hermitage regia di Carmelo Bene Italia 1968
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

hermitage (1968)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film HERMITAGE

Titolo Originale: HERMITAGE

RegiaCarmelo Bene

InterpretiCarmelo Bene, Lydia Mancinelli

Durata: h 0.25
NazionalitàItalia 1968
Generecorto
Al cinema nel Giugno 1969

•  Altri film di Carmelo Bene

Trama del film Hermitage

-

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,88 / 10 (8 voti)8,88Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Hermitage, 8 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

JOKER1926  @  14/02/2014 17:48:40
   7 / 10
"Hermitage" è, in chiave tecnica, il preludio a "Nostra signora dei turchi" di Carmelo Bene.

In questo del 1968 Carmelo Bene oltre ad essere attore è "regista", fra virgolette il termine regista perché tale artista era al di là dello stesso ruolo. L'arte doveva superarsi, il banchetto fra spettatore e attore doveva vivere la totalità una volta sola e non doveva tramutarsi più da nessuna altra parte. Questo per il teatro, ma anche per il Cinema, il concetto non solo va rispettato ma anche interpretato.
"Hermitage" è una esplosione artistica di un Bene in un ruolo, come al solito, fatto di totalità (l'Artifex). Si sostituisce ai fiori richiamando un senso di ricercata perfezione e sintesi del concetto (artistico e di metateatro), parla e coi monologhi va a scandagliare un nulla che di più sostanziale ha sola la forma, la classe e la phoné di una voce praticamente inimitabile.
Azzardato e forse inutile, se ci sentisse lo stesso Bene, decodificare un qualcosa che nasce per andare oltre ciò che è decorazione, di scena o di pensiero. L'unica introspezione, pacata e modesta, sboccia guardando il personaggio. Si dovrebbe trattare di una scalata spirituale di decadenza e megalomania, un Narciso travolto dal sogno di essere il più grande. Finiscono i sentimenti e inizia la morte, salvezza del mondo. Perché la morte non esiste, ma è l'inizio della vita, non della morte. Nel cuore del nichilismo più vivo.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Edgar Allan Poe  @  25/02/2012 15:41:17
   8½ / 10
Un gran bel corto/mediometraggio, e mi sento un pò un taccagno a dargli questo voto. Senza dubbio Carmelo Bene, seppur meno blasonato in campo cinematografico a causa della sua scarsa attività rispetto ad altri registi, riesce a realizzare un'opera di pregevole fattura con pochissimi mezzi, e praticamente come unico interprete.
Ripeto ciò che è stato detto da qualcuno qui sotto, è un peccato che le opere cinematografiche di Bene siano numericamente scarse.

Estonia  @  22/08/2010 18:29:44
   8 / 10
Pur essendo solo “una prova per le luci in preparazione del successivo film Nostra Signora dei Turchi” (cit. Wikipedia), il risultato è comunque di notevole portata ironica e al contempo paradossalmente tragica. Nella claustrofobica solitudine di una stanza d’albergo, il protagonista si contorce, scivola sul letto sfatto, pronuncia frasi incomprensibili, in una sequenza di gesti e spasmi teatrali senza un apparente filo logico, se non quello di un narcisistico autoesilio entro i confini esasperati del proprio Sé dialogante. Anche la presenza fantasmatica di una donna (l’amante? la madre?) contribuisce ad accentuare la tensione drammaticamente folle senza risolverne gli enigmi. Il genio surreale di Bene è comunque ancora una volta di grande fascino.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  29/11/2009 17:16:20
   10 / 10
Troppo oltre, oltre cinema e oltre l'arte stessa.
Non è nemmeno cinema sperimentale. Chi fa cinema sperimentale cerca di essere più artistico degli altri, C.B. sputava sull'arte ("È decorazione l'arte, è volontà di esprimersi.").
L'arte deve solamente superare sé stessa.

statididiso  @  29/08/2009 02:07:11
   10 / 10
il primo corto del regista... una storia d'amore che Carmelo Bene accentra nella sua persona, elaborata alla sua maniera, nobile nonostante il volto drammaticamente deturpato dal cancro del passato, nonché una riflessione sull'esistenza umana da parte di un uomo che ha vissuto l'arte nel bisogno di "possederla" fino a trasmutarla per renderla qualcosa di più confacente...
L

bulldog  @  20/07/2009 20:34:09
   10 / 10
Troppo oltre.
E' davvero un peccato che Bene abbia lavorato nel cinema per così poco tempo,penso a cosa avrebbe potuto regalarci.
Ma d'altronde lui non amava il cinema che non considerava neppure un arte,ma il festival dell'ibrido.

