Recensione gli amanti passeggeri regia di Pedro Almodovar Spagna 2013
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione gli amanti passeggeri (2013)

Voto Visitatori:   5,49 / 10 (38 voti)5,49Grafico
Voto Recensore:   6,00 / 10  6,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film GLI AMANTI PASSEGGERI

Immagine tratta dal film GLI AMANTI PASSEGGERI

Immagine tratta dal film GLI AMANTI PASSEGGERI

Immagine tratta dal film GLI AMANTI PASSEGGERI

Immagine tratta dal film GLI AMANTI PASSEGGERI

Immagine tratta dal film GLI AMANTI PASSEGGERI
 

Come era stato abbondantemente anticipato dai Media, Almod˛var Ŕ tornato alla commedia.

"Gli amanti passeggeri" Ŕ una commedia a tutti gli effetti, che (come lui stesso ha dichiarato) dovrebbe riportarci alle origini creative del regista spagnolo, la cui nostalgia verso i "mitici" anni '80 della Spagna postfranchista lo pungolava al punto di tornare a dedicarsi a questo genere, abbandonando momentaneamente i "mel˛" della sua recente produzione.

Ebbene, la nuova commedia di Almod˛var ci fa certamente sorridere, appare evidente, tuttavia, la sua lontananza temporale e strutturale da quel surrealismo sfrenato, marchiato di geniali suggestioni kitch, che hanno reso unico lo stile del regista madrileno.

Ecco, si sente una manchevolezza nell'avvicinare "Los amantes pasajeros" a film feticci come "Pepi, Luci, Bom e le altre ragazze del gruppo" o "Donne sull'orlo di una crisi di nervi" oppure "Labirinto di passioni", per citarne solo alcuni del periodo d'oro di Pedro. Come se il regista volesse ricucire situazioni, dialoghi, personaggi del passato ad un presente al quale non appartengono pi¨. Per caritÓ, gli stilemi almod˛variani ci sono tutti: dialoghi frenetici e surreali, allusioni sessuali esplicite fino alla volgaritÓ, musiche eclettiche, scenografie con i consueti colori sgargianti, ironia a iosa ecc... Manca, per˛, una struttura narrativa convincente, un filo conduttore importante; e se anche in altre sue opere si Ŕ riscontrato lo stesso difetto, lo si Ŕ subito colmato con quei tocchi geniali di sceneggiatura capaci di non farcelo notare, anzi. Nel suo ultimo film questo non succede, la mancanza resta tale, nulla la colma e tutto ci˛ causa un senso di smarrimento anche nell'estimatore pi¨ fedele.

La trama Ŕ semplice, la storia si esaurisce interamente nel ristretto spazio di un aereo diretto in Messico.

Il velivolo della compagnia Penýnsula, diretto a CittÓ del Messico, a causa di un guasto tecnico al carrello, Ŕ costretto a sorvolare in circolo il cielo spagnolo, in attesa che un aeroporto si dichiari disponibile a sobbarcarsi la responsabilitÓ di coadiuvare un atterraggio d'emergenza. All'interno dell'aereo un gruppo variegato di personaggi atipici, consci del pericolo impellente, cercano soluzioni per calmare l'ansia, nell'attesa di un'evenienza risolutiva.

Salta all'occhio la metafora, fin troppo evidente: l'aereo con l'avaria rappresenta la Spagna di oggi (potrebbe essere anche l'Italia a questo punto) in grave difficoltÓ di sopravvivenza. Spingendoci pi¨ in lÓ e seguendo il filo del traslato, allora i passeggeri della classe Economy, tolti subito di mezzo con una forte dose di sonnifero, onde evitare problemi maggiori causati dal panico, rappresenterebbero la gente comune, la quale deve rimanere ignara della tragedia incombente; mentre i vip della Business, che, venendo al corrente della situazione, restano attivi e possono tranquillamente cercare di rimettere equilibrio nei propri disordini esistenziali, rimandano alla classe dei privilegiati; e ancora i tre steward, che lavorano alacremente con alcool, droga, sesso e balletti per distrarre i passeggeri della I classe, ci suggeriscono forse il potere obnubilante dei Media?
E' probabile, dipende dalle diverse interpretazioni, certo Ŕ che, se alla commedia si sottrae la connotazione metaforica, della storia resta ben poco.

Anche i personaggi della business class ci riportano alla cronaca attuale: c'Ŕ la escort falsa ricattatrice dei suoi "onorevoli" clienti; un divo donnaiolo e bugiardo impenitente; un finanziere truffatore in fuga verso il Messico; un Killer, un'originale coppia di giovani in luna di miele, infine una famosa sensitiva di una certa etÓ e ancora vergine.
Quanto all'equipaggio, Almod˛var si sbizzarrisce fra l'assortito trio di steward gay e i due piloti pi¨ o meno consapevolmente bisex. Sesso e morte sono il motivo conduttore della pellicola, entrambi esorcizzati a colpi di alcool e mescalina.

Alcuni siparietti ci riportano, a tratti, al Pedro trentenne della "Movida" madrilena. Sono solo momenti, per˛, come lo spassoso balletto sul playback coreografato di I'm so excited di The Pointer Sisters, estemporaneamente offerto dall'equipaggio; oppure come l'idea di caratterizzare uno degli steward (il riconoscibile Javier CÓmara, il Benigno di "Parla con lei") con il vizio di dire sempre la veritÓ a causa di un vecchio trauma subito sul lavoro.
Questi momenti felici del film non fanno altro che sottolinearne i difetti. Come giÓ sopra accennato, l'impianto narrativo scricchiola; il film decolla, per poi volare in circolo senza impennate o vuoti d'aria, proprio come fa l'aereo protagonista sopra il cielo spagnolo. Mancano ritmo ed energia, come se i passeggeri fossero consapevoli di non correre alcun pericolo e conoscessero giÓ il lieto fine della storia.

