l'odio regia di Mathieu Kassovitz Francia 1995
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

l'odio (1995)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film L'ODIO

Titolo Originale: LA HAINE

RegiaMathieu Kassovitz

InterpretiVincent Cassel, Hubert Koundé, Saïd Taghmaoui, Abdel Ahmed Ghili, Souleymane Dicko, Joseph Momo, Héloïse Rauth, Rywka Wajsbrot, Olga Abrego, Laurent Labasse, Choukri Gabteni, Nabil Ben Mhamed, Benoît Magimel, Médard Niang, Arash Mansour, Abdel-Moulah Boujdouni, Mathilde Vitry, Christian Moro, Édouard Montoute, JiBi, Félicité Wouassi, Fatou Thioune, Thang-Long, Cut Killer, Sabrina Houicha, Sandor Weltmann, François Levantal, Julie Mauduech, Karin Viard, Peter Kassovitz, Christophe Rossignon

Durata: h 1.36
NazionalitàFrancia 1995
Generedrammatico
Al cinema nell'Agosto 1995

•  Altri film di Mathieu Kassovitz

Trama del film L'odio

Un ispettore ferisce a morte un giovane di colore e la notizia provoca una violenta rivolta nella periferia di Parigi. Vinz, Hubert e Sai vagabandona per la città alla ricerca di un pretesto qualsiasi per scatenare la loro disperazione, la violenza, l'odio.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,16 / 10 (153 voti)8,16Grafico
Miglior filmMiglior produttoreMiglior montaggio
VINCITORE DI 3 PREMI CÉSAR:
Miglior film, Miglior produttore, Miglior montaggio
Miglior regia (Mathieu Kassovitz)
VINCITORE DI 1 PREMIO AL FESTIVAL DI CANNES:
Miglior regia (Mathieu Kassovitz)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su L'odio, 153 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

Wilding  @  19/05/2024 10:27:03
   5½ / 10
Attuale ancora oggi, forse ancor di più, ma pesante ed eccessivamente asciutto. Il B/N e i mediocri interpreti non protagonisti (anche qualcuno tra i protagonisti) non migliorano la mia valutazione.

Norgoth  @  17/03/2024 13:18:52
   6½ / 10
Uno spaccato interessante, che però non incide quanto avrebbe dovuto. Forse perché più "asciutto" e meno "saturato" rispetto ad un Trainspotting, per esempio.
C'è da dire che l'ho visto nel 2024, magari visto all'epoca mi avrebbe fatto un altro effetto.
La trama mi ha convinto poco, per quanto serva a poco pare non funzionare come si deve, forse perché ci si concentra praticamente quasi del tutto sulla "quotidianità" dei personaggi. Il film è uno spaccato della società, del resto, però...
Il film si fregia comunque di ottimi attori e di una azzeccata scelta del bianco e nero.
Non un capolavoro, ma si lascia guardare.

DonnieDarko98  @  24/07/2022 08:56:31
   9 / 10
"Fino a qui tutto bene, fino a qui tutto bene, fino a qui tutto bene. Questo per dire che l'importante non è la caduta ma l'atterraggio. "
Incredibile pellicola di kassovitz che racconta una storia così semplice ma così complessa e piena di spunti di riflessione allo stesso tempo .
Trio di attori perfetto e calato nella parte ,regia e fotografia ad altissimi livelli (non capisco come il regista dopo questo piccolo gioiello abbia potuto sfornare gothika)
Il messaggio dietro al film non è difficile da comprendere e viene sparato in faccia allo spettatore in maniera abbastanza semplice e diretta ed è una cosa che apprezzo visto che è coerente con la narrazione e la regia..
Insomma tutto semplice e complesso allo stesso tempo ,pellicola riuscitissima che ancora oggi fa la sua sporca figura in mezzo a un mare di pseudo arte.

Signor Wolf  @  19/02/2022 18:39:32
   8 / 10
ritratto delle Banlieue invecchiato decisamente bene per avere quasi 30 anni sul groppone, alcune scene e situazioni sono decisamente overdrammatiche, ma ha dei dialoghi fantastici nella loro freschezza e naturalezza che elevano decisamente il film

Invia una mail all'autore del commento luca986  @  10/01/2022 22:26:07
   9 / 10
Da non credere, non lo avevo commentato. Beh...veramente eccellente. Da far vedere a scuola per avere un'idea almeno pallida e approssimativa delle realtà delle banlieue parigine.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  24/01/2021 21:38:59
   7½ / 10
Kassovitz fotografa il disagio delle banlieu un decennio prima che esplodano delle note rivolte del 2005. Opera di ottimo livello artistico e di sicuro interesse civile. Notevole il giovane Cassel. Pellicola divenuta di culto; peccato che il regista non si sia più ripetuto a questi livelli.

Jokerizzo  @  27/01/2020 13:05:55
   10 / 10
E' UN CAPOLAVORO! PUNTO! CON UN CASSEL STRAORDINARIO E FUORI DALLE RIGHE. SCENE CULT OVUNQUE. FILM E TEMATICHE ANCORA ATTUALI!

altroquando  @  23/01/2020 14:36:36
   9 / 10
Film illuminante circa il disagio dei nativi di seconda e terza generazione, frutto dello sradicamento culturale e di un contesto sociale che li disconoscere ed esclude, lasciandoli in una terra di nessuno, privi di qualsiasi appartenenza.
Mi domando se non ci sia un legame con il fenomeno dei foreign fighters e la violenza jihadista che ha toccato in particolare la Francia nello scorso decennio.