Gruppo COLLABORATORI ULTRAVIOLENCE78  @  30/10/2008 13:10:31
   7½ / 10
Bisognerebbe conoscere approfonditamente la complessa e articolata produzione di Carmelo Bene –sia nella sua veste di attore/artifex che in quella di filosofo- per potere dare un giudizio con cognizione di causa a questo astruso mediometraggio di carattere sperimentale.
L’ambientazione è quella di una camera d’albergo dell’Hermitage , dove Bene, tra visioni mistiche e monologhi interiori –intervallati da spezzoni musicali tratti da Giuseppe Verdi, dà vita ad una sorta di rappresentazione del proprio interno mondo psicologico, che rimanda al suo rapporto con la madre. In ciò sembra rivelarsi il desiderio di immedesimarsi con colei che lo ha concepito (la lettera che egli scrive si conclude con la parola “tuo”, che più tardi verrà corretta con “tua”), che potrebbe essere letto come una tensione al proprio stato originario nelle acque materne, al recupero del principio della propria esistenza quando ancora “non si era” (nel mondo). Lo stesso vagheggiamento dei fiori azzurri, cui segue una sorta di sostituzione in cui Bene prende il loro posto sul tavolino atteggiandosi in posizione chiastica, sembra esprimere l’anelito dell’attore a tramutarsi in oggetto inanimato, in una statua che in quanto fuori dall’ “essere” è fuori dalla realtà. Il “non più porsi” come soluzione alla tragedia della vita. Sembra questa la via che Bene percorre, attraverso visioni mistiche nelle quali si oggettiva una idealizzazione della figura femminile (ritratta come fosse una e trina), che però si rivela sfuggente. “Basta! E’ finita con chi mi vuole bene!”: con queste parole, accompagnate dal gesto di fare cadere nel gabinetto la foto della madre, egli pare prendere coscienza dell’impossibilità di un ritorno alla purezza dell’origine. E la scena finale che lo ritrae bere una coppa di champagne che poi gli scivola dalla mano, mostra l’uomo/Bene arrendersi di fronte a questa impossibilità.
La scenografia, pomposa e barocca, riflette lo spirito edonistico dell’attore, la cui consapevolezza della propria bellezza estetica/etica prende forma nel dialogo con se stesso allo specchio, in cui egli, cinto da una corona di fiori azzurri, sembra a atteggiarsi a moderno e decadente Narciso. L’atmosfera scura, dominata da un nero nel quale risaltano taluni elementi di un rosso vivo, potrebbe essere letta invece come la rappresentazione di una vita segnata da picchi di passione, che però si perdono nel mare di un nichilismo sconfinato, al quale fa da contrappunto una indefettibile vena ironica (come sembrano dimostrare alcune grottesche soluzioni recitative, che in parte ricordano il comico muoversi spaesato di Buster Keaton).
E’ un opera di difficilissima fruizione (considerata il manifesto del pensiero di Bene), di cui sicuramente mi sono sfuggiti gli intrinseci significati. Ma, al di là della sua comprensibilità, da essa promana un notevole fascino decadente, che non può lasciare indifferenti. Altro che il manierismo intellettualoide del Baricco di Lezione 21!

1 risposta al commento
Ultima risposta 28/03/2010 18.42.17
Visualizza / Rispondi al commento
Sanjuro  @  27/10/2008 21:58:37
   10 / 10
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place: giorno 1abigail (2024)accattaromaacidamen (2024)
 NEW
animale umanoanimali randagianna (2023)arrivederci berlinguer!bad boys: ride or die
 NEW
cult killer - la vendetta prima di tuttodall'alto di una fredda torreeileenel paraisofantastic machinefederer: gli ultimi dodici giorni
 NEW
fly me to the moon - le due facce della lunafremontfuga in normandiafuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghost: rite here rite nowgirasoligli immortali
 NEW
gli indesiderabili (2023)
 R
hit man - killer per casoholy shoeshorizon: an american saga - capitolo 1hotspot - amore senza retei dannatiif - gli amici immaginariil caso goldmanil coraggio di blancheil gusto delle coseil mio posto e' quiil mio regno per una farfalla
 NEW
il mistero scorre sul fiumeil regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoin a violent natureinside out 2io & sissiio e il seccoio, il tubo e le pizzejago into the whitekinds of kindnessl’amante dell'astronautala memoria dell’assassinola morte e' un problema dei vivila profezia del malela stanza degli omicidila tartarugala treccial'esorcismo - ultimo attol'impero
 NEW
longlegsmade in dreams - l'italiano che ha costruito l'americamarcello mio
 NEW
matrimonio con sorpresa (2024)me contro te: il film - operazione spiemetamorphosis (2024)mothers' instinctnew lifeniente da perdere (2024)noir casablanca
 NEW
non riattaccareprima della fine - gli ultimi giorni di enrico berlinguerquattro figlie (2023)quell'estate con ireneracconto di due stagioniricchi a tutti i costiritratto di un amorerobo puffinroma bluessamadsaro' con tesei fratellishoshanashukransuperlunathe animal kingdomthe bikeridersthe boys - stagione 4the fall guythe penitent - a rational manthe rapture - le ravissement
 NEW
the strangers: capitolo 1the tunnel to summer, the exit of goodbyesthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretroppo azzurroun piedipiatti a beverly hills: axel funa spiegazione per tuttouna storia neraunder parisunfrosted: storia di uno snack americanovangelo secondo mariavincent deve morirewindlesswoken - nulla e' come sembra