Almod˛var tenta l'operazione di restituirci la sfrontatezza barocca delle sue prime commedie, senza riuscirci per˛, lasciandoci con la sensazione di una parvenza appena accennata e non compiuta. Le sue vecchie commedie, pur apparentemente sgangherate, contenevano molta sostanza di sottotrame e di intrighi narrativi, tanto da risultare affatto minimali.

Tutto ci˛, nonostante Il cast sia ben assortito: oltre a CamÓra, prima ricordato, ci sono Carlos Areces e Raul ArevÓlo nel ruolo degli steward eccessivamente gay (particolare senza alcun dubbio voluto), Cecilia Roth in quello della entreneuse sado-maso d'alto bordo. Gli attori possiedono tutti i tempi della commedia, sono bravi.
Non si pu˛ non menzionare il cameo dei due attori il cui cordone ombelicale con il regista madrileno mai Ŕ stato reciso: Antonio Banderas e Penelope Cruz. La loro apparizione ad inizio film Ŕ fulminea, per scomparire definitivamente: Ŕ chiaramente un omaggio reso al loro amico Pedro. Ma che a molti Ŕ puzzato di furba operazione commerciale per richiamare pubblico in sala.

Per concludere, il film Ŕ girato in digitale, Ŕ la prima volta per Almod˛var, che afferma di sentirsi piuttosto un regista analogico. Sebbene alla prima esperienza con questa tecnica, grazie ad una buona fotografia, il risultato Ŕ piacevole e l'immagine non risulta piatta. Anche i titoli di testa e di coda rientrano nella tradizione almod˛variana, e non pu˛ essere che cosý, essendo stati affidati al fumettista Mariscal, collaboratore del regista da pi¨ di trent'anni.
Insomma non si pu˛ ritenere "Gli amanti passeggeri" una delle migliori pellicole di Almod˛var, i fedeli estimatori di vecchia data, probabilmente lo riconosceranno, resta per questo un senso di smarrimento per chi da tempo attendeva il ritorno del regista alla Commedia, peccato.
SarÓ per la prossima, Pedro!

Commenta la recensione di GLI AMANTI PASSEGGERI sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Pasionaria - aggiornata al 02/04/2013 16.03.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a mano disarmataa spasso con willya.n.i.m.a.after (2019)aladdin (2019)alive in franceamerican animalsancora un giornoannabelle 3arrivederci professoreasbury park: lotta, redenzione, rock and rollattacco a mumbai - una vera storia di coraggioattenti a quelle dueavengers: endgamebanglabeautiful boy (2018)bene ma non benissimoblue my mind - il segreto dei miei annibook club - tutto puo' succederebutterfly (2019)cafarnaocarmen y lolache fare quando il mondo e' in fiamme?christo - walking on waterclimax (2018)cyrano, mon amourdagli occhi dell'amoredaitonadentro caravaggiodicktatorship - fallo e basta!dilili a parigidolceromadolor y gloria
 NEW
domino (2019)due amici (2019)escape plan 3 - l'ultima sfidafiore gemelloforse e' solo mal di marego home - a casa lorogodzilla ii - king of the monstersgordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)i figli del fiume gialloi fratelli sistersi morti non muoionoil campione (2019)il corpo della sposail flauto magico di piazza vittorioil grande saltoil grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil ragazzo che diventera' reil segreto di una famigliail traditore (2019)il viaggio di yaojohn mcenroe - l'impero della perfezionejohn wick 3 - parabellumjuliet, nakedkarenina & ikurskla bambola assassina (2019)la caduta dell'impero americanola citta' che curala llorona: le lacrime del malela mia vita con john f. donovanla prima vacanza non si scorda mail'alfabeto di peter greenawayl'angelo del criminel'angelo del male - brightburnle grand balle invisibilil'educazione di reylo spietatolucania - terra sangue e magial'ultima oral'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema (2019)ma cosa ci dice il cervellomaryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmo' vi mento - lira di achillenoinon ci resta che riderenon sono un assassinonormalnureyev. il mondo, il suo palcooro verde - c'era una volta in colombiapalladio - the power of architecturepallottole in liberta'pet sematarypets 2: vita da animalipokemon detective pikachupolaroid
 NEW
powidoki - il ritratto negatoprimula rossaquando eravamo fratelliquel giorno d'estatequello che i social non dicono - the cleanersrapina a stoccolmarapiscimired joanrestiamo amicirocketmansarah & saleem - la' dove nulla e' possibileselfiesharon tate: tra incubo e realta'shazam!shelter: addio all'edensir - cenerentola a mumbaisoledadsolo cose belle
 NEW
spider-man: far from homestanlio e olliotakara - la notte che ho nuotatoted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abissothe elevatorthe intruder (2019)the mirror and the rascalti presento patricktorna a casa, jimi!toy story 4tutti pazzi a tel avivtutto liscio
 NEW
una famiglia al tappetouna vita violenta (2019)un'altra vita - mugunfriended: dark web
 NEW
welcome home (2019)wolf call - minaccia in alto marewonder parkx-men: dark phoenix

989835 commenti su 41661 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net