manchester by the sea regia di Kenneth Lonergan USA 2016
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

manchester by the sea (2016)

 Trailer Trailer MANCHESTER BY THE SEA

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film MANCHESTER BY THE SEA

Titolo Originale: MANCHESTER BY THE SEA

RegiaKenneth Lonergan

InterpretiCasey Affleck, Michelle Williams, Kyle Chandler, Matthew Broderick, Gretchen Mol, Kara Hayward, Tate Donovan, Heather Burns, Josh Hamilton, Erica McDermott, Lucas Hedges

Durata: h 2.15
NazionalitàUSA 2016
Generedrammatico
Al cinema nel Febbraio 2017

•  Altri film di Kenneth Lonergan

Trama del film Manchester by the sea

Dopo l'improvvisa morte del fratello maggiore, Lee Chandler (Casey Affleck), un idraulico di Boston, si vede costretto a tornare nella sua cittÓ natale, dove scopre di essere stato nominato tutore del nipote sedicenne.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,36 / 10 (33 voti)7,36Grafico
Miglior attore protagonista (Casey Affleck)Miglior sceneggiatura originale (Kenneth Lonergan)
VINCITORE DI 2 PREMI OSCAR:
Miglior attore protagonista (Casey Affleck), Miglior sceneggiatura originale (Kenneth Lonergan)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Manchester by the sea, 33 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

TheLory  @  21/06/2017 19:43:32
   7 / 10
Il genere esatto non sarebbe "drammatico", ma "molto drammatico". Questo per mettere i puntini sulle i.
Finalmente Affleck si fa riconoscere come attore, perchè fino a oggi non capivo se era un cane o se aveva qualche qualità, mi era sempre sembrato un attore monoespressivo come il fratello. Invece qua ci dà una grande prova (anche se la faccia resta monoespressiva a pensarci bene...va beh non pensiamoci più, lasciamo la faccenda avvolta nel mistero).
Bel film, molto drammatico, ma se ti ci riesci a immergere e ti ci fai cullare, vedrai che quelle onde ti danno un inaspettato senso di pace interiore, accettando la vita com'è nel bene e nel male (mmm, devo riflettere su quello che ho appena scritto, probabilmente qualcosa di vero c'è).
Insomma per me è da vedere.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  20/06/2017 10:03:01
   7 / 10
La morte toglie tutto ad un uomo, per poi, seguendo clamorose logiche beffarde e paradossali, restituirgli un barlume di speranza, una possibilità di ripartenza che sembrava seppellita per sempre dalla più insopportabile delle disgrazie.
Lui è Lee Chandler, tuttofare taciturno al limite dello scontroso, fuggito dalla cittadina natia, scappato da ricordi a dir poco insopportabili. Senza mai scadere in patetismi spicci o ricattatorie scene madri in cui la lacrima giunge forzata, e soprattutto per mezzo d'una narrazione in flashback in ammirevole equilibrio tra passato e presente, Kenneth Lonergan affronta il dolore insopportabile celato sotto indifferenze di circostanza, pronte a cedere solo nell'esplosione di repentini attacchi di rabbia.
Con sguardo malinconico e fisico imbolsito a dovere, Casey Affleck lavora in sottrazione reggendo l'intero peso della pellicola sulle sue spalle, fornendo un'interpretazione convinta e convincente, riuscendo a restituire il desiderio di non voler più rischiare nulla, con il senso di colpa sintetizzato nell'eterna e necessaria autoflagellazione.
La regia quasi invisibile risulta molto funzionale nello scandagliare il calore umano allontanato, adeguato al clima perennemente gelido di Manchester, piccola cittadina marittima del New Jersey da non confondersi con l'omonima ubicata in terra d'Albione.
Qualche ridondanza della soundtrack e alcuni ralenti abbastanza superflui sono le poche magagne di questa pellicola dalla non immediata fruibilità, capace di raggiungere il cuore scavando nelle profondità emotive dei suoi protagonisti, scegliendo un approccio spesso respingente e macchinoso per raggiungere un'elaborazione del dolore legata a sviluppi certamente ben ponderati e di conseguenza credibili senza rinunciare ad una sottile ironia, per nulla fuori luogo.

