivo, la prima impiccagione del brutto… e il triello finale, capolavoro indimenticabile di montaggio che per tutta la sua lunghissima durata non ti fa staccare un attimo gli occhi dallo schermo. Inutile anche aggiungere che la colonna sonora è penso la più bella che io abbia mai potuto sentire.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR rain  @  01/04/2011 12:23:37
   8½ / 10
Nonostanti i molti annai sul groppone "Il Buono, Il Brutto, Il Cattivo" rimane tutt'ora uno dei western (genere che per la verità non amo moltissimo) più belli che ci siano, se non il migliore. Bellissimo soprattutto il finale.

kastalya  @  28/03/2011 21:46:02
   10 / 10
Un capolavoro da tutti i punti di vista!
Attori, colonna sonora, regia, sceneggiatura....

Da vedere assolutamente...magari in blu ray visto che nonostante i 45 anni passati si vede in maniera perfetta!

Johnny Boy  @  09/03/2011 15:21:59
   10 / 10
Il migliore della trilogia sul dollaro.
Regia, musiche e attori eccezionali; Wallach davvero grandioso.
Nonn si può non vedere almeno una volta questo capolavoro. Grazie ancora Maestro Morricone.

rob.k  @  06/03/2011 15:49:06
   8 / 10
Non ho mai amato il genere western, e questo è probabilmente uno dei pochi film di questo di questo tipo ad avermi colpito positivamente. Trama articolata e mai noiosa, finale geniale.

3 risposte al commento
Ultima risposta 19/04/2011 13.54.09
Visualizza / Rispondi al commento
Dan93  @  03/03/2011 13:34:17
   9 / 10
assolutamente da vedere...

Rockem  @  09/02/2011 14:42:14
   10 / 10
Il miglior film della fortunata e formidabile coppia Leone-Morricone: trama, fotografia, ritmo, musiche e protagonisti (Eastwood in forma smagliante) lo consacrano ad una pellicola storica e adatta nell'essere inserita nella copertina di un ideale manuale del perfetto regista.

guidox  @  19/01/2011 20:27:57
   10 / 10
Clint Eastwood, Eli Wallach e Lee Van Cleef.
il Biondo, Tuco e Sentenza.
il Buono, il Brutto e il Cattivo.
capolavoro.
la splendida caratterizzazione di questi tre personaggi, così simili e così diversi al tempo stesso, rende questa pellicola a dir poco fenomenale.
ottima anche la sceneggiatura, con un incipit semplicissimo, una "caccia al tesoro", che ha nel periodo storico in cui è ambientata (la guerra di secessione) qualcosa di molto più che un semplice sfondo e rivela ancor in modo migliore la psicologia dei personaggi, specie quelli di Tuco e del Biondo.
la scena finale del triello entra di diritto nella storia del cinema e sottolinea tutta la grandezza di Sergio Leone, che con il gioco delle inquadrature con i primi piani alternati, rende epico questo scontro.
Morricone incredibile, regala ancora una volta musiche d'impatto e suggestive.
un concentrato fenomenale di pregi, un film senza sbavature, che affascina per ogni secondo del suo susseguirsi, nonostante le tre ore di durata.
imprescindibile.

Invia una mail all'autore del commento anthonyf  @  19/01/2011 19:31:23
   10 / 10
Una straordinaria pellicola diretta dal grande regista italiano Sergio Leone, ambientata durante la Guerra di Secessione Americana, che narra le vicende di tre protagonisti che vanno alla ricerca di un carico d'oro sudista scomparso. Apparte la sceneggiatura curata in ogni minimo dettaglio, sempre impeccabile ed avvincente, nel film notiamo un contesto sociale di cui fanno parte gli orrori della guerra, rappresentati dalle molte inquadrature di battaglia e dalla frase celebre di Clint Eastwood verso Eli Wallach: "Mai vista così tanta gente morire". Un'ottima scenografia dell'italiano Carlo Simi, veramente ben curata; un'ottimo montaggio sonoro; e una folgorante quanto nostalgica colonna sonora, firmata Ennio Morricone. Penso proprio che non ci sia più niente da dire, se non render grazia al grande Leone che ci ha regalato dei capolavori ineguagliabili.

Charlie Firpo  @  03/01/2011 10:26:37
   10 / 10
Il film capolavoro di Sergio Leone e capostipide del genere spaghetti Western , inavvicinabile , il trio di interpreti Eastwood , Wallach e Van Cleef sono superbi .

