il monello regia di Charles Chaplin USA 1921
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

il monello (1921)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Speciale sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film IL MONELLO

Titolo Originale: THE KID

RegiaCharles Chaplin

InterpretiCharles Chaplin, Edna Purviance, Jackie Coogan, Carl Miller, May White, Tom Wilson, Charles Reisner, Edgar Sherrod, Beulah Bains, Robert Dunbar

Durata: h 1.08
NazionalitàUSA 1921
Generedrammatico
Al cinema nell'Agosto 1921

•  Altri film di Charles Chaplin

•  SPECIALE IL MONELLO

Trama del film Il monello

Il Vagabondo "adotta" un bambino abbandonato subito dopo il parto. Cinque anni dopo, la madre lo rivuole indietro…

Film collegati a IL MONELLO

 •  SPECIALE IL MONELLO

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   9,00 / 10 (131 voti)9,00Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Il monello, 131 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

Dom Cobb  @  04/12/2017 15:21:56
   7 / 10
Una madre bisognosa abbandona il figlioletto appena nato in strada; attraverso varie vicissitudini, il piccolo viene adottato da un vagabondo. Col passare del tempo, fra i due si crea un forte legame...
Se chiedessimo a una sala piena di persone, in qualsiasi parte del mondo, se uno solo di loro non ha mai neanche sentito parlare di Charlie Chaplin o almeno visto uno dei suoi film, credo che le mani alzate sarebbero molto poche, praticamente inesistenti. Già ai suoi tempi questo comico drammatico era diventato un'icona immediatamente riconoscibile, e il fatto che ancora oggi la gente sappia chi sia e riesca a godersi i suoi film è indice non solo della sua popolarità, ma anche della qualità delle sue opere. Sempre freschi e sempre attuali, i film di Chaplin sono fra quei pochi che trascendono il tempo e lo spazio, per i quali vale assolutamente il concetto di universale: da qualsiasi parte del mondo si viene o in qualsiasi epoca si vive, le sue storie hanno sempre e comunque qualcosa da dire. Solo Walt Disney e Frank Capra possono dire altrettanto.
Con questo film Charlie Chaplin fa il grande balzo dal formato del cortometraggio, che adoperava fin dagli esordi e già aveva ospitato un grande numero di piccole perle ("Vita da cani" e "Il vagabondo su tutti"), e al giorno d'oggi tutti lo considerano uno dei più grandi capolavori del maestro. Ricordo di averlo visto una volta quando ero piccolo e che mi era piaciuto molto, ma a riguardarlo oggi, pur avendolo comunque apprezzato, non credo di condividere l'opinione generale.
Se c'è una tecnica che Chaplin ha saputo usare meglio di chiunque altro, quella è la semplicità: le sue storie sono semplici di per sé e raccontate in modo semplice, chiaro e diretto, senza fronzoli e puntando l'attenzione direttamente al nocciolo della questione, portando alla luce ciò che da ad ogni scena il suo senso. Questo era evidente già da prima, ed è una capacità che non si perde con l'allungarsi della durata: il rapporto fra il vagabondo e il suo figlio adottivo è il fulcro della vicenda, e come tale ne diventa il motore, narrato con delicatezza e trasporto, anche grazie alla capacità espressiva del piccolo Jackie Coogan.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Insieme alle lacrime e alle risate, rappresentate dal sempreverde slapstick e da scene (quella del sogno) caratterizzate da pungente ironia, giungono nei lungometraggi anche le idee più polemiche di Chaplin, su tutte la critica alle istituzioni, in questo caso l'orfanotrofio che cerca di sottrarre al vagabondo il bambino malato. Purtroppo, qui tale critica non è approfondita come lo sarà in opere seguenti e sa molto di macchiettistico, senza una vera ragion d'essere; allo stesso modo il finale


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

per quanto sia uno dei pochi veramente "lieti", in qualche modo stona con tutto il resto e non sembra molto ben integrato nella vicenda, saltando fuori dal nulla. Non è brutto, ma la sensazione è che gli manchi qualcosa, una sorta di ingrediente fondamentale per farlo funzionare a dovere. E in generale sono rimasto sorpreso nel non provare le stesse emozioni di quella prima volta: non ho sparso lacrime, di tanto in tanto si è giusto presentata un po' di malinconia.
Come banco di prova per il formato del lungometraggio, "Il Monello" funziona benissimo e scorre in maniera fluida, intrattenendo a dovere; ma paragonato ad altri film dello stesso regista, sia narrativamente che emotivamente, a mio parere Chaplin ha fatto di meglio.

topsecret  @  13/04/2017 22:04:00
   9 / 10
Il primo lungometraggio di Chaplin è una storia disarmante per semplicità e allo stesso tempo complessità emozionale.
Un film che tocca il cuore in maniera delicata e spiritosa, instillando nello spettatore emozioni vive e sorrisi sinceri.
Indimenticabile.

Filman  @  21/03/2016 12:28:21
   9 / 10
Un film indelebile, una slapstick perfetta, un dramma comico promiscuo e di eterea umanità. E' così, con un capolavoro memorabile, che Charles "Charlie" Chaplin crea THE KID, il suo primo lungometraggio che vede sfruttare nel migliore dei possibili modi il celeberrimo personaggio che rese famoso l'interprete, autore anche sotto ogni veste tecnica e cinematografica, non solo adorabilmente comico ma anche incredibilmente riflessivo e profondo, capace di emozionare con critica pietà per tematizzare la figura del "vagabondo", un uomo vivente nella felice e malinconica condizione di una divertente e rattristante povertà, traccia narrativa che trasuda il senso dell'ingiustizia della vita, specchio di una condizione sociale tanto caricata quanto reale, sventolata con ferrea espressività allo spettatore che inerme segue le disavventure così palpabili dei protagonisti, folgorato dalla cruda realtà della differenziazione sociale e dall'inamovibile vincolo dei difetti dell'animo umano.

pak7  @  22/11/2015 14:21:11
   9 / 10
Ragazzi stiamo parlando di un film di 94 anni fa, una pellicola d'esordio, il primo vero lungometraggio di Charles Chaplin. Un'opera semplice, ma profonda.
Altra e lancinante testimonianza che non servono effetti speciali per fare un film, in questo caso (come per tutta la filmofrafia di Chaplin) nemmeno le parole.

hghgg  @  21/09/2015 22:33:24
   9½ / 10
"A picture with a smile and, perhaps, a tear".

Questa frase storica, che apre "Il monello", non racchiude forse l'intera poetica e non è forse una sintesi più che ottima di tutta la filmografia di costui a partire da qui fino a "Limelight", di 31 anni successivo ? Io credo di si.

Di registi che hanno saputo unire davvero perfettamente dramma e commedia ce ne sono pochi, il primo a saltarmi in mente è il Wilder de "L'appartamento" ma solo uno, uno soltanto ha saputo letteralmente fondere le due cose per creare uno stile iconico, unico e rivoluzionario, semplicemente Charles Chaplin lui e il suo genio cinematografico.

