happy family regia di Gabriele Salvatores Italia 2010
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

happy family (2010)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film HAPPY FAMILY

Titolo Originale: HAPPY FAMILY

RegiaGabriele Salvatores

InterpretiMargherita Buy, Diego Abatantuono, Fabrizio Bentivoglio, Fabio De Luigi, Carla Signoris, Valeria Bilello, Gianmaria Biancuzzi

Durata: h 1.30
NazionalitàItalia 2010
Generecommedia
Al cinema nel Marzo 2010

•  Altri film di Gabriele Salvatores

Trama del film Happy family

I destini di due famiglie si incrociano a causa dei figli quindicenni caparbiamente decisi a sposarsi.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,56 / 10 (108 voti)6,56Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Happy family, 108 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

yeah1980  @  04/07/2017 10:12:31
   7½ / 10
Forse un po' pretenzioso, ma mi è piaciuto.

marcogiannelli  @  24/11/2016 23:31:23
   7 / 10
Salvatores mette mano alla commedia italiano, restituendole una dignità ormai persa, e lo fa con interpreti spesso protagonisti di quelle ca**atine proposteci ultimamente.
Incredibile l'uso dei colori, la regia, la scrittura dei personaggi e la fotografia. In tutto questo credo solo che la storia non sia un qualcosa di epico e che a tratti perda ritmo, comunque un buon film.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

pak7  @  11/04/2015 17:15:37
   7 / 10
E' vero, non sarà un filmone, ma comunque l'idea di fondo è ben sviluppata, i personaggi sono tutti ben caratterizzati e le situazioni comiche non mancano, grazie soprattutto ad Abatantuono e De Luigi. L'omaggio a Milano, poi è davvero splendido.

jkrb  @  19/01/2015 03:08:11
   1 / 10
se l'italia fosse una nazione come si deve, andrebbe sotto casa della produzione cinematografica a fargli un bel bucho de ****.
il cinema idiota adesso è stato sostituito da happy family... secondo me salvatores meriterebbe un oscar per questo film... perchè non lo dite?????
è geniale vero????
questo film è paragonabile a uno starnuto di gallina o a una cureggia di anatra, ha lo stesso impatto.
andatevi a vedere i treni passare con le seggioline stile pozzetto prima di vedervi questo ammasso di m...
p.s. schifo totale anche per de luigi (altro venduto) che definì questo un bel film che farà uscire lo spettatore con un bel saporino in bocca

The Jack  @  17/12/2014 23:44:36
   7 / 10
film con una sceneggiatura quasi originale, curato, una discreta fotografia, buonae anche se non indimenticabile la recitazione del cast.

Le musiche calzano benissimo, anche se con i delicati Simon e Garfunkel è fin troppo facile.

Mi è piaciuta, anche se non è originalissima, l'uso già visto nei lavori di Charlie Kaufman della sceneggiatura che parla di se stessa.

Manca in realtà un picco emotivo, anche se la mano di un regista capace si vede.

I 2 commenti qui sotto li giustifico solo se vengono da ragazzini non più che sedicenni.

arrivaal  @  02/08/2014 23:49:36
   1 / 10
6-7-8 a questo film? ah già perchè è di salvatores...
imparate a ad avere un cervello proprio nella vita, grazie.
questo film è da vomiti urtanti.
all'inizio pensavo di finire con l'offenderlo pesantemente, quando è finito ho capito che non merita neanche le offese.
e giuro che NON ESISTE ALTRO FILM CHE NON LE MERITI.
andrebbe offso nella lingua vietnamita o addirittura mongoliana, ma purtroppo non conosco la lingua.
dopo averlo visto gli stregoni consigliano di applicare in faccia un bollito di erbe egizie, sale del marocco, un dente di drago, e quattro capelli di acciuga per far passare la voglia di andare al gabinetto e mettersi a ****** a testa all'in giù.
quello che viene definito commerciale sono i filmetti di natale.
io penso invece che sono questi i film commerciali, ovvero inteso come immondizie per seppellire la gente.
i primi spesso sono divertenti perchè hanno situazioni divertenti, personaggi stupidi e ignoranti, sono film che non pretendono niente e che non vogliono insegnare niente ma quantomento si prendono la briga di inventare qualcosa di carino.
i secondi invece sono film arroganti antipatici, pretenziosi, che hanno la supponenza di volerti insegnare qualcosa, che ti imboccano 4 battute scialacquate come per dire chi se ne frega, con una volgarità inaudita. quindi di fatto, sono i secondi ad essere fortemente volgari.
scusate lo sfogo ma purtroppo non sono riuscito a trovare le erbe egiziane e mi è toccato andare in bagno.

1 risposta al commento
Ultima risposta 28/11/2014 12.42.09
Visualizza / Rispondi al commento
Paolo70  @  26/05/2014 19:13:28
   6½ / 10
Commedia divertente. Bella l'idea della sceneggiatura del film e l'incrocio tra la realtà e la fantasia (personaggi del film).

crimal9436  @  21/05/2014 11:51:45
   7 / 10
Si lascia guardare

InvictuSteele  @  01/01/2013 18:38:52
   7 / 10
Non sono un amante della commedia (soprattutto quella italiana) eppure ho trovato questo film di Salvatores decisamente carino. Pellicola pirandelliana che ripercorre le tappe di "6 personaggi in cerca di autore" dove realtà e fantasia si intrecciano in un' escursione filmica simpatica e divertente. Finalmente una commedia nostrana riuscita. Semplice certo, ma non volgare e a tratti brillante, cosa incredibile per il nostro povero cinema.

Buba Smith  @  09/12/2012 23:30:21
   7½ / 10
Davvero un film decente. Semplice ma coinvolgente. Finalmente un buon film italiano.

De Luigi, perfetto nel ruolo. Bravi anche tutti gli altri attori. Mi è piaciuto molto anche Fabrizio Bentivoglio.

topsecret  @  02/10/2012 10:07:37
   7 / 10
Commedia abbastanza originale e divertente, si lascia guardare senza grosse pecche, coinvolgendo con delle situazioni sì problematiche ma anche ironiche di due famiglie diverse tra loro ma accomunate da piccoli, grandi problemi quotidiani.
Un paio di interpreti sono da non considerare per la pochezza interpretativa che offrono, altri invece sono lodati per simpatia e capacità.
Visione gradevole dotata di un discreto ritmo.

