la versione di barney regia di Richard J. Lewis Canada, Italia 2010
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

la versione di barney (2010)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film LA VERSIONE DI BARNEY

Titolo Originale: BARNEY'S VERSION

RegiaRichard J. Lewis

InterpretiPaul Giamatti, Rachelle Lefevre, Dustin Hoffman, Rosamund Pike, Bruce Greenwood, Minnie Driver, Scott Speedman, Mark Addy, Saul Rubinek, Jake Hoffman, Clé Bennett, Harvey Atkin, Mark Camacho, Ellen David, Anna Hopkins

Durata: h 2.12
NazionalitàCanada, Italia 2010
Generedrammatico
Tratto dal libro "La versione di Barney" di Mordecai RIchler
Al cinema nel Gennaio 2011

•  Altri film di Richard J. Lewis

Trama del film La versione di barney

Barney Panofsky (produttore televisivo di successo) è un ricco ebreo canadese figlio di un poliziotto che, passati i sessant'anni, decide - apparentemente controvoglia - di scrivere una autobiografia. Il motivo che spinge Barney a scriverla è dare la sua "versione" dei fatti che hanno portato alla morte del suo amico Bernard "Boogie" Moscovitch, e liberarsi così dall'accusa di omicidio mossagli nel libro "Il tempo, le febbri" dallo scrittore Terry McIver, compagno di Barney al tempo del suo lungo soggiorno a Parigi. Nel corso della stesura delle sue memorie tuttavia i ricordi di Barney diventano via via confusi: gli episodi del suo passato si intrecciano indissolubilmente con gli avvenimenti del suo presente.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,96 / 10 (79 voti)6,96Grafico
Miglior attore in un film commedia o musicale (Paul Giamatti)
VINCITORE DI 1 PREMIO GOLDEN GLOBE:
Miglior attore in un film commedia o musicale (Paul Giamatti)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su La versione di barney, 79 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

stratoZ  @  28/06/2024 11:57:23
   6 / 10
ATTENZIONE POSSIBILI SPOILER

Un dramma intriso di commedia, dal cast stellare, che ha al suo interno tante cose buone ma che si perde facilmente in qualche scena dal tono eccessivamente melenso, "Barney's version" è una sorta di epopea della vita di tale Barney, interpretato da un Giamatti molto carismatico, che ripercorre la sua vita, prettamente dal punto di vista sentimentale, piena di alti e bassi, con le sue tre mogli e i vari episodi spezzattati nel tempo, è così che viene introdotta una svariata mole di personaggi, dal padre, interpretato da Dustin Hoffmann, grande sostenitore di Barney e probabilmente quello che si sostituisce al migliore amico, il rapporto tra i due l'ho trovato molto intenso, forse per la somiglianza caratteriale dei due uomini nella loro burrascosa vita sentimentale, arrivando alle varie mogli di Barney, dalla prima con la quale il matrimonio è durato un lampo, a causa del bambino di colore nato dalla loro relazione, alla seconda che da l'aria di essere diventata una moglie a causa di un matrimonio concordato, matrimonio in cui appunto conosce Miriam, donna di cui il protagonista si innamora immediatamente e manderà all'aria il suo secondo matrimonio, quella più stabile a cui Barney tiene un mondo e la madre dei suoi figli.

Dopo le prime burrascose relazioni la vita di Barney sembra essersi stabilizzata, peccato che entreranno altri fattori in gioco come lo stringersi del rapporto tra la moglie e Blair, che causeranno qualche prurito a Barney, che nel frattempo ha la splendida idea di tradire Miriam.

La parte finale, quando il dramma della separazione, in concomitanza a quello della malattia, si abbatte sul protagonista, è quella che mi ha fatto storcere un pochino il naso, se fino a quel momento comunque era un discreto racconto di vita, poi viene fatto il carico di melensità, richiamando un po' lo schema di "A beautiful mind" che da una narrazione soggettiva emergono problemi legati alla psiche, con alcune sequenze, tra cui quella al ristorante con l'ormai ex moglie, in cui pensa di stare ancora con lei, che non ho apprezzato particolarmente.

Certo il film dalla sua parte ha diverse cose buone, a partire dal trio Giamatti-Hoffmann (in realtà questo è molto lontano dalle sue migliori interpretazioni, ma di base è un fenomeno anche quando gioca) - Pike, arrivando ad una bella colonna sonora in cui tra gli altri sono presenti brani di T.Rex e Leonard Cohen, un altro difettuccio che ho trovato è stato l'eccessivo tralasciare la dinamica della morte di Boogie, con questo spettro dell'omicidio che aleggia sul protagonista che spesso non viene preso in considerazione, a quanto ho capito nel libro dovrebbe essere una componente più preponderante.

Goldust  @  22/02/2022 15:57:48
   6 / 10
Il continuo rimando tra passato e presente, in teoria per poter seguire meglio le vicende del nostro, non funziona granchè, ed è il difetto principale del film insieme alla sua importante durata: per il resto un grande Paul Giamatti ci conduce per mano nel mondo beffardo e sopra le righe del suo Barney Panofsky, un personaggio amabile e complesso, dalle mille sfaccettature ( produttore stressato, marito distratto, donnaiolo impenitente, tifoso e bevitore da competizione ). Lo spettatore capirà da subito che la sua vita non è tutta rose e fiori, ma al di là di una confezione competente ed un cast di contorno di tutto rispetto la pellicola fatica a sfondare, neanche nel finale

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Chemako  @  24/10/2019 20:30:14
   7½ / 10
smellysocks  @  17/10/2018 00:44:02
   9 / 10
Molto tirata per le orecchie la bufalazza del Canadair che aspirerebbe palloni e addirittura uno snorkeler ma 'sto film è dimolto ma dimolto pregevole.
Vi risparmio le sviolinatelle su quant'è bravo questo o quella perché io son uno che, piuttosto che focalizzare soltanto occhi e tette, quando elabora un giudizio su pollastre (film e un sacco d'altre cose) tende a fare una valutazione estetica globale, in cui l'uso dell'intelletto non vien certo da ultimo.
Ah... a chi s'annoia per due ore di 'sto film consiglierei di occupare più preziosamente il proprio tempo nella stimolante attività del gratta e vinci.

