i, tonya regia di Craig Gillespie USA 2017
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

i, tonya (2017)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film I, TONYA

Titolo Originale: I, TONYA

RegiaCraig Gillespie

InterpretiMargot Robbie, Sebastian Stan, Allison Janney, Paul Walter Hauser, Julianne Nicholson, Bobby Cannavale, Mckenna Grace, Bojana Novakovic, Caitlin Carver, Joshua Mikel, Renah Gallagher

Durata: h 1.59
NazionalitàUSA 2017
Generebiografico
Al cinema nel Marzo 2018

•  Altri film di Craig Gillespie

Trama del film I, tonya

Tonya Harding è una pattinatrice artistica su ghiaccio che, nonostante le difficoltà, riesce ad affermarsi a livello internazionale. La sua vita però nel 1994 è segnata dall'aggressione alla rivale Nancy Kerrigan, dando vita a uno degli scandali più assurdi e tragici della storia del pattinaggio e dei giochi olimpici.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,73 / 10 (32 voti)7,73Grafico
Migliore attrice non protagonista (Allison Janney)
VINCITORE DI 1 PREMIO OSCAR:
Migliore attrice non protagonista (Allison Janney)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su I, tonya, 32 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Junipher  @  20/02/2019 13:34:35
   7½ / 10
Ottima regia ed interpreti per un buona anche se un pò di parte ricostruzione di vicende tragicomiche e borderline come la protagonista. Non apprezzo la tendenza del cinema U.S.A. contemporaneo di rendere onnipresente la colonna sonora anche nei momenti in cui in effetti non c'è bisogno di musica... ma in quelle parti del mondo immagino che siano terrorizzati dai silenzi...

Attila 2  @  19/02/2019 13:57:57
   6½ / 10
Un film quasi documentaristico,dove Tonya Harding,racconta in prima persona l'intera sua vita con,naturalmente,al centro l'episodio dell'aggressione alla sua rivale sportiva Nancy Kerrygan.Ed e' proprio questo che mi e' sembrato di vedere.La versione di Tonya,perche' alla fine viene dipinta e nel film si autodpinge una vittima,della madre,del marito,della pressione psicologica del dover essere brava a tutti i costi e poi si dipinge chiaramente innocente.Quindi piu' che "Tonya",l'avrei intitolato, "La versione di Tonya",comunque il film e' interessante,e le attrici in pieno personaggio,Oscar meritato per la Jenney.Poi ognuno si fa la sua idea sui fatti

Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  19/01/2019 12:33:16
   7½ / 10
La premessa del finto docufilm, ossia che non si sa realmente cosa sia accaduto, in realtà non è affatto mantenuta. Per tutto il tempo la protagonista viene mostrata come una eterna vittima, della madre in primis, del fidanzato/marito poi, e dell'intero mondo del pattinaggio. E'una scelta che non mi è piaciuta, ma che forse è stata un po'pilotata da Margot Robbie che, in parte produttrice, ha cercato l'Oscar a tutti i costi. Lo ha invece vinto l'attrice che interpreta la madre (in effetti decisamente memorabile). La colonna sonora è strepitosa ed è girato molto bene. Efficace almeno la condanna del perbenismo americano dell'epoca (?)