VincVega  @  16/03/2017 20:24:30
   8½ / 10
Rivedendo dopo anni "L'Odio", è venuto da chiedermi.. Ma Kassovitz che ha combinato? I successivi "I Fiumi di Porpora" e "Gothika" sono due mediocri film, come può aver compiuto una così marcata parabola discendente? Peccato perchè ne "L'Odio" dimostra di saperci fare sia dal punto di vista tecnico, che da quello creativo.
E' un racconto veramente ispirato quello della giornata dei tre sbandati della periferia parigina. Si sente l'odore dell'asfalto della Banlieue, del non saper come passare la giornata, degli scontri con la polizia che sono all'ordine del giorno. Kassovitz è uno dei primi a raccontare la realtà quotidiana dei dissidi in Francia, tema ancora molto attuale. La fotografia senza colori aumenta il degrado e il realismo di una vita senza futuro, anche se Kassovitz manda segnali come quello dei cartelloni pubblicitari mostrati con la scritta "The World is Yours" (poi modificato da Said in una scena...). Regia e sceneggiatura vanno di pari passo, tra virtuosismi (belli e funzionali) della prima e dialoghi assolutamente da ricordare della seconda, fino ad un finale improvviso e scioccante che chiude perfettamente le file della vicenda.
Stupende le interpretazioni dei tre protagonisti, colonna sonora da sballo (inclusa la stupenda "Nique La Police" di Cut Killer) e non mancano le citazioni cinefile, tra le più limpide quelle di "Taxi Driver", "Il Cacciatore" e "Non Aprite Quella Porta".
"L'Odio" è una di quelle pellicole che più si guardano, più si apprezzano. Ogni volta si aggiunge un momento, un dialogo, una scena che probabilmente si aveva notato solo marginalmente la volta prima. Lo stesso si può dire della regia di Mathieu Kassovitz, che al momento non ha più eguagliato (anche se parlano bene di "L'ordre et la morale", suo ultimo film).

Nic90  @  18/04/2016 21:38:36
   7½ / 10
Film che parte a rilento nei primi 20 minuti ma che poi cresce e sorprende.
Intrigante il bianco e nero e impeccabile la regia,dialoghi fatti bene,forse la sceneggiatura poteva essere migliore.
Bravi gli attori.

gantz88  @  14/02/2016 16:40:20
   9 / 10
qui il regista usa tecniche allucinanti...film magnifico,uno dei più belli che abbia mai visto

Overfilm  @  09/10/2015 23:32:30
   6½ / 10
Trovi un po' alta la media dell'8 per questo film....
Ok, buono il B/N, buona l'interpretazione dei 3 protagonisti (Hubert a dire il vero non certo eccezionale), ok per la storia sulla violenza pronta ad esplodere etc etc... pero' mi par tutto un po' sopravvalutato...

ortega  @  02/03/2015 11:02:04
   9½ / 10
Film capolavoro

GianniArshavin  @  09/09/2014 00:29:05
   8 / 10
Pellicola cardine degli anni 90 , di difficile interpretazione e dai molteplici messaggi politici e sociali.
Alla regia un giovane Mathieu Kassovitz che sorprese critica e pubblico con quest'opera fuori dagli schemi e dalle logiche di mercato , che racconta una giornata di tre giovani della periferia parigina.
All'uscita venne accusato di essere una critica alle forze dell'ordine e alla loro strategia repressiva , mentre negli anni le chiavi di lettura sono aumentate facendo de "L'odio" una pellicola dai tanti risvolti su cui ragionare.
Diretto molto bene , ricolmo di frasi e/o momenti ormai entrati nell'immaginario collettivo , fatto di dialoghi volgari e citazioni a famosi film del passato , il titolo in questione scorre via veloce come un treno verso il crudo finale. I tre protagonisti rappresentano ognuno un modo di vedere/interagire col pericoloso e sbandato mondo delle periferie , dei quartieri degradati; ogni membro del trio è caratterizzato benissimo , non ci sono forzature o stereotipi ma solamente tre archetipi realistici e umani.
La pellicola di Mathieu Kassovitz malgrado una messa in scena fredda (b/n , una sceneggiatura che non vuole spiccare per la mole di situazioni proposte) riesce a far breccia nei cuori e nella mente dello spettatore , in modo positivo o negativo che sia; infatti è difficile rimanere indifferenti verso questa discesa nella violenza dei tre ragazzi , cosi come è difficile non farsi un'idea sullo scontro frontale fra poveri immigrati e forze dell'ordine e su tutto ciò che ne consegue.
Le sequenze estreme non sono poi cosi tante come ci si potrebbe aspettare , anzi il regista francese non eccede per quanto riguarda efferatezze e shock , ma si concentra perlopiù sui dialoghi e sulla psicologia , sulle logiche che governano i quartieri poveri di Parigi e sul modo di pensare ed atteggiarsi di chi li popola.
Sicuramente una grande mano alla riuscita del film (oltre alla fotografia e alla incalzante colonna sonora) la danno gli attori principali , fra cui spicca un Vincent Cassel non ancora famoso che ci regala una prova sontuosa nei panni del personaggio apparentemente più banale ma che invece è quello più complesso.
Dunque un film simbolo , amato da tantissimi a ragione. Il monologo iniziale e finale , la stessa conclusione , i personaggi e le varie riflessioni che propone rendono "L'odio" un'opera da recuperare assolutamente.

DogDayAfternoon  @  15/01/2014 22:08:04
   6 / 10
Film molto originale, sopra le righe forse anche troppo. Un'ottima regia esaltata dalla scelta del bianco e nero, con degli interpreti molto buoni in particolare Cassel, bravo ad esprimere l'odio onnipresente nel film.

Una confezione ottima, ma dentro il pacco si rivela pressoché vuoto. Scene che si susseguono senza un filo logico, alcune piuttosto inutili altre più interessanti (come la scena del bagno), solamente nei secondi finali del film si chiude vagamente il cerchio.