1 risposta al commento
Ultima risposta 18/10/2018 09.56.02
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR wicker  @  26/05/2018 20:23:39
   6½ / 10
Storia un pò così .. a tratti interessante,brillante,grottesca e ironica a tratti noiosa ,ripetitiva e un filo ipocrita.
la prova di Giamatti è da oscar ,ma intorno ha personaggi non sempre all'altezza e che presco si riducono a macchiette dimenticabili. durata eccesiva.

Michele131104  @  12/04/2018 00:45:45
   7 / 10
Il film che mi ha fatto letteralmente innamorare di Rosamunde pike.
La Miriam di Barney è la donna perfetta...
Paul Giamatti meraviglioso,Hoffman incantevole...
Piccola pecca:Durata forse un po eccessiva

mikeP92  @  24/09/2015 00:50:37
   5½ / 10
Inizio buono, svolgimento abbastanza noioso, finale triste ma svuotato della sua carica emotiva dal piattume che permea gran parte della durata. Non avendolo letto non so se il libro sia effettivamente così ma personalmente "La versione di Barney" non mi ha coinvolto emotivamente, secondo me tutti i temi di cui tratta sono affrontati in maniera superficiale vedi

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER. Nota di merito per il cast, con un veramente grande Paul Giamatti.

topsecret  @  15/06/2015 19:35:38
   6 / 10
Il finale è delicato e denso di emozione, purtroppo tutto o quasi di quello che si è intessuto prima non mi è sembrato così trascinante, anche se vedibile senza affanni.
E' la prova del cast che eleva questo dramma di Lewis, tratto da un libro che non ho letto, fregiandosi delle interpretazioni carismatiche di Paul Giamatti e Dustin Hoffman su tutti, convincendo lo spettatore di tutte le sfaccettature dei loro personaggi.
La durata che supera le due ore mi è sembrata eccessiva ma non è questo il difetto che non mi consente di andare oltre la sufficienza per una storia che, a parere mio, è lenta nel carburare e nel proporre momenti davvero significativi.

DogDayAfternoon  @  21/07/2014 22:39:38
   5 / 10
Qualche anno fa lessi il libro per caso e ne rimasi abbastanza deluso. Il film non fa altro che confermare le mie aspettative, manca proprio la materia prima: la storia di Barney è priva di attrattiva e di interesse almeno da parte mia, e la piattezza della trasposizione cinematografica non fa altro che peggiorare le cose. Si salva solo una buona interpretazione da parte degli attori.

ValeGo  @  16/06/2014 10:01:54
   7½ / 10
Non avendo letto il libro non posso fare paragoni ma limitarmi solo al film che ho trovato molto convincente: Barney (interpretato da uno straordinario Giamatti) è un uomo materialista e cinico, una mente brillante, un carattere eccentrico, un donnaiolo sfrenato, testardo al punto da non rinunciare a conquistare (anche da sposato e in modo per nulla velato) la sola donna che abbia mai amato. Una vita vissuta all'insegna della non coerenza, degli impulsi del momento. Solo quando ottiene la donna della sua vita sembra calmarsi e "mettere la testa a posto". Ho trovato il personaggio estremamente fastidioso e il culmine è stato quando..

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
La moglie è una donna con le palle e nonostante tutto lo ama ancora ma prende una decisione che ogni donna intelligente e con un pò di dignità prenderebbe.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Alla fine è inevitabile non piangere...

marcogiannelli  @  31/12/2013 15:39:37
   7 / 10
La storia di un uomo che, prima di essere ucciso dalla malattia, è stato ucciso dai suoi vizi
Ottimo Hoffman, sempre ironico e divertentissimo; ottimo Giamatti, interpretazione superba la sua, capace di impersonare un uomo semplice ma controverso; ottima e bellissima infine la Pike, donna da sposare a tutti i costi, che più passa il tempo e più acquista del fascino

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  05/03/2013 20:39:16
   7 / 10
Un romanzo di una vita costruito sulle memorie deformi e malate di Alzheimer di Barney Panofsky scandito da tre matrimoni e un'infamante accusa di omicidio.
Un racconto con risvolti sentimentali e biografici molto convenzionale ma ben interpretato oltre che dai soliti noti anche dalla bravissima Rosamund Pike.

Che dire, i punti do forza del romanzo erano legati ad una certa ricerca stilistica che per ovvi motivi non poteva essere trasportata sul grande schermo nè si prova a renderla (anche se sarebbe stato gradito almeno presentarci un Barney un pò più fedele come carattere all'originale)

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Si comprende in pieno la scelta di "depurare" il racconto da tutti gli elementi barocchi del romanzo, che ammetto candidamente di aver detestato, concentrandosi solo sulla vita del protagonista.

Scelta non esaltante ma che ci restitusce un film semplice che sa emozionare nello stesso tempo può essere tranquillamente dimenticato.

il ciakkatore  @  01/12/2012 16:27:42
   7 / 10
Mi ha un pò annoiato all'inizio,poi però l'ultima mezz'ora mi è piaciuta molto e ha dato un senso a questo film.Mezzo voto in più per i bravissimi attori

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  03/11/2012 11:16:37
   6 / 10
Film ben confezionato, con un buon Paul Giamatti, ma che alla fine mi ha lasciato l'amaro in bocca. La durata è eccessiva, considerata soprattutto la noia della prima mezz'ora. Sufficiente!

Prof  @  21/10/2012 00:07:16
   10 / 10
Tenerissimo, romantico, scardinatore.
Un inno a combattere l'inazione.
E all'amore.

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  25/08/2012 18:50:49
   7 / 10
Non sono d'accordo con nessuno dei commenti dei miei illustri colleghi.

Questo film non avrà nulla da spartire con il capolavoro letterario di Mordecai Richler, ma non è neanche il film banale e ipocrita che è stato dipinto.

E' il tipico film in cui la prova attoriale fa la differenza: pochi *****, Giamatti E' Barney. Dustin Hoffman riesce a fare l'impossibile e Rosamund Pike E' Miriam.
Questi attori straordinari riescono nell'impossibile di tirare fuori un film più che decente da una sceneggiatura scandalosamente tagliata, rimaneggiata e zuccherata.
Il tipico film hollywoodiano che piace alle masse e che comprendo il motivo per cui possa piacere così tanto. Non condanno questo genere di cinema perché esistono registi come Cronenberg, Altman o Lynch. Questa versione di Barney ha i suoi pregi indiscussi, che poi non sia piaciuto agli amateurs del cartaceo è un altro discorso.