Macs  @  14/01/2019 14:04:08
   7 / 10
Buono questo film, ho apprezzato parecchio la regia e le musiche, entrambe sopraffine. Interessante la "retorica della verità" – questo insistere sull'impossibilità di arrivare a determinare cosa sia veramente accaduto – l'acclamata "verità", è poi così importante? Come nella storia reale, in cui non si é capito come siano andati veramente i fatti in merito all'"incidente". Mi é piaciuto anche l'espediente dell'infrazione della quarta parete, con gli attori che spesso si rivolgono in camera a conferire un tratto "docu" al tutto. Brava la Robbie che un po' ha pattinato veramente, anche se è evidente che in alcune scene hanno appiccicato in post-produzione il suo viso sul corpo di una vera pattinatrice. Non mancano comunque i difetti: certi personaggi sfiorano la macchietta (specie quello della madre, talmente eccessivo che a mio avviso risulta inverosimile, oltre che fastidioso), la scelta di far interpretare i personaggi quindicenni agli stessi attori trentenni mi è parsa azzardata. Inoltre avrei approfondito un po' di più il rapporto tra Tonya e Nancy Kerrigan (tra l'altro l'attrice che la interpreta non le somiglia per niente), sul quale in pratica ci viene solo detta una frase, e mostrato nulla. Riguardo l'incidente, mi sembra che il film prenda nettamente le parti di Tonya e supporti la tesi della sua innocenza: ci sta, anche se gli omissis narrativi sull'episodio lasciano spazio anche a un'interpretazione colpevolista. Non mi fa impazzire inoltre la costante volgarità dei dialoghi, per carità non sono bacchettone ma il discorso sulla provenienza/caratura dei personaggi era molto chiaro, e quindi mettere qualche "f**k" e "f***ing" in meno non avrebbe annacquato il messaggio ma almeno concesso un po' di sollievo alle nostre orecchie.

marcogiannelli  @  20/09/2018 17:10:22
   8 / 10
Un grandissimo film tratto da una storia vera ed abbastanza nota, che dopo quasi 25 anni è stata giustamente riportata alla luce.
Tonya è una ragazza rurale, un maschiacchio, una che va a caccia, ripara automobili, taglia la legna e manda a quel paese qualsiasi cosa. Nonostante questo Tonya fa pattinaggio artistico, lo sport delle ragazze leggere, lo sport della grazia e della classe. Ma lei ha del talento da vendere, da bambina è un vero e proprio prodigio. Ma è difficile che in questo sport una ragazza così "diversa" possa essere apprezzata, dalla giuria così come dall'ambiente, deve fare qualcosa di straordinario per meritarselo.
Tonya resta soprattutto un film di rapporti umani, di soprusi, di dolore, ma soprattutto sulla ricerca della perfezione sportiva. E nel pattinaggio artistico la perfezione può essere rappresentata dal triplo axel, un salto impossibile che la Harding fu la prima (di tre atlete in totale fino ad oggi) americana a completare. E' il mondo dei "piccoli" sport, quel mondo dove anche se arrivi quarto alle Olimpiadi non sei nessuno ma, anzi, devi andare a fare il cameriere in uno squallido pub. Sono sport che vivono quasi soltanto per quell'appuntamento, le Olimpiadi.
Veniamo ai personaggi.
Tonya è interpretata da Margot Robbie. Mi soffermo un attimo su questo: a vedere le due (attrice e Tonya della realtà) si potrebbe dire che le due non siano proprio due gocce d'acqua, anzi, mentre la Harding era un maschione che fingeva per la competizione di esser donna aggraziata, la Robbie non diventa brutta nemmeno con tutto il trucco usato per il film. Ma sono sicuro che il regista l'abbia voluta, oltre che per il riscontro mediatico che suscita la bella attrice, anche perché recita in una maniera spaventosa in questo film. Momento topico è quello pre ultima gara davanti allo specchio, in cui tutto il film, tutto quello che le è successo, ci passa davanti e si vede nel suo volto, con quel sorriso mai vero.
La madre di Tonya, LaVona è violenta, sboccata, frigida, autoritaria. Sembra che le voglia bene perché si fa il **** e i pochi soldi che guadagna li usa per pagare il pattinaggio a Tonya, ma poi sembra che in realtà lo faccia per se stessa. Ad un certo punto sembra che voglia dirle che le vuole bene, che è fiera di lei, addirittura la abbraccia. Ma Tonya scopre che vuole solo farle dire la verità, incastrarla. Allison Janney in tutto ciò è magnifica, l'Oscar meritatissimo.
Bravissimi anche Sebastian Stan nella parte di Jeff Gillooly e Paul Walter Hauser nella parte del personaggio più grottesco di tutti, ma bisogna non dimenticare anche l'allenatrice di Tonya, forse l'unico personaggio umano in mezzo a una serie di mostri
Regia superlativa, specie nel ricreare in un modo quasi mimetico il mondo delle esibizioni in gara. E un modo di narrare che migliore non si poteva scegliere, con quel mix tra interviste e racconto per immagini, ovviamente tutto è possibile grazie ad un grandissimo montaggio.
Molto incisive anche le pennellate contro i media, ad esempio in quella scena dei furgoni delle tv che se ne vanno perchè ormai Tonya fa poca notizia, O.J. Simpson l'ha già soppiantata...

