Recensione breakfast club regia di John Hughes USA 1985
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione breakfast club (1985)

Voto Visitatori:   7,56 / 10 (63 voti)7,56Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film BREAKFAST CLUB

Immagine tratta dal film BREAKFAST CLUB

Immagine tratta dal film BREAKFAST CLUB

Immagine tratta dal film BREAKFAST CLUB

Immagine tratta dal film BREAKFAST CLUB

Immagine tratta dal film BREAKFAST CLUB
 

Un "atleta", una "principessa", un "criminale", un "cervello" e una "svitata", Ŕ questo l'identikit dei cinque ragazzi dello Shermer High School costretti a trascorrere un sabato in punizione a scuola (dalle 7 alle 16) e a scrivere un tema dal titolo «Chi sono io»?.
C'Ŕ Bender, ragazzo problematico ed inquieto, Andy, grande sportivo, speranzoso di ottenere una borsa di studio per meriti agonistici, Brian, il secchione ma con difficoltÓ a relazionarsi con gli altri, soprattutto con il sesso opposto Claire, ricca e viziata a cui la famiglia non ha mai fatto mancare nulla ed Allison, ragazza piena di complessi e di fobie.

Solo tra Andy e Claire c'Ŕ una conoscenza, ma i restanti Ŕ come se, nonostante frequentassero lo stesso liceo, si fossero visti per la prima volta. Ognuno appartiene ad un proprio mondo, il quale non ha alcun punto di contatto con quello degli altri ragazzi.
Le incomprensioni e i primi litigi nel gruppo non tardano ad arrivare, soprattutto tra Claire e Bender. Il clima di tensione viene ulteriormente appesantito dalla figura del preside del liceo, il signor Vernon, il quale, etichetta i cinque studenti con clichÚ e preconcetti, senza concedergli la possibilitÓ di farsi conoscere.

Tuttavia, man mano che le ore trascorrono, il gruppo impara conoscersi e a confidarsi. Questo avviene tramite lo sfogo e le confessioni di ognuno di loro.
Bender detesta il padre perchÚ perennemente ubriaco e violento, Andy non sopporta la pressione esercitata dai genitori nei suoi confronti nel diventare il migliore atleta della scuola, Claire avverte il disagio di essere una privilegiata rispetto agli altri, Brian riconosce con dolore la sua incapacitÓ di socializzare e di farsi apprezzare, mentre Allison incolpa la propria famiglia di ignorarla completamente. Le distanza tra di loro iniziano ad essere colmate (celebre la scena nella quale i cinque ragazzi sono seduti in biblioteca sul pavimento e in circolo, affrontano le proprie paure).

Il legame tra di loro si riveste di una forza inaspettata, oltrepassando le differenze sociali, di classe ed economiche e consolidandosi nel "Breakfast Club" (nome scelto dai ragazzi per suggellare la loro unione).
Il tema che dovevano scrivere e presentare al tirannico Vernon (composto solamente da Brian), evidenzia con efficacia la rabbia dei ragazzi contro i pregiudizi e i luoghi comuni, pur nel contempo infischiandosene di convincere gli altri di ci˛ che veramente sono.

Molti hanno definito "The Breakfast Club" il manifesto degli anni '80 ed in effetti, Ŕ probabilmente il film, che pi¨ di altri, Ŕ riuscito a rappresentare efficacemente quei magici dieci anni. Non solo per la classica storia adolescenziale (diverse pellicole avevano in precedenza trattato questo tema) ma soprattutto, nel modo di enfatizzare e portare all'attenzione, argomenti quali il disagio famigliare, l'alcoolismo, la violenza sui figli, la non considerazione, i problemi di socializzazione, l'eccessivo e dannoso interventismo da parte dei genitori.

Prima di "The Breakfast Club", i ragazzi rappresentati nei "teen movie" erano sý desiderosi di avere le prime esperienze sessuali ed amorose (Tom Cruise in "Risky Business", la stessa Molly Ringwald in "Sixteen Candles") ma non avevano conosciuto gli stessi problemi dei ragazzi del "The Breakfast Club". Si Ŕ avuta una maturazione nella scelta di cosa parlare e come trattarlo.
Questo Ŕ il grande merito di John Hughes, regista del film, dedito soprattutto alle commedie (come, ad esempio, "Beethoven"), ma che dedicandosi ad un genere, nuovo per lui, Ŕ riuscito lo stesso a farsi apprezzare.