Più un esercizio di stile che altro.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Attila 2  @  08/12/2013 19:41:08
   2 / 10
Un film AGGHIACCIANTE , una giornata,stile documentario,con quattro ragazzi drogati e fuori di testa,della periferia di Parigi.Dialoghi insulsi,aspetti sempre che succeda qualcosa e non succede mai nulla,una noia mortale a vedere i protagonisti rovinarsi la vita e non fare nulla.Ma che fotografia della vita e del disagio dei ragazzi delle periferie di Parigi ? Ma quale significato profondo.Quelli che gridano al capolavoro per far vedere che solo loro capiscono il vero significato di questo film che e' troppo "alto" per gli altri mi fanno ridere. I cosiddetti appassionati di cinema,critici cinematografici che apprezzano il bianco e nero della pellicola,come se fosse chissa' quale invenzione.Oppure esaltano la recitazione di Cassel !! Grande "attorone" , davvero ma dove? La denuncia del disagio giovanile delle periferie di Parigi!! ahahahahahahahah vero,se i ragazzi delle periferie di Parigi sono questi stanno proprio messi male.Questo film non ha nulla.Recitazione pessima,senza trama,attori ridicoli e nessun senso.L'unica cosa di giusto che ha e' il titolo "L'odio" , infatti io lo "odio" dal primo minuto fino al finale insulso.

6 risposte al commento
Ultima risposta 10/12/2013 13.39.39
Visualizza / Rispondi al commento
gemellino86  @  06/12/2013 13:15:42
   9 / 10
Piccolo capolavoro in bianco e nero con un grande Cassel e una fotografia eccellente. Film come questo meritano l'oscar. Da non perdere.

Goldust  @  06/12/2013 10:11:45
   7½ / 10
Un bel quadretto del degrado giovanile parigino, dove la vuota esistenza di tre sbandati è seguita passo passo per quasi una giornata intera. E' la cruda rappresentazione di una generazione senza ideali nè modelli, che vive alla giornata sputando odio e che, frustrata, rischia di esplodere da un momento all'altro. Insomma, un salutare pugno nello stomaco. Le scene della toilette pubblica e del furto dell'auto sono a dir poco geniali.

demarch  @  22/11/2013 13:29:49
   8 / 10
Un film che insegna. Ottimo sotto tutti i punti di vista, però il punto forte del film sono i dialoghi. È uno di quei film che tutti dovrebbero vedere, tipo american history x per citarne uno...

musdur  @  19/11/2013 14:59:01
   5 / 10
Film sopravvalutatissimo, non mi ha coinvolto per niente. Molto gridato e confuso.

TonyStark  @  24/10/2013 00:18:58
   7½ / 10
davvero bello, ho apprezzato storia interpretazione e scelta cromatica.

Krasnodar  @  02/10/2013 21:53:48
   8 / 10
Uno dei miei film preferiti , di sicuro impatto , trasmette tutto il disagio tipico delle banlieu francesi . La scelta del bianco e nero l'ho davvero apprezzata

kako  @  25/09/2013 01:09:53
   7½ / 10
un bel film di riflessione e denuncia sociale, che alterna momenti quasi geniali e di forte impatto a qualche momento più piatto che non gli permette, per quanto mi riguarda, di raggiungere un voto eccellente, restando comunque molto buono. Si guarda con interesse, per le tematiche affrontate come il disagio e l'emarginazione sociale, scatenanti rabbia e rancori, alimentati da forze dell'ordine che abusano del loro potere. Bianco e nero funzionale, dialoghi riusciti, ottima interpretazione di Vincent Cassel.

Invia una mail all'autore del commento Project Pat  @  19/08/2013 18:29:39
   8 / 10
Dramma francese di strada realistico più che mai e secondo me è proprio quello il lato più bello del film, la verità del linguaggio, delle movenze, delle presenze sceniche più che le varie vicende prese singolarmente. Crudo e incalzante, assolutamente da vedere.

DarkRareMirko  @  06/08/2013 09:16:25
   8 / 10
Ecco la rabbia giovane secondo il buon Kassovitz; magari le velleità di rappresentazione pagano un pò pegno, contrariamente con quanto ha rilasciato il regista, con una voglia ansiosa di trasgredire, però indubbiamente c'è mestiere e Cassell è proprio bravo.


Buon bianco e nero, tanto pessimismo, finale desolante.

James_Ford89  @  17/07/2013 03:35:43
   7½ / 10
Buon film che ricalca un disagio sociale piuttosto evidente. Lampi di genialità mischiati con momenti di pura noia. Questo abbassa inevitabilmente il mio giudizio finale.

MonkeyIsland  @  28/06/2013 17:44:12
   8 / 10
Gran film sul disagio sociale crudo,realistico e mai forzato.
Bravissimi tutti gli attori, il finale è uno dei più belli e tristi che abbia mai visto e non lascia spazio alla speranza.

Invia una mail all'autore del commento diderot  @  08/03/2013 08:41:40
   6½ / 10
Buon film che racconta più una condizione di vita piuttosto che una storia in se. Mi è sembrata azzeccata l'idea del bianco e nero, da un tono più marcato a tutto il film. La regia è molto curata e gli attori, seppur giovani, sono molto bravi, in particolare Cassel in questo film mostra di avere il grande potenziale che si rivelerà poi in futuro. Tutto sommato è un film che non credo sia adatto a tutti, motivo per il quale trovo la media esagerata.

chem84  @  12/02/2013 17:23:20
   8 / 10
Buonissimo film made in France.
Ottimo V. Cassel, che francamente non sopporto ma che qui la fa da padrone.
Grandissimo il finale e mitico il vecchietto che compare nel cesso e che non c'entra una mazza.

Wally  @  01/12/2012 16:42:19
   10 / 10
BOOM!
L odio è forse uno dei più bei film che ho visto in questo periodo.
Un film di un impatto incredibile, ti attacca alla sedia dall inizio alla fine scioccandoti in alcuni punti e facendoti anche ridere in altri!

L odio è un capolavoro! la regia di Kassovitz è epocale, la fotografia qualcosa di più... Ho come l impressione che Guy Ritchie, regista che io adoro, abbia preso molto spunto da questo film.

Da vedere, da comprare e rivedere migliaia di volte...

PS. Non so voi ma alla fine di questo film io ho avuto un ODIO profondo per le forze dell ordine.