1052264 commenti su 50929 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ALL YOU NEED IS DEATHANCHE I CINESI MANGIANO FAGIOLIBAG OF LIESBLOODLINE KILLERBUTT BOYCINDERELLA'S REVENGEDR. CHEON E IL TALISMANO PERDUTOE IL CASANOVA DI FELLINI?EASTER BLOODY EASTERI DUE TORERII SAW THE TV GLOWIL MIO CORPO PER UN POKERIL MONDO DI ALEXIL SIGNORE DEL DISORDINEINSOSPETTABILE FOLLIAIP MAN: IL RISVEGLIOISLAND OF THE DOLLSK9 - SQUADRA ANTIDROGALA FORZA DELLA VENDETTALA STRANA SIGNORA DELLA PORTA ACCANTOLA TOTALE!L'APPRENDISTA DELLA TIGREMIO FIGLIO (2018)REFUGERINGO E GRINGO CONTRO TUTTISATAN'S SLAVE (1980)SPOONFUL OF SUGARSWIMTHE MONKEY KINGTHE MOONTHE PRINCESS (2022)THE SHE-CREATURETHE SOUL EATERUFO SWEDENUN AMORE IN PERICOLOWOMAN WALKS AHEAD

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


HIT MAN - KILLER PER CASO
Locandina del film HIT MAN - KILLER PER CASO Regia: Richard Linklater
Interpreti: Glen Powell, Adria Arjona, Austin Amelio, Retta, Sanjay Rao, Molly Bernard, Evan Holtzman, Gralen Bryant Banks, Mike Markoff, Bryant Carroll, Enrique Bush, Bri Myles, Kate Adair, Martin Bats Bradford, Morgana Shaw, Ritchie Montgomery, Richard Robichaux, Jo-Ann Robinson, Jonas Lerway, Kim Baptiste, Sara Osi Scott, Anthony Michael Frederick, Duffy Austin, Jordan Joseph, Garrison Allen, Beth Bartley, Jordan Salloum, John Raley, Tre Styles, Donna DuPlantier, Michele Jang, Stephanie Hong
Genere: azione

Recensione a cura di The Gaunt

POVERE CREATURE!
Locandina del film POVERE CREATURE! Regia: Yorgos Lanthimos
Interpreti: Emma Stone, Mark Ruffalo, Willem Dafoe, Ramy Youssef, Jerrod Carmichael, Christopher Abbott, Margaret Qualley, Suzy Bemba, Kathryn Hunter, Hanna Schygulla, Vicki Pepperdine, Jack Barton, Charlie Hiscock, Attila Dobai, Emma Hindle, Anders Grundberg, Attila Kecskeméthy, Jucimar Barbosa, Carminho, Angela Paula Stander, Gustavo Gomes, Kate Handford, Owen Good, Zen Joshua Poisson, Vivienne Soan, Jerskin Fendrix, István Göz, Bruna Asdorian, Tamás Szabó Sipos, Tom Stourton, Mascuud Dahir, Miles Jovian
Genere: fantascienza

Recensione a cura di The Gaunt

archivio


THE DEVIL IN MISS JONES
Locandina del film THE DEVIL IN MISS JONES Regia: Gerard Damiano
Interpreti: Georgina Spelvin, John Clemens, Harry Reems
Genere: erotico

Recensione a cura di The Gaunt

MERCOLEDI' - STAGIONE 1
Locandina del film MERCOLEDI' - STAGIONE 1 Regia: Tim Burton, Gandja Monteiro, James Marshall
Interpreti: Jenna Ortega, Gwendoline Christie, Riki Lindhome, Jamie McShane, Hunter Doohan, Percy Hynes White, Emma Myers, Joy Sunday, Georgie Farmer
Genere: fantasy

Recensione a cura di Gabriele Nasisi

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net