stalag 17 - l'inferno dei vivi regia di Billy Wilder USA 1953
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

stalag 17 - l'inferno dei vivi (1953)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film STALAG 17 - L'INFERNO DEI VIVI

Titolo Originale: STALAG 17

RegiaBilly Wilder

InterpretiWilliam Holden, Robert Strauss, Don Taylor, Otto Preminger, Sig Ruman, Peter

Durata: h 2.00
NazionalitàUSA 1953
Generedrammatico
Al cinema nel Giugno 1953

•  Altri film di Billy Wilder

Trama del film Stalag 17 - l'inferno dei vivi

C'Ŕ una spia fra i prigionieri di guerra americani in un campo di internamento tedesco. I sospetti si concentrano sul sergente Sefton che viene malmenato, ma...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,32 / 10 (25 voti)8,32Grafico
Miglior attore protagonista (William Holden)
VINCITORE DI 1 PREMIO OSCAR:
Miglior attore protagonista (William Holden)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Stalag 17 - l'inferno dei vivi, 25 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Godbluff2  @  06/02/2023 21:55:26
   8½ / 10
L'ultimo film del trittico drammatico di Billy Wilder è anche il film che inaugura la grande stagione della Commedia di questo meraviglioso regista. Come ? Quando si tratta di Wilder è possibile tutto.
All'interno di un contesto e di un'ambientazione opprimenti e profondamente drammatiche Wilder innesta un'impostazione sublime da commedia e fonde il dramma a guizzi di brillante leggerezza.
Con la sapienza di chi scriveva ottime commedie anche prima di passare personalmente alla regia, Wilder trasforma il rischio di un ibrido "né carne né pesce" in un meccanismo oliato in ogni sua componente; "Stalag 17" è abbastanza lontano dai livelli vertiginosi dei due film precedenti, ma è comunque un film eccellente che conferma quanto Billy Wilder fosse ispirato in quel periodo.
Una galleria di personaggi sapientemente e precisamente caratterizzati principalmente racchiusi nell'angusto spazio dello Stalag numero 17, sfuggono alla macabra incertezza del loro destino tra piccoli rituali di vita quotidiana e piani di fuga, con la Spada di Damocle di una spia all'interno del loro fidato gruppo di soldati e compatrioti che pende sulle loro teste.
Ottimamente interpretato (c'è anche il collega Otto Preminger, che veste talentuosamente i panni d'attore) e come sempre bello da vedersi anche perché curato in ogni sua parte, è un acuto satireggiare ed ironizzare nel contesto di un dramma che non viene assolutamente tralasciato.
Filmone.

Invia una mail all'autore del commento luca986  @  20/03/2021 22:20:02
   9 / 10
Divertente e avvincente. Capolavoro.

DogDayAfternoon  @  19/09/2015 14:39:35
   5½ / 10
Non funziona come commedia per il tema troppo pesante, non funziona come dramma per i toni troppo canzonatori (ma non sempre simpatici e riusciti). Personalmente una grossa delusione, in genere stimo molto i film di Wilder (soprattutto i noir) e questo l'ho trovato il meno interessante tra i suoi.
Manca la sceneggiatura spumeggiante che caratterizza le sue opere, mai ho provato così tanta noia in un film di questo regista.

Gli attori sono comunque molto bravi, ma la storia stenta a decollare e molte scene le ho trovate poco riuscite. A me non è proprio piaciuto.