1 risposta al commento
Ultima risposta 22/01/2013 01.35.31
Visualizza / Rispondi al commento
Orikum  @  01/12/2012 13:38:32
   8 / 10
Kassovitz, in questa pellicola mostra l'odio generale diviso in più sfaccettature, in una società discendente. Tutto è mostrato in modo perfetto, grandi interpretazioni e buona colonna sonora. La storia di Grumvalski è unica! .

m3tal  @  26/11/2012 20:36:35
   9 / 10
Bellissimo, m'è rimasto davvero impresso. Attori fenomenali e splendida fotografia per un film che, pur nella sua durezza, riesce anche a strappare qualche sorriso per merito di situazioni e dialoghi - valorizzati oltretutto da un doppiaggio italiano spettacolare. Finale che riapre il cerchio in modo spiazzante quanto significativo.

Invia una mail all'autore del commento AcidZack  @  09/11/2012 14:31:09
   8 / 10
Crudo. Province, delinquenza e mentalità di quartiere messi in scena in maniera iper realistica. Bellissimo

Invia una mail all'autore del commento DjAlan78  @  07/11/2012 14:30:45
   8 / 10
Crudo, amaro...realistico. Il bianco e nero poi è una scelta geniale.
Ottimo.

alepr0  @  09/10/2012 23:37:12
   7½ / 10
Bellissimo film con Vincent Cassel interprete superlativo. Tratta un tema sociale molto delicato.

ste 10  @  21/07/2012 01:30:21
   8 / 10
Il disagio sociale affrontato in maniera impeccabile; da vedere e rivedere anche per capire

Larry Filmaiolo  @  16/06/2012 13:19:52
   8½ / 10
"Se fossi andato un minimo a scuola, sapresti che Odio chiama Odio".
Hubert

googar  @  11/06/2012 14:46:53
   8 / 10
Una pellicola molto interessante che tratta un tema mai preso così tanto in cosiderazione prima: il disagio socio-culturale delle periferie metropolitane, più precisamente quella parigina.

L'uso del bianco-nero crea inevitabilmente un'atmosfera cruda e violenta, violenta come la vita dei protagonisti sempre in cerca di un motivo per battersi per un ideale sconosciuto anche a loro stessi.

L'interpretazione di Cassel dona quel tocco in più al film che lo rende un'OTTIMO film.

C.Spaulding  @  05/06/2012 17:38:14
   9 / 10
Un'ottima pellicola. La storia di ragazzi di strada alle prese con la violenza che gli gira intorno(sopratutto da parte della polizia).Un film ineccepibile dove tutto è perfetto dalla regia ai dialoghi, alla fotografia (in bianco e nero). Per non parlare della magnifica interpretazione di Cassel. CONSIGLIATISSIMO !!

JOKER1926  @  05/06/2012 17:29:19
   6½ / 10
Il tema che apre e chiude ,il film di Mathieu Kassovitz del 1995 , è talaltro quello che riguarda da vicino il titolo.
"L'odio" insomma non è solo il titolo del film bensì la sua natura più pura e stagnante che lo porterà fino ad un misero finale.
In questo ambito rientrano attori di grande effetto, Vincent Cassel (al tempo giovanissimo) nei panni di uno dei tre protagonisti cardini della pellicola.
"L'odio" si dirama in una sceneggiatura che fotografa, dopotutto, la miseria e l'ignoranza che segna, sfortunatamente in modo irrimediabile, grandi fette della periferia parigina. Ovviamente quella francese non è altro una delle tante metropoli colpite da fenomeni del genere.
La storia riporta ciò che accade in giorni disperati, la regia presenta a volte sullo schermo pure l'orario. Il tempo per i personaggi passa male e senza proiezione. La violenza, le risse e per l'appunto l'odio sono quelle maledette componenti che segnano il tutto. Il film in pratica non si spreca in difficoltose ed elaborate intelaiature narrative ma si lascia apprezzare solo per le sequenze violenti ed urlate. Il contesto losco è quindi pienamente realizzato.

"L'odio" si forma su un sapiente lavoro tecnico e su una fotografia in bianco e nero che nella fattispecie risulta essere perfetta. Da questo film nascono altri prodotti simili. "L'odio" in effetti è difficile da seguire, ritmo basso e scene sistematicamente ripetitive. Ma è la lentezza e la macchinosità del prodotto a farlo emergere.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR rain  @  14/03/2012 13:21:42
   8 / 10
Un film dal significato profondo divenuto un cult un po' ovunque ma soprattutto negli ambienti underground tanto che è citato più o meno velatamente in tantissimi brani rap anche italiani. Un cult divenuto tale anche grazie al finale (anche se al contrario di quanto dicono in molti ci si poteva aspettare qualcosa del genere) e alla splendida fotografia in b/n, anche se la cosa del film che preferisco sono i dialoghi davvero belli (alcuni sono molto esileranti).

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

hghgg  @  13/02/2012 18:33:50
   9 / 10
Indubbiamente uno dei film più interessanti e crudi degli anni '90, una perla underground da vedere e ammirare più volte. Mathieu Kassovitz (che prometteva tantissimo ma non ha mantenuto niente) dirige questo capolavoro del cinema indipendente, in B/N, ritratto socio-culturale notevolissimo per intenti e realizzazioni; a partire dall'intro, uno dei più riusciti del cinema anni '90, di grandissimo impatto per poi passare a tutto il resto. Sceneggiatura e regia strepitose (si stenta a credere che questo è lo stesso regista di quella porcata di "Gotika"), interpretazioni magistrali di attori semi-sconosciuti (compreso un giovane Vincent Cassel). Un film in cui funziona tutto, tutto è al suo posto e lo spettatore è trascinato insieme ai protagonisti in quell'inarrestabile spirale d'odio e rancore che porterà all'inevitabile finale, per altro assolutamente geniale, quello sparo nel buio che può dire tutto e dire niente. "L'Odio" è un capolavoro.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  27/12/2011 13:38:06
   9 / 10
L'Odio di Kassovitz è un film che mostra la purezza di questo sentimento. Il bianco e nero così contrastato della fotografia è una scelta stilistica di una situazione e di un contesto che non presenta compromessi. Il ritmo del film è sincopato dalla musica rap che lo accompagna, ma il suo percorso è lineare perchè la conclusione è quella che uno si immagina fin dall'inizio.
Un mondo marginalizzato che esprime un disagio di un qualcosa in rapida evoluzione, pronta ad esplodere in qualsiasi momento, la rabbia di francesi senza patria all'interno della propria patria. Anni dopo l'atterraggio sarà doloroso per tutta la società francese ed il merito di Kassovitz è aver portato alla luce in tempi non sospetti gli umori di una disperazione.

