seul contre tous regia di Gaspar Noè Francia 1998
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

seul contre tous (1998)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film SEUL CONTRE TOUS

Titolo Originale: SEUL CONTRE TOUS

RegiaGaspar Noè

InterpretiPhilippe Nahon, Blandine Lenoir, Frankie Pain

Durata: h 1.33
NazionalitàFrancia 1998
Generethriller
Al cinema nell'Agosto 1998

•  Altri film di Gaspar Noè

Trama del film Seul contre tous

Il macellaio è tornato, dopo un periodo di prigione, vuole iniziare una nuova vita...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,59 / 10 (38 voti)8,59Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Seul contre tous, 38 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Mike91  @  17/03/2019 17:45:21
   8 / 10
Sicuramente un film molto intenso, diretto con grande maestria, dove la sceneggiatura riesce a scandagliare la psiche sofferente del personaggio. Il macellaio è una figura credibile, uno dei tanti poveracci che affollano le nostre strade, che non sanno dove sbattere la testa. Quand'è che cominceremo ad aiutare anche gli ultimi?

Overfilm  @  16/11/2018 01:13:47
   8½ / 10
Visto tempo addietro non posso che confermare la media film ed i commenti degli altri utenti che sottolineano diversi aspetti per cui e' indubbiamente un film da vedere.
Non mi dilungo oltre perche' non sarei preciso, ma invito a leggere i commenti di chi mi ha preceduto.
Propedeutico alla visione di questo film, consiglio anche "La carne" (40/45 minuti la durata)

BenRichard  @  22/03/2018 03:16:16
   8½ / 10
Introspettivo come non mai, duro e crudo nella parole, ma quanto cavolo è veritiero questo film!? Sarà dura da digerire, ma......purtroppo ahimè è così...sono trascorsi 20 anni dall'uscita di questa pellicola e lo trovo più recente che mai. Primo lungometraggio di Gaspar Noè e ci và giù subito molto pesante. "Seul Contre Tous" è un vero e proprio sfogo da parte di Gaspar Noè che ha anche scritto questo film. Certo uno sfogo tutto pessimistico, violento, perverso, una forte critica alla politica, alla società e alle sue leggi. Ci vuole far capire attraverso il personaggio del macellaio, interpretato da un ottimo Philippe Nahon, come noi esseri umani (in particolar modo ci si riferisce alla fascia debole, i poveri) siamo solo dei burattini manovrati da tutte le cose che ci mettono in testa fin da quando veniamo al mondo dagli uomini di potere, di chi ha i soldi, dai ricchi...insomma in parole povere, perchè devo credere che una cosa che mi piace e mi fa star bene sia sbagliata perchè è il mondo che mi ha imposto di pensare che quella cosa sia sbagliata!?
Inoltre il film è talmente pessimista che non ti lascia neanche un barlume di speranza..la vita andrà avanti così punto e basta. Le famiglie ricche, i figli dei ricchi e così via, saranno loro sempre ad avere in mano questo mondo, il potere.....noi poveri (perchè mi ci metto in mezzo anch'io) dobbiamo solo adattarci...subire subire e subire...e purtroppo magari prima o poi fare una brutta fine di cui in realtà a nessuno fregherebbe niente...è dura da accettare ma è la sacrosanta verità...
Gran film, semplicemente vero.

nevermind  @  12/05/2017 18:31:16
   8 / 10
Se il regista avesse unito "Carne" con "Seul contre tous" in 1.45 minuti o più, tagliando qualche scena poco influente secondo me sarebbe venuta fuori una pietra miliare.
La mancanza di un filo conduttore viene colmata nei primi 10 minuti in cui il regista spiega cosa è successo al macellaio attraverso immagini della pellicola precedente.
Personalmente lo ritengo un ottimo film da vedere, molto disturbante, malinconico e con un senso di insoddisfazione generale decisamente attuale nonché un finale fuori da ogni logica morale a cui siamo abituati.

Grande prova dell'attore protagonista.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

marcogiannelli  @  11/12/2016 18:46:16
   8 / 10
Film strano (il regista è Noè, lo conosciamo), cattivo, violento, una discesa nella follia, una sorta di Taxi Driver.
Una grande denuncia anche alla società e al capitalismo.
Ottimo il montaggio, la regia, le interpretazioni.

raniran  @  09/03/2016 10:06:27
   9½ / 10
Visto e rivisto, unico nel suo Genere, introspettivo come mai e durissimo....giustamente pessimista ma non direi nichilista: un film che parla anche d'Amore scavando senza anestesia nella rocciosa psiche del protagonista.
Non do 10 per quel pelino di introspezione che è mancata nei personaggi attorno (sempre che ce ne fosse bisogno, ma qui siamo a livelli sublimi)
è spiazzante come si deve

gandyovo  @  26/02/2016 12:50:51
   7 / 10
Difficile commentare questo lavoro. Originale sicuramente, one man show sicuramente (il protagonista è fantastico), Malox per digerirlo sicuramente. Nichilismo a tonnellate, poca speranza ragazzi.

lord_arioch  @  27/04/2015 15:44:34
   10 / 10
solo a due film darei un 10 pieno...
questo è uno dei due...immenso!

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  01/11/2014 18:45:28
   8½ / 10
Nel mondo alienante della modernità consumista, l'unica ribellione può essere solitaria. Il protagonista disprezza tutta la società. Misogino, misantropo, omofobo, xenofobo...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Un film crudo e potentissimo, girato benissimo da Gaspar Noè. Imperdibile.