Alex22g  @  16/06/2017 11:00:52
   10 / 10
Visto ieri sera in blu-ray e che dire....un capolavoro secondo me. Un film dai ritmi lenti e dalla sceneggiatura molto introspettiva ; sinceramente sono questi i film che apprezzo maggiormente. Il cinema con la C maiuscola, quello che parla di emozioni e che,tramite il grandissimo Affleck, riesce ad esprimere al meglio i messaggi del film. Straordinario .

Tuco ElPuerco  @  14/06/2017 13:56:21
   7 / 10
Bello. Ma niente di indimenticabile.
Tutto al posto giusto, coi tempi giusti .
Una visione basta e avanza.

Spera  @  14/06/2017 09:26:03
   7 / 10
Mi aspettavo un film molto più pesante e indigesto, invece nonostante la durata scorre molto bene.
Un dramma intenso, intriso di una sottilissima ironia, quello di Lee Chandler, idraulico di Boston: un personaggio interessante interpretato da un Casey Affleck in buona.
A tratti toccante e intenso anche se è mancato quel qualcosina per renderlo pienamente convincente.
Un film comunque interessante che merita una visione e che, una volta tanto, mi fa uscire dal cinema soddisfatto (proiettato nuovamente ieri al Ducale).
Sicuramente non un film allegro ma nemmeno così pesante come viene descritto (e per pesante intendo lungometraggi come "le onde del destino" - splendido e indimenticabile).

Truman84  @  24/05/2017 17:48:54
   9½ / 10
Siamo davanti ad un film di una poesia rara. Casey Affleck regge l'intero film con le sue epsressioni, i suoi sguardi.
Non perdetelo per nessuno motivo.

ZanoDenis  @  22/05/2017 21:04:17
   7½ / 10
Bel drammone, devastante e funesto dall'inizio alla fine, non c'è spazio per la felicità, solo dolore, fin dai titoli di testa si capisce dove il film andrà a parare.
Tanti i pregi, tra cui una fotografia chiarissima e biancastra di eccellente qualità, molto minimale, che si sposa bene con i sentimenti di un tormentato e distrutto Casey Affleck, che ci regala una grande interpretazione. La caratterizzazione del suo personaggio è forse la cosa che mi ha preso di più del film, diventato quasi nichilista, distrutto dal dramma che sembra avergli prosciugato i sentimenti e la voglia di vivere, il ritorno alla cittadina sarà ancor più doloroso.
Sceneggiatura di ottimo livello, che si sposa con un grandissimo montaggio, sebbene il ritmo sia lento non ci sono punti morti, anzi la storia procede sempre bene tra avvenimenti e flashback.
Ne sono rimasto soddisfatto, tra i film più validi di questa annata cinematografica .

ValeGo  @  17/05/2017 11:42:17
   7½ / 10
Drammatico, struggente, lascia addosso un senso di amarezza e tristezza . Ho trovato molto bello il rapporto tra zio e nipote (il quale trova nell'ironia un'arma per sopravvivere).

davmus  @  15/05/2017 08:23:04
   6 / 10
Lento, e alla fine storia scontata

Burdie  @  07/05/2017 00:00:07
   5 / 10
...perdibile sotto ogni punto di vista

wicker  @  26/04/2017 19:09:38
   8 / 10
Drammone sulla pena di vivere con rimorsi addosso che vviamente faràà breccia sui cuori più melanconici.. storia ben girata che non tradisce l'attesa di un finale carico di pathos e dolore ..
Bellissima fotografia virata al bianco/grigio/indaco degli stati umorali di un'apatia radicata nei cuori ..
Ottimo Affleck .. oscar meritato .. bene anche Chandler e una tormentata Mol ..

AMERICANFREE  @  11/04/2017 11:28:13
   7½ / 10
Condivido la media di filmscoop, bel film, ottimo cast e oscar meritato per Casey Affleck. Lo consiglio

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  07/04/2017 21:13:24
   7½ / 10
Bel dramma, semplice ma potente, che poggia sull'ottima interpretazione di Casey Affleck.

7219415  @  02/04/2017 00:19:22
   7 / 10
Bel film, molto triste

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Satyr  @  27/03/2017 10:09:36
   9 / 10
Si puo'raccontare la necessità di sopravvivere senza svolte spirituali, retoriche sociali spacca palle e una scena madre con attori che fanno a gara a chi strilla di più? Si, Manchester by the sea. E ancora si: Casey Affleck ha una sola espressione perchè è ciò che serve al film.