Gabo Viola  @  28/11/2011 17:17:04
   8 / 10
Un bellissimo racconto di alcuni vitelloni francesi mossi da violenza e ingenuità. Un finale amaro e credibile, notevole la prestazione degli attori, ottima regia, musica funzionale. Bello.

Gruppo COLLABORATORI julian  @  16/11/2011 15:33:21
   8½ / 10
Il canto del passero Edith Piaf insudiciato da scratch hippoppettari si innalza nelle periferie parigine: è il simbolo di una grande Francia che cova cancri nelle sue interiora.
Kassovitz si perde nelle banlieue della capitale e filma uno spaccato cronachistico della realtà che vi si annida; nessuna mediazione, nè interazione con lo spettatore , solo una didascalia: "questa è la storia di un uomo che cade da un palazzo di 50 piani..." che apre e chiude, inevitabilmente, il film.
Un titolo secco: l'odio, a riassumere quanto emerge dopo un'ora e mezza di grigia messinscena. I colori, se ci fossero stati, non avrebbero aggiunto molte tonalità, in fondo.
Attori perfetti.
Dopo questo, la copia made in USA American History X scompare.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  20/10/2011 12:27:09
   8½ / 10
Film evento che ha sconvolto anni fa.
Non voglio dilungarmi più di tanto,dico solo che L'Odio è esaltato alla perfezione dall'entusiasmo giovanile di un regista alle prime armi che stupisce per tecnica e concretezza,anche a livello di trama. Cinema di questo genere che raggiunge tale successo è difficile farne specie nel nostro paese, e non credo che nella Francia odierna di quel buffone di Sarkozy sia oggi più possibile.
Certo anni fa mise di fronte ai transalpini e al mondo intero un mondo sotterraneo di violenza,con tutte le polemiche che si tirò addosso (non ultima la famigerata "i panni sporchi si lavano in casa",fantastica).
Oggi dissento con chi lo vuole considerare come documentario della Francia del '95 poiché il film ha i suoi meriti artistici ed innovativi: dal Cassel che imita De Niro con il suo personaggio sfrontato e fintamente coraggioso,al monologo che chiude un film con un finale tanto epocale e amarissimo,quanto inaspettato.
Peccato che Kassovitz poi abbia fatto solo *******te.

paride_86  @  18/10/2011 13:37:01
   8 / 10
Asciutto, crudo e terribile ritratto del degrado sociale delle periferie francesi - e non solo.
Qualche anno fa è stato giustamente trasmesso sul canale parlamentare francese come documentario, e infatti di questo si tratta: è una storia che dovrebbe far riflettere soprattutto chi ci governa.
Vincent Cassel è un attore straordinario, e qui ne dà una delle prove più eclatanti. Peccato per il doppiaggio italiano che snatura tutto il particolare slang delle periferie, linguaggio che gli attori avevano riprodotto fedelmente.
Per riflettere.

simo96  @  24/08/2011 22:12:52
   8½ / 10
film molto importante per la cinematografia mondiale...
crudo e realistico fa vedere uanto possa essere bello un film senza nemmeno un minimo di effetti speciali...
i tre protagonisti sono davvero bravi e il messaggio che vuole mandare il film è importante...
finale che lascia senza fiato...

david briar  @  02/08/2011 11:56:48
   7½ / 10
Che cosa vuole lasciare allo spettatore questo film?Durante tutta la durata è una che sorge spontanea. Racconta una giornata di tre ragazzi di tre etnie diverse arrabbiati con il sistema, che vagabondano per la città per tutto il tempo, girando senza una meta precisa.

Poi sul finale, si capisce qual' era il senso della storia: è un finale fortissimo alla prima visione, con molta potenza, ha l'effetto di uno schiaffo.

"L'odio" quando uscì scatenò un polverone per aver dipinto i poliziotti in modo disonesto, e vinse il premio per la miglior regia a Cannes: sicuramente è un film che rimane.

Bella la fotografia e ottima regia, grande Cassel e buon cast in generale.

Consiglio di vederlo una sola volta, perchè è uno di quei prodotti che non regge bene troppe visioni, visto che quello che stupisce la prima volta dopo lascia un po' indifferenti. Lo stesso finale, il punto di forza dell'intera pellicola, perde forza se rivisto.

"È la storia di una società che precipita e che mentre sta precipitando si ripete per farsi coraggio fino a qui tutto bene, fino a qui tutto bene, fino a qui tutto bene, ma il problema non è la caduta, ma l'atterraggio."

1 risposta al commento
Ultima risposta 02/08/2011 11.57.57
Visualizza / Rispondi al commento
clint 85  @  26/04/2011 02:34:48
   7½ / 10
Crudo e realistico, ottimi dialoghi, bravissimi gli attori
Un film che ti rimane!

incubodimorte  @  17/04/2011 19:31:12
   8 / 10
Finito il film si sente proprio un senso di amarezza, pochi altri film mi hanno comunicato questa sensazione. Bello il miscuglio tra realismo e scene grottesche.

sweetyy  @  28/02/2011 17:30:32
   8½ / 10
In un certo senso mi ha ricordato " Mala Leche", ma questo è decisamente superiore. Tra le migliori interpretazioni di Cassel (altro che la moglie tanto osannata...) Un film amaro che non si dimentica facilmente, che alterna momenti ironici a momenti riflessivi.

lupin 3  @  28/02/2011 03:25:32
   7½ / 10
Sicuramente un buon film, troppo forte il monologo di Vincent Cassel alla De Niro in Taxi Driver.

Project Mayhem  @  01/02/2011 11:58:44
   7 / 10
Oskarsson88  @  16/12/2010 15:52:20
   6½ / 10
non mi ha appassionato

7219415  @  22/11/2010 18:43:35
   7 / 10
Sarà che ne avevo sentito parlare tanto bene...ma mi ha un po' deluso...

