inside out regia di Pete Docter, Ronaldo Del Carmen USA 2015
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

inside out (2015)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film INSIDE OUT

Titolo Originale: INSIDE OUT

RegiaPete Docter, Ronaldo Del Carmen

InterpretiAmy Poehler, Mindy Kaling, Bill Hader, Phyllis Smith, Lewis Black, Kaitlyn Dias, Paris Van Dyke, Kyle MacLachlan, Lori Alan, Richard Kind, Diane Lane, Paula Pell, Bobby Moynihan, Paula Poundstone, John Ratzenberger, Rashida Jones

Durata: h 1.34
NazionalitàUSA 2015
Genereanimazione
Al cinema nel Settembre 2015

•  Altri film di Pete Docter
•  Altri film di Ronaldo Del Carmen

Trama del film Inside out

Protagonista di Inside Out è la giovane Riley che, costretta a trasferirsi con la famiglia in una nuova città, deve fare i conti anche con le emozioni che convivono nel centro di controllo della sua mente e guidano la sua quotidianità, e che non sono d’accordo su come affrontare la vita in una nuova città, in una nuova casa e in una nuova scuola. Gioia è il motore del gruppo e mantiene tutti attivi e felici; cerca sempre di vedere il lato positivo delle cose. Paura è una sorta d'impiegato perennemente stressato: ha sempre paura di perdere il suo lavoro ma, poiché lui è il suo lavoro, questo non accadrà mai. Rabbia è arrabbiato: sa che i membri del gruppo hanno buone intenzioni e fanno del loro meglio ma, a differenza sua, non sanno come funzionano le cose. Quando è troppo esasperato, la sua testa prende fuoco. Disgusto è molto protettiva nei confronti di Riley; ha delle aspettative alte verso il prossimo ed è poco paziente. Tristezza è divertente, anche nel suo essere triste: è intelligente e sempre previdente ma rappresenta una vera e propria sfida per Gioia.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,83 / 10 (135 voti)7,83Grafico
Miglior film d'animazione
VINCITORE DI 1 PREMIO OSCAR:
Miglior film d'animazione
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Inside out, 135 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

paco1995  @  02/05/2017 17:44:42
   8½ / 10
Davvero bellissimo, anche se i miei nipoti si sono annoiati a morte. Più per adulti.

2 risposte al commento
Ultima risposta 03/05/2017 15.41.24
Visualizza / Rispondi al commento
weareblind  @  30/12/2016 21:21:53
   9 / 10
L'idea è davvero un potente colpo d'ala, il tema è sviluppato ottimamente, il comparto tecnico eccellente. Chapeau.

Interista90  @  22/10/2016 17:51:14
   10 / 10
Meraviglioso film. Tratta in maniera piacevole la complessa tematica relativa alla mente umana, e di come noi possiamo e non possiamo controllare le nostre emozioni. Il tutto viene posto sotto forma di avventura, dato che comunque ad un certo punto del film, la trama prende uno sviluppo ben chiaro.
Non ci si annoia mai, il film scorre bene, e riesce perfettamente nel difficilissimo intento di far riflettere ed appassionare lo spettatore nella stessa misura.
Consigliato. Da non perdere

Filman  @  03/09/2016 15:56:29
   10 / 10
Al culmine di un sentimento maturato film dopo film e compiuto col tempo, lo studio californiano specializzato in CGI sforna quello che nessuno avrebbe mai immaginato: un viaggio introspettivo e psicologico in un film per bambini. Il fine è quello di affrontare il tema della crescita, caro alla Pixar e al regista Pete Docter, esploratore di paure e tormenti, nel modo più chiaro e completo possibile, e il risultato è sicuramente uno dei film di animazione più belli di sempre, culmine e punto di non ritorno per un fil rouge romantico, sempre affrontato con il massimo rispetto per le regole della cinematografia e con la voglia massima di applicarle nell'animazione. Le essenzialità emotive sfruttano al massimo un mondo immaginifico che è la definizione perfetta di originalità e creatività, interconnesso con una realtà più drammatizzata della norma, individuando un parallelo tra una storia semplice, eppure così folgorante, e una rappresentazione intelligente nello spiegare e bellissima da vedere. Nulla poteva essere espresso in modo così poetico e ben assestato nel condurre la commozione dai piccoli risvolti alla grande morale, contestualizzata come meglio non si poteva fare: per crescere bisogna abbandonare la felice età infantile e accogliere con razionalità il lato nostalgico e duro della vita, dove la tristezza è una componente sufficiente e necessaria al vivere.

simonssj  @  03/09/2016 15:27:47
   9 / 10
Rasenta la perfezione questa ennesima fatica della Pixar che affronta il divertente (e affascinante) tema dal titolo: anche le emozioni hanno emozioni!
Il rapporto splendido tra i 5 coloratissimi personaggi e la loro padroncina rasenta la commozione, e l'intero film altro non è che un bellissimo viaggio alla riscoperta di noi stessi, del nostro passato, delle nostre sconfitte e della nostra crescita; incredibile come il film riesca a parlare al cuore di chi sa ascoltare, indipendentemente alla nazionalità e dalla cultura, toccando corde che tutti noi abbiamo e che, personalmente, mi ha fatto molto piacere riascoltare.

Mildhouse  @  30/08/2016 14:37:45
   7½ / 10
Si ok, carino, originale ma è niente se accostato ai grandi pilastri della Pixar (vd. Ratatouille)

3 risposte al commento
Ultima risposta 03/09/2016 15.36.27
Visualizza / Rispondi al commento
JOKER1926  @  13/05/2016 00:13:28
   7½ / 10
Secondo alcune filosofie di critici cinematografici, ciò che è animazione non è mero Cinema .

Su questo si potrebbe discutere, da parte nostra, nonostante le iniziali perplessità, prendiamo visione di una produzione di anime.

"Inside out", in un baleno, fa cadere e sbriciolare tutte le perplessità. Si tratta di un lavoro di animazione di grossa impronta psicologica; difficilmente un cartone ha una portata del genere; il pubblico (variegato) potrà facilmente apprezzare il tutto.
A salire istantaneamente in cattedra con "Inside out" è quella scorza di profondità che ha il film; parliamo di un gioco fine ed acuto. La psicologia entra in scena con una leggerezza e brillantezza più unica che rara. Prende dunque forma un disegno intelligente che si dirama su vari binari.
Innanzitutto, quello della regia di Pete Docter e Ronaldo Del Carmen, è un involucro appetitoso di immagini e personaggi accattivanti; con l'aiuto delle ultime tecnologie, "Inside out" risulta essere, per gli occhi, un esercizio assai gradevole. Ma parlare "prettamente" del lato tecnico, a nostro avviso, è una cosa riduttiva, questa produzione ha tantissimo da offrire.
Lo spettatore riflette e va a conoscere un mondo "psicologico" raro, acuto e complesso; la resa scenica del tutto, però, sarà molto compatta e capibile, qui c'è tutta la grandezza di "Inside out". Eccetto qualche parte un po' morta, il lavoro americano non delude e non mostra passaggi criticabili. Il tutto gira in modo quasi perfetto; fra gioie e drammi.

La nostra sensazione è che questo grande film d'animazione poteva esser ancora più grande se prodotto con più realismo e dunque senza anime; con personaggi in carne ed ossa. Sarebbe stata una grande macchinazione di metafisica. Ma a questo punto, entreremmo nella pura filosofica. Ci fermiamo qui ed applaudiamo.

