la fossa dei serpenti regia di Anatole Litvak USA 1948
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

la fossa dei serpenti (1948)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film LA FOSSA DEI SERPENTI

Titolo Originale: THE SNAKE PIT

RegiaAnatole Litvak

InterpretiCeleste Holm, Mark Stevens, Leo Genn, Olivia de Havilland

Durata: h 1.48
NazionalitàUSA 1948
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 1948

•  Altri film di Anatole Litvak

Trama del film La fossa dei serpenti

L'incredibile esperienza, all'interno di un manicomio, di Virginia Cunningham (de Havilland), una ragazza affetta da turbe mentali.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,50 / 10 (8 voti)8,50Grafico
Miglior sonoro
VINCITORE DI 1 PREMIO OSCAR:
Miglior sonoro
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su La fossa dei serpenti, 8 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

topsecret  @  25/01/2020 14:13:37
   7½ / 10
Una grande prova di Olivia de Havilland impreziosisce questo film diretto da Litvak che esplora la psiche disturbata di una donna in preda ai rimorsi legati alla sua infanzia. E proprio il fattore scatenante dei problemi legati al personaggio dell'attrice, oggi ultracentenaria, appare poco incisivo, mancando di una drammaticità più marcata che possa accentuarne il pathos nello spettatore. Va però detto che il contesto dove si svolge la storia, i personaggi incastrati in quelle location e i metodi adoperati dai medici, contribuiscono ad accrescere quella soglia di forza emozionale che attanaglia tutto il film e lo rendono estremamente coinvolgente e appagante.
Regia e cast sugli scudi.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento thohà  @  07/03/2016 00:37:30
   8½ / 10
Davvero ottimo. Nel '48 deve essere stato un film assolutamente innovativo, come idee, regia, argomento, fotografia e, leggo qua, un premio Oscar per il sonoro.
L'Oscar l'avrebbe meritato anche la protagonista Olivia de Havilland (VIrginia) nei panni di una malata di mente soffocata, inconsapevolmente, dai sensi di colpa.
E' così espressiva da dare mille sfumature ad ogni pensiero, sguardo o dubbio.

Argomento delicatissimo trattato con altrettanta delicatezza ed abilità. Un vero viaggio che lo psichiatra farà insieme a Virginia nei meandri del subconscio di quest'ultima per capire le dinamiche, svolgere una matassa complicata e ridare la 'normalità' ad una persona che potrebbe trovare la vera se stessa.
Inquietante l'ambientazione e bravissime tutte le "pazze" che danno vita alla "fossa dei serpenti". Ma non è questo il nocciolo del film, questo è solo il necessario ambiente circostante, la vera questione è il trattamento ad hoc per la donna, considerata caso a se stante e non una generalizzazione.
Un medico che crede più nel metodo dell'analisi psicoanalitica freudiana che non ai terribili bagni o elettroshock.
Vera chicca imperdibile.

steven23  @  20/10/2015 17:23:04
   9 / 10
Alla ricerca di qualcosa riguardante la De Havilland (che, ahimé, conosco ancora troppo poco), la prima pellicola in cui m'imbatto è questa.
Beh, in definitiva fatico davvero tanto a trovare un singolo aggettivo che possa descriverne lo spessore e la grandezza: perché sì, questo è un film davvero immenso, tratta una tematica ai tempi così difficile da affrontare senza scatenare un putiferio nell'opinione pubblica e, a mio modo di vedere, non ha nulla (e ribadisco nulla) che non funziona.
Regia? Litvak è semplicemente eccezionale e, tra i pochi suoi film visti, questo va dritto in cima alla lista: immagini in sovrapposizione, primi piani a dir poco stupefacenti (oltre che perfetti nel loro tempismo) e uno stile asciutto e senza fronzoli ma che riesce ugualmente a gettarti all'interno del manicomio, quasi a fianco alla protagonista e ai suoi tormenti. In più c'è quella costruzione a flashback che non fa perdere un colpo alla vicenda.
Il merito direi va anche a una sceneggiatura di ferro che scava così bene e così a fondo nel personaggio di Virginia, senza tralasciare spaccati estremamente realistici di come può essere la vita all'interno di un manicomio. L'alternanza tra i drammi della donna e la realtà manicomiale risultano talmente naturali e fluidi da far sì che il film scorra meravigliosamente nella sua ora e quaranta di durata.
Per non parlare del sonoro (premiato poi con la statuetta)... o del senso di angoscia e inquietudine che si respira a ogni fotogramma.
Poco da aggiungere, qui siamo in quella nicchia del cinema con la "C" maiuscola, e la conferma arriva con la performance fenomenale della De Havilland. Cosa dire della sua interpretazione? Niente, è talmente elevata in ogni sua sfumatura da meritare di essere vista e rivista, conservata negli annali delle più grandi interpretazioni della storia cinematografica. A questo punto viene spontaneo chiedermi cosa abbia tirato fuori ne "Lo specchio scuro" per portarsi a casa una statuetta qui solo avvicinata.
Ho tralasciato il resto del cast non perché deluda, semplicemente viene soverchiato dalla grandezza della De Havilland. Glenn non è affatto male mentre il Stevens, il marito di Virginia, ha un ruolo piuttosto defilato. Doveroso, invece, citare Celeste Holm, seppur in una parte non proprio da protagonista.