Tutto è iniziato da qui. "Il monello" primo lungometraggio di Chaplin che porta in scena il suo personaggio, la sua maschera protagonista di tantissimi cortometraggi di successo. E "Charlot" diventa allora una volta per tutte simbolo di comicità e solitudine, tristezza e sorrisi, e tante altre emozioni che con Chaplin diventano un turbine che tutto confonde senza per questo far perdere nulla allo spettatore che anzi si ritrova a piangere, a ridere, a ringere a piadere a... E tutto con una spontaneità che ha pochi eguali nel mondo del cinema.

La regia poi è straordinaria, Chaplin era un fenomeno (perfezionista folle, Kubrick ante-litteram, sprecone di pellicola e quello che volete ma quanta bellezza), il film è un qualcosa di meravigliosamente fluido, regia e montaggio eccellenti, idee e soluzioni visive geniali, l'occhio di Chaplin straordinario nel riportare le immagini, le gag e gli eventi, io non sono minimamente in grado di scrivere di questa roba ma nella mia ignoranza continuo a ritenere la scena di Charlot che insegue gli assistenti sociali per riprendersi il suo bambino una delle cose più belle viste su schermo cinematografico a livello di regia, di inquadrature così come a livello emozionale, una scena straordinaria ma basta che sto diventando ripetitivo con gli aggettivi.

Quello de "Il monello" è anche un Chaplin tagliente e freddo nei confronti de "l'autorità costituita", gag col poliziotto a parte colpisce particolarmente la parte degli assistenti sociali, molto tesa, chiaramente critica, decisamente "cattiva" e culminante in quel disperato inseguimento che vede, primo di vari ribaltamenti di fronte, alla fine il nostro Vagabondo trionfare e riprendere con se il pargolo. Ritroveremo ancora il Chaplin satirico e critico, questo è ovvio ("Tempi moderni" "Il grande dittatore" e mi preme urlare "MONSIEUR VERDOUX") e anche con soluzioni più mature.

Nella scena dell'inseguimento e nell'abbraccio tra i due c'è un grande esempio della straordinaria, immensa e inimitabile espressività del genio, in questo caso recitativo, di Chaplin, qualcosa che non si può realmente descrivere a parole, si può solo guardare e godere. C'è anche un esempio perfetto della grande sintonia tra lui e il giovanissimo Jackie Coogan che è di una bravura mostruosa (caro, vecchio, Zio F...) è spontaneo, vivace, perfetto, con un'intesa naturale con Chaplin, e quell'espressività innata di un bambino che il baffuto geniaccio ha saputo sfruttare alla perfezione.

E questo per tutta la durata del film con una sfilata di scene memorabili da paura, la gag dei vetri, la rissa col bambino e il suo fratello maggiore, gli sguardi e la gestualità tra Chaplin e Coogan è sempre davvero meravigliosa. Terza comoda (l'in qui non c'entrava una mazza) Edna Purviance, storica compagna e prim'attrice dell'epoca per Chaplin e in futuro, quando la ragazza avrà imboccato la via del tramonto e dell'alcool, amica di tutta una vita. Molto brava anche lei.

Si diceva del finale, un po' sbrigativo, secondo alcuni. Invece secondo me era già stato perfettamente suggerito e incastrato precedentemente: la madre del bambino lo aveva già incontrato, senza conoscere la sua identità, gli aveva regalato un giocattolo, conosceva e aveva parlato con quello che credeva fosse il padre del bambino, Charlot; inoltre Chaplin ce la mostra ben presto come donna di buon cuore che, spinta dal terribile rimorso, si dedica alla beneficenza e all'aiuto dei bambini più disagiati e poveri. Fin troppo ovvio che avrebbe ringraziato l'uomo che per 5 anni aveva accudito suo figlio come meglio aveva potuto e con affetto sincero. Ovvio si ma non banale (in un'epoca in cui il lieto fine era fisso il 99% delle volte) e tantomeno forzato o sbrigativo, solo logica conseguenza della sceneggiatura, una sconfitta per Charlot sarebbe stata si forzata in un film commovente ma non triste, non drammatico.

Ci vorrà ancora del tempo prima che Chaplin depenni il lieto fine dai suoi film (con la bella eccezione de "La donna di Parigi" il film successivo a questo) con il crudele e angosciante finale di "Monsieur Verdoux".

Straordinario anche l'accompagnamento musicale composto da Chaplin stesso, perfettamente funzionale al film e molto bello ad ascoltarsi, predominanti gli archi.

Un inizio folgorante per il Chaplin regista e autore di lungometraggi in un capolavoro che racchiude già tutta la sua poetica che da qui poi potrà ulteriormente evolversi, maturare,arricchirsi e rimodernarsi nel segno di un fenomeno sempre perfettamente al passo, quando non avanti, con i tempi, un regista e un'anima cinematografica che ci ha donato una delle più incredibili sequenze di capolavori che si possa immaginare.

Io mi tolgo il cappello e tutti i capelli davanti al cinema di Chaplin, posso solo vedere e ringraziare, che meraviglia i suoi film, che sublime bellezza.

Gigantesco.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  27/05/2014 11:37:28
   8½ / 10
è il primo, vero, grande film di Chaplin.
Tra i suoi più rappresentativi, nato in un momento di crisi personale (la morte dei figlio di 3 giorni, il divorzio dalla moglie, la paura di vedersi sequestrare i beni da un momento all'altro compreso il film), "Il monello" spinge a fondo su un sentimentalismo commovente, di quelli che ai detrattori di Chaplin farà certo storcere il naso perché mai è stato così acuito.
Poco importa: la retorica "umanista" di Chaplin è sincera, sincero il suo attaccamento al bambino del film. Eccezionali entrambi, Chaplin e Jackie Coogan, in alcune scene talmente espressivi da uscire quasi dallo schermo.
Molto bello anche il finale onirico, e un lieto fine poco credibile ma che riesce a non stonare.

horror83  @  09/09/2013 17:20:28
   10 / 10
una volta questi film di Charles Chaplin li trasmettevano in tv, ora non più. io me lo sono visto in tv e mi aveva catturata dall'inizio alla fine. (poi mi piacciono i film muti). devo dire che è uno dei miei film preferiti di Charles Chaplin. io mi sono pure commossa a vedere lui e il bambino abitare in quella baracca e in profonda povertà. menomale che in certi pezzi fa sorridere! da vedere!

Invia una mail all'autore del commento nocturnokarma  @  06/02/2013 22:05:00
   9 / 10
La consacrazione di Chaplin dopo anni di corti dove ha delineato, con qualità galoppante, la sua poetica. "Il monello" è uno di quei film immortali, di dolcezza e sentimenti, dove Chaplin si mostra maestro nell'unione tra risata e patetico, tra gag gentili e fisiche e momenti che toccano le corde più profonde dell'animo umano.