Jolly Roger  @  08/05/2016 13:28:47
   8½ / 10
Straordinaria animazione che parte da un'idea geniale: rappresentare quel che succede nella testa di una persona (nello specifico, di una ragazzina di 11 anni), dando vita agli elementi che risiedono nell'animo umano, nel cuore e nella ragione, spesso contrapposti ma in realtà inscindibili, perché giocano nello stesso campo – il cervello.
Tutto è appresentato in modo intelligente e divertente: a partire dalle emozioni, Gioia, Tristezza, Paura, Disgusto e Rabbia, che insieme governano i nostri comportamenti comandando i pulsanti di una grossa consolle (e non vanno mica sempre d'accordo!), i ricordi come palline dai diversi colori a seconda dell'emozione che li connota, palline archiviate nella "memoria di lungo periodo" oppure destinati ad alimentare le isole della personalità, l'isola della Famiglia, del Gioco, dell'Onestà, dell'Amicizia…oppure destinate ad un processo di deframmentazione che eliminerà per sempre quelli meno importanti, ma che, ogni tanto e al momento giusto, rispedirà su, in "Cabina di Controllo", quelli più significativi.
Altre palline hanno invece fondamentale importanza, sono destinate alla memoria centrale, a costituire l'essenza stessa della persona, il suo "animo".
E poi c'è tutto il resto: il teatrino dei Sogni, il subconscio come una prigione che racchiude le più grandi paure, il Regno del pensiero astratto, quello dell'Immaginazione – dove ogni cosa piò accadere e dove risiedono i songi più grandi.
Addirittura c'è l'Amico Immaginario, il simpaticissimo Bing Bong, forse il personaggio più intenso del film, perlomeno quello che regala la scena più significativa e commuovente.
E' un film molto intelligente per alcuni spunti di particolare bellezza e significato.
Si nasce con la sola Gioia, la quale ammira sé stessa nel miracolo della vita. Gioia, che brilla di una luce propria (bellissime le immagini nel Subconscio – un ambiente tetro, senza luce, dove però Gioia illumina l'ambiente con la propria stessa luce).
L'armonia tra le emozioni è la chiave per la serenità – e anche la Tristezza ha un proprio ruolo, che è fondamentale.
Poi, il sacrificio dell'amico immaginario, conscio che il suo destino è quello di svanire con il tempo - forse la scena più bella del film.
Tutti questi elementi giocano la stessa partita nel cervello umano, tutti dalla sessa parte, come una grande architettura dove ogni piccolo ingranaggio svolge un compito funzionale alla felicità dell'insieme.
Gran bel film per tutti, forse non di facilissima comprensione per i bambini più piccoli, ma non dubiterei di consigliarlo a tutti gli altri, adulti compresi!

DogDayAfternoon  @  31/03/2016 13:34:55
   6 / 10
Dal fenomeno d'animazione dell'anno mi aspettavo tutt'altro.
Innanzi tutto non capisco tutte queste affermazioni che "Inside out" è un cartone più adatto agli adulti che ai bambini, a me invece è parso proprio il contrario: per un bambino delle elementari potrebbe risultare un film molto carino, io avendo qualche anno in più l'ho trovato abbastanza infantile.

L'idea di base si conferma molto buona, così come alcune situazioni quali ad esempio lo scambio di battute delle emozioni di mamma e papà, aspetto sul quale avrei puntato molto di più. Per quanto riguarda le emozioni, Gioia è troppo insopportabile, non si può ascoltare; la migliore è Tristezza, molto ben caratterizzata, mentre Rabbia Disgusto e Paura sono trattate troppo superficialmente, le ultime due in particolar modo.

In alcuni punti, specialmente all'inizio, annoia un po', anche se tutto sommato la visione rimane piacevole. Dal punto di vista visivo non mi ha colpito particolarmente.

Successo incomprensibile, tranne per l'idea che trovo molto buona.

2 risposte al commento
Ultima risposta 01/04/2016 13.25.53
Visualizza / Rispondi al commento
crimal9436  @  30/03/2016 10:09:46
   7½ / 10
Molto carino! Non adatto ai bimbi più piccoli ma per gli adulti è un bel momento di allegra riflessione!

ely87  @  30/03/2016 00:48:00
   7 / 10
Davvero carino... Sembra un po' come il cartone "esplorando il corpo umano" però sulla mente... Hanno trovato un modo divertente per spiegare come funzionano le emozioni... Però secondo me non è un cartone che rimane ai bambini... Penso che lo capiamo più noi grandi che loro..

Crabbe  @  22/03/2016 13:58:26
   7 / 10
Una simpatica e gradevole animazione sulla psicologia cognitiva spiegata ad un pubblico adolescente.

Arkantos  @  17/03/2016 00:31:14
   10 / 10
Dopo quel delirio di Tarzan 3D, ritorno in me... inizio subito a recensire questo magnifico film che mi ha fatto venire un po' di nostalgia verso Osmosis Jones: lo so, centra poco, è un semplice flash di un atlantideo come me.

ATTENZIONE SPOILER AMMAZZA-FILM!!!

Inside Out non è facile da recensire, o almeno, non lo è per me, visto che tratta argomenti molto profondi; cerco di motivare il più possibile il mio parere positivo.
Nonostante io abbia commentato solo pochi film della Pixar TAAANTO tempo fa li ho visti praticamente tutti, con la dovuta eccezione di Ribelle e Il viaggio di Arlo; fatto sta che ultimamente lo studio... Boh! Cars 2 e Monsters University, per quanto siano stati un buon passatempo, non mi davano una morale profonda e appena visti me li dimenticavo con facilità.
Questo film mi ha fatto recuperare un po' di fiducia verso questo studio; credetemi, non trovavo un film d'animazione così stupefacente dai tempi in cui ho visto chissà quanti anni fa "I pantaloni sbagliati" della Aardman, che per tanto tempo consideravo come l'unico film d'animazione da 10... Non vi preoccupate, al 250° commento lo commenterò.

Partiamo dalla struttura generale della mente di un personaggio (d'ora in poi dirò Riley, ma gli animatori si sono sbizzarriti fino ad applicarla pure agli animali), dotato di un subconscio (dove sono presenti le paure), la memoria a lungo termine (che, detta in parole povere, non è altro che un archivio di "cortometraggi" che sono i ricordi), Immagilandia con tutte le fantasie possibili, un abisso (dove vengono dimenticati i ricordi), la produzione dei sogni (magnifica l'idea dello studio cinematografico) e ovviamente non può mancare il quartier generale, dove le emozioni fanno agire Riley con un computer che diventa con l'età sempre più complesso: giusto per dirvi, alla nascita è solo un pulsante gigante, quando si arriva alla fine del film possiede molti più tasti, che non fanno altro che gestire in modo più o meno l'evidente il suddetto sentimento o determinare varie azioni (vedasi il tasto della pubertà su Riley o il "pugno di ferro" del suo papà).
Ma non solo, il film è riuscito ad avere alcuni colpi di genio: come può una persona fischiettarsi una canzone dalla melodia trascinante o avere un ricordo vago quando fa qualcosa? Semplice, si prende il ricordo dalla memoria a lungo termine che va verso un tubo, va al quartier generale e un fascio di luce lo proietta. Come facciamo ad avere gli incubi? Deve arrivare qualcosa che non è previsto dal copione della fabbrica dei sogni. Castore, inoltre, mi ha detto che studiare la sera è meglio rispetto alla mattina perchè ciò che ha studiato va nella memoria a lungo termine durante il sonno, e guarda caso è così anche nel film!
Ovviamente ci sono altri due aspetti importantissimi: i ricordi base e le emozioni.
I ricordi base sono quei ricordi così influenti da poter definire, tramite delle isole, la personalità di Riley (un po' ciò che è successo a me con Kill Bill ed altri magnifici film): ad esempio la sua prima partita di hockey ha avuto un influenza tale da formare l'isola dell'hockey, e grazie ad essa Riley ha la passione verso questo sport. Anche loro, come i ricordi, possono andare nell'abisso.
Le emozioni, invece, permettono di gestire il comportamento di Riley (grazie al computer) e sono Gioia, Tristezza, Rabbia, Paura e Disgusto.
1 = Gioia è colei che da la felicità, i movimenti facciali sono perfetti (e ciò servirà...) e devo dirlo, la trovo affascinante: sì, ho un debole per le ragazze dai capelli blu. In me si manifesta quando guardo film come questo.
2 = Tristezza... Beh, da tristezza, ma come vedremo non è un sentimento da sottovalutare. Di solito coi film che hanno scene drammatiche non si manifesta su di me, ma con questo... Ve lo dirò più avanti.
3 = Rabbia, che mi ricorda un po' il protagonista di Super Meat Boy, è colui che le dà la giustizia. Si manifesta quando guardo film di me.rda!
4 = Paura permette a Riley di scampare ai pericoli... Non so perchè, ma mi ricorda Panico di Hercules; tra l'altro, è protagonista di una delle scene migliori del film. Si è manifestata quando so che un seguito su questo film è possibilissimo, ma al tempo stesso l'esperienza mi dice che un seguito di un film da 10 molto spesso si presenta inferiore.
5 = Infine Disgusto, ad esempio, le conferisce schifo quando vede i broccoli per salvarla da eventuali avvelenamenti. Più che altro si è manifestata quando vedo gli effetti speciali dei monster-movie dell'Asylum.
Come vediamo, infatti, nessun emozione è esclusivamente positiva o esclusivamente negativa, per far vivere in armonia Riley servono tutte le emozioni che si avvicendano, la mancanza di una di esse può rivelarsi fatale.