Invia una mail all'autore del commento NotoriousNiki  @  28/08/2014 17:16:01
   9 / 10
Mistura toni comedy a quelli cupi che risiedono nel contesto di prigionia, non è una parodia è un tentativo riuscito di rispolverare l'incubo del decennio trascorso, con uno sguardo meno infausto, da una prospettiva più serena e con occhio umoristico dissacratore, includendo 2 figure comiche (Strauss e Lembeck) che sembrano fare il verso a Gianni e Pinotto.
Avvincenti le dinamiche, cariche di suspance, rivisitazione degli ufficiali tedeschi con toni più morbidi e bonari di quanto fece in 'I cinque segreti del deserto', allora troppo prematuro scherzarci sopra. Tanti i personaggi riusciti, i fedelissimi Holden e Strauss, i registi Taylor e il più noto Preminger.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  12/01/2014 15:54:41
   8 / 10
Si rischia di essere scontati ma tanto vale prenderselo sto rischio.
Altro film bellissimo di Wilder, ambientato in un campo di prigionia e senza un attimo di noia, riempitivi inutili o quant'altro.
Wilder mischia la commedia al dramma (anche se abbonda soprattutto con la prima), ambientando il film in un campo di prigionia tedesco. Scelta del cast perfetta, ogni volto una faccia indimenticabile con le proprie peculiarità, la propria esuberanza, cinismo, pessimismo: insomma una straripante umanità, che Wilder spinge come nel caso di "Caprone" sul versante macchiettistico.
Alcune battute geniali, cosi come il leitmotiv della lampadina e dei segnali in codice.
Otto Preminger grandissimo nel ruolo di attore, cosi come Von Stronheim lo fu per "La grande illusione", entrambe opere di prigionia, entrambi con caratteristiche comuni: non ultima la tendenza a non esagerare il manicheismo e rendere demoniaco il "nemico" teutonico.
Anche se il film di Wilder per forza di cose ha un punto di vista americano. La spia che ha quel che si merita è un chiaro segnale in tal senso, ed è un finale (visivamente bellissimo con il rimando all'inizio, al ritmo quotidiano) in cui il "bene" trionfa, tacitamente.
Ma non è un caso che comunque uno dei personaggi più divertenti e umani sia un tedesco, che sta alle battute (anche pesanti) nei suoi confronti e li tratta da prigionieri si, ma umani.

Gruppo COLLABORATORI Harpo  @  01/01/2014 17:20:03
   9 / 10
Ennesim filmone di Wilder con una serie di personaggi indimenticabili, un ritmo serato e una regia masterpiece.

bm_91  @  04/04/2013 23:16:52
   8½ / 10
William Holden non mi ha mai entusiasmata...anzi l'ho sempre trovato un pò imbolsito, ma qui è davvero fenomenale. Film da vedere!

sweetyy  @  02/04/2013 02:36:57
   8½ / 10
Buon film di Wilder con qualche scena ironica nonostante il tema trattato.

vieste84  @  11/01/2013 19:15:16
   8½ / 10
Un po lunghetto per colpa di qualche riempitivo stile commedia tipo la scena della guardia che gioca a pallavolo oppure l'entrata nel campo delle russe, va bene che servono a sdrammatizzare un po la pellicola ma io avrei preferito un film crudo in stile "asso nella manica", cioè un 20 minuti in meno e la presenza di tutte scene serie perchè per i sentimenti provati nel finale sarebbe stato più coerente un film serio. Cmq non è un difetto grave, siamo pur sempre nel 1953, il finale è grandioso soprattutto per la rivalsa dell'incolpato e per la giusta punizione inflitta all'infame. Giustizia è fatta, non so perchè sia un film minore di Wilder, forse all'epoca lo era, ma ad oggi è invecchiato benissimo anche perchè come dice la vocce narrante all inizio, non è un film di guerra e di eroi come al solito, ma uno dei pochi che parla del dramma della prigionia(ecco perchè le scene commedia sono di troppo). Bellissimo, i lieto fine forzati di solito mi disturbano, ma qui ci sta tutto......se potevo entrare nello schermo lo avrei malmenato pure io l'infame ahaha

LAMAX61  @  31/08/2012 21:57:59
   8 / 10
Tra i miei preferiti (come tutti i film di Wilder, del resto). L'Oscar è effettivamente un po' "regalato", ma il film è godibilissimo e tutta la trama è ben congegnata. Grande il maresciallo Schultz "Rauss-rauss-rauss" che litiga con i due giullari della baracca (Caprone e Shapiro). La storia parte in sordina ma si evolve in modo sempre più avvincente. Bel film.