Uno dei suoi film più ottimisti, dove però non manca la diffidenza verso le autorità, e una vena anarchica mai sopita.

prof.donhoffman  @  28/11/2012 12:07:21
   8 / 10
Uno dei film più positivi e ottimisti di Chaplin.

jack98  @  25/09/2012 21:59:22
   9 / 10
Il Monello (1921)

Un simpatico vagabondo alleva il neonato che la madre ha abbandonato, e quando il bimbo cresce gli insegna a rompere i vetri che poi si offre di sostituire: nonostante poliziotti e burocrati, riuscirà a evitargli l'orfanotrofio ma non a sviare le ricerche della donna che, divenuta una celebre attrice, lo vuole riavere.

1 risposta al commento
Ultima risposta 26/09/2012 09.27.00
Visualizza / Rispondi al commento
gemellino86  @  08/04/2012 09:47:59
   8½ / 10
Muto e onirico film di Chaplin che già all'epoca faceva grandi film come questo. Riuscito su ogni punto di vista. Corto ma approfondito.

7219415  @  28/12/2011 19:13:36
   7½ / 10
Dopo aver visto the artist mi sono catapultato nel mondo del cinema muto...questo è il mio primo Chaplin...carino anche se non un capolavoro...

Oskarsson88  @  28/12/2011 01:29:17
   7½ / 10
Ho preferito altri lavori del grande Chaplin, comunque anche questo tra momenti divertenti e qualche scena drammatica, risulta positivo. E pensare che ha 90 anni...

Lopan88  @  24/07/2011 12:57:14
   7 / 10
Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento pompiere  @  07/07/2011 15:59:18
   7 / 10
Dopo una serie di sfortunati eventi, un orfanello abbandonato in una zona residenziale viene rinvenuto e allevato da un povero spiantato. Siccome il vagabondo non ha i mezzi di sussistenza necessari, le istituzioni si investono della facoltà di sottrargli il bambino con l'intento di sistemarlo in un orfanotrofio.

L'ipotetica abbondanza di concetti offerta da una storia del genere, nelle mani di Chaplin sarebbe dovuta diventare un capolavoro se solo il suo autore avesse mantenuto il solito equilibrio tra dramma e commedia, tragedia e comicità. Quella a cui assistiamo è invece una crescente propensione verso una narrazione che somiglia molto al romanzo d'appendice. Un esordio scostante nel lungometraggio, grossolanamente ingigantito a 6 bobine. Un miscuglio di souvenirs che sembrano attingere a un momento storico, a un'impronta sociale, nel quale il protagonista è, inopportunamente, Charlot.

Lo sforzo narrativo è vanificato da un forte piglio melodrammatico e coltivato da un secondario aspetto sarcastico (fantastica l'idea della teiera al posto del biberon, del recupero della moneta dal contatore del gas, del lavoro di sbriciolamento e reincollaggio dei vetri).

Chaplin non introduce sketch programmati in un facile intrigo da feuilleton, precipitando nell'esuberanza e nello schematismo del dramma sociale, incorniciato spesso da irragionevoli ridondanze: l'immagine della via crucis come patema d'animo e sofferenza di una madre, tutta la serie di personaggi introdotti in apertura che poi non ritornano a sovvertire le regole di una storia pre-destinata. Un insieme di figure che risultano appena appena formali, seguendo un'usanza da film integralista di una decina di anni prima: abbiamo la madre snaturata che prova vergogna per un pargolo scomodo, il pittore che l'ha lasciata il quale brucia la foto della donna, il bambino ignaro del suo passato, gli organismi autoritari (i soliti poliziotti e i medici) che tendono a ricostituire l'ordine "naturale" delle cose.

La conquista di una mirabile efficacia è evidente nella scena dove si tenta di dividere Charlot dal ragazzino: entrambi bravissimi nel recitare la sofferenza, la paura del distacco, la minaccia di una sfuggente perdita d'affetto. Una sequenza che richiama alcuni tratti tipici del neorealismo e che depone a favore delle risorse dell'autore. Il quale sorprende, con un colpo d'ala notevole, nell'episodio della Terra dei Sogni, nel quale egli si immagina sospeso tra attività ricreative, quali lo shopping e le innocenti relazioni sociali. Operosità controllate da una frotta di angeli e diavoli. Ed è a causa dei secondi che si insinua il peccato della gelosia. Nel dolce abbaglio del dormire, Charlot viene colpito a morte da una pistola. E questo sarebbe un degnissimo finale per un'opera tutto sommato crudele.

Se non fosse per una specie di onere quasi tradizionalista, alla portata di tutti, e nemmeno sporcato da una sovrapposizione comica: l'happy end di un minuto. Rabberciamento di un vetro rotto. Davvero incoerente e stonato.

BrundleFly  @  25/05/2011 14:58:16
   8 / 10
Bastano le facce di Chaplin e le bellissime musiche per commentare il film.
Un film che diverte e commuove allo stesso tempo, invecchiato molto bene...come tutti i film di Chaplin del resto.

davide8912  @  23/05/2011 00:19:31
   10 / 10
Mille parole non valgono l'emozione di un film muto di Chaplin!

Gruppo COLLABORATORI ilSimo81  @  30/04/2011 11:04:00
   9 / 10
"A picture with a smile - and, perhaps, a tear".
Un film con un sorriso - e, forse, una lacrima.
Sono le parole che aprono "Il monello", poesia di struggente tenerezza.

La premessa può essere soltanto intuita: a quanto è dato di capire, in occasione di un incontro d'amore, una donna è rimasta incinta di un uomo che poi l'ha lasciata sola con la sua gravidanza. Il racconto inizia all'uscita dell'ospedale, da cui la donna sta uscendo insieme al figlio nato da poco. Normalmente sarebbe un momento gioioso, ma sul suo viso si scorgono pesanti ombre: forse è il dramma di una donna sola, insicura ed abbandonata; forse sono i dubbi di una donna che deve scegliere tra una difficile maternità e le aspirazioni di una carriera. Da questo dramma interiore scaturirà la tragica scelta di abbandonare il bambino. Per una serie di circostanze, il piccolo finisce tra le braccia del vagabondo Charlot, che dapprima prova a disfarsene, ma poi si arrende al destino che sembra aver scelto proprio lui come padre adottivo del piccolo.