Vi rendete conto? Non ho ancora parlato del film in sé! Perchè ho fatto sto spiegone? Per dirvi che la struttura di base è OTTIMA! Una struttura semplice quanto funzionale, non è stato tralasciato nulla al caso!
Ok, ora possiamo parlare dell'aspetto tecnico e poi della storia.
La particolarità delle 5 emozioni è che non hanno le classiche texture che vengono eventualmente ricoperte di pelo, ma hanno un aspetto molto particolare: sembra che abbiano una leggera peluria su tutto il corpo ma al tempo stesso sembra discostarsi da essa, assomigliando di più a una sorta di puntinismo (a proposito, la scena della scorciatoia strizza l'occhio al cubismo e a Kandinskij), mentre Gioia ha l'aggiunta di un aura dinamica che cambia con gli oggetti intorno.
E poi parliamo della fotografia, dove il mondo reale ha colorazioni che man mano si ingrigiscono, mentre il mondo della mente è sgargiante... Sì, cari raghi, qua la fotografia mutevole ci sta! Questo perchè in Inside Out l'ingrigimento del mondo reale è dovuto a Riley che gradualmente diventa sempre più cupa, e poi è anche perchè non viene mescolata: la fotografia di Riley non viene scambiata con quella della mente o viceversa a ogni inquadratura, ma rimangono nei loro mondi. Per non parlare poi del sonoro, che riesce a rendere inquietanti i rumori delle isole della personalità che man mano cedono.
E stavolta bisogna dare pure un merito al doppiaggio italiano, che per una volta usa solo doppiatori professionisti e non, chessò, la terribile tuttologa Littizzetto e, credetemi, la differenza la noterete subito!

Finalmente parliamo della storia.
Per dirla in modo generale, giusto per ricordare gli insiemi di matematica, ho visto sulla pagina italiana di Facebook del film un diagramma di Venn dove il primo insieme era quello di Gioia, il secondo quello di Tristezza: la loro intersezione (dove ci sono entrambi gli insiemi) è ciò che è questo film (come anche altri della Pixar), un alternanza di momenti spassosissimi con battute geniali e personaggi carismatici uniti a momenti così drammatici che buona parte di essi mi ha fatto star male per settimane intere!
Cominciamo con le parti divertenti del film: non andate via subito quando finisce il film (ma perchè dico sta frase se ho già avvisato di spoiler?), molte di esse sono contenute nei titoli di coda, dove vengono osservate le menti dei vari personaggi secondari, come il pizzaiolo o gli animali.
Oppure basti pensare al papà di Riley che pensa alla partita di calcio e la madre a un fotomodello che gli tende la mano! Per non parlare poi di Paura che commenta i sogni nella stessa maniera del Nostalgia Critic criticando la pessima recitazione o gli stereotipi, poi la faccia che fa quando vede il cane spezzarsi in due o l'unicorno dicendo "buuuuu, scegliete una trama!" fa schiattare!!! XD
Se dobbiamo pensare invece ai personaggi simpatici, uno di questi è senz'altro Bing Bong, un amico immaginario di Riley con la conformazione presa da vari animali: Bing Bong è un personaggio che nella sua immediatezza riesce ad essere uno dei più carismatici del film, questo anche perchè ne abbiamo avuto uno tutti noi (il mio è ancora vivo e vegeto!).
E proprio con questo personaggio passiamo alle parti drammatiche, infatti Bing Bong, insieme a Gioia, è caduto nell'abisso quando quest'ultima ha provato a usare il tubo che prende i ricordi per ritornare al quartier generale: a un certo punto ritrovano il carretto che funziona col canto e con esso cercano di uscire dall'abisso, per quanto Bing Bong abbia già perso qualche arto; nel tentativo finale, per aiutare Gioia ad uscire, lui scende dal carretto e dici "NO.... NOO!!... Non voglio neanche crederci!" (sì, ho scomodato Yotobi) e lì il rischio di piangere caramelle è moooolto alto.
E non solo: sempre nell'abisso, prima dei tentativi di fuga col carretto, Gioia riesce ad avere un interpretazione magnifica; nel film non è la prima volta che tira fuori un espressione drammatica, ma appena l'ho vista salire su un cumulo di ricordi perduti per tentare di uscire dall'abisso, rassegnarsi ascoltando ciò che ha detto Bing Bong, sentendosi sconfitta e vedendola piangere, lì ci sono rimasto DI SASSO (mi veniva pure da piangere a dirotto, ed è raro che mi emozioni con un film), una delle scene più belle che abbia mai visto non solo in sala (che era pure abbastanza chiassosa, ma in quel momento il silenzio si fece tombale), ma pure una delle più belle che abbia mai visto in tutta la mia vita, è una delle pochissime scene che non solo riesce a calamitarmi, ma pure a "sfondare" lo schermo (tant'è che la considero ancora più bella della scena dove muore Bing Bong!!!), e tutto ciò è stato accentuato dall'atmosfera e dalla musica "Tears of Joy" di Giacchino: persino Gioia, con tutta la sua positività, si sente rassegnata e disperata per il futuro di Riley in quel posto buio (considerate che è stata la prima emozione di Riley, quella che l'ha resa felice per tanti anni, il suo forte legame con Riley si nota nella dolcissima scena dove lei "pattina" imitando i movimenti della bambina) ma, vedendo un ricordo, nota che la gioia della bambina è nata da un momento triste, capendo l'effettivo significato di Tristezza: la compagnia. Infatti la sua tristezza è stata tramutata in gioia grazie agli amici, rendendolo un ricordo felice.
"... Volevo solo che Riley fosse felice."
Da lì ritrova la forza che aveva perso per ritornare insieme a Tristezza e Bing Bong al quartier generale e... Il resto l'ho già spiegato. Il personaggio che considerava meno utile (la scena più simbolica è quella dove Gioia relega Tristezza dentro un cerchio, e molti di noi abbiamo compiuto questo errore) qua diventa la chiave per risolvere il problema di Riley: la depressione e l'apatia. Infatti Rabbia, Paura e Disgusto, per risolvere la mancanza delle isole della personalità, dei ricordi base e di Gioia (loro non sapevano dell'importanza di Tristezza), avevano cercato infatti di riportarla in Minnesota, ma invano; il computer è diventato ingestibile e di colore grigio; anche qua difficilmente ho provato... Come dire... Così tanto stupore nel vedere una scena.
Quando Tristezza riesce a sbloccare i comandi del computer e chiede anche a Gioia di usarlo, esce un ricordo base mezzo giallo mezzo blu, e da lì Gioia capisce che i ricordi non sono più ben definiti, ma sono un misto di varie emozioni (ecco perchè il computer alla fine diventa più complesso) e che per affrontare i problemi non bisogna relegare o nascondere Tristezza (o un emozione qualsiasi) perchè non è un sentimento negativo, ma può aiutare perchè con essa Riley, proprio come nel ricordo che ha scoperto Gioia, può trovare qualcuno che la aiuta.

CHE POEMA!!!
Penso che abbia detto un po' tutto su quel che penso del film.
Consigliato? ASSOLUTAMENTE SI'! È un film molto educativo che da un bellissimo messaggio non solo ai bambini, ma anche agli adulti... E risulta anche molto più maturo rispetto a tantissimi altri film che si spacciano per tali! In particolar modo, dalla scena dove Gioia e Bing Bong sono nell'abisso, il film si eleva diventando pura arte: prima piangevo per le scene sull'abisso, poi nell'alternarsi delle scene tra Riley che vuole tornare in Minnesota e la consolle di comando che diventa grigia i miei denti battevano violentemente, poi piangere di nuovo per la scena dove Riley si ricongiunge coi genitori e infine ridere di sano gusto con le scene dei titoli di coda. E il bello è che il film non l'ho visto una volta, ma due, e anche nella seconda visione mi sono emozionato, forse anche di più rispetto alla prima; praticamente privo di difetti, anzi, uno c'è: che prima o poi finisce, ma, ahimè, è la norma coi film. Sono sicuro che, col tempo, verrà ricordato insieme a Wall-E e la serie di Toy Story come uno dei migliori prodotti della Pixar. Addirittura quando volevo riguardare una scena specifica per poi spiegarla meglio in questo commentone sentivo la mancanza del resto del film; tutte queste qualità gli permettono di avere il fatidico 10. Vorrei finire citando una frase di una persona che ha commentato questo film:
"Uno di quei film che riempe lo sguardo perchè è fatto benissimo e che riempe l'anima."