davmus  @  06/09/2018 09:57:03
   6½ / 10
Effettivamente la storia è stata resa "particolare", ma personalmente non l'ho trovata così accattivante

floyd80  @  28/08/2018 08:51:02
   7½ / 10
Una storia ai più sconosciuta si rianima al cinema con un prodotto davvero ben costruito.
Tecnicamente è davvero meritevole, regia fantastica (la scena delle olimpiadi è da manuale) ottime le musiche anche se non originalissime.
Che dire degli attori? Bravi tutti con Robbie, Stan e Janney (meritato l'oscar) su tutti.
La realtà a volte supera la fantasia e ti chiedi come questi personaggi sciroccati abbiano potuto pensare ad una cosa del genere.
Da vedere, uno dei migliori film dell'anno.

Invia una mail all'autore del commento kampai  @  06/08/2018 16:09:39
   7 / 10
Da appassionata di pattinaggio sul ghiaccio, ricordo benissimo il fatto, o incidente. La robbie è bravissima a tratteggiare una persona complessa e antipatica come la harding. Il film lo fanno gli attori, la regia non mi ha entusiasmato. Enorme la janney nel ruolo della madre. Comunque per me sapeva benissimo. La beffa è che nessuna delle due avrebbe vinto perché col debutto di una ragazzina di nome oksana baiul, col suo triplo axel perfetto, ha fatto man bassa di premi da la a 5 anni a venire. L'ironia della sorte

KINGLIZARD  @  30/07/2018 07:33:43
   7 / 10
Bel Biopic, ben recitato e ben diretto, qualche appunto sui protagonisti potrebbe essere fatto sulla parte in cui dovevano essere adolescenti (nel senso che avrebbero dovuto metterci veramente 2 adolescenti, ..un pò difficile far passare una trentenne come una con l'esatta metà dei suoi anni)..comunque ci si può anche passare sopra.
Un film che fa riflettere sul ruolo fondamentale dei genitori nella crescita di un figlio...che questo sia di insegnamento per tutti quelli che un giorno vorrano averne o ce li hanno ancora piccoli..il film intrattiene pur nella sua drammaticità diventa tragicomico in alcuni frangenti..

camifilm  @  29/07/2018 19:23:36
   7 / 10
Piaciuto in tutto.
Un film che rivela anche altre realtà che nascevano nel 1994 come la tv CNN con i tg 24h e necessità di trasmettere servizi...
Una vicenda nuda e cruda.

wicker  @  27/07/2018 10:04:57
   7 / 10
Buon biopic realizzato coerentemente alternando scene della vicenda a interviste ai protagonisti.
La storia non si discosta per nulla dalla realtà e lascia allo spettatore il margine di giudizio finale sulla questione . Meritato l'oscar a una cinica e iperscrutabile Janney , la Robbie forse è troppo bella e magnetica per interpretare un personaggio sicuramente meno grazioso ma più tenace e coriaceo ,al suo posto avrei visto meglio chessò una Zellweger o una Portman

Invia una mail all'autore del commento Daniela Puledra  @  14/07/2018 03:34:59
   10 / 10
Davvero una sorpresa! Bravissimi gli attori la mamma la protagonista che avrebbe dovuto vincere l Oscar anche x la bravura con cui si è imparata a pattinare... è un po' lungo ma scorre in scintillanti colori anni 90. Uno dei più bei film del 2018

