Recensione loft regia di Kiyoshi Kurosawa Giappone, Corea del Sud 2005
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione loft (2005)

Voto Visitatori:   6,50 / 10 (4 voti)6,50Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film LOFT

Immagine tratta dal film LOFT

Immagine tratta dal film LOFT

Immagine tratta dal film LOFT

Immagine tratta dal film LOFT
 

Reiko Ŕ una scrittrice in crisi creativa. Il suo editore le propone un soggiorno in una casa in campagna per rilassarsi e riprendere a scrivere. Appena trasferita Reiko vede dalla finestra un uomo trasportare quello che le sembra un corpo.
Successivamente scopre che si tratta di Yoshioka, un antropologo dell'universitÓ che sta studiando una mummia.
Intanto Reiko avverte delle strane presenze all'interno della casa, e lÓ scopre un manoscritto.

Questa volta Kurosawa si Ŕ concesso il divertimento di giocare con lo spettatore.
Ad una prima occhiata di superficie pu˛ sembrare che egli abbia scelto di mostrare, come mai prima, il perturbante che solitamente suggerisce alternative possibili, e quasi mai percorribili, all'interno della sua opera.
Ma al secondo sguardo appare giÓ chiaro che non solo non Ŕ cosý, ma che addirittura tutto quel mostrare Ŕ fuorviante, quello che lo spettatore vedrÓ in realtÓ non Ŕ che il fumo negli occhi che Kurosawa getta per mascherare, ancora una volta i contenuti inquietanti di cui il suo cinema Ŕ saturo.
Non Ŕ la mummia il vero punto del racconto, e nemmeno il fantasma della precedente inquilina, forse uccisa da uno o dall'altro dei protagonisti, non importa chi. NŔ la crisi creativa di Reiko ha di per sŔ un significato, se non nella misura in cui apre la porta al perturbante che stavolta abita non solo la casa, ma anche l'anima di chi silenzioso nella notte porta a spasso una mummia. O forse potrebbe sembrare che l'editore sia invischiato a molti livelli con la sorte della precedente inquilina, ma neanche questo Ŕ importante.
La polizia, i corpi e il fango sono solo la superficie dietro cui aleggia altro, un altro da sÚ che Kurosawa nasconde bene, mostrandolo solo in un contesto quotidiano e quindi rassicurante.

Alla fine il nostro sguardo si poserÓ su un oggetto, in campo fin dai primi fotogrammi e per questo trascurato da tutti, l'inceneritore. Il destino ultimo di tutti gli elementi contenuti nel racconto ci appare chiaro a mano a mano. Dapprima c'Ŕ la spazzatura, e qua siamo nella norma, il quotidiano Ŕ ancora normale e rassicurante.
Poi appare il manoscritto, a segnalare il destino ultimo delle aspirazioni di Reiko.
Il manoscritto che lei spaccerÓ per suo e che alla fine brucerÓ non Ŕ che il segno di quella che era la sua aspirazione e della fine di questa. Nel momento in cui lei passa il segno e parla alla mummia sappiamo giÓ che cosa accadrÓ a quel manoscritto, e con esso scopriamo il destino delle aspirazioni letterarie di Reiko. Cenere alla cenere.

Poi abbiamo la mummia, e qua il discorso si fa non solo complesso, ma addirittura ermetico.
Se Yoshioka Ŕ ossessionato dalla mummia come potrÓ uscirne senza distruggerla? E quando la mummia verrÓ sballottata qua e lÓ nel tentativo di darle una collocazione ultima che sia interna e non pi¨ esterna al racconto ed alla vita dei protagonisti, come si potrÓ mai legare la sua presenza alla vita di chi aspira, per vie diverse all'immortalitÓ?
La mummia, come le aspirazioni letterarie di Reiko Ŕ l'emblema dell'immortalitÓ, il senso ultimo di sopravvivenza al proprio tempo. E in questo caso essa Ŕ ancora una volta destinata a sopravvivere al momento, attraverso la proiezione che Yoshioka non pu˛ pi¨ fare a meno di fare, per coprire la sua colpa.
La mummia pu˛ essere sia il segno delle possibilitÓ di fama dell'antropologo, che il ricettacolo della sua colpa: "vieni con me" gli dice il fantasma, "dove?" chiede lui, "all'inferno". Cenere alla cenere.

E ultimo ma non meno importante il dubbio, illustrato attraverso immagini oniriche, circa la responsabilitÓ nella morte della precedente inquilina, il fantasma.
Questo viene affidato alle fiamme solo per traslato, in veritÓ verrÓ sprofondato nell'acqua, elemento primordiale e portatore di vita, e pertanto affidato al sogno ed alla permanenza attraverso il tempo.
Tutti gli attori del dramma in realtÓ, sia pure inconsapevolmente aspirano all'immortalitÓ, un'aspirazione che costerÓ in termini emotivi molto pi¨ di quello che ciascuno Ŕ disposto a spendere. E l'inceneritore Ŕ l'indicatore di quello che potrÓ o non potrÓ sopravvivere sul serio.
Allora via il manoscritto, via anche la mummia e con loro il desiderio di fama che affligge Reiko e Yoshioka, via pure il sogno di immortalitÓ del fantasma, che bizzarramente si realizza attraverso la morte, e via la colpa di chi forse ha causato la sua morte e tramite questa la sua sopravvivenza al momento.

Kurosawa ci racconta tutto questo con la consueta maestria e con pi¨ di un pizzico di cattiveria.
La rappresentazione onirica completa l'intento del regista di scardinare i generi per raccontare con occhi nuovi il dramma del desiderio di immortalitÓ e il pericolo che questo si realizzi davvero.