Trixter  @  29/07/2012 22:25:42
   5½ / 10
Ottima confezione per un film piuttosto noioso e poco coinvolgente. La vita di Barney non sembra essere così interessante... matrimoni, ubriacature, corna... sembra quasi una trasposizione cinematografica di Bukowski, molto più edulcorata e meno dissacrante e scorretta rispetto al grande Charles ed al suo Chinaski. A parte il sontuoso Giamatti e la buona prova del simpatico Dustin Hoffman, il resto della pellicola non offre un granchè, mantenendo una certa monotonia per le oltre 2 ore di lunghezza, decisamente troppe. Forse perchè mi attendevo qualcosa di meglio, ai miei occhi il risultato finale è apparso deludente.

Jimmy.Carollo  @  06/06/2012 13:02:36
   6½ / 10
Un mio caro amico ha detto che tra il film e il libro c'è un abisso (in favore del libro)... Siccome non ho letto il libro devo dire che il film è scivolato bene, la trama (che tocca un tema scottante e difficile da inquadrare) mi ha preso al punto giusto. Piacevole, divertente e drammatico allo steso tempo

Kejhill  @  31/05/2012 10:26:30
   10 / 10
Il voto forse è esagerato, ma non lo metto ne per fare il troll "che alza la media" o quello che vuole andare contro chi da voti negativi, per carità, se argomentato anche un 2 è giustissimo, ma in questo caso il film non mi ha mai annoiato e anzi, mi ha mantenuto l'attenzione alta per tutte le 2 ore e 12 di film e inoltre è forse la prima volta che dopo la visione di un film di questo tipo mi escono anche 2-3 lacrimuccie e mi rimane "qualcosa" di quanto visto.

Paul Giamatti mostruoso, lo conoscevo poco come attore e per film non eccellenti (Lady in the water principalmente), adesso capisco come mai è cosi applaudito ad Hollywood e non solo.

C.Spaulding  @  29/05/2012 17:48:24
   8½ / 10
Piccolo gioiellino questo film. Una bellissima storia una magnifica interpretazione di Giamatti. Mai banale. Un ottimo dramma.

gandyovo  @  09/04/2012 13:14:41
   7½ / 10
Bello, poco da dire, forse avrei preferito un finale meno drammatico e comunque mai lacrimevole. giamatti come gia detto è super! il film mantiene un equilibrio tra la commedia dissacrante e il drammatico. da vedere

sweetyy  @  23/03/2012 16:54:09
   7½ / 10
Non ho letto il romanzo ma il film è fatto davvero bene, dura più di ore e non pesano minimamente. La vita di Panofsky dagli anni 70 al presente e le sue vicissitudini amorose sono rappresentate benissimo, ma questo è anche merito del grande Giamatti perfetto nel ruolo.

karaberto  @  19/01/2012 21:45:23
   5½ / 10
Ben confezionato, certo, ma lungo, inutile e noioso. Non è riuscito ad interessarmi né l'ambiente (volutamente?) antipatico né i personaggi (insopportabili dal primo all'ultimo) né del mezzo mistero che, a dire il vero, proprio non mi ha coinvolto... Il libro potrà anche essere grandioso, ma il film non è certo un capolavoro.

giannip62  @  13/01/2012 09:02:39
   9 / 10
Ho visto il film con colpevole ritardo,un solo aggettivo:BELLISSIMO

Podo  @  11/01/2012 12:34:56
   7½ / 10
Bello e commovente per chi, come me, si è identificato con il protagonista, così deciso ad essere autentico nonostante tutto
Mai scontato, mai banale.
Consigliatissimo

Invia una mail all'autore del commento albatros70  @  02/01/2012 14:22:51
   7½ / 10
Premetto che non ho avuto modo di leggere il romanzo ma il film a me è piaciuto davvero tanto. Una storia ben raccontata con Giamatti davvero strepitoso e un padre (Hoffman) come al solito impeccabile.
Piacevolmente sorpreso, consiglio decisamente la visione...

marimito  @  30/12/2011 21:08:39
   5½ / 10
Non mi è piaciuto.. un banale tentativo di rendere simpatico e pungente il protagonista.. che spesso diventa grottesco, senza per questo suscitare l'effetto sperato..
Il papà/Hoffman eleva il livello del film e riesce lì dove in altre parti del film si fallisce..

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  06/12/2011 23:42:32
   6 / 10
Le vicende sentimentali di un uomo di mezza eta' sospettato di omicidio...visto cosi non sembra proprio un gran lavoro ma il film viene nobilitato dalla prova del simpatico/antipatico protagonista (Giamatti) e da una sceneggiatura brillante che purtroppo aggiunge una dose eccessiva di zucchero che stona con quello che doveva essere,a mio avviso,il risultato finale...
Cosi cosi

pipizanzibar  @  29/11/2011 18:09:45
   10 / 10
ma c'è tanta medio in giro e mettete a un film del genere una media così bassa? e perchè? semmai perchè non rispecchia a pieno il libro? ma dico stiamo scherzando? se volete rivedere il libro rileggetelo. questo è un grande film.

Gruppo REDAZIONE Pasionaria  @  29/11/2011 16:06:21
   6 / 10
Trasposizione banalotta.
Bisognerebbe non avere letto il romanzo, forse, per apprezzarlo maggiormente. Nonostante Giamatti sia all'altezza, come sempre del resto, non riesce a trasfigurare la genialità del personaggio di Barney Panofsky, la sua complessità, riducendolo ad uomo flaaaat, magari più accettabile del folle ed infantile Panofsky originale, ma lontanissimo dallo spirito dissacrante del romanzo.
Azzeccato, invece, il Dustin Hoffman padre.
Nel complesso direi sufficiente, solo senza alcun parallelismo con il romanzo.

