Recensione la terza madre regia di Dario Argento Italia 2007
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione la terza madre (2007)

Voto Visitatori:   3,88 / 10 (208 voti)3,88Grafico
Voto Recensore:   5,00 / 10  5,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film LA TERZA MADRE

Immagine tratta dal film LA TERZA MADRE

Immagine tratta dal film LA TERZA MADRE

Immagine tratta dal film LA TERZA MADRE

Immagine tratta dal film LA TERZA MADRE

Immagine tratta dal film LA TERZA MADRE
 

Il ritrovamento di un'urna nel cimitero di Viterbo riporta alla luce la Mater Lacrimarum, l'unica sopravvissuta della triade di streghe di cui facevano parte anche Mater Suspiriorum e Mater Tenebrarum.
Destatasi dal proprio sonno secolare, la "Terza Madre", la cui bellezza è pari solo alla sua malvagità, raduna a sè tutte le streghe del mondo per soggiogare Roma, la propria dimora, sotto il segno del male.
Spetterà alla giovane studiosa Sara Mandy (interpretata da Asia Argento) fermarla.

A distanza di ventisette anni da "Inferno" e trenta da "Suspiria" Dario Argento chiude la trilogia delle madri, ma fallisce il colpo; "La terza madre" sembra infatti più una parodia delle due pellicole precedenti che un'opera conclusiva a sè. Purtroppo però anche le parodie necessitano di una sceneggiatura all'altezza, di una fotografia decente, di una scenografia adeguata e soprattutto di attori che sappiano recitare.
Questo terzo capitolo della trilogia delle madri invece non ha nulla di tutto ciò, e gli unici brividi che strappa sono accompagnati spesso da un sorriso per via di un umorismo involontario quanto imbarazzante.

Dopo 5-10 minuti davvero notevoli, che confermano ancora una volta quanto Argento sarebbe bravissimo nel dirigere cortometraggi, il film si perde: davvero poco o nulla si può salvare.
Asia Argento è completamente fuori parte, così come tutti gli attori di contorno; si salvano solo Udo Kier, che però recita appena due minuti, la bellezza di Moran Atias (sprecata) ed il povero Philippe Leroy. Quanto alla Nicolodi, beh...Vedrete e riderete (non per colpa della pur brava attrice quanto per via della parte che le viene affidata).
La sceneggiatura poi fa acqua da tutte le parti: certo, non che "Suspiria" ed "Inferno" avessero una trama ben definita, ma erano film compatti, coerenti, paurosi, congegnati, che non scadevano mai nel baracconesco; dei capolavori.
Qui invece sembra tutto raffazzonato: come mai viene trovata un'urna che potrebbe risvegliare la madre delle lacrime quando questa era già apparsa nel precedente "Inferno"? Dal 1980 ad oggi cosa ha fatto, si è addormentata? Ed a proposito: ma la terza madre non aveva gli occhi azzurri? Ha quindi anche il dono di cambiare fisicità? E come mai vogliono tutti uccidere Sara Mandy? Per i suoi poteri speciali? Ma quali poteri! Per sconfiggere la terza madre sarebbe bastato solo seguire la combriccola di streghe fino alla casa di "Mater Lacrimarum" per poi sfilarle la tunica... Ridicolo.
Purtroppo non sapremo mai nulla della sceneggiatura originale degli americani James Anderson e Adam Gierasch, ma questo script non regge proprio.

Per non parlare poi della Roma "impazzita": vediamo un campo lungo della città (mortificato peraltro dalla fotografia davvero piatta che caratterizza l'intera pellicola) e poi stacchiamo su una madre che scaglia un bambolotto nel Tevere, due coattelli che distruggono una macchina e due autisti che litigano per un parcheggio. Ma non sono cose che vediamo tutti i giorni?
E le annunciate scene di massa? E poi tutte queste fantomatiche streghe che si vedono in giro per la città e che arrivano con il treno alla Termini o con l'Air One a Fiumicino, dove spariscono successivamente? Nel sabba finale ce ne saranno una ventina al massimo.

Passando poi agli aspetti tecnici, con riguardo alla fotografia sorge spontanea una domanda: ma prima di girare "La terza madre" il nostro Darioli ha rivisti i suoi precedenti Capolavori? O per lo meno li ha fatti vedere a Frederic Fasano (il d.o.p. della pellicola)? La cinematografia de "La terza madre" è di un televisivo che più televisivo non si può, senza una gelatina, un rosso, un'invenzione; e dire che i film di Dario hanno fatto scuola sotto questo aspetto.

Scenografia: non c'è città al mondo che si presti più di Roma per location inquietanti e straordinarie, ed invece gli scorci della capitale che vediamo nel film sono esclusivamente da cartolina turistica. Non è poi chiaro che senso abbiano le location torinesi: Torino è una bellissima città, sia chiaro, ma un conto e' utilizzarla per un collage sullo stile di "Profondo rosso" (che venne girato nella Capitale per alcune scene e nella città piemontese per altre), un altro e' girare a Torino un film ambientato a Roma.
E' poi piuttosto triste vedere girare un film sulle streghe alla stazione Termini, con sponsor e pubblicità sempre ben in evidenza (a proposito, non perdetevi una chicca: le streghe che insultano un povero turista che chiede informazioni); il location manager ci ha visto davvero male.
Questa raffazzonata superficialità appare poi evidente ove si pensi come in "Inferno" la casa di Mater Lacrimarum sia stata genialmente ambientata nel Quartiere Coppedé, inspiegabilmente mai inquadrato ne "La terza madre".