"E'solo un problema di logistica".

Macs  @  25/03/2017 23:21:49
   8½ / 10
Bellissimo e struggente. Non è un film per tutti. Può essere apprezzato dagli animi più introversi, riflessivi, e magari anche un po' malinconici. Non l'ho trovato assolutamente lento. Perché? Perché i personaggi sono interpretati e scritti benissimo, e quello che accade/accadrà loro è reso estremamente interessante. Mi interessava sapere tutto quello che sarebbe successo a Lee, alla sua ex moglie Randi, a suo nipote Patrick, alla madre di questi, all'amico George, eccetera eccetera. E' un film senza una trama precisa o complicata, piuttosto uno spaccato di vita che coinvolge e appassiona. Mi ha ricordato in più aspetti "Boyhood" di Linklater. Il personaggio di Lee è eccezionale, complesso; ho visto il film in inglese e devo dire che Casey Affleck è stato non bravo, molto di più. Non so cosa ne sia stato nella versione doppiata, ma Affleck non sembrava nemmeno recitare - sembrava che la storia gli stesse accadendo realmente, tanto era credibile, sincero e realistico nell'interpretazione e nelle sue reazioni. E la storia di Lee è così ricca di dolore, per una vita che si è accanita contro di lui senza criterio nè motivo, nè giustizia, lo ha reso apparentemente freddo e anaffettivo, in realtà un uomo sensibile e "puro" che è uno sconfitto, ma certo non un fallito, soltanto una persona che con dignità e coraggio ha capito che per vivere la vita, la sua vita, l'unico modo è combatterla. L'impatto emotivo del film è fortissimo, sugli animi malinconici di cui sopra, ma anche il lato tecnico è qualcosa di superlativo: la colonna sonora è sì invasiva, ma azzeccatissima per quello che deve fare - sottolineare, sublimandoli con arrangiamenti "orchestrali" apparentemente solenni e magniloquenti il dolore e l'assenza di significato di cui è intrisa la vita del protagonista (o di tutti?). Sontuoso anche il lavoro al montaggio, con le due linee temporali che si intrecciano alla perfezione e permettono di gustare l'evolversi parallelo nelle due dimensioni specialmente del personaggio di Lee. Perché Lee oltre a essere sfaccettato e sempre sorprendente, è anche un personaggio in continua evoluzione - che non smette di affascinare e interessare, puntando a un effetto immedesimazione che il film raggiunge pienamente, almeno nello spettatore predisposto a lasciarsi coinvolgere. Forse un unico piccolo difetto tecnico sta nella fotografia, che talvolta mi è apparsa un po' televisiva. Un grande film davvero, a successive visioni l'impatto emotivo è destinato a scendere un pochino, ma rimane un prodotto che sa emozionare senza ammiccare allo spettatore, né punta a provocare la lacrima facile con i soliti cliché e stratagemmi hollywoodiani. E' un film che apprezzo perché sincero e genuino con lo spettatore, come la profondità delle emozioni che sa generare.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 26/03/2017 03.11.43
Visualizza / Rispondi al commento
codino18  @  23/03/2017 13:37:03
   7 / 10
Si lento triste tutto quello che volete, però bello e profondo. Tornando indietro forse aspetterei di vederlo in TV, ma comunque tutto sommato merita

daaani  @  21/03/2017 22:38:48
   6 / 10
mi stavo per addormentare, troppo lungo e poi troppo triste