Goldust  @  24/03/2014 17:35:59
   7½ / 10
Visto qualche tempo fa lo ricordo soprattutto per la sua costruzione a flashback, per la sofferta interpretazione di una grande Olivia De Havilland e per la cruda descrizione della realtà manicomiale.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  29/10/2012 14:46:01
   8½ / 10
Ha tanti pregi questa pellicola di Litvak, primo fra tutti quello di non banalizzare un argomento delicato come le malattie mentali, anzi trattandolo con una delicatezza e una profondità non indifferenti. Colpisce in maniera positiva l'equilibrio che Litvak riesce a raggiungere nel trattare la vicenda personale della protagonista, lo scoperta del proprio senso di colpa e il contesto tragico del luogo dove la vicenda si svolge, il manicomio e le anime perdute che lo popolano. Elementi che ne fanno un classico da non perdere.

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  14/11/2009 16:43:00
   9 / 10
Claustrofobico ed appassioante dramma di ambiente manicomiale che può vantare una sceneggiatura di raro spessore psicologico, estremamente curata in ogni dettaglio sul tema. Un esempio mirabile di cinema crudo e controcorrente, che faticherà in seguito ad essere riproposto (simili picchi di intensità credo verranno replicati, neanche al completo, solo in "Improvvisamente l'estate scorsa"). Litvak, qui al suo miglior lavoro di sempre, dirige con un asciuttezza degna di un gran regista. Indimenticabile ed irripetibile la prova di Olivia de Havilland, che veste la sua Virginia di dubbi e fragilità. Assolutamente da vedere e da avere!

Gruppo REDAZIONE maremare  @  08/02/2007 00:18:01
   9 / 10
Film cult del '48 è di inusitata crudezza per il periodo.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  07/02/2007 22:47:50
   9 / 10
Poche storie, questo film va ASSOLUTAMENTE VISTO , e lo dedico a tutte le persone che, come me, amano il grande cinema hollywoodiano dei tempi d'oro.
Pensate: nel 1947, nonostante le imminenti crociate della caccia alle streghe et similia, si producevano script del genere.
Che poi i cineasti piu' coraggiosi siano di derivazione europea, come il buon Litvak, riempie di orgoglio.

Al pari dell'omosessualità, la schizofrenia al cinema è sempre stato un tema tremendamente tabu', soffocato dalla paura costante della pubblica opinione di affrontare l'argomento (quindi suppongo degli stessi produttori).
Il film è così audace, duro, realista da lasciare senza fiato, ancor oggi.
C'è una splendida immagine, quando Virginia riesce a empatizzare con una malata aggressiva e renderla docile con qualche sorriso e una carezza: è una di quelle sequenze che consegnerei alla storia del cinema, per cui vale la pena senza vergognarsi di consumare vere e proprie lacrime di commozione...
Poi il tutto è retto dalla reattività crudele del personaggio, al/la quale si negano forse i fattori condizionali della malattia mentale (se di essa si tratta) e alla superba, letteralmente fantastica interpretazione di Olivia De Havilland, che regge magnificamente una prova tanto sofferta e umanamente straziante.
Memorabile la sequenza onirica dell'incubo, che dà il titolo al film