Wilding  @  02/07/2018 21:55:11
   8 / 10
Intenso e bellissimo. Originale la narrazione dei fatti. Grandi interpreti.

pernice89  @  21/05/2018 14:01:41
   7½ / 10
Bello, questo I,Tonya. Storia interessante, trasposta in maniera frizzante; personaggi che sanno come farsi odiare ma che piacciono proprio per quello. Ottima l'interpretazione soprattutto sul lato femminile, un Oscar assolutamente meritato. Lo consiglio.

pak7  @  19/05/2018 14:40:25
   7½ / 10
Molto spesso uno dei difetti dei biopic è che molto spesso sono didascalici, al limite del noioso. I, Tonya si distacca da questo mio timore regalando due ore piacevoli ed interessanti. Sarà per la storia, di per sè molto avvincente, sarà per le interpretazioni davvero importanti, I Tonya lascia lo spettatore soddisfatto, facendogli dimenticare un inizio in apparenza troppo documentaristico.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  29/04/2018 00:42:33
   8 / 10
Ho atteso a lungo prima di commentare un bellissimo film che, a tratti, cede alla lusinga di un'opera fin troppo costruita e forzata. E' un difetto che non inficia il risultato, visto che mette alla berlina l'america piu' arrivista e deleteria, un fatto di cronaca reale e al tempo stesso le tante ombre del mondo dello sport. Non sono un patito del pattinaggio ma il film riesce ugualmente a intriga re lo spettatore proprio raccontando e regole e vittorie, e le scene delle competizioni sono da antologia
La protagonista e' brava proprio perche' il suo personaggio e' difficile e odioso e difficilmente possiamo parteggiare per lei. Un film che, infine, non ha paura di essere anche antifemminista in anni di icone cinematografiche che raccontano angeli del focolare e non solo. Molto Coen ma anche i parametri di film verita' come Boys don't cry, e caratteristi memorabili v. L'odiosa e scurrile mamma-manager

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  26/04/2018 16:28:01
   7½ / 10
Biopic che oltre ad essere interessante è decisamente ben fatto. Molto ben recitato, grande livello per i due ruoli femminili; molto belle anche le ricostruzioni delle gare.
Ottima colonna sonora.

VincVega  @  23/04/2018 13:15:26
   7½ / 10
Biopic con scelte registiche assolutamente azzeccate, che lo fanno differenziare dagli altri. Gillespie può finalmente dimostrare la sua bravura senza essere frenato da una Major.

La scelta di Margot Robbie, per quanto sia molto brava, non mi sembra azzeccatissima. È troppo bella e di classe per impersonare una ragazza bruttina e cafona. Ottimo tutto il cast, su tutti la Janney, veramente eccezionale.

Per quanto riguarda le scene sportive di pattinaggio, fatte molto bene, ho trovato un po' stonata la scelta di appiccicare il viso della Robbie alla stuntman che ha svolto queste sequenze. Troppo visibile questo effetto che poteva essere un po' più curato, ma capisco anche che la pellicola, essendo a basso budget, non poteva permettersi molto di più.

Fondamentale un film da vedere, anche con i difettucci elencati precedentemente. Ho trovato anche qualche similitudine con la serie tv "Fargo". La cittadina di provincia con le sue malefatte e i personaggi outsider, ambientata tra la fine degli anni '80 e l'inizio dei '90. Non che sia un male, tutt'altro.

Cinecriticone  @  20/04/2018 22:48:32
   7½ / 10
Film ben raccontato e recitato. La storia successa realmente viene ottimamente messa in scena e scorre in maniera leggera anche nella sua drammaticità. Ricorda un film dei fratelli Cohen. Bravi.

