Recensione frine, cortigiana d'oriente regia di Mario Bonnard Italia 1953
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione frine, cortigiana d'oriente (1953)

Voto Visitatori:   8,00 / 10 (1 voti)8,00Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film FRINE, CORTIGIANA D'ORIENTE

Immagine tratta dal film FRINE, CORTIGIANA D'ORIENTE

Immagine tratta dal film FRINE, CORTIGIANA D'ORIENTE

Immagine tratta dal film FRINE, CORTIGIANA D'ORIENTE

Immagine tratta dal film FRINE, CORTIGIANA D'ORIENTE
 

Nel 1952, usciva nelle sale italiane il film di Alessandro Blasetti "Altri tempi", il cui ottavo e ultimo episodio reca il titolo "Il processo di Frine". Tratto da una novella di Edoardo Scarfoglio, l'episodio Ŕ rimasto celebre soprattutto perchÚ Vittorio de Sica, nei panni dell'avvocato difensore di una prosperosa popolana accusata di omicidio (interpretata da una magnifica Gina Lollobrigida), ricorre all'espediente dell'oratore greco Iperide (secondo la tradizione amante della cortigiana Frine) mostrando ai giudici le brucianti attrattive della bella imputata. In quella circostanza, e in contrapposizione con l'espressione 'minorato psichico' (frequentemente usata nei processi per ottenere assoluzioni altrimenti difficili), venne coniata la definizione di 'maggiorata fisica' che segnerÓ di fatto un'epoca e sarÓ largamente utilizzata per tutti gli anni '50 e per buona parte degli anni '60.

Erano gli anni in cui in Italia si diffondeva il genere pÚplum: e vi Ŕ ragione di credere che proprio il successo del film di Blasetti, con la sua trasposizione in chiave moderna delle note disavventure di Frine, abbia indotto gli Studi di CinecittÓ a interessarsi alla figura dell'etŔra greca, al punto di produrre, l'anno successivo, il pÚplum dal titolo (invero poco appropriato, essendo la protagonista originaria della Grecia centrale) "Frine cortigiana d'Oriente".
Il regista era Mario Bonnard, ma nei credits figura come aiuto-regista il giovane Sergio Leone, che Ŕ anche uno degli sceneggiatori (con Bruno Baratti, Mario Bonnard, Cesare Ludovici, Nicola Mannari e Ivo Perilli). Nonostante il titolo infelice (probabilmente dovuto a ragioni di cassetta), il film Ŕ uno fra i pi¨ interessanti del genere. L'uso del bianco e nero Ŕ un intelligente escamotage, grazie al quale non solo si evita il cromatismo chiassoso tipico del filone pÚplum e in genere sgradito all'occhio moderno (avvezzo, winckelmannianamente, a immaginare una Grecia fatta di marmo bianco), ma si confondono in un insieme tutto sommato armonico forme e contorni dei vari arredi, non sempre convincenti se considerati singolarmente. Belli gli interni delle case private (pur se troppo sontuose per essere case greche, per quanto appartenenti a persone ricche) e gradevoli i costumi, stilizzati e in genere non ridicoli, anche se appare eccessivo il ricorso a palandrane e copricapi orientaleggianti.

Per quanto riguarda la storia, aspettarsi un'approfondita analisi delle fonti (di difficile interpretazione perfino per gli storici) sarebbe davvero pretendere troppo: nondimeno, il plot Ŕ tutt'altro che arbitrario e, sia pure con scorciatoie e aggiustamenti, ricostruisce le peripezie di Frine con una certa coerenza e senza perdere di vista le testimonianze letterarie. Frine viene infatti presentata come una ragazza di origine nobile, in fuga dalla Beozia verso Atene in sÚguito a complesse vicende politiche.
Nonostante l'aggiunta di dettagli romanzeschi, tale premessa potrebbe non essere lontana dal vero, salvo il fatto che nel film l'inizio della carriera di Frine viene fatta coincidere, poco plausibilmente, con la distruzione di Tebe da parte di Alessandro Magno, che sicuramente avvenne qualche decennio pi¨ tardi (335 a.C.). In Atene la ragazza, con l'aiuto di un abile ma infido mezzano, diviene una cortigiana avida e altezzosa e, ben presto, anche incredibilmente ricca (ottima la caratterizzazione del mercante ridotto sul lastrico, che si ispira ad un frammento del poeta comico greco Timocle); ella per˛, generosamente, usa le proprie ricchezze per aiutare i profughi di Tebe e addirittura (come nella tradizione) si offre di ricostruire a proprie spese la cittÓ a patto di vedere il proprio nome inciso sulla porta di essa.
L'arconte basileus (= "arconte re", magistratura di primo piano nell'Atene del tempo) rifiuta l'offerta e la cortigiana, mal consigliata dal perfido lenone, cerca di suggestionare il popolo presentandosi sacrilegamente come Afrodite alle feste di Eleusi. Di qui il famoso processo (celebrato questa volta correttamente davanti all'Eliea e non all'Areopago, come pretendeva l'art pompier francese), in cui un giovane e passionale Iperide, ingiustamente geloso dello scultore Prassitele, accetta di difendere la donna amata, dopo avere chiarito i malintesi con Prassitele, cui in realtÓ la bellezza di Frine era stata solo fonte di ispirazione per l'immortale Venere di Cnido. In un serrato contrasto fra 'innocentisti' (schiavi, cortigiane e, soprattutto, profughi di Tebe) e 'colpevolisti' (aristocratici ateniesi benpensanti e ipocriti), il dibattimento si snoda tra incalzanti colpi di scena, sino all'inevitabile happy end.