Colonna sonora strepitosa , vedere il duello finale nel cimitero con miscelazione di primi piani e musica per un risultato da urlo.

Da ricordare che il film è stato girato nel 1966 e sono passati 45 anni !!!.

Fra le scene voglio citare anche quella di Tuco quando esce dal deserto ed entra nella bottega di armeria dove si monta la pistola con vari pezzi presi da pistole diverse , magnifica scena da quando entra a quando esce !

Molto bravo anche Giuffrè davvero azzeccatissimo nella parte dell' ufficiale dell' esercito impegnato nella guerra di Secessione che fa da sfondo alla seconda parte del film.

In conclusione 3 ore che volano via e che lasciano nella memoria l'epico sconvtro finale.

Grandissimo Leone che chiude la trilogia del dollaro con il capitolo migliore , tra l'altro lanciando nello spazio Eastwood che prima di un pugno di dollari non era conosciuto praticamente da nessuno.

il genio  @  03/01/2011 03:24:05
   10 / 10
Non trovo aggettivi per descriverlo.

dariomantova88  @  02/01/2011 13:49:09
   10 / 10
non sono amante dei western ma questo e' un capolavoro

Niko.g  @  29/12/2010 18:39:41
   9½ / 10
Qui ci siamo. Sergio Leone ritorna al vecchio stile del "primo dollaro". Quando tre ore di film scorrono via come se ne fosse passata una, vuol dire aver indovinato ritmo e sceneggiatura. Devo dire che, inaspettatamente, non mancano neanche qui alcune sbavature o sviste... ad esempio Clint Eastwood con la pelle bruciata dal sole del deserto ma i capelli e la camicia perfettamente asciutti e puliti come se si fosse appena fatto la doccia e vestito a festa! Mah... misteri inspiegabili. Comunque il resto è da applausi: cinepresa all'ennesima potenza, colonna sonora favolosa, interpretazione al top di Clint Eastwood ed Eli Wallach, finale riuscitissimo e coerente... Mitico film.

  Pagina di 6   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 T
1303 - 3d2047 - sights of death
 T
22 jump street
 T
3 days to kill
 T
adhd - rush hourafflicted
 T
anarchia - la notte del giudizio
 T
babysittingblue ruincan't stand losing you
 T
carta bianca
 T
cattivi vicini
 T
chef - la ricetta perfetta
 T
dragon trainer 2
 T
gabrielle - un amore fuori dal coro
 T
gebo e l'ombra
 T
hercules - il guerrieroi muppet 2
 NEW T
il fuoco della vendetta - out of the furnace
 T
il magico mondo di oz
 T
il pianeta delle scimmie: revolution
 T
incompresa
 T
insieme per forza (2014)
 T
instructions not included
 NEW T
into the storm
 T
io rom romantica
 T
io vengo ogni giorno
 T
jersey boys
 T
la gelosia
 T
la madre (2014)
 R T
la pioggia che non cade
 NEW
la ragazza del dipinto
 T
la ricostruzione
 T
le cose belle
 T
le origini del male
 T
le week-end
 T
l'estate sta finendo
 T
liberaci dal male
 T
mademoiselle c
 T
mai cosi' vicini
 T
maicol jecson
 NEW T
mud
 NEW T
one on one
 T
paranormal stories
 NEW T
pazza idea - xenia
 T
per nessuna buona ragione
 NEW T
planes 2 - missione antincendio
 T
provetta d'amore
 T
quel che sapeva maisie
 NEW
quel momento imbarazzante
 T
ragazze a mano armatario 2096 - una storia d'amore e furia
 T
rompicapo a new yorksharknado 2: the second one
 T
step up all instories we tellsurrounded
 HOT R T
synecdoche, new york
 T
the best man holiday
 T
the big wedding
 T
the congress
 NEW
the damned
 T
the dark side of the sun (2011)
 T
the gambler
 NEW T
the stag - se sopravvivo mi sposo
 T
thermae romae
 HOT T
transformers 4 - l'era dell'estinzione
 T
tutta colpa del vulcano
 T
tutte contro lui - the other womantutte le storie di piera
 T
un amore senza fine
 T
un insolito naufrago nell'inquieto mare d'oriente
 T
una notte in giallo
 NEW T
under the skin (2013)
 T
walesa: uomo di speranza
 T
we are the best!we are what we are (2013)

873254 commenti su 30983 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net
Division: Workless