1 risposta al commento
Ultima risposta 20/04/2018 23.02.29
Visualizza / Rispondi al commento
piripippi  @  19/04/2018 23:31:59
   8 / 10
imperdibile e stupefacente. un gran bel film che racconta secondo fonti a detta loro dettagliate la drammatica storia della harding. gli attori sono stati di una bravura immensa data la difficoltà dei personaggi. un film che racconta bene e va visto assolutamente

daaani  @  18/04/2018 16:11:53
   9½ / 10
MERITA.
crudo, realistico, violento, ironico.
eccellenti le interpretazioni ed incredibili le somiglianze tra gli attori e le persone che realmente hanno vissuto questa esperienza.

Elmatty  @  15/04/2018 17:13:13
   9 / 10
Alle volte le pellicole più belle arrivano da quelle che non ti aspetti, nonostante i segnali premonitori c'erano tutti.
Questo I, Tonya aveva le carte in regola solamente dalle candidature agli Oscar di un certo spessore.
Devo dire che questa pellicola mi è davvero piaciuta tanto e mi ha aperto gli occhi ad una vicenda che non conoscevo assolutamente.
Ha tantissimi pregi in primis una sceneggiatura che ha il coraggio di cambiare le carte in tavola nel ambito dei biopic: pur rimanendo in una struttura classica ha la forza che ci fa trascinare letteralmente all'interno della vicenda, facendoci apparire come parte di essa, con il semplice ma allo stesso tempo rischioso metodo della rottura della quarta parete.
In questo anche la (ottima) regia ci aiuta non poco regalandoci movimento quando serve e fermezza in altri con l'aggiunta di riuscire a farci entrare (letteralmente) nei personaggi con attimi che durano secondi ma pungenti come spilli.
Ho adorato la regia nei momenti del pattinaggio, tra le migliori che ho visto a mia memoria.
Tecnicamente è perfetto: ci lanciamo attraverso una fotografia sporca ed ambientazioni tipiche del periodo storico inserito in un contesto di degrado da periferia e la cosa bella è che ci rimane per tutta la pellicola, creando lo stato d'animo dei protagonisti.
La colonna sonora è magnifica.
Un altro capo saldo di questo film sono gli attori in campo.
Se la Allison Janney è una conferma in cui si è superata (Oscar meritatissimo), la Margot Robbie semplicemente si reinventa totalmente e si lacia a capofitto tra le migliori interpreti che abbiamo ai giorni nostri, la sua Tonya è semplicemente irresistibile, molto credibile quasi disarmante nella sua attinenza all'originale.
Improvvisamente fanno sembrare lontani i tempi recenti del suo nudo integrale in The Wolf Of Wall Street...
Potrebbe essere tranquillamente da 10 questo ma il massimo non l'ho raggiunge per via della seconda parte del film che cala un po' nel ritmo rispetto alla prima nonostante si voglia sempre tenerlo alto.
Insomma un prodotto di ottima fattura come pochi, che riesce a coinvolgere nonostante la vicenda non sia così famosa (almeno in Italia), appassiona e conquista.
Da vedere assolutamente.

DarkRareMirko  @  10/04/2018 21:08:58
   8½ / 10
Allison Janney ha preso un Oscar meritatissimo.

Il film mi è piaciuto molto (di Gillispie, regista dotato, non mi convinse solo il remake di Ammazzavampiri, del resto) e, a quanto ho capito, segue molto bene i fatti reali.

Le esibizioni (credo per lo più fatte davvero dalla Robbie) son entusiasmanti e, tutto sommato, vincente è risultata la scelta di raccontare tutto a mò di interviste e parti metafilmiche (la regia non è anonima, poi).