La bellezza del film sta tutta nel rapporto che si sviluppa tra Charlot e il bambino. E' la storia di un vagabondo che, nonostante riesca a malapena a provvedere alle proprie necessità, trova l'amore e l'ingegno per riuscire a crescere un bambino appena nato. E' la storia di un uomo povero e solo che impara ad amare una creatura come lui povera e sola, che gli è stata messa tra le braccia non da una donna amata, ma da un bizzarro destino. Un destino che negli anni si rivela ironico, beffardo, dolceamaro: i genitori naturali del bambino negli anni sono diventati "una star di grande fama" ed "un pittore di grande fama", eppure, ritrovatisi in occasione di un incontro mondano, condividono un triste ed incolmabile vuoto. Il bambino invece, pur vivendo di espedienti e povertà, è sereno e felice, perchè nel rapporto con Charlot dà e riceve tutto l'amore che basta per vivere.
Questo contrasto non deve stupire: come si nota chiaramente in tutta la sua vita artistica, Chaplin è straordinario ed intelligente nel capire che la comicità e l'ironia giocano sempre sull'accostamento degli opposti. Il suo mondo è sempre in bilico tra dicotomie: sorriso e dramma, povertà e ricchezza, amore e abbandono. Se non fosse una necessità imposta dai tempi, si direbbe quasi che persino il bianco e nero sia una scelta stilistica dello stesso Chaplin, maestro di espressività, che egregiamente sapeva fare a meno della parola e del colore come nessun altro, ieri e oggi.
La colonna portante della storia è ancora una volta quello che forse è il tema più caro a Chaplin: la vita è fatta di ricchezza e povertà, ma solo l'amore colma tutte le distanze perchè solo l'amore è vera ricchezza.

Inutile soffermarsi su dettagli tecnici di un film muto del 1921, quando i mezzi erano quelli che erano. Peccato solo che il finale sembri un po' affrettato, ma nulla toglie alla genialità, alla potenza espressiva e alla bellezza di questo capolavoro (uno dei più) dell'unico ed inarrivabile Charlie Chaplin.

Aztek  @  21/04/2011 14:40:59
   8½ / 10
Gran bel film, che porta la firma di uno dei più grandi personaggi della storia del cinema.
Sceneggiatura interessante sin dall'inizio, con scene molto divertenti, ma non mancano momenti toccanti.
Menomale che non ci sono dialoghi, l'espressività dei personaggi durante il film è a dir poco stupenda.
Da vedere e conservare.

johnny89k  @  20/02/2011 18:56:26
   9 / 10
un'altra perla di Chaplin, indimenticabile

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR pier91  @  09/02/2011 23:07:42
   10 / 10
Una pellicola straordinaria. Il monello è puro dolore, dolore che diviene "vestito incandescente"(Alda Merini), ovvero poesia.

Rand  @  16/01/2011 22:47:44
   8 / 10
Rivisto dopo un paio d'anni, ed è sempre meglio! Chaplin sà distillare emozioni, cosa che gli riuscirà ancora meglio con il grande dittatore, qui crea comunque un gran film, il monello del titolo, sarà uno dei suoi grandi successi.
Poi come non dimenticare l'interpretazione del suo personaggio più iconico, quel vagabondo che appare nelle storie, con la sua vena tragicomica ma umana, anarchca è sincera. Musiche bellissime, d'atmosfera, dura solo 50 minuti ma bastano! Il cinema degli albori rimarrà sempre inarrivabile, e quello di Charlie Chaplin lo sarà su tutti.
Bellissimo il finale nel paese dei sogni!

Tigrero91  @  16/01/2011 22:36:36
   7½ / 10
Primo film di charlie che commento, mi e` piaciuto, bella la trama, alcune scene sono divertenti altre piu` drammatiche...charlie e` un mito..da vedere piu` volte...pensare che risale al 1921! ah si, la colonna sonora bellissima

Bebo89  @  10/01/2011 11:20:59
   7 / 10
Film vecchio ormai di un secolo, per questo motivo è molto difficile dargli un giudizio oggettivo rispetto ai film che escono oggi nei cinema, dato che nel 1921 non esistevano le tecniche che esistono oggi per le riprese di un film.
Comunque vedendolo si possono apprezzare alcuni aspetti della società di un tempo e vedere come vivevano le persone sempre in lotta con la carestia. Un film interressante a mio parere, che ci porta a riflettere di come si è evoluta la nostra società nel corso di un secolo.
Bravissimo Chaplin, ma ancora più bravo ed espressivo è secondo me il bambino (in alcune scene la sua mimica facciale è davvero eccezionale).
Molto bella la musica presente in ogni momento che da la giusta atmosfera alla visione del film.

MARMELlata  @  21/12/2010 23:27:15
   7 / 10
il mio primo film muto ... buon film , ma non amo il genere!!!

rob.k  @  18/12/2010 22:36:28
   9 / 10
Comico e commovente allo stesso tempo, solo Chaplin ci poteva riuscire.

Invia una mail all'autore del commento marco986  @  29/11/2010 18:18:03
   8½ / 10
Capolavoro del cinema muto.(sia comico che commovente)Grande Chaplin

JOKER1926  @  04/08/2010 20:51:28
   7½ / 10
Quando si parla di un film Muto, (probabilmente sarebbe il caso di etichettarlo forse/addirittura come genere "indipendente", genere unico nella Cinematografia…) non risulta difficile tirare in ballo i lavori dell' indimenticabile Charles Chaplin manovratore di camere e "marionetta" della scena, attore e regista di un' altra epoca…

"Il Monello" è con tante probabilità il titolo cinematografico che più incarna Charles Chaplin; comunque nell'analizzare tale prodotto èimportante tenere a mente la data della pellicola che risale al 1921.
"Il Monello" si basa su una trama globalmente semplice senza ponderosi picchi ed intrecci dinamici; protagonista un povero (Chaplin) che "incontra" un piccolo bimbo, l'infanzia, la crescita e poi i problemi inni del puro dramma.
La pellicola vede la grande prova dell'attore principale e un robusto lavoro tecnico come ambientazioni, coreografia e musiche (su tutto).
Nonostante la metodicità della sceneggiatura la regia non disdegna l'introduzione in scena di passaggi "utopistici", visioni deliranti e magnifiche (quasi geniali nella fattispecie "Il Monello") adottate da altre regie in seguito perfezionate tecnicamente ma "spiritualmente" non "genuine" e ammalianti come quelle di un tempo magari…
Charles Chaplin regala al pubblico una pellicola sicuramente (giocoforza) corta nella durata ma "lunga" di animo e veemenza dall'inizio fino alla fine, si cerca (ed è logico) quella "pomposità" per incantare e commuovere, insomma la commozione e le lacrime possono arrivare, forse quando lo si guarda in tenera età, osservandolo da Cinefili e/o da appassionati in genere del film si nota un "pizzico" di retorica e di "maniacalità" da parte della regia di risvegliare il lato "fanciullesco" dello spettatore ma alla fine… va bene così!