Alex89  @  21/03/2017 20:27:56
   6½ / 10
Vero film drammatico, Affleck benissimo nella parte del depresso. Forse fin troppo reale che annoia un poco nel finale.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  11/03/2017 18:14:39
   7½ / 10
Manchester by he sea è l'impossibilità di sfuggire al proprio dolore. Tornare nella piccola cittadina di provincia da cui si era sfuggiti già di per sé è una condanna perché non significa riaprire vecchie ferite, ma renderle ancora più ampie. Lee comunque ci prova a ricominciare, a superare un empasse esistenziale che lo ha ridotto al minimo indispensabile. Però solo vivere in quel piccolo borgo marittimo è troppo ("non ce la faccio"). Abbozzare una nuova routine, accompagnare la crescita del giovane nipote, riallacciare vecchi rapporti o fare nuovi progetti è un'impresa troppo grande per un uomo definitivamente spezzato. La bravura di Lonergan è quella, tuttaltro che facile, di non trasformare questa storia in una valle di lacrime. Trasmette intensità emotiva ma riesce sempre a fermarsi nel momento giusto, agendo in sottrazione e delegando ai silenzi o agli sguardi tante inutili parole. Ridotto alla sua cifra essenziale il film è riuscito. I flashback sono inseriti nei tempi giusti. Ed ovviamente c'è Affleck, straordinario nella misura che trasmette al personaggio. Asciutto ed essenziale come la cifra del film, ma da cui si intuisce il vortice emotivo che lo travolge.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  02/03/2017 12:12:26
   6½ / 10
I "drammi" di Lonergan sono due. Il primo è il film stesso, un'escalation di sfrotune capitate al depresso protagonista che cerca di affrontare come puo' il futuro. Evitando ogni genere di contatto, soprattutto con il genere femminile, cercando di nasconderi nel suo piccolo monolocale a causa del rimorso che si porta da anni.
E le musiche di Hendel fanno da ottima cornice agli eventi piu' tragici.
I personaggi sono tratteggiati con cura e interpretati alla grande, non a caso tutto il cast principale è stato nominato all'oscar.
Ma qui arriviamo al secondo dramma del film...non si arriva da nessuna parte.
Lo stile eccissivamente lento e monocorde ci impone gia una visione oltre le due ore, ma poteva durare anche 4 ore visto il finale, che finale non è.
Non esiste messaggio, ne redenzione, ne condanna...solo un continuo di eventi che avrebbero meritato una fortuna migliore.
Non sara' ricordato a lungo e sicuramente non merita una seconda visione.
Meritato l'unico oscar vinto.

JOKER1926  @  01/03/2017 15:54:50
   5½ / 10
"Manchester by the sea" è un film targato Kenneth Lonergan, tale prodotto cinematografico ha riscosso abbastanza, è stato pure premiato alla notte degli Oscar. Ovviamente la premiazione americana, a nostro giudizio, non è altro che una mezza farsa, un mero esercizio patinato, degno dei peggiori americani.
Quindi, la critica circa il film di Lonergan, dovrebbe esser al di la di tutto.
La storia architettata dalla regia verte intorno a due personaggi, i temi sono quelli del dramma e della desolazione. Ci domandiamo, come tale cosa ,sia valsa come miglior sceneggiatura originale alla notte degli Oscar, aumentano le perplessità al riguardo.

"Manchester by the sea" ha dalla sua un'ottima confezione tecnica, convince l'apparato scenico, convince la regia e persino la lentezza che Lonergan sceglie per il suo prodotto. Nasce un film però troppo drammatico con una storia che non decolla, non progredisce mai.
Buona la prova di Affleck, anche lui premiato. A non convincerci però è il suo ruolo. Personaggio fin troppo decaduto, per troppo tempo.
Di questo film rimane poco.

JOKER1926

David94  @  28/02/2017 17:28:03
   8 / 10
Storia molto delicata e intensa raccontata molto bene da " Manchester by the sea", con il dolore dei 2 protagonisti che viene fuori pian piano e coinvolge anche lo spettatore. Molto belle le musiche di sottofondo, e perfetta l'ambientazione. Superlativa prova di Affleck che ha a mio avviso ha meritato l 'oscar.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  25/02/2017 10:14:02
   8 / 10
Dramma intenso, onesto e sobrio.
Regia curatissima ed un protagonista perfetto che offre una delle sue migliori prove.
Molto affascinante anche l'ambientazione, fredda e dura.
Il dolore così come il passato del protagonista si fanno palesi poco alla volta e questo rende il film una visione assolutamente coinvolgente.