ValeGo  @  21/11/2010 15:01:31
   7½ / 10
Azzeccatissima la scelta del bianco e nero per fotografare un sentimento capace appunto di annebbiare e offuscare..l'odio!Molto realistico.

axel90  @  02/11/2010 12:31:52
   9½ / 10
Mi inchino davanti ad un talento del genere. Bianco e nero sontuoso, attori magnifici e storia da brividi. Un'affresco preciso e scatenato delle banlieu parigine, in un turbinio di avvenimenti tutti eseguiti durante una singola giornata. Un vero e proprio inno all'odio, alla violenza e alla depravazione. Novanta minuti che scorrono a perdifiato tra le stravaganze di tre amici, tutti di estradizione diversa. Si ride, ci si emoziona, ci si commuove. Capolavoro.

Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  26/10/2010 18:59:27
   8 / 10
Uno dei film migliori dell'epoca. A parte l'ottimo bianco e nero e la bella prova degli attori, si vive davvero un'atmosfera irreale di un mondo di confine dove la guerra è veramente dietro l'angolo. E il finale così inaspettato...

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento Zazzauser  @  26/10/2010 17:12:25
   10 / 10
«È la storia di una società che precipita e che mentre sta precipitando si ripete per farsi coraggio "fino a qui tutto bene, fino a qui tutto bene, fino a qui tutto bene". Ma il problema non è la caduta, ma l'atterraggio»

«L'odio chiama odio, Vinz.»

«Guido un'autodafé, in cattiva compagnia soprattutto se sto solo, negativo come i G in una picchiata, prendo il volo, salgo, stallo, e aspetto il peggio: che non sta nella caduta, ma nell'atterraggio, come dice Hubert» (Frankie Hi-Nrg - Autodafé)

Sicuramente un capolavoro degli anni '90, La Haine è la storia di tre ragazzi delle banlieues parigine pieni di rabbia e di rancore repressi dentro sé. Il mito cinematografico del sogno americano "traviato" di Tony Montana, fatto di potere, rispetto e malavita ("Le monde est à vous"), e della rivolta dell'alienato e depresso Travis Bickle di Scorsese nei confronti di una società malata e corrotta (Cassel di fronte allo specchio), rivive nelle menti di questi giovani, ed in particolare in quella di Vinz, che non vedono futuro né speranza in una vita di strada circondata solo da violenza, rivolte ed abusi di potere da parte della polizia, in una società ormai satura di odio reciproco sul punto di esplodere.
Prendendo spunto dalla vera vicenda di un ragazzo ucciso per sbaglio dalla polizia, ed anche un po' le mosse dai film a sfondo razziale del primo Spike Lee, il regista affronta una tematica importantissima quasi come in una tesi argomentativa, al tempo stesso filosofica e sociale, sul concetto e sul problema dell'odio: solo guardando questo film ci si può rendere conto di quanto Kaye sia stato debitore a Kassovitz, imparandone e rielaborandone la lezione, nel girare American History X (nelle tematiche, nella "morale", anche nell'uso del b/n, anche se con una funzione diversa).
Malgrado lavorando con una trama tutto sommato povera di avvenimenti, Kassovitz dirige con un tratto documentaristico perfetto, asciutto, straordinariamente distaccato ed intelligentemente privo di alcuna faziosità, e con uno stile registico a dir poco meraviglioso nel suo uso azzeccatissimo, potente e affascinante al tempo stesso, del bianco e nero.
I movimenti di macchina, le scelte d'inquadratura e la fotografia sono pregne di una perfezione formale da applausi, e le interpretazioni, specialmente quella di un Cassel indovinatissimo per la parte, sono straordinarie e molto sentite (bravissimi Taghmaoui e Koundé). Tutto sommato c'è poco da dire per un film le cui immagini valgono più di centomila parole.
Un gioiello raro. Uno dei migliori film che abbia mai visto.

«Suppongo che a questo punto dovrò dirle cosa ho imparato, la conclusione, giusto? Bè la mia conclusione è che l'odio è una palla al piede, la vita è troppo breve per passarla sempre arrabbiati, non ne vale la pena.» (Danny Vinyard - American History X)

guidox  @  08/09/2010 23:36:05
   9 / 10
bellissimo film dove vengono dosate alla perfezione drammaticità e ironia.
ottima colonna sonora, perfetti gli interpreti.
spettacolari le varie scene surreali che si succedono l'una dopo l'altra.
da vedere, straconsigliato.

ColdWar87  @  06/09/2010 01:31:40
   8 / 10
"Il Problema nn è la caduta ma l'atterraggio" e infatti un regista talentuoso come kassovitz si è perso nel nulla.
Questo resta senz'altro il suo gioiello.

GiorgioChiellin  @  03/08/2010 14:38:08
   10 / 10
Indescrivibile.
Capolavoro indescrivibile.



Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

genki91  @  31/07/2010 15:06:33
   8½ / 10
Caduta nell'abisso dei bassifondi francesi con Vincent Cassel, attore di una pellicola superlativa. Ottime interpretazioni, bella fotografia, scenografia da urlo con il tocco del bianco e nero azzeccatissimo. Un'ottima pellicola a mio parere, sfiancata di tanto in tanto da qualche punto morto, ma che si mantiene sempre all'attenzione del pubblico.

Dosto  @  29/07/2010 19:45:39
   9 / 10
Non gli metto il massimo dei voti perchè alcune battute sono troppo scontate e "da centro sociale" e non in linea con le sensazioni di tristezza e angoscia senza scampo che il film mi ha suggerito...per il resto è veramente un capolavoro...grandissimi i tre attori principali(soprattutto Vinz anche se Hubert ha una personalità più particolare)...scene da storia del cinema...il finale è a dir poco elettrizzante:

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

TheLegend  @  09/05/2010 16:28:14
   8½ / 10
Film così ne ho visti pochi.
Peccato che questo regista si sia perso per strada...