"Il Monello" rimane pietra miliare, si accaparra (giustamente) l'etichetta di "Top" nel Cinema, il nome del Cineasta, il contesto in generale (sociale) e il rapporto uomo/bambino sublimano il tutto; il finale secco e circoscritto sgombro di lusso e spettacolarità sigilla una storia bella (certamente romanzata) in modo asciutto e in fondo al cuore…reale…

Lory_noir  @  02/08/2010 13:03:32
   8 / 10
Davvero notevole. E' il primo film muto che vedo e devo dire che non mi aspettavo che potesse colpirmi così. Porta alla commozione e al riso con molta facilità, grazie ad un espressività straordinaria che non ha tempo.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gabe 182  @  01/06/2010 14:31:08
   8 / 10
Grandissimo film firmato ancora una volta Chaplin ragazzi, mi meraviglio che film di questo genere seppur siano passati ormai 90 anni dalla sua uscita, possano trasmettere delle emozioni ancora oggi fortissime con il solo utilizzo delle immagini e del sonoro.
Un regalo di emozioni tristi da parte di Chaplin in un periodo della sua vita molto difficile, ma riesce sempre con quella simpatia a trovare un pizzico d'ironia anche in questi casi, unendo il divertente al drammatico come pochi sanno fare.
L'interpretazione di Chaplin e magistrale, ma quella che mi ha sorpreso di più è stata del bambino Coogan, riesce a commuovere nei momenti drammatici e nello stesso modo a divertire nei momenti divertenti, penso sia l'interpretazione migliore della storia cinematografica per quanto riguarda i bambini attori, non ho ricordi d'interpretazioni a questi livelli riguardo i così detti piccoli attori.
Insomma, un'altra grandissima favola regalata dal nostro Chaplin al cinema mondiale, un pezzo di storia che ha fatto cinema.

Izivs  @  20/05/2010 13:08:10
   4 / 10
Fredda indifferenza dinanzi a questo lavoro che risente pesantemente delle esperienze personali del suo autore (fu infatti abbandonato per due anni mentre la madre veniva ricoverata in casa di cura). Il patetismo di Chaplin è snervante, la sua comicità irrilevante. Finale telefonato.....insomma, io il capolavoro non lo vedo, rilevo al contrario un modesto lavoro fatto nel 1921 (1700 metri di pellicola) con i mezzi tecnici d'allora che non mi sfiora minimamente né per l'eccellenza registica (che io non vedo) né per la sceneggiatura (una mera descrizione del triste quotidiano).
D'altronde, che il film sia assente da ogni degna classifica di film di tutti i tempi vorrà di pur qualcosa....

fabrisiello  @  12/04/2010 12:03:53
   10 / 10
L'immagine rende vana ogni parola.Capolavoro

bebabi34  @  05/04/2010 21:35:31
   8 / 10
Molto carino. Emozionante.

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  30/03/2010 21:01:58
   9 / 10
Un pezzo di storia del cinema che non sarà mai fuori moda.
Risate e lacrime alternate in modo superbo in uno dei più celebri lungometraggi diretti dal genio Chaplin. Impossibile tralasciare l'interpretazione del piccolo Coogan, un autentico fuoriclasse di quattro anni tanto credibile nei momenti comici quanto struggente in quelli drammatici.
Pura poesia dei reietti, magica commistione tra cinema popolare e opera d'arte. Peccato solo per l'ambiziosa ma inconcludente sequenza del sogno.

marfsime  @  19/01/2010 19:30:41
   7 / 10
Ammetto di essere distante dall'apprezzare il cinema muto..d'altronde sono cresciuto in un'epoca parecchio lontano da quegli anni. Io ritengo Chaplin un maestro per il cinema della sua epoca..uno dei più grandi attori in assoluto di quegli anni. E' il primo film muto di Chaplin che vedo..che dire..l'ho apprezzato perchè comunque il film riesce a trasmetterti emozioni anche solo con lo sguardo dei protagonisti la dove la voce non può arrivare. La storia però è molto semplice a dire la verità..e se vogliamo banalotta (aldilà del messaggio che questa pellicola vuole dare). Complessivamente non mi sento di dargli più di 7 perchè ripeto..l'ho comunque apprezzato e vista anche la breve durata non m'ha annoiato..però è un cinema parecchio distante rispetto ai miei gusti personali. Mi riserverò di guardare altri film di Chaplin visto che ho sentito parlare molto bene di pellicole come "Tempi moderni" o "Il grande dittatore".

ezequiel  @  06/01/2010 18:09:01
   10 / 10
straordinario in tutto. dagli interpreti alla fotografia, alla regia. alla musica.

inarrivabile, probabilmente.

martymcfly  @  11/10/2009 14:59:12
   10 / 10
il primo grande capolavoro della storia del cinema!
chaplin in questo film dà un tocco diverso alle sue opere, non più solo goffe cadute e schiaffoni, ma anche una storia più emotiva e commovente, il tutto raccontato senza il sonoro!
CAPOLAVORO!!!

carrie  @  06/10/2009 18:50:12
   10 / 10
Che meraviglia Charles Chaplin!!!!

Come si fa a non innamorarsi?

Non fate caso alla data in cui è stato girato, non fate caso al fatto che è completamente muto, non fate caso al colore della pellicola...lasciatevi trasportare in questa magia grande grande che è Charlot!

Bellissimo, simpatico, commovente...unico.

E charlot è di una tenerezza che fa paura!
Ci sono degli sguardi che a volte ha verso la camera che sono buffissimi e tenerissimi allo stesso tempo!

Il bambino è meraviglioso. Molto molto espressivo come ce ne sono pochi a quella età!

capolavoro...

3 risposte al commento
Ultima risposta 08/10/2009 17.29.15
Visualizza / Rispondi al commento
Dr.Orgasmatron  @  19/09/2009 12:56:19
   8½ / 10
Diciamo che è il Chaplin che mi resta più indigesto ed anche un pochino ridondante. Nettamente inferiore ai suoi geniali capolavori, rimane una pellicola storica da apprezzare e soprattutto da vedere

Wally  @  17/09/2009 20:52:25
   10 / 10
Che dire... è il primo film muto che guardo in vita mia! E' davvero poesia! E' sorprendente come non si sente il bisogno delle parole... E come gli sguardi e i comportamenti dei protagonisti bastino per tutto... Mi è piaciuto molto quindi credo che inizierò a vedere i film di Chaplin! Il 10 è dato per mantenere la media! Non lo posso ritenere un capolavoro ORA! Ma pensando che è degli anni 20 vien quasi da dire che un 10 è fin poco per un film del genere! Sono molto colpito bravo Chaplin...
Ah dimenticavo! stupende anche le musiche

dobel  @  08/09/2009 22:27:17
   10 / 10
Quante volte l'ho visto e rivisto!... Ma dono della grande opera d'arte è il non poterla esaurire. Ogni volta si scopre qualcosa di nuovo, ogni volta è la prima volta. 'Il monello' è una di quelle creazioni che sfuggono ogni tentativo di classificazione. Un capolavoro senza tempo. Il mio mestiere mi porta ad essere a contatto con dei giovani che spesso dichiarano di non conoscere certe pellicole... e io mi chiedo se una riforma scolastica non debba cominciare a tenere conto del patrimonio cinematografico come di quello delle arti letterarie o figurative ( nonché di quelle, ahimè completamente neglette, musicali). L'arte di Chaplin è fondamentale come quella di Picasso o Stravinski, come quella di Joyce o Rodin. Speriamo che qualcuno se ne accorga!

1 risposta al commento
Ultima risposta 08/09/2009 23.35.22
Visualizza / Rispondi al commento
Luca Pepas  @  08/08/2009 12:10:35
   9 / 10
Non è personalmente il film di Chaplin che amo di più, certo CC non si discute ma altri film che ha fatto li ritengo superiori.