The BluBus  @  18/11/2011 00:34:48
   7 / 10
parte allegro, poi vira parecchio sul drammatico, vale una visione.

charles  @  13/11/2011 18:48:14
   7½ / 10
Non era facile adattare il librone di Richler ad una versione cinematografica, e gli sceneggiatori hanno fatto il possibile comprimendo e tagliando dove possibile (suppongo che una pellicola di oltre tre ore o divisa in parte prima e parte seconda non sarebbe stata vantaggiosa per la produzione).
Ciò nonostante, il film è coinvolgente e beneficia, rispetto al libro, del mestiere di chi davvero sa fare cinema; al riguardo, oltre agli sceneggiatori, mi hanno convinto la regia e, soprattutto, l'eccellente prova di Giamatti.

kako  @  10/11/2011 22:58:04
   7½ / 10
Bel film. Una prima parte leggera e più commedia, a tratti simpatica, ma tutto sommato non eccezionale, una seconda parte molto più drammatica, intensa ed emozionante che fa decisamente salire la media del film e fa uscire la storia dal rischio banalità portandolo ad un ottimo livello. Il finale, seppur magari un po' scontato, è toccante e riuscito. Giamatti bravissimo nella sua interpretazione, perfettamente in parte anche Hoffman.

sergiolandia  @  08/11/2011 11:34:58
   7½ / 10
A me è piaciuto: Paul Giamatti qui è veramente superlativo e la storia, narrata come un'autobiografia, è molto bella.
Non capisco perchè abbia una media/voto così bassa...non è un capolavoro, ma è un film da vedere, sebbene ti lasci una vena di tristezza ed amarezza, tipica dei film drammatici.

PS. bravo Dustin Hoffman e sempre graziosa la Pike.

Reservor dog  @  17/10/2011 14:56:11
   6½ / 10
Riproporre sul grande schermo ciò che Barney Panofsky è stato nella letteratura era un' impresa molto ardua, se non quasi impossibile, e difatti il risultato è piuttosto altalenante. Nulla da eccepire sulla prove di Giamatti, come al solito ottimo, e parimenti su quella di Hoffman e della Driver, che si cala perfettamente nello spirito e nell'attitudine della seconda signora Panofsky; ciò che però manca in maniera palese è quel disordine continuo che caratterizzava la vita del protagonista, sempre in bilico tra una donna e l'altra, una sbronza e l'altra, e con i mille personaggi che affollavano e sconvolgevano la sua esistenza. Per farla breve, non si può certo dire che il fim non sia piacevole (forse un po' troppo lento nella seconda parte), ma un conto è girare una commedia non male, un conto è scrivere una storia entusiasmante come fece Mordecai Richler

Clint Eastwood  @  12/10/2011 22:43:27
   7½ / 10
Ero molto scettico sul conto di questo film ma la verità dopo averlo visto è che sono rimasto parecchio commosso e coinvolto nonostante alcuni cenni televisivi del regista.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Blutarski  @  12/10/2011 22:37:21
   5 / 10
Mai divertente quanto il libro, manca uno dei personaggi principali (McIver), Giamatti non brilla per comicità, l'unico che sembra non essere fuori ruolo e Dustin Hoffman, mi che il risultato sia più o meno simile a quello ottenuto dalla trasposizione di Chiedi alla polvere, cioè mediocri. Film abbastanza deludente non scendo sotto il 5 perchè almeno ci hanno provato.

maitton  @  12/10/2011 13:15:48
   6½ / 10
il film mi e'piaciuto, e soprattutto il personaggio di barney.
adesso pero'leggendo alcuni commenti sotto, sembra che il protagonista venga raccontato in modo molto diverso dal libro, quindi non so cosa pensare.
comunque restando al film lo reputo buono, con buoni ritmi e bei dialoghi.

Gruppo COLLABORATORI martina74  @  10/10/2011 12:52:55
   5½ / 10
Riconoscere lo spregevole Barney Panofsky nella versione edulcorata e (quasi) politicamente corretta disegnata nel film è impresa ardua: per quanto Giamatti sia strepitoso, gli è stato cucito addosso un personaggio molto meno corrosivo e simpaticamente odioso di quello che emerge dall'originale letterario.
Peccato, d'altro canto non era facile trasporre in film un romanzo pieno di parentesi e sovrainterpretazioni come "La versione di Barney", e devo dire che sullo schermo manca proprio "la versione": tutto sembra obiettivo e reale e Barney, un personaggio comunque fuori dalle righe, sembra un agnellino. Anche i comprimari perdono smalto, mancando i commenti caustici e fuorvianti dell'autore della versione, come perde efficacia il titolo della soap prodotta dalla Totally Unnecessary, uno dei tanti colpi di genio del romanzo.
Mi rendo conto che sto facendo un commento da zia acida che si stava meglio quando si stava peggio, ma è la mia versione, che ci posso fare?

despise  @  10/10/2011 11:27:17
   7½ / 10
Non ho letto il romanzo da cui è tratto, ma devo ammettere che la pellicola, seppure lenta, è molto coinvolgente ed emozionante: merito soprattutto della stratosferica prova di Paul Giamatti nella parte del protagonista!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Un film che sicuramente avrebbe meritato di più.

thetruth34  @  08/10/2011 15:54:30
   7½ / 10
film molto carino, fa riflettere sul senso della vita alternando scene malinconiche con altre divertenti. molto buona la prestazione degli attori con un Giamatti superlativo!!!

uzzyubis  @  02/09/2011 11:25:17
   6½ / 10
Non mi ha colpito molto questo film e credo non mi rimarra impresso per molto nella memoria.
All'inizio, mentre guardavo il film pensavo alla bella ricerca da parte del regista di un dialogo tra drammatico e comico, ricerca che a mente fredda mi sembra solo parzialmente riuscito.
Forse l'ho trovato un pò dozzinale...Grande, di contr'altare, l'interpretazione di Giamatti.

RobertDen  @  31/08/2011 22:06:37
   7½ / 10
Molto bello e coinvolgente!
Grandissimo Giamatti, che interpretazione!!!

Dopo aver visto il trailer mi sembrava una commedia, non è così e in alcuni tratti non è leggerissimo ma lo reputo comunque un ottimo film, caldamente consigliato!

JB488  @  22/08/2011 02:18:00
   7½ / 10
non male ! mi aspettavo piu humor,lento in alcune fasi ma un ottimo giamatti vale il prezzo del biglietto,buono hoffman.

isaber  @  17/08/2011 14:54:10
   7½ / 10
In confronto con il romanzo da cui è tratto (leggetelo leggetelo leggetelo) il film pecca per l'aver smussato gli spigoli di questo straordinario personaggio che è Barney Panofsky, egocentrico, alcolizzato, miserabile e un po' razzista. Ma è comunque apprezzabile il tentativo di tradurre in sceneggiatura le deliranti 500 pagine del romanzo, e da qui si spiega la lunghezza praticamente necessaria del film. Sublime interpretazione di Giamatti. Un film che merita molta più considerazione.

valeriap  @  14/08/2011 23:27:47
   6½ / 10
non voglio confrontarlo al romanzo che mi è piaciuto abbastanza.
il film è carino, non troppo coinvolgente ma si lascia seguire..adoro la prima moglie..mi assomiglia!!! ;))))

TheLegend  @  24/07/2011 00:40:54
   5½ / 10
Un dramma trattato con ironia che purtroppo non riesce ad emozionare.
La storia si segue con l'interesse sufficiente ma da l'impressione di essere un pò troppo patinato.