1 risposta al commento
Ultima risposta 18/03/2016 00.11.59
Visualizza / Rispondi al commento
polarsun  @  14/03/2016 01:19:49
   10 / 10
Il più eminente film di psicologia cognitiva

Liz_801  @  11/03/2016 13:42:28
   7½ / 10
Non sono una grande fan della Pixar di cui ammiro la tecnica ma che mi lascia spesso fredda a livello emotivo ma non si può negare che questo sia uno dei suoi lavori migliori.

Ha tanti difetti, tra cui una protagonista femminile (Riley) irritante e viziata e con una caratterizzazione secondo me errata per l'età che effettivamente ha e un buco narrativo che si poteva facilmente evitare e rende poco credibile il tutto

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 11/03/2016 13.47.53
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento kampai  @  02/03/2016 08:58:07
   7 / 10
film adatto soprattutto ad adulti più che ai bambini, l'idea di fare antropomorfe le emozioni è risultata vincente per comprendere meglio i meccanismi mentali di ognuno di noi, e rendere più facile la comprensione ai più piccoli. il film sarebbe stato strepitoso se non si fossero dilungati troppo sul viaggio di gioia e tristezza che alla fine annoia, brodo troppo allungato.la grafica non è eccezionale , si è visto di meglio.mi sa che faranno anche il secondo e speriamo in meglio

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  27/02/2016 16:10:30
   9 / 10
What if feelings had feelings?

Qualcuno ironizzava così alla notizia che la Pixar avrebbe realizzato il suo ultimo film parlando di sentimenti presenti dentro la testa di una bambina di nome Riley. In realtà, l'ironia era perlopiù bonaria poiché il film è qualcosa di davvero sorprendente.

La trama è nota: Riley è una bambina come tante, figlia unica di due amorevoli genitori della classe media, gioca ad hockey, come tanti in Minnesota, è onesta e ha tanti amici. Nella sua testa tutto ciò corrisponde a una cabina di comando collegata alle isole della Personalità. Ciò che nella vita fa Riley corrisponde alle dette Isole, ciò che invece nella vita é Riley, specie in relazione a quei mondi che compongono la sua personalità, è la cabina di comando. Il comando è lasciato alla difficile, pressoché casuale (è uno degli elementi su cui il film lascia in sospeso la spiegazione) interazione e armonia tra le cinque principali emozioni umane: Gioia, Tristezza, Paura, Rabbia e Disgusto (a cui qualcuno vorrebbe aggiungere la Sorpresa). Questi esserini colorati e simpatici cercano di guidare Riley fuori da una difficilissima fase della vita di ciascuno di noi: un trasferimento, che avviene peraltro in piena fase adolescenziale. Molti si sono limitati a sottolineare il fatto che lo schema mentale rappresentato dal film (con la collaborazione alla sceneggiatura di due importanti psicologi americani), ossia il tentativo rocambolesco di Gioia e Tristezza di tornare alla plancia di comando, sia la rappresentazione (formalmente ineccepibile) del passaggio di Riley alla fase puberale. Ma a mio avviso c'è di più: è anche la rappresentazione di una fase depressiva, dovuta al trasferimento (allo sradicamento della personalità dal luogo in cui essa si è formata) della famiglia di Riley a San Francisco. Devo aver letto da qualche parte che un trasferimento può essere traumatico quanto un lutto. Ed ecco che per un'ora e dieci la Pixar ha il merito di trasferirci in tutte le zone del cervello, restituendoci milioni di suggestioni, su tutte (almeno a livello di scrittura) la disfunzionalità delle emozioni e l'impressione di enormità del cervello di Riley rispetto alla sua condizione di bambina. Non parliamo poi delle soluzioni visive. Forse uno dei film più importanti del nuovo millennio.

Testu  @  13/02/2016 17:09:14
   7½ / 10
Mmmh che dire, un piccoletto difficilmente capirà le sfumature del rapporto tra le emozioni, la necessità degli eccessi irritanti di Gioia, la coralità della maturazione o il loro membro dominante vario da persona a persona. Già fanno fatica gli adulti. Per gran parte del film il toccar tutto di Tristezza sembra una demenza mentale giusto per scuotere lo status quo o al limite per causare un confronto ben diverso e acceso, invece poi si comprende nell'ultima mezzora che le emozioni sono specchio dell'anima, che non si può reprimere. Unita alla prevedibile lezioncina che tutto serve gli fa quadagnare un punto pieno, ma non si può dire che per i primi 40 minuti Inside Out si segua con vivo interesse.

Coraggioso, ben fatto e intelligente, ma solo per adulti e con questo limite in mente avrebbero potuto anche migliorarlo.

biosman2010  @  08/02/2016 23:47:39
   8 / 10
Film ben fatto graficamente, la storia adatta soprattutto per grandi oltre che per piccini, per far riflettere sull'importanza vitale delle emozione trasmesse dai genitori nei confronti dei figli, amorevoli e positive fin dall'infanzia significa garantire maggior equilibrio e maturità in età adulta..
niente che non si sappia già ma ricordarlo tramite un bel film fa bene...

Invia una mail all'autore del commento SimonV85  @  01/02/2016 00:10:50
   8 / 10
Un film d'animazione spensierato ma molto profondo, che diverte i più piccoli ed emoziona noi grandi... Meraviglioso!!!!

Sestri Potente  @  26/01/2016 13:48:42
   7 / 10
Film d'animazione simpatico e molto introspettivo; un'opera davvero unica nel panorama attuale, e come il collega Wall-E penso sia più per adulti che per bambini.

Invia una mail all'autore del commento AeFiOoNt  @  22/01/2016 19:26:47
   10 / 10
Film davvero bello. Esperimenti riuscito alla prfezione della Disney Pixar... cimentatasi in un argomento che forse nessuno è mai riuscito a trattare su un animazione. Gioia, rabbia, paura, disgusto e tristezza... se pensate bene... sono l'essenza di ognuno di noi... sono il colore delle nostre emozioni... siamo tutto ciò che siamo. Credo siano riusciti a descriverle perfettamente... e le han messe in un ottimno parallelo con la bambina protagonista. Non c'è gioia senza la tristezza e non c'è emozione più bella. SIamo tutti molto bambini.
Bacioni pennosi... ciao.

eruyomè  @  22/01/2016 00:53:52
   7 / 10
Film delizioso, ma che mi sa di occasione sprecata. Idea di base ottima, (sebbene non si sono certo inventati nulla di nuovo) ma che si perde via nella solita minestra, quando si poteva avere il coraggio di intraprendere un'altra strada. Peccato, perchè poteva essere un capolavoro, ma bisognava rischiare. Eliminare completamente la parte centrale, il viaggio è banale, scontato e un espediente visto mille volte, oltre che troppo tirato per lunghe e noioso.

Le vere e pure genialate? Le interazioni con le emozioni dei genitori, oltre che il finalino, degno di una vera isola della stupidera, divertente fino alle lacrime.

tenson95  @  18/01/2016 00:30:04
   8 / 10
La Pixar questa volta si è superata.

Nel tentativo di configurare l'animazione per fasce puerili in un quadro teorico più maturo,Inside Out risulta essere l'opera più riuscita di questa seconda fase creativa della Pixar (che per me va da Ratatouille in poi) se non addirittura di tutta la casa di produzione.

Pete Docter dopo il (per me) deludente "Up" articola una descrizione caricaturale delle emozioni e più in generale della mente umana all'interno di un film che questa volta risulta essere finalmente quadrato,fantasioso e coloratissimo con delle idee grafiche e di animazione geniali e schizzate.

Al di la di qualche innocua sbavatura e ingenuità concessa,visto e considerando il target di riferimento,si nota che la Pixar qui abbia osato molto di più rispetto alle sue opere più recenti e meno riuscite,con un film indiscutibile in quanto ad originalità e con una profondità che riesce a superare le barriere di un qualsiasi cartone "per bambini".

La lontananza da un approccio più classico e la maggiore ricerca di originalità sono forse le cause principali per cui il pubblico (anche appassionati della Pixar) si è diviso tra chi lo considera un buon film e chi un passo falso; per me è molto semplicemente un film magnifico che rappresenta un inaspettato colpo di coda per una casa di produzione che ha recuperato una forza filmica pari,se non addirittura superiore,a quella dei primi lavori.

Bello,bello,bello.