The BluBus  @  25/07/2009 20:47:52
   10 / 10
un sogno di 68 minuti pervaso da dolcezza, lacrime amare e triste allegria

Invia una mail all'autore del commento marcocorsi  @  19/07/2009 13:32:19
   8½ / 10
Il monello di Chaplin è probabilmente il film con protagonista il famoso vagabondo che è inferiore ai grandi capolavori del geniale regista-attore tuttofare. Un Chaplin stranamente diverso dal solito, manca un qualcosa che caratterizza invece tutti gli altri capolavori. Resta comunque un'opera di tutto rispetto, ma considerabile una sorta di "tono minore" di Charlot. Molto efficace Jackie Coogan

Sepultura  @  11/05/2009 23:34:09
   8½ / 10
E' tra i Chaplin che preferisco di meno, ma ottimo comunque senza alcun dubbio

pinhead88  @  26/03/2009 17:26:43
   10 / 10
capolavoro indiscusso del cinema mondiale.
drammatico e divertente allo stesso tempo come solo Chaplin sapeva fare.meraviglioso.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Granf  @  21/03/2009 13:12:26
   10 / 10
"Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare.
Forse perché non può essere comprato. I ricchi comprano rumore.
L'animo umano si diletta nel silenzio della natura, che si rivela solo a chi lo cerca"

Poco prima dell'inizio della lavorazione del film Charlie Chaplin perse il figlio di soli tre giorni. Il suo matrimonio, invece, fallì durante il film.
Immaginare lo stato d'animo di Charlot era impossibile, "Il Monello" è una chiara conseguenza di quanto successo, per cui non credo sia mai stato realizzato nella storia del cinema, un film più sincero e vero come questo, commovente e divertente allo stesso tempo. In una parola indimenticabile, in più parole il film più bello del mondo.
Strepitosa l'intesa fra Chaplin e il piccolo e straordinario Jackie Coogan. Un rapporto meraviglioso, unico, da seguire con le lacrime agli occhi e il sorriso stampato sulla bocca. Con malinconia, con speranza e con voglia di vivere e di reagire.
Il miglior successo commerciale del 1921, un film che impossibile cancellare dalla testa.

1 risposta al commento
Ultima risposta 10/02/2011 02.23.56
Visualizza / Rispondi al commento
alesfaer  @  06/03/2009 21:24:21
   3 / 10
premetto che il mio voto è tutt'altro che provocatore.
si fa fatica a guardarlo, ma solo guardandolo si può apprezzare qnt importante l'udito(kiedo venia ai non udenti).
non capisco dove sia' l'essenza del cinema di chaplin.visto cosi' è 1 mattone terrificante.il 3 ritengo sia un voto piu' che giusto, in quanto il film è giudicato nel contesto da me vissuto, e nn da ''malinconico adoratore di 1 cinema ormai obsoleto''.
mi auguro ke il buonsenso prevalga sulla voglia di attaccare ingiustamente.
posso tuttavia esser di consolazione. non guarderò piu' film del buon charlie, cosi gli altri 3 o 4 ke sn in top 25 nn corrono riski.

2 risposte al commento
Ultima risposta 20/03/2009 19.12.04
Visualizza / Rispondi al commento
Neu!  @  21/02/2009 12:45:21
   9½ / 10
bellissimo il Monello. un limpidissimo esempio di cosa vuol dire fare cinema. un film modernissimo (ed è del 21!) e geniale in molte delle sue trovate. tuttavia per me lo ha un difettuccio, molto piccolo, ma lo ha. ogni tanto cade un po in un patetismo che sarà estraneo al Chaplin post La Febbre Dell'Oro. non lo so, ma penso che film come Tempi Moderni, Monsieur Verdoux, Luci Della Città, Luci Della Ribalta, La Febbre Dell'Oro gli siano superiori... comunque, chapeau

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gatsu  @  18/02/2009 18:00:50
   5½ / 10
E alla fine ho finito di vedere "Il Monello" l'altra sera...non c'è nulla da fare per me Chaplin è solo chiacchere e distintivo, provo indifferenza per quest'essere e non m'è mai piaciuto, poi sopporto poco anche il cinema muto.

Il film è realizzato per trasmettere certe emozioni e in parte ci riesce. Scene carine e trama un pò ammorbante e "vissuta" che sinceramente non subisco più di tanto, infatti preferisco "Il Grande dittatore" a questo. Tutto sommato non mi è dispiaciuto troppo ma ribadisco i miei dubbi sul cinema muto e C.Chaplin.

13 risposte al commento
Ultima risposta 20/08/2009 01.16.01
Visualizza / Rispondi al commento
HeathLedger9  @  07/02/2009 10:55:48
   9 / 10
film geniale... diverte e commuove allo stesso tempo, per essere un film del '21 è speciale... un capolavoro !!! grande chaplin ma anche fighissimo il bambino ;D

BillyWilder  @  01/02/2009 17:56:35
   9½ / 10
Immenso e intenso, un grande capolavoro!!

kalin_dran  @  29/01/2009 15:28:51
   8½ / 10
Un film molto intenso. Divertente in alcuni punti e commovente in altri.
Chaplin dimostra di essere un grandissimo attore con la sua fantastica mimica facciale e la sua gestualità.
Poco più di un'ora di grande cinema!

fragolina51  @  26/01/2009 01:52:08
   9½ / 10
Ancora un grande tenerissimo e profondissimo Chaplin in uno dei suoi film migliori. "The Kid" è imperdibile

Touch of Evil  @  25/01/2009 14:00:03
   8 / 10
Credo che il commento che mi precede sia perfettamente centrato anche sul mio pensiero: Charles Chaplin ha fatto molto di meglio. Comunque meglio vedere "Il monello" al primo posto che "Le ali della libertà" o quel non film manga nella top 25

4 risposte al commento
Ultima risposta 19/03/2009 12.54.46
Visualizza / Rispondi al commento
Godzilla  @  23/01/2009 15:50:05
   8 / 10
Trovo alquanto strano, vedere questo film al primo posto delle classifiche. Chaplin ha fatto decisamente di meglio (Tempi Moderni, La Febbre dell'Oro, Monsieur Verdaux, ecc...) Monello se non sbaglio è il suo primo lungometraggio, un film davvero carino ed empatico, in cui Chaplin a sprazzi mostra tutto il suo talento, ma ancora un po acerbo.

2 risposte al commento
Ultima risposta 16/02/2009 16.08.59
Visualizza / Rispondi al commento
leonida94  @  20/01/2009 13:59:55
   9½ / 10
Ormai è un pezzo di storia, come la prima macchina o il primo aereo, e verrà ricordato per sempre. E' anche stupendo vedere come sono cambiati i tempi e l'evoluzione della cinematografia, e anche se muto dice tantissimo....