GianniArshavin  @  02/10/2014 10:58:51
   7½ / 10
A metà fra "Angst" e "Taxi driver" il primo lungometraggio di Gaspar Noè è una bomba di brutale nichilismo e odio , 90 minuti intensi ed estremi che metteranno a dura prova i nervi e la mente anche dello spettatore più abituato a questo tipo di pellicole.
Il tema principale di "Seul contre tous" è il mal di vivere , e il regista nel suo consueto stile fuori dagli schemi ci conduce nel malessere di quest'uomo fino ai più nascosti recessi della sua personalità , in un continuo monologo fatto di violenza , razzismo , perversione e sofferenza che destabilizza non poco.
Oltre alle parole e alle invettive del "Macellaio" l'opera si compone anche di violenza visiva di grande impatto e come nel successivo "Irreversible" Noè non ci risparmia nulla sbattendoci in faccia almeno due scene da dolore fisico ed epidermico , strazianti fino all'eccesso.
Ovviamente il regista argentino non è uno sprovveduto e le sue opere non sono mai una gratuita sfilza di nefandezze e il titolo in considerazione non fa eccezione; certo ognuno è libero di interpretare il film a modo suo ma il messaggio del cineasta arriva chiaro anche se non condivisibile al 100% da chiunque.
Una pellicola dunque scomoda e non per tutti , che coniuga cattiveria , risentimento e dolcezza (si nel finale ci sarà spazio anche per questo sentimento...per qualche secondo) in un modo unico e personale che conferma la grande vena di questo cineasta sudamericano.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  04/04/2014 15:39:39
   8 / 10
Torna il macellaio senza nome già protagonista del mediometraggio "Carne". "Seul contre tous" riprende dove si era interrotto il precedente lavoro di Gaspar Noè fornendo un breve riepilogo dei fatti precedenti.
Il macellaio sta per diventare nuovamente padre e cerca lavoro. Insofferente al clima instauratosi con la nuova compagna e la di lei madre ne combina un'altra, costretto alla fuga raggiunge la rassicurante (almeno per lui) banlieue parigina con pochi franchi in tasca.
Qui pensa di svoltare, magari trovando un impiego grazie alle sue vecchie conoscenze. Ed invece ogni porta alla quale bussa resta chiusa alle sue richieste, o abitata da un volto ostile che più o meno garbatamente gli fa capire che non c'è più posto per lui. Montano il pessimismo prima, poi la rabbia, scatenate in un continuo flusso di pensieri recitati da una voce narrante capace di vomitare odio e nichilismo a tonnellate.
L'uomo possiede una pistola e tre proiettili, giunto al punto di non avere nemmeno gli spiccioli per un tozzo di pane decide di passare all'azione estrema.
La sua disperazione trova terreno fertile per attecchire nei solchi del razzismo più becero, nella misoginia, nell'omofobia e in un classismo in cui l'odio per i benestanti si tramuta in insana ferocia. Qualunquista nella distorta forma mentis, incarna quella parte di società emarginata e spogliata della propria dignità, variante imprevedibile e malata in seno ad un sistema altrettanto malandato di cui è terribile prodotto.
Gli resta una figlia affetta da probabile autismo a rappresentare il suo ultimo legame con la vita. Dopo averla abbandonata in un istituto comprende di avere delle responsabilità; farla sparire da quel mondo che le promette solo sofferenza o proteggerla da ciò che nemmeno lui riesce a contrastare?
Noè dipana il dubbio attraverso un epilogo moralmente disdicevole eppure incredibilmente poetico. Tra l'altro ingegnosamente anticipato da un avviso allo spettatore, in cui si concedono trenta secondi per lasciare la sala prima dell'imprevedibile quanto "pericolosa" chiusura.
Si consiglia vivamente di restare.

Neurotico  @  22/03/2014 09:49:11
   10 / 10
Seul contre tous non è solo un film. È una riflessione sulla vita, su che cos'è la morale, l'uomo, l'amore, il sesso. E non dice un'opinione, non si immedesima in un punto di vista. Dice la verità assoluta, che ci faccia comodo o meno. Che siamo borghesi od operai. Francesi o italiani. Uomini o donne. Bambini o adulti. Nahon (eterno) non parla quasi mai perché per parlare è necessario non essere soli. Il suo è un soliloquio di un'anima abbandonata, sconfitta, sola. Irripetibile e indelebile.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI julian  @  17/11/2013 20:04:49
   9 / 10
"Ti vedo male, macellaio. Molto male"

Un incessante turpiloquio interiore contro sé stesso, gli altri, la Francia, la vita, tutto. Avevo detto per Noè, a proposito di Enter the void, che un capolavoro in carriera era quotato basso, non sapendo che il capolavoro l'aveva già fatto: eccolo qui, Seul contre tous.
Un film maledetto e sconveniente, osteggiato da tantissimi problemi di produzione ma, come il nostro macellaio senza nome, capace di sopravvivere alle intemperie di un mondo esterno che vorrebbe continuare a dirci che tutto è rosa e felice.
Philippe Nahon, costretto a lavorare in condizioni di scarsità di mezzi, tira fuori un'interpretazione intensa e rabbiosa, in un ruolo, per giunta, che avrebbe fatto impazzire chiunque.
Negli ultimi 20 minuti un avvertimento: ATTENZIONE, AVETE 30 SECONDI PER STACCARE LA PROIEZIONE DEL FILM.
Probabilmente avrebbero dovuto avvisarmi di stare per vedere tra i minuti più intensi e pazzeschi del cinema moderno: il monologo si fa sempre più incalzante e delirante, fino a raggiungere le forme del flusso di coscienza;
prende forma la morale del macellaio, a danno dell'etica comune che viene violentata.
L'abbraccio con il Canone in re maggiore di Pachelbel è di una poesia e potenza che alla maggior parte degli autori viventi sarà sconosciuta per sempre. Noè messia.

