Recensione il riccio regia di Mona Achache Francia 2009
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione il riccio (2009)

Voto Visitatori:   6,56 / 10 (52 voti)6,56Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IL RICCIO

Immagine tratta dal film IL RICCIO

Immagine tratta dal film IL RICCIO

Immagine tratta dal film IL RICCIO

Immagine tratta dal film IL RICCIO

Immagine tratta dal film IL RICCIO
 

L'undicenne Paloma, insofferente alla sua famiglia e a quasi tutto il genere umano in generale, sta ponderando il suicidio. Renée, la portiera del lussuosissimo palazzo nel quale abita la ragazzina, vive segretamente la sua grande cultura e la sua passione per i classici letterari e cinematografici. L'arrivo di un nuovo inquilino giapponese, Kakuro, riuscirà a smuovere gli animi di entrambe.

"L'eleganza del riccio", romanzo francese di Mauriel Barbery, è stato un vero e proprio caso letterario in Francia e poi si è diffuso anche negli altri Paesi grazie ad un grandioso passaparola che ne ha decretato il successo di pubblico, ma anche di critica, visto che ha vinto alcuni prestigiosi premi letterari. Quando ci si trova di fronte a successi di tal genere, decidere di crearne una pellicola può risultare un arma a doppio taglio, proprio perché si può sperare in un elevato numero di spettatori spinti dalla curiosità di vedere come le loro amate pagine hanno preso vita sullo schermo, ma al tempo stesso si può incorrere, come del resto è successo in questo caso, nelle "ire" dell'autore stesso che disconosce l'opera ispirata al suo romanzo e degli spettatori che potrebbero rimanere delusi dalle differenze più o meno rilevanti rispetto al libro. Bisognerebbe comprendere però che la letteratura e il cinema, pur essendo a volte compenetrabili, sono due arti completamente diverse, ed è naturale che il passaggio da una all'altra comporti non pochi cambiamenti di stile, di narrazione, di forma e via dicendo. Una volta fatto pace con questa immodificabile realtà, l'autrice del romanzo e gli spettatori esigenti di una fedeltà impossibile da realizzare, potranno fare pace anche col film stesso.

Pur avendo eliminato nel titolo del film la parola "eleganza" che compariva invece in quello del romanzo, "Il riccio", è a tutti gli effetti una pellicola molto elegante e raffinata, che solo di quando in quando si concede delle enfasi eccessive nel sottolineare alcuni passaggi narrativi drammatici o alcuni particolari stati d'animo dei tre protagonisti principali o si abbandona ad alcuni stereotipi circa le figure secondarie come i genitori e la sorella di Paloma o gli abitanti dell'elegante palazzo parigino. E se anche Renée, la portiera, non è esente da stereotipi, nel suo caso, essendo una cosa voluta e perfettamente calcolata dal personaggio stesso che si rifiguia dietro di essi, l'espediente non può che essere apprezzabile. Trattasi comunque di difetti perdonabili trattandosi di un'opera prima che denota un certo potenziale della regista francese.

Lo spettatore si ritroverà allora a seguire attentamente e quasi sempre a condividere i pensieri dell'intelligentissima e matura Paloma, la ragazzina che è incapace di correlarsi con i suoi famigliari, che sente così distanti e inadeguati, e dunque di trovare un posto in cui esprimere completamente se stessa, tanto da ricorrere a numerosi nascondigli all'interno della casa, fino a giungere all'estrema decisione di porre fine alla sua esistenza, vissuta come quella di un pesce rosso in una vaschetta. Prima di morire, però, per mano degli psicofarmaci rubati settimanalmente alla madre in cura da uno psichiatra ormai da 10 anni, decide di filmare con una telecamera tutto ciò che la circonda e che l'ha spinta a ritenere quella del suicidio l'unica soluzione possibile per uscire dalla sua asfissiante e desolante situazione.
Grazie alla deliziosa interpretazione di Garance le Guillermic, riusciamo a simpatizzare totalmente per questa ragazzina a tratti supponente, ma decisamente colta e profonda per avere solo undici anni. Il suo sguardo vispo e attento, coperto spesso dagli occhialini tondi che si incastrano continuamente tra i suoi ricci biondi, ci guiderà non solo all'interno dei borghesismi, dei tic e delle nevrosi dei suoi famigliari, ma anche nel "nascondiglio" di Renée, quella portineria apparentemente spoglia, ma in realtà contenente la ricchezza più grande di tutte: la cultura contenuta in una grande biblioteca ricca di classici letterari tra cui spiccano le opere di Tolstoj, in particolare "Anna Karenina". Quel nascondiglio che farà comprendere a Paloma che nonostante le avversità e gli ostacoli circostanti è sempre possibile riuscire a trovare un proprio spazio nel mondo in cui rifugiarsi in sé stessi lontani dagli occhi incomprensivi dei componenti di una società sempre più alla deriva di se stessa. Quel nascondiglio che teneramente e candidamente, in un modo inusuale per la bambina, le farà asserire trionfalmente: "Da grande voglio fare la portinaia!".