Gruppo REDAZIONE amterme63  @  11/02/2012 23:22:17
   7½ / 10
Un destino accomuna Wilder con Hitchcock: la coscienza di essere abili artefici cinematografici di storie ed emozioni. Ed è questa orgogliosa coscienza che diviene la molla, quasi la causa, di tutta la loro produzione dagli anni '50 in poi. Le regole classiche vengono accettate, rispettate alla lettera, ma allo stesso tempo intezionalmente si afferma la superiorità dell'autore rispetto alle regole: queste esistono e hanno valore solo grazie al mestiere e alla capacità del regista. I film degli anni '50 di Wilder e Hitchcock risaltano appunto per la finissima manipolazione formale, stilistica e visiva che finisce per costituirne la sostanza.
"Stalag 17" è un lavoro di consapevole (e ardita) contaminazione di stili fra il film di guerra e la commedia. La sintesi è raggiunta positivamente da Wilder grazie all'abile uso dell'ironia. Già il discorso che fa la voce off all'inizio del film contiene lo spirito dell'opera: ci si lamenta che i film di guerra siano tutti uguali, tutti eroici, tutti pieni di grandi imprese, nessuno che si occupi di piccole storie, di avvenimenti spiccioli, come la vita e la permanenza in un campo di prigionia. Ecco quindi che il discorso si porta direttamente e scopertamente dentro il campo della rappresentazione cinematografica stessa. Fin dall'inizio si fa cosciente lo spettatore che il film è una consapevole operazione stilistica e come tale (come prodotto artistico di intrattenimento) va visto.
Ed è a questo punto che l'ironia si mette al lavoro. Una situazione che si immagina tragica, terribile, straziante, viene ricondotta a burla, a operetta. I nazisti sono quelli più colpiti dalla deformazione ironica: dallo stereotipo di gente crudele, astuta e luciferina diventano vanitosi, ridicoli, delle caricature. In pratica si anticipa il fumetto Sturmtruppen. Wilder quindi non è stato particolarmente cattivo nei loro confronti, li tratta con condiscedenza e divertito distacco, come dei babbei che giocano a fare i carnefici.
Ma l'ironia non risparmia nemmeno gli americani. Ciò che viene messo alla berlina è il facile trionfalismo, l'eroismo ostentato e retorico, l'ingenuità e la faciloneria di chi si vanta di imprese. Il meccanismo dei film di guerra viene quindi rovesciato: sono i disfattisti a fare bella figura, mentre l'ostentazione di eroismo è svalutata.
Il grande regista classico consapevole di sé manovra i meccanismi ma rispetta gli effetti. Anche in questo film il regista gioca ad arte soprattutto per creare tensione, partecipazione nello spettatore nei confronti della risoluzione di un dilemma. Si parte come al solito da una falsa evidenza, si insinua il dubbio e alla fine si scopre il gioco sorprendendo positivamente lo spettatore.
Anche in questo film si combatte la nobilissima battaglia dei film classici contro i pregiudizi, le facili impressioni e il dominio della apparenze.
Anche in questo film si rappresenta la dicotomia americana fra frugalità, puritanesimo, purezza di ideali da una parte e opportunismo, iniziativa privata, cinismo dall'altra (vedi anche "East of Eden" di Kazan). Come sempre la simpatia di Wilder va al lato meno nobile e più consumistico, quello dell'America godereccia (come dimostreranno poi le "ciniche" commedie successive).
Anche in questo film si cerca una sintesi finale, nel nome del comune legame fideistico al concetto di Nazione Americana (dando ipocritamente al "traditore" una nazionalità non americana).
Peccato che la parte comica sia a volte sovrabbondante, fin troppo distaccata ed estranea al resto della storia, legata agli stereotipi dell'epoca, semplicistica e alla fin fine quasi noiosa e fastidiosa.