2 risposte al commento
Ultima risposta 18/11/2013 22.22.37
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento thohà  @  12/11/2013 01:27:10
   8½ / 10
Quasi ogni immagine, ogni frase è come uno schiaffo.
Incapace persino di sorridere ormai, Seul detesta tutto e tutti. Ne ha passate troppe.
Pochi i dialoghi, molti i pensieri e le riflessioni tutte pessimistiche, cattive.
Seul non ha più sogni, speranze o affetti, ma deve pur vivere.
"Le persone sono come animali. Gli vogliamo bene, li sotterriamo ed è finita. E' la prima voltas che me ne rendo conto".
Questa è la sua visione della vita e della morte.
"Se dovrò essere cattivo per sopravvivere lo sarò. Un vero figlio di put... Ne sono capace".
"Vivere è un atto egoista. Sopravvivere è una legge genetica".

"...Però i ricchi non vengono mai arrestati. Uno su due ogni 10 anni al massimo. Il carcere è per i poveri e le leggi per i ricchi. I poveri non possono rubare ma solo farsi rubare. E sono i borghesi come questo che si possono prendere i nostri soldi, la nostra dignità e felicità in assoluta legalità".
Come smentire questa riflessione? Questa è filosofia e questa è la verità da quando esiste l'uomo.

Film amarissimo, nudo e crudo. Scene da brividi nel cuore.
Il finale: una diga che salta in aria.
Non rimane che vederlo.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

11 risposte al commento
Ultima risposta 29/03/2015 11.56.04
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Angel Heart  @  11/11/2013 00:07:39
   7½ / 10
Un "Taxi Driver" ancor più potente, spietato e deprimente, cronaca fin troppo verosimile di un uomo maledetto sin dal primo giorno della sua venuta al mondo. Realtà dura e cruda di un individuo nato per perdere e soffrire in silenzio, completamente anonimo al mondo che lo circonda, pieno di rabbia, frustrazione e rimorsi, vissuto in un continuo di sfortune e scelte sbagliate, condannato al fallimento completo qualsiasi cosa faccia, dica o pensi.
Eccellente attore protagonista, regia secca, freddissima e quasi documentaristica, sceneggiatura, da ribadire, spietata e anche troppo realistica (tutto il film e' praticamente un monologo interiore di pensieri e ragionamenti repressi).

Uno dei rari casi in cui si vede senza nessun mezzo termine la mediocrità dell'individuo qualunque che ha vissuto nella mer.da e che morirà nella mer.da. Gli ultimi minuti vi faranno letteralmente sbiancare (ma il regista si prende la briga di avvisarvi in tempo di quanto state per vedere... e lo spettatore dai nervi poco saldi farà meglio a dargli ascolto).

Definirlo scioccante sarebbe solo un pallido eufemismo.
Preparatevi.

Meriterebbe di più, ma non voglio osare.
A farlo mi sentirei uno schifo.

vittorioM90  @  01/11/2013 11:22:36
   10 / 10
"Nasciamo soli, viviamo soli, moriamo soli. Soli. Sempre soli. Ed anche quando scopiamo siamo soli. Soli con la nostra vita, la nostra carne. E' come un tunnel impossibile da condividere. E quanto più invecchiamo più siamo soli, di fronte al ricordo di una notte che si distrugge lentamente.
La vita è come un tunnel ed ognuno ha il suo piccolo tunnel. Però alla fine del tunnel non c'è neanche una luce. Anche i ricordi se ne vanno alla fine. I vecchi lo sanno bene... una piccola vita, piccoli risparmi, una piccola pensione. E poi una piccola tomba. E tutto questo non serve a niente."

Micidiale. Immenso. Questi sono i primi aggettivi che mi vengono a mente per questo incredibile lungometraggio di esordio di Gaspar Noè. Un viaggio sconvolgente ma decisamente emozionante che ci mette faccia a faccia con la solitudine più profonda, con la totale mancanza di speranza, nel buio totale. E' la storia di un uomo che ha perso tutto: famiglia, lavoro, soldi, dignità. Ha perso. Punto. E' uno sconfitto. La vita lo ha annientato... e così lo vediamo sprofondare nella depressione più cupa, coltivando una rabbia gigantesca nei confronti del mondo, dell'altro, della Vita. Non c'è più luce, non la vede. Non c'è più bellezza, soltanto lo schifo di fronte ai suoi occhi. L'odio.

