Recensione detenuto in attesa di giudizio regia di Nanni Loy Italia 1971
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione detenuto in attesa di giudizio (1971)

Voto Visitatori:   8,17 / 10 (60 voti)8,17Grafico
Voto Recensore:   8,00 / 10  8,00
Miglior attore protagonista (Alberto Sordi)
VINCITORE DI 1 PREMIO DAVID DI DONATELLO:
Miglior attore protagonista (Alberto Sordi)
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film DETENUTO IN ATTESA DI GIUDIZIO

Immagine tratta dal film DETENUTO IN ATTESA DI GIUDIZIO

Immagine tratta dal film DETENUTO IN ATTESA DI GIUDIZIO

Immagine tratta dal film DETENUTO IN ATTESA DI GIUDIZIO
 

Giuseppe Di Noi, un geometra italiano residente in Svezia con la bella moglie, torna con la consorte in Italia ma viene fermato al confine ed incarcerato senza sapere il motivo, per una denuncia di cui era all'oscuro. La moglie, abbandonata con i figli al posto di frontiera, comincia ad indagare e chiedere spiegazione dell'arresto del marito.
Finalmente si riesce ad apprendere, dopo tante difficoltÓ, la motivazione dell'arresto: omicidio preterintenzionale di un cittadino tedesco. Intanto l'uomo passa nell'inferno del mondo carcerario, da Regina Coeli a Sagunto (provincia di Salerno), denunciando disperatamente la sua innocenza ed "estraneitÓ ai fatti". Riesce a dominarsi soltanto grazie all'amicizia di un detenuto condannato per omicidio colposo, Saverio Bardarscione, che gli consiglia di non agitarsi inutilmente ("Niente Ŕ mai semplice quando si ha a che fare con la giustizia.") .Intanto Giuseppe tenta inutilmente di parlare con il giudice, e capisce che deve procurarsi un avvocato. Diventa suo malgrado protagonista di una ribellione carceraria che genera poche ore dopo in una rivolta. Ritenuto diretto responsabile della rabbia dei detenuti, viene nuovamente trasferito in un carcere di massima sicurezza, con detenuti violenti e recidivi, dove vive in un clima di perenne violenza, ma riesce finalmente a provare la sua innocenza...

Ispirato all'inchiesta televisiva "Verso il carcere" di Sanna, e sceneggiato dallo stesso Emilio Sanna e Sergio Amidei, con la collaborazione di Rodolfo Sonego, "Detenuto in attesa di giudizio" Ŕ uno dei pi¨ corrosivi film di denuncia italiani mai realizzati. Uno script che Ŕ figlio legittimo del cinema di Zampa, di Rosi, del fin troppo dimenticato Elio Petri, al quale si accosta con un'apporto ideologico forse meno evidente, ma pi¨ razionale.

Ancora oggi, a distanza di decenni, il film Ŕ in grado di scatenari ampi dibattiti sulla funzione della "giustizia", sia guardando al passato relativamente recente che rappresenta, sia riflettendo sulle reazioni dello spettatore di oggi, come per esempio la discussa legge sull'indulto approvata dalle Camere con l'ausilio del Ministro della Giustizia (Art. 174 dell'Ordinamento Italiano del Codice Penale).

Con lo stesso indulto, del resto, non si cancella il reato, ma la pena, costringendo lo stato a sborsare ingenti somme per i processi a carico dell'imputato, a differenza dell'amnistia, mediante la quale lo stesso stato rinuncia a perseguire determinati reati, estinguendoli in capo al reo.
Tutto questo potrebbe non c'entrare nulla con il film, ma la storia di Giuseppe Di Noi non pu˛ far altro che ricordare decine di casi celebri, come quello del giornalista di Lotta Continua Massimo Carlotto, condonato dopo molti anni dal Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro.
Lo stesso indulto, atto di clemenza di ispirazione politica e sociale, oggi Ŕ diventato un atto impellente per sopperire allo sfoltimento della popolazione carceraria degli ultimi anni, sovrappopolata in modo preoccupante, quasi un correttivo alle disfunzioni della legge penale.