Goldust  @  27/09/2011 12:33:03
   8 / 10
In perfetto equilibrio tra commedia e dramma ecco l'ennesimo gioiello firmato Bily Wilder, questa volta ambientato in un campo di concentramento tedesco durante la Seconda Guerra Mondiale. Tra tentativi di fuga, arte di arrangiarsi e svaghi improbabili il film sarebbe già sufficientemente interessante, ma la venatura gialla della ricerca di una spia in seno alla compagnia rende il tutto ancora più gustoso. E c'è pure il tempo per un utile insegnamento, e cioè che le false apparenze ingannano e che una seconda occasione non si nega a nessuno.
A torto sottovalutato alla sua uscita, con il tempo si è ritagliato l'importanza che giustamente gli spetta.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  26/09/2011 13:41:49
   8 / 10
Strepitosa incursione nel cinema bellico per il grande Wilder che crea un mix perfetto tra dramma e commedia ambientando la storia dentro ad un campo di concentramento Tadesco.
Il film è del '53 è la voce fuori campo all'inizio asserisce che si tratta del primo film che parla dei campi di concentramento...certo adesso siamo abituati a ben altre atrocita' e violenze ma il film regge comunque molto bene anche a distanza di anni!
Da vedere...come tutti i film di Wilder!

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  22/08/2011 16:39:13
   8 / 10
Campi di prigionia per militari, ambiente duro e ostile, eppure Wilder riesce nell'intento di vedere il lato commedia da un contesto completamente tragico. C'è una scena che mi ha sempre colpito e che forse sintetitizza ciò che sto dicendo: il ballo tra Shapiro (vestito alla Betty Grable) e Caprone che si lascia andare all'estasi di poter finalmente coronare il suo sogno di stare con la famosa attrice. Sono due comprimari importanti perchè sono loro che introducono il lato buffo del film senza però sminuire l'assoluta tragicità della vicenda.
Wilder analizza il microcosmo del campo dove il protagonista viene emarginato e picchiato dal resto del gruppo dal sospetto di essere una spia al soldo dei tedeschi. Americani che condannano un altro americano. Difficile non vedere precisi significati politici visto che Stalag 17 esce in pieno maccartismo, in cui il sospetto era già una condanna. "Se mi incontrerete all'angolo di una strada, facciamo finta di non conoscerci" coerente allo spirito caustico e disilluso del protagonista e dello stesso Wilder.

dave89  @  21/12/2010 17:34:39
   9½ / 10
stupendo capolavoro.ottimi b.wilder e w.holden.

Gruppo COLLABORATORI julian  @  01/12/2010 13:53:55
   7½ / 10
Wilder, dopo essere passato magistralmente tra commedie e noir, si cimenta in un film di guerra sui campi di prigionia nazisti, su cui aleggia un'ambigua atmosfera spensierata e melanconica, quella che, molto più matura, dominerà ne L'appartamento del '60.
In Italia, a giudicare dal sottotitolo messo ad evidenziare una durezza e rigidità che non si evince dal film, non ci avevano capito niente, incapaci di concepire un film di guerra ibrido.
E' pur vero che una rappresentazione così scanzonata non rispecchia, probabilmente, quella che fu la drammatica realtà.
Il film, scorrevole e piacevole da guardare, resta forse un caposaldo indirettamente, più importante per la possibile influenza esercitata su pellicole come M.A.S.H., che per il proprio valore oggettivo.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Ciumi  @  24/04/2010 13:09:16
   8 / 10
Non è un documentario sui campi di prigionia nazisti, com’è evidente, né comunque un film che ne intenda rappresentare, o denunciare, gli aspetti storici.
In ‘Stalag 17’ Wilder racconta (bene) non la Storia ma una storia; raccoglie diversi generi quali il film bellico, la commedia, il drammatico, addirittura il thriller o il giallo (chi è la spia?); continua quel discorso sul cinico opportunismo dell’uomo che si era visto, ad esempio, in ‘Viale del tramonto’ o ne ‘L’asso nella manica’, sentimento qui osteggiato da quello necessario di solidarietà tra i prigionieri.
Trova forse la sua vera fonte in ‘La grande illusione’ di Renoir.