Trixter  @  10/05/2012 22:57:03
   5 / 10
Personaggi in cerca d'autore o un autore in cerca di storie e personaggi? chissà. Happy Family è un film surreale piuttosto originale, molto curato nella realizzazione estetica (ottima fotografia) ma, a mio modesto avviso, troppo carente nei contenuti. Non bastano alcuni dialoghi intelligenti e spiazzanti nè interpretazioni convincenti (Abatantuono su tutti) per promuovere questo film. E poi scusate ma... questa sorta di interattività tra l'attore e la macchina da presa non l'ho mai apprezzata, figuriamoci se perdura per tutto il film. Insomma, credo che Salvatores ci abbia regalato film di maggior pregio.

Invia una mail all'autore del commento diderot  @  27/04/2012 09:15:36
   6½ / 10
Come storia lascia un po' a desiderare... anche la comicità non è il massimo, però sia la scenografia che i costumi... e la fotografia sono eccezionali. Un film decisamente particolare, diverso dalle solite commedie italiane

kastalya  @  20/04/2012 12:19:42
   7 / 10
Film molto particolare.
L'idea è ottima ma forse poteva essere sviluppata meglio...soprattutto nella seconda metà.

Non il milgiore di Salvatores ma comunque vedibile.

baskettaro00  @  09/04/2012 11:44:59
   8 / 10
storia fantastica e ottima regia,alcune trovate son autentici tocchi da maestro,a differenza di altri casi qui la voce narrante l'ho digerita.la prima parte è meglio della seconda.

castoro79  @  13/02/2012 20:43:23
   7½ / 10
Buon film, curata la sceneggiatura, la fotografia, le musiche. Una bella storia che scorre via rapida e piacevole! Consigliato

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Edgar Allan Poe  @  26/12/2011 13:58:57
   6½ / 10
Buon film di Salvatores, il primo di questo regista che ho il piacere di vedere. Un lungometraggio che voleva essere un pò pirandelliano, ma che voleva nel contempo raccontare le vicende di due famiglie e dei loro componenti. In un certo senso ci è riuscito, risultando abbastanza gradevole e divertente, ma mai noioso. Complessivamente penso che sei e mezzo sia il voto più giusto per un film con poche pretese, che comunque soddisfa.

romrom  @  19/12/2011 22:29:25
   7 / 10
Carino, ottimi gli attori.

JackRock  @  13/11/2011 10:58:15
   7½ / 10
un film che mi ha spiazzato!! veramente bello,curato e originale

Invia una mail all'autore del commento Gualty  @  07/10/2011 01:03:18
   7½ / 10
Film molto posato e cerebrale, non a caso tratto dall'omonimo spettacolo teatrale pirallendiano e cullato nei salotti per bene della città piuttosto che nelle sue vie più sincere. Così la scelta di inquadrare i palazzi per coglierne i piani alti e il cielo, di calcare i colori caldi a scapito della più cruda percezione quotidiana, di mostrare una città quasi deserta, amena, tranquilla.
Nonostante il clima aulico che ben poco si addice alla metropoli meneghina, nonostante una colonna sonora che, per quanto piacevole, per nulla riveste lo spirito milanese, nonostante buonismi e dei ex machina la visione è piacevole e frizzante e finisce persino per conquistare le viscere degli spettatori, pur risvegliati spesso dall'esplicito processo creativo e narrativo. Merito del cast d'eccezione, della perizia tecnica e di quel tocco di magia che Salvatores riesce sempre e comunque a cospargere nelle sue opere.

the_walrus  @  22/09/2011 09:38:00
   6½ / 10
Commedia senza dubbio con tratti di originalità, però non è mai riuscita a catturarmi particolarmente

Reservor dog  @  12/09/2011 11:15:21
   5 / 10
Mi spiace davvero bocciare un film di salvatores, che mi ha quasi sempre convinto, ma questa volta non ne posso davvero far a meno. Nonostante le premesse del film non sono male, sopratutto grazie all'espediente di far interagire l'autore con i suoi personaggi, la storia finisce infatti col risolversi velocemente in un susseguirsi di situazioni poco credibili che fanno storcere il naso; e anche i protagonisti, seppur in grado d'indurre una certa simpatia, paiono macchiette stereotipate prigioniere delle proprie forzature.

isaber  @  16/08/2011 13:34:07
   3 / 10
Risparmiate tempo e guadate I Tenenbaum, tanto è tutto copiato da lì, e almeno non c'è De Luigi, che è insopportabile

Invia una mail all'autore del commento albatros70  @  13/08/2011 12:46:17
   7 / 10
Non nel suo classico stile questa volta Salvatores sforna una commedia davvero simpatica e ben fatta. Tra realtà ed immaginazione ci si diverte nel seguire le intrecciate vicende delle due famiglie. Ottimo il cast che fornisce, nel complesso, un'ottima interpretazione con un Abatantuono, a mio giudizio, una spanna su tutti.
Da vedere sicuramente.

filipporich  @  26/06/2011 15:58:43
   7 / 10
Inaspettato questo film: mi ha convinto!
Nonostante la storia abbastanza canonica, come è montato il film ed i vari scorci di metacinema lo rendono interessante ed originale.

diamanta  @  23/05/2011 08:02:40
   7 / 10
Completamente spiazzata da questo film!
Era lì dormiente e non gli avrei dato 5 centesimi, eppure la mancanza di alternative mi ha portata a vederlo, una storia semplicissima come altre in giro ma raccontata in modo particolare, De Luigi come narratore e protagonista lo rende anche piu' piacevole perchè fa ridere e commuovere allo stesso tempo.
Non un capolavoro ma sicuramente un film italiano che vale la pena vedere.

Daffy  @  14/05/2011 16:12:07
   7½ / 10
è il primo film di Salvatores che vedo, e devo dire che mi è piaciuto tanto! Ha saputo raccontare una storia in fin dei conti abbastanza stucchevole senza far pesare la troppa dolcezza. In fin dei conti il cinema è anche questo. Non sempre c'è bisogno di urlare al capolavoro, è sufficente raccontare una bella storia con semplicità ed ironia per creare qualcosa di bello, e devo dire che questo film fa proprio questo. Affronta i temi della paura e della felicità senza pretendere di fare grande filosofia. Insomma, consiglio di guardarlo


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Clint Eastwood  @  10/05/2011 10:45:52
   7½ / 10
C'è da dire che se non fosse per filmscoop mai me lo sarei sognato di vedere una bella commedia italiana fatta di recente.
Il film di Salvatores (ora occupato in un film sulla quotidianità giovanile transnistriana) è un commedia fatta con garbo obbligatoriamente stucchevole per non accollarsi nominativi dai più esigenti/nostalgici e critici pignoli. E' semplicemente godibile nella sua evoluzione e caratteristica dei personaggi.

