Recensione guardie e ladri regia di Mario Monicelli, Steno Italia 1951
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione guardie e ladri (1951)

Voto Visitatori:   8,82 / 10 (48 voti)8,82Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film GUARDIE E LADRI

Immagine tratta dal film GUARDIE E LADRI

Immagine tratta dal film GUARDIE E LADRI

Immagine tratta dal film GUARDIE E LADRI

Immagine tratta dal film GUARDIE E LADRI
 

Uscito nel 1951 e diretto da due mostri sacri del nostro cinema Steno (al secolo Stefano Vanzina) e Mario Monicelli, il film, vincitore di un Nastro d'Argento, segna la felice incursione nel neorealismo da parte di Totò considerato all'epoca un attore comico fino ad allora legato a grossi successi popolari ottenuti con pellicole anche intessute di satira sociale ma, fondamentalmente, surreali e leggere.
Il titolo del film e l'interpretazione di Antonio De Curtis rimandano comunque alla scuola comica da cui l'attore proviene ma l'intento dei registi e degli sceneggiatori (tra i quali spiccano Vitaliano Brancati e Flaiano) è senza dubbio differente: si cerca di sfruttare la "maschera" dell'attore Totò per denunciare la difficile ripresa dalla guerra, una ripresa che ha portato molti reduci a dedicarsi ad affari poco puliti con unico scopo la sopravvivenza personale e delle proprie famiglie.
Totò, nel ruolo di Ferdinando Esposito infatti, è un ladruncolo incensurato, un disperato costretto a vivere di espedienti, per il quale viene spontaneo "tifare" ma anche la guardia, sotto le spoglie del "robusto" Aldo Fabrizi, è un uomo semplice, un onesto membro della piccola borghesia, un po' più fortunato perché regolarmente stipendiato ma costretto a non farsi prendere dalla pietà o dalla simpatia per salvaguardare la misera pagnotta. I due attori sono superbi nella loro interpretazione e fra i due forse spicca maggiormente la figura di Bottoni (Fabrizi), un autentico proletario come in seguito ebbe a definire i poliziotti Pier Paolo Pasolini commentando alla fine degli anni Sessanta la manifestazione studentesca a villa Giulia sedata dai celerini.

La patina neorealista del film è data da molteplici elementi: riprese in esterno nei quartieri popolari periferici di Roma, prima d'allora del tutto ignorati dalla cinematografia, accenno all'attualità (consegna dei pacchi a cura dell'UNRRA), fotografia dell'Italia che si lecca le ferite dopo le batoste della guerra e dove l'americano è visto comunque (ed è qui che entra la matrice comica della storia) come un borioso vincitore disposto a dare carità pelosa più che effettiva solidarietà.
Inevitabili i guai con la censura per la relativa scarsa considerazione data all'alleato d'oltreoceano, per il legame sodale che si stringe tra due poveri diavoli sia pur divisi dalla casacca di persona "perbene", tutrice dell'ordine precostituito e malvivente. Certamente al giorno d'oggi tutte le sfumature nascoste dietro questa apparentemente innocua pellicola che richiama nel titolo un vecchio gioco infantile sfuggono per concentrarsi invece sulla vis comica del protagonista, buon napoletano capace di far ridere anche nella drammaticità degli eventi.

Ottimi attori i due protagonisti, altrettanto validi i comprimari dall'anziano Almirante, unico ad essere a conoscenza della vera attività di Ferdinando ad Ave Ninchi, moglie artistica di Fabrizi in decine di pellicole, donna di un tempo silenziosa e un po' brontolona perché ignara di tante situazioni. Un plauso è d'uopo persino al giovanissimo Carlo Delle Piane, futuro interprete avatiano d'eccellenza qui nel ruolo del figlio ragazzino di Totò.
Pellicola senz'altro fortunata "Guardie e ladri" giustamente premiata all'epoca della sua uscita sul grande schermo, di valido impatto ancora oggi. Buon inizio per chi vuole al contempo conoscere un po' quell'Italia di un tempo non tanto remoto ma così lontano da oggi e anche per avere un approccio alla genialità di Antonio De Curtis, bistrattato e negletto dalla critica contemporanea, poco compreso e conosciuto al giorno d'oggi.

Commenta la recensione di GUARDIE E LADRI sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di peucezia - aggiornata al 03/07/2006

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917adoration (2019)
 NEW
alla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbotero
 NEW
caterinacena con delitto - knives out
 NEW
cercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacediamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittle
 NEW
fabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovato
 NEW
fantasy islandfigli (2020)
 NEW
gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicihammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorni
 NEW
il lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo nataleil terzo omicidioimpressionisti segretijojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala ragazza d'autunnolast christmasleonardo. le operel'immortale (2019)l'inganno perfetto
 NEW
lunar citymarco polo - un anno tra i banchi di scuolame contro te: il film - la vendetta del signor s
 NEW HOT R
memorie di un assassinonancyodio l'estatepiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarerichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshall
 NEW
sonic - il filmsorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospiti

998588 commenti su 42900 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net