Wilder non inventò nulla, ma riassunse molto, in grandezza, entro i confini del convenzionale. E della pessima Hollywood, di cui mantenne pur sempre alcuni difetti, o almeno secondo me, egli rimane probabilmente il migliore rappresentante.

DarkRareMirko  @  10/01/2010 20:11:19
   10 / 10
Tra i migliori film sui campi di concentramento e sul nazismo in generale mai realizzati; meritatissimo l'Oscar ad Holden, per davvero un grandissimo attore.

Salta all'occhio però una messa in scena, comunque superba, che però è veramente troppo all'acqua di rose; i nazisti qui son quasi bonari, tolleranti, chiachcieroni, non esiste proprio, dai; molti, forse troppi, anche i momenti ironici (come quello della vernice usata come pretesto per poter andare a spiare le donne).

Probabilmente in modo evidente Holden non poteva (ancora) permettersi una rappresentazione cinematografica crudele e spietata, nonchè realista, alla Spielberg o alla Polanski insomma.

Come affidabilità storica non conta tanto quindi, ma è per davvero un capolavoro registicamente parlando; narrativamente poi è davvero impareggiabile, con 120 minuti che non stancano e filano via veloci come non mai.

Nel cast, pure il regista Preminger (Exodus con Paul Newman).

Wilder si riconferma regista monumento per la storia del cinema, perfetto e definitivo in qualsiasi genere (comemdia, dramma, storico, ecc.) dove lui si permetta di metter mano.

Beefheart  @  07/12/2007 12:56:05
   7½ / 10
Un discreto prison-movie, ambientato in un campo di lavoro nazista durante la seconda guerra mondiale, che senza trascurare la drammaticità del contesto lascia largo spazio all'ironia. Quasi tutto si svolge all'interno dello stalag nel quale sono detenuti i prigionieri di guerra, interpretati da una serie di personaggi molto ben caratterizzati (eccezionali Shapiro e Stosh interpretati da Harvey Lembeck e Robert Strauss) che danno vita a svariati siparietti divertenti ed a più di una sequenza memorabile; come il Col. Von Scherbach che gironzola comodamente scalzo per il suo ufficio, se pure in divisa, e che indossa gli stivali solo momentaneamente per far sentire lo sbattere dei tacchi allorquando un superiore lo chiama al telefono; oppure il soldato americano credulone, prigioniero da molto tempo, che riceve la corrispondenza dalla moglie ed apprende con sorpresa di un evento miracoloso tale per cui, davanti all'uscio di casa, ella avrebbe trovato una neonata con i suoi, di lei, stessi connotati!
Contemporaneamente però, la trama comprende anche una buona dose di inganno, complotto, astuzie, compromessi e quant'altro possa scandire la vita nella baracca del campo. A livello di recitazione se la cava bene William Holden nei panni del personaggio principale Serg. Sefton e non sfigura Otto Preminger in quelli del comandante del campo Col. Von Scherbach. Sceneggiatura lineare e scorrevole, buona la fotografia.

Sestri Potente  @  14/11/2007 11:40:09
   10 / 10
Un capolavoro! Questo film sdrammatizza un avvenimento negativo come la guerra equiparandola addirittura ad una commedia, con generali tedeschi buffi ed impacciati. La spia viene scoperta in modo assolutamente geniale ed alla fine ha ciò che si merita, con la soddisfazione di tutti. Grande colonna sonora!

wega  @  30/09/2007 13:34:48
   7 / 10
si è un buon film ma tra quelli che ho visto di billy forse è il meno importante