"Sto bene. Sto veramente bene, però ... che càzzò ci fa un gabbiano in una città senza mare ?" 7/7.5

Invia una mail all'autore del commento ciaco63  @  16/04/2011 06:17:07
   7 / 10
Molta sapienza cinematografica in un film che non ha la pretesa di essere un capolavoro. Tuttavia è godibilissimo e offre diversi spunti di riflessione sulle contraddizioni e le amarezze della vita.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  12/04/2011 23:10:48
   7 / 10
Commedia divertente e d'autore firmata Salvatores che raramente si cimenta in questo genere di film...
Ormai il termine "commedia" in Italia si accosta a filmetti piuttosto scadenti di basso livello tecnico...qui invece fotografia e scenografia sono curatissimi e fanno parte integrante del film a cui danno un 'importanza maggiore!
Cast tutto in parte con nota di merito particolare a De luigi che riesce a far sorridere e commuovere allo stesso tempo!
Per la colonna sonora ci pensano Paul Simon & Art Gartfunkel e Chopin...niente da aggiungere se non che è una gioia per le nostre orecchie!
Da vedere per rivalutare il nostro cinema che porta sullo schermo commedie semplici ma girate con originalita'!
Una nota negativa secondo me...il rivolgersi al pubblico da parte degli attori funziona fino a un certo punto,poi stufa un po'...

ste 10  @  09/04/2011 21:07:07
   7 / 10
Una commedia piacevole, direi nella media però godibile e piuttosto raffinata

benzo24  @  07/04/2011 14:22:23
   1 / 10
commedia stucchevole, interpretata veramente male, con una sceneggiatura talmente falsa che mi sembrava di vedere qualcosa di fantascientifico di serie z.

dave90  @  05/04/2011 20:04:39
   7 / 10
Piacevolmente spiazzato!
Belle le ambientazioni e i personaggi.

Si perde leggermente nel finale.
consigliato.

alan  @  18/03/2011 15:31:34
   7½ / 10
Quando ho deciso di vederlo mi aspettavo tutto tranne questo.
Ed è stata una piacevolissima sorpresa!
Tutti (o quasi) avete citato Pirandello come grande ispiratore di questa pellicola, ed è vero che la sua influenza è stata decisiva.
Ma a me nel vederlo ha ricordato anche un'altra opera che purtroppo in Italia e pressoché sconosciuta, e cioè Niebla dello scrittore spagnolo Miguel de Unamuno, precedente a Pirandello e quindi ispiratore morale delle coraggiose tematiche espresse in questo lavoro di Salvatores.
Un'opera in cui realtà e finzione letteraria si intrecciano, si confondono ed interagiscono alla perfezione.
Non è uno stile adatto a tutti, non è un film che piacerà a tutti.
Ma è Arte allo stato puro

Xavier666  @  12/03/2011 18:29:03
   7½ / 10
Film magnifico che in un momento sublime riesce ad omaggiare Milano con un sottofondo "notturno" da far venire i brividi.
(Valeria Bilello splendida sorpresa, la Buy poco sfruttata ma giusto così )
Film che si lascia vedere, fresco, devo ammettere che non volevo vederlo perchè ho una sorta di pregiudizio verso il cinema italiano degli ultimi anni, tutti incentrati sull'amore, manuale d'amore, ti voglio sposare... ma davvero la società italiana è diventata così sessocentrica? Beh film come questo ci danno respiro. Che bello vedere De Luigi in questo ruolo.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Dexter '86  @  21/02/2011 18:26:01
   7½ / 10
Finalmente una commedia italiana che lascia soddisfatti dopo la visione. Magari l'idea dei personaggi che prendono vita e si confrontano con il loro autore non sarà una novità assoluta ma è senz'altro una ventata d'aria fresca nel cinema italico degli ultimi anni. Durante la visione ci si diverte e gli attori sono tutti all'altezza dei rispettivi ruoli. Notevole anche il comparto tecnico, specialmente la fotografia, che offre alcune immagini decisamente suggestive, e la colonna sonora a base di Simon and Garfunkel e Chopin.
Consigliato a tutti.

krypton  @  18/02/2011 18:19:31
   5 / 10
Una commediola che prende spunto dal ben più celebre romanzo di Pirandello; all'inizio pare divertente e di contenuti profondi, poi da metà film via, si perde in luoghi comuni e in ripetizioni all'infinito del gioco di ruoli tra de Luigi e gli altri personaggi.

Sinceramente da un regista come Salvatores mi aspettavo molto di più...

mr orange  @  26/01/2011 22:10:56
   6 / 10
commedia carina, non si ride spesso al massimo qualche sorriso comunque affronta diverse tematiche usando poi uno stile diverso dal solito. bravo sia il comparto tecnico che gli attori (tutti).

logicman  @  20/01/2011 11:45:44
   7 / 10
Vale la pena di vederlo.
Ottima fotografia, splendidi interpreti ( grande Bentivoglio ), storia accattivante e tutt'altro che banale.
Non sarà un capolavoro, ma è un'opera che, pur raccontando storie tragiche, le affronta con elegante spensieratezza.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR peucezia  @  28/12/2010 16:20:31
   7½ / 10
curioso film di taglio squisitamente teatrale.
bellissima la fotografia

andre.88  @  07/12/2010 16:08:53
   7½ / 10
film carino, trama innovativa rispetto ad una normale commedia. piacevole.

Wally  @  22/11/2010 01:54:37
   8 / 10
Forse io di film non capisco assolutamente niente ma questo mi ha davvero preso... A vedere la media così bassa è perchè forse tutti lo avete paragonato a tutti i vari film di Salvatores... Beh io Salvatores lo conosco poco quindi sono contento così!

E' un ottima storia con personaggi molto strambi ma anche molto reali... Soprattutto nella famiglia di Abatantuono... SOno proprio vere come persone... Ne conosco una fucilata di persone così! Dalla parte borghese invece mi sembrano alla fine un pò tutti troppo per bene! Di solito loro non si mischiano con quelli che stanno più in basso! Poi in una città come Milano!

Ho trovato ottima l idea di approfondire così tanto i personaggi e di farli parlare direttamente con lo spettatore... E' un idea che a mio avviso funziona sempre alla grande!

De Luigi è un grande... Certo forse come attore non è che sia proprio eccelso ma se la cava e riesce a far ridere... Tutti gli altri sono molto divertenti anche se odio profondamente il personaggio di Filippo... a 16 anni non credo sia possibile essere così... E se lo sei caro mio tagliati la testa o fatti lobotomizzare che è meglio!



Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Complimenti! Me ne ricorderò

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  05/11/2010 16:00:32
   6 / 10
Film leggero di Salvatores , in stile puramente teatrale, con qualche buono spunto, che peggiora un pò con il passare del tempo. Discreto De Luigi tra gli attori, anche se non eccelle.

