the square (2017) regia di Ruben Ístlund Svezia, Germania, Francia, Danimarca 2017
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

the square (2017)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film THE SQUARE (2017)

Titolo Originale: THE SQUARE

RegiaRuben Ístlund

InterpretiElisabeth Moss, Dominic West, Claes Bang, Terry Notary, Linda Anborg, Annica Liljeblad

Durata: h 2.25
NazionalitàSvezia, Germania, Francia, Danimarca 2017
Generedrammatico
Al cinema nel Novembre 2017

•  Altri film di Ruben Ístlund

Trama del film The square (2017)

Protagonista del film Ŕ Christian, curatore di un importante museo di arte contemporanea di Stoccolma, nonchÚ padre amorevole di due bambine. Nel museo c'Ŕ grande fermento per il debutto di un'installazione chiamata "The Square", che invita all'altruismo e alla condivisione, ma quando gli viene rubato il cellulare per strada, Christian reagisce in modo scomposto, innescando una serie di eventi che precipitano la sua vita rispettabile nel caos pi¨ completo.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,10 / 10 (5 voti)7,10Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su The square (2017), 5 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo STAFF, Moderatore Kater  @  28/11/2017 20:18:22
   9 / 10
ATTENZIONE, POSSIBILE PRESENZA DI SPOILER
"The Square Ŕ un santuario di fiducia e altruismo. Al suo interno abbiamo tutti gli stessi diritti e doveri".
Cosý recita la targa dell'installazione che Christian, il direttore del Museo d'arte contemporanea, acquista ed il film esce ed entra ľ pi¨ esce ľ costantemente da questo quadrato, soprattutto dai valori di cui dovrebbe essere portatore.
Ruben Ístlund si impegna in una lunga riflessione che non fa sconti a nessuno, soprattutto a quella ElitÚ che ha gli strumenti culturali per fare proprio questo concetto, quella societÓ che si sente "il quadrato" ma che in realtÓ comprende solamente che "Il quadrato" sarebbe la strada giusta e solo per questo, perchÚ lo comprende, si sente superiore.
Ma Ŕ chiaramente diverso comprendere meramente dei valori e il metterli in pratica, tanto che questa elitÚ Ŕ ovviamente spiazzata quando la brutalitÓ irrompe nel quadrato tanto che reagisce con superiore imbarazzo ľ l'uomo con la sindrome di Tourette ľ o con la stessa istintiva brutalitÓ dalla quale si sente attaccata ľ l'episodio strepitoso dell'uomo scimmia ľ o con altezzositÓ quando Ŕ costretta all'altruismo ľ il panino con le cipolle.
Forse una delle funzioni dell'arte contemporanea Ŕ quella di aiutarci a comprendere, facendosi specchio del nostro tempo e anche di noi stessi, ma nel film i fruitori dell'opera, sfortunatamente, sono gli stessi che pensano di non averne bisogno.
Fuori ci sta la vita, i mendicanti (considerati solo nel momento in cui esplodono all'interno del quadrato - con un gattino in braccio! - per creare un evento virale), gli scippatori, le donne da portare a letto insomma "gli altri", con i quali Christian (simbolico portavoce dell'elitÚ) in realtÓ non sa interagire; nonostante la sua cultura ogni suo passo verso l'esterno del quadrato Ŕ sbagliato, perchÚ fatto credendo di essere superiore a chi, secondo lui, dal quadrato sta fuori.
Alla fine Ístlund per˛ una speranza la da ed Ŕ racchiusa nei bambini, silenziose presenze le figlie del protagonista, chiassosa coscienza dello stesso il bambino accusato ingiustamente di avergli rubato il portafoglio.
Le figlie di Christian sanno molto meglio di lui cosa sia il quadrato, perchÚ lo vivono naturalmente all'interno della squadra di danza, dove fiducia e altruismo sono elementi necessari per la buona riuscita di tutti.
Il bambino delle case popolari sa molto meglio di Christian cosa sia giusto o sbagliato e chiede solo delle scuse per essere stato ingiustamente accusato di furto, ma le scuse non arrivano, almeno non subito, perchÚ sempre la presunta superioritÓ impedisce in realtÓ di comprendere chi si pensa sia al di fuori del quadrato.
Ma non Ŕ sempre possibile rimediareů

Spera  @  27/11/2017 08:56:26
   7 / 10
Ma davvero basta mettere un oggetto in un museo per farlo diventare un 'opera d'arte?
Davvero basta che ci sia un concetto dietro a un' opera per farla diventare arte?
Siamo davvero così "flasshati" e assuefatti dai media e dalla rete che non riusciamo a guardare per più di due secondi un contenuto video se quest'ultimo non ci "aggancia" in quei due secondi?