Renegade  @  11/01/2009 13:25:54
   8½ / 10
Chaplin al primo lungometraggio, tra l'altro semi-autobiografico dato che lui stesso da piccolo fu rinchiuso in un orfanatrofio. Non è comunque il miglior Charlot e pellicole come Tempi Moderni, Luci della città e La febbre dell'oro sono assolutamente superiori. Comunque imperdibile, storia del cinema

simone p  @  10/01/2009 16:12:43
   9 / 10
Film che diverte e commuove.
Bellissime le espressioni sui volti degli attori e fantastico il ragazzino.
Piccolo capolavoro.

nwo pozz  @  06/01/2009 21:00:41
   9½ / 10
Il migliore film della sua epoca.....Charlie Chaplin eccezionale, a lui non serviva l'audio

Ravik  @  06/01/2009 18:02:00
   10 / 10
nn ce bisogno di fare nessun commento su questo film.magnifico.cheers

Invia una mail all'autore del commento Clint Eastwood  @  25/12/2008 11:40:06
   10 / 10
Gli dò 10 perchè se lo merita. Un film immenso coinvolgente non annoia mai. Mi piaciono i film muti di Chaplin ma anche in genere il periodo del cinema muto per la loro gestualità carica, tramite la mimica l'espressività trasmettono più delle parole a volte; è un film imperdibile. E poi a pensare che è del '21, beh ragazzi è un capolavoro. L'interpretazioni al massimo come già detto, però notiamo la bravura del giovane attore/ il bambino (non ho mai visto uno più bravo di lui o quasi). Charlie Chaplin si aggiudica 10 e lode per aver ricoperto i ruoli come attore, regista, compositore, produttore, scrittore/soggetto, non è poco infine dei conti.

Un film che merita di essere visto.

f_finocchi  @  11/12/2008 19:12:00
   9½ / 10
Che dire.. Un capolavoro...

ulisseziu  @  09/12/2008 11:28:36
   9 / 10
Altro capolavoro di Chaplin, 90 anni fa.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  24/11/2008 23:24:45
   9 / 10
Sempre grande Chaplin, non si discute.
Bellissima storia raccontata in maniera eccellente.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Ho preferito comunque "Luci della città" senza nulla togliere a questo gioiello della cinematografia mondiale.
Da vedere senza dubbio.

castelvetro  @  14/11/2008 01:03:17
   10 / 10
Capolavoro.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Alex83  @  04/11/2008 11:29:58
   10 / 10
Un capolavoro, null'altro da dire.....se un film a quasi un secolo di distanza ancora appassiona, commuove e non annoia....beh, non può essere definito altrimenti....

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

gambero  @  03/11/2008 12:26:07
   8½ / 10
BELLISSIMO QUESTO FILM..DIVERTENTE E COMMOVENTE ALLO STESSO TEMPO,CON SCENE CHE RIMARRANNO PER SEMPRE NELLA STORIA DEL CINEMA!!IL PROBLEMA MAGGIORE è CHE DURA TROPPO POCO!!CMQ SIA NULLA DA DIRE,è VERAMENTE UNA PELLICOLA SUBLIME CON UN IMMENSO,COME AL SOLITO,CHARLIE CHAPLIN,ED UN'OTTIMA INTERPRETAZIONE DEL BAMBINO..SE SI PENSA CHE è STATO GIRATO NEGLI ANNI '20 POI...TANTO DI CAPPELLO!!!DA VEDERE E RIVEDERE!!!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

2 risposte al commento
Ultima risposta 04/11/2008 09.48.31
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR kubrickforever  @  27/10/2008 18:52:16
   9½ / 10
Veramente meraviglioso. Ogni volta che rivedo questo e gli altri capolavori di Chaplin mi convinco sempre più del fatto che lui sia stato uno degli artisti più importanti del XX secolo. Il monello, in particolare, è uno dei lavori più spontanei del grande Charlie e rimane tutt'oggi un lampante esempio di come le immagini riescano ad evocare emozioni pure, dalla risata al pianto, senza l'utilizzo di alcuna parola. Indimenticabile.

superparro  @  20/10/2008 23:35:45
   10 / 10
Secondo me è il miglior film al mondo. In assoluto.
Solo a pensarci mi viene da piangere... una bellezza unica... immensa... fantastica!
E pensare che io sono cresciuto vedendo questi film... di charlie chaplin... stanlio e ollio... totò (E ho 18 anni... quelli della mia generazione... anni 90... sono cresciuti con ben altri film)... forse è pure grazie a questi fim... che mi hanno fatto ridere e vivere un infanzia serena... se sono diventato così... diverso dal comune... o comunque dalla massa...
E' un capolavoro immenso... un film che fa ridere e commuovere ai massimi livelli... che ti rimane davvero nel cuore. Ogni scena è fantastica... ogni scena...
Grazie... grazie per avermi imparato a sognare....
Nessun film mi ha mai dato emozioni del genere...
Mi viene da piangere... mi viene davvero da piangere.

3 risposte al commento
Ultima risposta 22/10/2008 12.12.27
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gardner  @  17/10/2008 16:36:58
   8 / 10
Chaplin alla prima prova generale di lungometraggio. Grande capacità di coomuovere anche se un po' insistito il ricorso alle facce tristi di Coogan. Imperdibile per capire il successivo cinema di C.C.

3 risposte al commento
Ultima risposta 28/10/2008 15.26.57
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  08/10/2008 21:28:49
   9 / 10
Uno straordinario equilibrio di comicità e commozione, senza che quest'ultima scada nel patetico. Un affiatamento perfetto fra Chaplin e Jackie Coogan. Già dal suo primo lungometraggio Chaplin dimostra di essere uno straordinario narratore. Da vedere.

Gruppo REDAZIONE VincentVega1  @  30/09/2008 12:59:47
   9 / 10
Una delle storie più commuoventi descritta da un immenso Chaplin (come sempre del resto), qui ancora più espressivo e coinvolgente! Una sceneggiatura semplicissima ma che va dritta al cuore, in un'ora di commossa allegria.

Un piccolo gioiello da vedere e rivedere.

3 risposte al commento
Ultima risposta 05/10/2008 19.56.28
Visualizza / Rispondi al commento
greenday2  @  29/09/2008 02:53:08
   8 / 10
Uno dei film piu dolci e toccanti della storia del cinema.

Ciononostante preferisco altri film di Chaplin

Invia una mail all'autore del commento wega  @  26/09/2008 16:20:32
   9½ / 10
Un film fatto con il cuore, e da vedere con il cuore. Dal mio punto di vista, in questo caso trovo inutile andare oltre, pensavo di non emozionarmi per il fatto di aspettarmi troppo di farlo, e invece è successo lo stesso. Meraviglioso.