Fumoffu  @  31/10/2010 23:26:24
   7 / 10
Da Salvatores ci si aspetta forse qualcosa di più, ma tutto sommato il film mi ha lasciato soddisfatto. Dietro un tentativo di parziale sperimentazione, c'è una storia del tutto semplice portata avanti in modo più che buono (De Luigi questa volta mi è piaciuto, anche se come attore non mi ha mai entusiasmato, mentre ho trovato un po' sottotono Abatantuono, nella parte del cinquantenne sempre a farsi le canne è un po' patetico). Bentivoglio rassegnato come al solito, quando...


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Carla Signoris non ha una grande parte, ma si fa apprezzare nella sua simpatia, come tutto il cast quando si trova...


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

La scena...


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Nella scena molto bella di Valeria Bilello al piano vestita di rosso con il Notturno ho subito visto una citazione a Valentina Lisitsa, il vestito è praticamente uguale a quello che aveva al concerto di Seoul, e nella scena della carrellata degli oggetti mi è sembrato proprio di vedere la sua foto.

In definitiva è piacevole vedere questi personaggi agire sotto la guida di un De Luigi innamorato e come tutti capace di diventare quello che si vorrebbe soltanto dietro una storia immaginata.

P.S. Ma...


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

maurimiao68  @  19/10/2010 23:27:32
   4 / 10
L'altra sera a casa di un mio amico staziono x 10minuti davanti alla sua libreria anzi dvdderia, il mio sguardo si sofferma su happy family e faccio: "me lo presti"? e lui risponde "te lo regalo"....ora capisco il perchè! :-)
Molto deludente..direi il peggior lavoro di salvatores...

viagem  @  05/10/2010 11:34:30
   6½ / 10
Originale questo film di Salvatores, che si stacca molto dai suoi precedenti lavori. Piacevole la modalità di racconto teatrale, e soprattutto quella leggerezza e serenità che viene trasmessa in ogni scena del film. Belle anche le immagini di Milano. Il finale "richiesto" dai personaggi, non mi ha convinto molto, ma rimane in bocca un sapore delicato alla fine della visione. Apprezzato.

tavullia86  @  29/09/2010 12:43:49
   5 / 10
scadente, trama trita e ritrita che manca di originalità.

Invia una mail all'autore del commento Totius  @  28/09/2010 23:27:48
   6½ / 10
Non un capolavoro ma l'idea mi pare molto originale ed abbastanza ben sviluppata. Certo dopo quel mezzo aborto di "Come Dio comanda" (almeno per me) mi accontentavo di poco...però l'ho trovato un film godibile.

peppe87  @  28/09/2010 22:54:32
   6½ / 10
non mi convince piu di tanto, carino, ma da salvatores ci si aspetta ben altro.
(abatanutono e de luigi su tutti)

tenchi059  @  28/09/2010 22:30:28
   8 / 10
Fotografia indimenticabile, humor tagliente e mai stupido, non annoia e scorre in un lampo. Da tempo Slavatores non mi piaceva così.

paride_86  @  17/09/2010 21:48:46
   7 / 10
Dopo l'insignificante trasposizione del romanzo di Ammaniti "Come Dio Comanda", Salvatores stupisce con una commedia insolita per il panorama italiano. A dispetto del titolo, la storia è quella di un autore, delle sue ispirazioni e dei suoi fantasmi. "Happy Family" è un film che non sempre coinvolge, ma stupisce per l'ottima regia, la fotografia, i montaggi e le belle dissolvenze.
Lo humour del film è nero, quasi grottesco, e gli attori sono usati al massimo delle loro potenzialità.
Speriamo che Salvatores prosegua per questa strada.

cheguevara  @  15/09/2010 12:43:24
   6½ / 10
Film carino godibile ma che mi lascia un po' perplesso, forse perchè il fatto che sia di Salvatores mi dava maggiori o diverse aspettative e alla fine un po' di delusione è rimasta. ll cast comunque è eccezionale Bentivoglio, Abatantuono e De Luigi fanno come al solito la loro figura per cui il voto e più che sufficiente e se lo si guarda senza aspettarsi troppo può risultare un bel film

calso  @  13/09/2010 17:10:43
   7 / 10
Veramente carino; un film un pò diverso dal solito, molto ironico e divertente con situazioni e personaggi veramente ottimamente pensati.
Un'ironia mai banale, anzi più simile sicuramente ad uno humour inglese piuttosto che la solita commedia;ed in fondo in fondo ha anche una sua morale il che è molto apprezzabile

vale1984  @  13/09/2010 13:55:59
   7 / 10
commedia molto divertente...originale e con un ottimo cast...i personaggi si intrecciano, si raccontano...
unica pecca alcune scene un pò lente dove lo scrittore si fa convincere dai personaggi a continuare a scrivere...li a volte perde un pochino...
comunque il filo conduttore è molto interessante e il finale è molto bello...
la cosa più bella in assoluto di questo film è la fotografia...i colori, la gamma cromatica che cambia a seconda delle scene è bellissima e molto sensibile...ci sono momenti in cui giocano forza il bianco e nero e il rosso o il giallo ma mai nettamente, sempre con attenzione ai particolari...le inquadrature e la regia fanno di una storia semplice un film nuovo, bello!

pinnazza  @  12/09/2010 14:41:19
   6½ / 10
film molto partticolare.
Molto bella la cura delle scene e dei colori.
Alla fine però il risultato non è troppo convincente.

saraceno12  @  09/09/2010 09:50:19
   6½ / 10
Vedere un film alle 7 e mezzo di mattina, appena sveglio non è molto facile, ma devo dire che sono riuscito a farlo con happy family. Non voglio dire niente altro, solo che , per me, cio' significa che è un film che scorre bene, non pesante, leggero e con una buona idea di fondo. Buona giornata a tutti.

Invia una mail all'autore del commento Michylino  @  07/09/2010 08:25:54
   6 / 10
Capisco la voglia di sperimentare. E questo non può che essere apprezzato. Però devo dire, con dispiacere, che al di là del contenitore che ho gradito, devo dire che manca in contenuto. Non capisco cosa il regista mi abbia voluto dire, qual è il messaggio recondito di questa pellicola?!?

Puro esercizio di stile!