Ecco allora spiegato il significato emblematico e metaforico del personaggio di Renée, interpretato dalla bravissima Josiane Balasko, che pur di non incorrere nella difficoltà di dover dare spiegazioni circa la sua vera natura colta e raffinata, preferisce nascondendosi dietro il tipico archetipo della portinaia sciatta, trascurata e trascurabile per evitare di dover necessariamente dimostrare il contrario nei confronti di chi si ferma alle apparenze e ai luoghi comuni. Trascorre così due esistenze: quella di superficie che tutti sono in grado di vedere e quella più profonda che si esplica dietro la porta della sua biblioteca, che solo Paloma e il nuovo vicino Kakuro (colui che smuoverà le acque e rivoluzionerà la vita di entrambe) riusciranno a scrutare. Calzante a tal proposito è allora la metafora del riccio riguardante proprio questo straordinario personaggio, che all'esterno mostra solo gli aculei, ma in realtà si dimostra essere "fintamente indolente, risolutamente solitario, terribilmente elegante".

Commenta la recensione di IL RICCIO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di A. Cavisi - aggiornata al 14/01/2010

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a mano disarmataa spasso con willya.n.i.m.a.after (2019)aladdin (2019)alive in france
 NEW
alla corte di ruth - rgbamerican animalsancora un giornoannabelle 3arrivederci professoreasbury park: lotta, redenzione, rock and rollattacco a mumbai - una vera storia di coraggioattenti a quelle dueavengers: endgame
 NEW
baby gang (2019)banglabeautiful boy (2018)bene ma non benissimo
 NEW
birba - micio combinaguaiblue my mind - il segreto dei miei annibook club - tutto puo' succederebutterfly (2019)cafarnaocarmen y lolache fare quando il mondo e' in fiamme?christo - walking on waterclimax (2018)cyrano, mon amourdagli occhi dell'amoredaitonadentro caravaggio
 NEW
di tutti i coloridicktatorship - fallo e basta!dilili a parigidolceromadolor y gloriadomino (2019)due amici (2019)
 NEW
edison - l'uomo che illumino' il mondoescape plan 3 - l'ultima sfidafiore gemelloforse e' solo mal di marego home - a casa lorogodzilla ii - king of the monstersgordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)i figli del fiume gialloi fratelli sistersi morti non muoionoil campione (2019)il corpo della sposail flauto magico di piazza vittorioil grande saltoil grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil ragazzo che diventera' reil segreto di una famigliail traditore (2019)il viaggio di yaojohn mcenroe - l'impero della perfezionejohn wick 3 - parabellumjuliet, nakedkarenina & ikurskla bambola assassina (2019)la caduta dell'impero americanola citta' che curala llorona: le lacrime del malela mia vita con john f. donovanla prima vacanza non si scorda mail'alfabeto di peter greenawayl'angelo del criminel'angelo del male - brightburnle grand balle invisibilil'educazione di reylo spietatolucania - terra sangue e magial'ultima oral'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema (2019)ma cosa ci dice il cervellomaryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmo' vi mento - lira di achillenoinon ci resta che riderenon sono un assassinonormalnureyev. il mondo, il suo palcooro verde - c'era una volta in colombiapalladio - the power of architecturepallottole in liberta'
 NEW
passpartu': operazione doppiozeropet sematarypets 2: vita da animalipokemon detective pikachupolaroidpowidoki - il ritratto negatoprimula rossaquando eravamo fratelliquel giorno d'estatequello che i social non dicono - the cleaners
 NEW
raccolto amarorapina a stoccolmarapiscimired joanrestiamo amicirocketmansarah & saleem - la' dove nulla e' possibileselfie
 NEW
serenity (2019)sharon tate: tra incubo e realta'shazam!shelter: addio all'edensir - cenerentola a mumbai
 NEW
skate kitchensoledadsolo cose bellespider-man: far from homestanlio e olliotakara - la notte che ho nuotatoted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abisso
 NEW
the deepthe elevatorthe intruder (2019)the mirror and the rascalti presento patricktorna a casa, jimi!toy story 4tutti pazzi a tel avivtutto lisciouna famiglia al tappetouna vita violenta (2019)un'altra vita - mugunfriended: dark web
 NEW
vita segreta di maria capassowelcome home (2019)wolf call - minaccia in alto marewonder parkx-men: dark phoenix

989941 commenti su 41672 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net