Effetti speciali: indovinati in un paio di occasioni, ma nella sostanza inutili. Le chiese che bruciano e l'uomo in fiamme che assale Sara (salvata dal fantasma della Nicolodi, un pezzo trash degno di "Scary Movie") hanno poi degli effetti digitali davvero mal fatti.

Splatter: buono, ma fine a se stesso. Non basta orchestrare qualche omicidio ultraviolento per rendere godibile un horror.

Musiche: molto buona la collaborazione tra Dani Filth e Claudio Simonetti; una nota positiva del film, così come il montaggio, discreto.

Infine una curiosità: per la prima volta in un film di Dario Argento il cineasta romano ha a che fare con preti, chiese ed esorcismi. Non è dato dire quanto ciò sia positivo o negativ; rimane solo una nota curiosa.

In sostanza si ha l'impressione che Argento abbia voluto liberarsi in fretta, dopo averla a lungo attesa, di questa "Terza madre".
Il soggetto a disposizione era davvero notevole: un film sull'alchimia e l'esoterismo; il regista dà però l'impressione di non aver letto un libro che sia uno a riguardo. O meglio, sicuramente li ha letti ma senza prenderne affatto spunto ed ispirazione, limitando tutto ad un'ingiustificata serie di omicidi e squartamenti slegati dal tessuto narrativo.
Quello che però manca al film più di ogni altra cosa è la tensione: si salta sulla poltrona del cinema solo in un'occasione (il sogno di Sara); né c'è quel particolare enigmatico che permetta allo spettatore di risolvere il mistero (in "Suspiria" il segreto dell'iris, in "Inferno" le tre chiavi per conoscere Mater Tenebrarum). Se poi pensiamo agli spettacolari omicidi di Suspiria e li paragoniamo a quelli de "La terza madre" c'è davvero da rimanere delusi: gli omicidi di "Suspiria" ed "Inferno" erano film a sè, vera e propria poesia della crudeltà.
Il volto di Mater Suspiriorum e Mater Tenebrarum, inoltre, veniva svelato solo alla fine; cosa che qui non accade e toglie ulteriore suspense al film; questo senza considerare poi che le loro adepte non sembravano delle sguaiate battone.

Nonostante tutto ciò, e nonostante ci si possa tutto sommato divertire, prendendo "La terza madre" per una parodia, continueremo ad amare il nostro Dario, per tutto quello che ci ha regalato in passato e, lo speriamo sempre, ci regalerà in futuro.

Commenta la recensione di LA TERZA MADRE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di paul - aggiornata al 26/10/2007

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 T
...e fuori nevica! (2014)
 T
amore, cucina e curry
 T
amoreodio
 T
anime nere
 T
annabelle
 T
arance e martello
 T
barbecue
 T
bastardi in divisa
 T
belluscone, una storia siciliana
 T
boxtrolls - le scatole magiche
 NEW T
boyhood
 NEW T
buoni a nulla
 T
capitan harlock - l'arcadia della mia giovinezza
 T
class enemy
 T
colpa delle stelle
 T
comportamenti molto... cattivi
 T
cristiada
 T
everyday rebellion
 T
frances ha
 T
fratelli unici
 NEW T
guardiani della galassia
 T
i due volti di gennaio
 HOT T
i mercenari 3
 T
i nostri ragazzi
 T
il giovane favoloso
 T
il regno d'inverno - winter sleep
 NEW T
il sale della terra
 T
io sto con la sposa
 T
jimi: all is by my side
 T
joe
 T
la banda dei supereroi
 T
la buca
 T
la moglie del cuoco
 T
la nostra terra
 T
la preda perfetta
 T
la trattativa
 T
la zuppa del demonio
 T
l'ape maia
 R T
le due vie del destino
 T
l'incredibile storia di winter il delfino 2
 HOT T
lucy
 T
maze runner - il labirinto
 T
medianeras, innamorarsi a buenos aires
 T
necropolis - la citta' dei morti
 T
party girl
 T
pasolini
 T
perez.
 T
piccole crepe, grossi guai
 T
pongo il cane milionario
 T
poshpostman pat
 T
resta anche domani
 T
se chiudo gli occhi non sono piu' qui
 T
senza nessuna pieta'
 T
sex tape - finiti in rete
 R T
si alza il vento
 HOT T
sin city - una donna per cui uccidere
 NEW T
soap opera
 NEW T
soul boys of the western world: spandau ballet - il film
 T
take five
 T
tartarughe ninja
 T
the equalizer - il vendicatore
 R T
the giver - il mondo di jonasthe green inferno
 NEW T
the judge
 R
the look of silence
 T
the protector 2
 NEW T
the third person
 T
tutto molto bello
 T
tutto puo' cambiare
 T
un milione di modi per morire nel west
 T
un ragazzo d'oro
 T
una promessauscio e bottega
 NEW
v/h/s: viral
 T
vinodentro
 T
walking on sunshine
 T
winx club: il mistero degli abissi

878302 commenti su 31385 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net
Division: Workless