Non mancano, evidentemente, errori (si parla perfino di un senato!) e ingenuitÓ (a dir poco approssimativo l'uso della grafia antica, come sempre nel genere pÚplum): ma la sceneggiatura solida e l'ottimo ritmo narrativo fanno sospettare una presenza di Leone pi¨ rilevante di quanto i credits potrebbero far supporre (del resto, Ŕ di Leone, e non di Bonnard, il film "Gli ultimi giorni di Pompei" del 1959).

Molto bella la sequenza della fuga di Frine tra i boschi, ed in particolare l'immagine di lei che si china su un ruscello per bere; intensi e suggestivi i primi piani delle comparse (come poi in tutto il cinema leoniano); ben realizzate, seppure un po' stereotipe, le scene di danza (di ispirazione vagamente simbolista e parnassiana).
Incisiva, anche se priva di riscontri nell'aneddotica antica, la scena di Frine che acquista per poche dracme il proprio polemico 'nome di battaglia' ('Frine', ossia 'rospo'), da una comune prostituta di piazza, ed insolita, rispetto al filone pÚplum, la presenza di schiavi e cortigiane di colore. La maggiore delusione Ŕ costituita proprio dalla 'scena madre' della svestizione di Frine davanti ai giudici: per sfuggire alle pastoie della censura, la regia non trova infatti di meglio che mostrare la bella Elena Kleus di spalle, evitando di evidenziare sia la reazione emotiva della donna che quelle degli astanti, sino al finale davvero troppo edificante.

Con i due film degli anni '50, Frine entrava di diritto nell'universo della comunicazione moderna. In tempi recentissimi, questa tendenza ha trovato conferma in quella che Ŕ forse la pi¨ sapida e irriverente tra le rivisitazioni in chiave visuale del personaggio: si tratta di una illustrazione dal libro "Il pittore e la modella" di Milo Manara.
Frine, ovviamente, Ŕ ricordata come modella di Prassitele, ed Ŕ a lui che soprattutto fa riferimento il noto cartoonist, anche se il personaggio raffigurato Ŕ Iperide -anzi, per l'esattezza, l'Iperide del pittore francese GÚr˘me, qui sottoposto a graffiante parodia. Da parte del creatore della 'pin-up art', un ulteriore esempio di caleidoscopico citazionismo; da parte della contemporanea mass culture, una conferma dell'intramontabile successo della pi¨ antica modella il cui nome si sia conservato fino a noi.

Commenta la recensione di FRINE, CORTIGIANA D'ORIENTE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di frine - aggiornata al 13/06/2006

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

abigail (2024)accattaromaancora un'estateanother endanselmarcadianaugure - ritorno alle originiautobiography - il ragazzo e il generaleback to blackbrigitte bardot forevercattiverie a domicilioc'era una volta in bhutanchallengerscivil warcoincidenze d'amorecome fratelli - abang e adikconfidenzadamseldicono di tedrive-away dollsdune - parte duee la festa continua!ennio doris - c'e' anche domanieravamo bambinifantastic machinefino alla fine della musicaflaminiaforce of nature - oltre l'inganno
 NEW
furiosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghostbusters - minaccia glaciale
 NEW
girasoligli agnelli possono pascolare in pacegodzilla e kong - il nuovo imperoi dannatii delinquentii misteri del bar etoileif - gli amici immaginariil caso josetteil cassetto segretoil coraggio di blancheil diavolo e' dragan cyganil gusto delle coseil mio amico robotil mio posto e' quiil posto (2024)il regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoil teorema di margheritaimaginaryinshallah a boy
 NEW
io e il seccokina e yuk alla scoperta del mondokung fu panda 4la moglie del presidentela profezia del malela seconda vitala terra promessala zona d'interessel'estate di cleolos colonos
 NEW
marcello miomay decembermemory (2023)metamorphosis (2024)monkey manmothers' instinctneve (2024)niente da perdere (2024)non volere volareomen - l'origine del presagio
 HOT R
povere creature!priscillarace for glory - audi vs lanciarebel moon - parte 2: la sfregiatricered (2022)ricky stanicky - l'amico immaginarioritratto di un amoreroad house (2024)samadsaro' con tese solo fossi un orsosei fratellishirley: in corsa per la casa biancasolo per mesopravvissuti (2022)spy x family code: whitesull'adamant - dove l'impossibile diventa possibilesuperlunatatami - una donna in lotta per la liberta'the animal kingdomthe fall guythe rapture - le ravissement
 NEW
ti mangio il cuoretito e vinni - a tutto ritmototem - il mio soletroppo azzurroun altro ferragostoun mondo a parte (2024)una spiegazione per tuttouna storia nera
 NEW
vangelo secondo mariavita da gattovite vendute (2024)zafira, l'ultima reginazamora

1050911 commenti su 50769 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BLACKOUT (2023)BURNING DAYSCABRINICURSE OF HUMPTY DUMPTY 3GORATHHUMANEIL CLAN DEL QUARTIERE LATINOIL MOSTRUOSO DOTTOR CRIMENIL PRINCIPE DEL MIO CUOREIL SENSO DELLA VERTIGINELA NOTTE DEGLI AMANTILEDALISA FRANKENSTEINMAGGIE MOORE(S) - UN OMICIDIO DI TROPPOMORBOSITA'ONCE WITHIN A TIMEPENSIVEQUESTA VOLTA PARLIAMO DI UOMINISONG OF THE FLYTERRORE SULL'ISOLA DELL'AMORETHE AFTERTHE CURSE OF THE CLOWN MOTELTHE DEEP DARKTHE JACK IN THE BOX RISESTHE PHANTOM FROM 10.000 LEAGUES

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net