divided into zero regia di Mitch Davis Canada 1999
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

divided into zero (1999)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film DIVIDED INTO ZERO

Titolo Originale: DIVIDED INTO ZERO

RegiaMitch Davis

InterpretiPhilippe Daoust, Max Firatli, Griffith Brewer

Durata: h 0.34
NazionalitàCanada 1999
Generehorror
Al cinema nel Giugno 1999

•  Altri film di Mitch Davis

Trama del film Divided into zero

La discesa agli inferi di un uomo, tra isolamento, mutilazioni, pedofilia e omicidi…

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   5,67 / 10 (3 voti)5,67Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Divided into zero, 3 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Jolly Roger  @  30/04/2012 23:30:52
   5½ / 10
Divided into Zero.
Presumo significhi qualcosa tipo "diviso in zero parti".
Ha senso.

E' come la divisione del Niente. E la divisione del Niente non può dar luogo a Qualcosa, non potrà mai dar luogo, diciamo, a delle "parti" più piccole. Darà sempre luogo, per forza di cose, ad altro Niente. Ad altri piccoli pezzi di niente, che poi non ha nemmeno senso dividere, perchè saranno sempre uguali alla loro somma: ZERO.

Il Niente è il protagonista di questa storia. Viene rappresentato in questa torbido susseguirsi di immagini perverse, ovvero il flusso di pensieri di un nichilista. Persino le immagini di oggetti di per sè innocui: un'altalena, un pennarello, una bambola....vengono catturati da un ingranaggio mentale che non funziona più, e finiscono per evocare sesso, stupro, violenza.

Questo corto si riassume nell'immagine del pedofilo che guarda negli occhi la sua piccola vittima. O la bambina che guarda negli occhi il vecchio carnefice.
In realtà, sono la stessa persona.
In realtà rappresentano la vita, che si manifesta come violenza per l'uomo quando ancora è un bambino, e lo fa attraverso uno strumento: l'uomo stesso, che dopo essere stato vittima sarà carnefice, in un eterno cerchio che si ripete senza senso, ma non si chiude mai. Un crudele eterno ritorno.
Il dolore diventa nichilismo: indifferenza verso l'altrui dolore (anche il dolore di un bambino) e ricerca spietata del dolore proprio. Come se il dolore fosse l'unica sensazione reale, e quindi in grado di dare piacere.

Il dolore auto-inflitto diventa il mezzo con cui placare il buco che divora da dentro: la mente del protagonista passa tutta la vita a cercare la propria anima.
Ma alla fine si ritrova da solo. In realtà è sempre stato solo. Sopra un letto con le mani che tremano. Si pisc.ia addosso.
Per tutta la vita ha pensato di essere vecchio, ora lo è davvero. Tutto quello che è passato sembra solo un eco lontano. Ma in passato cos'era?
Anche in passato, non è stato mai niente, solo un gigantesco nervo umano, percettore di dolore. Per questo, l'ultimo appello che fa a Dio...
è di non rinascere.

Apprezzo molto l'esercizio stilistico con cui questo regista è riuscito a rappresentare un flusso di pensieri e creare immagini disturbanti, a fare metafore perverse con la telecamera. Il regista è bravo, dovrebbe giocarsi questa bravura con altri temi.

Detto questo, da dire sul corto non c'è altro. Non emoziona. Non inquieta - come furbescamente vorrebbe fare. Non ti trasmette un granché, a parte una generalizzata e non meglio identificata sensazione di...schifo. Effettivamente ti strappa una riflessione: il fatto che la vita sembra durare solo una mezz'ora. Lo fa consciamente, mostrandoti le immagini del protagonista bambino, poi adulto, poi vecchio, nell'arco di tempo di un corto.
Ma la vita dura poco proprio perchè è bella.
Il contrario di quello che vien fuori da questo corto.

pinhead88  @  12/04/2011 02:15:32
   4½ / 10
Apprezzo in generale i vari eccessi e i silenzi significativi, ma qui non ho capito proprio il senso. Un contesto weird/underground dove i troppi momenti morti e sconnessi non mi hanno detto proprio nulla. Ci sono due, tre sequenze efficaci, il pissing e la scena dei rasoi, ma il resto a parer mio rimane un esperimento inutile e fine a se stesso. Buona comunque la musica di sottofondo.

DarkRareMirko  @  24/09/2008 19:50:15
   7 / 10
Con Hussain alla fotografia, il prodottore di Subconscious Cruelty Mitch Davis qui ne anticipa praticamente quasi tutte le scene e i temi presenti; pissing, fotografia particolare e riuscitissima, iperviolenza, presenza di una non continuità nella storia, ottime musiche, alto livello weird.


Il corto è perfetto riguardo alla durata, che passa nè troppo lentamente nè troppo velocemente; bravi gli attori e ottimi gli FSX.
La storia riuslta però troppo frammentata, troppo poco capibile, e quindi ritengo questo lavoro una spanna meno riuscito di Subconscious Cruelty, che invece una picocla libertà riguardo all'interpretazione degli episodi la lasciava.


Tanto di cappello comunque ai talentuosissimi e giovannissimi Davis ed Hussain.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghieraantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammerun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1005205 commenti su 43599 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net