Però non parla quasi mai, raramente agisce. Il film va avanti soltanto attraverso i suoi pensieri. E' tutto un continuo monologo interiore in voice-over, di una intensità allucinante. Siamo intrappolati nella sua mente, a sua volta intrappolata in un vortice di disperazione. Tutto è narrato in soggettiva, attraverso il flusso di coscienza di un perdente, che non vive più, sopravvive, fantasticando sulla fine. Immaginando una vendetta nei confronti di tutto e tutti. Ma è una vendetta soltanto immaginata.
Gli occhi dello straordinario Philippe Nahon (qui in una delle interpretazioni più importanti della sua carriera) sono sempre sbarrati, pieni di ira, mentre cammina da una umiliazione all'altra... ma le labbra sono serrate e ciò che sentiamo, per quasi tutta la durata del film, è soltanto il suo continuo rimuginare. I pensieri si sommano, si moltiplicano, non gli danno pace.
La mente del macellaio vomita sentenze di condanna sulla vita, sull'amore, il sesso, l'amicizia, la società, la borghesia, il sistema, il nascere e il morire. Non risparmia nessuno in un crescendo continuo di rabbia.

"No, di scopare non ne vale la pena. Costa caro. Però aiuta a passare il tempo. E quando ti passa la voglia di scopare non ti resta niente da fare al mondo. E che in realtà non c'è altro in questa fottuta vita. Nient'altro che un programma di riproduzione a tua insaputa, che uno si sente obbligato a rispettare. Nascere malgrado se stessi. Mangiare. Portare il ***** in giro. Dare vita. E morire. La vita è un grande vuoto. Lo è sempre stato. Sempre lo sarà. Un grande vuoto che può continuare perfettamente senza di me."

E' un film che ci mostra l'essenza della vita, facendoci vedere il lato più oscuro di questa. Quando vivere diventa un peso, una condanna. Quando essere nati significa essere stati intrappolati. Quando soltanto la morte sembra una liberazione. In alcuni frangenti sembra di vedere il Travis Bickle di Taxi Driver (e la sequenza nel cinema a luci rosse ne è un chiaro rimando), ma qui è tutto più estremo, forse più reale. Siamo ad uno stadio di solitudine ancora più basso. Stavolta la via di uscita è ancora più stretta. Impossibile da attraversare.
Una volta uno psichiatra che stimo moltissimo mi disse: <> ecco, qui, in "Seul contre tous", non è possibile nemmeno quello. In quel tunnel siamo costretti a morirci, o forse a viverci per sempre, che probabilmente è anche peggio.

Il nostro macellaio, di cui non sapremo mai il nome, è uno dei più belli esempi di Antieroe che mi sia mai capitato di vedere sullo schermo. Malvagio, crudele. Razzista. Fragile. L'uomo all'apice della sua debolezza, della sua essenza.
Un film, questo "Seul contre tous" fatto di nichilismo estremo. Violenza. Cattiveria. Un film amorale. Crudo. Spietato. Bellissimo. Fino al finale...

Dopo la sequenza finale, non è più un film bellissimo, ma qualcosa di molto vicino ad un capolavoro. Sui generis, certo, controverso, coraggioso, ma davvero grandioso. Quando il brutto, l'orrido riesce a trasformarsi in un qualcosa di poetico.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Poco da dire sulla regia, perfetta per il contesto, ben lontana dal virtuosismo che caratterizzerà il più recente "Enter the void", ma alcune trovate sono fantastiche. Come quell'invito finale a lasciare la sala...
"Attenzione: avete 30 secondi per abbandonare la proiezione del film"
Dobbiamo resistere, perché quel che ci aspetta, fidatevi, è uno degli epiloghi più emozionanti che vi sarà mai capitato di vedere.

2 risposte al commento
Ultima risposta 16/11/2013 17.31.39
Visualizza / Rispondi al commento
Spera  @  30/10/2013 17:10:54
   8½ / 10
Appena visto.
Questo mondo fa schifo ma tutti dovrebbero almeno avere un briciolo d'amore su questa terra. Tutti, anche il nostro macellaio.
Piccolo capolavoro francese, amorale, nichilista, specchio della società odierna.
Grande cinema.

1 risposta al commento
Ultima risposta 13/08/2014 12.09.11
Visualizza / Rispondi al commento
lukef  @  15/08/2013 14:26:14
   7½ / 10
Che dire, un brav'uomo.
Non è semplice trarre conclusioni o giudizi con Gaspar Noè, mi mette sempre un po' in difficoltà. Terribilmente crudo, immorale (mi perdonerà l'altro commentatore), senza via d'uscita: the void, le vide.
Questo vuoto non è infatti il superamento della (di ogni) morale (semmai della morale "vigente") ma l'assenza di una via di salvezza o "senso della vita". Ok, il nostro caro protagonista, preso dal di fuori, è amorale ma, in questo caso, come soggetto (pur squalificatosi) è "soggettivamente" morale, per sua natura. Viene detto chiaramente, scrivendolo pure a caratteri cubitali, verso la fine mi pare. Tuttavia, il film di per sè, come oggetto (essendo un'opera, quindi non pensante) non può avvalersi della soggettività del protagonista ma deve confrontarsi con una morale, se non oggettiva, costituita. In questo verso, rispecchiando in tutto e per tutto l'animo ed il sentimento del protagonista (introspezioni, musiche, sequenze...), si propone con un significato nettamente in contrasto con la morale "pubblica" o dello spettatore morale.
Tralasciando queste ...vacue... divagazioni, quel che ne rimane è il grande sconforto, lo smarrimento, l'odio. E' un viaggio estremamente personale nella testa di questo mostro, che crede fermamente in ciò che fa. Il mondo è una m***a, la vita è inutile. E allora perché non fare del bene, togliendola alle persone più care per esempio? Lui d'altra parte è solo la vittima di una società malata; ma se c'è vittima c'è anche colpevole: i ricchi, le due donne, i ricchioni... e quindi nel suo ultimo spiraglio di sopravvivenza (perché è sempre un rantolare prima della fine) cerca di fare il più possibile. Per chi? Non certo per sé stesso visto che è già condannato (fatta eccezione per il naturale desiderio di gloria) ma per un mondo più giusto, morale, dove possibilmente si muoia il prima possibile ...per la France.
Anche l'atto sessuale viene compreso per quello che è, il sospiro della specie per dirla alla Carmelo Bene, eppure perseguito, nella sua degradazione e squallore poiché porta pur sempre a qualche minuto (meglio dire secondo) di piacere "chimico". Un attimo che si rivela essere l'unica cosa che vale la pena fare in una vita in cui nulla ha ragione di esistere.
Per fortuna, dopo tanta amarezza, si giunge ad un lieto fine. Il caro macellaio ritrova l'amore e può mettersi il cuore in pace, ha ora una ragione per vivere o per lo meno per morire serenamente, una luce nel buio. bastava così poco...