Ash Quercia  @  16/01/2016 15:43:00
   7 / 10
Molto ben fatto, profondo e dolce.
Per un pubblico adulto.

riobissolo  @  16/01/2016 07:57:18
   7 / 10
Insomma, l'idea era molto buona, ma lo svolgimento proprio per la complessitá del tema, delude un po. Non era facile raccontare una storia cosí. Cmq da vedere .

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  14/01/2016 18:59:42
   6½ / 10
L'idea di partenza è ottima e geniale, peccato che nello svolgimento non venga sfruttata appieno. Voto: 6,5

ostix  @  07/01/2016 23:58:11
   7½ / 10
Il film vale la pena vederlo, però secondo me è stato eccessivamente "pompato" e sopravvalutato dalla critica.
L'idea di base è più che buona e non nasconde l'intento educativo, tuttavia lo svolgimento della storia è mal calibrato , perdendosi molto , ma molto, nella parte centrale del film , da sbadigli.
Per poi accelerare negli ultimi 10 minuti condensando eventi e situazioni che avrebbero meritato un più approfondito sviluppo.
I piccoli sketch durante i credits danno l'idea di ciò che il film avrebbe potuto essere.

Così così, insomma... un pò pesantino , dò 7 e mezzo perchè l'idea di base è veramente una bomba.

Invia una mail all'autore del commento NotoriousNiki  @  05/01/2016 20:17:10
   9 / 10
2 dei migliori film dell'anno, presentati a Cannes fuori concorso, in un'edizione in cui vinse il pur meritevole Audiard ma non per l'opera presentata in concorso, un caso di evidente campanilismo ma anche di riparazione per non averlo premiato in 2 casi precedenti. Comunque uno indubbiamente Miller l'altro non il santone attempato delle commedie Woody Allen ma la Pixar che torna a convincere dopo Toy Story 3, in questi anni niente mezze misure, o remake poco riusciti (Monster University carino ma deboluccio peggio ancora il sequel di Cars), e il disneyano 'Ribelle' targato Pixar si ma i topoi affermano tutt'altro, in mezzo qualche buon corto tra tutti 'La Luna'.
Siamo di fronte ad un 'Siamo fatti così' meno didascalico e più metaforico, divertente e commovente, leggero ma nobile, gli stessi infanti coglieranno la simpatia, il ritratto semplicistico della nostra mente ma l'opera nasconde una delle migliori sceneggiature dell'anno, una serie di trovate che sintetizzano i vari processi che la mente subisce nel tempo, il dimenticatoio, gli aspirati ricordi effimeri quelli fagocitati dallo studio scolastico (il nome dei presidenti degli Stati Uniti, non a caso lasciati i 2-3 più famosi quale Lincoln), i 5 ricordi base su cui costruiamo le fondamenta di una fase della vita ( se nell'infanzia la 'stupiderà' in pubertà le 'boy band' un sorta di evoluzione della stupiderà :D ), i sogni che attingono dalla realtà ma filmati in maniera deformata una sorta di processo ucronico, la stanza delle paure, quella dell'astrattismo, l'immaginazione, il prototipo del ragazzo perfetto, il macrocosmo della nostra mente realizzato ad hoc, in tono infantile ma intelligente e da cui si intravede un potenziale neanche del tutto sviscerato (pensare alle gag dei 6 umori in testa alla madre, padre, ragazzo, cane, gatto e la curiosità di veder approfondite altre fasi della nostra vita), insomma gran ritorno da collocare nel pantheon della casa di Lasseter con Wall-E e Toy Story 3.




chiccù  @  03/01/2016 19:19:15
   10 / 10
una sola parola: stupendo! non avevo grandi aspettative, diciamo molto alte per questo film e dopo averlo visto mi sono invece trovata spiazzata come non mai. finalmente, un grande film di quella qualità che non si vedeva fin dai tempi di Up ed Story Toy, 3 dopo i tre deludenti anni di pixar con The ribelle, Cars 2 e Monsters University! che dire, è un film da rivedere molto volentieri! ormai rientra nella lista dei miei 5 top favoriti della pixar: alla ricerca di nemo, ratatatouille, wall-e, Story toy 3 e infine inside out!!!

Norgoth  @  28/12/2015 20:15:39
   8 / 10
Inside Out è un bel film. Meglio la seconda parte, all'inizio parte un po' lento.
Dubito che un bambino al di sotto di almeno dieci anni possa ricavarci qualcosa di memorabile, visto che è decisamente un tema su cui ragionare e riflettere, soprattutto perché è trattato e raccontato in maniera molto adulta.
E' un cartone animato per adulti, a mio modo di vedere. Soprattutto per l'eccezionale leva che fa sui ricordi dell'infanzia e della percezione che si può avere di essi. Ero sulla soglia della lacrimuccia, con un magone enorme...
Menzione speciale anche per il corto iniziale, uno dei più belli visti di recente.

alescar84  @  18/12/2015 09:27:19
   8½ / 10
Magico e adatto a tutti, grandi e piccini...

horror83  @  17/12/2015 20:14:20
   8 / 10
un buon film. mi è piaciuto sia tecnicamente, con questi colori accesi, sia come storia.

marcogiannelli  @  11/12/2015 08:06:12
   8 / 10
carino, simpatico e intelligente, mette tanta carne al fuoco e si lascia ammirare in tutta la sua bellezza

David94  @  10/12/2015 17:49:24
   8 / 10
Film d'animazione davvero molto bello, consigliatissimo. Non manca lo spunto di riflessione e i personaggi che interpretano le emozioni sono ben fatti.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

werther  @  08/12/2015 18:37:46
   7 / 10
Veramente un bel cartone, le emozioni sono davvero ben fatte e mette spesso in risalto i loro lati divertenti, non mancherà però lo spunto riflessivo e veritiero grazie a una storia semplice ma ben costruita. Davvero una bella idea. Originale.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  01/12/2015 05:15:08
   8 / 10
Con una trama di questo genere si poteva tranquillamente ampliare la durata a 2 ore e oltre, perché ha funzionato davvero. Ci si affeziona subito alla bambina e alla sua mente abitata da questi strani esserini, ma non così strani perché tutti noi li conosciamo: sono le emozioni, in questo cartone personificati da personaggi che nel nucleo della mente archiviano i ricordi e guidano gli istinti. E la mente è un vero mondo dove ci si può perdere nell'area dell'irrazionalità, del subconscio o molto altro. Insomma l'input è geniale, e poi si rimane affascinati dalle scenografie create dagli studios migliori degli Stati Uniti: la mitica Pixar.

davide corsico  @  30/11/2015 14:09:38
   10 / 10
il mio unico 10 sino ad ora.
nulla da aggiungere.

druss86  @  28/11/2015 22:33:06
   7 / 10
buon film ma non un capolavoro anche se le qualche risata la strappa

Macs  @  27/11/2015 22:29:19
   6½ / 10
Discreto film d'animazione per il ritorno della Pixar. Idea originale e divertente, il film è molto più per adulti che per bambini. Peccato la realizzazione non eccelsa di alcuni passaggi della sceneggiatura; per esempio il ritorno di Gioia e Tristezza verso la mente di Riley è tirato troppo per le lunghe e finisce per annoiare. Il personaggio di Disgusto non è quasi per niente caratterizzato e in pratica risulta inutile. Tutto sommato un film gradevole, anche se con diversi difetti. Comunque più che sufficiente per l'originalità dell'idea e il lato tecnico sempre di ottimo livello.

blabla_89  @  25/11/2015 13:01:07
   7 / 10
Bel film. Simpatici i protagonisti e mai troppo banali. Film consigliato ad ogni tipo di pubblico per passare una serata; meglio se in compagnia :)

sagara89  @  22/11/2015 14:23:42
   8½ / 10
Bellissimo capolavoro della pixar. Un film originale, divertente e commovente allo stesso tempo

Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  18/11/2015 22:13:38
   9½ / 10
Ritorno alla grande della Pixar dopo l'indigestione di sequel markettari: Inside out è un capolavoro delicato e commovente, che non si becca 10 solo perché esiste Wall-E.

floyd80  @  11/11/2015 08:48:32
   8 / 10
Una pellicola che sa essere profonda e leggera al tempo stesso, il segreto per ottenere un capolavoro cinematografico.
Anche se in questo caso si sta parlando di un "cartone animato" (aggiungete qualche altra virgoletta alla vostra immaginazione) si sente il peso di una sceneggiatura sormontata alla base da un sentimento corale, che sta bene a tutti, che coinvolge tutti, l'essere umano è umano in quanto possiede delle emozioni e se queste emozioni avessero vita propria, fossero dei personaggi con tanto di voce e corpo?
Divertente e in alcuni tratti commovente, lo consiglio a tutti i genitori e ai bambini dagli otto anni in su...non aspettatevi i Minions...per capirci.
Buona visione.