Dick  @  03/09/2007 16:09:44
   8½ / 10
Ambientato in uno spazio ristretto un coinvolgente film che mescola a drammaticità e tensione momenti divertenti e ironici.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  04/08/2007 01:32:32
   8 / 10
E' per le stesse ragioni che conoscono molti (una visione troppo goliardica dei campi di prigionia) che forse non sono mai riuscito ad affrontare questo film alla stregua di altri capolavori di Wilder: è utilissimo rivederlo.
Se ne possono cogliere meglio le sfumature, i personaggi di contorno (strepitoso Peter Graves, futuro divo televisivo di "Furia") e il climax corrivo, di tradimento "annunciato" nelle sequenze di gruppo (forse un riferimento velato alla commissione di McCarthy e al Gruppo dei Dieci di Hollywood?).
Holden è straordinario, ma non è di meno l'eccezionale Otto Preminger (proprio il famoso regista) nei panni di un'ufficiale nazista

quaker  @  25/06/2007 00:22:57
   9 / 10
L'avevo visto in TV tantissimo tempo fa. Ignoravo che fosse di Billy Wilder; l'interpretazione di William Holden mi aveva colpito, e lo ricordavo perfettamente, fino ai dettagli. L'ho rivisto, per puro caso, stanotte. Ebbene è un grandissimo film, ingiustamente dimenticato. Wilder costruisce una storia perfetta nei minimi particolari (ed il fatto che uno spettatore medio come io sono ricordi tanti particolari dimostra come il film si faccia seguire perché magistralmente strutturato) e si avvale (dopo Viale del Tramonto) di un attore che gli è molto congeniale come Holden, che rimane uno dei più grandi interpreti americani di tutti i tempi, anche se ha fatto di tutto per non far riconoscere il suo straordinario talento, smettendo quasi di recitare per dedicarsi alla caccia in Africa.
La mescolanza di una storia fortemente drammatica con una serie di intermezzi comici, alcuni molto riusciti, e l'ambientazione in una baracca (potrebbe essere rappresentato a teatro) sono i punti forti del film e rivelano l'impronta tipica di Wilder, che racconta la vita in un campo di prigionia, con una serie di abili "inserimenti" nella vicenda drammatica centrale di scene vita quotidiana del campo.
Per l'epoca in cui venne girata, infine, è un' opera innovativa e coraggiosa: la guerra era finita da appena otto anni, e si voleva ancora solo celebrarne l'epopea (la voce narrante, all'inizio del film, spiega bene quale sia l'intento del regista), non certo parlare della sorte dei prigionieri (che sono personaggi scomodi, perché, pur soffrendo quanto i soldati, sono pur sempre degli sconfitti, e non contribuiscono alla battaglia ed alla vittoria).

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Requiem  @  06/07/2005 11:57:59
   9 / 10
Un minore di Wilder (se così possiamo definirlo!).
"Stalag 17" è un film ambientato in un campo di prigionia, che però utilizza, dei toni piuttosto scanzonati, e non pesanti. Ma Wilder però è molto sarcastico e antieroico. Ai tempi fu criticato, ma ovviamente non fu capito. Rivisto oggi appare come un film molto all'avanguardia per il periodo, e al tempo stesso molto particolare, frutto del lavoro di un regista geniale, uno dei migliori in assoluto nel cinema.
Il capo del campo è l'autore fra gli altri di "Tempesta su Washington" e "Anatomia di un omicidio" , il regista Otto Preminger.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