Niko.g  @  24/07/2013 11:45:48
   7½ / 10
Cosa sono i conati di vomito che provoca il "Salò" di Pasolini, rispetto al malessere tetragono che emana questo film?
Fin da subito un ritmo narrativo marziale ci proietta nella psicologia del protagonista. Senza tante metafore destinate agli amanti del "qui l'autore vuole dire che…", Gaspar Noé presenta una soggettiva micidiale, la contestualizza, la rende esplicita, feroce, empatica, inaccettabile ma credibile.
Sul piano formale vengono rispettate le tecniche oggettive alla base del rapporto biunivoco tra arte e comunicazione e questo, signori, non è poco.
Si viene letteralmente rapiti dallo stilo narrativo in prima persona, dove il giudizio nichilista è il filo conduttore. Eppure, se con "Arancia meccanica" e "Salò o le 120 giornate di Sodoma" si resta ingabbiati in pretestuose tesi universali sulla violenza e sul potere, qui la prospettiva è capovolta e se anche la ferocia di certe immagini tiene testa a quella delle opere citate, è pur sempre e solo la storia di un uomo, tuttavia raccontata con una introspezione eccezionale, fonte di conflitti di coscienza inaspettati e commoventi, che le sceneggiature fredde e meccanicistiche di Kubrick e Pasolini non potevano offrire.
Alla ineluttabilità masochistica di "Salò" si contrappone l'autoconservazione di un uomo, contro quel potere che Pasolini vedeva come sopraffazione della natura e negazione della Storia e che invece ne è parte integrante, in un rapporto di simbiosi inevitabile. Ad essere anarchica, semmai, è la stessa natura umana che crede di poter fare a meno del suo Creatore. Eccone un fulgido esempio: quest'uomo arriva ad odiare la stessa esistenza, ne rifiuta la logica e il potere di costrizione ma, al tempo stesso, oppone una reazione uguale e contraria, come in preda a un delirio di onnipotenza originato da quel complesso d'inferiorità comune a chi, eliminando Dio e riconosciutosi quindi un insignificante ammasso di cellule, delle leggi civili e morali non può cogliere il senso se non quello di violarle per sostituirle con il proprio pene-pistola. Solo così troverà un senso apparente.
E' un film estremamente crudo, ma ricco di spunti di riflessione che spaziano dalla psicanalisi alla filosofia morale, su cui si potrebbero aprire interessanti discussioni. Niente violenza gratuita alla Tarantino, quindi.
La forza espressiva del racconto, già possente di suo, viene elevata all'ennesima potenza dalla fisionomia di un protagonista che certo non si potrà dimenticare. Una faccia da psicotico come questa metterebbe i brividi anche dallo schermo di un cellulare.

2 risposte al commento
Ultima risposta 29/08/2013 17.12.06
Visualizza / Rispondi al commento
gianni1969  @  13/04/2013 02:30:51
   9 / 10
superbo film,un dramma esistenziale,uno struggente e disperato protagonista che ci accompagna nel suo mondo di solitudine e senza speranze,con un attore sublime e un finale quasi poetico,e sicuramrnte non conciliante. incredibile che questo regista abbia poi gitato quella boiata di irreversible

7219415  @  28/02/2013 16:27:26
   7½ / 10
Non male...peccato non esista in italiano...il protagonista parla a raffica e praticamente e per tutta la sua durata più che guardare il film ti leggi i sottotitoli...

deadkennedys  @  08/11/2012 19:48:26
   9½ / 10
Un film durissimo, cattivo ed amorale (qualcuno potrebbe dire immorale ma dimostrerebbe di non aver capito un bel nulla) che tramite "le boucher", il macellaio 50enne (di cui non sapremo mai il nome), uomo di poche parole ma dai fittissimi pensieri (il monologo interiore è una costante che calamita l'attenzione ), si scaglia con rabbia contro una società sorda e creatrice di mostri...
Uscito dal carcere, il macellaio (già protagonista del mediometraggio "Carne" che però non sono riuscito a reperire da nessuna parte) senza soldi e senza lavoro trova lavoro in un bar ed inizia una relazione con la proprietaria, va a convivere con lei e la di lei madre, lui vorrebbe aprire una nuova macelleria