Azrharn  @  21/06/2011 18:01:27
   7 / 10
Storia mai banale ed interessante e splendida interpretazione di "Barney". Peccato l'eccessiva lunghezza del film.

ilgiusto  @  14/06/2011 15:20:11
   6½ / 10
Bah. Commediola agrodolce che scorre via per balzi senza rendere onore nè al libro nè allo spettatore.
Si lascia guardare, gli attori sono bravini, ...ma sa tutto di vecchio, di lontano, e, peggio ancora, di superato.
Alla fine ci si chiede: "Vabè? E allora? Tutto qua questo best seller?", lasciando l'impressione che di aver infilato la testa per sbaglio, a causa della pubblicità, in un prodotto apprezzato solo da appartenenti alla comunità ebraica, magari più affini a questo genere di: melò,umorismo e patinatura.

Stantio ma passabile.

folco44  @  13/06/2011 08:51:49
   6 / 10
La prima parte è un po' irritante, scene troppo caratterizzate dai bicchieri di wisky vabbe' che Barney è un ubriacone, ma da veramente fastidio. La seconda parte invece il film diventa bello e tutti i componenti di esso diventano godibili.

Xavier666  @  12/06/2011 20:20:43
   9½ / 10
Con questo film sono arrivato alla conclusione (personalissima) che Paul Giamatti sia uno dei più grandi attori della storia del cinema. Questa figura buffa un po' alla Brian (il cane dei Griffin) ma con un'espressività e una bravura fuori dal comune. Ne avevo un leggero e potente sentore ai tempi di Sideways ma ora ne ho la quasi certezza. Che film strepitoso e non oso immaginare come sarà l'opera da cui è tratto.
Fantastico, indimenticabile, non solo lui ma anche Rosamund Pike (me la ricordavo in un ruolo completamente diverso, il ruolo della bionda oca con lo sguardo da scema mentre altre persone ascoltano "Introduzione e Allegro" di Ravel nel film An Education e... ok qua si va sul sicuro, Dustin Hoffman, favoloso!
Uno dei film più belli di sempre.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Satyr  @  11/06/2011 18:59:46
   7½ / 10
Pur non avendo letto il libro mi sembra di aver capito che la critica principale rivolta alla versione su celluloide sia da ricercarsi propio nella scarsa cattiveria della sceneggiatura, capace di smorsare il tono sincopato presente nelle pagine del libro in favore di una versione soft-sentimentale della storia. Purtroppo, non potendo fare un paragone, io mi accontento di ciò che ho visto, anche perchè, la parabola di Barney Panofsky, mi ha intrattenuto con gusto dall'inzio alla fine. Un viaggio divertente, intrigante, folle e per lo più amaro, reso alla perfezione da due cavalli di razza come Giamatti e Hoffman, complici e affiatati sul set, autori di tutti i momenti migliori della pellicola.

Mi ha infastidito parecchio la solita visione da cartolina che gli americani hanno di Roma - questo è un vizio che non riusciranno mai a togliersi - e, inutile dirlo, la parte ambientata nella capitale è forse la peggiore. Sul resto non ho nulla da recriminare, scorre tutto piacevolmente e il finale strappa lacrime non staona più di tanto. Peccato che non sia piaciuto praticamente a nessuno, secondo me è un buon film.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  09/06/2011 12:57:31
   7 / 10
Partendo dal presupposto che purtroppo non ho letto il libro mi riferisco al film di Richard J. Lewis in quanto tale, senza alcun confronto.
Il regista usa il flashback per farci conoscere la storia di Barney e per tratteggiare il carattere di questo particolare personaggio.
Interpretato da un grande Giamatti, Barney è un uomo bizzarro, con una vera e proapria ossessione per le donne, per l'alcol e per i sigari. Le donne però saranno il suo tallone di Achille per tutta la sua esistenza.
La prima parte del film è più brillante e anche più irriverente rispetto ad una seconda parte più drammatica ma non lacrimevole.
Un buon film, intenso e mai noioso.
Un po' sottotono Hoffman nei panni del padre di Barney.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  03/06/2011 14:56:21
   7½ / 10
Doverosa premessa:hi ha amato il romanzo potrebbe non apprezzare la garbata trasposizione firmata da Richard J.Lewis.
Della frenetica e scorretta logorrea,sguaiata e a tratti razzista, vi sono tracce limitate,il Barney Panofsky cinematografico è trattenuto nei comportamenti più estremi e sembra il gemello educato,anche se parecchio eccentrico,della versione cartacea.
Per quanto mi riguarda ho trovato ugualmente intrigante il personaggio,consegnato ad una dimensione accomodante rispetto quella più impudente e disinvoltamente sopra le righe nata dalla penna di Mordecai Richler.Rispetto allo scritto anche l'esposizione dei fatti varia,pur avvalendosi di vari flashback non tende a ingarbugliare le reminiscenze del protagonista,ma ne conserva un rigore logico impeccabile limando le numerose digressioni dettate dalla malattia.
Produttore di soap-opera scadenti,ebreo e con un padre ex-poliziotto al tempo stesso saggio e imbarazzante,Barney ricorda la sua vita tra fiumi di whiskey e sigari,l'amore per l'hockey su ghiaccio e soprattutto l'irrefrenabile passione per le donne.Femmine come punto cruciale, con tre matrimoni e solo un grande amore,presenze fondamentali di una vita spesso direzionata dalle imprevedibili leggi dell'amore.
La pellicola sguazza con armonia tra sapida comicità ed intermezzi drammatici ridimensionati negli aspetti più penosi,tanto che il protagonista pur essendo piuttosto sgradevole finisce con il farsi amare incondizionatamente. Lewis si fa cupo solo verso il finale quando la malattia comincia a prendere il sopravvento senza tuttavia trascendere nello stucchevole.
Le impressioni negative convertono su pochi aspetti:la regia è spenta tradendo così la provenienza televisiva di Lewis,Parigi viene sostituita a Roma con la capitale mostrata tramite il solito colpo d'occhio folkloristico più adatto a una cartolina, ed indubbiamente una bella quantità di spunti corrosivi vengono gettati al vento.Per contro la pellicola non cede mai di ritmo ed appassiona con continuità,inoltre una menzione d'onore va al cast (Scott Speedman a parte ,poco convincente) in grado di coprire alla perfezione i vari ruoli.Mentre Dustin Hoffman,Rosamund Pike e Minnie Driver fanno a gara a chi è più bravo, Paul Giamatti tira fuori dal cilindro l'ennesima strepitosa interpretazione.