1 risposta al commento
Ultima risposta 07/09/2010 08.26.53
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  31/08/2010 15:38:27
   7½ / 10
Di questi tempi "Happy Family" è una ventata d'aria fresca nel grigio panorama della cinematografia italiana.Quasi un esperimento che pur non potendo considerarsi rivoluzionario è sintomatico di quanto un regista affermato come Salvatores non tema di sostenere nuove soluzioni col rischio di deludere.
Ed invece la sua ultima fatica si rivela uno scorcio corale di rara grazia,immortalato in una Milano lontana da quella plumbea cui siamo avvezzi.Una città colorata,priva di traffico,perfettamente vivibile e soprattutto popolata da personaggi che lasciano il segno.
Trattasi di un film nel film,un'opera che lascia interagire tra loro autore e personaggi,i quali a turno si presentano allo spettatore come del resto il loro ideatore,sovente impegnato ad esternare le proprie sensazioni direttamente in camera.La pellicola nasconde tra le pieghe di una comicità leggera e briosa,di cui un Abatantuono strepitoso è incontrastato portavoce,parecchi argomenti di stretta attualità che hanno come presupposto il caos sociale crescente,già in prima battuta ravvisabile all'interno dei nuclei famigliari e quindi in seguito degenerante nei rapporti extra-domestici.
Grande il lavoro svolto sui personaggi,mai caricaturali o sciatti,Bentivoglio e Buy una spanna sopra il resto della combriccola che se la cava egregiamente proponendo una Valeria Bilello sorprendente in positivo.Alle note di Chopin da lei suonate al pianoforte e ad immagini in bianco e nero di una Milano notturna e malinconica è affidato il compito di innalzare un'ode meneghina pregna di magia crepuscolare,perla di rara bellezza all'interno di una pellicola lontana dalla grezza convenzionalità di parecchio cinema tricolore recente.
In verità qualcosa si perde per strada quando i sentimentalismi rischiano di prendere il sopravvento,poco male in quanto l'esagerazione è bandita e il metodo narrativo resta pimpante anche nei passaggi più consueti.

Invia una mail all'autore del commento bleck  @  26/08/2010 13:18:24
   4 / 10
Mi unisco al coro di quelli che non si spiegano i voti alti...forse sono voti di stima, non c'è altra spiegazione, una vera grossa delusione, come se si fosse comunque dovuto fare un film per rispettare accordi contrattuali con la produzione, invece credo che artisti a livello di Salvatores dovrebbero proporsi solo se realmente hanno qualcosa da dire e visto che da dire non aveva (almeno stavolta) nulla, il regista ha deciso di farci vedere quanto è bravo comunque a fare un film. Come per dire..."sono tutti bravi a fare un bel film da una grande sceneggiatura, ora vi faccio vedere io quanto sono bravo a fare un film con una trama banale, scontata, che occhiolineggiava ad una certa originalità, una sorta di esercizio di stile venuto decisamente male pur disponendo di un cast (la cricca Salvatores ed altri...) decisamente niente male.

wight  @  25/08/2010 14:20:51
   4 / 10
Film fin troppo scontato e pieno di clichè. Si salva solo la sequenza delle immagini notturne di Milano con i notturni di Chopin in sottofondo.

jason13  @  15/08/2010 09:44:41
   4 / 10
Grossa delusione per l'ultimo film di Salvatores...non riesco a capire come si possa produrre una cosa del genere.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  10/08/2010 11:01:53
   7 / 10
Commedia metacinematografica riuscita.
Salvatores utilizza un espediente pirandelliano per dare un tocco di originalità al suo film, cosa molto apprezzabile.
Inoltre i personaggi, oltre ad essere ben caratterizzati sono interpretati da un cast notevole. Baravo De Luigi, brava la Buy così come il resto del cast.
Ambientato in una Milano colorata e surreale "Happy family" riesce a divertire e intrattenere.

Ezio77  @  08/08/2010 10:47:06
   5 / 10
Veramente bruttino. Pochi sprazzi, troppi rallenty, pretenzioso. Purtroppo con dispiacere devo ammettere che le ultime due prove di Salvatores non mi sono piaciute affatto. Capisco l'intento di mettere un'idea originale in un film (ma è poi così originale?) ma il film nel film crea trope interruzioni allo scorrere della trama, ci sono troppe pause. Unica nota lieta Valeria Bilello. In alcuni tratti mi ha ricordato la Winona Ryder di Tim Burton.

Podo  @  13/05/2010 08:36:09
   8 / 10
E' un film originale dove puoi apprezzare veramente il regista Salvatores...
Non è banale ma divertente con attori fantastici il primo tra tutti Fabio De Luigi...che riesce a farti sorridere anche solo con la sua mimica facciale!!UN GRANDE!! Film breve ma piacevole dove nulla è dato per scontato..

pilone  @  08/05/2010 12:29:00
   8 / 10
Ci voleva Salvatores per dare un pò di originalità ad un cinema italiano sempre più monotematico (amore qui, amore la ecc.. )

Consigliatissimo, ci si diverte proprio!

Invia una mail all'autore del commento Folly  @  23/04/2010 12:57:44
   6½ / 10
Almeno non è uno di quei film dove sai benissimo cosa accadrà dopo, quelli fatti con lo stampino.

amalaroma  @  22/04/2010 11:14:18
   5 / 10
Film imbarazzante perchè scontato carina solo l'idea del regista geniale ma per il resto tutto da rifare, non prendo mai il via questo film... pronti partenza e .... manca il VIA cambiate indirizzo di film state a casa è meglio!