Quasi ottimo

Manticora  @  06/04/2018 23:31:00
   8 / 10
Craig Gillespie ritorna questa volta con un biopic su Tonya Harding e la sua vicenda, al di là della storia che in mano a un altro regista sarebbe potuta risultare stucchevole il film ha tutti i pregi di una pellicola girata con capacità, esperienza e senza fronzoli o soluzioni facili. Margot Robbie forse avrebbe meritato l'oscar, e purtroppo è andata come è andata, ma la vera rivelazione Allison Janney, che in parte oscura l'interpretazione dell'attrice australiana. Una vicenda che sembra follemente inventata dimostra che ancora una volta spesso la realtà può superare l'immaginazione e in questo caso far precipitare chiunque, soprattutto un personaggio che non ha mai incarnato quel modello self made woman tipico della retorica, del patriottismo e della presunzione degli USA. Veramente dura la parte finale, non c'è redenzione per Tonya

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Bella colonna sonora, Sebastian Stan dimostra una discreta versatilità come attore drammatico, dopo aver dismesso i panni del soldato d'inverno. Azzeccatissimo anche il resto del cast, un film sicuramente da vedere.

Spera  @  03/04/2018 14:46:35
   7½ / 10
Non mi aspettavo davvero un film così...molto bello mi ha tenuto incollato per tutta la durata.

Narra la storia vera di Tonya Harding, genio incompreso del pattinaggio artistico.
Però hanno sbagliato l'oscar perchè dopo che la Robbie ha trasformato il suo corpo, ha acquisito le basi tecniche e fisiche per poter stare sul ghiaccio, imparato una disciplina da zero, recitato clamorosamente e pure fatto la producer...scusate ma questo era abbastanza per battere il personaggio della madre che non ha niente di speciale ed è un personaggio visto e stravisto nel mondo del cinema.
Si buon personaggio, scritto bene ma niente di che come interpretazione.

Tre cose invece che non mi sono piaciute e che potevano essere fatte meglio:


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

ottime le vere testimonianze ai titoli di coda.
Buon film dove risulta davvero difficile individuare la controfigura che deve essere stata identica alla Robbie.

Consigliato.

Lucone  @  03/04/2018 02:18:26
   9 / 10
Sconvolgente e paradossale allo stesso tempo ! Non basta solo il talento nella vita ,,ci vuole anche tutto il resto , compresa la testa e le persone giuste al tuo fianco , sennò il tuo percorso va in malora !
Da vedere assolutamente .. Interpretazione eccellente di Margot Robbie e Allison Janney ..

gringo80pt  @  01/04/2018 21:09:35
   7½ / 10
I film top vengono proiettati a fine stagione e questa proiezione non delude. Il massimo che si può dare è 7.5 perché il prodotto lentezza*lunghezza è troppo alto. Ottima la trama che non fa una piega ed i colpi di scena non mancano. L'interpretazione della madre della protagonista è un capolavoro irritante.

GROTTESCO

boodi  @  01/04/2018 19:06:48
   8½ / 10
un anno pieno di film molto buoni o ottimi . Emma Stone e Margot Robbie le due nuove leve , cresciute ormai le 2 attrici moderne : che possono fare tutto . Il film è completo compiuto , un filo leggero -volutamente- per questo meriterebbe un nove , do' 8 1/2 perchè l'eccessiva caricatura e spettacolarizzazione di alcuni personaggi e scene calca un po' la mano , su una storia vera che scorre fluidissima e molto dinamica senza vuoti e senza moralismi . non è un film documentario alla Pina Bausch ma non vuoleva mica esserlo .. consigliato

Sestri Potente  @  31/03/2018 13:38:55
   8½ / 10
Uno dei film del momento, intenso ed emozionante, con due grandissime Margot Robbie ed Allison Janney.
Una storia, quella di Tonya Harding, che merita di essere raccontata.