Wolverine86  @  07/11/2015 23:31:13
   6 / 10
Profondamente deluso da questo film di cui avevo letto benissimo.
Idea di base estremamente interessante ma il tutto è stato sviluppato in maniera troppo piatta. Peccato.

topsecret  @  01/11/2015 18:01:34
   7½ / 10
Divertente, emozionante, ma anche malinconico e struggente. Unito alla grafica eccellente e alla vivacità narrativa, il film della Disney/Pixar è in grado di offrire tante emozioni, tutte valide e sentite, da intrattenere con vivacità e simpatia.
Davvero un film d'animazione ben fatto.

8 risposte al commento
Ultima risposta 05/11/2015 01.26.58
Visualizza / Rispondi al commento
guidox  @  01/11/2015 14:56:36
   6 / 10
un' idea di fondo eccellente che viene sfruttata forse al 10% del suo potenziale.
sinceramente, anche considerate le recensioni entusiatiche, questo Inside out mi ha profondamente deluso.
la storia è piatta e soporifera e non sempre lo sviluppo di alcune situazioni convince (vedi l'amico immaginario e alcune zone e isole che potevano e dovevano essere più interessanti).
i 5 personaggi poi, escluso Rabbia (che ovviamente è quello che si caratterizza meglio), non è che facciano impazzire.
riuscitissime invece le interazioni fra le emozioni di persone diverse, tanto che non si capisce perchè non si sia investito si più su questo aspetto; fra l'altro ne sarebbe venuto fuori un prodotto meno indirizzato soltanto ad un pubblico di bambini.

sharins  @  01/11/2015 12:57:29
   8 / 10
Inside Out tocca il tema della complessità della psiche e delle emozioni in maniera dolce ed originale, adatto per tutti. Ovviamente favoloso il cortometraggio iniziale "Lava".
Da vedere.

Juza21  @  31/10/2015 12:15:59
   5½ / 10
Mi ha deluso un pò, l' idea è buona anche ben rappresentata ma poi la storia è poco avvincente, coinvolgente, piatta..quasi noiosa......... du palle !!

maxi82  @  30/10/2015 18:57:00
   7½ / 10
Veramente ben fatto e soprattutto più x grandi che x bambini...da vedere assolutamente

Zio_iori  @  30/10/2015 12:43:37
   7 / 10
Niente male davvero. Raramente guardo film d'animazione, ma questa volta, incuriosito dalla trama e dai pareri positivi, mi sono convinto a guardarlo e devo dire che non me ne pento affatto. Ti entra nel cuore... non so come fa.

Kyo_Kusanagi  @  30/10/2015 09:13:31
   7½ / 10
Ancora una volta Pixar coglie nel centro regalandoci una storia piena di emozioni ,diversa dal solito,forse un pò più adulta nel contenuto rispetto alle altre pellicole, ma tranqullamente godibile anche dai più piccolini che sicuramente verranno catturati dai personaggi e dai mille colori. Un viaggio introspettivo affascinante e originale che fa riflettere, intenerisce ma che non manca di farci ridere di gusto (la scena finale nella testa del gatto mi ha fatto spaccare XD )
Sicuramente s'è guadagnato un posto in cima ai titoli pixar

Gruppo COLLABORATORI peter-ray  @  29/10/2015 10:34:34
   7½ / 10
Molto carino e simpatico
mi è scappata anche una lacrimuccia.

Di sicuro non annoia. Da vedere

Gruppo COLLABORATORI Mr Black  @  27/10/2015 23:37:51
   4 / 10
Mi aspettavo molto da questo film, visto le bellissime recensioni. Invece l'ho trovato un film diretto solo ai bambini... L'idea è ottima, ma la pellicola non fa affatto divertire. La positività di Gioia è fin troppo esasperante e stucchevole, anche se così doveva essere. Tuttavia quando è apparso l'elefantino non ce l'ho più fatta. non ne potevo più! Grossa delusione, poco divertimento.

Charlie88  @  27/10/2015 15:44:18
   8½ / 10
Uno dei migliori film d'animazione che abbia visto ultimamente... Consigliatissimo sia per grandi che per piccoli :)

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Caio  @  25/10/2015 21:01:20
   8½ / 10
Che dire...sono dei Geni! Nonostante il film si incastri un po' su se stesso nella parte centrale, alla ricerca di una adventure Story per gioia e tristezza forse non necessaria, io meno di otto e mezzo non riesco a dirglielo. L'idea é davvero geniale, e l'architettura della psiche é costruita con una fantasia davvero sorprendente. Mi piace anche e il fatto che il film abbia così tanti livelli di lettura, che per un bambino vederlo in fasi differenti di età lo spingerà a vederlo ogni volta con occhio diversi.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  22/10/2015 23:01:58
   9 / 10
Emozioni e stati d'animo che si contrastano, che interagiscono e che guidano le nostre scelte. Le diverse fasi della vita distruggono tante certezze acquisite, ma al tempo stesso ricostruirle e condividerle. I ricordi felici sono visti anche con rimpianto mano a mano che allontanano. Il film della Pixar ha un soggetto affascinante reso visavamente meraviglioso e pieno di fantasia. Si ride e ci si commuove. Forse è il miglior film Pixar che abbia visto.

polbot  @  22/10/2015 21:34:03
   9 / 10
Già si è scritto molto.. geniale.. apprezzabile in tutte le sue profonde sfumature più dai grandi che dai piccini

davmus  @  22/10/2015 08:35:00
   7½ / 10
Prima parte e finale da 10, ma parte centrale un po noiosa, da Alice nel paese delle Meraviglie. Ovviamente classica animazione molto più per adulti che per bimbi.

sossio92  @  21/10/2015 23:03:37
   7½ / 10
Film d'animazione divertente ma contemporaneamente molto maturo , storia strutturata in modo originale , bei personaggi . consigliato

Invia una mail all'autore del commento luca986  @  21/10/2015 17:58:55
   5½ / 10
Idea originale, sviluppata bene all'inizio, sempre meno dopo. Esteticamente resta orrendo come tutti i film della Pixar se paragonati ai vecchi classici Disney o ai film dello studio Ghibli e più in generale alla tecnica del disegno. Diciamo che fra i suoi fratelli inferiori della Pixar è uno dei migliori. La bruttezza domina l'animazione ormai.

2 risposte al commento
Ultima risposta 21/10/2015 18.21.11
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  21/10/2015 11:27:24
   8 / 10
Quando la Disney decise di strapagare la Pixar lo fece sapendo bene che quel piccolo gioiellino di computer grafica era capace di realizzare capolavori di animazione in gradi di mettere in ombra i grandi classici.
Se a questo si aggiunge che in casa è riuscita a crescere un piccolo genio come Peter Docter si capisce bene che la Pixar è la vera punta di diamante dell'animazione americana.
Inside out insieme ad Up e Wall-E è davvero un grande capolavoro di genialità, a prescindere dai dialoghi o dalla realizzazione tecnica, colpisce la capacità di non sacrificare mai la scrittura alle esigenze di messa in scena.
Inside out riesce a toccare alcune corde che difficilmente possono lasciare indifferenti, è un lavoro di grandissima profondità, estremamente delicato e molto divertente.
La gestione delle emozioni risulta essere geniale e soprattutto l'approfondimento sul peso che hanno i ricordi nella nostra vita di tutti i giorni.
Non sono appassionato di film di animazione eppure non si può restare indifferenti ad una storia così originale ed intteligente.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR carsit  @  20/10/2015 14:28:10
   8½ / 10
È sempre bello andare al cinema con buone aspettative, e ritrovarsi fra le mani un (quasi) capolavoro d'animazione .
"Inside out" ha la grandissima capacità di saper intrattenere i bambini e parlare agli adulti, riuscendo perciò ad essere fruibile da un pubblico vastissimo.
La rappresentazione degli avatar emozionali non può lasciare indifferenti: si parte con una irresistibile e trascinante Gioia, si prosegue con l'azzeccatissima figura di Tristezza -forse il personaggio migliore, seppur preferisca Gioia- e si termina con i divertentissimi Rabbia e Paura, mattatori assoluti nella componente prettamente umoristica del film.
Non sono poi da meno le ambientazioni variegate e oniriche, portatrici ognuna di idee originali che lasciano a bocca aperta.
" Inside out" racconta semplicemente la crescita di una bambina; crescita filtrata attraverso un complesso mosaico di emozioni che non sono autonome l'una dall'altra, bensì necessitano l'una dell'altra.
La morale è ben esplicitata dalla commovente scena di Gioia che finalmente prova un'emoziona non sua: l'individuo matura quando accetta la tristezza come componente della sua vita; e non la identifica più come nemica, ma semplicemente come un altro mezzo per capire sé stessi ed il mondo che ci circonda.
Gli unici difetti che posso imputare al cartone sono quelli di suggerire troppo carne al fuoco, rendendosi incapace di cuocerla tutta, e anche un'eccessiva focalizzazione su Gioia e Tristezza, mettendo un po' in secondo piano gli altri tre avatar.



Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

6 risposte al commento
Ultima risposta 20/10/2015 15.33.55
Visualizza / Rispondi al commento
Tremotino  @  19/10/2015 23:41:25
   10 / 10
un manuale di psicologia per bambini fatto a cartone animato.... mi sono emozionato nonostante i miei 25 anni

InvictuSteele  @  19/10/2015 22:18:49
   6 / 10
Forse il peggior film della Pixar, parte da un'idea originale e affascinante ma poi non si sviluppa bene, annoiando e risultando piatto e troppo infantile. Mi è sembrato un film per bimbi piccoli, quando invece la forza della Disney Pixar è quella di rivolgersi sia a piccini sia agli adulti attraverso messaggi importanti e battute che fanno sorridere a qualsiasi età. Questo Inside-Out è davvero poca cosa.

Invia una mail all'autore del commento bart1982  @  18/10/2015 21:51:36
   6½ / 10
Il film non l'ho trovato esageratamente bello come la media mi portava a pensare.
La storia poteva essere fatta meglio e nonostante la fantasia nel creare un mondo nella mente non mi ha coinvolto più di tanto...
I personaggi non fanno ridere come forse i trailer facevano auspicare... X me Toy store resta la migliore realizzazione pixar.

alberto9  @  18/10/2015 11:54:36
   7 / 10
Il film é più profondo di quanto possa essere un film per bambini. La trama pero' non fa né impazzire né sognare.

Cataclysm84  @  17/10/2015 13:45:12
   8 / 10
Il film è molto bello ed originale, forse il migliore Pixar da diversi anni a questa parte.

Prende con i suoi personaggi e sa divertire e commuovere.

Perde molto nel finale però, dove alla fine non viene trovato un vero modo originale per raggiungere la torre di controllo e ho trovato l'idea di utilizzare come traino le copie del ragazzo ideale davvero mal digesta.

Un film che poteva essere un capolavoro ma che ha alcune grandi pecche: il viaggio di Gioia e Tristezza non è abbastanza incisivo e non offre molto, non accade nulla di veramente memorabile, la parte finale è davvero grottesca e banale, pessima la stanza delle idee astratte.

Per il resto film davvero grande, più per l'idea alla base e per tutto quello che gira attorno al tema delle emozioni e di come funzionano all'interno della mente che per le vicende stesse del film, consigliato al 100%

TheLegend  @  17/10/2015 13:32:12
   3 / 10
Sarò strano io ma non sono nemmeno riuscito ad arrivare alla fine di questo polpettone per me indigesto.
Mi aspetto sempre che un cartone di nuova generazione mi sorprenda in qualche modo e resto sempre deluso,probabilmente non è proprio il mio genere devo ammetterlo e,sinceramente,ho perso le speranze.
Penso che solo il cinema asiatico riesca ancora a creare film d'animazione degni di questo nome.

6 risposte al commento
Ultima risposta 24/11/2015 16.53.38
Visualizza / Rispondi al commento
LuckyLù  @  16/10/2015 23:26:06
   8½ / 10
La Pixar va a segno ancora una volta con questo "Inside Out" che verrà ricordato come una "chicca" dei film d'animazione negli anni a venire.
L'idea già di per sé è fantastica, le emozioni vengono rappresentate da dei personaggi a cui non puoi non affezionarti, e il centro di controllo è studiato nei minimi dettagli e rende il tutto ancor più geniale.
Come detto i 5 protagonisti sono meravigliosi, anche se il personaggio di Gioia è un po' stupidotto e a tratti irritante, sugli altri 4 nulla da dire, perfetti al 100%.
La storia è bellissima dall'inizio alla fine , alterna momenti molto seri ad altri esilaranti (ogni volta che partiva la sigla pubblicitaria mi scompisciavo dalle risate!!), certo come qualcuno ha già detto sebbene sia un film d'animazione è rivolto a un pubblico abbastanza "cresciuto".
Tolgo qualche punto per il corto che precede il film che sebbene venga esaltato da molti ho trovato lagnoso e monotono, comunque il giudizio è altamente positivo e la visione è SUPERCONSIGLIATA

pak7  @  16/10/2015 00:46:15
   8 / 10
Paradossale. Forse è l'aggettivo più giusto per definire il mio rapporto con questa pellicola, perchè uscendo dal cinema ero sì, soddisfatto, ma un paio di notti (non insonni) mi hanno fatto capire che ci troviamo davanti a un altra pellicola memorabile targata Pixar, in particolare Pete Docter, già regista dei miei due amati Up e Monsters & Co, che ritengo comunque superiori. Se con Up il buon zio Pete ci aveva mostrato una storia lineare, divertente e allo stesso tempo romantica e commovente, in Monsters & Co era venuto fuori il suo genio, entrando nelle camere dei bambini per spaventarli e ricavare dalle loro urla l'energia per la città di Mostropoli. Inside Out invece ci trasporta invece nella mente di Riley, una giovane ragazzina, dove i vari stati d'animo (Gioia, Rabbia, Disgusto, Paura e Tristezza) vengono impersonati da dei piccoli simpatici personaggi e i ricordi vengono suddivisi in sfere. Anche se le risate (quelle grasse) sono veramente poche e la storia è simpatica e forse più adatta ai giovanissimi, Inside Out gioca sulle emozioni (in tutti i sensi), e tocca temi importanti come la famiglia, l'amicizia, l'angolo della stupideria che ognuno di noi ha, che vengono, nella mente di Riley, divisi in isole, lanciando un messaggio finale importante allo spettatore, bambino e non.

the saint  @  14/10/2015 10:53:51
   7 / 10
marimito  @  14/10/2015 08:50:51
   7 / 10
Da persona non amante del genere posso dire che mi è piaciuto; a tratti mi ha anche fatto sorridere, anche se l'ho trovato per certi versi troppo semplificato per poterlo considerare adatto agli adulti e per altri troppo complesso per definirlo un cartone per bambini.
Riconosco la validità della trovata: i sentimenti "ominidi" che regolano la consolle del nostro sistema centrale è un'idea molto simpatica (mi riporta alla mente un cartone che ho stravisto da bambina e che mi ha insegnato tanto sul corpo umano "siamo fatti così").
Comunque un film che raccomando di vedere, con e senza piccoli.

Rollo Tommasi  @  13/10/2015 18:10:13
   9 / 10
Capolavoro Pixar assoluto che rasenta la perfezione in tutti gli aspetti, dalla sceneggiatura, alla grafica, dalla colonna sonora fino al poderoso doppiaggio (italiano), con una menzione per l'originalità delle tecniche sperimentate per raccontare tematiche apparentemente banali, come il tortuoso percorso di crescita di una bambina in età pre-adolescenziale, ma che sono trattate con una delicatezza ed un respiro poetico che invita ad assaporare il film una seconda volta..ed ancora...
Per una curiosa Legge del Contrappasso, rimarrà a lungo in testa la musichetta portante della colonna sonora, come il jingle molesto dello spot delle caramelle che imperversa nel cartone (e nel cervello della bambina)...
Deliziose le caricature delle emozioni: Tristezza e Gioia, che si completano anche nell'aspetto fisico, non oscurano gli altri personaggi c.d. comprimari, e l'intesa dell'intero cast è sublime...
Perchè, in fondo, una Squadra non è soltanto la sommatoria delle sue componenti...

enigmista  @  12/10/2015 16:58:46
   7½ / 10
Molto bello e molto carina l'idea alla base del cartone! Mi ha divertito molto.

markos  @  12/10/2015 16:15:25
   7½ / 10
Film d'animazione molto divertente con una buona morale. Consigliato.