Gruppo REDAZIONE amterme63  @  24/09/2008 00:07:27
   9½ / 10
Un matrimonio a rotoli, l’ispirazione che sembra esserne andata, il primo figlio nato malforme e morto dopo pochi giorni: questo era lo stato depressivo in cui si trovava Chaplin nell’estate del 1919. Eppure dal dolore è riuscito a trovare l’ispirazione per uno dei più bei film che siano mai stati girati. Vedere per caso un bambino di 5 anni (Jackie Coogan) recitare a teatro con grande maestria e spontaneità, lo deve aver riportato ai tempi della sua infanzia. All’improvviso si rese conto della grande potenzialità di una storia che mescolasse il buffo e il fantasioso con il grande attaccamento affettivo che in genere si ha verso i bambini. Nacque così The Kid (Il monello).

Durante le riprese, durate quasi un anno, Chaplin capì che questa era la sua prima vera opera di impegno artistico e dedicò molta cura nella realizzazione. Affinò molto l’uso di risorse sia tecniche che di contenuto. Questo è il film che ha il maggior numero di primi piani, vengono usati accostamenti simbolici, la recitazione è più curata e il ritmo più lento. La figura stessa del vagabondo si trasforma completamente: non è più una buffa macchietta tutta mossette e ingegno fino, adesso diventa una persona complessa con i suoi pregi e i suoi difetti, legata da affetto profondo verso un bambino.

Se si deve processare Chaplin per sentimentalismo, il capo di accusa è senz’altro questo film. Ci sono lacrime, scene strazianti di separazione, abbandoni di neonati, riconoscimenti casuali, il lieto fine, insomma tutto l’armamentario dei polpettoni lacrimosi del XIX secolo. Io mi sento di assolverlo da questa accusa. Dentro queste vicende un po’ artificiose ci sono dei sentimenti veri, espressi con molta intensità e spontaneità con inquadrature brevi, quasi dei lampi. Tutti ci possiamo riconoscere in questi episodi. Chi non si è affezionato ad un bambino? Chi non ha sofferto per la separazione da una persona cara? Questo film è secondo me una delle cime dell’arte di Chaplin. Riesce a toccare il cuore con semplicità, nel dolore e nella letizia. Ridere e piangere non sono fini a se stessi, ma un’esperienza per arricchire il proprio animo. Il messaggio poi è chiaro: nell’infanzia di un bambino ciò che conta non è il benessere materiale o la dirittura “morale” di chi lo cura, ma quanto amore può ricevere.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI paul  @  21/09/2008 17:43:31
   10 / 10
Capolavoro di Chaplin, e anche uno dei suoi più grandi successi commerciali. Imperdibile.

1 risposta al commento
Ultima risposta 28/10/2008 15.33.55
Visualizza / Rispondi al commento
collina  @  20/09/2008 15:28:21
   9½ / 10
Con il suo mix di comicità ed tratti drammatici , rappresenta uno dei capolavori del cinema internazionale, dimostrando senza ricchi budget ed i tanto acclamati effetti speciali si possa creare cinema d'autore , basta un buon copione una regia professionale e attori degni di tale nome.

Invia una mail all'autore del commento robertoma.  @  20/09/2008 15:15:34
   10 / 10
un gran film.diretto dal "MAGO" charlie chaplin.

2 risposte al commento
Ultima risposta 20/09/2008 18.59.15
Visualizza / Rispondi al commento
callanz86  @  18/09/2008 20:31:39
   10 / 10
Un favoloso film commovente e al tempo stesso divertente.
Come al solito charlie non delude mai!!

  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1938 diversi22 julya kashaa tramway in jerusalema voce alta - la forza della parolaacusadaadam und evelynamanda (2018)american dharmaaquarelaarrivederci saigonat eternity's gatea-x-l: un'amicizia extraordinariabetes blondesblackkklansmanboarding schoolbogside storyboxe capitalecadaver (2018)camorra (2018)carmine street guitarsc'est ca l'amourcharlie sayscome ti divento bella!continuercountry for old mendachradark crimesdead women walkingdeslembrodog daysdomingodon't worrydoubles viesdragged across concretedriven (2018)e' nata una stella (2018)el pepe, una vida supremaemma peetersescape plan 2 - ritorno all'infernofire squad - incubo di fuocofreres ennemis
 NEW
fuoricampogirlgli incredibili 2gotti - un vero padrino americano
 NEW
guarda in alto
 NEW
halloweenhappy lamentohotel transylvania 3 - una vacanza mostruosai villeggiantiil banchiere anarchicoil bene mioil complicato mondo di nathalieil fiume (2018)il giorno che ho perso la mia ombrail maestro di violinoil mistero della casa del tempoil ragazzo piu' felice del mondoil saluto
 NEW
il verdetto - the children actimagine (2018)
 NEW
in viaggio con adeleisis, tomorrow. the lost souls of mosuljinpajohnny english colpisce ancorajose'joy (2018)just charlie - diventa chi seila ballata di buster scruggsla banda grossila casa dei librila fuitina sbagliatala morte legalela noche de 12 anosla profezia dell’armadillola quietudla ragazza dei tulipanila settima musala strada dei samounil'albero dei frutti selvaticil'annuncio
 NEW
l'ape maia - le olimpiadi di mielel'apparizione
 NEW
le ereditierele fidelel'enkasles tombeaux sans nomsl'heure de la sortielissa ammetsajjellola + jeremyluckyl'uomo che sorprese tuttil'uomo che uccise don chisciottem (2018)mafakmagic lanternmamma mia! ci risiamomandymanta raymary shelley - un amore immortalementre morivometti una nottemi obra maestramichelangelo - infinitomio figliomiraimission: impossible - falloutmonkey king - the hero is backmonrovia, indianamr. long
 NEW
nessuno come noi
 T
new york academy - freedancenon e' vero ma ci credonuestro tiempooltre la nebbia - il mistero di rainer merzombraopera senza autorepapa francesco - un uomo di parolapearl (2018)peterloopiazza vittorio
 NEW
piccoli brividi 2 - i fantasmi di halloween
 NEW
pupazzi senza gloriaquasi nemici - l'importante e' avere ragionerenzo piano: l'architetto della luceresta con merevengericchi di fantasiaricordi del mio corporicordi?rideritorno al bosco dei 100 acriroma (2018)saremo giovani e bellissimi
 NEW
searchingsei ancora qui - i still see yousembra mio figlioseparati ma non tropposlender mansmallfoot - il mio amico delle nevi
 NEW
sogno di una notte di mezza eta'
 NEW
soldadosonispogliatosulla mia pelle (2018)teen titans go! il filmtel aviv on firethe domesticsthe equalizer 2 - senza perdonothe ghost of peter sellersthe islethe little strangerthe milk system - la verita' sull'industria del lattethe mountain (2018)
 R
the nightingalethe nightmare gallerythe nun - la vocazione del malethe sisters brothersthe wife - vivere nell'ombrathey'll love me when i'm deadthree adventures of brooketi imas noctouch me nottramonto (2018)tumbbadtutti in piediun affare di famiglia (2018)un amore così grandeun figlio all'improvvisoun giorno all'improvvisoun marito a meta'un nemico che ti vuole beneuna storia senza nomevenom (2018)ville neuvevox luxwhat you gonna do when the world's on fire?why are we creative?zanzanna bianca (2018)

979946 commenti su 40335 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net