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

20.000 specie di api50 km all'oraa dire il veroadagioall soulsamerican fictionappuntamento a land’s endaquaman e il regno perdutoarfargylle - la super spiabang bank
 NEW
bob marley: one lovebuon natale da candy cane lanechi ha rapito jerry cala’?chi segna vincecity hunter: the movie - angel dustcolpo di fortunacome puo' uno scogliocover story - vent'anni di vanity fairdeserto particulardieci minutidivinitydobbiamo stare vicini
 NEW
dune - parte dueelf me
 NEW
emma e il giaguaro neroeneaferrarifinalmente l'albafinestkindfoglie al ventogenoa. comunque e ovunquegiorni felicigodzilla minus onehazbin hotel - stagione 1how to have sexi soliti idioti 3 - il ritornoi tre moschettieri - miladyil colore viola (2023)il confine verdeil fantasma di canterville (2024)il faraone, il selvaggio e la principessail maestro giardiniereil male non esiste (2023)il migliore dei mondiil mondo dietro di teil punto di rugiadail ragazzo e l’aironeimprovvisamente a natale mi sposo
 NEW
in the land of saints and sinnerskriptonla chiocciolala natura dell'amorela petitela quercia e i suoi abitanti
 NEW
la zona d'interessel'anima in pacele avventure del piccolo nicolas
 NEW
le seduzionimadame web
 NEW
martedi' e venerdi'maschile pluralemay decembermean girls (2024)mr. & mrs. smith - stagione 1napoleon (2023)
 NEW
night swimno activity - niente da segnalareno way up (2024)one lifepare parecchio parigipast livesperfect daysperipheric lovepigiama party! carolina e nunù alla grande festa dello zecchino d'oro
 R
povere creature!prendi il voloprima danza, poi pensa - alla ricerca di beckettpuffin rock - il filmrebel moon - parte 1: figlia del fuocored roomsrenaissance: a film by beyoncericomincio da me (2023)robot dreamsromeo e' giulietta (2024)runnersansone e margot - due cuccioli all'operasantocielosilver e il libro dei sognisound of freedom - il canto della liberta'succede anche nelle migliori famigliesuncoastte l'avevo dettothe beekeeper
 NEW
the cage - nella gabbiathe family planthe holdovers - lezioni di vitathe miracle clubthe piper (2023)the warrior - the iron clawtrue detective - stagione 4tutti a parte mio marito - it's raining mentutti tranne teuna bugia per dueupon entry - l'arrivoviaggio in giappone
 NEW
volarewishwonder: white birdwonkayannick - la rivincita dello spettatore

1048006 commenti su 50425 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ALIENATEAMERICAN NIGHTMARE - MINISERIE TVAPOCALISSE DI GHIACCIOBADLAND HUNTERSCALIFANOCAUSA DI DIVORZIOERADICATIONFREE FALL - CADUTA LIBERAGLI AMICI DELLE VACANZEGLI AMICI DELLE VACANZE 2IL DEMONE NEROIL SENTIERO DELLA VENDETTAIL TESORO DELLE 4 CORONEJUJUTSU KAISEN 0 - IL FILMLA BATTAGLIA DI HANSANLA FESSURALA LEGGENDA DI LONE RANGERLA ROSA DELL'ISTRIAL'AMORE ARRIVA DOLCEMENTEMALIZIOSAMENTENAGAOCCHIO NERO OCCHIO BIONDO OCCHIO FELINO…ONCE UPON A CRIMEPOUPELLE DELLA CITTA' DEI CAMINISEGUI IL TUO CUORESHERLOCK HOLMES - SCANDALO IN BOEMIASHUT IN (2022)SUFFERING BIBLETAURUSTERRA BRUCIATA (1953)UNA RETE DI BUGIE (2023)ZOMBIE 100 - CENTO COSE DA FARE PRIMA DI NON-MORIRE

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net