1 risposta al commento
Ultima risposta 16/07/2010 22.27.36
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo REDAZIONE amterme63  @  19/04/2010 00:09:23
   7½ / 10
Il film è veramente divertente, ben fatto e interessante da diversi punti di vista, sia generali (su come gestire la propria vita), che particolari (la maniera con cui attualmente percepiamo il reale).
I minuti iniziali sono secondo me la parte più riuscita del film. Diciamo che è un’idea molto originale e ben riuscita quella di far presentare i personaggi da loro stessi, guardando direttamente la macchina da presa. In questo maniera si crea distacco e interesse fra lo spettatore e ciò che appare sullo schermo e così possiamo percepire e giudicare spassionatamente i caratteri e i relativi comportamenti.
Si tratta di persone varie e interessanti, ognuna con la propria particolare personalità che rimane impressa. Quello che salta all’occhio nel modo con cui si presentano è il fatto che accennino di sfuggita o non dicano per niente che mestiere fanno, qual è il loro rapporto con il resto della società. Si concentrano soprattutto sul lato esistenziale della loro vita e sui piccoli/grandi problemi interiori da cui sono “afflitti”.
Di fatto si crea come una zona neutra, particolare, che esiste soprattutto al cinema o in televisione, in cui si parla soprattutto di fatti soprattutto privati, anche importanti e seri (come avere pochi giorni da vivere a causa di un tumore, oppure la necessità di rivelare verità sessuali scomode) ma che escludono e quasi sostituiscono le enormi contraddizioni sociali e etiche che stanno sconquassando la nostra società. Questa zona neutra (in cui vivono i grandi fratelli, i talk show, i telegiornali) finisce per sostituire e annullare il “reale”, sentito come brutto, spiacevole e poco interessante.
Del resto lo vediamo anche in questo film dove il problema dell’immigrazione (i cinesi) o del disagio sociale (il graffitaro) vengono citati di sfuggita, trattati come eventi leggeri, quasi folkloristici. Eppure in passato le commedie, pur restando fedeli al canone stilistico, graffiavano, mostravano impietose le contraddizioni o le verità scomode. Adesso in genere si tende sempre ad edulcorare o a nascondere i contrasti.
Questo film in qualche maniera rende palese la prevalenza del fittizio sul reale, proprio evidenziando il gioco scenico che sta alla base della rappresentazione. Pirandello si era servito di questa figura retorica per denunciare la spersonalizzazione dell’individuo nella società burocratica moderna, Salvatores la usa invece come via di fuga, come rifugio in cui ci si può divertire, consolarsi o magari sognare, vivere in un “reale” migliore. L’intenzione di abbellire e trasfigurare l’esistente è chiara anche dalla scelta di Simon & Garfunkel e dei Notturni di Chopin per contrappuntare le immagini che scorrono. Quella musica appartiene ad un registro poetico “positivo”, di tipo introspettivo-delicato-nostalgico, adatta per rendere bella e accattivante qualsiasi situazione. Con il Notturno di Chopin come sottofondo apparirebbe bella in bianco e nero qualsiasi città del mondo, persino New York o Il Cairo o Tokyo.
Il sogno di riuscire a vivere in armonia in una situazione comunitaria ristretta (famiglia o gruppo di persone amiche) è l’unico desiderio-aspirazione che è rimasto alla coscienza collettiva italiana di oggi. L’unico argomento che riesce a farci sorridere o commuovere, l’unica fonte di ironia solare che ci viene concessa.
Personalmente capisco il desiderio di evadere nella leggerezza imponderabile e affascinante che ha la dimensione privata domestica dell’esistenza umana (specialmente dei ceti medio-alti), speriamo solo che non ci caschi questo bel mondo tutto all’improvviso addosso. Se non altro non ce siamo accorti (o più probabilmente non abbiamo avuto il coraggio di guardare).

2 risposte al commento
Ultima risposta 19/04/2010 08.29.52
Visualizza / Rispondi al commento
Rand  @  16/04/2010 15:24:03
   7½ / 10
Devo dire che Salvatores è sempre una sorpresa, ad ogni film che fà, dopo il duro come dio comando, ritorna alla commedia sofisticata ed inteligente con questo Happy Family, riunendo il cast delle grandi occasioni, De luigi, Abatantuomo, Bentivoglio, marherita Buy, la moglie di Crozza, e altri. Devo dire che lo stile narrativo è molto originale, coinvolgendo lo spettatore nella storia, in modo semplice ma diretto. Molto bella la visione di milano, delle sue vie, strpitosa la scena con in sottofondo il notturno di chopin. In definitva un film che diverte ma fà anche riflettere sul significato della vita, sulle nostre paure, un plauso per il monologo di De luigi sulle nostre paure, veramente azzeccato ed espresso bene.
Queste sono le commedie che amo, non l'intruglio Vanzina, Parenti e company.
Non è necessario fare storie complessissime, ma avere il coraggio di raccontarle le storie.
"Come sto? Bene, sembri Nelson Mandela!"

outsider  @  13/04/2010 21:09:18
   5½ / 10
Mi dispiace dire che questo voto non solo è ragionato, ma anche pesante trattandosi di Salvadores.
Non riesco davvero a capire i voti alti.
Si esce dalla sala a bocca asciutta, per di più stanchi dell'interpretazione, mi si consenta, da palle mosce dello scrittore presunto autore del romanzo immaginario.
Ma quale Pirandello! Non ci sono le rifinitura oniriche, le atmosfere o un'interpretazione che renda giustizia.
Sinceramente sono rimasto davvero annoiato e uscito deluso dal cinema. Visto l'interprete principale che non mi piace assolutamente come attore poichè prvo di grinta non dico d'essermi meravigliato, anche perchè Salvadores è bravo quando può utilizzare ampi e torridi scenari al limite del sudore in inquadrature di personaggi semidemenziali o in preda a sindromi contestative ( chi ha visto le altre opere sa a cosa mi riferisco)
qui si è spesso al chiuso ed in una Milano che non esiste e non avrebbe senso d'essere così. Non è riuscito nemmeno a cogliere un aspetto di sfumatura Felliniana che il personaggio minore minore con il cane ( nome Gianni il padrone) poteva avere.
Salvadores validissimo, per carità, per questo ancor più criticabile.
Abatantuono come sempre bravissimissimo nell'interpretazione che, ahimè, oscura tutti e la buy per prima, mezza calzetta in questo ruolo opaco.
Gabriele, pe rcarità, ridacci il nostro Mediterraneo e consenti a colossi come il Diego nazionale di lavorare in contesti in cui la sua bravura interpretativa abbia un contorno degno di lui.

4 risposte al commento
Ultima risposta 16/04/2010 19.14.45
Visualizza / Rispondi al commento
Alex83  @  12/04/2010 23:37:59
   8 / 10
Originale e "pirandelliano". Non mi aspettavo un'interpretazione del genere da Fabio De Luigi, che ho sempre apprezzato come comico televisivo (mi sono evitato i film di Natale...).

Gruppo COLLABORATORI SENIOR jack_torrence  @  12/04/2010 18:18:37
   6½ / 10
Uno dei temi centrali (forse il maggiore) in Salvatores, è sempre stato l'istinto di liberazione dalla rete di condizionamenti indotti dalla società, e dal nucleo familiare in primis. La forza dell'amicizia, e l'istinto di fuga.
"Dedicato a tutti quelli che stanno fuggendo", mi pare recitasse in chiusura Mediterraneo.

Anche il senso che si rintraccia in "Happy family" è legato al coraggio di provarci; superare le paure (irresistibilmente elencate nel bel monologo dell'incipit); crederci fino in fondo e non solo nel buio della propria stanz(on)a di scrittore solitario e autoreferenziale. Provare a bussare alla porta della vicina, e volare con lo sguardo nei cieli sopra i palazzi di Milano.
(Belle le inquadrature dal basso verso l'alto, a cogliere quanto più cielo possibile).