BlueBlaster  @  12/10/2015 14:44:28
   7½ / 10
Uno di quei film d'animazione che vale la pena vedere sia che siate adulti sia che vogliate portare dei bambini (a patto che abbiano una certa maturità, l'età giusta sarebbe dai 9 ai 12 anni).
Graficamente si è visto di meglio ma la storia è davvero intelligente e raramente banale nonostante l'inevitabile presenza di sequenze infantili.
L'idea di rappresentare in questo modo i processi della memoria è originale e ben sviluppata...ovviamente non alla portata di tutte le menti e per questo più adatto ai preadolescenti.
Non manca la giusta dose di risate.
Un film che consiglio e ho consigliato.

hghgg  @  11/10/2015 14:04:04
   7½ / 10
La Pixar non delude, c'è poco da fare. Tra l'altro in quanto a maturità in un film d'animazione americano dubito si possa fare molto di più, la mentalità occidentale è troppo distante da quella orientale anche in questo campo (penso alla concezione del cinema d'animazione di Satoshi Kon o di Mamoru Oshii). E quindi dai "Inside Out" è un gioiellino.

Però insomma dall'esaltazione totale che lo ha accompagnato mi aspettavo di più, certo merita di essere collocato tra i più riusciti film della Pixar però nella parte più avventurosa cala di parecchio anche a causa di uno dei personaggi più irritanti che abbia mai visto, Gioia che se essere gioiosi vuol dire essere inevitabilmente rompiballe a raffica no-stop entro in depressione subito, ditelo e dai. Ecco, mettere nelle mani di questa qui il centro della parte "adventure" del film è stato dannoso, inoltre lo sviluppo e le scene non mi hanno particolarmente coinvolto, tranne alcune. Bellissima ad esempio la sequenza dei pensieri astratti, un colpo di genio.

La tanto decantata scena

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER che alcuni hanno definito una delle più commoventi mai girate dalla Pixar non mi ha invece comunicato nulla. Va bene, il sacrificio dell'infanzia, del ricordo e tutto ma alla fine dai uno che è cresciuto davanti alla morte di Mufasa qui davanti passa e va. Per dire, il finale di "Toy Story 3" è decisamente più commovente. Non dubito che la parte centrale del film abbia comunque divertito i più piccoli, con i colori ed il ritmo, quando e se lo rivedranno capiranno meglio cosa sono quelle isole che crollano ogni tanto.

Quello che ha di bello invece è la grande idea e una realizzazione semplice ma efficace della stessa, un'ottima introduzione e una prima parte davvero gradevole, intelligente e brillante nel descrivere le dinamiche e le meccaniche della mente della ragazzina protagonista. Buono anche il finale, scontato e di ovvia comprensione per gli adulti, per i piccolissimi ovviamente no ma tanto quelli guardano il lieto fine che mica sono scemi lo capiscono che c'è il lieto fine (altro che "Non adatto ai bambini" quelli della Pixar sanno come attirare tutto il pubblico). E che è mica è "Perfect Blue" di Kon che mi immagino la scena "Dai bambini andiamo a vedere questo cartone animato giapponese, vi divertirete..." Ehm... Dicevo della mentalità diversa ? Ma anche "Coraline" restando in America, quello si non è molto adatto ai bambini e infatti non è diretto minimamente a loro, ma questo... Suvvia.

Molto riusciti i personaggi di Tristezza, Disgusto (che sono io, io ho solo lei e un altro tizio che si chiama Cinismo, poi arriva pure Càzzeggio), Paura e lo spassoso Rabbia che soprattutto nelle sue prime scene è la bomba comica del film (i giornali "aggiornati in diretta" col mondo esterno :-D).

Paura invece mi ha fatto sganasciare nella scena del sogno, con lui che commenta le varie "scene" e ogni volta se ne esce diversamente ma sempre in maniera esilarante. La reazione quando si "rompe in due" il "cavallo" è ghignosissima.

Nel complesso quindi un bel film, delicato e con una coraggiosa idea di partenza molto interessante e abbastanza ben realizzata. Ottime animazioni certo e grafica sfavillante e coloratissima però con "Inside Out" credo di aver definitivamente realizzato di preferire l'animazione con i disegni a mano piuttosto che quella in digitale che mi risulta sempre più fredda, senza effettiva vitalità. Ah il corto mi ha fatto càcare, il problema credo sia nella canzone non nel corto in se che è carino.

In definitiva quindi l'ennesimo bel film della Pixar niente di più, niente di meno.

4 risposte al commento
Ultima risposta 25/10/2015 17.23.37
Visualizza / Rispondi al commento
antoeboli  @  11/10/2015 02:32:33
   7 / 10
Partendo dal presupposto che questo film dai trailer non mi ispirava per nulla, sono andato a vederlo visto il feedback molto alto di certi recensori , che gia lo davano con l oscar in mano alla Pixar per questo ennesimo lavoro di animazione.
Alla fine secondo mio parere si tratta di un buon prodotto , che trova nell'idea di base un qualcosa di forte ed innovativo . che però col tempo va scemando puntando in un unica direzione , quando si poteva emozinare il pubblico in altro modo a mio avviso .
Ed è proprio un aspettativa diversa che mi ha portato a pensare che coloro che mi dicevano che sto film fa venire i goccioloni agli occhi verso la fine, fosse ciò che pensavo io .
Invece non è come pensavo , e non capisco cosa ci sia di cosi emozionante da piangere in sala .
Parlando però dell'aspetto tecnico ovviamente che vogliamo dire ?! Eccezionale sotto ogni punto di vista , ma quello lo si sa da anni . Alla Pixar cercano di migliorarsi di anno in anno , e anche se qui non ci sono dei grossi miglioramenti sul lato del 3d , ci sta dall'altro il voler sperimentare una nuova tecnica che abbiamo dal passaggio alla bambina alla sua mente che si può vedere per la prima volta .
Musiche fantastiche , e la ost principale secondo me è deliziosa e sprizza poesia da tutti i pori .




Silvia888  @  10/10/2015 15:52:48
   10 / 10
9 1/2 al film e mezzo punto in più per lo spettacolare minifilm iniziale, emozionante. Come é emozionante inside out, che ci permette di fare un viaggio nella nostra infanzia e nei meccanismi della nostra mente, facendoci immedesimare e rivivere sensazioni dimenticate. Da vedere!

  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

2night47 metri7 minuti dopo mezzanotte
 T
a casa nostra (2017)acqua di marzoadorabile nemicaalamar
 R T
alcolista
 HOT
alien: covenant
 T
altin in citta'annabelle 2aspettando il rebaby bossbaywatchbesetmentbolshoi babylonboston - caccia all'uomobugs (2017)chirurgo ribelle
 NEW
civilta' perdutacodice unlockedcorniche kennedycuori puridue uomini, quattro donne e una mucca depressae se mi comprassi una sedia?east endescape roomfamiglia all'improvviso - istruzioni non incluse
 T
fast and furious 8fortunata
 NEW
girotondogold - la grande truffa
 T
guardiani della galassia vol. 2i figli della notte (2016)i peggioriil crimine non va in pensioneil giardino degli artisti: l'impressionismo americanoil mondo di mezzoindizi di felicita'insospettabili sospettiio danzero'it comes at night
 T
king arthur - il potere della spada
 T
la guerra dei cafonila mummia (2017)la notte che mia madre ammazzo' mio padrela ragazza dei miei sognila tenerezzal'accabadoralady macbethl'amore criminalelasciami per semprele cose che verrannole donne e il desideriole verita'l'eccezione alla regolaliberel'uomo che non cambio' la storiamaradonapolimaria per roma
 NEW
metro manilamexico! un cinema alla riscossamilano in the cage - the moviemiss sloanemonster trucksmy italymystic gamenailsnervenessuno ci puo' giudicarenocedicocco il piccolo dragonoi eravamoorecchieparigi puo' attendere
 NEW
parliamo delle mie donnepirati dei caraibi: la vendetta di salazarqualcosa di troppoquando un padrequello che so di leirichard - missione africarobert doisneau - la lente delle meravigliesasha e il polo nordscappa - get outsicilian ghost storysieranevadasognare e' viveresole cuore amoresong to songsulla via latteatannatavolo 19teen star academythe beatles: sgt. pepper & beyond
 T
the circlethe dinner
 NEW
the habit of beautythe space between (2017)this beautiful fantastic
 NEW
transformers 5: l'ultimo cavalieretutti a casa - inside movimento 5 stelletutto quello che vuoiun appuntamento per la sposauna doppia verita'una gita a romauna settimana e un giornouna vita, une viewhitney (2017)wilson (2017)wonder woman (2017)

957126 commenti su 37393 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net