2028: la ragazza trovata nella spazzaturaa letto con sartreacqua alle cordeanataranche ioannie ernaux - i miei anni super 8ant-man and the wasp: quantumaniaargentina, 1985argonuts - missione olimpoarmageddon time - il tempo dell'apocalisseassassin clubasterix & obelix - il regno di mezzoavatar - la via dell'acquababylon (2022)benedettabigger than us - un mondo insiemebillie eilish: live at the o2bussano alla portac'era una volta in italia - giacarta sta arrivandocharlotte m.: il film - flamingo partychiaracocainorsocreed iiidecision to leavedelta (2023)diario di speziedisco boydomino 23 - gli ultimi non saranno i primi
 NEW
dungeons & dragons - l'onore dei ladrieducazione fisicaemancipation - oltre la liberta'empire of lighteoera oraernest e celestine - l'avventura delle 7 note
 NEW
evelyne tra le nuvoleeverything everywhere all at once - la vita, il multiverso e tutto quantofairytale - una fiabagigi la leggegli occhi del diavologli spiriti dell'isolagodland - nella terra di diograzie ragazziheadshot (2023)hidden - verita' sepolteholy spiderhometown - la strada dei ricordii nostri ieriil boemoil cacio con le pereil capofamigliail corsetto dell'imperatriceil frutto della tarda estateil gatto con gli stivali 2 - l'ultimo desiderioil grande giornoil mio amico massimoil primo giorno della mia vitail ritorno (2022)
 NEW
il ritorno di casanova (2023)il viaggio leggendarioio vivo altrove!john wick 4jung_ekill me if you cankiller her goatsklondikela fata combinaguaila ligne - la linea invisibilela memoria del mondola primavera della mia vitala seconda vialadri di natalelaggiu' qualcuno mi amale otto montagnele vele scarlattel'innocente (2023)l'ispettore ottozampe e il mistero dei misteril'ombra di goyal'ultima notte di amorel'uomo che disegno' diol'uomo sulla stradam3ganma nuitma tu, mi vuoi bene?magic mike - the last dancemarcel the shellmasquerade - ladri d'amoreme contro te: il film - missione giunglamiracle (2023)missing (2023)mixed by errymoney shot: la storia di pornhubmummie - a spasso nel temponannynapoli magicanarvik: hitler's first defeatnatale a tutti i costinavalnynezouh - il buco nel cielonon cosi' vicinopamela, a love story
 NEW
pantafaparlate a bassa voceperfetta illusionepinocchio di guillermo del toropreparativi per stare insieme per un periodo indefinito di tempoprimadonnaprofeti
 NEW
quandoromantichesaint omersbagliando s'imparascream visharpershazam! furia degli deisi', chef! - la brigadestranizza d'amuritarterezin
 NEW
terra e polverethe fabelmansthe honeymoon - come ti rovino il viaggio di nozzethe leechthe mean onethe offering (2022)the pale blue eye - i delitti di west pointthe planethe quiet girlthe sonthe straysthe whaletill - il coraggio di una madretramite amiciziatre di troppotre minutitrieste e' bella di nottetutto in un giornoun bel mattinoun matrimonio esplosivoun uomo feliceun vizio di famigliauna relazione passeggeraverawhat's love?whitney - una voce diventata leggendawomanwomen talking - il diritto di scegliereyakari: un viaggio spettacolare

1038461 commenti su 49066 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

10 PASSI DELL'AMOREA CHRISTMAS PRINCESSAGENT GAMEALONE AT NIGHTAMITYVILLE THANKSGIVINGASSASSINO AMERICANOCALL JANECHRISTUSE' STATO TUTTO BELLO - STORIA DI PAOLINO E PABLITOFEAR (2023)FIRE - NESSUNA VIA D'USCITAI CACCIATORI DEL CIELOINFIESTOLA MIA VERSIONE DELL'AMORELA SIGNORA DEI TROPICILANDLOCKEDLEGENDARY - LA TOMBA DEL DRAGONELEGIONSLO STRANGOLATORE DI BOSTON (2023)MALEDICTION - LA MALEDIZIONE DI ARTHURNIGHT OF THE BASTARDNON MOLLARE MAIPLAY DEAD (2022)PRINCIPESSA PER CASOR.M.N.SFORTUNATA IN AMORESHADOW (2018)SILENZIO: SI UCCIDETADDEO L'ESPLORATORE E IL SEGRETO DI RE MIDATADDEO L'ESPLORATORE E LA TAVOLA DI SMERALDOTEN TIGERS FROM KWANGTUNGTHE DEVIL CONSPIRACYTHE LAST EXECUTIONTHE SILENT FORESTTHE UNTOLDTRUE SPIRITUNA STORIA AMBIGUA

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net