VincVega  @  22/02/2017 13:42:48
   8 / 10
Nella stagione dei grandi premi, tre film hanno fatto incetta di nomination e vittorie: "La La Land", "Moonlight" e appunto "Manchester By The Sea". Nonostante i primi due siano degli ottimi film, "La La Land" mi è sembrato troppo artefatto e pompato, "Moonlight" invece non affonda come dovrebbe (ma vorrebbe?). "Manchester By The Sea" forse è quello che ha vinto meno, insomma una specie di outsider, però personalmente è quello che ho più apprezzato, scava più in profondità, il più onesto.
Una sceneggiatura perfetta quella di Lonergan, che porta alla luce il passato del protagonista Lee, tassello dopo tassello, ci fa capire come sia diventato così scontroso e introverso verso le persone, anche quelle più vicine a lui. Un dolore lancinante che non espone mai, trattenuto, anche quando si trova alle prese col nipote, un ragazzo in piena adolescenza, con tanti interessi, amici e ragazze, che prende la vita molto diversamente dallo zio.
Ottimi interpreti tra tutti spicca un Casey Affleck in stato di grazia. Una performance svuotata, implosiva, con rari scatti d'ira, come quando una persona dopo un po' non ce la fa più e svalvola, vorrebbe piangere ma ci non riesce. Già lo avevo apprezzato molto in "L'assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford" e in "Gone Baby Gone", ma qui probabilmente regala l'interpretazione migliore della carriera.
La regia di Lonergan è sobria ed equilibrata, adatta ai toni del film, senza mai strafare. Si concede solo una scena "diversa", quella sequenza rallentata in chiesa, bellissima, senza dialoghi, dove sono i volti a parlare.

Larry Filmaiolo  @  21/02/2017 05:25:23
   6 / 10
Oltre la performance scandalosamente eccellente di affleck c'è davvero poco in questo film (avrei dovuto evitarlo solo per le innumerevoli liste e top 10 20 30) in cui è stato ficcato al pari dei suoi simili. Dolore ed elaborazione dello stesso, incomunicabilità, rabbia, alcool, disagio soffuso e tante cose che piacciono all'America dei cinemini intellettuali per la falsa intimità. Ma ok mi sta bene.il fatto è che ,praticamente da subito, manchester by The sea sceglie di scavarsi la fossa da solo non andando altrove se non in un vicolo cieco n cui si rannicchia a dirci le stesse tre cose in un tempo francamente un po eccessivo. Due scene degne di nota, il resto boh tenetevi le vostre liste. Già che ci siete piazzateci moonlight .e siamo a posto.

LoSqualo  @  21/02/2017 00:27:42
   8½ / 10
Chi porteresti in un isola deserta me o tuo padre ? così inizia questo viaggio melodico tra assoli di piano e violino , un fascio di ricorsi che bruciano il cuore , un viaggio di rimorso e tristezza che si scagliano sul viso del protagonista Lee , un superbo Casey Affleck che finalmente dopo anni sale giustamente nell'olimpo dei grandi di Hollywood dando la sua migliore prova della carriera anche dopo quella del 2007 in L'assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford , una prova che lascia senza fiato lo spettatore a cui viene trasmesso quel senso di rimorso e nostalgia del passato tramite questa formidabile prestazione attoriale che gli è valsa già un Golden Globe e un BAFTA e che presagiscono la vittoria ai tanti agognati premi Oscar ma se alla fine non vincesse non toglirebbe niente a quello che ha saputo dare e trasmettere almeno a me sia come spettotore e amante del cinema ma sia come persona normale il quale il solo pensiero dei fatti accaduti al nostro protagonista potrebbero soltanto tagliare le gambe e farci cadere in un oblio di sconforto depressione e amarezza profonda come l'oceano che solcava Lee in compagnia dell'amato fratello e del suo caro nipote in tempi ancora benevoli alla sua persona . Kenneth Lonergan a saputo trasportarci in un viaggio amaro come lo è stata e sarà ancora la vita di Lee illuminata per brevi tratti con il ricongiungimento con il nipote , se non fosse che questo sia accaduto per l'ennesima disgrazia della sua vita , la regia a mio parere è sembrata impeccabile con molti primi piani dei protagonisti su tutti quelli con Casey Affleck e dove loro hanno potuto trasmettere tutte le varie emozioni a noi umili spettatori e che in brevi momenti hanno fatto stringere il cuore come in una morsa troppo stretta da cui fuggire illesi e senza non versare almeno una lacrima cristallina ma che sa di tristezza , i dialoghi sempre precisi e che hanno dato vita a due entita ben decise e chiare come il personaggio chiuso e sconfortato dal troppo dolore di Lee e quello Menefreghista ed estroverso da parte del personaggio interpretato da un illuminante Lucas Hedges che grazie a questa prova si merita la sua candidatura al miglior attore protagonista con alcune chance di vittoria , sono questi due personaggi che danno quel giusto senso a questa pellicola un alchimia di elementi ed emozioni contrastanti e non che alla fine metteno tutti d'accordo sul dire che il successo di questa pellicola è stato grazie più al cast che alla trama in se che è già di per se ottimamente strutturalizzata ma ancor di più interpretata , eccellente il lavoro fatto con i vari flashback del nostro protagonista che ci portano indietro nel tempo quando ancora la vita di Lee era soddisfacente ma anche nel punto in cui gli è crollata sulle spalle , da annotare la prova ottima di Michelle Williams che ottiene con questa la sua quarta nomination agli Oscar . Eccellente il comparto sonoro che ci accompagna per tutta la durata della pellicola di Lonergan frastagliata da assoli di piano e violino dai toni sempre più intensi e struggenti pian piano che ci avviciniamo agli accaduti più amari della vicenda di questo sfortunato uomo e con una fotografia che sa trasportarci in quel contesto marinaresco di quella cittadina che da sul mare e che fa riassaporare ricordi nostalgici .In conclusione un film dalle notevoli morali e che fa assaporare allo spettatore tutto il disagio che un uomo può provare dopo la disfatta che è stata la sua vita , un uomo che non sa guardare avanti perchè la sua ombra resta ancora nel passato di quella triste notte di Manchester .