gaino  @  28/05/2011 19:40:15
   7½ / 10
Veramente bello!!!Divertente e commovente

werther  @  19/05/2011 10:19:01
   7½ / 10
Non avendo letto il libro da cui è tratto non posso confrontarlo,detto questo parliamo di un gran bel film dove non manca nulla e dove la recitazione dei personaggi è veramente toccante e coinvolgente,questo è il vero effetto speciale del film.Bella la storia condita da momenti drammatici e toccanti ma anche ironici e romantici che ci conducono a un finale abbastanza scontato ma non per questo meno bello e significativo.Da vedere.

Peters  @  03/04/2011 21:44:53
   6 / 10
jiko  @  27/02/2011 14:09:56
   8½ / 10
Paul Giamatti è da premio Oscar, riesce a dar vita a un personaggio irresistibile e sarcastico, non ho letto il libro e non so quanto la ricostruzione sia fedele all'originale, in ogni caso il film riesce a coinvolgere dall'inizio fino allo splendido finale. Dialoghi esilaranti e taglienti, alternati a momenti più malinconici e commoventi. Da vedere.

Kitiara31  @  20/02/2011 22:00:30
   7 / 10
Forse una parte dei commenti negativi siano da attribuirsi al trailer, che sembra presentare quasi una commedia divertente e tutta equivoci. Il film è tutt'altro che leggero, anzi, ha ritmi sempre più lenti man mano che nella storia Barney invecchia. Bravissimo Giamatti.

Kesson  @  15/02/2011 14:54:11
   9 / 10
Barney si "risveglia" nei suoi primi anni di vecchiaia e, ripercorrendo la sua vita, rende partecipe lo spettatore di una serie, sconnessa, di ricordi, situazioni, avvenimenti. Lo fa a modo suo, nella sua personale versione appunto, dal suo punto di vista che noi spettatori possiamo e dobbiamo prendere per buona. La giovinezza, gli amori, i successi, situazioni tragicomiche, che si rincorrono per due ore abbondanti tra fragorose risate e punte di commozione. Una storia straordinaria, interpretata da un gigante Paul Giamatti, condita da numerosi ed eccellenti gregari, su tutti un esilarante e sopra le righe (positivamente parlando) Dustin Hoffman nel ruolo di un padre decisamente poco canonico.
Tra questo continuo susseguirsi di ricordi e situazioni sempre diverse, c'è un geniale filo conduttore: un mistero, degno del miglior giallista, che solo alla fine del film verrà svelato in modo assolutamente geniale ed appagante.
Un film che a tratti ricorda la comicità del primo, ed inarrivabile, Woody Allen che coinvolge lo spettatore soprattutto nella straordinaria caratterizzazione di un personaggio unico come Barney di certo non un modello di uomo perfetto, ma di sicuro un uomo cui ci si affeziona sinceramente, con tutti i suoi pregi ed i suoi, tanti, difetti.
Un film esilarante ed acuto, commovente ed appassionato, imperdibile per chi ama il cinema.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento mkmonti  @  08/02/2011 16:50:14
   7 / 10
Dal romanzo di Richler (nonostante alcune rilevanti differenze nella sceneggiatura), oltre due ore di pellicola sulla vita straordinaria di Barney Panofsky; a volte eccelso, a volte troppo "caricaturale", il regista, aiutato dalle impeccabili prove di Paul Giamatti e Dustin Hoffman, riesce nel suo intento di emozionare, almeno nella parte conclusiva , e di far riflettere sulla vita in generale e sulla vita di coppia in particolare. Nel complesso un'opera che può dirsi riuscita, giustamente applaudita a Venezia.

Zurlistuta  @  06/02/2011 17:32:12
   8½ / 10
Questo film ha spessore, è un film emozionante che fa ridere e fa commuvere. Racconta una storia, una bella storia che coinvolge e che strappa emozioni.
non è un film per tutti e bisogna andare al cinema consapevoli di questo, ma posso garantire che è veramente ben fatto.
Gli attori sono ottimi nei loro ruoli, anche Hoffman che fa tanto ridere.

Gruppo COLLABORATORI Gabriela  @  04/02/2011 10:42:32
   5 / 10
Inizia bene la parte iniziale, un buon ritmo che lentamente viene offuscato - (dalla noia? dalla lentezza?) - e alla fine il film trasmette zero emozioni.
Menzione speciale a Paul Giamatti molto bravo nel portare sullo schermo le sfumature e le complessità emotive di Barney.
Peccato occasione sprecata.

p.s. Hoffman mi ha fatto tanta tenerezza sembrava la caricatura di se stesso.. ma è così in bolletta da fare delle parti del genere?

2 risposte al commento
Ultima risposta 27/08/2012 08.59.43
Visualizza / Rispondi al commento
7edo7  @  02/02/2011 23:21:45
   6 / 10
Finale toccante. Hoffman divertente. Il resto è... noia, o quasi.
Troppo lento lo svolgimento. Capisco la caratterizzazione del personaggio principale, la necessità di trasmettere il modo in cui affronta determinate situazioni, ma se non si è capaci di emozionare, meglio evitare.

Invia una mail all'autore del commento Totius  @  31/01/2011 02:53:25
   7 / 10
Il film mi è piaciuto moltissimo. Nient'altro che una biografia. Potevano essere raccontate centinaia di storie, ma qui trovo un Paul Giamatti letteralmente da Oscar. Un personaggio che secondo me rappresenta la sintesi dell'equilibrio psichico per antonomasia. Un uomo buono e caparbio che vive la sua intera vita con tutte le sue forze, ma anche con le sue debolezze, senza paura di mostrarle! Unico difetto: forse l'ambientazione nell' america VIP diventa un pretesto per una fotografia ed una scenografia accademica da cartolina.