Gli attori sono tutti bravi, tuttavia, particolari meriti vanno dati ad Ally Sheedy, la quale aveva sicuramente il ruolo pi¨ "delicato" (la ragazza "svitata").
Ottima colonna sonora, divenuta celebre soprattutto per il brano "Don't you forget about me" cantato dai Simple Minds.

Commenta la recensione di BREAKFAST CLUB sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Luca.Prete - aggiornata al 27/09/2006

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

200 metersacqua e aniceadaalcarras - l'ultimo raccoltoall the streets are silentalla vitaamanda (2022)amanti (2020)anna frank e il diario segretoargentina, 1985beast (2022)bentublack parthenopeblondebodies bodies bodiesbrian e charlesbullet traincarter (2022)casablanca beatscome prima (2021)crimes of the future (2022)dantedashcamday shift - a caccia di vampiridc league of super-pets
 NEW
deinfluencerdo revengedon't worry darlingdragon ball super: super heroelvis (2022)emergency
 NEW
en los margenesevangelion: 3.0+1.01 thrice upon a timefallfalla girarefassbinderfire of lovefly - vola verso i tuoi sognifreedom (2021)giorni d'estategold (2022)goodnight mommy (2022)hill of vision
 NEW
hocus pocus 2house of darknesshustlei giovani amantii tuttofareil fronte internoil giorno piu' bello
 NEW
il mondo in camerail paradiso del pavoneil pataffioil signore delle formicheil viaggio degli eroiinvito al viaggio. concerto per franco battiatoio e spottyjane by charlottejurassic world - il dominiokarate manla doppia vita di madeleine collinsla mia ombra e' tuala notte del 12la ragazza ha volatol'altra lunal'angelo dei murilas leonasle buone stellele favolosele voci solel'eta' dell'innocenza (2022)lettera a francolightyear - la vera storia di buzzl'immensita'liz e l'uccellino azzurrol'origine del malelou (2022)mad godmaigretmarcel!marginimemoriamemory (2022)men (2022)mindemicminions 2 - come gru diventa cattivissimomistero a saint-tropez
 NEW
mona lisa and the blood moonmoonage daydreamnel mio nomenido di viperenon sarai solanopenostalgiaomicidio nel west endorphan: first killpaolo rossi - l'uomo. il campione. la leggenda.pearl (2022)per niente al mondopeter va sulla lunapleasureprey (2022)queensquel che conta e' il pensierorevolution of our timesriminirise - la vera storia di antetokounmposamaritansecret love (2021)secret team 355shark baitsiccita'smilespiderheadsposa in rossostudio 666tenebrathe black phonethe deer king - il re dei cervithe forgiventhe gray manthe hanging sun - sole di mezzanottethe invitation (2022)the man from torontothe munstersthe other side (2020)the slaughter - la mattanzathe twin - l'altro volto del malethor: love and thunderthree nights a weektoilettop gun: mavericktutti a bordoun mondo sotto socialuna boccata d'ariaun'ombra sulla verita'viaggio a sorpresavieni come seiwild nights with emily dickinsonx - a sexy horror story

1033218 commenti su 48327 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ANGOSCIA NELLA NOTTEBEN & JODYC.A.M. (2021)DRACULA: THE ORIGINAL LIVING VAMPIREHEART SHOT - DRITTO AL CUOREIL COLPO DEL LEONEIL SEGRETO DI FATIMAIL VERO AMORE (2015)LA GANG DELL'ANNO SANTOL'ALBERO DI ADAMOMEGALOMANIACPAURA NELLA NOTTEPOIROT - IL PERICOLO SENZA NOMESWEET GIRLSWING - CUORE DA CAMPIONITHE GOSPEL OF JOHNTHE HAUNTING OF THE TOWER OF LONDONUNBOXEDV/H/S/99

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net