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER "La morte non apre alcuna porta, alla fine non è questa gran cosa. Tutti se ne fanno una grande idea e quando la vediamo da vicino non è niente: Un corpo senza vita e niente di più.
Le persone sono come gli animali : Gli vogliamo bene, li sotterriamo ed è finita. E' la prima volta che me ne rendo conto."
In ogni istante del film gli eventi raccontati passano attraverso l'atroce filtro del punto di vista del protagonista.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER Messo di fronte all'inevitabile e non voluta scelta di dover passare il resto della vita con -come lui le definisce- le "due miserabili handicappate" lui si decide per una libertà folle e senza compromessi...
Nei primi 10 minuti del film c'è il preambolo con le definizioni di "Morale" e "Giustizia" del regista, poi un rapido riassunto della vita del protagonista fino a quel momento...
La carica esplosiva di un personaggio più unico che raro interpretato dal gigantesco Philippe Nahon, un vero antieroe, razzista, omofobo, violento che non accetta l'incoerenza, i modi aggarbati e la falsità di una nazione che sta marciando verso lo sfascio, rende questo film un atto d'accusa.
-
"Tutto è una lotteria. Tutto si decide quando nasci: O nasci povero come la maggioranza e sopporti il potere degli altri e rispetti gli ordini e ti umili
finché non diventi violento. O nasci ricco e stai attento ai tuoi soldi Fai come gli altri. Fai finta di amare tua moglie… i tuoi figli, gli amici, come loro fanno finta di amare te. Ma il giorno che la tua vita o la tua casa prendono fuoco…che i tuoi sogni da borghese s'infrangono, non ti resta niente. I tuoi fratelli, i tuoi cosiddetti amici si uniranno per schiacciarti, in silenzio. Giusto per 'darti una mano'. È ciò di cui hanno bisogno per sentirsi meglio"
-
Distruttivo fino alla fine, Gaspar Noè, riesce a rendere anche l'atto d'amore finale l'ennesimo rigurgito sulla borghesia, su coloro che non capiranno.
"Alla fine, amore è una parola troppo grande, pochi possono presumere di
averlo conosciuto".

6 risposte al commento
Ultima risposta 12/11/2012 19.43.05
Visualizza / Rispondi al commento
Ciaby  @  29/08/2012 11:00:06
   9½ / 10
"Vivere è un atto egoista. Sopravvivere è una legge genetica. La morte non apre alcuna porta"

Misantropia, disperazione, perdita di speranza... è il film più umano di Noé, nonostante la morte di ogni positività e l'esaltazione dell'uomo come male. Più si va avanti con la visione e più il nostro macellaio si dimostra un essere umano: beffeggiato, deluso, depresso, arrabbiato con il mondo. E quel finale, bellissimo, ne rivela anche della positività, pur nell'immortalità.
Film crudoi, ma controllato e non gratuito, respira disperazione in ogni inquadratura e colpisce come un coltello. Imperdibile.

"Siamo soli, sempre soli. Anche quando scopiamo siamo soli, perchè la vita è un tunnel....non è condivisibile."

Invia una mail all'autore del commento luca986  @  20/06/2012 00:46:26
   8 / 10
Nulla da aggiungere. è davvero un gran film

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  01/02/2012 19:42:56
   8 / 10
E' un film di un nichilismo esasperato, quasi ostentato ma speculare ad una realtà spietata che non concede in alcun modo una speranza di riscatto. Un disagio esistenziale che si esplica in un soliloquio senza fine contro tutto e contro tutti, all'infuori di quella figlia per cui, a suo modo, il protagonista riesce a trovare un barlume di sentimento che gli impedirà di compiere l'ultimo decisivo passo. E' una pellicola straniante con evidenti agganci al Taxi driver di Scorsese ed in una certa misura anticipa l'alienzione di Fight club.

Oskarsson88  @  19/01/2012 02:32:02
   8½ / 10
film pazzesco e geniale molto estraniante, con trovate geniali. monologhi da paura anche se c'ho capito la metà perchè non esiste doppiaggio italiano...però...che roba...originalissimo e molto ambiguo...applausi per Noè! Che roba...quando ho letto che riprende Angst...beh un pochino è vero...soprattutto nella mente del protagonista...in ogni caso...da non perdere...e non spaventatevi dai sottotitoli...anche se ci capite poco o niente...guardatelo!

StrangeLove  @  15/01/2012 02:51:42
   8½ / 10
Filmone per pochi: un mondo senza speranza, annichilente. Fantastici i pensieri di Seul e molto belle le trovate di regia che contribuiscono a rendere interessante, e a far scorrere, una pellicola non certo leggera.
Non penso esista doppiato in italiano ma credo sia un bene.. il film è assolutamente da ascoltare in francese (magari con i sottotitoli se non lo si capisce) in quanto la voce rabbiosa del macellaio è fantastica.
Per chi volesse vederlo occhio alla violenza, verbale e non, ma ne vale la pena.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