E' chiaro che il film di Loy racconta la storia di un cittadino ingiustamente incarcerato per omicidio preterintenzionale e non affronta quei temi che appassionano e dividono gli italiani di oggi, ma per ovvie ragioni la storia del film rimanda inconsciamente a interrogarci sul nostro rapporto indiretto col mondo della detenzione e della giustizia.

Dovendo analizzare il film per i suoi aspetti meno riusciti, direi che non tutto Ŕ focalizzato efficacemente in alcuni aspetti, e in altri la direzione registica di Loy enfatizza proprio la dimensione bozzettistica della vicenda.
Lo stesso personaggio della bellissima moglie di Giuseppe Ŕ analizzato banalmente, secondo lo stereotipo corrente dell'Italia nei riguardi delle donne nordiche di allora (o di oggi?). Non Ŕ - effettivamente - abbastanza complessa la sua figura rispetto all'odissea del marito, sembra confusa tra l'incomunicabilitÓ con la lingua italiana e lo smarrimento (del resto comprensibile) del reato di cui l'uomo viene accusato.
Altrettanto carente resta l'imputazione: dovessimo guardare il film con gli occhi di oggi, con i tanti "incidenti" provocati sul lavoro, probabilmente il personaggio di Giuseppe non uscirebbe indenne dal nostro criterio di giudizio rispetto all'indiretta responsabilitÓ della morte di un cittadino tedesco.

Ma, a ben vedere, proprio quest'ultimo aspetto Ŕ anche uno dei riferimenti pi¨ interessanti del film: Ŕ il riferimento alle ferite morali lasciate dall'Italia della seconda guerra mondiale, nella deportazione fascista e nazista, di cui il personaggio di un inerme cittadino tedesco dal nome impronunciabile serve da monito, e da tragica memoria.
Le sequenze dei treni che "deportano" i prigionieri da un carcere all'altro restano di una drammaticitÓ coinvolgente: memorabile la sequenza dell'arrivo in un treno superaffollato pieno di gente spensierata che si accinge a insultare i detenuti con cori di condanna giustizialista: in quel frammento, oserei dire, Ŕ racchiusa un po' della nostra immagine anche contemporanea nei riguardi dei detenuti e del nostro spesso pragmatico modo di assimilare condanna e detenzione.
Nello stesso scompartimento, Ŕ emblematico il "miraggio morale" di un finestrino con le serrande abbassate, l'unico, quello del compartimento che "ospita" i prigionieri.

Nonostante alcuni scompensi narrativi e una certa inconscia propensione parodistica (cfr. il poliziotto che guarda con ghigno sardonico i detenuti all'interno delle celle) il film Ŕ durissimo, coraggioso e inesorabile (quasi) come la via crucis di Giuseppe e la drammatica realtÓ che lo coinvolge.

Forse potrÓ sfuggire ai pi¨, ma la sequenza della rivolta carceraria sottolinea ancora una volta i diritti negati della giustizia, e senza eccessivi fideismi di parte, riesce a coinvolgere direttamente lo spettatore davanti alle responsabilitÓ delle singole parti, o all'impotenza del sistema giudiziario: i prigionieri reclamano a ragione i loro diritti, le guardie ostentano un cinismo o un'insofferenza che Ŕ spesso rea di una societÓ individualista, arresa alla burocrazia e all'apologia del Reato come "privazione", senza riflettere sulle conseguenze della detenzione e l'annientamento morale di tutti gli individui.

Sono tutte reminescenze di un cinema italiano che ormai non esiste quasi pi¨, salvo qualche lodevole eccezione, capace di affrontare la vicenda di Giuseppe mettendo a nudo principalmente i disastri emotivi e morali di una persona innocente, e successivamente il dissenso sulla nostra "giustizia civile".
Tante cose sono cambiate da allora, fortunatamente in meglio, e a ragione qualcuno dirÓ che oggi si assista praticamente all'annientamento del termine "giustizia", mentre Ŕ forse pi¨ semplice e certo non meno traumatico aggiungere che Ŕ proprio l'ordinamento giudiziario in toto ad avere un fortissimo bisogno di rinnovamento.