Di Salvatores mi piace la familiarità.
L'intesa che quasi sempre riesce a creare con il pubblico ha qualcosa di confidenziale, di pulito, di sincero.
E' anche il suo limite.
E la mancanza di cattiveria, l'assenza di acidità delle sue commedie, se - in casi felici come Happy family - a lui la perdoniamo con condiscendenza (vuoi perché con l'originalità del tocco vuoi perché con la tenerezza di alcune situazioni, ci ha convinto), altrove è la causa principale della crisi della commedia all'italiana.
Senza calcolare proprio i cinepanettoni, che fanno genere a sé, la commedia all'italiana per conquistare il pubblico, oggi più che mai ha bisogno di compiacere lo spettatore, di blandirlo.
Insomma, tranne in casi isolati e poco visibili, la commedia che fa cassetta è quella che assolutamente NON porta l'italiano a specchiarsi nei propri vizi, nella grettezza, nella bassezza e mediocrità non dico de "I mostri", ma almeno di "Amici miei".

In questo film di Salvatores l'originalità è in forte debito (più che di Pirandello, che non c'entra molto e lo rivela coscientemente Salvatores stesso, esibendo il rimando con una citazione esplicita) di Wes Anderson e dei suoi "Tenenbaum". L'eccentricità del film, e anche quella dei suoi personaggi, rimanda a quel film. L'omaggio di Salvatores è consapevole e trucca la ragazza di modo che somigli a Gwineth Paltrow in quel film, e il ragazzo gioca a tennis come un altro dei fratelli dei Tenenbaum.
L'infelicità di partenza, e la riconciliazione finale, provengono anch'esse dai Tenenbaum.

Ma, anche prescindendo dall'assenza di cattiveria (che sarebbe scorretto imputare a difetto del film, ma certo ne è un limite), vorrei che Salvatores mi rispondesse a tre domande, per spiegarmi la tenuta di credibilità del suo messaggio - che resta circoscritto alle classi agiate.
Il protagonista scrive. Ma come si paga da vivere? Lo dice: grazie a una grossa eredità. Fortunato. Chi rappresenta?
Abatantuono - disegnato come un simpatico adolescente perdigiorno di 50 anni - è una specie di skipper. Chi rappresenta?
Bentivoglio, ricco avvocato altolocato, alla fine può beneficiare di una favolosa suite in ospedale A PANAMA, con una impagabile vista sul mare. Chi rappresenta in questo caso lo capiamo bene. Nè per carità gliene vogliamo; siamo anzi contenti per lui; però non tutti potrebbero permettersi quella clinica, decisamente.
E allora ecco come, di questo passo, tutto sia un po' troppo facilmente edulcorato.

Molto bella la sequenza del concerto di pianoforte.
Il notturno di Chopin, con l'intuizione di abbinarvi le scene mute e in b/n della Milano "nascosta", quella dei lavoratori (gli addetti alle pulizie, i macchinisti delle metropolitane, ecc.) e dei turni di notte, consentono una duplice riflessione nello spettatore. La prima è epidermica: quella musica sospesa, così intima, invita a raccoglierci un attimo, allontanarci dalla frenesia con cui la quotidianità ci allontana dall'autenticità, e recuperare un briciolo di spirito.
Ma - e questa è la seconda riflessione - quanto spesso possono - o anche solo pensano - i protagonisti di quella sequenza (e cioè i lavoratori: quelli che puliscono le strade, che guidano i treni, anche di notte) di permettersi il lusso di entrare in un teatro di gente della Milano "bene", per astrarsi dalle loro quotidiane incombenze, e godere anche loro dei benefici per lo spirito di un notturno di Chopin?

Salvatores parla a un pubblico di "borghesi" viziati (un po' tristi e meschini), quali siamo in tanti, e ci consola, e ci racconta che la vita può essere più bella.
Mh.

6 risposte al commento
Ultima risposta 04/05/2010 02.14.20
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI Marco Iafrate  @  11/04/2010 22:57:42
   7 / 10
Se si supera l'ostacolo dell'omologazione dei temi trattati ormai da diversi anni da un certo cinema italiano ( la crisi dei rapporti all'interno delle famiglie medio-borghesi, le difficoltà di comunicazione, gli effetti della malattia sulla vita sociale, depressioni ed esaurimenti vari), il film è una piacevole sorpresa sia per l'originalità di base (l'annoiato Ezio scrive la sceneggiatura di un film i cui personaggi interagiscono con il proprio creatore) che per la freschezza con la quale vengono affrontate le situazioni più rocambolesche.
Certo la sensazione del déjà vu si respira per tutto il film, attori feticcio come il buon Diego Abatantuomo con il suo desiderio di evasione nell'esotico ci riporta indietro negli anni, così come Margherita Buy non riesce a togliersi la maschera di donna perennemente ossessionata e nevrotica neanche se recitasse la parte di un asceta. E' ormai una costante dell'attuale commedia italiana; crisi, nevrosi, incomprensioni, paure, rischiano di omologarsi ed entrare a far parte di un enorme calderone di luoghi comuni dai quali lo spettatore comincia a prendere le distanze se il prodotto non viene confezionato con mestiere, a Salvatores va riconosciuto il merito di averci provato.

jolly  @  11/04/2010 10:30:41
   7 / 10
Il film forse è il peggiore di salvatores...il 7 è per la poesia che sempre mette in tutto quello che crea...UNICO!

max67  @  10/04/2010 09:28:44
   5 / 10
i voti alti di chi ma ha preceduto mi hanno spinto ad andarlo a vedere , ma sono uscito dalla sala annoiato e deluso , salvatores si avventura in un film alla w.allen senza pero' il ritmo e la profondita che serve a film del genere i personaggi interessanti all'inizio diventano ripetitivi e banali ,la cattiveria che servirebbe per finire il film si tramuta in un finale banale .

Invia una mail all'autore del commento SPIZZDAVIDE  @  09/04/2010 15:06:30
   3 / 10
MI dispiace dare questo voto.
Ma l'impronta di originalità che Salvatores prova a dare a questa spicciola scenggiatura ( forse per riempire i vuoti di una trama noiosa ) risulta essere quasi irritante.
Per non parlare del fatto che i 90 minuti di visione di questo film sono stati una dura lotta contro il sonno.
Inoltre i temi sociali trattati vengono poco approfonditi e buttati là fini a se stessi.
Non ci siamo proprio !!!!

goodwolf  @  09/04/2010 10:04:34
   6½ / 10
Commedia molto gradevole, ho riso molte volte (praticamente quasi ogni volta che apriva bocca Abatantuono), ma nel complesso sembra che manchi qualcosa. Sarà che c'erano troppi personaggi e non tutti sono stati molto attenzionati, sarà che De Luigi non è stato sfruttato al massimo o non mi è piaciuto il suo personaggio, non saprei. Neanche Bentivoglio non mi è piaciuto, ma non è una novità, per me.
Non certo tra i migliori film di Salvatores, ma merita ugualmente una visione.