Betelgeuse  @  29/01/2011 21:26:21
   9 / 10
Emozionante.
Leggo i voti incerti ma...che vi devo dire: mi ha realmente emozionato.

E' una biografia (auto?) per cui si alternano momenti felici e tristi...
La magistrale interpretazione di Giamatti conferisce un incredibile spessore emotivo; Dustin Hoffman strappa più di un sorriso, Rosamunde Pike splendida.



Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 30/01/2011 15.39.33
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gatsu  @  27/01/2011 03:10:35
   6½ / 10
Secondo me è ingiusto che si critichi negativamente questo film. Certo è lungo e la seconda parte ti fracassa i nervi ma l'eccelente prova di Giamatti, la simpatia di un Hoffman instancabile e le acute inquadrature non passano di sicuro inosservate. Con qualche accortezza in più e meno sfrontatezza questo lavoro sarebbe stato accettato in maniera differente, con meno cattiveria. A me non è dispiaciuto affatto.

marcodinamo  @  23/01/2011 18:33:09
   4 / 10
danistella  @  23/01/2011 01:39:03
   4 / 10
Squallido, lento, fastidioso, indisponente

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR 1819  @  22/01/2011 21:14:29
   7 / 10
Curioso come a volte ci si aspetti una ciofeca, e si scopre invece un prodotto piacevole. Lo stesso ovviamente vale per il contrario, d'altronde l'arte, come tutte le espressioni creative, non è mai del tutto prevedibile.
La versione di Barney è un film lungo ma non per questo noioso, anzi risulta decisamente piacevole, merito di una sapiente regia e di una valida sceneggiatura. I tre attori protagonisti sono perfetti per il ruolo, e in generale è difficile trovare stonature di rilievo. Certo, qualcuno lo vuole far passare per capolavoro, quale non è, tuttavia la promozione la merita appieno.

Ash76  @  21/01/2011 16:57:56
   7 / 10
Discreto mix comico drammatico. Decisamente più riuscita la prima parte, goliardica e pungente, poco credibile e a tratti prolissa la seconda.
Giamatti mattatore, Hoffman in gran spolvero nel ruolo di padre senza freni, già testato (con dubbi risultati) in "Ti presento..."

cyberkay  @  20/01/2011 17:01:50
   7 / 10
Il film non regge il paragone letterario. Impeccabili le interpretazioni di Giamatti, Hoffmann e Rosamund Pike nelle vesti di Miriam. Complessivamente direi bello ma non brilla.

donfabios  @  19/01/2011 01:06:20
   8½ / 10
non capisco tutti questi commenti negativi, il film a me è piaciuto parecchio, sicuramente svetta nel boldiume al cinema di questi tempi.
Riesce a far ridere e quasi commuovere, consigliato a chi piace vedere i film biografici, alla "forrest gump" per intenderci.

Rand  @  18/01/2011 22:04:48
   7 / 10
Aspettando Cetto e Vallanzasca, questo era uno dei pochi film guardabili....
certo non un capolavoro, ma considerato il libro di Mordechai Rider il risultato(anche se non ho letto il libro) fila. Giamatti penso che sia istrionico al punto giusto, dustin Hoffmann come padre anziano idem, senza essere patetico come in ti presento i nostri. Per il resto il cast è anonimo ma efficace. Certo la vita di Barney, con i suoi alti e bassi, e i suoi matrimoni risulta il fulcro centrale del film. Molto curate le ambientazioni a Roma, sicuramente molto del libro è stato sacrificato, comunque funziona discretamente come commedia. Certo Giamatti vincitore del Golden Globe mi risulta un pò esagerato, ma ci può stare, se non ci sono altri attori all'altezza dell'interpretazione. Musica carina, certo ne scorre di Alcool, cibo, e sigari!
Il finale

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Qualche risata mi è scappata, ma non molto!

willard  @  17/01/2011 12:51:07
   8½ / 10
Un ottima riduzione cinematografica da uno dei più bei libri degli ultimi 20 anni, "La Versione di Barney" (1997), appunto, di Mordecai Richler.

Chi ha letto e amato il libro sa di cosa parlo e non può non apprezzarlo, anche se il film ha i suoi limiti nella profondità di pensiero e di introspezione che ha la carta scritta, in un romanzo scritto in prima persona, rispetto alla pellicola dove in due ore si deve condensare una vita e quello che si vede è soprattutto l'aspetto esteriore: in questo caso mi auguro che il film spinga chi non ha letto il libro a rimediare e ad entrare veramente nel mondo di Barney Panofsky.

Ad ogni buon conto la vicenda è molto fedele al romanzo di Richler, cinico, frizzante e divertente, con caratterizzazioni quasi alla Woody Allen e grandissimi interpreti: Paul Giamatti (nel ruolo di Barney) e un grande Dustin Hoffman, soprattutto.
Ottimo ;-)

zeta  @  17/01/2011 11:07:57
   6½ / 10
E' stato difficile, per me che ho amato intensamente il libro di Richler, guardare il film senza pregiudizi, cercando di vederlo come un prodotto "altro". Quello ho visto è un film che scorre via, senza troppe pretese, soprattutto per quanto riguarda la regia scolastica, ma che, a ogni modo, in alcuni punti emoziona, soprattutto per la buon prova degli interpreti, che non annoia. Ma il richiamo del libro è stato davvero troppo forte e non ho potuto fare a meno di notare che il personaggio di Barney ne esce, in qualche modo, ridimensionato, perché nel film manca della cattiveria politicamente scorretta di cui la permeato Richler. Un personaggio che rientrerebbe di diritto nel ciclo dei vinti: indolente, inadatto e inadeguato, ma forse proprio per questo, meno posticcio degli altri. Tornando al film, che ha la pecca di ridurre a mera citazione la gioventù di Barney, certamente non rientrerà negli annali del film, ma credo non faccia rimpiangere nemmeno i soldi del biglietto.

scantia  @  15/01/2011 00:51:00
   6 / 10
Fino a metà film sembra la classica commedia intellettuale ebraico-alto-borghese alla Woody Allen, sul finale vira a drammone strappalacrime.
Ben realizzato, ben recitato, ma si esce dal cinema con un punto interrogativo stampato in viso: qual è la morale in tutto ciò? Che significa 'sto film?