metal_psyche  @  19/02/2017 16:11:07
   9 / 10
Signor film con un Casey Affleck da Academy Award.

Il suo personaggio è veramente fantastico.

Peccato solo che non sia stato dato maggior spazio al suo rapporto con la ex-moglie.

dagon  @  19/02/2017 10:08:33
   6½ / 10
Altro film che arriva tra lodi sperticate, mani spellate dagli applausi e vesti stracciate, inni sacri al capolavoro.
Un film che avremo visto altre 200 volte, non male, ma niente di che. Bella l'ambientazione, alcune inquadrature, il resto tutto abbastanza ordinario, inclusa la (cosiddetta) straordinaria interpretazione di Affleck che rispetto al fratello, ovviamente, è Robert de Niro dei tempi d'oro, però in sé attraversa catatonico (alla Gyllenhaal), come peraltro richiesto dal copione, la sua vicenda di dolore e di colpa. Approccio sobrio e minimalista, assenza di furberia manipolativa, ma non basta questo, ripeto, a fare un capolavoro.

TheLegend  @  18/02/2017 15:26:12
   6½ / 10
Un discreto drammone che nonostante tutto non è stato in grado di emozionarmi.
L'ho trovato un pò spento e distaccato come il protagonista.
Gli attori non mi hanno pienamente convinto.

marcogiannelli  @  17/02/2017 00:31:18
   8 / 10
Manchester By The Sea è un ottimo film drammatico, che ha una buona base tecnica e una storia molto ben strutturata grazie ad una sceneggiatura bella solida ma che perde nell'ultima mezz'ora, quando ti aspetteresti il twist che ti dice cosa faranno i personaggi, ma che Lonergan sembra quasi non avere il coraggio di dirti perché un vero finale non ce l'ha.
Il rapporto tra lo zio e il nipote da poco orfano di padre vive anche di flashback che ben descrivono la situazione e la personalità di Lee, tutto ciò che è dipende solo da ciò che ha vissuto.
Molto bravo Casey Affleck, che sta facendo incetta di premi, ma a mio avviso il giovane Lucas Hedges lo supera di gran lunga. Il primo, a mio avviso, vive di un personaggio meraviglioso e ben sfaccettato, ma interpretato in maniera molto accademica, il secondo sembra invece essere in continuo moto perpetuo nel cambiare i suoi atteggiamenti in base alla situazione che lo investe. Bravi anche gli altri attori del cast.
Un po' invasiva la musica, che sottolinea dei momenti drammatici in maniera troppo barocca, quando le immagini avrebbero già parlato di per sé.
Ora descrivo i miei "ma" sulla parte finale nella parte spoiler.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

3 risposte al commento
Ultima risposta 27/02/2017 12.09.45
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento williamdollace  @  17/02/2017 00:04:19
   9½ / 10
"Prega per noi ora e nell'ora della nostra nascita".
Thomas S. Eliot