Infine, l'epopea del personaggio-Sordi, per una volta lontanissimo (ha vinto per l'ottima interpretazione il premio pi¨ prestigioso della sua carriera, il David di Donatello come miglior attore) dalle commedie di costume e dai suoi personaggi pi¨ tipici, dove ruota un'ineffabile senso di accettazione del conformismo morale italiano.
L'attore Ŕ, manco a dirlo, straordinario, per quanto "il" Di Noi (come vorrebbero i verbali dei commissariati di polizia, guardacaso) non sarÓ mai ricordato nell'immaginario collettivo popolare come un Dante Fontana o (per tornare indietro con gli anni) Nando Moriconi.
L'emblematica forzatura di alcuni aspetti del suo personaggio (l'italiano che ha fatto fortuna all'estero, elegante, una bellissima moglie nordica, etc.) esalta ancora di pi¨ il senso di indignazione degli spettatori davanti alla requisitoria di Loy e Sanna.
Il trattamento disumano a cui viene sottoposto l'uomo, fra l'altro innocente (ma a questo punto Ŕ un particolare) giustifica anche scelte stilistiche forse eccessive (si veda Giuseppe "responsabile" di una rivolta) o magari enfatizzate (come nell'allucinato "incubo" in flashback del finale), comunque necessarie, soprattutto nel secondo caso, a suggerire la drammaticitÓ perenne della vicenda.

A tutto questo si aggiunge il coraggio di mettere in luce, attraverso la ritualitÓ di drammatici codici, la violenza e i soprusi all'interno del sistema, quasi assecondando la consapevolezza che, spesso o talvolta, Ŕ il sistema stesso a sviluppare tali brutalitÓ: tipo il "farsi Sant'Antonio", secondo il gergo carcerario.

La bravura di Loy si manifesta una volta di pi¨ nella sequenza della rivolta (dove i detenuti dalle loro celle reclamano i diritti sanciti dalla costituzione, in attesa di processi che non vengono mai programmati) in cui la mdp segue scrupolosamente i volti disfatti, sudati, feriti, e il disperato bisogno di essere ascoltati: lo stesso Giuseppe, "unito" per una volta da quel coro di emarginati, o l'"amico" Saverio, dall'altra parte della barricata, tradito dalle sue stesse, inutili, aspettative.

Commenta la recensione di DETENUTO IN ATTESA DI GIUDIZIO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di kowalsky - aggiornata al 11/01/2008

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trump10 giorni con babbo nataleabout endlessnessaddio al nubilatoalessandra - un grande amore e niente piu'all my friends are deadamore al quadratobaby yaga: incubo nella foresta oscurabastardi a mano armatabliss (2021)burraco fatalecentigradecherry - innocenza perdutacome truecosa sarÓcreators: the pastcrisiselegia americanafino all'ultimo indiziogirl power - la rivoluzione comincia a scuolagodzilla vs. konggovernance - il prezzo del poteregreenlandhoneylandi am greta - una forza della naturai predatoriil cammino di xicoil caso pantani - l'omicidio di un campioneil mio corpo vi seppellira'il principe cerca figlioil talento del calabroneimprevisti digitali
 NEW
jakob's wifejudas and the black messiahla nave sepoltala prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala stanzala vita straordinaria di david copperfieldl'amico del cuore (2021)lasciami andarel'incredibile storia dell'isola delle roselockdown all'italianal'ultimo paradiso (2021)ma rainey's black bottommadame claudemankminarimurdershownomad: in cammino con bruce chatwin
 NEW
non mi ucciderenotizie dal mondooperazione celestinaoperazione varsity blues: scandalo al collegepalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domaniparadise - una nuova vitaparadise hillspele' - il re del calcioqualcuno salvi il natale 2quello che non ti ucciderange runnersrebeccaroubaix, una lucesacrifice (2020)sola al mio matrimoniosonsotto lo zerosoul (2020)sul piu' belloten minutes to midnight
 HOT
tenetthe fatherthe mauritanianthe midnight skythe nights before christmasthe secret - le verita' nascostethe unholythe united states vs. billie holidaythunder forcetua per sempretutto il mondo e' palesetutto normale il prossimo nataleun divano a tunisiuna classe per i ribelliuna donna promettentewe are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000we can be heroeswhy did you kill me?wonder woman 1984wrong turnyes dayzack snyder's justice league

1016694 commenti su 45326 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net