3 risposte al commento
Ultima risposta 22/01/2011 23.01.38
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  12/09/2010 23:26:40
   5½ / 10
Mescolanza poco riuscita fra comico e tragico sostenuta comunque da un ottimo Giamatti e, finchè rimane in scena Hoffman nel ruolo del padre dalla lingua tagliente, riesce persino a divertire. Si appiattisce però nel finale fino ad un epilogo ai confini del melenso. Non mi ha convinto in pieno.
Simpatico il cameo di David Cronenberg.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  12/09/2010 14:24:09
   4 / 10
Qualcosa di tremendo, sembra incerto stilisticamente tra Sex and the city (il film) e Forrest Gump, una "versione" dell'ebraismo americano che fa rimpiangere e di molto l'ultimo film dei Coen.
Il risultato è un film patinato pieno di belle donne, belle case, belle città, belle immagini, che farebbe pensare a un remake di qualche filmetto di Negulesco.
Una cornice alquanto televisiva, da soap opera, che riesce a sminuire pure l'ottima prova di Giamatti e la simpatica verve di un sempreverde Hoffman. Un brutto film: piacerà sicuramente agli spettatori (!?).
Senza contare lo zucchero a veli che avvolge qualsiasi spettro di emotività, quella vera e non quella ricattatoria che piace ai cinefili profumati di Christian Dior

4 risposte al commento
Ultima risposta 15/09/2010 14.17.21
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place: giorno 1abigail (2024)accattaromaacidamen (2024)animale umanoanimali randagianna (2023)arrivederci berlinguer!bad boys: ride or die
 NEW
banel e adama
 NEW
cuckoocult killer - la vendetta prima di tuttodall'alto di una fredda torreeileenel paraiso
 NEW
era mio figlio (2024)fantastic machinefederer: gli ultimi dodici giornifly me to the moon - le due facce della lunafremontfuga in normandiafuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghost: rite here rite nowgirasoligli immortaligli indesiderabili (2023)
 NEW
glory hole
 R
hit man - killer per casoholy shoeshorizon: an american saga - capitolo 1hotspot - amore senza retei dannatiif - gli amici immaginariil caso goldmanil coraggio di blancheil gusto delle coseil mio posto e' quiil mio regno per una farfallail mistero scorre sul fiumeil regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoin a violent nature
 NEW
indagine su una storia d'amoreinside out 2io & sissiio e il seccoio, il tubo e le pizzejago into the whitekinds of kindnessl’amante dell'astronautala memoria dell’assassinola morte e' un problema dei vivila profezia del malela stanza degli omicidila tartarugala treccial'esorcismo - ultimo attol'impero
 NEW
l'invenzione di noi duelonglegs
 NEW
l'ultima vendetta
 NEW
madame lunamade in dreams - l'italiano che ha costruito l'americamarcello miomatrimonio con sorpresa (2024)me contro te: il film - operazione spiemetamorphosis (2024)mothers' instinctnew lifeniente da perdere (2024)noir casablancanon riattaccareprima della fine - gli ultimi giorni di enrico berlinguerquattro figlie (2023)quell'estate con ireneracconto di due stagioniricchi a tutti i costiritratto di un amorerobo puffinroma bluessamadsaro' con tesei fratellishoshanashukransuperlunathe animal kingdomthe bikeridersthe boys - stagione 4the fall guythe penitent - a rational manthe rapture - le ravissementthe strangers: capitolo 1the tunnel to summer, the exit of goodbyesthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretroppo azzurro
 NEW
twisters
 NEW
un messicano sulla lunaun piedipiatti a beverly hills: axel funa spiegazione per tuttouna storia neraunder parisunfrosted: storia di uno snack americanovangelo secondo mariavincent deve morirewindlesswoken - nulla e' come sembra

1052540 commenti su 50961 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

AYKAMA' ROSA

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


HIT MAN - KILLER PER CASO
Locandina del film HIT MAN - KILLER PER CASO Regia: Richard Linklater
Interpreti: Glen Powell, Adria Arjona, Austin Amelio, Retta, Sanjay Rao, Molly Bernard, Evan Holtzman, Gralen Bryant Banks, Mike Markoff, Bryant Carroll, Enrique Bush, Bri Myles, Kate Adair, Martin Bats Bradford, Morgana Shaw, Ritchie Montgomery, Richard Robichaux, Jo-Ann Robinson, Jonas Lerway, Kim Baptiste, Sara Osi Scott, Anthony Michael Frederick, Duffy Austin, Jordan Joseph, Garrison Allen, Beth Bartley, Jordan Salloum, John Raley, Tre Styles, Donna DuPlantier, Michele Jang, Stephanie Hong
Genere: azione

Recensione a cura di The Gaunt

ON THE JOB: THE MISSING 8
Locandina del film ON THE JOB: THE MISSING 8 Regia: Erik Matti
Interpreti: John Arcilla, Dennis Trillo, Dante Rivero, Joel Torre, Christopher De Leon, William Martinez, Lotlot De Leon, Ina Feleo, Ricky Davao, Vandolph, Isabelle De Leon, Rayver Cruz, Soliman Cruz, Andrea Brillantes
Genere: poliziesco

Recensione a cura di The Gaunt

archivio


LA ZONA D'INTERESSE
Locandina del film LA ZONA D'INTERESSE Regia: Jonathan Glazer
Interpreti: Christian Friedel, Sandra Hüller, Medusa Knopf, Daniel Holzberg, Ralph Herforth, Maximilian Beck, Sascha Maaz, Wolfgang Lampl, Johann Karthaus, Freya Kreutzkam, Lilli Falk, Nele Ahrensmeier, Stephanie Petrowitz, Marie Rosa Tietjen, Ralf Zillmann, Imogen Kogge, Zuzanna Kobiela, Julia Polaczek, Luis Noah Witte, Christopher Manavi, Kalman Wilson, Martyna Poznanski, Anastazja Drobniak, Cecylia Pekala, Andrey Isaev
Genere: drammatico

Recensione a cura di Gabriele Nasisi

MARILYN HA GLI OCCHI NERI
Locandina del film MARILYN HA GLI OCCHI NERI Regia: Simone Godano
Interpreti: Miriam Leone, Stefano Accorsi, Thomas Trabacchi, Mario Pirrello, Orietta Notari, Marco Messeri, Andrea Di Casa, Valentina Oteri, Ariella Reggio, Astrid Meloni, Giulia Patrignani, Vanessa Compagnucci, Lucio Patané, Agnese Brighittini
Genere: commedia

Recensione a cura di Severino Faccin

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net