Invia una mail all'autore del commento mistress999  @  14/02/2017 00:31:10
   5 / 10
E' difficile dare una valutazione e persino parlare di un film come Manchester By The Sea dove il dolore, la sofferenza, l'apatia, la solitudine, la morte ed il senso di colpa la fanno da padrone per l'intera durata (2 ore e 17 minuti) e tutto ciò si sente, ne avverti il peso, ma non quanto quello della durata, veramente insostenibile.
E' una pellicola da vedere quando si è troppo allegri, quando siamo inspiegabilmente euforici e presi da un attacco di panico per la troppa felicità decidiamo di intristirci, e così ci si fa una bella dose di angoscia con Manchester By The Sea e si torna alla depressione quotidiana.

E' un film prolisso, troppo lento, troppo grigio, troppo opprimente. ed infelice. E' la tematica del film, okay, ci sta, ma l'ho avvertito in maniera eccessivamente opprimente. L'interpretazione di Casey è sicuramente degna di nota (meno quella della Williams, anche perchè appare si e no 15 minuti in totale), ma troppo mesta e a tratti eccessivamente ridondante nella sua fissità. La sceneggiatura ha il suo perchè, la regia e la fotografia anche, ma nel complesso è una pellicola che costantemente ruota intorno ai personaggi, soprattutto quello di Lee, e alla loro sofferenza fino alla fine, senza mai riuscire a vedere un minimo spiraglio di cambiamento, non dico di speranza o felicità, ma perlomeno un cambio di rotta. Niente.
Parte mesto e finisce mesto. Riflessione sul dolore o sulla perdita, Manchester By The Sea è troppo sommerso dalla sua foschia per far intravedere qualcos'altro.

Non so quanto io riesca ad apprezzare questo tipo di cinema e non riesco veramente a formulare una considerazione generale su questa pellicola e riconosco i miei limiti in questo caso.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

2night47 metri7 minuti dopo mezzanotte
 T
a casa nostra (2017)acqua di marzoadorabile nemicaalamar
 R T
alcolista
 HOT
alien: covenant
 T
altin in citta'annabelle 2aspettando il rebaby bossbaywatchbesetmentbolshoi babylonboston - caccia all'uomobugs (2017)chirurgo ribelle
 NEW
civilta' perdutacodice unlockedcorniche kennedycuori puridue uomini, quattro donne e una mucca depressae se mi comprassi una sedia?east endescape roomfamiglia all'improvviso - istruzioni non incluse
 T
fast and furious 8fortunata
 NEW
girotondogold - la grande truffa
 T
guardiani della galassia vol. 2i figli della notte (2016)i peggioriil crimine non va in pensioneil giardino degli artisti: l'impressionismo americanoil mondo di mezzoindizi di felicita'insospettabili sospettiio danzero'it comes at night
 T
king arthur - il potere della spada
 T
la guerra dei cafonila mummia (2017)la notte che mia madre ammazzo' mio padrela ragazza dei miei sognila tenerezzal'accabadoralady macbethl'amore criminalelasciami per semprele cose che verrannole donne e il desideriole verita'l'eccezione alla regolaliberel'uomo che non cambio' la storiamaradonapolimaria per roma
 NEW
metro manilamexico! un cinema alla riscossamilano in the cage - the moviemiss sloanemonster trucksmy italymystic gamenailsnervenessuno ci puo' giudicarenocedicocco il piccolo dragonoi eravamoorecchieparigi puo' attendere
 NEW
parliamo delle mie donnepirati dei caraibi: la vendetta di salazarqualcosa di troppoquando un padrequello che so di leirichard - missione africa
 NEW
robert doisneau - la lente delle meravigliesasha e il polo nordscappa - get outsicilian ghost storysieranevadasognare e' viveresole cuore amoresong to songsulla via latteatannatavolo 19teen star academythe beatles: sgt. pepper & beyond
 T
the circlethe dinner
 NEW
the habit of beautythe space between (2017)this beautiful fantastic
 NEW
transformers 5: l'ultimo cavalieretutti a casa - inside movimento 5 stelletutto quello che vuoiun appuntamento per la sposauna doppia verita'una gita a romauna settimana e un giornouna vita, une viewhitney (2017)wilson (2017)wonder woman (2017)

957005 commenti su 37393 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net