TheLegend  @  19/03/2018 14:22:18
   7 / 10
Storia vera ottimamente interpretata dalle tinte agrodolci.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  26/01/2018 22:44:00
   8 / 10
Un biopic incastonato sotto la forma di un finto documentario. Si parla di fatti e personaggi reali, accompagnati da molto clamore specialmente all'epoca. Il punto focale di una vita dedicata esclusivamente al pattinaggio per emergere da un contesto anaffettivo e mostruoso, costruito ad hoc da una madre disumana, è cerrtamente il "fottuto" incidente occorso alla Kerrigan. Non è mai dato stabilire dove sia la menzogna o la vertà in questo film, solo in teoria biografico. I punti di vista tipici del documentario deframmentano probabilmente la verità stessa, nascondendola nei dettagli. I personaggi stessi dopo l'incidente diventano delle maschere che sembrano uscire da un film dei Coen, tanto assurdi e grotteschi sono i contorni degli stessi personaggi e della vicenda. C'è la volonta di emergere ma la Harding fin dall'inizio, malgrado sia una delle poche al mondo ad eseguire il triplo axel, è condannata a rimanere la ragazza cafona o il brutto anatroccolo che non diventerà mai cigno. Con tanti (ennesimi) saluti al sogno americano.
I, Tonya è il film che non ti aspetti. Sorprendente per le molte tonalità utilizzate e nel saperle utilizzare, per il suo umorismo sarcastico e per l'ottima prestazione del cast di attori. Uno di quei film che presentano forti rischi di deragliamento, invece mostra una buonissima solidità.

matt_995  @  17/01/2018 14:58:07
   6½ / 10
Non è un brutto film, partiamo da questo presupposto.
Gli intenti del film sono buoni: il racconto di un'america mediocre, brutta, sporca e cattiva; l'umorismo nero e sopra le righe di una storia vera effettivamente sopra le righe... tutto ok fin qui secondo me.
Il problema maggiore del film sono le scelte registiche dell'esordiente Gillespie. Qui il regista sembra giocare troppo a fare lo Scorsese (o sarebbe meglio dire il David O. Russell) della situazione ma tra i mille virtuosismi tecnici, le mille acrobazie registiche, le carrellate, i dolly, i rallenty, i monologhi guardando in camera (tutti espedienti effettivamente un pò eccessivi e pacchiani come i personaggi del film) ma si perde invece nella caratterizzazione dei personaggi protagonisti che risultano poco più che bidimensionali e con mille cose da dire ma alla fine mai espresse.
L'esempio eclatante di ciò - e mi dispiace dirlo - è proprio il personaggio di Tonya Harding. La sua incessante ricerca di un pò affetto e approvazione da parte del prossimo è solo detta (guai agli sceneggiatori che non seguono la regola dello "SHOW! DON'T TELL!") e quando la vediamo concretizzarsi in azioni e comportamenti della protagonista, non è mai scandagliata più in profondità, sotto la suerficie. E così la Robbie stessa non risulta convincente al 100% e ad un certo punto sparisce quasi del tutto dalla narrazione per dare spazio al meno interessante marito/manager (Sebastian Stan).
La Janney probabilmente si porterà a casa l'Oscar come attrice non protagonista, impegnata nel personaggio della madre odiosa e violenta, sicuramente molto carismatica, ma anche lei molto ma molto poco approfondita. La sua madre è solo cattiva cattiva e non riusciamo mai ad intuirne le reali motivazioni (e magari a volerle bene, come succede per gli antagonisti meglio scritti). E' lontana anni luce, che so, da quella Mo'Nique di Precious (che pure vinse l'Oscar meritatissimamente) che, odiosa e violenta per 3/4 di film, alla fine si lascia andare ad un monologo (seppur intrinsecamente cattivissimo) capace di strapparti più di una lacrima. Comunque meritevole di applausi la sua performance.
L'unico personaggio per me memorabile è quello dell'ottusa ed obesa guardia del corpo, personaggio che fa veramente sbellicare e che tra l'altro è identico alla sua controparte reale.
Detto ciò, io ora il film l'ho demolito... ciò non toglie che sia una pellicola decisamente gradevole da seguire senza troppe pretese. Ero indeciso se votarlo come 6 1/2 o 7, ma siccome confido che piacerà molto al pubblico italiano e che potrà ricevere voti molto alti dai vari utenti di filmscoop, ho deciso di dargli un mezzo voto in meno.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