-Uskebasi-  @  04/01/2012 16:17:47
   8 / 10
Disperato soliloquio di Seul sulla vita e sul mondo. Fa paura ritrovarsi nelle sue parole senza speranza.
Mai avevo assistito ad una riproduzione del pensiero umano così veritiera, forse è la cosa più difficile da ricreare in cinematografia. E' incredibile quello che è riuscito a fare Noè (o chi per lui) nella mostruosa scena dopo l'avviso di abbandonare la visione del film. Frasi velocissime connesse, sconnesse, ripetute, contrastanti... Ripeto, non avevo mai visto niente del genere. Vale tutto il film.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR oh dae-soo  @  22/11/2011 17:42:44
   8½ / 10
" Il mondo è cattivo" diceva Justine in Melancholia.
" Il mondo è cattivo" ripete ossessivamente Seul.
Il mondo è cattivo, siamo tutti soli, non esiste l'amore, non esiste l'amicizia, non esistono gli affetti familiari, gli uomini e le donne sono solo involucri che portano in giro i propri organi genitali.
Odia tutto Seul. Odia gli uomini, odia il potere, odia le religioni, odia le razze, Seul contre tous, già. Il rapporto con le madri termina con la fine dell'allattamento, quello coi padri è basato solo sul denaro, inizia con i primi soldi prestati e termina con l'eredità. Gli uomini sono tutti froci pronti a prenderlo e metterlo in quel posto. Gli uomini sono tutti opportunisti, menefreghisti e porci. Gli uomini sono tutti tremendamente soli.
Il mondo è cattivo e siccome non c'è un pianeta che verrà a schiantarsi su di noi per salvarci tutti Seul decide di pensarci da solo.
Il mondo è cattivo e Seul non fa che adeguarvisi.
Noè racconta un uomo senza più ideali, senza più morali, senza più sogni. E l'umanità nella quale si muove è anch'essa derelitta, una malata terminale in attesa di quella morte che tanto, alla fine, "non è niente di che", soltanto un corpo ormai freddo e inutile.
" Tutto è nero" rantola la vecchietta prima di morire.
Già, tutto è nero, la vita non è altro che un lungo tunnel di angoscia e infelicità alla fine del quale non si intravede nessuna luce.
E così, novello Hobo with a gun, Seul ha deciso che è l'ora di cominciare a chiudere qualche conto, l'ora di vendicarsi, l'ora di dare un senso, per quanto abietto, alla propria esistenza.

ATTENZIONE: avete 30 secondi per abbandonare la recensione.

Seul va a trovare sua figlia, quella figlia indesiderata che la società gli ha strappato di dosso una ventina di anni prima. La prende e la porta nell'alberghetto di quart'ordine dove fu concepita. Decide di ucciderla, tanto per lei la morte sarebbe soltanto una liberazione. Prima ci va a letto, poi, PUM, le spara alla gola. Mentre la figlia rantola a terra, mentre la figlia sta crepando in un modo insopportabile, mentre quelle immagini mi scorrono davanti, io penso.
Penso che Seul contre tous sia un film ignobile, senza una minima etica.
Che senso ha infatti ammorbarci per più di un'ora (quasi annoiando) con discorsi sempre uguali, pensieri reiterati, per poi arrivare a un punto così scontato e disgustoso? Non si poteva fare allora un cortometraggio? Perchè concludere questo trattato di nichilismo con un omicidio tanto efferato?
Poi quel fine, quel senso che in quell' interminabile minuto in cui la figlia si contorceva a terra non trovavo incredibilmente arriva.
E non è un senso soltanto prettamente cinematografico (tutto quello che lo precede rende questo momento straordinario e inaspettato).
E' il senso nel suo significato più alto, il Senso della vita.
Quell'abbraccio sulle note di una delle più belle melodie concepite dall'uomo è qualcosa di incredibile.
Seul non è Hobo. Seul è una specie di Zeno Cosini. Quell'ultima sigaretta più volte dichiarata non arriverà mai, anzi, Seul respirerà a pieni polmoni il fumo della vita. Tutti i suoi propositi d'incanto non esistono più.
Non esistono più perchè tutte quelle parole vuote che Seul detestava, parole come l'amore, la felicità, la voglia di vivere, d'improvviso si materializzano davanti ai suoi occhi.
Noè va ancora oltre. E' così potente e nuovo l'amore scoperto da Seul che non conteranno più le convenzioni e le leggi dell'uomo, non ci sarà più un'etica e una morale universalmente riconosciuta.
Sua figlia diventerà la sua donna perchè solo lui potrà amarla in un modo così grande.
Ma io preferisco tornare a quell'abbraccio, forse la conclusione più degna.
Gaspar, non è vero come scrivi alla fine che ogni uomo ha una morale.
La verità è un'altra.
Ogni uomo ha un cuore.
E c'è soltanto una cosa più bella di sapere di possederlo.
Riscoprirlo.

1 risposta al commento
Ultima risposta 08/11/2012 22.15.04
Visualizza / Rispondi al commento
Gabo Viola  @  01/11/2011 01:00:04
   9½ / 10
pinhead88  @  16/09/2011 16:55:25
   10 / 10
Un viaggio cupo e pessimista nelle decadenti periferie di Parigi e nelle tenebre dell'esistenza. Angosciante, alienante e radicale come pochi.
Puro cinema.

gianfry  @  23/05/2011 13:50:50
   9½ / 10
Filmone da guardare assolutamente in coppia con CARNE, il cortometraggio realizzato precedentemente e che mostra l'inizio della disturbante vicenda del macellaio interpretato da uno straordinario Philippe Nahon. SEUL CONTRE TOUS è l'evoluzione di una rabbia covata interiormente che porterà il protagonista ad un comportamento distruttivo e autodistruttivo "irreversibile", il tutto in una nazione, quella Francia più sporca e malsana, tra hotel e prostitute, dove razzismo e violenze represse emergono dominando lo scenario, e inghiottendo il protagonista nella sua spirale di follia.
Il film più profondo, politico e (per certe trovate innovative) geniale di Gaspar Noè.
Il suo Capolavoro!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