Gli attori, per una volta sono lasciati ad agire il vissuto in completa solitudine; la macchina da presa non li seguirÓ paradossalmente non lasciandoli un attimo, nel desiderio di immortalitÓ e il pericolo, confondendo le carte nel tentativo di stordire lo spettatore con la mole di dati, gran parte dei quali onirici.
La fotografia Ŕ pi¨ sporca del solito, quasi a voler sottolineare i contenuti del racconto e non pi¨ le forme dello stesso.

Appare a questo punto pi¨ che chiaro che la capacitÓ di Kurosawa di cimentarsi con i generi Ŕ sostenuta dalla sua grande abilitÓ nel mescolarli e per questo a volte addirittura riscriverli.
"Loft " Ŕ un modo nuovo per raccontare cose vecchie, e poichÚ si tratta di cose giÓ dette, del loro modo di sopravvivere nonostante la mole di opere che ne hanno trattato ogni aspetto.

Commenta la recensione di LOFT sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Anna Maria Pelella - aggiornata al 28/09/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

adaadorazionealcarras - l'ultimo raccoltoall the streets are silentalla vitaamanti (2020)american nightblack parthenope
 NEW
bodies bodies bodiescasablanca beatscip e ciop: agenti specialicome prima (2021)dashcamdoctor strange nel multiverso della folliadue donne al di la' della leggeelizabeth (2022)elvis (2022)emergencyesterno nottefassbinderfemminile singolarefirestarterfly - vola verso i tuoi sognifreedom (2021)gagarine - proteggi cio' che amigenerazione low costgli stati uniti contro billie holidaygold (2022)hill of visionhope (2019)hustlei giovani amantii tuttofareil fronte internoil giorno piu' belloil naso o la cospirazione degli anticonformistiil paradiso del pavoneil talento di mr. cil viaggio degli eroiinvito al viaggio. concerto per franco battiatoio e lulu'io e spottyitalia. il fuoco, la cenerejane by charlottejurassic world - il dominiokarate mankoza nostrakurdbun - essere curdola bicicletta e il badile - in viaggio come hermann buhlla doppia vita di madeleine collinsla fortuna di nikukola grande guerra del salentola mia ombra e' tuala ragazza ha volatol'altra lunal'angelo dei muril'arma dell'inganno - operazione mincemeatl'audizionele voci solel'eta' dell'innocenza (2022)lettera a francolightyear - la vera storia di buzzliz e l'uccellino azzurromad godmarcel!memoriamemory (2022)mindemicmistero a saint-tropeznavalnynel mio nomenoi duenon sarai solanostalgiaonly the animals - storie di spiriti amantiour fatherpaolo rossi - l'uomo. il campione. la leggenda.peter va sulla lunapleasure
 NEW
prey (2022)quel che conta e' il pensierorevolution of our timesrise - la vera storia di antetokounmposecret love (2021)secret team 355settembre (2022)shark baitspiderhead
 NEW
sposa in rossostudio 666tapirulantenebrathe batmanthe black phonethe deer king - il re dei cervithe forgiventhe gray manthe man from torontothe other side (2020)the princessthe rescue - il salvataggio dei ragazzithe slaughter - la mattanzathe twin - l'altro volto del malethor: love and thundertoilettop gun: mavericktutankhamon. l'ultima mostrauna boccata d'ariaunwelcomevecchie canaglieviaggio a sorpresavieni come seiwild nights with emily dickinsonx - a sexy horror story

1031540 commenti su 47992 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

...E DIVENNE IL PIU' SPIETATO BANDITO DEL SUDALONE TOGETHERAMERICAN HORROR HOUSEBLACKLIGHTCAPTORSCOCAPOPDELITTI, AMORE E GELOSIADISASTRO A CLOUDY MOUNTAINERZULIEFANTASIEFINAL CUT (2022)FIRE ISLANDFRESH HELLGENERATION WARGOOD MAMAMHUESERAI SOPRAVVISSUTI DEL 2000INCANTATIONJACK O'LANTERNLA FOLLIA VIENE DAL PASSATOLA RAGAZZA NELLA FOTOLA RIVOLTA (1983)L'INCANTESIMO DEL LAGO 10 - UN MATRIMONIO REALEL'INCANTESIMO DEL LAGO 6 - LA PRINCIPESSA PIRATAL'INCANTESIMO DEL LAGO 7 - MISSIONE SPIEL'INCANTESIMO DEL LAGO 8 - MIZTERO REALEL'INCANTESIMO DEL LAGO 9 - IL REGNO DELLA MUSICAL'UOMO DALL'ABITO MARRONEMALNAZIDOS - NELLA VALLE DELLA MORTEMID-CENTURYMOON, 66 QUESTIONSMY NAME IS SARANON E' UN LUPORESURRECTION (2022)SINDROMSTEM CELLSUMMONING BLOODY MARYTERROR ON THE PRAIRIETHE DISSIDENTTHE HOUSE (2022)THE HUNTRESS: RUNE OF THE DEADTHE MATCH - LA GRANDE PARTITATHE OVERNIGHT (2022)THE PREY: LEGEND OF KARNOCTUSTHE RISING HAWK - L'ASCESA DEL FALCOTONGS: A NEW YORK CHINATOWN STORYTONY HAWK: UNTIL THE WHEELS FALL OFFTRE PUNTO SEIVENGEANCEVORTEXWIG

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net