Si ride poco ma c'è poco da ridere.
Si perchè questa produzione Europea intavola una feroce critica sulla società moderna, calcando molto la mano sul mondo dell'arte e della comunicazione.
Si traveste da commedia senza mai diventarlo pienamente; attori bravi ma la sceneggiatura non mi ha convinto fino in fondo, ci sono dei passaggi che mi hanno lasciato perplesso.
Inoltre la durata mi è sembrata eccessiva, almeno mezz'ora in meno per andare bene.

Si tratteggia un profilo un pò inquietante della società.
Geniale la scena dell'uomo scimmia.
Un film particolare dalla messa in scena originale, nonostante la durata non mi sono mai annoiato anche se lo sconsiglio vivamente a chi non sopporta film lenti e dallo stile pienamente..."nordico".

5 risposte al commento
Ultima risposta 30/11/2017 14.54.54
Visualizza / Rispondi al commento
130300  @  21/11/2017 16:50:48
   6 / 10
grandi aspettative e grandi delusioni. dopo aver visto la sera prima "The Place" mi sono annoiato tremendamente.

suzuki71  @  12/11/2017 21:52:19
   5½ / 10
Si ride e si riflette. Ma si ride poco e freddamente, e la pseudo riflessione sull'assurdità paradossale dei nostri tempi (sordi ai bisogni degli ultimi, egoisti fino a fregarcene degli altri, l'incredibile inconsistenza delle relazioni aziendali, le continue maschere con cui ci trasfiguriamo e robe così..) sono un po' noiose.
Qualcuno ha scritto che non si era mai vista una palma d'oro così. Per fortuna.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento williamdollace  @  12/11/2017 13:56:49
   8 / 10
The Square reiterato in ogni immagine, metaforica visuale e antropologica, tutto è fuori o dentro e quando è dentro è macinato dal suo paradosso, quando è fuori non vede l'ora di entrare oltre il segno che sia gesso o luce, l'assurdo che si fa realtà e la realtà che si fa assurda, la borghesia massacrata fra le risa isteriche o i silenzi imbarazzanti squarciati da facci vedere le tette e ********, perché anche quando Tourette è nel quadrato lo vogliamo espellere, perché la vera arte è il disegno di un primate, è la paura, è il perdono che sei impossibilitato a chiedere, è la ricerca della riparazione verso l'altro mentre il tuo mondo ti guarda cadere in pezzi.

2 risposte al commento
Ultima risposta 15/12/2017 11.01.16
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

50 primaverealla ricerca di van goghamerican assassinamori che non sanno stare al mondoassassinio sull'orient express (2017)bad moms 2 - mamme molto pi¨ cattivebenedetta folliacaccia al tesorocento annichiamami col tuo nomecoco (2017)come un gatto in tangenzialecorpo e animadaddy's home 2detroitdickens: l'uomo che invento' il nataledirectionsdue sotto il burqaegon schiele
 NEW
ella e john - the leisure seekerferdinandflatliners - linea mortalefree firegli eroi del natalegli sdraiatihappy end (2017)housewifei love... marco ferreriil domani tra di noiil figlio sospesoil libro di henryil premio - non basta vincerlo devi anche ritirarloil ragazzo invisibile: seconda generazioneil senso della bellezza
 NEW
il vegetale
 NEW
insidious 4: l'ultima chiavejumanji - benvenuti nella giungla
 HOT
justice leaguekeep watchingla botta grossala poltrona del padrela ruota delle meraviglieland of smilesl'arte viva di julian schnabell'assoluto presenteleo da vinci - missione monna lisal'eta' imperfettal'insulto
 NEW
l'ora piu' buialovelessl'ultimo sole della notte
 NEW
marlina. omicida in quattro attimorto stalin, se ne fa un altromusemy little pony - il filmnapoli velatanatale da chefnut job - tutto molto divertenteonce upon a time at christmaspatti cake$poveri ma ricchissimiprince- sign o' the timesradiusriccardo va all'infernosami bloodseven sisterssingularityslumber - il demone del sonnosmetto quando voglio: ad honorem
 HOT
star wars: gli ultimi jedisuburbiconsuper vacanze di natalethe greatest showmanthe midnight manthe void - il vuotothe wicked gift
 R
tre manifesti a ebbing, missouritutti i soldi del mondo
 NEW
un sacchetto di biglievasco modena park - il filmvi presento christopher robinwonder

967575 commenti su 38598 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net