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  17/03/2010 21:39:40
   8½ / 10
L'ho visto e praticamente rivisto, e mi ha sempre tremendamente affascinato. La lezione di Kassovitz deve qualcosa tanto a Spike Lee quanto al primo, sperimentale e struggente Cassavetes ("Ombre", 1959). Ovviamente le citazioni cinefilè sono infinite, ma quasi mai gratuìte e asservite a un modello. Straordinari l'uso del b/n e le performance degli attori. Cassel ha questa faccia da spregevole carogna che verrebbe voglia (per antitesi) di volergli pure bene

Moldrov  @  25/01/2010 17:07:27
   9 / 10
film eccezzionale, uno di quei film che ti prende e ti trascina dentro di se.....lascia molto su cui pensare soprattutto il vecchietto :-)

Tony Ciccione90  @  26/12/2009 18:06:26
   8½ / 10
Essenziale, soffocante, sconvolgente. Grande cast e dialoghi fenomenali. Da vedere.

1 risposta al commento
Ultima risposta 26/12/2009 18.39.30
Visualizza / Rispondi al commento
gandyovo  @  21/12/2009 19:01:54
   9 / 10
eccellente davvero. dialoghi pazzeschi, personaggi indimenticabili, colonna sonora... ottimo davvero, da non perdere

Neu!  @  13/12/2009 18:22:16
   7 / 10
bel film di Kassvitz. ottima recitazione e regia e buona la scelta di girare questo film in bianco e nero. estremamente realistico ma, allo stesso tempo, surreale. la scena del vecchio al bagno andrebbe incorniciata.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Egobrain  @  11/10/2009 14:52:53
   7½ / 10
« Questa è la storia di un uomo che cade da un palazzo di cinquanta piani. Mano a mano che cadendo passa da un piano all'altro, il tizio per farsi coraggio si ripete: "Fino a qui, tutto bene. Fino a qui, tutto bene. Fino a qui, tutto bene." Il problema non è la caduta, ma l'atterraggio. »

Tre ragazzi si aggirano per le fredde strade della perfieria Parigina.
La città è sotto la guerriglia urbana,in un periodo cruciale per le rivolte razziali nella capitale Francese.I tre giovani sono accomunati da un profondo sentimento,quella sensazione contraddistinta all'amore,"L'Odio"..
Odio verso le forze di polizia,i P.s,la guerriglia che ha fatto scattare il campanello d'allarme nelle Banlieu di Parigi,per la morte del loro amico Abdel.

Il film ha un fascino raro ed insolito,con i suoi colori freddi anche se a tinte bianco e nere,proprio come nell'altro American History X.
I tre personaggi,caratterizzati da uno spirito guerriero e di supremazia violenta,sono impersonificati molto bene dai tre attori Francesi,specialmente il personaggio ebreo di Vinz,con un Vincent Cassel nella sua interpretazione migliore.
Il messaggio è filtrato da una realtà cruda e vera,reale.Nulla è lasciato al caso in questo "Le Haine",un messaggio riflessivo,in un contesto difficile e disperato,dove ognuno cerca vendetta,il male peggiore se non si usa la testa(vedi finale).

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Ciumi  @  13/07/2009 20:11:31
   7 / 10
A vedere cazz.eggiare quei tre cerca-rogne per tutta la durata del film, m’è quasi sembrato fossero personaggi usciti da una pellicola del primo Spike Lee, catapultati dai quartieri bassi di New York direttamente nella periferia di Parigi.
Il contesto è un pochino diverso. E lo stile anche. Dai colori sgargianti del regista americano, si passa ad un asciutto bianco e nero. Ma centrale è pur sempre il tema dell’odio razziale.
Nonostante i dialoghi cazz.uti tra i tre regalino momenti di puro divertimento (siamo in media di un ca.zzo-vaffa.n**** ogni cinque secondi), è a modo suo un ritratto inesorabile, duro, spietato di una società che sta precipitando.. ed è prossima all’atterraggio.

RobertDen  @  11/07/2009 16:48:10
   5½ / 10
a mio avviso il film non decolla mai...
è un illusione che da un momento all altro possa accadere qualcosa...

ma in fin dei conti forse è proprio questo il senso del film, come molti hanno già detto molto realistico e sempre rilevante come tema anche ai giorni nostri, l'odio, il degrado e la monotonia quotidiana di questi ragazzi.
Nonostante a molti sia piaciuta questa monotonia x me resta una grande interpretazione di Cassel e poco più.

Invia una mail all'autore del commento RadicalGrinder  @  02/07/2009 09:39:05
   8½ / 10
Ci si sente meglio dopo una bella cacata... Voi credete in Dio?

3 risposte al commento
Ultima risposta 18/01/2011 17.02.48
Visualizza / Rispondi al commento
Sgt. Pepper  @  30/04/2009 18:41:23
   8½ / 10
Bellissimo film che intrattiene e fa riflettere, la fotografia in bianco e nero direi azzeccatissima ed ottimamente interpretatato. Il messaggio che lascia è molto simile a quello di "American History X"

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Un film crudo e realistico, da vedere.

Ciaby  @  27/03/2009 16:14:57
   8 / 10
Fotografato in un bianco e nero di rara crudezza, "L'Odio" fotografa in modo diretto ed esplicito la gioventù di oggi con un occhio che non vuole nascondere, ma mostrare. Il finale è indimenticabile ed è la scena che rimane più impressa. Culto.

Da&Le'  @  27/03/2009 15:49:55
   9 / 10
Film eccellente per temi e regia.

Decisamente da vedere e da rifletteri su

ANDECA  @  27/03/2009 15:44:33
   10 / 10
CA PO LA VO RO.....E HO DETTO TUTTO UN FILM KE DEVE ESSERE VISTO DA TUTTI IMPERDIBILE........SPETTACOLARE IL REMIX DI UNA CANZONE DI EDITH PIAF FATTO DA CUT_KILLA

Invia una mail all'autore del commento EnglishRain  @  09/02/2009 23:35:35
   9 / 10
Veramente un gran bel film..Fantastici i dialoghi, fantastici gli attori..Fa ridere, fa riflettere, fa tristezza.. Da non perdere.