10 giorni senza mamma7 uomini a molloa private waralita - angelo della battagliaalmost nothing - cern: la scoperta del futuroalpha - un'amicizia forte come la vitaamici come prima (2018)anatomia del miracoloanimali fantastici: i crimini di grindelwaldanimasaquamanattenti al gorillabeautiful boy (2018)ben is backbenvenuti a marwenberninibird boxblack tide
 HOT
bohemian rhapsodybts world tour: love yourself in seoulbumblebeecalcutta - tutti in piedicapri-revolutioncartachesil beach - il segreto di una nottechi scriverà la nostra storia?city of liescold war (2018)coldplay: a head full of dreamscolette (2018)compromessi sposiconta su di me (2018)conversazione su tiresia. di e con andrea camillericonversazioni atomiche
 NEW
copia originalecoppermancosa fai a capodanno?creed iicrucifixion - il male e' stato invocatodinosaurs (2018)don't fuck in the woods 2dove bisogna staredragon trainer: il mondo nascostoescape room (2019)
 NEW
ex-otago - siamo come genovafriedkin uncut - un diavolo di registaghostland - la casa delle bamboleglassgreen bookhepta. sette stadi d'amoreholmes and watsonhunter killer - caccia negli abissii bambini di rue saint-maur 209i nomi del signor sulcici spit on your grave: deja vui villaniil castello di vetroil corriere - the muleil destino degli uominiil gioco delle coppieil grinch (2018)il mio capolavoroil primo reil professore cambia scuolail ragazzo piu' felice del mondoil ritorno di mary poppinsil sindaco - italian politics 4 dummiesil testimone invisibileil vizio della speranzain guerraisabellela befana vien di nottela donna elettricala douleurla favorita
 R
la notte dei 12 annila paranza dei bambinila prima pietrala scuola seralela vita in un attimol'agenzia dei bugiardilake placid: legacy
 NEW
landle ninfee di monet: un incantesimo di acqua e lucel'esorcismo di hannah gracelibero
 NEW
l'ingrediente segretolo sguardo di orson welleslontano da quilook awayl'uomo che rubo' banksyl'uomo dal cuore di ferrom.i.a. - la cattiva ragazza della musicamacchine mortalimalerbamaria regina di scoziamathera - l'ascolto dei sassimenocchiomia e il leone bianco
 NEW
modalita' aereomorto tra una settimana... o ti ridiamo i soldimoschettieri del re: la penultima missionenelle tue mani (2018)nightmare cinemanon ci resta che il criminenon ci resta che vincerenon dimenticarmi - don't forget menotti magicheognuno ha diritto ad amare - touch me nototzi e il mistero del tempoovunque proteggimi
 NEW
parlami di tepeppermintpiercing
 NEW
quello che veramente importaralph spacca internetred zone - 22 miglia di fuocoremirex - un cucciolo a palazzoricomincio da me (2019)ride (2018)robin hood - l'origine della leggendaroma (2018)santiago, italiase la strada potesse parlarese son roseseguimisenza lasciare traccia (2018)spider-man: un nuovo universostyxsulle sue spallesummer (leto)
 HOT
suspiria (2018)the barge peoplethe final wish
 NEW
the front runner - il vizio del potere
 NEW
the lego movie 2: una nuova avventurathe old man & the gunthe other side of the windthe young cannibalstramonto (2018)tre voltitroppa graziatutti lo sannoun giorno all'improvvisoun piccolo favore
 NEW
un uomo tranquillo (2019)un valzer fra gli scaffaliun'avventuraupgradevan gogh - sulla soglia dell'eternita'velvet buzzsawvice - l'uomo nell'ombravoglio mangiare il tuo pancreas
 NEW
westwood. punk, icona, attivistawidows: eredita' criminalezen sul ghiaccio sottilezombie contro zombie - one cut of the dead

984842 commenti su 40866 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net