TimBart  @  08/04/2010 13:01:27
   7 / 10
Salvatores torna alla commedia, genere che gli ha dato le migliori soddisfazioni personali e dimostra di non aver dimenticato come dirigerle. Il metacinema o metateatro (happy family era una commedia teatrale) che richiama un pò Woody Allen ma con più carrelli e movimenti di macchina (lo stesso regista vuol fare di Milano la New York di Allen diceva) è una mossa già vista ma efficace per dar ritmo ad una storia che si lascia seguire facilmente, diverte e lascia tutti col sorriso. Azzeccatissimi tutti gli attori, in particolare (a sorpresa) la vj Valeria Bilello probabilmente destinata ad essere lanciata da questo film. Tante le citazioni, dal tributo a Wes Anderson (fotografia che richiama il colore di sceografia e costumi e viceversa), al finale alla "I Soliti Sospetti". Più divertenti i dialoghi e i siparietti dei personaggi che la storia in se, probabilmente più funzionale a teatro, ma anche su grande schermo non demerita e il risultato a mio avviso supera ampiamente la sufficienza. Salvatores si conferma comunque uno dei pochi registi italiani in grado (anche grazie al nome) di osare, dal surreale (Denti) alla fantascienza (Nirvana) al thriller (Quo Vadis Baby?) e ora alla commedia metacinematografica all'americana, perchè diciamoci la verità, di solito in Italia queste storie non si vedono. Ed è un peccato. Ci vorrebbe più surreale che dramma nei nostri film, la vita non va presa sul serio, tanto comunque vada non ne usciremo vivi. Come Vincenzo/Bentivoglio.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

branca73  @  06/04/2010 10:42:33
   7 / 10
Il titolo (orrendo) merita un 3, il fim invece è gradevolissimo, certo non il migliore di Salvatores, ma vale le pena. Per un momento ho avuto la terribile sensazione provata durante la visione di "Nirvana", ma è subito sparita. Sarà molto apprezzato dai milansesi e dai nostalgici di Turnè. Marrkesh etc, etc. Ottimo Bentivoglio, come sempre.

1 risposta al commento
Ultima risposta 07/04/2010 20.56.03
Visualizza / Rispondi al commento
dagon  @  05/04/2010 23:59:28
   7 / 10
una sorta de "i Tenenbaum" all'italiana, di certo il regista ha girato questo "happy family" avendo ben presente il film di Anderson. Non del tutto riuscito, accosta delle intuizioni notevoli a dei momenti più fiacchi e meno riusciti. Comunque Salvatores, almeno, è uno dei pochissimi in Italia che prova a fare qualcosa di diverso e a spaziare tra i generi.

  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1968 gli uccelli45 seconds of laughter5 e' il numero perfettoa herdadea sona spasso col pandaabout endlessnessad astraadults in the roomall this victoryamerican skinandrey tarkovskji. a cinema prayerangry birds 2 - nemici amici per sempreantropocene - l'epoca umanaapollo 11appena un minutoaquile randagiearab bluesatlantis (2019)attacco al potere 3 - angel has fallenbabyteethballoonbarnbeyond the beach: the hell and the hopeblanco en blancoblinded by the light - travolto dalla musicaboia, maschere, segreti: l'horror italiano degli anni sessantabombay rosebrave ragazzeburning - l'amore bruciaburning cane
 HOT
c'era una volta a... hollywoodcercando valentinacharlie says - charlie dicechiara ferragni - unpostedcitizen kcitizen rosicity hunter - private eyescolectivcorpus christicrawl - intrappolatidelphinediego maradonadora e la citta' perdutadrive me homee poi c'e' katherineeat local - a cena con i vampirieffetto dominoel principeelectric swanemaemilio vedova. dalla parte del naufragiofellini fine maifiebre australfulci for fakegemini mangenitori quasi perfettigiants being lonelygive up the ghostgli angeli nascosti di luchino viscontigloria mundigretaguest of honourhava, maryam, ayeshahole - l'abissohouse of cardini diari di angela - noi due cineasti. capitolo secondoi migliori anni della nostra vita (2019)il colpo del caneil criminaleil mostro di st. pauliil pianeta in mareil piccolo yetiil prigionieroil re leone (2019)il regnoil signor diavoloil sindaco del rione sanita' (2019)il varcoio, leonardoit: capitolo 2
 HOT R
jokerjust 6.5kingdom comela fattoria dei nostri sognila legge degli spazi bianchila lloronala mafia non e' piu' quella di una voltala rivincita delle sfigatela scomparsa di mia madrela verita' (2019)la vita invisibile di euridice gusmaola voce del marel'amour flou - come separarsi e restare amicile coup des larmesles chevaux voyageurslife as a b-movie: piero vivarellilingua francal'ospite - un viaggio sui divani degli altrilou von salome'l'uomo che volle vivere 120 annimademoisellemadre (2019)manta raymarriage storymartin edenmes jours de gloiremio fratello rincorre i dinosaurimoffiemondo sexymosulnato a xibetnever just a dream: stanley kubrick and eyes wide shutneviano.7 cherry lanenon si puo' morire ballandonon succede, ma se succede...of fathers and sonsoltre la buferaparthenonpelican bloodphotographpop black postapsychosiarambo: last bloodrare beastsrevenirrialtoroger waters us + themroqaiarosa (2019)sabbiasanctorumsaturday fictionscales
 NEW
scary stories to tell in the darkscherza con i fantise c'e' un aldila' sono fottuto: vita e cinema di claudio caligarisearching evasebergselfie di famigliaseules les betessh_t happensshadow of watershaun, vita da pecora - farmageddonsolestate funeralstrange but truestuber - autista d'assaltosubmergencesupereroi senza superpoteriteen spirit - a un passo dal sognothanks!the burnt orange heresythe diverthe great green wallthe king (2019)the kingmakerthe laundromatthe lodgethe long walkthe nest (il nido)the painted birdthe perfect candidatethe rider - il sogno di un cowboythe scarecrowsthey say nothing stays the sametolkientony drivertorino nera (2019)tutta un'altra vitatuttappostoun monde plus grandverdictvivere (2019)vox luxwaiting for the barbarianswake up - il risvegliowasp networkwomanyesterday (2019)you will die at 20zerozerozero - stagione 1zumiriki

993021 commenti su 42181 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net