  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place: giorno 1abigail (2024)accattaromaacidamen (2024)
 NEW
animale umanoanimali randagianna (2023)arrivederci berlinguer!bad boys: ride or die
 NEW
cult killer - la vendetta prima di tuttodall'alto di una fredda torreeileenel paraisofantastic machinefederer: gli ultimi dodici giorni
 NEW
fly me to the moon - le due facce della lunafremontfuga in normandiafuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghost: rite here rite nowgirasoligli immortali
 NEW
gli indesiderabili (2023)
 R
hit man - killer per casoholy shoeshorizon: an american saga - capitolo 1hotspot - amore senza retei dannatiif - gli amici immaginariil caso goldmanil coraggio di blancheil gusto delle coseil mio posto e' quiil mio regno per una farfalla
 NEW
il mistero scorre sul fiumeil regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoin a violent natureinside out 2io & sissiio e il seccoio, il tubo e le pizzejago into the whitekinds of kindnessl’amante dell'astronautala memoria dell’assassinola morte e' un problema dei vivila profezia del malela stanza degli omicidila tartarugala treccial'esorcismo - ultimo attol'impero
 NEW
longlegsmade in dreams - l'italiano che ha costruito l'americamarcello mio
 NEW
matrimonio con sorpresa (2024)me contro te: il film - operazione spiemetamorphosis (2024)mothers' instinctnew lifeniente da perdere (2024)noir casablanca
 NEW
non riattaccareprima della fine - gli ultimi giorni di enrico berlinguerquattro figlie (2023)quell'estate con ireneracconto di due stagioniricchi a tutti i costiritratto di un amorerobo puffinroma bluessamadsaro' con tesei fratellishoshanashukransuperlunathe animal kingdomthe bikeridersthe boys - stagione 4the fall guythe penitent - a rational manthe rapture - le ravissement
 NEW
the strangers: capitolo 1the tunnel to summer, the exit of goodbyesthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretroppo azzurroun piedipiatti a beverly hills: axel funa spiegazione per tuttouna storia neraunder parisunfrosted: storia di uno snack americanovangelo secondo mariavincent deve morirewindlesswoken - nulla e' come sembra

1052287 commenti su 50929 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ALL YOU NEED IS DEATHANCHE I CINESI MANGIANO FAGIOLIBAG OF LIESBLOODLINE KILLERBUTT BOYCINDERELLA'S REVENGEDR. CHEON E IL TALISMANO PERDUTOE IL CASANOVA DI FELLINI?EASTER BLOODY EASTERI DUE TORERII SAW THE TV GLOWIL MIO CORPO PER UN POKERIL MONDO DI ALEXIL SIGNORE DEL DISORDINEINSOSPETTABILE FOLLIAIP MAN: IL RISVEGLIOISLAND OF THE DOLLSK9 - SQUADRA ANTIDROGALA FORZA DELLA VENDETTALA STRANA SIGNORA DELLA PORTA ACCANTOLA TOTALE!L'APPRENDISTA DELLA TIGREMIO FIGLIO (2018)REFUGERINGO E GRINGO CONTRO TUTTISATAN'S SLAVE (1980)SPOONFUL OF SUGARSWIMTHE MONKEY KINGTHE MOONTHE PRINCESS (2022)THE SHE-CREATURETHE SOUL EATERUFO SWEDENUN AMORE IN PERICOLOWOMAN WALKS AHEAD

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


HIT MAN - KILLER PER CASO
Locandina del film HIT MAN - KILLER PER CASO Regia: Richard Linklater
Interpreti: Glen Powell, Adria Arjona, Austin Amelio, Retta, Sanjay Rao, Molly Bernard, Evan Holtzman, Gralen Bryant Banks, Mike Markoff, Bryant Carroll, Enrique Bush, Bri Myles, Kate Adair, Martin Bats Bradford, Morgana Shaw, Ritchie Montgomery, Richard Robichaux, Jo-Ann Robinson, Jonas Lerway, Kim Baptiste, Sara Osi Scott, Anthony Michael Frederick, Duffy Austin, Jordan Joseph, Garrison Allen, Beth Bartley, Jordan Salloum, John Raley, Tre Styles, Donna DuPlantier, Michele Jang, Stephanie Hong
Genere: azione

Recensione a cura di The Gaunt

POVERE CREATURE!
Locandina del film POVERE CREATURE! Regia: Yorgos Lanthimos
Interpreti: Emma Stone, Mark Ruffalo, Willem Dafoe, Ramy Youssef, Jerrod Carmichael, Christopher Abbott, Margaret Qualley, Suzy Bemba, Kathryn Hunter, Hanna Schygulla, Vicki Pepperdine, Jack Barton, Charlie Hiscock, Attila Dobai, Emma Hindle, Anders Grundberg, Attila Kecskeméthy, Jucimar Barbosa, Carminho, Angela Paula Stander, Gustavo Gomes, Kate Handford, Owen Good, Zen Joshua Poisson, Vivienne Soan, Jerskin Fendrix, István Göz, Bruna Asdorian, Tamás Szabó Sipos, Tom Stourton, Mascuud Dahir, Miles Jovian
Genere: fantascienza

Recensione a cura di The Gaunt

archivio


THE DEVIL IN MISS JONES
Locandina del film THE DEVIL IN MISS JONES Regia: Gerard Damiano
Interpreti: Georgina Spelvin, John Clemens, Harry Reems
Genere: erotico

Recensione a cura di The Gaunt

MERCOLEDI' - STAGIONE 1
Locandina del film MERCOLEDI' - STAGIONE 1 Regia: Tim Burton, Gandja Monteiro, James Marshall
Interpreti: Jenna Ortega, Gwendoline Christie, Riki Lindhome, Jamie McShane, Hunter Doohan, Percy Hynes White, Emma Myers, Joy Sunday, Georgie Farmer
Genere: fantasy

Recensione a cura di Gabriele Nasisi

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net