2 risposte al commento
Ultima risposta 23/05/2011 19.41.53
Visualizza / Rispondi al commento
TheLegend  @  18/05/2011 02:13:45
   8½ / 10
Film unico.
La vita di un uomo abbandonato da tutti ma che non riesce ad abbandonare la vita,ma riesce a viverla a suo modo.

sweetyy  @  17/05/2011 03:37:02
   8½ / 10
Dopo aver visto "Enter the void" ecco qui un altro gran bel film di Noè... Inquietante e rabbioso, "Seul contre tous" si concentra sulle riflessioni al limite della negatività e del pessimismo di un uomo sull'orlo della disperazione.
Il ritmo forse è un tantino lento ma non pesa affatto e il film non annoia mai.
Da vedere..

lupin 3  @  16/05/2011 21:51:55
   8 / 10
Buon film, non perdetelo.

incubodimorte  @  27/03/2011 17:30:42
   10 / 10
Uno dei film più annichilenti che abbia mai visto, nonchè uno dei miei preferiti. Uno sputo in faccia alla morale comune. Man mano che si va avanti il protagonista disintegra con i suoi pensieri tutte le certezze e i valori dell'uomo. Si ispira a Taxi Driver e, secondo me, lo supera.
Il finale è bellissimo.

ide84  @  01/02/2010 23:14:29
   9 / 10
"Alla fine la morte non è una gran cosa. Tutti se ne fanno un agrande idea e quando la vediamo da vicino non è niente. Un corpo senza vita e niente di più. Le persone sono come glia animali. Gli vogliamo bene, li sotterriamo ed è finita."
All'inferno con un biglietto di sola andata con un ex macellaio come compagno di viaggio. Questo film nel bene o nel male apre gli occhi. Visionatelo.

DarkRareMirko  @  25/05/2009 19:33:39
   8½ / 10
Spendo due parole sull'aspetto tecnico, visto che nel commento di Carne non detto proprio nulla relativamente a ciò; tutte e due i lavori di Noè mostrano una curata fotografia tendente al rosso, molto molto riuscita, con movimenti di mdp curati e con attori davvero molto bravi che interpretano personaggi riusciti, originali e molto ben caratterizzati (la grassona, il padre violento, la figlia semimuta, ecc.).

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Un film singolare e difficile, da non perdere.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

800 eroia cena con il lupoa classic horror storya dayagente speciale 117 al servizio della repubblica - missione rioagente speciale 117 al servizio della repubblica: missione cairoagnesall my lifeamazing grace (2018)
 NEW
ancora piu' belloatlasbaphometbeckettblack widow (2021)blood brothers: malcolm x & muhammad aliblood red sky
 NEW
blue bayoubon joviboys (2021)candymancapitan sciabola e il diamante magicocensorcodacome un gatto in tangenziale - ritorno a coccia di mortocomediansdau, natashademonic (2021)
 NEW
dune (2021)earwig e la stregaennio: the maestroescape room 2: gioco mortaleextraliscio - punk da balerafalling - storia di un padrefast & furious 9 - the fast sagafear street parte 1: 1994fear street parte 2: 1978fear street parte 3: 1666fellinopolisfigli del soleframmenti dal passato - reminiscencefree guy - eroe per giocofuturahasta la vista!i croods 2 - una nuova erai profumi di madame walberg
 NEW
il cieco che non voleva vedere titanicil collezionista di carteil gioco del destino e della fantasia
 NEW
il giro del mondo in 80 giorni (2021)
 NEW
il matrimonio di rosail mostro della cripta
 NEW
il ragazzo piu' bello del mondo
 NEW
il silenzio grande
 NEW
il viaggio del principein prima lineain the earthin the heights - sognando a new yorkio sono nessunoio, lui, lei e l'asinojodorowsky's dunejosepjungle cruisekatekufidla brava mogliela casa in fondo al lagola cordigliera dei sognila felicita' degli altri...la grande staffettala guerra a cubala guerra di domani (2021)la nostra storiala notte del giudizio per semprela ragazza con il braccialettola ragazza di stillwaterla terra dei figlila vita che verra'l'amante russol'amore non si salet us inlucal'uomo nel buio - man in the darkmadres paralelasmalignant (2021)mandibules - due uomini e una moscamarx puo' aspettareme contro te: il film - il mistero della scuola incantatamedusa: queen of the serpentmi chiedo quando ti manchero'mondocane (2021)monster hunterno sudden movenowhere specialocchi bluoldpenguin bloomper luciopeter rabbit 2 - un birbante in fugapigpossession - l'appartamento del diavolopunta sacraquello che non so di tequi rido ioreflectionritorno in apnearoom 9run (2020)school of mafia
 NEW
schumachershang-chi e la leggenda dei dieci anellisibyl - labirinti di donnasnake eyes: g.i. joe - le originisongbird
 NEW
spin time, che fatica la democrazia!spiral - l'eredita' di sawspirit - il ribellestate a casastorm boy - il ragazzo che sapeva volare
 NEW
supernova (2021)the book of visionthe boy behind the doorthe green knightthe ice roadthe lockdown hauntingsthe nest (2021)
 NEW
the night house - la casa oscurathe protege'the sparks brothersthe suicide squad - missione suicidathe voyeursthey talktigerstoo late (2021)toothfairy 3triumphuna donna promettente
 NEW
una relazioneuno di noiuntitled horror movie (umh)volami viavoyagerswelcome venicex&y - nella mente di anna

1020867 commenti su 46284 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net